Margutta Asp: è scontro al vertice

Spettacolo assicurato al Palasport, dove oggi alle 19 si scontreranno le due formazioni che si trovano in testa al campionato di serie C femminile e che probabilmente si contenderanno fino all’ultimo il primo posto finale, che mette in palio al termine della regular season la promozione diretta in B2. 
Di fronte alla Margutta Asp ci sarà il Virtus Latina, sestetto che come quello civitavecchiese è a punteggio pieno dopo tre giornate di campionato. Sarà una sfida tra due squadre forti, che si giocherà probabilmente anche a livello psicologico, vista l’importanza della posta in palio. Una cosa è certa: la Margutta è carica a mille. 
«Vogliamo mantenere il primato in classifica – spiega Pignatelli – e vogliamo mantenerlo in solitaria. La Virtus Latina verrà a Civitavecchia per fare il colpaccio, ma troverà una Margutta Asp pronta a riceverla e a batterla. Le nostre avversarie hanno cambiato nove elementi rispetto allo scorso anno e hanno un paio di giocatrici, come la centrale Orsi e la schiacciatrice Paioletti, che hanno giocato in B2».
Nessun problema di formazione per l’allenatore civitavecchiese, che potrà contare sulla rosa al completo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Roberti terzo al GP Valli Aretine

Lo scorso fine settimana al Gran Priemio delle Valli Aretine Luca Roberti del Team Ballerini Primigi Store conquista uno splendido terzo posto. Primo  David Sebastian Kajamini, brillantissimo e straordinario nella sua impresa, che si è imposto dopo una fuga solitaria di quasi 50 chilometri. 
Ma la notizia del giorno arriva prima della partenza della corsa aretina, quando al ritrovo di Rigutino vengono disposti dal Commissario Internazionale Gianluca Crocetti di Pontremoli, i controlli sulle biciclette contro la frode tecnologica. È stata la prima volta in assoluto in una gara regionale che si sono svolti questi controlli. Lo ha disposto la Federazione Ciclistica Italiana. 
«Abbiamo chiesto all’Unione Ciclistica Internazionale – ci ha detto per telefono il presidente Renato Di Rocco -, la disponibilità dei tablet per effettuare questo tipo di controllo. Una richiesta apprezzata e la risposta è stata prontamente positiva. D’altra parte e lo ripetiamo ancora – conclude Di Rocco – il compito della Federazione è quello di prevenire e quindi come avviene per i controlli medici, ripeteremo ancora questo tipo di controllo che mi risulta sia stato particolarmente apprezzato in occasione della gara toscana che è stata una novità in assoluto da parte della Federazione tra l’altro in una gara regionale». 
Detto questo, del Giro delle Valli Aretine c’è ancora da ricordare la neutralizzazione avvenuta al culmine della salita di Cortona e prima di affrontare l’insidiosa discesa per poi riprendere la corsa regolare al termine della picchiata quando la situazione dal punto di vista dell’assistenza sanitaria era stata normalizzata. Infine la galoppata esaltante e fantastica del vincitore applaudito a scena aperta al traguardo dove ha colto la terza vittoria stagionale. Si chiude una stagione densa di successi per il team di Marco Cacciamani,pronto tra qualche settimana a costrure la nuova squadra.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il derby è della Csl Soccer

