MINISTERO DELLA SALUTE – COMUNICATO

Revoca, su rinuncia, dell'autorizzazione all'immissione in commercio
del medicinale per uso veterinario «Suvaxyn Parvo ST». (18A06966)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Croce Rossa in cerca di una sede a Ladispoli

LADISPOLI – Sono alla ricerca di una sede fissa dove poter operare e posizionare le loro attrezzature così da offrire un servizio completo alla cittadinanza e a quanti lo richiedano. Sono i volontari della Croce Rossa Italiana. Da tempo i volontari hanno riattivato sul territorio di Ladispoli le loro attività. Lo si è visto durante l'inverno con i volontari impegnati nell'assistenza dei senza fissa dimora presenti sul territorio, ai quali sono state portate coperte, the caldo e sono state effettuate visite mediche grazie alla presenza, anche di un medico specializzato e il camper concesso in prestito da Roma. Lo si è visto durante le diverse iniziative svolte nella città balenare anche in estate, con manifestazioni in cui i volontari della Croce Rossa erano in prima fila. Ora, però, per loro, è tempo di trovare una casa. A Ladispoli, ad oggi, una sede Cri non esiste, con gli operatori costretti a operare in strada.

"Sono ormai più di cinque anni che la Croce Rossa Italiana ha riattivato e rilanciato le sue attività a Ladispoli svolgendo numerosi servizi nel campo della tutela della salute, dell’inclusione sociale e nelle risposte alle calamità. Ogni giorno – scrivono – possiamo osservare tra le strade le ambulanze della CRI prestare soccorso o li vediamo accorrere quando chiamiamo il 118, abbiamo visto prontamente intervenire i suoi volontari durante la tromba d’aria che ha colpito Ladispoli oppure operare in importanti eventi cittadini come la giornata della salute o l’air show delle Frecce Tricolori eventi dove hanno sempre garantito supporto logistico ed assistenza sanitaria. Non ci limitiamo però a pensare alla CRI solo nel campo sanitario ma ricordiamo anche il delicato ed importante supporto ai senza fissa dimora, alle famiglie indigenti a cui recapitano generi alimentari oppure il recupero dagli esercenti locali delle eccedenze alimentari che poi destinano alle parrocchie. Tutto questo senza un locale dove poter coordinare le attività, dove ricevere gli assistiti e soprattutto dove poter fare stazione gli equipaggi delle ambulanze costretti in strada ore ed ore di giorno ma soprattutto di notte e tra poco con il freddo". 

A lungo la Croce Rossa, come spiega il presidente Fabio Napolitano, ha cercato "ogni tipo di soluzione che ci consentisse di aprire una sede a Ladispoli per ampliare e migliorare i nostri servizi a favore della popolazione ma nulla ! L’indisponibilità di locali da parte dell’Amministrazione Comunale che stà cercando una soluzione idonea uniti in alcuni casi al timore di concedere ad un’associazione dei locali privati ci costringono ancora oggi a subire disagi sempre maggiori. Facciamo quindi appello a tutta la cittadinanza affinchè chiunque abbia la disponibilità di locali e volesse fornire un tangibile e prezioso aiuto a chi ne ha bisogno di contattattarci”. Per farlo o per chiedere informazioni si possono chiamare i numeri 3271611513 – 0766571733 o scrivere alla mail all’indirizzo santasevera@cri.it

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli, pareggio a reti bianche

CIVITA CASTELLANA – Finisce a reti bianche lo scontro diretto per la salvezza disputato al “Madami” di Civitacastellana, fra i padroni di casa della Flaminia ed il Ladispoli. Un punto a testa che muove la classifica ed aumenta i rimpianti soprattutto in casa tirrenica.

Il Ladispoli ottiene il primo pari stagionale, nonchè il quarto consecutivo in trasferta; probabilmente, questa squadra è più portata ad ottenere risultati in trasferta piuttosto che in casa, dove ha certamente faticato di più in questo avvio di campionato. 

