Ladispoli, arriva la Giornata nazionale dello Sport

LADISPOLI – E…state a Ladispoli, Autunno Letterario, Art Festival … sono queste le idee messe a punto dagli amministratori di palazzo Falcone per destagionalizzare gli eventi culturali a Ladispoli, dando la possibilità all'economia locale di rimettersi in modo 365 giorni all'anno. E in attesa della pedonalizzazione di viale Italia per le manifestazioni estive, che anche quest'anno vedranno l'apporto delle attività commerciali presenti lungo la via principale della città, per animare i fine settimana ladispolani, e che arrivi l'ok per portare in città una tappa della Tirreno-Adriatico, grazie alle associazioni sportive del territorio, il 3 giugno sarà la Giornata Nazionale dello Sport. Eventi sportivi, messi a punto dalle diverse realtà territoriali, invaderanno non solo il centro di Ladispoli, ma tutti i punti nevralgici: da Palo fino al lungomare Marco Polo. Tutta la città, insomma, diventerà una palestra a cielo aperto, dove ognuno potrà decidere di praticare o semplicemente guardare, le attività sportive che più gli piacciono. Il fulcro sarà comunque piazza Rossellini, ma nessuno sarà lasciato "indietro". Addirittura, l'amminsitrazione, come spiegato dall'assessore alla Cultura Marco Milani, sta pensando di mettere a punto una mappa della città per aiutare i visitatori ad individuare l'evento che più gli piace. 

Il programma:

Piazza Rossellini

ore 9 – 13: Centro Sportivo “Il Gabbiano” – esibizioni di Taekwondo, Karate, Super Jump,
Yoga, Hip Hop;
ore 9-18: Tiro a Segno – poligono virtuale
ore 16.30 – 17: Asd Hung Sing – esibizione di Tai Chi e di Choy Li Fut
ore 17 – 19: Asd Gym Ladispoli – esibizione di ginnastica artistica
ore 17 – 19: Asd Guarachando – esibizione di danze caraibiche
ore 17 – 19: Club Scherma Ariete ’95 – esibizioni degli atleti
Giardini “Nazzareno Fedeli”
ore 17 – 19: Asd Circolo Scacchistico “Alvise Zichichi” – esibizione in simultanea

Piazza Marescotti

ore 9 – 13: Polisportiva Big Angel – esibizioni di ginnastica ritmica, karate, aikido, fitness
ore 13 – 17: Asd Body Real – esibizioni di body building, jumping, fitness, karate, salsa e
dance all fit;
ore 17 – 18.30: Asd Debby Roller Team – esibizione di pattinaggio corsa
ore 17 – 19: Asd Team Ladispoli Karate – esibizione degli atleti
ore 18 – 19: Ssd Puravida 2.0 – esibizioni di ginnastica artistica, danza, latin sincro,
zumba, funzionale, posturale, pilates

Campi di basket – Via Firenze

ore 9 – 13: Asd Pallacanestro Dinamo Ladispoli – torneo di basket e minibasket
ore 15 – 19: Asd Basket Città di Ladispoli – torneo di basket e minibasket

Lungomare Regina Elena

Presso Asd Amici del Mare – altezza via del Lavatore
ore 9 – 13: Asd Velica Ladispoli – dimostrazione di vela, surf, windsurf, sup, kite

Presso Stabilimento Molto

ore 9 – 19: Asd Libera Volley – torneo di beach volley

Spiaggia libera altezza – Via del Mare

ore 9 – 16: Unione Rugby Ladispoli – torneo di beach rugby

Palestra Scuola via Castellammare

ore 17.30 – 18.30 – 18.45: Asd Sport Ladispoli – circuito fitness, gag, lezione di atletica e
preatletica

Giardini di via Firenze

ore 9 – 12: Dilettantistica Volley Ladispoli – torneo di mini volley
ore 9 – 12: Asd Millepiedi – corsa campestre non competitiva cat. esordienti/ragazzi/cadetti

Via Corrado Melone

ore 9.30 – 13: Asd Village Bike – esibizione di mountain bike, ciclismo, orienteering

