Il Pd di Tarquinia al lavoro per riaprire ''la stagione del costruire''

TARQUINIA – Nell’incontro del PD, circolo di Tarquinia, che si è svolto martedì pomeriggio all’Alberata Dante Alighieri, in una sala gremita di gente, il partito democratico ha rinnovato il proprio impegno per un nuovo piano di sviluppo della città.  “L’amministrazione di centrodestra – dice il segretario Armando Palmini –  ha spinto l’affidabilità della politica oltre i confini della realtà e oltre i limiti della sopportazione. Il dibattito ha evidenziato tutte le criticità, le omissioni, le figuracce di questi ultimi interminabili mesi di governo cittadino ma sopra tutto, ha messo in luce una grande voglia di tornare nel più breve tempo possibile, alla politica del fare, ideare, progettare, realizzare, per il bene di Tarquinia”.

All’assemblea erano presenti alcuni ex alleati dell’amministrazione a guida Pd, come Giancarlo Capitani e altri esponenti di forze politiche che, dice Palmini “desiderano fortemente lavorare affinché si riapra la stagione del costruire e si chiuda definitivamente quella dell’immobilismo e del silenzio”.

“Non sono mancati – spiega il segretario del Pd –  moti di solidarietà, perfino di umana simpatia, nei confronti del Sindaco dimissionario Pietro Mencarini al quale va riconosciuto il merito di non aver tardato un solo istante a prendere atto di una situazione politicamente e dal punto di vista amministrativo, catastrofica”. “E’ un buon inizio, ma solo un inizio; – dice Palmini –  i numerosi partecipanti, di comune accordo, hanno manifestato la loro determinazione a riunirsi nuovamente entro la prima metà del mese di ottobre, in una assemblea degli iscritti, per gettare più solide basi progettuali: un programma condiviso con la cittadinanza per riprendere il cammino sulla strada delle alleanze, dello sviluppo e della crescita produttiva. La consapevolezza della difficoltà della sfida, in un momento particolarmente delicato per il partito, ne accresce il valore anziché sminuirlo, e altrettanto fa l’umiltà di chiedere aiuto, impegno e sostegno, a tutti i cittadini e agli uomini onesti della struttura sociale”.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Ladispoli può diventare una grande Palestra Naturale»

LADISPOLI – «Credo che Ladispoli oltre a poter essere un centro commerciale naturale, può diventare anche una grande Palestra Naturale». A puntare sulla possibile vocazione sportiva della città è il consigliere Federico Ascani. «L’idea per esempio che mi intriga di più è quella di sviluppare lo sport per riqualificare la città. Ladispoli – ha detto Ascani – ha grandissime potenzialità per attirare gli sportivi di tutto il territorio. Allargare la nostra offerta ad altri settori può essere veramente interessante. E poi basta veramente poco per raggiungere gli obiettivi. Un po’ come fatto in passato con le iniziative turistiche e commerciali, partendo da una piccola analisi e sviluppando alcuni piccoli servizi di accomodamento. Per quanto riguarda lo sport, credo si possa sperimentare lo stesso con dei piccoli accorgimenti. Piccolissimi investimenti. Un po’ sulla linea di ciò che ho chiesto con la mozione sul rifacimento di Piazza Cuccu, nel quartiere Messico, si potrebbe lavorare su una serie di piccoli interventi, per dotare piazze, strade e ciclabili di tutta una serie di strumenti utili agli sportivi per praticare le attività da loro più amate. Parliamo di raggiungere importanti risultati con i minimi sforzi. Risultati dalle molteplici valenze».

Per il consigliere, rendere anche le zone periferiche della città aiuterebbe Ladispoli anche sotto un altro aspetto: quello della riduzione del degrado ambientale e sociale. Riflettori puntati, dunque, ancora una volta ai quartieri Messico e Faro. «Ho presentato una mozione per l’intitolazione di quella Piazza a Franco Cuccu, ma ancor più importante è la richiesta di attrezzarla per farla diventare un importante punto di snodo sportivo che si andrebbe ad inserire in un percorso che collega il centro cittadino con la pista ciclabile di palo laziale». Stessa idea di rilancio sportivo anche per Piazza Matteotti e Piazza Domitilla «e su moltissimi altri spazi della Città. Questo in linea con quanto da sempre sostenuto, in una visione propositiva dell’attività politica, col fine di risolvere alcune gravi criticità e puntare allo sviluppo con proposte, idee e creatività».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Farmacie comunali, a S. Marinella un caso anomalo''

