Ladispoli annientato a San Teodoro

Peggio di così non si può. Il ritorno in Sardegan dopo 23  anni è amaro per il Ladispoli, sconfitto sonoramente per 6-0 dal Budoni, squadra concorrente per la salvezza. 
Una prova al di sotto delle attese, culiminatoa con una prestazione sorprendete e convincente del Budoni che al comunale di San Teodoro domina sugli ospiti del Ladispoli grazie alla straordinaria prestazione del suo bomber Villa, autore di quattro reti. 
Padroni di casa che hanno tenuto sempre il pallino del gioco dominando il campo e gli avversari che a discapito di un primo tempo combattuto passano in vantaggio grazie al gol su rigore di Villa al 5’ minuto. Nella ripresa però il Budoni scende in campo con molta più voglia, e dopo appena 6 minuti trova il raddoppio con Spanu. Il gol taglia le gambe al Ladispoli che capitola grazie ad uno strepitoso Villa che prima segna il 3-0 al 10’, e poi mette a segna la sua tripletta personale al 22’. Ma il Budoni non è mai domo e Pusceddu, a nove dal termine, cala la manita. Infine, arriva il poker personale di Villa che al 39’ sigla il 6-0 finale che chiude il match portando il Budoni a quota 12 e lasciando il Ladispoli un punto sotto. Ora c’è bisogno di rioridanare le idee e concentrarsi alla Lupa Roma. Mister Bosco, per ora, non sembra essere in discussione. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Petrolio, l’Arabia Saudita taglia la produzione di 500mila barili

A dicembre il taglio. Ancora nessun accordo, invece, per una riduzione concertata della produzione tra Paesi Opec e non-Opec

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Bombardier taglia 5mila posti Timori per il sito di Vado Ligure

La multinazionale canadese, attiva nella costruzioni di treni, annuncia un maxi-piano di tagli a livello globale. Apprensione per gli oltre 500 addetti dello stabilimento italiano appesi alle commesse di Trenitalia, tra cui 10 nuovi pendolini Frecciarossa 1000

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLA SALUTE – COMUNICATO

Modifica dell'autorizzazione all'immissione in commercio del
medicinale per uso veterinario «Zeronil 50 mg soluzione spot-on per
gatti», «Zeronil 67 mg soluzione spot-on per cani di taglia piccola»,
«Zeronil 134 mg soluzione spot-on per cani di taglia media», «Zeronil
268 mg soluzione spot-on per cani di taglia grande» e «Zeronil 402 mg
soluzione spot-on per cani di taglia molto grande». (18A06799)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLA SALUTE – COMUNICATO

Modifica dell'autorizzazione all'immissione in commercio del
medicinale per uso veterinario «Floh 50 mg soluzione spot-on per
gatti», «Floh 67 mg soluzione spot-on per cani di taglia piccola»,
«Floh 134 mg soluzione spot-on per cani di taglia media», «Floh 268
mg soluzione spot-on per cani di taglia grande» e «Floh 402 mg
soluzione spot-on per cani di taglia gigante». (18A06785)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Incidente in via dei Platani: trovata la Golf blu

CIVITAVECCHIA – Brillante successo investigativo per il personale dell’Ufficio di Polizia di Frontiera dello Scalo Marittimo di Civitavecchia, diretto dalla dottoressa Lorenza Ripamonti, che è riuscito, dopo giorni di ininterrotte indagini, a trovare il responsabile dell’incidente avvenuto il 13 ottobre in via dei Platani e a denunciarlo insieme a chi lo aveva coperto ed aiutato nel tentativo di depistare gli inquirenti.

La sera del 13 ottobre, verso le 20.30 alcuni testimoni assistono ad un incidente stradale; una golf blu, secondo le testimonianze, taglia la strada ad uno scooter con due ragazzi a bordo, facendoli cadere. Dopo l’impatto l’auto non si ferma, dandosi alla fuga. I ragazzi riportano diverse lesioni e vengono portati all’ospedale.  

Dopo due giorni S.S., cittadina italiana, si reca presso gli uffici della Polizia di  Frontiera di Civitavecchia a denunciare il furto dell’auto di sua proprietà, una golf blu. Racconta di averla parcheggiata vicino casa a ridosso del week end e di essersi accorta della sua scomparsa soltanto il lunedì. Dichiara, inoltre, che  l’auto, benché vecchia, non era incidentata. Il colore e la marca dell’auto riportano alla mente degli agenti quella notizia letta sulla stampa su un incidente avvenuto giorni prima in città e l’intervallo di tempo passato per denunciare il furto è anomalo. Le domande rivolte alla donna si fanno più dettagliate, in modo da acquisire più elementi possibili e non trascurare alcuna pista. Inizia così un lavoro incessante di caccia all’auto: gli agenti, anche fuori dal servizio, controllano parcheggi, piazzole di sosta, non smettono di cercare. Vengono inoltre acquisiti i filmati delle videocamere di negozi ed enti vicino all’abitazione della denunciante e lungo i possibili percorsi che gli eventuali ladri avrebbero potuto effettuare.

Nella notte tra il 17 ed il 18 ottobre l’auto si materializza sulla bretella di collegamento tra Civitavecchia e Tarquinia , viene rinvenuta dai carabinieri della Stazione di Allumiere e restituita ai legittimi proprietari.