Campo Sportivo “Angelo Sale”

ore 10 – 13: Us Ladispoli srl – dimostrazione per bambini

Campo Sportivo Marina di San Nicola

ore 17 – 19: Ssd Atletico Ladispoli – dimostrazione per bambini

Circolo Bocciofilo Comunale – via Bordighera

ore 16 – 19: Circolo Bocciofilo Asd Comunale Ladispoli – esibizione squadre di bocce

Palestra c/o IC “Corrado Melone” – via Y. De Begnac

ore 9 – 19:Asd Hung Sing – 13° Torneo Nazionale Hung Sing

Open Day

Circolo Sportivo “Il Gabbiano” – Largo Botticelli

ore 9 – 18: dimostrazioni di pallanuoto, acquagym, tennis, calcio, mof, funzionale, step
coreografico, judo, pilates, tai chi, tabata cardio, acquapower advance
ore 10 – 18: dimostrazioni di glp pump, glp step coreografico, muscle shape, zumba fitness,
pilates, prepugilistica, mma, karate

Ssd Fitness Suite – via Mexico 16
ore 9 12 / 15 – 19: dimostrazioni di boxe per bambini la mattina, per adulti il pomeriggio

La giornata di concluderà presso l’Aula Consiliare del Comune di Ladispoli, con la premiazione dell’Atleta dell’Anno per la stagione 2017-2018

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Andrea Fantini su ''Enel Green Power'' vince la Garmin Marine Roma per 1

Dopo una cavalcata straordinaria, Andrea Fantini su ‘‘Enel Green Power’’ ha tagliato il traguardo di Riva di Traiano alle ore 16:58:16 di ieri. Per lui una doppia soddisfazione: quella di aver vinto la Garmin Marine Roma per 1 e di essere arrivato secondo assoluto, preceduto solamente dalla corazzata ‘‘Endlessgame’’ del Red Devil Sailing Team che in equipaggio è arrivata poco prima della mezzanotte di giovedì. Nella scia di Fantini sono arrivati dapprima le tre barche che stavano combattendo per il podio nella Roma per Tutti, e poi i tre equipaggi in doppio che hanno combattuto un fantastico match race praticamente per 535 miglia. Il secondo posto nella Garmin Marine Roma per Tutti (ed il terzo assoluto) è andato a Vai Mo’ , J122 di Alberto Costella, arrivato alle 17:46:50, seguito da O’ Guerriero, Comet 41S  di Anna Maria Gallelli, arrivato alle 17:46:58, e da Muzika2, X442 di Simone Taiuti, che ha tagliato il traguardo alle 17:48:18. È stata poi la volta dei tre equipaggi della Roma per 2, con Leonardo Servi e Ciccio Manzoli (Scricca) che, alla fine, sono riusciti a prevalere (18:00:14) in tempo reale su Alberto Bona e Oris D’Ubaldo (Aigylion, 18:08:11) ) e su Marco Paoluci e Lorenzo Zichichi (Libertine, 18:35:47).

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sagra, una… Scintilla in piazza Rossellini

