La Csl Soccer sorride, il derby è suo

Sono quattro le squadre che veleggiano in testa alla classifica del girone A del campionato di Promozione a due giornate dall’inizio del campionato. Tra queste ci sono la Compagnia Portuale e il Corneto Tarquinia che vantano sei punti nel carniere dopo appena 180 minuti di gioco. La CPC2005 rifila una cinquina contro il Bomarzo, in un match senza storia, dove la predominanza della roja è stata ben chiara già dall’avvio. Altra compagine, questa, rispetto a quelle delle passate stagioni, concretezza e semplicità alla base di gioco e sviluppi tattici, con un’enorme dose di individualità tecniche. Finisce dunque cinque a zero coi portuali mai in difficoltà, e un Bomarzo che paga a caro prezzo le assenze e la foga dei portuali che in sette minuti mettono al sicuro il risultato. È Ruggiero al 4’ a sfruttare l’assist di Feuli, e poi Gallo al 7’ portano la CPC2005 avanti di due reti. Il match ristagna nella zona nevralgica, con il Bomarzo che non crea nulla fino allo scadere. Ripresa sulla stessa falsa riga della prima frazione. Il pubblico si alza in piedi per il quarto gol di Gallo, da manuale del calcio. In pieno recupero arriva anche il quinto gol. Progressione di Di Gennaro con Ingiosi che lo atterra, Papagno, apparso di manica larga concede il penalty.
In un derby fortemente contestato dai padroni di casa, il Santa Marinella esce sconfitto dal Comunale per 0-1 sui cugini della Csl Soccer. Nell’occhio del ciclone il direttore di gara Aronne di Roma 1 che è stato pesantemente accusato di aver penalizzato la compagine del tecnico Stuccilli. Il gol della vittoria lo mette a segno Gaudenzi, che dai 25 metri lascia partire una staffilata che si insacca a fil di palo. I tirrenici trovano il pari al 3’ della ripresa ma l’arbitro annulla per un inesistente fuorigioco. «La Federazione dovrebbe mettere a disposizione delle società arbitri all’altezza – dice un adirato Paolo Di Martino – perché molto spesso sono loro che determinano i risultati in campo. Lo hanno visto tutti che il gol che ci è stato annullato era regolarissimo, e le immagini dell’emittente locale lo dimostrano senza alcun dubbio. Ma non è tutto. Al 35’ del primo tempo ha espulso giustamente Iacovella, ma con lui sarebbe dovuto andare negli spogliatoi anche colui che ha reagito. Nella ripresa ha cacciato Capoccia per un normale fallo da ammonizione. In nove ci ha precluso ogni possibilità di recupero. Certo, non abbiamo giocato al meglio. Ci sono diversi giocatori che ancora non si sono calati in questa categoria e che non hanno capito che non bisogna rispondere alle provocazioni. Siamo stati poco reattivi sulle seconde palle e sinceramente non so se è una cosa mentale o fisica. Di certo arriviamo sempre secondi. In questa categoria vince chi ha voglia di vincere. Questa squadra non mi accontenta, siamo ancora sul mercato e vedremo cosa succederà fino al 31 marzo». Gioia massima invece sul fronte opposto. «Buona prova la nostra – racconta il diesse Daniel D’Aponte – certo, con la superiorità numerica sopraggiunta, sarebbe stato meglio mettere in ghiaccio il verdetto parziale, comunque ci godiamo Gaudenzi perché noi lo stiamo mettendo al centro del progetto e lui sta ripagando ampiamente la nostra fiducia». Meglio di così non poteva iniziare l’avventura in stagione al Galli per il Città di Cerveteri di mister Silvestri che si è imposta sull’Aurelio Roma Academy per 4-0 dominando sotto tutti i punti di vista. Un successo ancora più da assaporare per i verdeazzurri visto e considerato la cornice di pubblico