Rifiuti, i comuni tornano a chiedere un incontro con Valeriani

CIVITAVECCHIA – Lunedì sera si è riunito nuovamente il tavolo interistituzionale sul tema della discarica di Fosso del Crepacuore.

"Nel constatare che ancora non risultano iniziati i conferimenti di rifiuti presso il nuovo invaso – hanno spiegato i rappresentanti dei comuni di Civitavecchia, Tolfa ed Allumiere –  dobbiamo però sottolineare come dai provvedimenti amministrativi emanati dalla Regione Lazio ci sia la possibilità che anche la società che gestisce i rifiuti di Roma possa venire a conferire nella discarica autorizzata nel 2010 per i comuni di Civitavecchia, Tolfa e Allumiere. Questo perché la Rida Ambiente, società di Aprilia per le cui necessità, secondo gli atti regionali, era stata riattivata la discarica di Civitavecchia, ha già espresso la sua contrarietà ai provvedimenti amministrativi della Regione in particolare andando ad impugnare quelli che modificavano la tariffa, obiettivamente molto onerosa. Se venissero confermate dai fatti le nostre preoccupazioni, la discarica di Crepacuore sarebbe esaurita nell'arco di qualche mese con i rifiuti provenienti da Roma e non darebbe più la possibilità al territorio di programmare e attuare in futuro una gestione autosufficiente dei rifiuti sulla base delle proposte che il tavolo aveva avanzato all'assessore regionale Valeriani. La proposta – hanno aggiunto – prevedeva la possibilità che la Regione finanziasse o co-finanziasse un impianto di Tmb pubblico, gestito dai Comuni del comprensorio e di dimensioni proporzionate al loro fabbisogno da installare a Civitavecchia". 

A quanto pare sulla proposta i Sindaci non avrebbero avuto alcun riscontro da parte dell'assessore, "dai cui uffici – hanno aggiunto – sono usciti invece gli atti amministrativi che aprirebbero la possibilità al conferimento da parte di Ama. Chiederemo quindi un nuovo incontro all'assessore Valeriani, che indirettamente ha comunque confermato gli impegni presi nel precedente incontro a Tolfa, per un confronto approfondito sulle nostre proposte e sulla possibilità di renderle coerenti con il nuovo Piano Rifiuti che la Regione dovrà adottare".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cm Tolfallumiere-Perugia: un’unione che farà sognare

Tutto pronto in collina per l’affiliazione della società di calcio giovanile Cm Tolfallumiere. Oggi alle 18.30, presso la Sala Convegni del museo civico di Tolfa si terrà infatti un incontro ufficiale per presentare la “Football Academy” della società calcistica A.C. Perugia Calcio. All’incontro parteciperanno i vertici del Perugia calcio e tutto il direttivo della Cm insieme ai vari allenatori e a tutti i team giovanili. Sono stati invitati anche i sindaci Landi e Pasquini, i delegati allo Sport, le famiglie dei calciatori e varie autorità. Durante l’incontro il presidente della Cm illustrerà i contenuti fondamentali riguardanti l’affiliazione con la società umbra. La presentazione sarà illustrata dal Direttore Generale del Perugia Calcio Mauro Lucarini. «Una decisione – spiega il presidente della Cm Tolfallumiere Enrico Brodolini  – presa insieme al mio nuovo direttivo societario. Dopo un’attenta valutazione abbiamo aderito a questo nuovo progetto per migliorare la scuola calcio sotto tutti gli aspetti».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Corte di Appello di Napoli: «Un bambino può avere due madri fin dalla nascita»

Per la prima volta i giudici, nell’accogliere la richiesta di una coppia lesbica, scrivono che in base alla legge 40 sulla fecondazione assistita devono essere riconosciuti a pieno titolo i genitori gay. E confermano la linea dei sindaci di Torino e Milano. »Vale anche per la surrogata»

Leggi articolo completo

@code_here@

''Nessuno ha mai confermato la chiusura dell’Allumiere calcio''