Il primo storico derby di Promozione tra la Csl Soccer e la Cpc2005 se l’aggiudica la squadra di casa che batte i portuali per 3 a 2. Una gara che ha lasciato strascichi polemici, con la dirigenza dei portuali adirata subito dopo il fine gara. Cose che capitano quando si perde, soprattutto se a vincere è la “cugina”. La partita inizia nel migliore dei modi per il club di patron Vitaliano Villotti che appena dopo 2’ fa esplodere l’intera tribuna del Gagliardini grazie al gol dell’1-0 siglato da Gianmarco Campari che, sfruttando un ottimo cross di Castagnola, spiazza di destro l’estremo difensore portuale. La Cpc non ci sta e dopo 8’ arriva il colpo di testa del difensore Thomas Funari, che sugli sviluppi di un calcio d’angolo infila il pallone alle spalle di Paniccia e pareggia. Nella ripresa il pubblico scalda entrambe le compagini grazie alle belle coreografie, ma i primi ad approfittare di questo sono i rossi che vanno avanti al 7’ con bomber Ruggiero. La Csl non cede, insiste e lotta su ogni pallone segnando il segno ics 3’ più tardi con l’ex viterbese Saraceno che dalla sinistra sfonda la porta della Cpc. Il gol definitivo porta la firma di Carru al 25’ con una strepitosa conclusione dai venti metri, con il pallone che s’insacca alle spalle di Nunziata. I successivi 20’ vedono una Cpc che dà il tutto per tutto per trovare il 3 a 3, ma la Csl difende bene e sfiora addirittura il 4-2 colpendo all’ultimo minuto di gioco la traversa. Al triplice fischio del direttore di gara, esulta la Csl Soccer e l’intero Dlf si tinge di rossoblù con la tribuna che diventa una vera e propria bolgia spruzzando grande gioia e felicità per la terza vittoria in campionato. Tre punti d’oro che hanno un valore inestimabile, un bel bottino che ferma la corsa della Cpc2005 che tanto bene stava facendo e con questo stop perde il primo posto, scendendo al secondo in compagnia della Vigor Acquapendente e Duepigrecoroma a quota 12 punti con la Csl che insegue a -2 al sesto posto in solitaria.  
Il Tolfa, con un gol siglato dal bomber Trincia ha fatto suo il derby contro il Canale Monterano. I ragazzi di mister Sperduti grazie ad una buona prestazione corale, hanno conquistato la seconda vittoria consecutiva sul difficile campo di Canale. «Nel primo tempo meglio – dice mister Sperduti – abbiamo tenuto il pallino del gioco e potevamo passare in vantaggio con Lavagnini che, con un tiro piazzato, ha dato solo l’illusione del goal, purtroppo però, sul finire del primo tempo abbiamo perso Lavagnini per infortunio e quindi si è allungata la lista degli assenti. Ci eravamo presentati in campo orfani di Sgamma, Carlini e Capolonghi. Il secondo tempo è iniziato con il Canale Monterano più intraprendente e propositivo, ma al 23’ siamo passati in vantaggio, abbiamo ottenuto una punizione al limite dell’area, ad incaricarsi della battuta è stato capitan Cascianelli che, invece di calciare verso la porta, ha messo la palla in profondità sulla quale si è avventato Trincia che, con un tiro imparabile, ha superato il portiere del Canale Marani». I padroni di casa si sono resi pericolosi solo due volte, prima hanno colpito un palo e poi un colpo di testa dell’attaccante di casa è stato neutralizzato da Boriello. Prima del triplice fischio finale, il Tolfa ha sfiorato il raddoppio con Trincia che da ottima posizione ha calciato al lato. 
Quarta sconfitta in cinque gare per il Santa Marinella che resta ancorata nelle zone di bassa classifica con soli tre punti nel carniere. Questa volta, i ragazzi del neo tecnico Morelli, hanno regalato i tre punti all’Aranova che si è imposta per 3 a 0. Il Santa Marinella, colpito a freddo nel primo quarto d’ora con due reti che in pratica mettono fine alla partita, ha cercato con tutte le sue forze di riaprire la gara e lo ha fatto con buone trame da gioco ma a mancare sono stati proprio i gol. Nella ripresa, i rossoblù accusavano il solito vuoto mentale e fisico e non arrivavano praticamente mai a insidiare la porta del numero uno locale. «Se devo dire la mia – commenta mister Morelli – ho visto una buona squadra nel primo tempo che è stato positivo nonostante gli errori grossolani commessi sui due gol. Abbiamo avuto un buon possesso della palla ed abbiamo creato quattro o cinque occasioni da gol. Quello che è successo nella ripresa devo ancora capirlo. Non siamo riusciti a arrivare in porta in 45 minuti. Credo che sia tutta una questione mentale visto che le cose non vanno bene. Dovrò lavorare sul carattere dei giocatori, sulla loro situazione mentale, cercando di far capire loro che non tutto è perduto e quindi la situazione si può recuperare in ogni momento. Se ci sono giocatori però che non intendono combattere per la nostra causa è bene che lascino il posto agli altri». 
Nella gara tra il Corneto Tarquinia e il Cerveteri, ad avere la meglio sono stati i viterbesi che si sono imposti per 4 a 1. Il match è stato equilibrato nel primo tempo. Nella ripresa i ceriti hanno provato subito a rimettersi in carreggiata incassando però la rete del raddoppio.  «Abbiamo subito attaccato – dice mister Silvestri – ma la rete del 2-0 ci ha messo a terra. Abbiamo tenuto bene il campo poi in mischia abbiamo segnato. L’espulsione di Esposito ci ha tagliato le gambe. In gran parte sono stati gli episodi a condannarci, alcune disattenzioni si sono rivelate fatali. Il punteggio è esagerato per quanto abbiamo fatto, sicuramente dobbiamo essere più cinici. Sono orgoglioso di questa squadra e sicuro dobbiamo lavorare anche per migliorare sulla nostra mentalità». 
La Vigor Acquapendente piega all’inglese l’Atletico Ladipoli e si tiene in scia delle migliori del girone. I gialloblù chiudono avanti il primo tempo grazie al centro di Verri e poi nel finale di gara con Avola i viterbesi chiudono il cerchio e si prendono i tre punti.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Chapeau Csl Soccer: il derby è rossoblu

