Al castello di Santa Severa ‘‘Comunicare la Costituzione’’

SANTA MARINELLA – E’ in programma sabato, presso il castello di Santa Severa, il convegno su “Comunicare la Costituzione”. Il programma prevede per le 16 gli indirizzi di saluto di Anna Rossomando, vice presidente del Senato, Stefania Nardangeli, assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Santa Marinella. Presiede Marietta Tidei, della Commissione Cultura Regione Lazio, introduce Paolo Sciascia, Dirigente Miur Dg per lo studente, l’integrazione e la partecipazione. Alle 16,30 “Comunicare la Costituzione” con gli strumenti scelti per insegnare la Costituzione a scuola, una tavola rotonda con alcune testate giornalistiche specializzate in ambito scolastico, a cura di Giuseppe Adernò del Consorzio AetnaNet e Michela Ponzani di Rai Storia. Alle 17,30 i Libri scelti per la Costituzione, a cura di Giovanni Cogliandro dell’Università degli studi di Tor Vergata. La Costituzione come educazione alla legalità, alle 18,30 L’International Tour Film Fest per la Costituzione a cura di Piero Pacchiarotti. Un video per la Costituzione: profilo e anticipazioni sul concorso A lezione di Costituzione” premiato nella serata conclusiva della settima edizione. Alle 19 conclusioni a cura di Eleonora Mattia, Presidente IX Commissione Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Chiara Bordi sul podio di Miss Italia

TARQUINIA – Chiara Bordi è la terza ragazza più bella d’Italia. E scusate se è poco.  Lunedì sera la 18enne di Tarquinia, primo caso a sfilare con una protesi alla gamba sinistra, per un soffio non ha raggiunto l’ambita corona di Miss Italia. Ma per la sua Tarquinia è lei l’indiscussa vincitrice. La sua sfida infatti Chiara l’ha già vinta: far capire alla gente che «non bisogna aver paura di mostrarsi al mondo così come si è». E lei, sia chiaro, è bellissima. Una bellezza vera, autentica, che è apparsa in tutta la sua naturalità. Chiara ha affrontato col sorriso e con grande coraggio la finale di Miss Italia, storico concorso di bellezza firmato da Patrizia Mirigliani e la giuria, come pure il pubblico da casa, l’hanno molto apprezzata. Chiara ha sfoggiato la sua protesi  come un gioiello, perché in fondo a lei ciò che brilla di più è il cuore. E non c’è frase o commento, di persona vera o presunta o hacker, o aspirante miss, forse un po’ invidiosa, che abbia potuto scalfire il suo travolgente sorriso, conquistato dopo tanto dolore quando, cinque anni fa, un incidente in motorino la mise di fronte, a soli 13 anni, ad una tragedia dalla quale lei stesse sembrava non poter mai più uscire.
E invece, dopo un primo momento di scoraggiamento, Chiara Bordi è rinata. E continua a rinascere e crescere in ogni importante traguardo che riesce a raggiungere nell’unico obiettivo che si è prefissata:  mostrare al mondo che la “diversità non è vincolante”.
Qualcuno, non ancora identificato con certezza (sarà avviata un’indagine da parte della polizia postale dopo un post apparso su Facebook nel profilo di Mirella che tuttavia disconosce quelle frasi), l’ha chiamata “storpia”, ma lei non si è scoraggiata ed anzi ha mostrato, ancora una volta, tutta la sua superiorità. “Della vittoria – aveva infatti detto Chiara pochi giorni prima della finale – non mi interessa niente, tantomeno di fare pena, perché posso assicurare che la pena è l’ultima cosa ricercata e la prima odiata da me e da qualsiasi altro tipo di disabile. Sto facendo tutto questo per mostrare alle persone ottuse (appunto) che una ragazza senza un arto può gareggiare al pari di tutte, che la diversità non è vincolante, che la vita non si interrompe mai ed è sempre bella, anche quando sembra che ce l’abbia con te, che da un dramma si rinasce e si cresce più forti di prima, tutto sta nel saper reagire». Sugli insulti a Chiara attraverso i social è voluto intervenire anche Francesco Facchinetti (che ha condotto la serata insieme alla bella giornalista Diletta Leotta), con parole forti e decise: «Io quando ero giovane e volevo dire la mia andavo al bar e ricordo che per i primi anni dovevo ascoltare e se dicevo una cosa fuori posto mi arrivava uno scappellotto da dietro. – ha detto Facchinetti – Purtroppo internet non ha questa mano da dietro che quando dici una cosa fuori posto ti tira uno scappellotto e ti educa. Quindi mi rivolgo a chi ha offeso Chiara, chiamandola storpia e voglio dire a queste persone: siete dei deficienti, i vostri genitori non vi hanno mai educato e un bello schiaffo non ve lo hanno mai dato. E questo è un grande dispiacere: siamo nel 2018 e cose del genere non dovrebbero più succedere».
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Bozzi, biribibozzi, scaricabozzi, monto e scegno!": Gianni De Paolis presenta il suo libro