sugli spalti. Palombini, un’autorete e due volte Bacchi, sono gli autori delle quattro reti e finalizzatori di un gioco corale entusiasmante sotto gli occhi dei supporter cerveterani. Soddisfatto il tecnico Silvestri. «Volevamo iniziare bene in casa e così è stato. Non abbiamo trovato un avversario di grande levatura, però la squadra ha dimostrato di avere carattere e spirito di iniziativa. Test più probanti ci diranno di che pasta siamo fatti. Ci tengo a ringraziare la tifoseria, non pensavo di trovare una tribuna così gremita. Se ci saranno vicino saranno il nostro dodicesimo uomo in campo e chi ci affronta ci dovrà temere». Vittoria esterna per 2 a 1 del Corneto Tarquinia sul campo del Montefiascone. Gli ospiti tengono il pallino del gioco e passano in vantaggio a tempo scaduto con una incornata di Gravina, Guidozzi trova dalla distanza un eurogol che supera Iacomini e regala il pari al Montefiascone ma sul finire Antonini dà ai suoi il gol della vittoria. «Dovevamo chiudere prima il risultato – dice il dg Granato – lo potevamo fare con Forieri ma non ci siamo riusciti. Loro sono giovani e sotto il profilo della corsa ci hanno messo in difficoltà. Antonini è stato bravo. Noi in testa? Siamo agli inizi, è presto, ma vogliamo fare un campionato importante. Cpc e Polisportiva Cimini sono le favorite». «L’obiettivo è quello di fare bene – spiega mister Del Canuto – a noi va bene così. Loro sono giovani e di buona qualità, corrono molto e sono certo che metteranno in difficoltà tutte le avversarie. Sono molto soddisfatto delle prime due giornate di campionato, certo, dobbiamo ancora migliorare». Prima sconfitta stagionale per l’Atletico Ladispoli, battuto sul campo dell’Urbetevere per 2 a 0. Un gol per tempo per i gialloblu, con gli ospiti che, a dispetto del risultato, provano più volte a mutarlo. Alla fine però la retroguardia dei padroni di casa ne esce corsara. Dopo un primo tempo combattuto, in pieno recupero, l’Urbe sblocca grazie alla rete di Montepaone. Sulla scia del vantaggio poi, a poco dopo dall’inizio della ripresa i locali finalizzano con Galderisi. Il match procede a pieni ritmi per tutta la seconda frazione in cui l’Atletico Ladispoli prova a riaprire il risultato, ma al triplice fischio l’Urbetevere sorride e incassa altri tre punti. «Non abbiamo rischiato quasi nulla – dice mister Neto – ma alla fine abbiamo preso due gol nati da errori nostri. È stata una partita equilibrata, con un secondo tempo migliore dove abbiamo cercato di pareggiare. Ci ha condizionati il gol preso poco prima di rientrare negli spogliatoi per il primo tempo. Nella ripresa la partita l’abbiamo fatta noi. Ai punti doveva finire in pari». Allo Scoponi sconfitta per 5-1 il Tolfa di mister Riccardo Sperduti contro gli ospiti dell’Acquapendente. «L’Acquapendente ci è stata superiore  – spiega il team manager Salvatore Incorvaia – sia sotto l’aspetto tecnico che sotto l’aspetto fisico. Partita che già al 20’ del primo tempo registrava un 3-0 e una tripletta del bravo Saleppico, messo per la verità in condizione di battere Boriello per tre volte con troppa facilità. Nel secondo tempo, sebbene c’è stata una reazione con il goal di Trincia, è ancora l’Acquapendente a segnare altre due volte. Si chiude una partita che va presa con il giusto insegnamento senza troppe ansie e con la consapevolezza che c’è molto da lavorare. L’Acquapendente vista d’altri punti ha tutte le carte in regola per competere alla vittoria finale».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Fattori: derby e spettro della chiusura