di MATTEO CECCACCI

Si trattava del primo storico derby di Promozione disputato a Civitavecchia. Una novità per la Csl Soccer (nella foto di Ludovica Mojoli) e la Cpc2005 arrivate a questo memorabile appuntamento dopo il ripescaggio dei rossoblu nel girone B di Prima Categoria e l'accesso non ottenuto ai playoff dai rossi a fine stagione. I leoni per la prima volta nella loro storia, i portuali per la terza. Sarà un derby che molti ricorderanno soprattutto per il finale incandescente che ha visto l'ormai ex patron della Cpc2005 Sergio Presutti inveire con toni molti accesi alcuni giornalisti sportivi del territorio, ma andiamo con ordine e capiamo il perché di tutto questo. Sorprese più nelle formazioni che negli schieramenti: Fracassa senza Del Duchetto, Gaeta e Siani si è dovuto inventare i sostituti, Caputo invece deve rinunciare al gioiellino classe 2000 Davide Esposito per la sublussazione alla spalla subita domenica scorsa durante la gara casalinga con l'Atletico Ladispoli. La partita inizia nel migliore dei modi per il club di patron Vitaliano Villotti che appena dopo 2' fa esplodere l'intera tribuna del Gagliardini grazie al gol dell'1-0 siglato da Gianmarco Campari che sfruttando un ottimo cross di Castagnola spiazza di destro l'estremo difensore portuale. La Cpc non ci sta e dopo 8' arriva il colpo di testa del difensore Thomas Funari, fratello del preparatore dei portieri rossoblu Mattias, che sugli sviluppi di un calcio d'angolo infila il pallone alle spalle di Paniccia. Nella ripresa il pubblico scalda entrambe le compagini grazie alle belle coreografie, ma i primi ad approfittare di questo sono i rossi che vanno avanti al 7' con bomber Gigi Ruggiero. La Csl non cede, insiste e lotta su ogni pallone segnando il segno ics 3' più tardi con l'ex Viterbese Castrense Ivan Saraceno che dalla sinistra sfonda la porta del portiere della Cpc. Il gol definitivo porta la firma di Carru al 25' con uno strepitoso gol dai venti metri con il pallone che s'insacca alle spalle di Nunziata che nulla può fare se non toccare appena la sfera. I successivi 20' vedono una Cpc che da il tutto per tutto per trovare il 3-3, ma la Csl difende bene e sfiora addirittura il 4-2 colpendo all'ultimo minuto di gioco la traversa. Al triplice fischio del direttore di gara Valsecchi, esulta la Csl Soccer e l'intero Dlf si tinge di rossoblu con la tribuna che diventa una vera e propria bolgia spruzzando grande gioia e felicità per la terza vittoria in campionato. Tre punti d'oro che hanno un valore inestimabile, un bel bottino che ferma la corsa della Cpc2005 che tanto bene stava facendo e con questo stop perde il primo posto, scendendo al secondo in compagnia della Vigor Acquapendente e Duepigrecoroma a quota 12 punti con la Csl che insegue a -2 al sesto posto in solitaria. Da elogiare tutto lo staff dirigenziale rossoblu, partendo dal presidente Vitaliano Villotti, il direttore sportivo Daniel D'Aponte all'emergente Daniele Fracassa che oggi ha dimostrato di essere un allenatore che può far ottenere grandi risultati a una squadra che, nonostante sia partita dal basso, sta ottenendo piccoli grandi successi. Il finale, però, rovina tutto questo: poco dopo il termine della gara durante i festeggiamenti rossoblu, si è assistito a uno scenario che nessuno avrebbe voluto vedere, l'ex patron della Cpc2005 Sergio Presutti dal cancelletto che divide le tribune dagli spogliatoi, ha inveito con toni molti accesi alcuni cronisti sportivi cittadini. Insulti e parole dure anche da parte del figlio Patrizio (Presutti – ndr) e di un magazziniere portuale, intervenuti pochi istanti dopo al fianco dell'ex presidente per rivolgere ancora ingiurie e offese che hanno macchiato un post gara tranquillo: umanamente comprensibile, ma comunque impossibile da condividere. Si chiude così il primo derby cittadino tra Csl Soccer e Cpc2005, nella speranza che questo resti un caso isolato, un episodio sfortunato di un anno che doveva e poteva cominciare in modo diverso.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mondiali: Tiberi chiude nono