CIVITAVECCHIA – Un tuffo nel passato, ma non soltanto. Una finestra su Civitavecchia, vista con amore ed affetto, con divertimento e riflessione, prendendo spunto dalla storia, dalla tradizione, ma anche da semplici chiacchierate tra amici e ricorrenze importanti che hanno scandito la vita dell’autore. C’è questo, e molto altro, nel libro “Bozzi, biribibozzi, scaricabozzi, monto e scegno! – composizione in dialetto ad uso privato – scritto da Gianni De Paolis; volume che sarà presentato venerdì prossimo, 21 settembre, alle 18.30 nella sala Molinari della Cittadella della Musica. Il titolo riprende il nome di un vecchio gioco che si faceva in strada, quando ancora si giocava sui marciapiedi e nei cortili; ma del gioco il libro non parla. Si tratta infatti di una raccolta di sonetti, 93 in totale sugli oltre 250 composti negli anni, suddivisi in quattro sezioni: "Er Poeta", "Pensieri e Bozzi … Biribibozzi…", "'ndo t'attacchi" e "Fermite 'n momento e ditte 'na preghiera".

I sonetti sono stati selezionati da Silvio Serangeli e da Maria Colombo, con Marco Crocchianti che si è occupato delle illustrazioni. Una raccolta che fa respirare un’aria pura, fatta di ironia e di speranza, di quella civitavecchiesità che spesso si perde.

“Non ho mai pensato a pubblicare questi miei sonetti – ha spiegato De Paolis – nati nel quotidiano, durante una cena con gli amici, a matrimoni, battesimi e compleanni, dopo le “confessioni” nel mio lavoro da commercialista o come ex priore dell’Arciconfraternita del Gonfalone. Poi li ho fatti leggere all’amico Silvio, sono piaciuti e da lì è nata l’idea. Con il libro dedicato a mia moglie Paola, quella che li ha visti nascere, li ha letti per prima, li ha apprezzati e criticati”.

La presentazione si svolgerà con una serata evento venerdì pomeriggio, con la presentazione affidata a Silvio Serangeli, con Annalia Matteo e Patrizio De Paolis che leggeranno alcuni sonetti, accompagnati al pianoforte da Claudio Gargiulli.  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Marcia indietro di chi arrogantemente pretende di comandare invece di governare»

LADISPOLI – Non si ferma il braccio di ferro tra amministrazione comunale e dirigenza scolastica della Corrado Melone. Braccio di ferro che rischia di trascinarsi anche dopo l'ottenimento da parte dell'amministrazione dei certificati Asl necessari ad aprire le porte della nuova mensa scolastica. Proprio ieri dopo lo scontro verbale, anche abbastanza acceso, tra amministrazione e alcuni genitori, con il dirigente scolastico dalla parte proprio dei genitori, e il monito lanciato dal sindaco Grando di tenere la politica fuori dalla scuola, ora a intervenire rispedendo al mittente le accuse di "politicizzazione" è proprio il dirigente scolastico Riccardo Agresti. «Accuse – ha detto Agresti – che avrebbe potuto benissimo fare anche l'ex sindaco Crescenzo Paliotta quando portai sul tavolo della sua scrivania una decina di arance marce servite a mensa ai bambini». 

