Si schianta in auto contro un palo: muore un 47enne

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – Nell’arco di poche ore Cerveteri teatro di due gravissimi incidenti che hanno fatto registrare un morto e due feriti, entrambi politraumatizzati. Il primo è avvenuto verso la  mezzanotte di giovedì sulla via Aurelia alla rotatoria che collega Ladispoli e Cerveteri. Il giovane, un 47enne residente a Cerenova, F. R. le sue iniziali, a bordo di una Fiat Panda viaggiava in direzione Roma quando forse per un malore o un colpo di sonno ha perso il controllo dell’auto che è uscita fuori strada andando a finire sul selciato della rotatoria e poi contro un palo della luce. L’impatto è stato molto violento.  Intervengono immediatamente i Vigili del fuoco della vicina caserma di Cerenova che hanno estratto il ferito dalle lamiere. Ma per lui non c’è stato niente da fare perché, nonostante i tentativi di rianimazione dei sanitari del 118, è deceduto durante il trasporto al Pit di Ladispoli. Sul posto i Carabinieri della stazione di Ladispoli che hanno proceduto ai rilievi di rito e alla ricostruzione della dinamica di quanto occorso.  La salma è stata messa a disposizione dei familiari.
Il secondo incidente, invece, è accaduto nella mattinata di ieri verso le 10,30 in via del Sasso, nei pressi dell’incrocio con via dei Montarozzi.  Due ragazzi di Cerveteri entrambi 19enni che viaggiavano a bordo di una Fiat Panda si sono scontrati frontalmente con un Ducato. I due ragazzi, E. C. alla guida e M. I.  passeggero, sono rimasti politraumatizzati ma non sono in pericolo di vita. Il secondo è stato trasportato immediatamente con l’eliambulanza, che ha atterrato senza difficoltà in un terreno limitrofo al luogo dell’incidente, al Policlinico Gemelli e l’altro, invece, con l’ambulanza è stato trasportato inizialmente al San Paolo di Civitavecchia ma poi è stato anche lui trasferito con l’elisoccorso al Gemelli. Niente di particolarmente grave per il conducente del furgone che è rimasto quasi illeso. Da accertare la dinamica del sinistro. Probabilmente la velocità o qualcuno dei due, visto che la strada è stretta, stava un pò contromano e ha causato il sinistro. Sicuramente uno dei due non andava piano.  Sul posto la Polizia locale di Cerveteri per i rilievi di rito e i Vigili del fuoco del distaccamento di Cerenova che hanno dovuto estrarre i due feriti dalle lamiere contorte.   

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Pd di Tarquinia al lavoro per riaprire ''la stagione del costruire''

TARQUINIA – Nell’incontro del PD, circolo di Tarquinia, che si è svolto martedì pomeriggio all’Alberata Dante Alighieri, in una sala gremita di gente, il partito democratico ha rinnovato il proprio impegno per un nuovo piano di sviluppo della città.  “L’amministrazione di centrodestra – dice il segretario Armando Palmini –  ha spinto l’affidabilità della politica oltre i confini della realtà e oltre i limiti della sopportazione. Il dibattito ha evidenziato tutte le criticità, le omissioni, le figuracce di questi ultimi interminabili mesi di governo cittadino ma sopra tutto, ha messo in luce una grande voglia di tornare nel più breve tempo possibile, alla politica del fare, ideare, progettare, realizzare, per il bene di Tarquinia”.

All’assemblea erano presenti alcuni ex alleati dell’amministrazione a guida Pd, come Giancarlo Capitani e altri esponenti di forze politiche che, dice Palmini “desiderano fortemente lavorare affinché si riapra la stagione del costruire e si chiuda definitivamente quella dell’immobilismo e del silenzio”.