Un uomo solo al comando, non c’è spazio per gli altri. La prova in linea al maschile dei Mondiali juniores di ciclismo in quel di Innsbruck ha visto esibirsi Remco Evenepoel nello show più atteso: una cavalcata lunghissima e solitaria per il belga, che si candida ad essere il nuovo Merckx visto il suo “cannibalizzare” le gare alle quali partecipa. Dopo la cronometro arriva dunque la doppietta: non c’è davvero spazio per nessuno dei rivali. Per l’Italia c’è la gioia per la medaglia di bronzo di Alessandro Fancellu. 
Prima parte di gara contrassegnata dai problemi meccanici e, soprattutto, dalle cadute. In tanti i corridori coinvolti, il gruppo più volte si è spezzato. A dettare il ritmo Germania e Stati Uniti. La svolta della corsa è arrivata sulla prima ascesa di giornata, quella di Gnadenwald. Poco prima l’ennesima caduta, con Remco Evenepoel, grandissimo favorito, che è rimasto coinvolto. Da lì è iniziata la grande rincorsa per il belga: una prova solitaria, con davanti gli atleti ad alternarsi all’attacco, tra i quali anche gli italiani.
L’azzurro Andrea Piccolo assieme al tedesco Mayrhofer sono riusciti a staccarsi dal plotone, raggiunto in un secondo momento da Evenepoel. A circa 40 chilometri dal traguardo l’ennesimo cambio di situazione: Evenepoel, Vacek e Mayrhofer con Piccolo e Benedetti all’attacco. Uno scatto dopo l’altro per il belga: a resistere alla fine è stato il solo Mayrhofer. All’ultimo giro l’Italia, in sovrannumero nel plotone principale, ha tentato l’attacco per le medaglie, dando per scontato l’oro ad Evenepoel, che sull’ascesa di Igls ha staccato anche il compagno di fuga. Antonio Tiberi e Gabriele Benedetti sono riusciti ad evadere in coppia, guadagnando una trentina di secondi sugli inseguitori. Tiberi del Team Ballerini Primigi Store raggiunge la nona posizione. Un traguardo importante per il corridore romano, che sta raccogliendo grandi consensi . Della bella prestazione è rimasto felice il team manager Marco Cacciamani. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Petrelli saluta il centrosinistra e corre da solo

Vittorio Petrelli torna in pista per le elezioni amministrative. Nonostante le sirene del centrosinistra chiamino forte l’ex candidato sindaco, l’ex esponente dell’Italia dei Valori tiene la barra a dritta verso una nuova scesa in campo solitaria.
«Io ho portato avanti una battaglia politica che ancora è in corso. Stiamo parlando naturalmente degli usi civici – ha spiegato Petrelli -. Non posso condividere un percorso con coloro che non hanno seguito la mia stessa direzione. E’ stato creato un problema ad oltre 5000 cittadini».
Insomma l’atteggiamento del centrosinistra e del governatore del Lazio Zingaretti sul tema degli usi civici è alla base del dissenso di Petrelli ad una nuova Unione.
«Come sempre sarò dalla parte dei cittadini – ha continuato Petrelli che nel 2014 non riuscì ad entrare in consiglio comunale nonostante un ottimo  risultato personale come candidato sindaco sfiorando il 10% -. Dobbiamo risolvere i problemi alla gente e non crearne altri rispetto a quelli che già hanno».
Petrelli che è stato molto vicino all’entrata nel Movimento Cinque Stelle negli anni passati potrebbe essere quindi l’outsider rispetto ai candidati di partito che si stanno delineando in queste settimane.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