Ma non finisce qui, per Agresti, la riapertura delle porte del Polifunzionale all'ora di pranzo, è una vittoria. Una vittoria ottenuta proprio dopo la protesta di ieri: «Confermo che la protesta dei genitori ha obbligato alla marcia indietro chi arrogantemente pretende di comandare invece di governare», ha scritto sul suo profilo Facebook dettando gli orari dei tre turni mensa per le classi dell'istituto comprensivo. 

Intanto, già nella tarda serata di ieri è arrivata la solidarietà nei confronti del sindaco Alessandro Grando, da parte del coordinatore locale di Noi con Salvini, Luca Quintavalle: «Condanniamo con fermezza l'aggressione verbale subita dal sindaco Alessandro Grando, vittima non tanto dell'ira di alcuni genitori ma di una velocissima escalation su alcune problematiche che affliggono uno dei quattro circoli didattici di Ladispoli. Siamo da sempre favorevoli ad un sano e costruttivo confronto e crediamo che alla nostra Comunità non servano capipopolo: invitiamo tutti ad un passo indietro affinchè si torni a lavorare per migliorare il futuro dei nostri figli. La propaganda politica dovrebbe rimaner fuori da certi ambienti: la scuola è innegabilmente uno di questi».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Stratosferica Paola Tiselli ai Mondiali di Malaga

Ai campionati mondiali di Malaga Paola Tiselli conquista uno splendido bronzo nei 1500 metri. Mattinata afosa allo stadio Ciudad, la tensione è alta per le 16 finaliste. Seconda nella propria semifinale, Paola Tiselli sa di dover gestire al meglio la gara senza lasciare spazio ad incertezze. Allo sparo dello starter l’atleta nostrana prende la testa della corsa ma ai 200 metri la belga decide di passare in testa a dettare l’andatura, la seguono la tedesca Miriam Paurant e la Svizzera Janet Bragagnolo, la civitavecchiese rimane in quarta posizione appaiata alla favorita Babcok, andatura regolare fino ai 1000, quando il ritmo comincia a farsi sostenuto e al suono della campana si scatena la bagarre: scappano via in cinque, un duello spalla a spalla, allunga la canadese Babcok che si presenta in testa al rettilineo finale, paola Tiselli la segue tentando il tutto per tutto e cercando di tenere il ritorno della belga e dell’australiana, che alla fine sarà seconda per soli tre decimi. «Una splendida gara – commenta la Tiselli – corsa come sempre con determinazione, cercando di rimanere concentrata dal primo all’ultimo metro, non lasciandomi intimorire dai cambi di ritmo specialmente negli ultimi 500 corsi a ritmi da record mondiale». Nella serata di domenica, poi, la ciliegina sulla tortanella staffetta 4×400. Con le compagne di Nazionale Simona Prunea, Maria Costanza Moroni e Cristina Sanulli conquista un meritatissimo argento dietro alle fortissime tedesche e davanti alle temutissime spagnole con uno splendido 4’13’’1 che le vale il record italiano.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Arrestato ad Anguillara Sabazia: aveva pistola, coltelli e droga