Per la seconda giornata del girone di andata del campionato di Promozione, il turno prevede i due derby tra il Santa Marinella e la Csl e tra il Corneto Tarquinia e il Montefiscone. 
Dopo l’esordio positivo in casa della Vigor Acquapendente, culminato in un due a zero con le firme di Ruggiero e Gallo, la Cpc2005 diretta da Paolo Caputo attende stamani il Bomarzo. Al Tamagnini, alle 11, andrà in scena la prima gara tra le mura amiche, esordio assoluto per la compagine portuale, nel fortino di Campo dell’Oro. Avversario è l’ostico Bomarzo reduce, all’esordio, dal pareggio casalingo con il Pian due Torri. La rifinitura di venerdì ha dato le definitive indicazioni per i venti da portare in lista gara, con l’unica assenza certa di Lanari che è fermo da tempo per un problema alla caviglia.
Derby intenso, quello di stamani al Comunale di Civitavecchia tra il Santa Marinella e la Csl Soccer. Una gara che regalerà sicuramente emozioni forti con un grande gioco fin dai primi minuti. Da una parte ci sono i ragazzi di mister Fracassa, reduci dalla sconfitta di mercoledì per 1-0 coi Pescatori Ostia nel primo turno preliminare di Coppa Italia, che cercheranno a tutti i costi il riscatto, in particolar modo per ottenere i primi tre punti stagionali dopo aver impattato 1 a 1 all’ultimo secondo all’esordio con il Città di Cerveteri. Una rosa che, nonostante tutto, piace e convince i tanti tifosi e i vertici dirigenziali che sperano nella vittoria. «Sono molto fiducioso – spiega a tal proposito il tecnico Daniele Fracassa – per la gara che andremo a giocare, stiamo bene e vogliamo dimostrarlo sul campo». 
«Rispettiamo il Santa Marinella – dice il ds D’Aponte – che ha delle ottime individualità sia in campo che fuori, basti pensare a Bonaventura, Iacobucci e Stenbock, oltre al preparatissimo mister Stuccilli. Noi, però, andremo al Fattori per prenderci i tre punti, sappiamo che sarà un derby combattuto, ma allo stesso tempo leale ed onesto». 
Dall’altra sponda, invece, c’è il Santa Marinella, che dopo l’amara sconfitta con l’Atletico Ladispoli, vuole a tutti i costi vincere. Privi di Carra, Sanfilippo, Famà e Iacobucci, i padroni di casa puntano a portare via i tre punti. «Ovviamente l’obiettivo è quello di riscattare la sconfitta di domenica – dice Paolo Di Martino – non siamo contenti della gara giocata con l’Atletico Ladispoli e quindi dovremo cambiare atteggiamento. E’un derby molto importante, loro stanno bene sulle gambe. Mentre noi abbiamo problemi di conoscenza visto che ci sono undici giocatori nuovi. La nostra squadra deve migliorare fisicamente e tecnicamente, sono certo che con questa rosa possiamo fare bene. Starò in tribuna perché posso vedere meglio gli errori che facciamo». 
Turno esterno per la Corneto Tarquinia che alle 11 sarà di scena sul campo del Montefiascone. Mister Del Canuto dovrà rinunciare a Varchetta mentre gli altri sono a disposizione. 
«Domenica scorsa abbiamo ottenuto una vittoria importante – dice il tecnico – e direi anche meritata seppur faticosa. Andare a Montefiascone è sempre difficile. Loro sono molto ringiovaniti, conosco bene l’ambiente perché li ho allenato per quattro anni. Hanno un gruppo molto solido. Noli abbiamo fatto un’ottima squadra, vogliamo divertirci e fare un bel campionato, poi tireremo le somme». 
Gara esterna per l’Atletico Ladispoli che questa mattina affronta l’Urbetevere. Assenti Giustini, Screponi, Pulcini e Rago, i ragazzi di Neto puntano al secondo successo consecutivo. 
«La nostra linea quest’anno è quella di portare avanti i giovani – spiega il tecnico – non è facile ma dobbiamo provarci. Abbiamo dei ragazzi validi e puntiamo su di loro per un progetto di tre anni. Un progetto nato già lo scorso anno con Centanni e che quest’anno porto avanti io. Purtroppo la retrocessione ha lasciato il segno, la società inizialmente non voleva partecipare al campionato e invece abbiamo deciso di seguire il progetto giovani e fare una squadra di tutti under presi dalla juniores, insieme a giovani arrivati da altre squadre limitrofe. I presupposti ci stanno. Oggi ci troveremo di fronte dei neo promossi». 
Dopo la bella prova di domenica scorsa a Tarquinia in cui la squadra collinare meritava almeno un punto, alle 15.30 il Tolfa attende allo Scoponi l’Acquapendente, reduce dalla sconfitta casalinga con la forte Cpc. Contro l’ostica squadra viterbese la giovane compagine biancorossa (domenica scorsa in alcuni frangenti ha giocato con ben 7 under in campo) è attesa da una partita dura e complicata da lottare su ogni palla secondo lo spirito tolfetano. Per questa gara mister Sperduti ha convocato tutti. Rientrano Mecucci e l’infortunato Capolonghi, ancora assente Galli (che ritornerà tra due settimane); fuori invece Mojoli.
«lo abbiamo perso fino a gennaio – spiega il team manager Salcatore Incorvaia – perché in partenza per l’Erasmus». 
«Siamo di nuovo alle prese con un’altra partita difficile contro una squadra di tutto rispetto che ha costruito una rosa per ritornare in Eccellenza, non a caso l’Acquapendente é nominata insieme alla Cpc e al Corneto tra le favorite alla vittoria del campionato – spiega patron Giorgio Franchi – noi siamo molto fiduciosi, i ragazzi hanno lavorato sodo e bene durature la settimana, le motivazioni ci stanno tutte e il gruppo sembra essersi riformato come ai vecchi tempi e quindi mi aspetto domani una partita ad alti livelli domani. Inoltre è la prima giornata di campionato che giochiamo allo Scoponi e ciò avrà pure una sua influenza. Infine stanno crescendo molto i giovani a cui mister Sperduti da molta fiducia. Sono certo che domani faremo la partita». 
«Abbiamo affrontato il Tarquinia domenica scorsa – afferma mister Sperduti – ma ci ha detto male. Nonostante le assenze avremmo potuto portare a casa un pareggio. Recupero per oggi Mecucci e Capolonghi, mentre resteranno fuori Galli e Moioli. Noi siamo abbastanza equilibrati perché oltre ad aver riconfermato la vecchia guardia, ho inserito buoni giovani fuori quota, tutti prodotti del posto. Vogliamo fare una stagione positiva, se poi ci troviamo lassù, punteremo al miglior posto possibile». 
Partita interna per il Città di Cerveteri che stamani al Galli affronterà la Roma Academy. Un incontro molto interessante, soprattutto dopo quello che hanno fatto vedere gli etruschi nella sfida con la Csl che sono riusciti a pareggiare in pieno recupero.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Stadio Fattori, l’omologazione è dietro l’angolo