ALLUMIERE – «Dispiace apprendere dai giornali che il sindaco Pasquini mi accrediti la responsabilità di mancata comunicazione dell’esito della riunione tenutasi il 6 giugno e non la settimana scorsa (anche perché sa bene dove trovarmi)». Comincia così la risposta del consigliere comunale di opposizione Giovanni Sgamma sul tema della chiusura o meno della società dell’Allumiere calcio. «Io stesso in occasione di una commissione in Comune – prosegue l’oppositore Sgamma – comunicai che alcuni dirigenti della società di cui facevo parte sarebbero usciti e gli riferii anche che qualche partecipante all’assemblea pubblica stava già procedendo per la sua strada affinché si facesse il bene dell’Allumiere (nel frangente gli indicai anche il referente). Mi risulta inoltre che il sindaco Pasquini avesse già parlato con altri dirigenti incontrati per il paese nei giorni precedenti. Voglio aggiungere che già il giorno 16 maggio sul gruppo watshapp del quale facevano parte, le società CM, Tolfa calcio e Allumiere calcio con i rispettivi sindaci dei Comuni di Allumiere e Tolfa scrivemmo che visto la rinuncia della maggior parte dei nostri dirigenti alla fusione ero impossibilitato a partecipare alla riunione per procedere a tale operazione in quanto non potevo rappresentare la società USD Allumiere. Era quindi maturata in alcuni dirigenti, la volontà di lasciare la società a fine anno. Non scrivo per polemica (fatta invece un anno fa in campagna elettorale da qualcuno quando mi attaccava sui social per i risvolti sportivi e la mia presenza all’interno dell’USD Allumiere), ma per informazione alla cittadinanza.Tutti i dirigenti uscenti non hanno mai auspicato la chiusura della società sportiva USD Allumiere, ma hanno lavorato duramente 4 anni, per  vedere una continuità della stessa. Ribadiamo quindi, che nessuno ha mai confermato o fatto cenni alla chiusura della società, anzi, facciamo i migliori auguri all’Allumiere calcio, per una lunga vita e grandi soddisfazioni nel nuovo progetto che avrà inizio a breve. Rimane doveroso ringraziare per questi anni trascorsi, tutti i dirigenti, allenatori, presidenti susseguiti, nonché i responsabili della scuola calcio Mariangela Arcangeli e Pierluigi Pennesi e l’ex sindaco Augusto Battilocchio che ci è stato sempre vicino».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Rifiuti: si abbatte il quantitativo del conferimento

CIVITAVECCHIA – Come annunciato si è tenuto ieri sera presso il Comune di Tolfa il tavolo interistituzionale sul tema dei rifiuti, alla presenza dei Sindaci di Civitavecchia, Santa Marinella e Allumiere, dei consiglieri regionali De Paolis, Porrello e Tidei, del parlamentare Alessandro Battilocchio e di assessori e consiglieri dei vari comuni facenti parte dell’abito.

Al tavolo era presente l’Assessore alla Regione Lazio Massimiliano Valeriani, che ha comunicato l’adozione di un provvedimento approvato nella mattinata di ieri dal Dipartimento da lui guidato, che prevede un forte abbattimento quantitativo del conferimento dei rifiuti rispetto alla precedente determina  regionale: da 160.000 a un massimo di 18.000 tonnellate in quattro mesi.

"Questo significa – hanno spiegato i componenti del tavolo – che il conferimento massimo eventuale sarà di circa il 10% rispetto alla consistenza volumetrica del della discarica di Crepacuore: un risultato che era stato auspicato da parte del tavolo interistituzionale, come disponibilità massima di solidarietà con altre comunità,  così come fa Viterbo con il nostro territorio. Al tempo stesso si apre uno scenario per cui il tavolo, insieme all’assessore Valeriani, cercherà di trovare delle soluzioni consone e adeguate per il conferimento dei rifiuti del territorio nel comprensorio di Civitavecchia, previa l’eventuale realizzazione di un impianto di Tmb di proprietà interamente pubblica, al fine di evitare il costoso trasporto fuori ambito. Tale percorso sarà oggetto di una riunione prevista nelle prossime settimane".