“Non sono mancati – spiega il segretario del Pd –  moti di solidarietà, perfino di umana simpatia, nei confronti del Sindaco dimissionario Pietro Mencarini al quale va riconosciuto il merito di non aver tardato un solo istante a prendere atto di una situazione politicamente e dal punto di vista amministrativo, catastrofica”. “E’ un buon inizio, ma solo un inizio; – dice Palmini –  i numerosi partecipanti, di comune accordo, hanno manifestato la loro determinazione a riunirsi nuovamente entro la prima metà del mese di ottobre, in una assemblea degli iscritti, per gettare più solide basi progettuali: un programma condiviso con la cittadinanza per riprendere il cammino sulla strada delle alleanze, dello sviluppo e della crescita produttiva. La consapevolezza della difficoltà della sfida, in un momento particolarmente delicato per il partito, ne accresce il valore anziché sminuirlo, e altrettanto fa l’umiltà di chiedere aiuto, impegno e sostegno, a tutti i cittadini e agli uomini onesti della struttura sociale”.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Evasione, a Santa Marinella si punta al recupero di quasi 5 milioni

SANTA MARINELLA – La nuova amministrazione comunale ha deciso di dare il via al progetto “Lotta all’allergia fiscale”, cioè recuperare qualcosa come 4,8 milioni di euro evasi negli ultimi cinque anni. 
A beneficiare di questa valanga di denaro che entro breve tempo entrerà nelle casse comunali, non sarà l’attuale maggioranza, ma andrà tra le risorse gestite dalla commissione straordinaria di liquidazione che si è insediata al Comune un paio di giorni fa. 
L’amministrazione dunque, ha dato via libera alla società Municipia, l’azienda che ha in appalto il recupero delle tasse evase, l’invio immediato di circa mille cartelle esattoriale ogni mese, per un totale, come dicevamo, di 4,8 milioni. 
Si tratta di 2,8 milioni di accertamenti e di due milioni di ingiunzioni e fermi amministrativi. Riguardano principalmente Imu, igiene urbana e inflazioni al codice della strada, relative agli anni fino al 2016. La procedura, oltre al pagamento immediato, prevede la rateizzazione in 24 mesi. 
“In dieci anni è passato il concetto di impunità fiscale – dice il sindaco Tidei – in qualche caso di immunità tacitamente offerta agli amici degli amici. Ora bisogna guarire in fretta dall’allergia fiscale e questo cambio di passo metterà alla prova il grado di maturità della comunità cittadina”. 
“Le famiglie in regola – continua il primo cittadino – subiscono già le altre misure rese necessarie dal dissesto, come l’aumento dell’Irpef al massimo e le nuove tariffe dei servizi e per questo la lotta all’evasione è un fattore cruciale di credibilità per questa amministrazione, tanto più che il risultato non figurerà in bilancio, ma andrà tra le risorse gestite dalla commissione straordinaria di liquidazione». 
«Alla base – dunque – conclude Tidei  – c’è solo un elementare principio di equità fiscale, prima gli evasori poi gli altri”. 
Tra nuovi accertamenti e riscossione coattiva si tratta di 3,5 milioni di Imu, oltre un milione di igiene urbana e di 312 mila euro d’infrazioni al codice della strada non pagate.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

​Bracciano, auto investe pedone e si dilegua

BRACCIANO – Brutto incidente due sere fa a Bracciano, in via Santa Lucia. Un'auto avrebbe investito una persona mentre questa stava camminando a bordo della strada. Dopo l'impatto il conducente del veicolo ha deciso di dileguarsi senza prestare soccorso alla vittima. Ad accorgersi dell'accaduto, a quanto pare, richiamati dalle urla di dolore dell'uomo, alcuni residenti della zona scesi in strada per prestare i primi soccorsi. L'uomo è stato trasportato d'urgenza al Policlinico Gemelli di Roma con una grave lesione alla gamba sinistra. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri per i rilievi del caso.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Auto contro palo, mortale sull'Aurelia

CERVETERI – Terribile incidente ieri sera sul tardi sulla via Aurelia alla rotatoria che collega Ladispoli e Cerveteri. A quanto pare, per cause ancora in corso di accertamento, un'auto sarebbe uscita fuori strada andando a finire sulla rotatoria. Purtroppo per il conducente non ci sarebbe stato nulla da fare. L'impatto con il palo dell'illuminazione sarebbe stato infatti troppo violento. Sul posto, oltre al personale del 118 che ha tentato di salvarlo anche i Carabinieri e i vigili del fuoco che hanno disincastrato il conducente dalle lamiere. SEGUE