di MATTEO CECCACCI

Sarebbe veramente qualcosa di straordinario per la Civitavecchia sportiva riottenere l’omologazione e l’eventuale deroga riguardante l’intero impianto dello stadio Giovanni Maria Fattori, sito in via Bandiera. Una notizia che renderebbe tutti felici e contenti, soprattutto il Civitavecchia Calcio 1920 del presidente Ivano Iacomelli, così da non disputare più le prime gare di campionato ad Allumiere allo stadio La Cavaccia o addirittura a Tolfa sul manto erboso del Felice Scoponi. Uno stadio, quello di via Bandiera, che già da tempo ha aperto i cancelli alla società del Santa Marinella, per iniziare la preparazione in vista dell’esordio di domenica  nel  campionato di Promozione. Il terreno di gioco, deroga permettendo, darebbe accesso anche alla compagine della juniores Elite nerazzurra che comincerà il suo tragitto sabato 15 settembre. Si attende, dunque, la risposta della Lega Nazionale Dilettanti che in settimana tramite comunicato emanerà la decisione. Da dire, però, che una possibile concessione dello stadio Fattori andrebbe attribuita del tutto alla società che gestisce l’impianto. La Cpc2005, infatti, nonostante i recenti fatti di cronaca che hanno colpito il suo presidente, ha portato avanti la sua battaglia, così come sottolinea il comunicato ufficiale della società portuale: «Sembrano giunti al termine  gli sforzi della Cpc2005 Calcio per l’omologazione dello stadio Fattori. Lavoro che porterà a breve a far rivivere il calcio nel tempio che gli spetta. Nonostante quanto avvenuto non ci si è fermati, l’aspetto più caro e basilare alla Cpc2005 è quello di mettersi al servizio della cittadinanza con un occhio vigile al sociale; non si è arenato ne ha conosciuto tentennamenti, anzi, in una struttura piramidale, che porta chiunque ne faccia parte al centro del progetto, ci si è ancora di più rimboccati le maniche nel nome della Cpc2005, mettendo a tacere chi in questi giorni, in maniera subdola, ha tentato di accostare le due cose».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Csl Soccer, è un girone pieno di derby

