Bis Tabarini, ma il Pian Due Torri risponde

Seconda uscita per la compagine diretta da Caputo, di fronte il Pian due Torri di Ranaldi. Se si cercavano progressi sul piano del gioco si sono visti, visto il poco tempo dall’avvio della preparazione, da non tenere conto dei carichi muscolari e sedute tattiche a cui sono stati sottoposti i giocatori delle due società. Comunque, nel complesso, un buon primo tempo da parte delle due squadre, tonico e a tratti fisico, per calare vistosamente nella ripresa. Tutti a referto alla fine dei novanta minuti e questo fa ben sperare per il ritmo partita. Assenti all’avvio, per i postumi dei carichi muscolari di questi giorni, Ruggiero, Nunziata e Serpieri. Tra i pali si sistema Di Rauso, di fronte a lui Funari e Gimmelli, con ai lati Treccarichi e Gallo. Il duo di centrocampo è composto da Bevilacqua e Esposito, Tabarini falso nueve e, ad agire sul piano offensivo, Delogu, Ndao e Cazzulani. Risponde Ranaldi con Salsano tra i pali, sulla linea difensiva Tiberi, Paris L, Amoroso e Grossi. A cercare la via del gol Orsini, con Mastropietro, Buscia, Celeroni e Solazzo a supporto. Gara vivace già dalle prime battute, maschio il gioco del Pian Due Torri, che contrasta bene i portuali a centrocampo.
L’unica occasione degli ospiti capita sui pedi di Solazzo, esterno della rete, poi la Cpc2005 prende le misure sul rettangolo vere e con Ndao, Gallo e Tabarini prende anche il possesso della metà campo avversaria, lasciandogli di fatto solo il contropiede. La CPC2005 preme, crea poco se non superiorità numerica, e il Pian Due Torri alla prima occasione passa in vantaggio. Presunto fallo di Funari nel cuore dell’area e l’arbitro concede il penalty: se ne incarica Celeroni che spiazza Di Rauso. La Cpc2005 non ci sta e riagguanta subito il pari, cross di Gallo, la difesa romana cilecca, e Tabarini insacca alle spalle di Salsano. Uno a uno al venticinquesimo.
Il risultato di parità dura ben poco, il Pian Due Torri mostra lo spirito battagliero che, forse, la accompagnerà per l’intera stagione e alla mezz’ora segna ancora. Azione corale con la sfera che arriva a Orsini, lesto, sul filo del fuorigioco, a siglare il due a uno.
Quando si pensa ad andare negli spogliatoi a racimolare idee ed energie Tabarini, dopo una progressione di cinquanta metri, insacca con un fendente da fuori area la sfera che vale il due a due. Ripresa con la compagine portuale rivoluzionata nell’undici.
Gloria per Di Rauso, China e Di Gennaro al posto di Bevilacqua e Esposito, Feuli e Cherchi per Treccarichi e Cazzulani, mentre Memmoli e Metta per Ndao e Delogu, Davanti Spanò per Tabarini. Anche Ranaldi rivoluziona il Pian dei Torri, completamente cambiato l’undici iniziale. La partita scivola via senza sussulti, la CPC2005 è padrona del campo, seppur non crei occasioni degne di nota, e il Pian due Torri agisce di rimessa. Le emozioni sono ben poche, l’unica cosa da annotare è l’esordio tra i pali di Di Marco in prima squadra, subentrato sul terreno di gioco al posto di Gloria a metà tempo. Memmoli tenta la via del gol per due volte, nulla di fatto per gli annali.È però Allegri sul finire a scaldare i guantoni a Di Marco, con la gara che si conclude poco dopo sul due a due. Domenica arriva il Morandi al Tamagnini.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Se ne va un pezzo di storia del pugilato

Un pezzo di storia del pugilato civitavecchiese se n’è andato. L’ex campione italiano dei pesi medi Franco Scisciani si è spento stamattina all’età di 83 anni. Al dolore dei familiari, si unisce quello di tutti gli appassionati di nobile arte, disciplina alla quale ha dato tanto sia da dilettante che da professionista. (Agg. 09/03 ore 15.06 SEGUE)