FLAMINIA (4-3-3): Vitali; Fapperdue (29’st Gnignera), Cangi, Modesti, Carta (33’st Vittori); Lazzarini, Mattia, Tiozzo (17’st Berni); Morbidelli, Polizzi (12’st Ferrara), Putrino (19’st Mastrantonio). A disp: Montesi, Staffa, Genchi, Mignone. All. Marco Schenardi

LADISPOLI (4-4-2): A. Salvato; Mastrodonato, Gallitano, Leone (29’st Pagliuca), G. Salvato; A. Sganga, De Fato, Tollardo, Cannizzo (49’st Turco); Cardella, Camilli (32’st La Rosa). A disp: Travaglini, Zucchi, Barone, M. Sganga, Manzari, Bertino. All. Pietro Bosco

ARBITRO: Gangi di Enna 

ASSISTENTI: Vitale di Napoli e Balbo di Caserta

NOTE: Spettatori 250 circa. Allontanati dalla panchina il preparatore atletico Cappelletti (F) al 39’st ed il Ds Nista (L) al 50’st per proteste. Ammoniti: Carta, Mattia, Cangi, De Fato, Cardella. Angoli: 4-4. Recupero: 1’pt; 8’s

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

San Giorgio, Lugni: ''Il ricorso al Tar non stoppa l’iter''

TARQUINIA – Il presidente del consorzio lottisti Villaggio San Giorgio Paolo Lugli interviene in replica a quanto asserito nei giorni scorsi da un residente, Arduino Travaglini, dopo che quest’ultimo ha plaudito all’iniziativa del Comune di adottare la legge 28/80 con delibera di giunta contestando invece il ricorso al Tar presentato dallo stesso Lugni. «Il ricorso innanzi al Tar del Lazio – spiega il presidente Lugni – avverso  la  delibera  di  Giunta  n.  13  è  stato presentato nell’interesse del solo Consorzio Lottisti Villagio  San  Giorgio  e, pertanto, in  nessun modo può influire sule  determinazioni  del  Comune  in ordine  al l ’applicazione  della  L. R .  28/ 80  agli  altri  Consorzi  interessati. Peraltro ,   co m e   è    s t ato    form al m en t e    rap p res en t at o    al l ’am m i n i s t r azi o n e  co m u n al e, i l rico rs o  è  s t at o  p res en t at o  p e r  mero  t u zi o ri s m o ,  o n d e  ev i t ar e  ch e  laddove il  procedimento  di  cui  alla  L. R 28/8 0  dovesse  concludersi  in maniera tale da  ledere  i  diritti  e  gli  interessi  del  Consorzio  e  de i  propri co n so r zi at i , l ’o m essa tempestiva  i m p u g n a zi o n e  della  p r ed et t a  d eli b era  p o ssa in qualche modo compromette re la dif es a giu diziale».
«Il ricors o – aggiunge Lugli – è  stato  pres entato  al  Tar  La zi o  sen za  ri ch i est a  d i  so sp en si v a  p er  cu i  l a  d et erm i n a  d el  Comu n e  d i  Ta rq u i n i a  d i  ad o zi o n e  d el l a  L. R .  2 8 / 8 0  è pi enam ente    val i da,    ef fi c ac e    e    produ t t i va    di    effet t i    i m m edi at i».. «L’ammin is tra zio ne, pertanto – prosegue Lugni -è o b b l i g at a  a  pr o ceder e  co n  l ’i s t ru t t o ri a  p r ev i s t a  dal l a  ci t ata  l egg  e  anche nei conf ront i del lo s tes s o  C ons orzi o  Lot t i s t i  Vi l l agi o  San  Gi o rg i o ,  n o n  es i s t endo  al cun a   condi zi one   os tat i va   al l a   pros ec uzi on e  del l ’i t e r  avvi at o,  es s en d o s i  fo rm al m en t e  a u t o v i n co l at a  a  p ro ced er e  in  tal sen so.  Tra l ’al t ro , i l C o n so rzi o , p ro p ri o  p erc h é l a  d el i b era  è st at a  i m  p u g n ata  sen z a   ri ch i est a   d i    so sp e n si v a    ed    a    fi n i    cau t el at i v i ,    h a    p art eci p at o  al l ’i s t ru t t o ri a  ed  ha provve dut o  e  sta  p ro v v ed en d o  m ed i an t e  un  p ro p ri o  tecnico  in c ari cato  a   pres enta re   tu tta   la   documentazione   neces s ari a   per co n s en t i r e  al l ’am m i n i s t r azi o n e  co m u n al e  d i  p o rre  i n  es s er e  l e  at t i v i t à  che la  st essa si è  v i ncol at a  ed es pl et ar e  ai  s ens i  del l a  L. R . n. 28/ 80». 
«Le azioni s opra richiamate  sono  s tate  in traprese – spiega ancora il legale di Lugni –  in  quanto  nei  con front i  del Co n s o rzi o  Lo t t i s t i  Vi l l ag i o  S an  Gi o rg io  l ’ad o zi o n e  d el l a  L. R. 2 8 / 8 0 potrebbe determ i n ar e  una  riduzione del l a  capacità  edificatoria di  ci r ca  il  76%,  co n  grave  danno economico e  sociale  per i  soggetti  appartenenti  al  C o n s o rzi o  pres i ed ut o  dal  dot t .  Lugni  e,  proprio  per  t al i  m ot i vi ,  la  pres entazio n e  del  ri co rso,  an ch e  a  fi n i  c au t el at i v i ,  ri s u l t av a  q u al e  at to  n eces s a ri o  al l a  tu tel a dei  diri tti dei  lottisti». 
Lugni respinge le dichiarazioni  di Travaglini»: «Nel cas o  s p e ci fi co  d el C o n s o r zi o  Lo t t i s t i  Vi l l agio San Giorgio l’area è ed i fi cata  per ci rc a  i l  15% dei l ot t i , ment re  i l  res t o – la grande mag gio ra nz a – è  t er ra  c o l t i v at a  co n  al cu n i  manufatti ab u s i v i  g r av at i  d a  o r d i n an z a d i  d em o l i zi o n e. P ert an t o ,  co n  l’applicazio n e  della   legg e   s ul   recupero,   questi   lo tti   sareb b e   u ti l i zz at i   p er   g l i  st an d ar d  u rb an i st i ci o  come  paesag g i o  a g ri c o l o  di  cont inui t à  perdendo  di  fatto  la loro edificabilità».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pasquini:''Alfa non ha dichiarato la regolarità contributiva''