di MATTEO CECCACCI

«Il girone A di quest'anno è molto competitivo. Non ho mai visto la presenza di così tante compagini attrezzate per arrivare alla vittoria finale». Esordisce così il giovane direttore sportivo della Csl Soccer Daniel D'Aponte sulla composizione del girone A di Promozione, formato da diciotto squadre che inizieranno il proprio campionato domenica 2 settembre. Un raggruppamento veramente insolito, ma allo stesso tempo curioso, perché sono ben sette i club del comprensorio che durante il corso della stagione si sfideranno continuamente tra di loro in match molto sentiti, meglio dire derby. Le squadre della zona inserite nel girone sono: Atletico Ladispoli, Città di Cerveteri, Compagnia Portuale Civitavecchia, Corneto Tarquinia, Csl Soccer, Santa Marinella e Tolfa. Tutte formazioni che durante il mercato estivo si sono rafforzate, mettendo a segno grandi colpi di mercato, in particolar modo la nuova Cpc2005 di Paolo Caputo che, in sintonia con il patron Sergio Presutti e l'ex direttore sportivo nerazzurro Sandro Fabietti, hanno trasformato l'organico dello scorso anno in un'armata rossa più battagliera che mai, con l'obbligo di arrivare a tutti i costi al primo posto della classifica per poter riassopare quella categoria di nome Eccellenza che gli appartiene pienamente, d'altronde i presupposti ci sono tutti. La Csl, invece, dopo aver chiuso parzialmente la campagna acquisti, anche se qualche ultimo colpaccio prima dell'esordio stagionale potrebbe arrivare, è pronta e carica per scendere sul terreno di gioco del Flavio Gagliardini per dimostrare a tutti le grandi qualità degli under e l'esperienza dei più esperti, fino ad arrivare al bomber Carmine Gaeta, da cui i tifosi e la società si aspettano moltissimo essendo la punta di diamante di Villotti e Fracassa. Domani alle 17.30 al Tamagnini si giocherà l'amichevole tra Cpc2005 e Csl Soccer, un bell'assaggio in vista dell'inizio del torneo. Le restanti compagini del girone A oltre alle sette del comprensorio sono: Aranova, Aurelio Roma Academy, Bomarzo, Canale Monterano, Duepigreco Roma, Doc Gallese, Montefiascone, Pol. Monti Cimini, Pian Due Torri, Pol. Vigor Acquapendente e Urbetevere. I rossoblu faranno il loro esordio in casa domenica 2 settembre alle 11 al Dlf con il Città di Cerveteri, per un derby che già prospetta non poche emozioni, mentre una settimana dopo saranno scintille quando i ragazzi di mister Daniele Fracassa sfideranno il Santa Marinella. Per la partita clou, però, la città dovrà aspettare fino a domenica 30 settembre, quando i portuali faranno tappa sul sintetico del Dlf per una gara che accoglierà centinaia di supporter. il 28 ottobre, invece, sarà il turno dell'Atletico Ladispoli ospite al Gagliardini, la sfida con il Tolfa andrà in scena il 4 novembre tra le mura del Felice Scoponi e il 2 dicembre sarà Csl-Corneto Tarquinia. Riguardo la Coppa Italia ai rossoblu è stato sorteggiato il team dei Pescatori Ostia che ospiteranno i civitavecchiesi al Ludovichetti mercoledì 5 settembre, con ritorno due settimane più tardi. Durante la stagione ci saranno tre soste, ovvero il 30 dicembre (festività natalizie), il 14 aprile ( Torneo delle Regioni) e il 21 aprile (festività pasquali) e un turno infrasettimanale, previsto mercoledì 10 aprile. L'inizio del campionato, dunque, è alle porte e il girone A di Promozione laziale non può che promettere faville e grandissime emozioni così da far divertire ed entusiasmare i numerosi appassionati di questo bellissimo sport: il calcio, in particolar modo quello locale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Csl, è un girone pieno di derby