LADISPOLI – Ecco il programma di sabato 14 aprile della Sagra del Carfioco 2018.
Ore 9.30 – Apertura stand
Ore 11.00 Infotenda Piazza della Vittoria: Dibattito pubblico sul libro “un lungo viaggio nel tempo”.
Ore 11.00 Piazza Rossellini – A.S.D. A tutto ritmo, Balli Medievali.
Ore 11.30 Piazza Rossellini– Esibizione della Fanfara“Gennaretti – Lalli” dell’Associazione Nazionale Bersaglieri sezione Ladispoli.
Ore 12.00 Piazza Rossellini – Apertura della manifestazione da parte del Sindaco Alessandro Grando e benedizione della Sagra da parte di S. E. Vescovo Gino Reali
Dalle 15,00 alle 17,00 – Infotenda Piazza della Vittoria: simultanea di scacchi con Istruttori Federali a cura del circolo scacchistico Alvise Zichichi.
Ore 15:00 Piazza Rossellini: A.S.D Crazy Dance Revolution, dipartimento Danza a cura di Giorgia Antonelli, A.S.D GYM Ladispoli di Angelica Tiozzo, A.S.D Pura Vida 2.0 di Bruna Bartolini, Centro Polivalente Scuola Dance Forever Ladispoli, Associazione Studio Danza Cuore Sportivo, Associazione Studio Danze Ruscito in collaborazione con le coop. sociali “La goletta”, “Casa comune 2000” e “Cassiaavass”, A.S.D Taekwondo di Alessandro Benardinelli, A.S.D. Alniryan Danza Orientale a cura di Viviana Ayla Pierdominici, A.S.D Shiro Dojo di Linda Ranucci, A.S.D. A tutto ritmo balli di gruppo, Fashion Dance, NLD Nuovo Laboratorio Danza di Maria Napoli, A.S.D Profession Dance di Paola Sorressa.
Ore 19,00 –Infotenda Piazza della Vittoria, saluto ai paesi gemeallati, a seguire ‘E’ più di una festa’, 6° carnevale primaverile nazionale.
Ore 21,30 –Piazza Rossellini: Da Sanremo jukebox Luigi Petruzzi; animazione Musicale Cubana Delirio Group di Tamayo Dickinson e Lisa Oliveira.
Ore 21.30 – Piazzale Roma (Stazione FS), partenza sfilata carnevalesca con il “il re e la regina del carciofo” ed esibizione sul palco centrale delle bande: A.S.D Pomezia Diamond Majorettes, Banda Musicale “La Ferrosa”, Banda Musicale di Mentana, Banda Medullia di Sant’Angelo Romano.
Ore 22.45 Piazza Rossellini, direttamente da Colorado Cafè il grande cabaret con Gianluca Fubelli detto “Scintilla”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Endlessgame taglia il traguardo della Garmin Roma per Tutti

Alle ore 23:43:55 giovedì Endlessgame, il Cookson 50 del Red Devil Sailing Team, ha passato la linea del traguardo di Riva di Traiano conquistando la Line Honours della Garmin Marine Roma per Tutti. L’arrivo nella notte è stato affascinante e i gommoni del Centro Nautico Riva di Traiano hanno atteso i vincitori sulla linea d’arrivo porgendo loro l’ormai tradizionale bottiglia di spumante per un primo brindisi a bordo e in banchina. Alla Garmin Marine Roma per Tutti, Endlessgame ha navigato con a bordo Pietro Moschini, Giuseppe Puttini, Gabriele “Ganga” Bruni, Stefano Pelizza, Pierluigi Fornelli, Stefano Selo, Vittorio Rosso, Giuseppe Filippis, Fabio Montefusco, Giovanni Buono, Giuseppe Leonardi, Francesco Izzo. Nella sua scia la lotta per il podio è serrata. Divise da poche miglia: Muzika2, X442 di Simone Taiuti; Vai Mo’, J122 di Alberto Costella e O’ Guerriero, Comet 41S di Anna Maria Gallelli si stanno contendendo i restanti due gradini del podio. (Agg. 13/4 ore 17.12 SEGUE)

SFIDA ANCOR APERTA ANCHE NELLA GARMIN MARINE ROMA PER 2 – Affascinante la lotta tra gli equipaggi della Garmin Marine Roma per 2. Sono in tre a contendersi la vittoria, tre equipaggi eccezionali che hanno dato vita ad un match race ininterrotto fin dalla partenza da Riva di Traiano. Scricca, Comet 38S con a bordo Leonardo Servi e Franco “Ciccio” Manzoli; Libertine, Comet 45S con Marco Paolucci e Lorenzo Zichichi e Aigylion, GS34 timonato da Alberto Bona e Oris D’Ubaldo. Tra il primo e il terzo, attualmente, la distanza è inferiore alle due miglia. Ma le posizioni si invertono di ora in ora e le scelte tattiche diverse che stanno facendo in queste ultime ore determineranno la vittoria finale. (Agg. 13/4 ore 17.48 SEGUE)

TRA I SOLITARI STABILE IN TESTA ANDREA FANTINI – Tra i solitari continua la cavalcata vincente di Andrea Fantini con il suo Class 40 Enel Green Power, seguito dal dentista e poeta Oscar Campagnola, sul suo Comfortina 42 Fair Lady Blue e da My Way, Open 60 di Michele Cassano. (Agg. 13/4 ore 18.16)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Invernale: bis di Tevere Remo Mon Ile