I partecipanti al tavolo aspettano di poter visionare la determina di prossima pubblicazione per poter esprimere un giudizio in merito al percorso avviato dalla Regione e le eventuali azioni da intraprendere.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Scilipoti: ''Sull'acqua il sindaco ha sbagliato tutto''

CIVITAVECCHIA – Una lunghissima lettera di accusa, è quella che il consigliere comunale di art.1 in rappresentanza di Onda Popolare scrive al sindaco Cozzolino.
Scilipoti cita quelli che erano i capisaldo del programma elettorale cinquestelle nel 2014. Acqua bene pubblico. Ristrutturazione rete idrica. Acqua bene inalienabile nello statuto comunale. Ottimizzare il servizio di riscossione. Tariffa sociale. 
Parole che in quattro anni sono passate dalla speranza al sogno come scrive lo stesso Scilipoti dopo aver partecipato nella giornata di lunedì ad una riunione tecnica con il responsabile dei sindaci in Acea Ato 2, la società che gestisce attualmente l’acquedotto. 
«Abbiamo appreso molte problematiche che sicuramente saranno i cittadini a farne le spese, e dove il sindaco, per l’ennesima volta hai avuto un atteggiamento silente e inappropriat». 
Per Scilipoti è è «inutile ricorrere alle solite scuse, “colpa di chi vi ha preceduto”, non sono più plausibili. Dopo 4 anni della vostra amministrazione, non solo non avete mantenuto una riga di quanto scritto, ma addirittura avete condotto la città ad essere “serva” di un gestore privato. Un gestore che, a pochi chilometri da noi, Ladispoli, viene contrastato dai vostri alleati di Governo. Già questa incongruenza la dice lunga su come state amministrando la città».
Scilipoti che giustificò la firma apposta alla sfiducia alla giunta Tidei anche per il possibile passaggio a Acea della gestione idrica illustra ai cittadini il rischio che correranno: «Ci ritroveremo, solo grazie ai cinquestelle, con la gestione dell’acqua ad un privato, che se farà interventi o investimenti nei comuni della provincia, dove gestisce il servizio, ritroveremo nelle nostre bollette la ripartizione della spesa anche se l’intervento non riguarda il nostro comune». Il consigliere di Onda Popolare illustra quelli che secondo lui sono stati i reali moventi che hanno portato alla timida lotta contro Acea: «Fosse che i mancati investimenti in tutti questi anni erano dovuti dalla volontà e consapevolezza di cedere il servizio ad Acea, facendo sì di ritrovarsi 7 milioni di euro in più nel bilancio per salvarsi la poltrona? Come mai non è stata ritirata la delibera del Commissario prefettizio prima di chiedere il parere al Consiglio di Stato? Semplici domande ma che portano alla luce una chiara volontà politica, la Vostra, di privatizzare il servizio idrico, perché se quanto scritto nel programma elettorale, corrispondeva a verità, oggi avreste intrapreso la stessa strada dei Vostri alleati al Governo Nazionale, che a Ladispoli si sono opposti ad Acea, ma soprattutto, sarebbe stato determinante la scelta della Sindaca Raggi». Scilipoti conclude la lunga lettera mostrando quelli che sono i pagamenti che i cittadini di Civitavecchia faranno con il passaggio ad Acea: «100 m3 = 151,63 € anno, 200 m3 = 318,82 € anno, 300 m3 = 567,05 € anno, 400 m3 = 1001,40 € anno, 500 m3 = 1610,91 € anno. Caro Sindaco, il bluff è ormai scoperto e quando arriveranno le bollette, saranno i cittadini stessi a ringraziarti dell’ennesimo danno alla collettività». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Alessandro Diottasi: ''Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce''

TARQUINIA –  Ben 39 anni dalla sua nascita, la comunità Mondo nuovo continua ad essere ben viva grazie all’impegno dei suoi volontari, dei giovani che ne fanno parte  e la dimostrazione che puntualmente conferma il prezioso impegno  che quotidianamente svolge in varie parti d’Italia ed in Croazia è stata dimostrata dalle 650 persone intervenute sabato alla festa della Comunità tenutasi nel Centro Madre a Riva dei Tarquini. Ciò ripaga moralmente gli sforzi che tutta la comunità profunge ogni giorno non solo sotto il profilo del recupero dalle dipendenze ma anche e soprattutto verso un percorso di sostegno alle famiglie che vivono problemi di dipendenza ed ai giovani studenti che spesso sono messi in pericolo dall’assenza istituzionale e da chi dovrebbe sostenere la loro crescita sotto tutti i punti di vista.

