Il Crc alla ricerca di giovani talenti

Il Centumcellae Rugby Civitavecchia è alla ricerca  di nuovi talenti. Giovani con il desiderio di venire a giocare divertendosi. 
 Non cambia la filosofia del Crc nel suo ruolo di supporto ai ragazzi di condividere la vita sia in campo che fuori.
L’obiettivo è di assicurare loro un pezzo di futuro, attraverso una solida preparazione sportiva che garantisca loro di avvicinarsi nel miglior modo possibile alla scuola di vita e di praticare rugby.
Oggi ci sarà l’open day per passare una giornata alla scoperta del Civitavecchia Rugby Centumcellae dalle 16 alle 18 presso il Campo Moretti della Marta. Il Crc invita a partecipare all’evento tutti i ragazzi/e dai 4 anni in su dove conosceranno gli allenatori, educatori, dirigenti e giocatori del rugby cittadino.
Il Crc tra le tante realtà dello sport ha voluto creare una lente di ingrandimento sul territorio, dando voce a chi studia da tempo questi temi, ma soprattutto a chi ci convive ogni giorno, lavorando per scovare, crescere e sviluppare nuovi talenti.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Rubinetti a secco per diverse ore

di TONI MORETTI

CERVETERI – La scoperta, stamattina intorno alle sette: i rubinetti asciutti e subito come ci ha abituati si invia un messaggio al sindaco pascucci per avvertirlo della situazione che si era venuta a creare. L’o stupore più grande, credetemi, l’ho avuto quando verso le sette e cinquanta arriva il suono della campanella che avvertiva la ricezione di un messaggio sul cellulare  Era il sindaco che rispondeva: «Si ho scritto ad Acea». Ma Successivamente verso le nove un altro messaggio del sindaco informa che «a causa di un guasto elettrico all’impianto di sollevamento, il serbatoio che rifornisce Cerveteri Capoluogo è rimasto senza acqua». Avvertiva tra l’altro che ACEA era già intervenuta per la riparazione ma che per la delicatezza del danno ci sarebbero volute alcune ore per il ripristino del servizio. Intanto  due autobotti avrebbero alleggerito il disagio provocato dall’emergenza. Non si può dire che il suo monitorare in prima persona e il suo coinvolgimento diretto nelle attività che riguarda l’Acea nella gestione del servizio idrico, non sia costante. Sarà che tra l’amministrazione e l’azienda ci sono state estenuanti trattative per le condizioni e le criticità in cui sin dall’inizio è stata trovata la rete idrica e fognaria, trattative che comunque hanno trovato sempre soluzioni soddisfacenti per la continuazione del rapporto, grazie anche all’impegno e alla disponibilità dei dirigenti Acea, che forse, in fondo in fondo, qualcosa da farsi perdonare, ce l’hanno. Appena sono uscito da casa, naturalmente ho raccolto gli “smadonnamenti” di chi comunque non perde occasione di dire che anche quando piove il governo è ladro, ma nelle prime ore del pomeriggio comunque,  i rubinetti hanno ripreso a distribuire acqua e i bar, che la mattina facevano il caffè con l’acqua minerale e lo servivano nel bicchierino usa e getta, hanno ripreso a servirlo nella tazza e a farlo con l’acqua della rete idrica. 
Disagio si comunque e comprensibile  irritazione di chi ha dovuto in qualche modo arrangiarsi ma non più di quanto succede a chi al mattino trova la batteria a terra e l’auto non parte.Il notevole ritardo nel ripristino è stato comunque dovuto al fatto che non ci si è accorti subito del guasto che ha consentinto lo svuotamento dei serbatoi lasciando gradualmente tuttà la città all’asciutto.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tarquinia, notte Bianca della biodiversità: oltre 300 presenze alla prima edizione

TARQUINIA – La Riserva Naturale Statale “Saline di Tarquinia”, ha ospitato l'evento denominato "La Notte bianca della biodiversità" realizzato dal Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Roma, attraverso il locale Nucleo che durante tutto l’anno tutela il sito, habitat importantissimo per il ripopolamento animale.

Sabato scorso, quindi, dalle ore 21 e fino alle ore 23 e 30, oltre 300 persone hanno avuto l’occasione pressoché unica di vivere la Riserva in notturna, godendo di un’apertura straordinaria alla scoperta della Natura, dei suoi rumori, dei suoi profumi.

Scopo della manifestazione è stato quello di promuovere l'osservazione e lo studio della fauna notturna locale e favorire la conoscenza e divulgazione delle Riserve Naturali e delle attività che in esse si svolgono

La preziosa collaborazione di alcuni astrofili ha fatto sì che i tanti partecipanti (tra i quali numerose famiglie) abbiano potuto ammirare stelle e costellazioni, in un’atmosfera incantevole, in una notte di luna nuova, senza luci artificiali e senza rumori.