ALLUMIERE – Il sindaco Pasquini rispedisce al mittente ogni accusa per ciò che concerne la Cooperativa Alfa. In una nota il primo cittadino fa notare che «sulla qualificazione giuridica degli aspetti diffamatori ivi riversati sarà demandato all’autorità giudiziaria l’onere di pronunciarsi», mentre in merito agli aspetti tecnici precisa: «Il D.Lsvo 267 del 2000 detta i principi e le disposizioni in materia di ordinamento degli Enti Locali così come la normativa vigente disciplina le funzioni e le competenze dei dirigenti e funzionari nel loro campo di applicazione. Così come nello specifico, gli atti avviati, non sono di competenza politico amministrativa  bensì tecnica ed individuati dai funzionari comunali del settore finanziario-economico, tecnico e dal segretario comunale dei quali questa amministrazione ha massima fiducia e stima. Tenuto conto dell’art. 80 del nuovo codice dei contratti pubblici, un operatore economico viene escluso dalla procedura d’appalto se ha commesso violazioni gravi rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte, tasse o contributi previdenziali. La presentazione del Durc o della relativa dichiarazione sostitutiva è un requisito per la partecipazione alla gara d’appalto. Nel caso di specie Alfa ha omesso di dichiarare la regolarità contributiva ed una volta accertata l’insolvenza nei confronti dell’agenzia delle Entrate, il funzionario ha legittimamente proceduto alla rescissione contrattuale».

Il sindaco Pasquini poi sottolinea che: «Tutti, nessuno escluso, gli ex operai Alfa sono stati assunti dalle società aggiudicatarie degli appalti già gestiti dalla cooperativa Alfa».

Per quanto attiene l’applicabilità dell’art. 30 D.Lgs 50/2016: «le somme vantate da Alfa nei confronti del Comune di Allumiere – prosegue il sindaco di Allumiere – sono state oggetto di formale pignoramento da parte dell’Agenzia delle Entrate in data assai precedente a qualsiasi richiesta formulata ai sensi dell’art. 30 D.Lgs 50/2016 dai dipendenti Alfa. Tali somme sono sottratte alla libera disponibilità dell’amministrazione che ne sarebbe chiamata a rispondere in qualità di custode, con le responsabilità che ne conseguono, a far data dalla notifica dell’atto di pignoramento, che si ribadisce essere stato precedente alle richieste pervenute da parte degli operai Alfa. La notifica dell’atto di pignoramento da parte del’Agenzia delle Entrate impone l’immediato pagamento delle somme ivi indicate, da effettuarsi non oltre il 60° giorno dalla notifica dell’atto. Pertanto, un pagamento nei termini sopra indicati, non può che essere identificato come un mero atto dovuto da parte dell’amministrazione comunale».