«Nello scorso anno – spiega Alessandro Diottasi –  le attività di informazione e prevenzione dalle dipendenze attualizzate sulla nostra nazione hanno toccato oltre i 62000 studenti con campagne di informazione e di prevenzione portate avanti e curate dai nostri volontari nelle scuole. Ed il tutto a nostre spese perché ormai da anni  le politiche governative hanno completamente abdicato  al loro ruolo educativo ed informativo verso i giovani nel campo delle dipendenze, non solo, ma sono state fagocitate ed ampliate criminali e scellerate politiche di ampliamento e connivenza con chi lucra sugli stupefacenti. La rivendita legale di cannabis “ a basso contenuto di THC , è ormai un dato di fatto e sotto gli occhi di tutti. E questo lo hanno voluto governi che vivono su altri pianeti e sono ben lontani dalle condizioni di non vita in cui vivono i nostri giovani.  Ciò è verificabile dal profitto scolastico, dalle assenze dei giovani dalla politica, dai bagni del Senato o della Camera. Di droghe si continua a morire; di dipendenze da gioco si continuano a rovinare le famiglie; di alcool e super alcolici si continuano a distruggere i cervelli degli adolescenti. Mancano politiche  di sostegno verso sane educazioni da offrire ai giovanissimi. Insomma il futuro non è per niente roseo per le future generazioni. Però, ecco, da chi in primis ha vissuto certi problemi ed ha cercato aiuto, nel trovarlo ha capito che il silenzio non giova a nessuno, non solo, ma il silenzio si fa complice di chi lucra sulla vita dei giovanissimi, ecco perché dalle Comunità, nel loro silenzioso impegno quotidiano, irrompe un urlo di speranza e di voglia di vivere una vita sana ed incredibilmente ricca di situazioni bellissime completamente alternative allo sballo o alla solitudine: il vivere in comunione. Come si fa a realizzarle? Con tre semplici regole di vita: niente droghe; nessuna violenza o prepotenza di nessun tipo, pochi beni voluttuari ed una serie di  valori imprescindibili del genere umano quali il rispetto, la condivisione, l’amore verso la vita e verso il prossimo, la responsabilità, il sacrificio e la condivisione. La Fede non è obbligatoria; è uno strumento che si offre a chi ritiene che per lui è importante. Tutto ciò da 39  anni ha permesso il recupero ed il reinserimento di centinaia e centinaia di persone grazie anche alla partecipazione ai programmi di recupero di terapeuti, operatori che provengono da un passato triste, volontari».

Una festa quindi, quella di sabato, della vita animata dalla fanfara della Polizia di Stato con gli inni nazionali dei Paesi dove la Comunità Mondo nuovo è presente,  cinque sindaci (Luigi Landi per Tolfa, Sergio Caci per Montalto di Castro, Daniela Lucernoni per Civitavecchia, Manuel Catini per Tarquinia, Antonio Pasquini per Allumiere,  il parlamentare Alessandro Battilocchio e il Gonfalone di Roma metropolitana.  

«La presenza del nostro Vescovo Marrucci – afferma Diottasi – ci ha riempito di gioia per la sua semplicità ed il suo affetto sempre dimostrato a me, ai nostri ospiti ed a tutti i presenti. A Mons. Marrucci l’onore   del taglio del nastro di due nuove strutture di cui una attinente al progetto FO.LA.RE (con il contributo della Fondazione cattolica Assicurazioni)  e la più grande realizzata con risorse nostre.  Circa 300 persone hanno condiviso con noi il nostro desco e diversi cantanti quali Erica Spargoli, il  gruppo Street Therapy (Luca Carrubba, Lucia Romano ed Angelo hanno allietato il pomeriggio. A Marilena Ravaioli del Centro artistico Balletto di Tolfa l’abbraccio ed il ringraziamento per la sua amicizia pluriennale e per averci portato la  piccola Naike. Una giornata all’insegna della gioia certo, ma un grazie di esistere a tutti i nostri centri di ascolto e di aiuto che con la loro presenza hanno voluto testimoniare la loro vicinanza ed a cui riconosciamo il loro prezioso contributo alla causa del faticoso ritorno alla vita che insieme pro- fungiamo da sempre, memori che in questa società fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. Ma noi non molliamo perché il futuro dell’umanità sta nel  tutelare e far crescere bene i figli  alla faccia di chi non la pensa così».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Rifiuti di Roma a Civitavecchia, domani nuovo tavolo istituzionale a Tolfa