SANTA MARINELLA – Secondo Venanzio Gizzi, presidente di Assofarm, le farmacie comunali godono di ottima salute e rappresentano un ottimo investimento, non solo economico, per i sindaci. Questo per chiarire che, la vicenda che riguarda la farmacia comunale di Santa Marinella, è un caso anomalo. “Non esiste un momento migliore, rispetto quello attuale, per far sì che una farmacia comunale ben amministrata possa produrre frutti per i sindaci – continua Gizzi – e di conseguenza, questi ultimi non dovrebbero avere alcun interesse a vendere gli esercizi». Nel testo, il dirigente spiega che «la stragrande maggioranza delle farmacie comunali italiane gode di ottima salute. Una salute che attraversa le principali dimensioni dell’essere farmacia sociale». Gizzi ricorda quindi una serie di iniziative effettuate. «Ad Arezzo è stato avviato un servizio di consegna notturno per persone che non possono muoversi da casa. A Scandicci sono state offerte visite gratuite per la prevenzione del melanoma, a Fiumicino ospitiamo un servizio di primo ascolto a donne vittime di maltrattamenti, a Rieti supportiamo un progetto di miglioramento della qualità della vita degli over 60. Abbiamo donato cinque defibrillatori a Moltalto di Castro, a Perugia abbiamo avviato una campagna di screening per la salute dei reni, a Vittorio Veneto doniamo un prodotto neonatale ad ogni nuovo cittadino, a Varese portiamo avanti una campagna contro l’invecchiamento precoce, a Bacoli visite senologiche gratuite. Solo le farmacie comunali, infatti, sottostanno alle rigidità del patto di stabilità e del codice degli appalti. Solo le farmacie comunali garantiscono ai loro farmacisti dipendenti condizioni contrattuali più vantaggiose dei colleghi del settore privato. “Certo – conclude Gizzi – ci sono anche farmacie comunali che hanno prodotto perdite. Ma i sindaci, loro proprietari, non possono non sapere che il Paese possiede manager competenti e best practices realizzate altrove in grado di guidare il risanamento. Certo, ci sono amministrazioni che hanno impellente necessità di denaro contante. Ma queste non possono non sapere che la maggior parte dei bandi di vendita va deserto fino a quando non si producono drammatici ribassi della base d’asta”. Dunque per il dirigente di Assofarm, le amministrazioni comunali devono difendere i loro presidi sanitari e puntare a rilanciare le farmacie comunali che sono sempre una fonte di guadagno e un servizio al cittadino.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Grande partecipazione a ''Settembre Sport''

Sabato scorso piazza della Vita è stata animata dalla manifestazione ‘‘Settembre Sport’’ organizzata dall’assessorato allo Sport del comune di Civitavecchia in collaborazione con il Coni Lazio, la Asl, la Croce Rossa e oltre 30 associazioni sportive locali.
«È stata una giornata – spiega l’assessore allo Sport Daniela Lucernoni – molto apprezzata dai tanti, grandi e piccoli, che durante l’intera manifestazione si sono potuti cimentare con le diverse discipline sportive che vengono quotidianamente portate avanti con passione dalle associazioni del territorio. Il Coni ha impreziosito la kermesse portando altre discipline sportive come i giochi tradizionali, la dama, gli scacchi, il football americano e tanti altri. In questo contesto la Asl e la Croce rossa hanno messo in campo un’intera giornata di prevenzione e screening valorizzando l’importanza dello sport per la salute. Ringrazio di cuore – conclude il vicesindaco – coloro che sono intervenuti a vario titolo nella manifestazione, che è stata possibile grazie alla sinergia di tutti i partner, è stato un coro unanime di sorrisi e di apprezzamenti, una giornata all’insegna del gioco, dello sport, del sociale e della salute».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sant'Egidio: pesca e solidarietà

CIVITAVECCHIA – Domenica scorsa tra il porto di Civitavecchia e la Marina, si è svolto l'evento “A pesca di un sorriso”, organizzato dall’Asd Amici del mare di Civitavecchia, alla presenza del vice Sindaco del Comune di Civitavecchia Daniela Lucernoni. I circa 80 kg di pesce pescato sono stati donati a Sant'Egidio e la stessa comunità li ha messi a disposizione degli ospiti delle convivenze protette, che ne sono stati entusiasti.  