A Porta Livorno brilla la femminilità

di GIAN MARCO TRICOMI

CIVITAVECCHIA – Grande successo a Porta Livorno per la 19^ edizione di ‘‘Frammenti’’. La serata, figlia della collaborazione fra il Comune, l’Atelier di Franco Ciambella, Il Mosaico e l’As.S.pro.Ha, ha visto sfilare alcune delle eccellenze dell’alta moda italiana, affiancate dalla musica di artisti di livello indiscusso scelti appositamente per raccontare le donne e tutte le sfaccettature che di esse possono essere colte grazie a serate del genere. Il programma dell’evento ha regalato al pubblico la schietta sensualità delle creazioni della Maison Luigi Borbone, che ha saputo parlare del corpo femminile talvolta con ironia, talvolta con eleganza, ma senza mai rinunciare alla provocazione; diverso discorso invece quello del Koscanyo Couture, il quale ha portato sulla passerella l’eccesso e la sfarzosità degli stili barocchi della sua Sicilia, senza però rinunciare alla femminilità dei corpi per i quali quei vestiti erano stati disegnati. Assolutamente degne di nota anche le prove degli allievi dell’accademia ABAV i quali, pur non osando quanto i loro colleghi, hanno saputo lasciare un’impronta d’eleganza e talvolta di ritrovata semplicità. Per quanto riguarda Franco Ciambella, probabilmente le sue creazioni sono state le più apprezzate della serata. Mai un particolare di troppo, o un dettaglio che rendesse la creazione eccessiva. Ancora una volta è stato riaffermato l’altissimo livello artistico delle sue sfilate. Quest’anno inoltre, l’alta moda è stata accompagnata dagli spezzoni musicali della voce lirica di Piero Mazzocchetti, assolutamente degna di nota la sua prova nell’esecuzione di “Malafemmena” di Totò, suonata dal maestro Giandomenico Anellino. Quest’ultimo ha poi dato prova delle sue doti di “uomo orchestra” esibendosi anche in solitaria, rendendo partecipe il pubblico del valzer che le sue dita sanno ballare con le corde di una chitarra. Ottime anche le interpretazioni della cantautrice NaElia, che ha pubblicato proprio l’8 marzo il suo secondo disco “A Piedi Nudi Sulla Terra”. Come lo stesso Franco Ciambella ha sottolineato al termine della serata, l’evento ha avuto non solo un importante impatto squisitamente culturale sulla città, ma anche benefico, dato che gli incassi delle donazioni – 1780 euro – verranno interamente devoluti all’As.S.pro.Ha.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Gp Madonna delle Grazie: vince Mattia Petrucci