TOLFA – Il sindaco di Tolfa Luigi Landi ha convocato la seconda riunione con i sindaci del territorio e i rappresentanti istituzionali sul tema dell'arrivo dei rifiuti capitolini sul territorio. L'incontro avrà luogo domani, mercoledì 27 giugno alle ore 21 presso il Comune di Tolfa. 

Come per il primo incontro della scorsa settimana, oltre ai primi cittadini di Allumiere, Civitavecchia e Santa Marinella, sono stati invitati a partecipare anche gli eletti presso la Regione Lazio De Paolis, Tidei, Minnucci e Porrello, Manunta per la città metropolitana, Battilocchio e Grande per la Camera dei Deputati e il senatore Battistoni. 

Questa volta parteciperà come annunciato anche l'assessore alla Regione Lazio delegato ai rifiuti Massimiliano Valeriani.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Fiumicino, ecco chi siederà in Consiglio

FIUMICINO – Ci saranno molti volti nuovi in questo consiglio Comunale. Certi ci sono alcuni riconfermati dalla precedente esperienza amministrativa, qualche cavallo di ritorno, ma tanti volti che si affacciano per la prima volta nella massima assise cittadina. Magari impegnati in politica da tempo, questo sì, ma mai arrivati sugli scranni di via Portuense.
E questo è un dato da sottolineare e che fa ben sperare per il futuro della politica territoriale, a prescindere dagli schieramenti. Grazie al premio di maggioranza, il Partito deomcratico fa man bassa di consiglieri, piazzandone in assise ben sette. Cal si conferma una realtà solida con 2 consiglieri, così come Liberi e Uguali. Due consiglierio ancheper Uniti nel centro e per la Civica di Montino.
Ora ci sarà da discurtere il futuro assetto della Giunta, e anche in questo caso è probabile che si vedranno alcune conferme e quaklche cambio sostanziale. Il sindaco Montino però, su questo, non ha voluto sciolgiere le riserve ed ha tenuto benstretti i nomi dei papabili.
Nell’opposizione entrano di diritto i candidati sindaci sconfitti (Baccini, De vecchis, Velli). Ma è molto probabilemche il senatore della Lega De vecchis lasci il posto ad un altro suo collega di partito e si concentri su Palazzo Madama, sempre con l’obiettivo di dare una mano alla città. Bene Crescere Insieme, che ha piazzato Severini. Bene anchen i 5 stellem che passano a 2 consiglieri.

Partito            Consigliere

MAGGIORANZA
Partito democratico    Di Genesio Pagliuca
Partito democratico    Calicchio
Partito democratico    Vona
Partito democratico    Meloni
Partito democratico    Maggionesi
Partito democratico    Zorzi
Partito democratico    Nardozzi
Cal            Fortini
Cal            Ferreri
Leu            Bonanni
Leu            Petrillo
Uniti nel Centro    Caroccia
Uniti nel Centro    Sannino
Civica Montino        Cutolo
Civica Montino        Chierchia

OPPOSIZIONE
Cristiano popolari    Baccini
Crescere Insieme    Severini
Progetto Fiumicino    Addentato
Fratelli d’Italia        Coronas
Lega            De Vecchis
Lega            Costa
Lega            Faieta
Mov. 5 Stelle        Velli
Mov. 5 Stelle        Pietrosanti

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Giovanni Arena (51,09%) è il nuovo sindaco di Viterbo