«Per dovere di completezza – aggiunge Pasquini – si precisa che per quanto attiene i parametri orari interni alle società aggiudicatarie degli appalti, gli stessi non rientrano nelle competenze dell’amministrazione comunale. Per quanto concerne gli operai impegnati nell’igiene urbana che sono coinvolti in questa situazione, l’amministrazione comunale esprime solidarietà, stima e ringrazia per la collaborazione che stanno mettendo nell’espletamento del servizio nonostante le tante problematiche riscontrate e come già comunicato direttamente con gli stessi, stà mettendo in atto ogni forma di iniziativa a loro garanzia e tutela. Nessuna minaccia, alla luce di quanto sopra, potrà costringere l’amministrazione comunale ad operare al di fuori dei principi di legalità e trasparenza».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tarquinia, critiche ai dem  anche da FdI

TARQUINIA – Anche il direttivo di Fratelli d’Italia attacca senza mezzi termini il Pd. «Lungi da noi voler difendere questa amministrazione che abbiamo già più volte criticato, sarebbe come voler difendere l’indifendibile. Però, noi che siamo indiscutibilmente partito e persone di destra, non possiamo assistere in silenzio a quanto stà succedendo in paese. Ci riferiamo alla pioggia di critiche da parte del PD nei confronti dell’attuale amministrazione comunale e dei suoi attori. Abbiamo già accusato le due liste civiche che sono in maggioranza di favorire questo incredibile fenomeno, con la loro inconcludenza e la totale mancanza di rispetto verso le istituzioni. Vorremmo però ricordare al PD il giudizio estremamente negativo emerso nei loro confronti dalle ultime elezioni, dopo anni di loro amministrazione, a livello locale come a livello nazionale. Che le stesse persone che sono state protagoniste di un decennio di «nulla cosmico» ora si erigano a grandi critici e maestri ci sembra veramente il colmo. Siamo sempre più convinti poi del fallimento delle liste civiche in genere, troppo spesso e troppo facilmente piegate a interessi di famiglie o singole persone; per fare un esempio siamo certi che nessun partito, di destra o di sinistra, avrebbe permesso ai propri esponenti locali di disertare in massa un consiglio comunale».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crc diviso tra "Trofeo Lupo Alberto" e "Città di Perugia"

Le rappresentative del Centumcellae Rugby Civitavecchia Under 6, 8, 10, 12 e 14 in evidenza con gran bel gioco e prestigiosi piazzamenti ai Trofei “Lupo Alberto” in Emilia Romagna e “Citta di Perugia” in Umbria.
Per l’Under 6 al Trofeo “Lupo Alberto” di Parma un’ottima prova per i pupilli dei coach Diottasi e Piermarini che ad uno dei tornei più importanti d’Italia si classificano al 5° posto. Un plauso a questi piccoli campioni che chiudono nel migliore dei modi una bellissima stagione sportiva.
Al Trofeo  “Lupo Alberto” di Parma bravissima e competitiva l’Under 8 che fino alla fine lotta e si diverte mostrando un’eccellente grinta e voglia di giocare.
Al Trofeo “Lupo Alberto” anche l’Under 10 dei coach Raponi e Papaleo, che ha partecipato con determinazione e caparbietà. L’importante competizione a livello nazionale ha visto impegnati gli atleti che hanno battuto i campi parmensi ottenendo buoni risultati.
Nella stessa manifestazione grande soddisfazione anche per Federico Pace, unico partecipante al torneo per quanto riguarda l’Under 12, giocando in franchigia con il Versilia. Accompagnato dal papà dirigente accompagnatore Stefano Pace, il giovane ha dimostrato la voglia e il carattere che contraddistingue tutti gli atleti del Crc.
Sugli scudi al Trofeo  “Città di Perugia “ l’Under 14. Sui campi del Curi di Perugia i ragazzi di Alessandro Crinò e Germana Raponi hanno messo in campo determinazione e bel gioco tanto da meritarsi gli applausi e i complimenti anche delle tifoserie avversarie, chiudendo il torneo con un lusinghiero 2° posto nel proprio girone e 5° di categoria, a completamento di una stagione di soddisfazioni per un gruppo di giovani che farà sempre meglio.
Intanto, anche se la stagione sportiva del rugby è agli sgoccioli per il settore giovanile, il Crc stà preparando la stagione estiva.
Grandi sorprese per il settore giovanile dei rugbisti attendono la stagione al caldo, subito l’iniziativa finale con sport e scuola il 6 giugno, poi “A Cena col Crc “ il 16 giugno ed a seguire ci sarà tutta un’estate da scoprire col rugby civitavecchiese.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crc: Esposito e Mameli lasciano la panchina