ANGUILLARA SABAZIA – Nel corso di un servizio di controllo ai locali notturni, i Carabinieri della Compagnia di Bracciano hanno arrestato un 44enne, con precedenti, con l’accusa di porto abusivo d’arma da fuoco ed oggetti atti ad offendere e di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I Carabinieri della Stazione di Anguillara lo hanno fermato nel privè di una discoteca mentre si godeva la serata con alcuni amici e hanno rinvenuto in suo possesso, occultati sotto la cinta dei pantaloni, 4 dosi di cocaina ed un coltello a serramanico. Il controllo è stato esteso alla sua autovettura, parcheggiata  all’ingresso della discoteca, dove, nel cruscotto, è stata trovata una pistola a tamburo armata e con matricola abrasa, insieme ad un altro coltello a serramanico ed un manganello telescopico. Al termine della successiva perquisizione domiciliare, i militari hanno rinvenuto altri 60 grammi di hashish ed un bilancino di precisone. L’arrestato è stato portato in carcere di Civitavecchia.

Negli ultimi mesi, nel periodo di vacanze estive, i Carabinieri hanno intensificato i controlli notturni nei principali locali della zona identificando diverse centinaia di giovani, 11 dei quali sono stati segnalati alla Prefettura per detenzione di stupefacenti per uso personale e 13 sono stati sanzionati per guida in stato di ebbrezza, con conseguente sospensione della patente. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Ti dedico tutto": una stagione ricca di novità al Gassman

CIVITAVECCHIA – "Siamo tutti al Gassman!" hanno i ragazzi dell’omonimo teatro, sabato scorso, aprendo la presentazione della stagione teatrale 2018/19, in stile rap, coinvolgendo da subito tutto il numeroso pubblico in sala. 
A presentare il tredicesimo cartellone è stato il direttore artistico Enrico Maria Falconi. “Ti dedico Tutto” è il nome della stagione "perché fare teatro – ha affermato emozionato – è dedicare tutto".
Molti gli ospiti in sala, a partire dall’onorevole Alessandro Battilocchio, che mercoledì ospiterà lo stesso Falconi ed altri componenti dello staff alla Camera dei Deputati. "Mi sento parte di questa squadra. Il Gassman – ha commentato il parlamentare – non è solo teatro ma una comunità che fa delle cose non solo culturali, ma sociali e straordinarie; ed è per questo che avrò l’onore di avere i ragazzi miei ospiti alla Camera dei Deputati, perché credo sia importante far conoscere questa realtà, che non è una semplice associazione culturale, è molto di più; i ragazzi ci mettono il cuore. È un piacere stare al vostro fianco e a vostra disposizione".
Mentre si mantiene la preziosa collaborazione con il teatro di Rocca di Papa da quest'anno è stato istituito il primo Premio alla Cultura assegnato all’attore e regista  Giorgio Ponzi che, come si legge sulla dedica, "animato da genuina passione per il teatro, ne ha diffuso per decenni la pratica, rappresentando con successo i testi classici ha incrementato in città l’amore per la scena".

Ringraziamenti sono stati rivolti, ad esempio, a Stefania Milioni, presidente della Caritas Diocesana, tra le prime persone, anni fa, a credere in questa 
realtà. "Questo teatro è l’opera di tanta buona volontà, di tanti giovani, della voglia irrefrenabile di creare e di credere nella cultura – ha evidenziato – perché questa è l’anima bella di questa città, dove si fa cultura con il cuore, si fa perché si ama il teatro, perché si ama divertirsi insieme, la dimostrazione è data dal numeroso pubblico; lo dico con il cuore". E poi alla Fondazione Ca.Ri.Civ., con un ricordo all'ex presidente Vincenzo Cacciaglia, da sempre amico del Gassman e la parola passata all'attuale numero uno dell'ente Gabriella Sarracco. "Mi complimento, perché creare autonomamente una stagione intera per un teatro – ha spiegato – è dimostrazione di grande capacità. Qui si fa veramente cultura e la Fondazione gli sarà vicina, perché si da la precedenza a tutto ciò che fa cultura, soprattutto per i giovani".