VITERBO – Giovanni Arena (Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Fondazione) e Chiara Frontini (liste civiche Viterbo 2020 e Viterbo Cambia): sono questi i due candidati in ballo per la poltrona da sindaco di Viterbo per i prossimi cinque anni. I residenti della città dei Papi dovranno scegliere con il voto di oggi a chi affidare la guida del capoluogo. Urne aperte dalle 7 alle 23, poi subito lo spoglio dei voti. Sessantasei le sezioni di voto sparse per la città. Alle urne sono chiamati 53.289 elettori: 25.446 uomini e 27.843 donne, di cui 429 comunitari: saranno loro a stabilire la sorte dei due aspiranti sindaci. Nessuno dei due candidati sindaco ha effettuato apparentamenti. (Agg. 24/06 ore 06)

AFFLUENZA ALLE URNE  IN CALO. Alle 12 aveva votato il 14,45% degli aventi diritto, contro il 19,74% del primo turno. Il dato è inferiore anche alla media nazionale, anch’essa in calo, che si attesta al 15,54%  (Agg.24/06 ore 12,50)

Alle 19 aveva votato il 32,74% degli aventi diritto, contro il 45,23% del primo turno.

Alle 23 i seggi sono stati chiusi con il 46,38% dell'affluenza, contro il 62,68% del primo turno.

46,38 62,68

LE DUE IPOTESI DI CONSIGLIO. Nel caso in cui a vincere dovesse essere Giovanni Arena, alla maggioranza di centrodestra andrebbero 20 consiglieri: 6 a Forza Italia, 6 a Fratelli d’Italia e 6 alla Lega, e  2 a Fondazione. All’opposizione 12: 1 consigliere a Viva Viterbo,  3 al Pd, 2 alle liste di Serra e 2 al Movimento Cinque stelle, 4 a Chiara Frontini. Entrerebbero pertanto in maggioranza: Elpidio Micci, Antonella Sberna, Isabella Lotti, Giulio Marini, Fabrizio Purchiaroni e Matteo Achilli per Forza Italia; Claudio Ubertini, Gianluca Grancini, Laura Allegrini, Paolo Bianchini, Vittorio Galati ed Elisa Cepparotti per Fratelli d’Italia; Stefano Evangelista, Claudia Nunzi, Ludovica Salcini, Antonio Scardozzi, Stefano Caporossi ed Ombretta Perlorca per la Lega; Gianmaria Santucci e Paolo Barbieri per Fondazione. All’opposizione invece: Filippo Rossi per ‘’Viva Viterbo’’; Francesco Serra e Lina Delle Monache per le liste Serra; Massimo Erbetti e Alessandro Allegrini per il M5s; Luisa Ciambella,  Alvaro Ricci  e Martina Minchella per il Pd; infine Chiara Frontini, Letizia Chiatti, Alfonso Antoniozzi e Patrizia Notaristefano.

In caso di vittoria di Chiara Frontini, alle sue liste andrebbero 20 consiglieri, e all’opposizione 12 consiglieri così ripartiti: 2 per il Pd, 2 per le liste di Serra, 2 per FdI, 3 per FI, 1 alla Lega; 1 a Filippo Rossi e 1 al Movimento 5 Stelle. Entrerebbero pertanto in maggioranza: Letizia Chiatti, Alfonso Antoniozzi, Arduino Berdini, Simona Bontà, Maria Chiara Brenciaglia, Carlo Carbonari, Carlo Cozzi, Giulio Febbraro, Stefano Floris, Eros Marinetti, Antonietta Mechelli, Marco Metelli, Patrizia Notaristefano, Katia Scardozzi, Isabella Speranza e Guido Urbani per Viterbo 2020; Mirko Baroncini, Anna Rita Petroselli, Martina Perelli e Alessandra Croci per ‘’Viterbo Cambia’’. All’opposizione: Luisa Ciambella e Alvaro Ricci per il Pd; Francesco Serra e Lina Delle Monache (‘’Impegno comune’’), Claudio Ubertini e Gianluca Grancini per FdI; Giovanni Arena, Elpidio Micci e Antonella Sberna per Forza Italia; Stefano Evangelista per la Lega; Filippo Rossi ‘’Viva Viterbo’’; e Massimo Erbetti per il Movimento 5 stelle.  (Agg.24/06 ore 16,00)