I FATTI. Secondo una prima ricostruzione, il conducente, un 47enne di Cerveteri, stava viaggiando in direzione Roma quando ha perso il controllo della macchina. L'uomo è andato a finire sulla rotatoria urtando il palo della luce. Sarebbe deceduto durante il trasporto al Pit di Ladispoli. (Agg. 21/09 ore 8.51) 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Scarico del carbone: l'Adsp si appella al Tar

CIVITAVECCHIA – Dopo l’appello presentato contro la sentenza del Tar del Lazio che imponeva il pagamento al Comune dei primi due milioni di euro relativi all’accordo sottoscritto nel 2015, l’Autorità di Sistema Portuale è intervenuta anche nel procedimento riguardante la gara Enel sullo scarico del carbone. Molo Vespucci, infatti, con il patrocinio dell’Avvocatura dello Stato si è costituita in giudizio nel ricorso presentato al Tar del Lazio da parte di Minosse, la società costituita ad hoc e che per dieci anni – per affidamento diretto – ha scaricato il carbone al molo di Torre Nord. L’Adsp, contro interessata come ente vigilante sulle operazioni portuali, con questa entrata nel procedimento di fatto si pone al fianco di Enel, contro la stessa Minosse. La pace accordata in Regione Lazio tra le parti – con i portuali che hanno sospeso ogni azione di lotta promessa ed Enel che si è impegnata a sospendere i termini per la  presentazione delle offerte di gara – scade il 30 settembre prossimo. Queste settimane, quindi, saranno cruciali per capire che strada sarà intrapresa in questo senso per cercare di risolvere questa delicata vertenza che potrebbe avere importanti ripercussioni nello scalo, sotto ogni punto di vista.

Così come delicata è la questione relativa alla movimentazione dei container. Dopo la riunione fiume di mercoledì scorso in Autorità Portuale, non sembra che la strada verso l’accordo sia vicina. A quanto pare, infatti, la proposta avanzata da Molo Vespucci non sarebbe praticabile secondo i legali di Cfft, la società che si occupa del traffico agroalimentare: sembra infatti che l’Adsp abbia proposto di estendere la concessione del terminal container alla banchina 24, quella appunto dove sorge il terminal Cfft, per consentire a Rtc di eseguire le operazioni di scarico anche dei container agroalimentari, con l’accordo della società italo-belga che però non sembra al momento condividere questa ipotesi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Auto contro palo della luce, mortale sull'Aurelia

LADISPOLI – Terribile incidente ieri sera sul tardi sulla via Aurelia alla rotatoria che collega Ladispoli e Cerveteri. A quanto pare, per cause ancora in corso di accertamento, un'auto sarebbe uscita fuori strada andando a finire sulla rotatoria. Purtroppo per il conducente non ci sarebbe stato nulla da fare. L'impatto con il palo dell'illuminazione sarebbe stato infatti troppo violento. Sul posto, oltre al personale del 118 che ha tentato di salvarlo anche i Carabinieri e i vigili del fuoco che hanno disincastrato il conducente dalle lamiere.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mtb Santa Marinella: quattro podi tra mountain bike e strada