Tanto vento, tanta onda e tutti gli imprevisti tipici di una regata tirata al massimo, con vele (anche nuovissime) scoppiate e outsider che hanno conosciuto la loro giornata di gloria. Finisce così l’Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli, con una giornata, quella di sabato, finalmente all’altezza della fama di questo campo di regata, dove vince chi ama il gioco duro. Innanzitutto onore ai vincitori assoluti, a cominciare dalla classe regina, quella dei Regata, dove, sia in IRC sia in ORC, ha trionfato Tevere Remo Mon Ile, First 40 di Gianrocco Catalano, che ha conquistato per la seconda volta consecutiva l’Invernale. In IRC ha preceduto Vulcano 2, First 34.7 di Giuseppe Morani e Vahiné 7, First 45 di Francesco Raponi; in ORC, Aeronautica Militare Duende, Vismara 46 di Raffaele Giannetti e Aphrodite, Swan 45 di Pierfranco Di Giuseppe. Tevere Remo Mon Ile si è anche aggiudicato il 1° Trofeo Challenge Roma d’Inverno, quale 1° classificato overall in IRC. Nei Per2, in IRC c’è stata una cavalcata trionfale di Lolifast, Sun Fast 3600 di Davide Paioletti, che ha lasciato il secondo posto a Don Pedro, Bavaria 34 di Francesco Pelaia, ed il terzo a Gygas, Grand Soleil 43.2 di Alberto Tamantini. In ORC la cavalcata di Libertine, Comet 45S condotto da Marco Paolucci e Lorenzo Zichichi, è stata ancor più travolgente, con Davide Paioletti e il suo Lolifast quasi sempre secondi. L’ultimo gradino del podio è andato a Jox-Avs Group, X41 di Pietro Paolo Placidi. Tra i Crociera, lo splendido campionato di Malandrina, che ha dovuto scartare un secondo posto quale peggior risultato, ha condotto sul gradino più alto del podio l’equipaggio del First 36.7 condotto da Roberto Padua, seguito dal sorprendente Sun Odyssey 49 Mylan di Anna Paolini, che si è avvalso al timone dell’esperienza dell’Ammiraglio Franco Lo Sardo, e Fata Ignorante, Dufour 34 di Stefano Sorgente. In Gran Crociera, vittoria di First Wave, First 405 di Guido Mancini, su Blues, Duck 31 di Dario Conte.
L’ultima regata sabato scorso. Si è iniziato con circa 15 nodi di vento e con tanta onda, ma poi le condizioni si sono fatte decisamente più cattive, con raffiche che hanno superato i 20 nodi. I Regata hanno faticato di più, sobbarcandosi ben 15 miglia, 10 i Crociera e 5 i Gran Crociera. I Per2, che godono di un percorso ad hoc, hanno regatato per circa 12 miglia, con un lungo lato di bolina. Alla fine la soddisfazione tra i regatanti era grande almeno quanto la stanchezza. Le condizioni, durissime, hanno provato il fisico dei velisti e la resistenza delle imbarcazioni.
C’è stato un soccorso in mare, per un malore verificatosi a bordo di Coda di Volpe, e una serie di incidenti, con tante rotture di vele, che hanno costretto al ritiro Soul Seeker, X362 Sport di Federico Galdi, Rosmarine 2, Grand Soleil 46B di Riccardo Acernese, e Vahiné 7, First 45 di Francesco Raponi, che è stato il più penalizzato, perché i punti persi lo hanno fatto uscire dal podio della Classifica Generale in ORC e perdere il secondo posto in IRC. In Regata IRC, Paolo Morville ha finalmente condotto alla vittoria il suo First 45S “Er Cavaliere Nero”, riscattando un campionato avaro di soddisfazioni, mentre in ORC Biscarini/Rocchi con il loro Mylius 15e25 Ars Una hanno imposto per la prima volta la loro legge sia in reale sia in compensato. Anche nei Per2 c’è stata un’importante “prima volta”: in IRC, infatti ha vinto Oscar Campagnola, che ha portato alla sua prima vittoria il Comfortina 42 Fair Lady Blue. Al contrario, nella Per2 ORC, c’è stata la conferma della schiacciante supremazia di Libertine, il Comet 45 S di Marco Paolucci e Lorenzo Zichichi che è riuscito a vincere ben 6 delle 8 regate disputate. In Crociera ennesima grande prova di Malandrina, che non ha avuto rivali in questo campionato, mentre in Gran Crociera la vittoria è andata a First Wave, che ha vinto 4 delle 5 prove disputate. (Agg. 13/03 ore 18.03 SEGUE)