 

GIOVANNI ARENA SINDACO DI VITERBO. Con il 51,09 % pari a 12.377 preferenze Giovanni Arena è il nuovo sindaco di Viterbo. Il centrodestra si riprende la guida della Città dei Papi, con l'avversaria Chiara Frontini che si è fermata al 48, 91% delle preferenze. (Agg. 25/06 00,20)

Ecco i dati:

 

Comune di VITERBO (Prec. elez.: 26/05/2013)

Sezioni sindaco: 66 / 66 (Tutte)

Candidati Sindaco e Liste Voti II turno % Voti I turno % Seggi
  ARENA GIOVANNI MARIA ELETTO SINDACO 12.377 51,09 13.022 40,22  
FORZA ITALIA FORZA ITALIA       4.298 13,99 6
FRATELLI D'ITALIA CON GIORGIA MELONI FRATELLI D'ITALIA CON GIORGIA MELONI       4.127 13,43 6
LEGA LEGA       3.833 12,47 6
LISTA CIVICA - FONDAZIONE! LISTA CIVICA – FONDAZIONE!       1.491 4,85 2
Totale liste         13.749 44,76 20
   
  FRONTINI CHIARA   11.847 48,91 5.684 17,55  
LISTA CIVICA - VITERBO VENTI VENTI LISTA CIVICA – VITERBO VENTI VENTI       3.451 11,23 3
LISTA CIVICA - VITERBO CAMBIA LISTA CIVICA – VITERBO CAMBIA       1.050 3,41
Totale liste         4.501 14,65 3
   
  SERRA FRANCESCO       3.544 10,94  
LISTA CIVICA - IMPEGNO COMUNE LISTA CIVICA – IMPEGNO COMUNE       1.644 5,35 1
LISTA CIVICA - VITERBO DEI CITTADINI LISTA CIVICA – VITERBO DEI CITTADINI       1.473 4,79 1
Totale liste         3.117 10,14 2
   
  CIAMBELLA LISETTA DETTA LUISA       3.524 10,88  
PARTITO DEMOCRATICO PARTITO DEMOCRATICO       2.487 8,09 2
LISTA CIVICA - ORIZZONTE COMUNE LISTA CIVICA – ORIZZONTE COMUNE       867 2,82
LISTA CIVICA - LA VOCE DEI GIOVANI VITERBESI LISTA CIVICA – LA VOCE DEI GIOVANI VITERBESI       480 1,56
Totale liste         3.834 12,48 2
   
  ROSSI FILIPPO       2.640 8,15  
LISTA CIVICA - VIVA VITERBO LISTA CIVICA – VIVA VITERBO       1.301 4,23
LISTA CIVICA - AREA CIV!CA LISTA CIVICA – AREA CIV!CA       744 2,42
Totale liste         2.045 6,65
   
  ERBETTI MASSIMO       2.174 6,71  
MOVIMENTO 5 STELLE MOVIMENTO 5 STELLE       1.917 6,24
   
  TAGLIA CLAUDIO       1.016 3,13  
CASAPOUND ITALIA CASAPOUND ITALIA       786 2,55
LISTA CIVICA - VITERBO IN MUSICA LISTA CIVICA – VITERBO IN MUSICA       98 0,31
Totale liste         884 2,87
   
  CELLETTI PAOLA       769 2,37  
LISTA CIVICA - LAVORO E BENI COMUNI LISTA CIVICA – LAVORO E BENI COMUNI       670 2,18
   
TOTALE Candidati 24.224 100,00 32.373 100,00 27
  Liste     30.717    

CANDIDATI A SINDACO ELETTI CONSIGLIERI FRONTINI CHIARA, SERRA FRANCESCO, CIAMBELLA LISETTA DETTA LUISA, ROSSI FILIPPO, ERBETTI MASSIMO

 

Elettori: 53.289 | Votanti: 24.719 (46,38%) Schede non valide: 483 ( di cui bianche: 132 ) Schede contestate: 12 | Dato aggiornato al 25/06/2018 – 00:44

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###