I visitatori, lungo un percorso appositamente creato all’interno del vecchio impianto di produzione del sale, accompagnati da Carabinieri Forestali esperti nell’educazione ambientale, hanno avuto modo di abbandonare per qualche ora la confusione della vita quotidiana per immergersi nella Natura, scoprire la storia delle Saline e vivere un’esperienza particolare e significativa legata alla riscoperta delle proprie emozioni e dei propri sensi.  

Un evento speciale, dove, col favore della tenebre, per i partecipanti è stato possibile, almeno per una notte, riappropriarsi della ricchezza misteriosa della vita notturna degli ecosistemi e diventarne parte.

Una serata per innamorati della natura, che dovrà contribuire alla creazione di coscienze autenticamente ambientaliste ed alla nascita di uno spontaneo rispetto degli ecosistemi: solo così, conoscendo l’importanza della biodiversità e della conservazione degli equilibri ecologici, si avrà una efficace prevenzione dei comportamenti negativi a danno della Natura e l’inizio di cicli comportamentali virtuosi verso di essa, elemento fondante di tutta la vita sul nostro Pianeta.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Alle Saline la notte bianca della biodiversità

TARQUINIA – Il Reparto Carabinieri Biodiversità di Roma ha organizzato la “Notte bianca della Biodiversità”, un’occasione speciale per vivere le Riserve naturali in notturna e nel caso delle Saline di Tarquinia praticamente unica, accompagnati dagli esperti dell’educazione ambientale del Nucleo che durante tutto l’anno tutela il sito, habitat importantissimo per il ripopolamento animale.
Sabato 8 settembre 2018, a partire dalle ore 21 e fino alle ore 23 e 30, pertanto,  si terrà un’apertura straordinaria notturna della Riserva Naturale, alla scoperta della biodiversità notturna per scoprire la magia della natura. La Riserva di notte non dorme ma racconta storie, riecheggia dei versi degli animali notturni e dei richiami di quelli selvatici; è il momento in cui i profumi sono più intensi e le stelle illuminano la notte.  Grazie alla collaborazione di alcuni astrofili, sarà possibile ammirare stelle e costellazioni, in un’atmosfera quasi magica, lontani dalle luci artificiali e dalla rumorosità che in città rendono poco visibili i corpi celesti e disturbano le tante specie animali che prima erano comunemente presenti nei sobborghi urbani. 
L’esperienza notturna in Riserva permetterà ad ogni visitatore di riappropriarsi di molti ricordi e percepire intense sensazioni, diverse da quelle abituali.
I Carabinieri Forestali condurranno i visitatori all’interno delle vecchie Saline per far immergere ciascuno nella natura dopo il tramonto e scoprirne i segreti, per far conoscere la biodiversità notturna e le storie che hanno caratterizzato questo ambiente naturale, per far capire che la salvaguardia dell’ambiente è la miglior medicina per il futuro di ciascuno.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Le pallavoliste del Tolfa  volley ospiti della città di Ghajnsielem

TOLFA – Continua e si approfondisce sempre più il rapporto di gemellaggio fra Tolfa e Malta. Il Tolfa Volley Asd con le sue giovani pallavoliste è stato ospite della città di Ghajnsielem nell’isola di Gozo per i festeggiamenti della ‘’Madonna di Loreto’’, che si svolge ogni anno a fine agosto. Le 16 ragazze dai 10 ai 14 anni, accompagnate da dirigenti e genitori (per un totale di 41 persone) si sono avventurati alla scoperta dell’isola di Gozo e hanno apprezzato tantissimo l’ospitalità degli abitanti di Ghajnsielem e le bellezze della seconda isola di Malta. Uno degli aspetti che più ha colpito le giovani pallavoliste è stata la conoscenza e il forte apprezzamento che hanno i cugini maltesi per la città di Tolfa molto conosciuta a Gozo. La  bellissima avventura è stata suggellata da un incontro istituzionale col sindaco Franco Ciangura e altri rappresentanti della comunità maltesi. Si rafforza così sempre più il rapporto gemellare tra la nostra città e la città di ghajinsielem nell’isola di Gozo. Il prossimo anno, in occasione del quindicennale di gemellaggio tra le due comunità, sarà realizzata la nuova ‘’piazza Tolfa».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sagra dell'Uva ed Etruria Eco Festival, oltre 100mila presenze