I COMMENTI DEL PRESIDENTE DEL CNRT ALESSANDRO FARASSINO – «È stata una giornata decisamente emozionante – ha commentato il Presidente del CNRT Alessandro Farassino – con tanto vento e tanti imprevisti occorsi non solo ai regatanti, ma anche alle barche dell’organizzazione. Il Tevere ci ha regalato il suo lato peggiore, visto che con lo Scirocco sul nostro specchio d’acqua è arrivato di tutto. Dobbiamo ringraziare la motovedetta della Polizia di Stato che ha tolto dalla linea di partenza una vera e propria isola galleggiante di rifiuti, ma niente ha potuto contro un’altra massa di rifiuti che ha investito il gommone dei posaboe, imprigionandone l’elica in una matassa inestricabile prima, che potesse posare la boa di disimpegno».
La motovedetta della Polizia di Stato ha inoltre supportato il gommone della Direzione di Corsa nel soccorso di un velista, svenuto per un malore nel corso della regata, scortando a riva l’imbarcazione coinvolta. I soccorsi sono stati tempestivi e il velista è stato sbarcato e affidato all’ambulanza accorsa prontamente in Torre di Controllo. (Agg. 13/03 ore 18.22 SEGUE)

LE DICHIARAZIONI DEL DIRETTORE DI CORSA FABIO BARRASSO – «Portare a compimento 8 regate sulle 9 programmate in una stagione invernale atipica come quella appena trascorsa – ha commentato il Direttore di Corsa Fabio Barrasso – è stata la giusta ricompensa a un grande lavoro svolto da tutto il team. Abbiamo vissuto le ultime due giornate di regata giocando sempre d’anticipo.  Il 25 febbraio sfruttando le prime avvisaglie di Burian e portando a termine due prove. Questo sabato cavalcando l’anticipo della perturbazione, che è poi arrivata nelle ore successive, e dando finalmente pieno sfogo alla voglia di regatare al massimo che sembra essere quasi nel dna dei regatanti di Riva di Traiano. Tirando le somme, è’ stato un campionato divertente, molto combattuto e molto tecnico». Nel corso dell premiazione c’è stato un esilarante fuori programma, con il solitario Oscar Campagnola che ha improvvisato un elogio del Comitato di Regata leggendo una lettera proveniente dalla Nuova Zelanda, dove sono stati avvertiti i ‘‘rumori di guerra’’ provenienti da Riva di Traiano. (Agg. 13/03 ore 18.54)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Invernale: disputate due prove