di MATTEO CECCACCI

«Il girone A di quest'anno è molto competitivo. Non ho mai visto la presenza di così tante compagini attrezzate per arrivare alla vittoria finale». Esordisce così il giovane direttore sportivo della Csl Soccer Daniel D'Aponte sulla composizione del girone A di Promozione, formato da diciotto squadre che inizieranno il proprio campionato domenica 2 settembre. Un raggruppamento veramente insolito, ma allo stesso tempo curioso, perché sono ben sette i club del comprensorio che durante il corso della stagione si sfideranno continuamente tra di loro in match molto sentiti, meglio dire derby. Le squadre della zona inserite nel girone sono: Atletico Ladispoli, Città di Cerveteri, Compagnia Portuale Civitavecchia, Corneto Tarquinia, Csl Soccer, Santa Marinella e Tolfa. Tutte formazioni che durante il mercato estivo si sono rafforzate, mettendo a segno grandi colpi di mercato, in particolar modo la nuova Cpc2005 di Paolo Caputo che, in sintonia con il patron Sergio Presutti e l'ex direttore sportivo nerazzurro Sandro Fabietti, hanno trasformato l'organico dello scorso anno in un'armata rossa più battagliera che mai, con l'obbligo di arrivare a tutti i costi al primo posto della classifica per poter riassopare quella categoria di nome Eccellenza che gli appartiene pienamente, d'altronde i presupposti ci sono tutti. La Csl, invece, dopo aver chiuso parzialmente la campagna acquisti, anche se qualche ultimo colpaccio prima dell'esordio stagionale potrebbe arrivare, è pronta e carica per scendere sul terreno di gioco del Flavio Gagliardini per dimostrare a tutti le grandi qualità degli under e l'esperienza dei più esperti, fino ad arrivare al bomber Carmine Gaeta, da cui i tifosi e la società si aspettano moltissimo essendo la punta di diamante di Villotti e Fracassa. Le restanti compagini del girone A oltre alle sette del comprensorio sono: Aranova, Aurelio Roma Academy, Bomarzo, Canale Monterano, Duepigreco Roma, Doc Gallese, Montefiascone, Pol. Monti Cimini, Pian Due Torri, Pol. Vigor Acquapendente e Urbetevere. I rossoblu faranno il loro esordio in casa domenica 2 settembre alle 11 al Dlf con il Città di Cerveteri, per un derby che già prospetta non poche emozioni, mentre una settimana dopo saranno scintille quando i ragazzi di mister Daniele Fracassa sfideranno il Santa Marinella. Per la partita clou, però, la città dovrà aspettare fino a domenica 30 settembre, quando i portuali faranno tappa sul sintetico del Dlf per una gara che accoglierà centinaia di supporter. il 28 ottobre, invece, sarà il turno dell'Atletico Ladispoli ospite al Gagliardini, la sfida con il Tolfa andrà in scena il 4 novembre tra le mura del Felice Scoponi e il 2 dicembre sarà Csl-Corneto Tarquinia. Riguardo la Coppa Italia ai rossoblu è stato sorteggiato il team dei Pescatori Ostia che ospiteranno i civitavecchiesi al Ludovichetti mercoledì 5 settembre, con ritorno due settimane più tardi. Durante la stagione ci saranno tre soste, ovvero il 30 dicembre (festività natalizie), il 14 aprile ( Torneo delle Regioni) e il 21 aprile (festività pasquali) e un turno infrasettimanale, previsto mercoledì 10 aprile. L'inizio del campionato, dunque, è alle porte e il girone A di Promozione laziale non può che promettere faville e grandissime emozioni così da far divertire ed entusiasmare i numerosi appassionati di questo bellissimo sport: il calcio, in particolar modo quello locale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vecchia, via De Santis e Forieri