CERVETERI – Nemmeno la pioggia e il maltempo hanno fermato i tanti visitatori dall'affollare la città etrusca per assistere alla tradizionale Sagra dell'Uva e del Vino dei Colli Ceriti che quest'anno si è “fusa” con l'Etruria EcoFestival. Sono state oltre 100mila le presenze registrate nei quattro giorni delle manifestazioni. «Sono stati giorni straordinari – ha detto il sindaco Alessio Pascucci – l'emozione con Gli Stadio e il mito Gaetano Curreri, la travolgente musica di Paola Turci, la romanità di Luca Barbarossa, si sono unite con gli spettacoli di Piazza Aldo Moro dove si sono meravigliosamente alternati musica e comicità». Gremita la piazza del vino, animata sempre da spettacoli originali «che hanno accompagnato le degustazioni dei vini del territorio – ha proseguito il Sindaco – Fino a Piazza Risorgimento, dove artigianato di qualità e artisti di strada hanno appassionato tantissime famiglie. Un grandissimo lavoro di squadra, che ha visto coinvolti quattro assessorati: quello alle Politiche Culturali, alle Attività Economiche e Produttive, quello al Rilancio dell'Agricoltura e quello al Turismo, oltre agli uffici comunali e tantissimi uomini, donne, ragazzi e ragazze che hanno lavorato come volontari». Soddisfatta anche l'assessore alle Politiche culturali Federica Battafarano: «Un binomio che si è dimostrato essere vincente, quello di Sagra ed Etruria Eco Festival. Da un lato la tradizione, con tutti gli appuntamenti tradizionali della Sagra che anche quest'anno ha mantenuto forte e viva la tradizione. Dall'altro lo spettacolo di una rassegna che ormai da 12 anni ospita sul palco artisti e veri e propri big della musica. Il lavoro di tutta l'amministrazione è stato immenso e le presenze, il grande afflusso di persone in tutti i giorni degli eventi hanno confermato quanto la scelta sia stata indovinata». Ampio successo anche per la Piazza del Vino e dei Sapori, «una vetrina d'eccezione per tutte le aziende vitivinicole – ha spiegato l'assessore all'Agricoltura Riccardo Ferri – non solo di Cerveteri ma di tutta la Regione che hanno potuto far conoscere a un pubblico davvero grande, le proprie eccellenze». Così come a riscuotere successo sono state anche le visite guidate alla mostra “I capolavori ritrovati”, allestita nei locali di Case Grifoni, alla Necropoli della Banditaccia e al Museo Nazionale Caerite. «Come ogni anno – ha sottolineato infatti l'assessore al Turismo, Lorenzo Croci – le visite guidate e la scoperta del nostro patrimonio Unesco sono state tra le protagoniste della nostra Sagra, segno che Cerveteri rappresenta un punto di riferimento per tanti turisti e visitatori di tutto il Lazio». Spazio, quello allestito in Piazza Risorgimento che ha dato la possibilità anche ad artigiani locali di mettere in mostra le loro capacità: «Sono state settimane di intenso lavoro – ha proseguito l'assessore alle Attività Economiche e Produttive, Luciano Ridolfi – durante il quale ho potuto contare su un team di persone che con me ha curato ogni minimo dettaglio delle iniziative proposte». E come da tradizione, anche quest'anno non poteva mancare in alcun modo la Sfilata dei Carri Allegorici, realizzati come sempre dai Rioni di Cerveteri.«Un grandissimo spettacolo – ha sottolineato Ridolfi – una tradizione unica che si tramanda di generazione in generazione, che come sempre ha regalato emozioni», portando sul podio dei vincitori il Rione Garbatella.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sagra dell'Uva ed Etruria Eco Festiva, oltre 100mila presenze