Quella strada, però era stata controllata più volte in quei giorni, quindi qualcosa non quadrava. Gli agenti della giudiziaria della Polmare chiedono ai proprietari di visionare l’auto e convocano S.S. in Ufficio. Si tratta senza dubbio dell’auto dell’incidente, i danni sono perfettamente compatibili. L’auto viene sequestrata e la donna riascoltata. Tra incertezze e contraddizioni alla fine racconta come sono andate le cose: l’auto era stata presa dal marito che si era recato a Cerveteri per aiutare un amico rimasto in panne. Lungo il percorso si erano fermati a bere una birra. Giunti a Civitavecchia ad un certo punto odono un forte rumore, per un istante il conducente pensa allo scoppio di un pneumatico, ma si accorge immediatamente del motorino a terra e preso dal panico, accelera e fugge. Teme che gli venga ritirata la patente, a lui necessaria per lavorare. Dopo due giorni confessa tutto alla moglie e la convince a sporgere denuncia di furto. Vengono così convocati il marito e l’amico che viaggiava con lui. Entrambi confermano.

Si chiude così con la denuncia dei tre. I reati contestati sono omissione di soccorso per il conducente ed il suo amico, simulazione di reato per la coppia di coniugi con inoltre falsa attestazione a Pubblico Ufficiale per la donna. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Raccolta differenziata: multe fino a 1200 euro a chi non segue le regole

CERVETERI – Con l’ordinanza numero 83 del 12 ottobre, il sindaco Alessio Pascucci intende contrastare lo sversamento illecito di rifiuti urbani. In particolare l’esigenza di evitare il conferimento fuori dagli orari previsti, nei luoghi non idonei e comunque al di fuori degli appositi contenitori o in modalità non conformi alle attuali direttive.  A partire dal 29 ottobre, giorno dell’entrata in vigore, saranno effettuati tramite la Polizia Locale e le Guardie Ambientali controlli e verifiche continue, confidando ovviamente, come sempre, che il rispetto per la città prevalga, ma sono previste per i trasgressori, multe che vanno da venticinque fino a mille e duecento Euro.  Si vogliono evitare così quei comportamenti che causano l’imbrattamento del suolo e dei contenitori con danno per il decoro cittadino e per l’ambiente, pericolo di incendi, oltre ad un aggravamento dei i costi di gestione del servizio. 
«Era necessario  dare un segnale chiaro per mettere un limite a queste azioni irresponsabili che hanno conseguenze su tutti i nostri cittadini e sul nostro ambiente – dichiara l’assessora Gubetti – L’ordinanza traccia in modo chiaro quali sono i comportamenti corretti da tenere per rendere efficace il sistema di raccolta sia in termini di decoro e igiene che in termini di una buona raccolta differenziata che limita al massimo la produzione di rifiuti indifferenziati.  L’attenzione dei cittadini al rispetto delle buone pratiche come sempre farà la differenza».
«Nonostante – spiega Gubetti – il sistema di raccolta differenziata porta a porta esteso in tutto il territorio oramai da un anno e mezzo, sia stato ben recepito dalla maggior parte dei cittadini, ci sono ancora alcuni utenti che faticano ad adeguarsi  e con i loro comportamenti continuano a deturpare il nostro territorio e le nostre strade».  
«Ricordo – conclude l’assessora – che tutte le informazioni sul servizio di Igiene Urbana, in maniera dettagliata, chiara ed illustrata, sono disponibili: sul sito del Comune di Cerveteri nella sezione ‘Cerveteri chiama a Raccolta’, presso gli uffici comunali, presso il centro comunale di raccolta di via Settevene Palo Nuova, quest’ultimo aperto 7 giorni su 7. Inoltre abbiamo messo a disposizione di tutti gratuitamente Junker, un app semplice che oltre a contenere tutte le informazioni legate al servizio di raccolta del nostro Comune permette il corretto conferimento di più di 1 milione di prodotti riconoscendoli attraverso il codice a barre».
E’ questa una ulteriore misura deterrente verso un fenomeno tanto diffuso quanto incomprensibile dal momento che l’igiene e il decoro della città in cui si vive dovrebbe toccare corde diverse di sensibilità che superano anche quelle di eventuali risentimenti o proteste verso amministrazioni o personaggi che possano essere più o meno graditi, anche se da una parte limitata della popolazione.  Se così fosse e non semplicemente male educazione sarebbe come colui che si taglia qualcosa per far dispetto alla moglie.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Chiude Mondo Convenienza, Grasso: ''I politici del territorio battano un colpo''

CIVITAVECCHIA – È di questi giorni la notizia della prossima chiusura, a fine settembre, del punto vendita di Tarquinia di “Mondo Convenienza”, autentico riferimento commerciale per molte famiglie del comprensorio.
Solo pochi mesi fa, sempre la stessa azienda, aveva chiuso l’outlet di Civitavecchia adiacente la zona commerciale di Leclerc.
Allora, di sei lavoratori a tempo indeterminato, solamente 2 riuscirono a mantenere il posto di lavoro ed essere ricollocati ma stavolta, con la chiusura dei battenti dello storico show-room di Tarquinia, sono 18 i lavoratori che il prossimo 30 settembre verranno messi alla porta, tutti, anch’essi, contrattualizzati a tempo indeterminato dal gruppo nato a Civitavecchia e che non molto tempo fa ha festeggiato il miliardo di euro di fatturato.
“Di fronte a dati così “stridenti” tra loro – commenta il capogruppo della Svolta Massimiliano Grasso – come quello di una azienda in forte espansione e crescita di ricavi che taglia posti di lavoro proprio dove essa stessa è partita, appare doverosa almeno una riflessione, affinché i rappresentanti politici che il territorio ha eletto ai vari livelli istituzionali e che oggi occupano poltrone di prim’ordine, battano un colpo, soprattutto perché certe classi lavoratrici che non godono di particolari status sindacali e non incontrano particolare favore dai media, possano finalmente ricevere l’attenzione che meritano”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###