di MATTEO CECCACCI

Comincia a perdere pedine importanti il Civitavecchia Calcio 1920 che, a venti giorni dall’inizio della preparazione presso il campo sportivo Felice Scoponi di Tolfa solo per un primo momento, vede sfuggirsi fra le proprie mani il forte mediano classe ’98 Francesco De Santis e il talentuoso centrocampista centrale classe ’00 Matteo Forieri. Due under di fondamentale rilevanza che durante il corso della stagione si sono maggiormente distinti dando sempre il massimo in ogni match e allenamento. Ora, però, è giunto quel momento che le strade si dividono sia per uno che per l’altro: De Santis, infatti, dopo essere arrivato al Fattori a metà anno dal Tolfa, retrocesso in promozione, ha firmato tre giorni fa il contratto che lo legherà per un anno alla società Montaltese. 
«Mi dispiace – spiega Francesco De Santis – lasciare il Civitavecchia, ma il Montalto mi ha convinto e non ci ho pensato due volte a firmare. Ringrazio, però, la società nerazzurra per questo metà anno molto faticoso pieno di sacrifici, mettendomi spesso anche fuori ruolo, ma per il bene della mia città questo era il minimo che potessi fare, come entrare in campo con cinque punti sulla testa che alla fine ne è valsa la salvezza. Spero che non sia un addio, ma soltanto un arrivederci». 
Sulla stessa lunghezza d’onda c’è il talentuoso centrocampista classe ’00 Matteo Forieri che dopo anni e anni di settore provinciale tra Corneto Tarquinia e Montalto, ha disputato un’eccezionale stagione con la Juniores Elite di Pino Brandolini vantando ben 28 presenze e un gol. Un campionato impeccabile che l’ha portato alla soddisfazione più grande che un qualsiasi calciatore può ambire: esordire in prima squadra e Forieri ci è riuscito ben cinque volte, grazie anche alla fiducia dell’ex Ugo Fronti. Il tarquiniese, ora, è in procinto di rivestire la maglia della Corneto Tarquinia riguardante il campionato di promozione, un’ardua scelta che si concretizzerà entro fine settimana quando Forieri stilerà la firma. «Una separazione – commenta il centrocampista – quasi obbligatoria dovuta a vari motivi, da quelli personali a quelli di studio; affronterò il quinto anno e per me giocare in casa è la cosa migliore oltre essere un ottimo vantaggio. Al Civitavecchia lascio ricordi bellissimi, dalla salvezza con la Juniores ottenuta grazie all’infinito lavoro  svolto dei miei compagni ai svariati esordi con la prima squadra. Ringrazio per tutto questo la società e i miei tecnici Brandolini e Fronti, ho trascorso veramente un anno felice che mi ha reso orgoglioso di aver indossato la maglia nerazzurra».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Tolfa deve vincere e sperare in un passo falso del Tor Sapienza

Ultima giornata del campionato di Eccelenza e il Tolfa di mister Caputo chiuderà la stagione tra le mura amiche dello Scoponi. Come già domenica scorsa tutte le partite saranno giocate in contemporanea e il Tolfa giocherà nel rettangolo collinare nell’inconsueto orario delle 11. In questa sfida di fine stagione i biancorossi si scontreranno con il Monte Grotte Celoni, squadra già salva. I pupilli di patron Franchi devono non solo cercare di vincere ma anche sperare in un risultato favorevole provenite da Tor Sapienza, dove la squadra locale cercherà di trovare almeno il punto che potrebbe proiettarla ai playout. Tutto quindi sembra molto difficile, ma il calcio a volte riserva delle sorprese per cui la squadra collinare dovrà per prima cosa fare il proprio dovere e vincere in casa e poi sperare. 
«È una giornata al cardiopalma – spiega il presidente del Tolfa Giorgio Franchi – cuore, corpo e mente in campo ma col pensiero in attesa di notizie dagli altri campi. A noi servono i tre punti per andare a fare i playout quindi daremo il massimo. Noi faremo la nostra partita e speriamo poi nei risultati positivi per noi anche dagli altri campi». 
Non saranno della partita il portiere e il difensore Boriello che si sono infortunati entrambi nella sfida ad Artena; mancheranno poi Compagnucci e Oliviero ormai assenti da qualche tempo. Mister Caputo per questa partita ha convocato tutta la rosa come consuetudine nelle partite casalinghe.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Tolfa piega il Ladispoli