Seconda vittoria consecutiva per il giovane ciclista Mattia Petrucci al 68° Gran Premio Madonna delle Grazie che si è svolto sabato ad Allumiere. Petrucci è un’atleta del team GCD Autozai Contri Omap, la stessa società che ha piazzato, oltre a lui, due atleti sugli altri due gradini del podio. Come sempre avvincete e spettacolare il Gp Madonna delle Grazie che ha visto la partecipazione di 70 atleti. Prima dello start è stato osservato un minuto di silenzio in memoria dell’ex presidente regionale Bruno Vallorani e dello scomparso presidente della Fondaziine Cariciv Vincenzo Cacciaglia. 
Pylypiv (Uc Foligno) in compagnia di Massaro (Il Pirata Z’Niper) e Squarzon (GCD Autozai Contri Opam) hanno effettuato la prima fuga condizionando le fasi iniziali della corsa e raggiungendo il vantaggio massimo di un minuto sul gruppo. Ripresi i corridori al comando gara sempre in evoluzione e nelle fasi centrali si è formato un quartetto al comando formato da Squarzone, Orlando e Di Feliceantonio. 
A quattro giri dal termine è salito in cattedra Petrucci che, sul tratto in salita, ha staccato il gruppetto inseguitore, raggiunto i fuggitivi e li ha sorpassati e da qui in corsa solitaria ha tagliato per primo il traguardosua. Secondo posto per il compagno di squdra Consolaro; terzo Vito Giovanni. 
La gara svoltasi ad Allumiere era valevole come campionato provinciale Cp di Roma e a trionfare è stato Luca Roberti del Team Franco Ballerini Primigi Store. 
Al termine della gara si sono svolte le premiazioni e a premiare c’erano il sindaco di Allumiere Antonio Pasquini, Gabriella Sarracco presidentessa della Fondazione Cariciv, il delegato allo Sport Gabriele Volpi, il vicepresidente regionale Mauro Tanfi e il vicepresidente provinciale Fabio Ottaviani. 
«Sono felice che si sia corsa questa splendida gara in memoria del compianto  avvocato Vincenzo Cacciaglia – ha commentato Gabriella Sarracco, presidentessa della Fondazione Cariciv -. Complimenti ai ragazzi e agli organizzatori». 
Il presidente del Comitato Organizzatore, Ivo Moraldi invece ha commentato: «Ringrazio le società che hanno partecipato al  68° Gp Madonna delle Grazie, colgo l’occasione per ringraziare il sindaco Antonio Pasquini e Tiziana Franceschini presidente della Pro Loco. Un sincero ringraziamento va all’onorevole Gianluca Quadrana, consigliere segretario alla Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio che ha dato il via ufficiale alla manifestazione e a Gabriella Sarracco, da cui ci sono giunti i complimenti più belli. Appuntamento nel 2019 alla 69^ edizione del Gran Premio Madonna delle Grazie». 
Soddisfatto anche il delegato allo Sport Gabriele Volpi. «Sabato si è svolto il Gran Premio Madonna delle Grazie e sono fortemente convinto che manifestazioni come questa rappresentino un grande contributo di cui Allumiere possa beneficiare per promuovere le bellezze del proprio territorio. Lo sport è un’attività umana che riguarda almeno quattro importanti dimensioni: la salute, l’educazione, la socialità, la qualità della vita. È nostra intenzione metterci a disposizione di tutti per far sì che lo sport lo possano praticare tutti, bambini e adolescenti, giovani e meno giovani. Gli sport come il ciclismo da sempre favoriscono la promozione dello sport, sano e salutare, in un connubio armonioso con il territorio, sempre più spesso fungono da volano per lo sviluppo turistico dei luoghi che li ospitano. Gli eventi sportivi che si sono tenuti in questi giorni ad Allumiere come lo Street Sport Festival, il 29° memorial A. Regnani di Pallavolo, la partita di calcio tra USD Allumiere e la Poseidon e 68^ edizione del Gran Premio Madonna delle Grazie facciano crescere la voglia di fare sport a tutti i giovani allumieraschi. Voglio ringraziare e fare i miei complimenti al presidente del comitato Ivo Moraldi e al Team Fratelli Petito per l’organizzazione di un grande gran premio. Un grazie va anche alle Forze dell’ordine, ai vigili urbani di Allumiere e Tolfa, alla Proloco alla Protezione civile di Allumiere, Tolfa e Tarquinia alla CRI di Allumiere all’Università Agraria e a tutti gli sponsor e sostenitori di questo magnifico evento sportivo».
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Team Ballerini domina ad Olevano

Team Ballerini Primigi Store, una vittoria divisa in due. Primo e secondo posto ad Olevano Romano. Meglio di così non si poteva. Arrivo in parata per Galli e Tiberi sul traguardo di Olevano Romano. Il Team Ballerini Primigi Store si divide la vittoria finale, arrivata dopo una prestazione collettiva positiva.
Una bella giornata di ciclismo quella trascorsa domenica ad Olevano che ha visto al via oltre 80 atleti provenieti oltre che dal Lazio, dalla Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Campania e Veneto che hanno animato la corsa sin dalle prime tornate.
 La prima fuga di giornata è del corridote Rosanova del Team Veneto Pasta Sgambaro che tenta la fuga solitaria dopo solo 10 km. Alle sue spalle si forma un gruppetto di 9 inseguitori ma sulle prime rampre che portano ad Olevano Romano il gruppo neutralizza il tentativo di fuga. Nel tratto di salita che da Olevano porta i corridori a Bellegra dove era posto il GMP a punti, si forma una coppia al comando formata dal Corridore laziale Ceci (Team COratti) e il corridore Ucraino Pylypiv (UC. Foligno) che transiteranno nell’ ordine sotto il Gpm, Terza posizione per il corridore Di Feliceantonio (Team Stipa Milano) che guida il gruppo inseguitore a circa 40».
Nel tratto in discesa  raggiungono la coppia al comando altri 4 corridori e si forma al comando un drappello di 6 corridori che oltre i citati fuggitivi comprende Tapia (Team Stipa Milano) Galli (Team Franco Ballerini Primigi Store) e Orlando e Quaranta entrambi Progetto Ciclismo Sorrentino. «È la prova – ha detto il team manager Marco Cacciamani – che siamo un gruppo formidabile, una squadra che ha un comune denominatore: l’unione».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Elezioni regionali Abruzzo, per la Lega primo test fuori dal centrodestra

Il Carroccio ha deciso di presentarsi in solitaria alle Regionali in autunno. Potrebbe essere un test in vista del voto in Basilicata, Piemonte, Toscana, Puglia

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###