IL RICORDO DELLO SCRITTORE ALESSANDRO BISOZZI – A dipingere meglio la figura di Franco Scisciani, le parole dello scrittore Alessandro Bisozzi: «Lo incontro spesso durante le sue passeggiate pomeridiane – scrisse Bisozzi nel suo libro ‘‘I Campioni’’ – nei pressi della “marina” e a volte lo cerco io, perché a me piace farlo parlare di pugilato e lui lo fa volentieri. Ha ottant’anni suonati, ma non aspettatevi di trovarlo appoggiato ad un bastone o curvo sotto il peso dell’età. Chiunque gli darebbe, a dir poco, dieci anni meno e quando gli stringi la mano ti accorgi che quell’uomo, dallo sguardo ancora attento e sicuro, deve essere stato anche molto forte. Ha lavorato al porto come ormeggiatore per tutta la vita, o meglio, quasi tutta la vita, perché prima era un atleta, un atleta di prim’ordine: un pugile professionista». Oggi Bisozzi ha poi voluto dargli l’ultimo saluto: «Nel 2014 ho dedicato l’apertura del mio libro, “I Campioni”, a Franco Scisciani. Devo infatti a lui se sono riuscito in qualche modo a ricostruire non solo la sua straordinaria carriera, ma anche le vicende e i personaggi di uno sport che alla nostra città ha portato, in più di cento anni, tantissimi prestigiosi trofei. Sono davvero desolato per questa scomparsa. Lo sport civitavecchiese perde una delle sue pietre miliari, un grande campione, un uomo d’altri tempi, generoso e profondamente onesto». Domani alle 15 alla chiesa di San Gordiano i funerali. (Agg. 09/03 ore 18.52 SEGUE)

IL PROFILO SPORTIVO – Nato l’8 gennaio 1934 a Civitavecchia, Franco Scisciani era cresciuto tra i giovani allievi della “Boxe Arena”. Il fascino del ring, in una città che già vantava una lunga tradizione pugilistica, fu per lui irresistibile. Frequentando gli ambienti dove erano ancora fresche le orme dei fortissimi pugili civitavecchiesi del passato, Franco cominciò l’attività agonistica giovanissimo. Peso welter poi medio, da dilettante disputò una settantina di incontri, conquistando il primo successo importante nel 1955 a Barcellona, quando vinse la medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo. Nello stesso anno partecipò ai campionati europei a Berlino, dove ai quarti di finale subì un’ingiustizia clamorosa al termine dell’incontro col sovietico Scharerjan, quando fu eliminato addirittura dopo essere stato proclamato vincitore. Una beffa che scatenò l’inferno all’interno dello Sportpalast, dove si erano riunite cinquemila persone in stragrande maggioranza di nazionalità italiana. Una vergognosa decisione che spinse i dirigenti della Federazione italiana ad abbandonare le gare. Nel 1956 divenne campione internazionale militare, titolo che arrivò poco prima della sua partecipazione alle Olimpiadi. Ai quarti di finale del torneo olimpico di Melbourne, Franco ebbe la sfortuna di incontrare un fenomenale portoricano – con passaporto americano – un pugile leggendario che da professionista diventò per quattro volte campione mondiale dei medio-massimi: José Torres. Scisciani, comunque, fu battuto non senza una certa difficoltà da Torres, il quale dovette poi inchinarsi, in finale, di fronte alla straordinaria classe dell’ungherese Laszlo Papp. Passato professionista nel 1957, dopo aver di nuovo conquistato il titolo internazionale militare, il civitavecchiese si distinse per una lunga serie di vittorie, alcune delle quali ottenute grazie alla sua pesante mazzata di destro, un pugno particolarmente violento e capace di chiudere il match fin dalle prime battute. Dopo aver sconfitto elementi quali Dante Madella, Aldo Chiesa e Aristide Dal Piaz, il 6 marzo 1958 Scisciani affrontò e batté il fortissimo Jean Ruellet, challenger al titolo di Francia, un solidissimo ed esperto combattente che si era già misurato con i migliori elementi europei e che accettò di incontrarlo sul ring del teatro Traiano di Civitavecchia. Quello stesso anno arrivarono altri cinque successi per lui: il mulatto Louis Trochon perse ai punti in otto riprese ma andò al tappeto ben due volte colpito dai ganci del civitavecchiese. Poi toccò all’ex campione d’Italia Gino Rossi, che al settimo round fu costretto al ritiro a causa della rottura della clavicola destra, centrata dalla dinamite contenuta nel guantone dell’avversario. E ancora Roger Maletrez, che andò ko al primo minuto in quel di San Remo, mentre al teatro Traiano di Civitavecchia lo straordinario incassatore spagnolo Domingo Lopez perse ai punti dopo una battaglia per lui durissima. Infine il tedesco Gerhard Moll, pugile coriaceo e battagliero, atterrato alla prima ripresa e poi battuto nettamente ai punti. Scisciani conservò l’imbattibilità per quasi due anni, per poi perderla contro il potente campione d’Italia dei pesi medi Italo Scortichini, proprio il giorno del suo venticinquesimo compleanno. Fu una sconfitta cocente per lui che comunque uscì dal confronto ingigantito sulla scala dei valori nazionali; una posizione che lo qualificò, a tutti gli effetti, come lo sfidante ufficiale al titolo d’Italia. Il 3 novembre del 1959, a Civitavecchia, Scisciani batté Remo Carati – un bravo atleta bolognese di due anni più vecchio e con una consolidata esperienza alle spalle – e conquistò il titolo italiano dei pesi medi. Sei mesi più tardi, dopo essere stato battuto da Bruno Fortilli nel match valido per il titolo italiano, Franco Scisciani abbandonò improvvisamente e prematuramente l’attività. (Agg. 09/03 ore 19.21)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###