Finalmente il vento e finalmente la possibilità di disputare due prove e rimettere in riga un campionato che stava patendo l’inverno più atipico degli ultimi anni.
Gli equipaggi in lizza per l’Invernale hanno accettato di buon grado di sottoporsi a un tour de force conclusosi, in mare, solo verso le 17, dopo la chiusura della seconda prova. Il previsto recupero di sabato 10 febbraio era infatti saltato per l’instabilità del vento. L’intensità c’era, la stabilità no.
Chi è sceso in acqua per allenarsi sulle boe messe a disposizione dal Cnrt ha fatto i conti con notevoli salti di vento.  E anche domenica, nonostante il vento tendesse a stabilizzarsi, questa possibilità era concreta, così che il direttore di corsa Fabio Barrasso ha portato il campo di regata molto al largo, a circa sei miglia dalla costa.
«Temevamo – ha commentato Fabio Barrasso – l’influenza dell’orografia delle montagne dietro Riva di Traiano e abbiamo cercato di evitarla spostando il campo di regata molto più al largo del solito. Ma anche così abbiamo avuto variazioni importanti, passando da un nord pieno ad un ovest-nord-ovest. Non è stata una giornata semplice dovendo fare i conti, oltre che con il vento, anche con la profondità delle acque che erano oltre i 100 metri, e anche con ben cinque navi alla fonda. Ma alla fine le due regate si sono disputate regolarmente e con un gran divertimento di tutti. Per motivi di sicurezza, come previsto dalle istruzioni di regata, i Gran Crociera sono stati tenuti in porto causa l’intensità del vento superiore ai 15 nodi consentiti».
Nei Per 2, si è poi sperimentata per la prima volta la formula del Finish&Go.
«Immediatamente dopo il proprio arrivo – ha spiegato il presidente del Cnrt Alessandro Farassino – le barche, lasciando la boa di arrivo a sinistra, hanno proseguito immediatamente per ripetere il medesimo percorso appena concluso. Il tempo di ogni barca per la prima prova è stato il tempo intercorso tra la partenza e il primo arrivo, mentre quello della successiva di recupero, con il Finish&Go, è stato rilevato conteggiando il tempo intercorso tra la partenza iniziale e il secondo arrivo. Questo ha evitato che si perdesse tempo nel radunare di nuovo le barche e dare una seconda partenza».
Nella prova 3 il primo, a tagliare per primo il traguardo è stato il Mylius 15E25 Ars Una (ASD Granlasco) di Biscarini/Rocchi, che però non è riuscito ad agguantare il podio. La vittoria è andata a Francesco Raponi e al suo First 45 Vahiné 7 (Circeo Y.V.C), seguito da Gianrocco Catalano sul First 40 Tevere Remo Mon Ile, e da Giuseppe Morani sul First 34.7 Vulcano 2, entrambi del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo. Nella prova di recupero, stesso copione per la line honours, vinta da Ars Una, ma con Vulcano 2 che si imponeva su Vahiné 7 e Tevere Remo Mon Ile. In classifica generale Tevere Remo conserva la testa con 4 punti di vantaggio su Vulcano 2 e 12 punti su Vahiné 7.
In ORC la vittoria andata al Vismara 46 Aeronautica Militare Duende (CN Riva di Traiano) di Raffaele Giannetti, davanti a Tevere Remo Mon Ile e Vahiné 7. Nel recupero, nonostante la vittoria in tempo reale, Aeronautica rimaneva ai piedi del podio, che vedeva sul gradino più alto  Tevere Remo Mon Ile, seguita da Vulcano 2 e Vahiné 7. In classifica generale, Tevere Remo Mon Ile precede lo Swan 45 Aphrotide (Ancona Y.C.) di Pierfranco Di Giuseppe, e Vulcano 2. 
In classe Crociera, la vittoria in prova 3 è andata a Malandrina (C.V. Fiumicino), first 36.7 di Roberto Padua, che ha preceduto Maylan (C.N. Riva di Traiano), Sun Odyssey 49 di Anna Paolini e Albarossa, Dufour 34 della Granlasco. Nel recupero a imporsi è stata sempre Malandrina, seguita però da Nau Blu II (CNV Argentario), Grand Soleil 46LC di Paolo Lucarelli, e dal Dufour 40 Fly Away 2 (Lni Santa Marinella) di Vinicio Magliacani. In classifica generale, Malandrina conduce incontrastata con 5 soli punti, seguita da Maylan con 21 e da Guardamago (C.N. Capodimonte), Sun Odyssey 42P della ENT Peeparrow.
In doppio, ad imporsi in prova 3 è stato Lolifast (AV Granlasco) Sunfast 3600 di Davide Paioletti, seguito da Gygas (Granlasco),Grand Soleil 43.2 di Alberto Tamantini e da Jox – AVS Group (C.V. Acquarella) X41 di Pietro Paolo Lucidi. Stessa classifica nel recupero. Nella grauduatoria generale, Lolifast precede Jox – AVS Group e Don Pedro (Granlasco), Bavaria 34 di Francesco Pelaia. 
In ORC Per 2 il più veloce, come sempre è Libertine (C.N. Riva di Traiano), Comet 45S con a bordo Marco Paolucci e Lorenzo Zichichi, ma per loro c’è solo il secondo posto in prova 3, preceduti da Loli Fast e seguiti da Jox – AVS Group. Nel recupero la classifica è una fotocopia della prova 3. Nella graduatoria generale, Libertine e Loli Fast sono in testa con 6 punti, seguite da Jox – ADV Group, con 13 lunghezze all’attivo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###