<p>Una vittoria forse inattesa ma decisamente fondamentale quella che il Tolfa ha conquistato sul rettangolo amico dello Scoponi, nel match valevole per la 32^ giornata del campionato di Eccellenza laziale girone A, battendo col risultato di 1-0 i rivali del Ladispoli; formazione attualmente scivolata sulla terza casella della classifica rimanendo a quota 62 lunghezze all&rsquo;attivo.<br />
A decidere la gara la rete messa a segno al 28&rsquo; del primo tempo da Bonaventura che poi regaler&agrave; la vittoria al team collinare.<br />
Una vera e propria boccata d&rsquo;ossigeno per il team in maglia biancorossa e diretto da mister Paolo Caputo che, con i tre punti conquistati, si piazza in penultima posizione salendo a quota 30 lunghezze e ora dista soltanto quattro punti dalla zona playout.</p>

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tolfa-Ladispoli: sfida dagli obiettivi opposti

Scontro cruciale ma dagli obiettivi opposti quello che si giocherà domani pomeriggio alle 16.30 allo Scoponi, nel match valevole per la 32^ giornata del campionato di Eccellenza laziale girone A, e che vedrà opposti i padroni di casa del Tolfa ai rivali del Ladispoli. (Agg. 24/4 ore 17.58 SEGUE)

QUI TOLFA – I collinari diretti da mister Paolo Caputo, attualmente penultimi in classifica con 27 lunghezze all’attivo, hanno un gran bisogno di punti visto che sono in piena lotta salvezza e, se vorranno centrare l’obiettivo della permanenza nella categoria, dovranno assolutamente tentare l’impresa anche con una squadra forte e in forma come il Ladispoli. (Agg. 24/4 ore 18.22 SEGUE)

QUI LADISPOLI – Sul versante rossoblu invece la situazione è diametralmente opposta con l’undici diretto da mister Pietro Bosco, al momento secondo in classifica a quota 62 punti e distante soltanto due lunghezze dalla vetta attualmente occupata dal Vis Artena, che dopo il pareggio interno per 2-2 proprio contro la prima della classe, cercherà il tutto per tutto per tenere il passo degli avversari diretti e magari coronare quel sogno che da anni cullano in casa Ladispoli e che si chiama serie D. Due momenti davvero diversi, dunque, quelli che vivono le due squadre che saranno impegnate sul rettagnolo dello Scoponi di Tolfa, eppure entrambe hanno delle buone ragioni per dare il massimo in tutti i 90’ della gara; per questo lo spettacolo sembra garantito. (Agg. 24/4 ore 18.50)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Tolfa sciupa una buona chance per la salvezza

Pari e patta fra Tolfa e Real Monterotondo Scalo. Alla fine quindi un pareggio che tiene ancora aggrappato il Tolfa al carro dei playout, e «vista come si era messa – spiegano i dirigenti del Tolfa – non ci resta che tirare un sospiro di sollievo». Una partita di importanza capitale quella giocata allo Scoponi di Tolfa tra la squadra locale e il Real Monterotondo Scalo, visti i risultati della mattina una vittoria poteva veramente portare addirittura a speranze di salvezza diretta. Purtroppo il team di mister Paolo Caputo ha dovuto fare i conti con l’agguerrita squadra romana reduce da un’importantissima vittoria contra la prima della classe. La gara è stata nervosa visto che la posta in palio era molto alta. Il primo tempo è trascorso in sostanziale equilibrio fino al gol del vantaggio, viziato da un fallo, della squadra ospite che cambia la partita perché in un solo colpo la squadra biancorossa subisce il vantaggio e perde per espulsione il capitano Cascianelli. La partita a questo punto è diventata cattiva e, sebbene il Tolfa abbia mostrato una certa reazione, non ha però mai prodotto occasioni importanti. Il secondo tempo si è aperto con la squadra biancorossa che con l’uomo in meno ha reagito e ha cercato di riversarsi in avanti, ma si è al contempo esposta ai contropiedi della compagine romana che in più di un’occasione ha fallito il raddoppio. Il Tolfa è allo stremo, ha dato tutto, ed è solo grazie ad un eurogol del giovane Spagnoli a dieci minuti dalla fine che ha raggiunto il pareggio. «Sebbene sia poca cosa – commentano i dirigenti della squadra collinare – un punto ci permette ancora di rimanere a galla in un campionato che ora ci vedrà opposti a squadre titolate contro cui, vuoi o non vuoi, dovremo fare punti per cercare di raggiungere almeno i playout».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###