Si è chiusa una stagione splendida del Civitavecchia Rugby Centumcellæ che nel girone 2 di serie B ha chiuso al settimo posto con 47 punti, frutto di nove successi. Lo scalpo del Livorno, terzo della classe, quello più prestigioso conquistato al Moretti Della Marta con un finale al cardiopalmo di 28-27.
Chi pensava che si trattasse di una classica partita di fine stagione si è sbagliato di grosso: nessuna delle due compagni è retrocessa di un millimetro e anzi, nonostante il caldo, sotto l’aspetto fisico gli impatti sono stati sonori così come la volontà costante di giocare. Lo spettacolo offerto al pubblico del Casaletto Rosso è stato splendido, un “derby del Tirreno” appassionante che, ironia della sorte, ha visto protagonista come all’andata Gabriele Gentile: il numero 10 ha messo fra i pali l’ovale del sorpasso a un minuto dalla fine. All’inizio il Crc parte fortissimo: Athos Onofri, dopo una serie di azioni insistite, schiaccia in meta al 9’ e Gentile è preciso dalla piazzola (7-0). Poi inizia lo show di Alessandro Crinò: il mediano di mischia, al 16’ e al 20’, segna due volte. La prima, intercettando un passaggio ai labronici; nella seconda dopo una mischia vicino alla linea di meta avversaria. Gentile arrotonda con le tre trasformazioni fino al 21-0 di metà tempo. I biancorossi, che fino a quel momento avevano imposto reattività e impatto fisico, calano e gli ospiti ne approfittano. Il giallo rimediato da Onofri mette i compagni sotto pressione e i biancoverdi recuperano con il flanker Niccolò Bottari, che sigla due mete in velocità (29’ e 35’ per il 21-10). Poi, di forza, dopo un maul, va in meta il tallonatore Cristiano Bufalini. Il pilone Antonio Tangredi, trasforma e si va al riposo sul 21-17. Livorno riparte bene segnando la quarta meta (da bonus) al 10’ con l’estremo Saverio Stiaffini che vale il sorpasso (con Tangredi che trasforma per il 21-24) e, poco dopo, piazzato al 14’ (21-27). Gli attacchi civitavecchiesi mancano il traguardo di un soffio, finché il pilone Paolo Orabona – ex di turno – schiaccia vicino Alla bandierina di sinistra. È il 37’ e il punteggio di 26-27 e per il sorpasso servirebbe la trasformazione. Capitan Gentile consuma la vendetta sportiva operando il sorpasso con i due punti aggiuntivi del 28-27.
Alla fine della partita, i saluti dei due tecnici Pippo Esposito e Alessandro Mameli alla squadra, al gruppo hanno annunciato l’addio alla panchina biancorossa: «Siamo felici per una posizione di classifica lusinghiera e la crescita di un gruppo quasi interamente locale capace di farsi rispettare in un girone di serie B competitivo. Sono stati due anni splendidi con questi ragazzi». 
La squadra, di rimando, ha ringraziato gli allenatori. Anche Simone Montana Lampo ai saluti per raggiunto limite di età.
Crc: Carabella, Senna, Gentili (13’ st Nastasi), Lazzerini (38’ pt Diottasi), Montana Lampo (34’ pt Pampinella), Gentile (c), Crinò, Onofri, Kurtaj, Simeone (28’ st Spada), Natalucci, Manuelli, Orabona, Orchi, Rossi (24’ st Giordano). A disp. Williams, Caprio. Allenatore: Pippo Esposito e Alessandro Mameli.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pyrgi, pratica salvezza ancora rimandata

Sconfitta esterna per il Pyrgi, battuto dal St Charles per 83-69. Ora il quintetto di coach Ciprigno è terzo in classifica, in coabitazione proprio con il St Charles. Davanti ad una bellissima cornice di pubblico, i Blacks, si prendono una vittoria che garantisce loro la permanenza in serie C Silver anche per il prossimo anno. Per i tirrenici, invece, sarà necessario vincere sabato prossimo per sperare nella salvezza. Neanche il tempo di capire quanto caldo facesse all’interno del campo, che sui ragazzi di Ciprigno si abbatte il tornado St’Charles, difesa attenta che recupera tantissimi palloni, mentre in attacco Marietti, Abbate e Marini sfruttano gli assist di un Lattanzi. Il divario di 14 punti, non rende nemmeno giustizia sulla mole di gioco creata dai romani. Il secondo quarto si apre con il massimo vantaggio attestato sulle venti lunghezze, ma Taraddei (9 punti nel quarto) e soprattutto Fois (10 punti con tre bombe realizzate) provano a far tornare su la squadra ospite. Il Pyrgi, sospinto dal solo Taraddei (con un piccolo aiuto di Antista nel terzo quarto fa suo il parziale), anche se non riesce a tenere il passo dei locali, che scendono solo un paio di volte sotto la soglia della doppia cifra. Nell’ultima frazione, la squadra tirrenica non trova più la possibilità di andare a canestro e i capitolini s’impongono per 83 a 69.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###