Tante sono state anche le risate durante la presentazione al pubblico non solo degli spettacoli e delle loro trame, ma di attori e registi, che tra uno sketch e un’esibizione a sorpresa hanno reso il tutto emozionante e divertente. Si parla quest’anno di una stagione piena, sotto ogni punto di vista e con ogni tipo di spettacolo, dal mese corrente ai primissimi di giugno; con rivisitazioni e rivoluzioni di grandi classici, di storia, d’amore, di fantasia, di biografie, di gialli; non escludendo anche la letteratura ed il cinema con dediche a grandi registi. Sessantotto al momento gli spettacoli in programma, suddivisi in cinque distinti cartelloni: Il Teatro dei Bambini, Ameni inganni 5, Vicolo Cechov, Il Pensiero e la Scena 4 e la novità assoluta Concerti Lirici, grazie alla collaborazione delle due associazioni la Filarmonica di Civitavecchia e l’Associazione Sturm und Drang.

Ma nella serata non è stata solo l’offerta teatrale ad essere al centro, ci sono i corsi dedicati; dai piccolissimi fino ad un’illimitata età, con corsi extrateatrali, di lingua, di arte canora; insomma, il Gassman si trasforma in una scuola e un doposcuola a tuttotondo, con quasi cento iscritti lo scorso anno, per formare prima di tutto delle persone. "È in un secondo tempo – ha aggiunto Falconi – che avranno la possibilità di diventare chi vogliono". Si prospetta un teatro nuovo, giovane e originale, che non abbandona le proprie tradizioni e non perde i propri valori. "Non c’è differenza tra pubblico e attore – ha concluso Falconi – un teatro è un porto, deve accogliere tutto, siamo fieri di quello che facciamo e ve lo regaliamo tutto".

C.M.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Bracciano, soldi e cocaina in casa: pusher in manette

BRACCIANO – Nel corso di mirati servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di droga, i Carabinieri della Compagnia di Bracciano hanno arrestato un italiano di 36 anni con l’accusa di detenzione di ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I Carabinieri del Nucleo Operativo lo hanno fermato mentre, in serata, si aggirava in atteggiamento sospetto lungo le vie del centro di Bracciano.
Durante il controllo, i militari lo hanno trovato in possesso di una dose di cocaina e la successiva perquisizione scattata nella sua abitazione ha consentito di sequestrare altri 105 gr. di cocaina suddivisi in 24 dosi, 40 grammi di hashish, circa 7.000 euro ritenuti provento della sua attività illecita, materiale per il confezionamento delle dosi e due bilancini di precisione.
Il 36enne è stato posto agli arresti domiciliari in attesa di processo.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cambio al vertice del Roan: Franza al posto di Bencivenni

CIVITAVECCHIA – La Guardia di finanza incrementa i controlli al porto. Non è passata in osservata, nella serata di giovedì, la presenza all’interno dello scalo di un numero rilevante di militari delle fiamme gialle, impegnati nell’attività ispettiva dei veicoli in transito. Gli uomini del capitano Emilia Altomonte, in numero maggiore rispetto al solito, hanno controllato prevalentemente i mezzi pesanti arrivati via mare da Barcellona, anche con l’ausilio delle unità cinofili. Un’attività apparentemente straordinaria, che tuttavia mette in evidenza il lavoro che la Guardia di finanza porta avanti tutti i giorni, soprattutto nel contrasto dei fenomeni legati al traffico di sostanze stupefacenti. La presenza dei finanzieri della compagnia di Civitavecchia all’interno del porto, con tanto di uomini e mezzi raddoppiati, testimonia anche una incisiva azione di prevenzione dei reati.

Proprio da questo tipo di attività di polizia, spesso sono scaturiti risultati rilevanti sotto il profilo operativo, che hanno portato ad arresti e sequestri importanti di sostanze stupefacenti.

CAMBIO AL VERTICE DEL ROAN – Giornata importante, quella di ieri, per quanto riguarda gli assetti della Guardia di finanza.