L'esperienza delle convivenze protette della Comunità di Sant'Egidio nel territorio della  ASL Roma 4, in particolare nel Comune di Civitavecchia,  è stata avviata  da alcuni anni ed oggi, dalla prima convivenza realizzata il 4 ottobre del 2012,  si è arrivati a 7 convivenze con 22 posti letto; gli ospiti delle convivenze protette, che hanno problemi di disagio sociale e disturbo mentale,  hanno ottenuto importanti miglioramenti in termini di qualità della vita,  salute fisica e mentale a fronte di costi limitati. Uno degli obiettivi delle convivenze protette è la promozione della sana ed equilibrata alimentazione di cui il pesce, nella sua varia tipologia, è un elemento fondamentale.  

I volontari di Sant'Egidio aiutano ogni giorno con servizi essenziali (pasti caldi, distribuzione pacchi alimentari, vestiti usati, medicine, etc )  tanti cittadini civitavecchiesi che vivono in condizioni di estrema povertà.

“Volevamo ringraziare – sottolineano dalla Comunità di S. Egidio – gli organizzatori dell’evento che ci hanno donato tutto il pescato e volevamo ricordare che sabato prossimo, 22 settembre, alla Repubblica dei Ragazzi  – villaggio del fanciullo, sarà organizzata  una cena  a base di pesce per ringraziare tutti quelli che ogni giorno aiutano la nostra comunità”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Giro di vite sui cinghiali, la Regione Lazio non fa sconti

MONTI DELLA TOLFA – In arrivo giro di vite sui cinghiali: dalla Regione Lazio maggiore operatività, controllo e abbattimento. Nei giorni scorsi è stato, infatti, raggiunto un accordo in commissione Agricoltura e ambiente su emendamenti presentati da Marietta Tidei  (consigliere regionale Pd) insieme a Eugenio Patanè ed Emiliano Minnucci sul tema dei cinghiali che, soprattutto a Tolfa e ad Allumiere sta diventando sempre più un’emergenza di carattere sociale, oltre che una problematica relativa ai danni che producono alle coltivazioni. 
«Una lunga seduta della commissione Agricoltura e Ambiente, alla presenza dell’assessore all’Agricoltura, Enrica Onorati – spiega l’onorevole Marietta Tidei – si è conclusa con un accordo sulle nostre proposte che, tra le altre cose, prevedono l’introduzione nella legge regionale 4 del 2015 (quella relativa al controllo e gestione della fauna selvatica e soprattutto all’indennizzo dei danni da questa prodotti) del cosiddetto ‘’selecontrollo’’, cioè la selezione, il controllo, la cattura e l’abbattimento dei capi di fauna selvatica in soprannumero nelle aree naturali protette.  A fianco a questa novità, c’è anche l’introduzione della formazione dei ‘’selecontrollori’’, ai quali verrà data una qualifica con un attestato di formazione vistato dalla Regione Lazio. A quel punto i parchi e le aree naturali protette potranno servirsi di queste figure che si occuperanno anche degli abbattimenti nelle aree naturali protette». Sempre a proposito di abbattimenti la Tidei spiega che: «Il regolamento di attuazione della Legge 4 nel nostro emendamento è previsto che venga approvato entro 4 mesi dall’ok al Collegato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Aumento di capitale con criptovalute: i criteri da rispettare

In considerazione della funzione storica primaria del capitale sociale in chiave di garanzia nei confronti dei creditori, è necessario che…

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

COMUNE DI BOLOGNA – CONCORSO (scad. 3 ottobre 2018)

Mobilita' per la copertura a tempo pieno ed indeterminato di due
posti di dirigente per l'area risorse finanziarie e area nuove
cittadinanze, inclusione sociale e quartieri.
(18E09164)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###