CERVETERI – Nemmeno la pioggia e il maltempo hanno fermato i tanti visitatori dall'affollare la città etrusca per assistere alla tradizionale Sagra dell'Uva e del Vino dei Colli Ceriti che quest'anno si è “fusa” con l'Etruria EcoFestival. Sono state oltre 100mila le presenze registrate nei quattro giorni delle manifestazioni. «Sono stati giorni straordinari – ha detto il sindaco Alessio Pascucci – l'emozione con Gli Stadio e il mito Gaetano Curreri, la travolgente musica di Paola Turci, la romanità di Luca Barbarossa, si sono unite con gli spettacoli di Piazza Aldo Moro dove si sono meravigliosamente alternati musica e comicità». Gremita la piazza del vino, animata sempre da spettacoli originali «che hanno accompagnato le degustazioni dei vini del territorio – ha proseguito il Sindaco – Fino a Piazza Risorgimento, dove artigianato di qualità e artisti di strada hanno appassionato tantissime famiglie. Un grandissimo lavoro di squadra, che ha visto coinvolti quattro assessorati: quello alle Politiche Culturali, alle Attività Economiche e Produttive, quello al Rilancio dell'Agricoltura e quello al Turismo, oltre agli uffici comunali e tantissimi uomini, donne, ragazzi e ragazze che hanno lavorato come volontari». Soddisfatta anche l'assessore alle Politiche culturali Federica Battafarano: «Un binomio che si è dimostrato essere vincente, quello di Sagra ed Etruria Eco Festival. Da un lato la tradizione, con tutti gli appuntamenti tradizionali della Sagra che anche quest'anno ha mantenuto forte e viva la tradizione. Dall'altro lo spettacolo di una rassegna che ormai da 12 anni ospita sul palco artisti e veri e propri big della musica. Il lavoro di tutta l'amministrazione è stato immenso e le presenze, il grande afflusso di persone in tutti i giorni degli eventi hanno confermato quanto la scelta sia stata indovinata». Ampio successo anche per la Piazza del Vino e dei Sapori, «una vetrina d'eccezione per tutte le aziende vitivinicole – ha spiegato l'assessore all'Agricoltura Riccardo Ferri – non solo di Cerveteri ma di tutta la Regione che hanno potuto far conoscere a un pubblico davvero grande, le proprie eccellenze». Così come a riscuotere successo sono state anche le visite guidate alla mostra “I capolavori ritrovati”, allestita nei locali di Case Grifoni, alla Necropoli della Banditaccia e al Museo Nazionale Caerite. «Come ogni anno – ha sottolineato infatti l'assessore al Turismo, Lorenzo Croci – le visite guidate e la scoperta del nostro patrimonio Unesco sono state tra le protagoniste della nostra Sagra, segno che Cerveteri rappresenta un punto di riferimento per tanti turisti e visitatori di tutto il Lazio». Spazio, quello allestito in Piazza Risorgimento che ha dato la possibilità anche ad artigiani locali di mettere in mostra le loro capacità: «Sono state settimane di intenso lavoro – ha proseguito l'assessore alle Attività Economiche e Produttive, Luciano Ridolfi – durante il quale ho potuto contare su un team di persone che con me ha curato ogni minimo dettaglio delle iniziative proposte». E come da tradizione, anche quest'anno non poteva mancare in alcun modo la Sfilata dei Carri Allegorici, realizzati come sempre dai Rioni di Cerveteri.«Un grandissimo spettacolo – ha sottolineato Ridolfi – una tradizione unica che si tramanda di generazione in generazione, che come sempre ha regalato emozioni», portando sul podio dei vincitori il Rione Garbatella.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cerveteri, libri abbandonati in strada: tra questi la prima edizione del Gattopardo

CERVETERI – Ritrovamento fortunato quello avvenuto qualche giorno fa a Cerveteri da parte del giovane autore e sceneggiatore Tv Igor Artibani. Qualcuno, incurante anche del decoro e dell'igiene urbana, aveva pensato bene di sbarazzarsi di qualche libro. Fato ha voluto che a ritrovarli, vicino ai rifiuti, sia stato proprio il giovane. Un vero e proprio tesoretto. Eh si, perché tra quei libri c'era anche la prima edizione italiana de Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa per un valore che si aggira tra i 900 e 1.300 euro.
"Volevo ringraziare l'anonimo donatore che a Cerveteri ha pensato di disfarsi di alcuni libri in un modo molto civile e rispettoso dell'ambiente in cui vive – commenta il giovane sui social network – Ne ho raccolti alcuni, tra cui 'Il Gattopardo'. È una prima edizione. Valore: attorno ai 1000€. Grazie di cuore".
Il merito della scoperta, va comunque al suocero di Iva che, conoscendo la sua passione per i libri, lo ha avvisato di averne trovati alcuni proprio all'angolo della strada. E così mentre a uno a uno li stava consultando ha scoperto quell'opera di grande valore. 
"Quell'edizione – spiega lo sceneggiatore sulle colonne di Repubblica – con quella stessa copertina, in realtà si trova ai mercatini a un euro – due euro perché nel corso degli anni è stata ristampata più volte. Ecco perché non gli avevo dato molto peso". E invece è rimasto incredulo quando ha aperto la copia e ha notato la dicitura 'Prima edizione italiana: novembre 1958'.  "E pensare che non me ne sono accorto nemmeno subito – ammette – perché avevo lasciato i libri in macchina per un paio di giorni".
A Cerveteri abbiamo la raccolta differenziata, non ha senso buttarli accanto a un bidone per la raccolta dei vestiti – conclude Artibani

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###