Presso la caserma “Giacinto Bruzzesi”, alla presenza del comandante regionale del Lazio  generale di corpo d’Armata Bruno Buratti, ha avuto luogo, la cerimonia di avvicendamento nella carica di comandante del Reparto Operativo Aeronavale tra il colonnello t. SFP pilota  Roberto  Bencivenni, cedente, ed  il  colonnello t. ISSMI pilota Armando Franza, subentrante. Alla cerimonia hanno inoltre presenziato i comandanti di reparto, gli ufficiali di staff, una rappresentanza del personale alla sede e delegati della sezione A.N.F.I. (Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia). Il colonnello Bencivenni, destinato al prestigioso e delicato incarico di comandante del gruppo di esplorazione aeromarittima presso il comando operativo aeronavale di Pomezia (Pratica di Mare – RM), dopo quasi quattro anni ha ceduto il comando al colonnello Franza, che da ultimo ha rivestito l’importante incarico di Capo di Stato Maggiore del Centro di aviazione di Pomezia (Pratica di Mare – RM). Il nuovo comandante del Reparto Operativo Aeronavale, salentino, dopo aver prestato servizio in diversi reparti di volo del corpo, ricoprendo prestigiosi ed importanti comandi operativi ed addestrativi, ha svolto incarichi di staff nelle articolazioni di Stato Maggiore del Comando Generale, del Comando aeronavale centrale e nel comando operativo aeronavale della Guardia di finanza. Il colonnello Franza è laureato in “Economia e Commercio” ed in “Scienze della Sicurezza Economico-Finanziaria”, è pilota militare e di elicotteri, istruttore di specialità dei velivoli ad ala rotante NH 500 ed AB 412 HP. Ha inoltre frequentato il 12° corso Istituto Superiore Stato Maggiore Interforze (I.S.S.M.I.), fregiandosi del relativo titolo. Il colonnello Bencivenni durante il saluto di commiato, ha espresso la massima gratitudine ed un sentito ringraziamento per la collaborazione e per l’attività istituzionale svolta da tutti i finanzieri del Roan ed ha rivolto al colonnello Franza un augurio di buon lavoro per il suo nuovo incarico. L’ufficiale subentrante nel ringraziare il collega ha assicurato il massimo impegno al comandante regionale Lazio, esortando il personale dipendente a proseguire l’azione di servizio con la stessa dedizione del passato e con rinnovato vigore.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Movida, nottata di controlli congiunti

CIVITAVECCHIA – Ancora controlli congiunti degli agenti del commissariato di viale della Vittoria e della Polizia locale. Nella serata e nella nottata di ieri gli agenti coordinati dal primo dirigente Nicola Regna e gli uomini del comandante Pietro Cucumile hanno effettuato un articolato servizio di controllo del territorio e la verifica su esercizi di somministrazione di cibo e bevande in centro città, proseguendo, così,  nell’attività intrapresa per fronteggiare eventuali fenomeni negativi derivanti dalla movida notturna.

In particolare, 12 esercizi commerciali sono stati sottoposti ad approfonditi accertamenti, durante i quali si è proceduto all’identificazione di numerose persone, tra avventori, gestori e dipendenti.

Uno dei locali è stato sanzionato per illecita occupazione di suolo pubblico.

Durante i controlli, che hanno interessato anche altre tipologie di esercizi commerciali in differenti zone della città, è finito nel mirino degli agenti anche un centro massaggi gestito da cittadini cinesi sul quale si è reso necessario avviare approfonditi accertamenti.

Anche le verifiche sul fenomeno della prostituzione hanno portato ad elevare 2 contravvenzioni all’ordinanza del Sindaco emanata per contrastare il fenomeno.

Infine, è stata verificata la posizione di 9 soggetti sottoposti a misure di prevenzione, mentre, durante specifici posti di controllo su strada, sono stati controllati 16 veicoli.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###