Prosegue l’intensa attività su più campi gara d’Italia della Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini tra fuoristrada e strada.
A Torre di Mosto, in Veneto, ottima prestazione del team di scena al Trofeo Ducale di cross country dove Manuel Piva e Gianfranco Mariuzzo hanno ottenuto la prima posizione rispettivamente tra i master 2 e i master 5, autori di una gara sopra le righe e ad altissimi livelli mentre Michele Feltre si è classificato quinto tra i master 6.
Ancora in Veneto si è svolta la 3 Epic Tre Cime di Lavaredo ad Auronzo di Cadore, l’evento epico nel cuore delle Dolomiti che ha visto alla partenza Giuseppe Girardi che ha terminato la propria fatica nel percorso marathon di 65 chilometri con 1600 metri di dislivello in 5 ore e 7 minuti, entrando nella top 5 di categoria master 7.
In Puglia alla Mediofondo del Bosco di Bitonto, brillante prestazione di Domenico Abruzzese, secondo di categoria tra gli élite, e Michele Diaferia al tredicesimo posto tra gli élite master sport mentre Sandro Costa ha preso parte a Canino alla Cross Country dell’Ulivo terminando la gara in seconda posizione tra i master 6.
Al Trofeo Città di Orte, il ritorno alle competizioni su strada per Diego Antimi è stato premiato con l’ottenimento della prima posizione tra i master 1 mentre il compagno di squadra Pierluigi Stefanini non è andato oltre la settima posizione tra i master 5.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Container ed agroalimentare: riunione fiume in Authority

CIVITAVECCHIA – Cinque ore di discussione, per cercare di trovare un accordo o comunque una strada da seguire che possa soddisfare le diverse esigenze. 
Tanto è durata la riunione di ieri mattina a Molo Vespucci relativa alla movimentazione dei container all’interno del porto. 
Presenti i vertici dell’Autorità di Sistema portuale, oltre ai rappresentanti di Rtc – la società che gestisce il traffico alla banchina 25 container – e quelli di Civitavecchia Fruit Forest Terminal (Cfft), la società che opera nel settore agroalimentare all’interno dello scalo. 
Da quando il presidente dell’Authority Francesco Maria di Majo ha emesso l’ordinanza per cui lo scarico dei container deve essere svolto esclusivamente alla banchina 25, anche quelli che finora sono stati sbarcati direttamento al terminal agroalimentare, gli equilibri sono precari. 
Basta una mossa sbagliata per perdere anni di traffici. 
Fino a fine ottobre gli effetti dell’ordinanza – come richiesto nel corso del tavolo appositamente convocato a luglio scorso dalla Regione Lazio, – sono stati sospesi. 
Nel frattempo però va trovato un accordo tra le parti. 
E di questo si è tornato a discutere ieri mattina, nella riunione fiume a Molo Vespucci, con l’Adsp che avrebbe messo sul tavolino delle opzioni sulle quali lavorare. 
Ma le voci circolate dopo l’incontro non sembrano proprio positive. 
I legali che stanno seguendo la vicenda per conto di Cfft starebbero valutando proprio la fattibilità di queste proposte che però, a quanto pare, sembrano essere difficilmente praticabili.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Marciapiedi e strade sporche, sanzionata la ditta

LADISPOLI – Multe non solo ai condomini ma anche alla ditta che si occupa del servizio di igiene urbana. Se nel primo caso, i residenti vengono bacchettati per il conferimento errato dei rifiuti, soprattutto nel giorno di ritiro dell'indifferenziato (dove c'è chi ne approfitta per sbarazzarsi di qualsiasi oggetto conservato in casa e che alla fine risulta essere diventato inutile), nel secondo caso a finire nel mirino dell'amministrazione comunale è soprattutto la pulizia dei marciapiedi e delle stradale. E così la ditta che si occupa del servizio di igiene dovrà pagare ben tre “multe” all'amministrazione per un totale di 15.500 euro. Durante il periodo estivo, in particolar modo, sono state diverse le segnalazioni e denunce anche social, da parte di cittadini, stanchi di dover fare lo slalom tra cespugli ed erba alta sui marciapiedi pur di poter raggiungere la propria destinazione. In alcuni casi, soprattutto nelle zone più periferiche della città, alcuni marciapiedi erano del tutto inutilizzabili, tanto da costringere i pedoni ad avventurarsi in strada per aggirare l'ostacolo. Un problema, quello della mancata pulizia dei marciapiedi che va a sommarsi a quello relativo alla pulizia del manto stradale. Una situazione che ha portato non solo alla riduzione dei passaggi della spazzatrice (in attesa di ridefinire il servizio con la nuova gara d'appalto e il nuovo affidamento) ma anche alla comminazione, appunto, di tre penalità alla ditta, come si evince dall'ordinanza di liquidazione del canone di agosto 2018.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###