Il Città di Cerveteri si carica grazie a Bacchi

Numeri alla mano per il Città di Cerveteri che ha un’immensa passione per il calcio. Una piazza da un passato glorioso e un recente presente fino a qualche anno fa, dignitoso con la partecipazione in Eccellenza e sfide con Rieti e Viterbese. Ma si sa, come spesso succede i tifosi rispondono solamente se arrivano i risultati. Di questo ne sa qualcosa il neo acquisto Danilo Bacchi: un passato in squadre di Serie C come Pagani e Gela.
«Ho giocato – spiega il centrocampista – in stadi gremiti di tifosi contro compagini caldissime. So bene cosa significa avere dalla parte la spinta dei propri supporter. Cerveteri, mi ricordo, portava allo stadio un pubblico meraviglioso. È una città che ha dei tifosi tra i più caldi del territorio, ma al contempo sono anche esigenti, quindi vogliono vincere e subito. Per fare risultati, però, è necessario arrivare a salire di categoria. Bisognerà lavorare sui progetti a lunga scadenza e penso che questa dirigenza ne abbia. Quest’anno – conclude Bacchi – possiamo fare bene e giocarcela con tutti. Dove possiamo arrivare non sono tenuto a dirlo, non saprei affrontare un discorso così prematuramente. Di sicuro posso rassicurare i tifosi che possono divertirsi e che la domenica non dovranno lasciarci soli».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pampinella vince la Coppa Italia

È Tommaso Pampinella il nuovo campione d’Italia di Sup. Il pluripremiato atleta civitavecchiese continua quindi a mettere trofei e vittorie nel suo palmares. Dopo il terzo posto ottenuto domenica scorsa a Livorno si è concluso ufficialmente il Campionato Italiano di SUP Race FISW e Pampinella è potuto salire sul massimo gradino del podio. «Mi sentivo molto stanco essendo l’ultima delle 11 gare di campionato – spiega Pampinella – per questo è stata davvero dura, ma sono riuscito comunque a non mollare e a rimanere sempre tra le prime posizioni, il risultato finale mi ha permesso di portare a casa la vittoria della Coppa Italia 2018. E’ stato un campionato davvero duro e aperto fino all’ultima giornata e posso ritenermi più che soddisfatto del risultato ottenuto». Le gare si sono svolte a Livorno, Firenze, Taranto, Vasto, Milano, Anzio, Maccarese, Senigallia, Cecina, Noli e Antignano: «Sono stato costretto a saltare tre gare a causa degli impegni internazionale dell’Eurotour e per questo – prosegue Pampinella – è stato ancora più difficile portare a casa il titolo. Ci tengo a ringraziare i miei sponsor che mi hanno supportato durante il campionato, la Lni Civitavecchia per avermi dato la possibilità di allenarmi nelle migliori condizioni possibili e il mio club di appartenenza, l’ASD The Beach Club. Ora non resta che riposarmi qualche giorno per poi riprendere gli allenamenti e in vista degli assoluti a Riva del Garda l’1 e 2 settembre per poi prepararmi alla fase finale della stagione 2018». Complimenti a Pampinella da parte del vice presidente della Lni, Giovanni Spinelli: «Tommaso è un campione in correttezza, serietà e impegno. Siamo orgogliosi di averlo nel roster dei nostri tecnici perchè è un campione in acqua e nella vita ed è un buonissimo esempio per tutti. A lui i miei complimenti e quelli di tutto il nostro Circolo». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Minisini e Flamini argento Europeo

Una gioia incontenibile per i due sincronetti Giorgio Minisini e Manila Flamini che agli Europei di Glasgow hanno conquistato il secondo posto nel duo misto tecnico, mentre Linda Cerruti e Costanza Ferro nel doppio tecnico hanno ottenuto il bronzo. Il campione italiano, nativo di Cerveteri, ha scelto di un tema molto toccante: il dramma degli immigrati e gli sbarchi a Lampedusa con la coreografia di Anastasija Ermakova sulle note di ‘‘A scream from Lampedusa’’ di Michele Braga. Nonostante l’eccelsa prova del duo italiano sia stata una delle migliori, Minisini e Flamini non sono riusciti però a conquistare l’oro a causa di un’imperfezione nell’esecuzione di un barracuda. Un errore che gli ha negato la gioia più grande, anche se l’argento ottenuto, come quello di due anni fa agli Europei di Londra non può che farli sorridere lo stesso. «Un errore – ha scritto su Facebook Susanna De Angelis, mamma di Giorgio ed ex tecnico delle sincronette della Snc Civitavecchia – può essere solo un sasso su cui si cade oppure uno da usare come nuovo punto di appoggio per salire più in alto; sono sicura che per voi è sicuramente il secondo caso. Le sfide non vi spaventano. Orgogliosa di voi».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Antonio Tiberi pedala più forte di tutti

Weekend ricco di grandi risultati per il team Franco Ballerini-Primigi Store che nelle tre corse affrontate ha occupato tutte e tre le posizioni del podio.
È di pochi minuti fa la notizia del successo di Antonio Tiberi che ha dominato in solitario il Gp Neri Sottoli dopo aver staccato tutti i suoi rivali sulle durissime pendenze del Fornello, incrementando e poi gestendo il vantaggio nei successivi 40 km e chiudendo con 1’ di vantaggio sugli inseguitori. Per Tiberi si tratta del sesto successo stagionale che porta il team Franco Ballerini-Primigi Store a quota sette.
Tiberi era stato assoluto protagonista anche nella giornata di domenica conquistando la medaglia d’argento ai campionati nazionali Juniores a 20’’ da Andrea Piccolo. In 24 ore due risultati di prestigio per un corridore che, nonostante sia solo al primo anno, sta dimostrando qualità impressionanti. «È un periodo positivo – spiega il team manager Marco Cacciamani – che ci sta portando molte soddisfazioni. Dobbiamo continuare così».
Il terzo podio del weekend, invece, è stato ad appannaggio di Luca Roberti che ha ceduto la maglia di campione Regionale del Lazio a Martin Marcellusi lottando comunque fino alla fine per salire nella top 3. Missione compiuta in una corsa che ha visto Marcellusi attaccare da lontano con Roberti che ha tenuto duro chiudendo al 3° posto alle spalle di Giustino.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli, è caccia al serpente

LADISPOLI – A Ladispoli si è aperta la caccia al serpente. Anche l’altro pomeriggio, come nelle scorse settimane, un rettile è tornato a far visita ad un’abitazione. L’allarme è scattato alle 16 in via dei Campi Fioriti, quartiere residenziale Campo Sportivo. «Aiuto, un serpente sulle scale di case, aiuto», la signora è fuggita alla vista dello “sgradito” ospite. La Protezione civile di Ladispoli ha subito girato la segnalazione ai volontari ambientali del Nogra che ci hanno impiegato pochi minuti per raggiungere l’appartamento. Gli esperti hanno iniziato a setacciare il giardino per recuperare l’animale.

Pochi giorni fa “frustone” si era incuneato nell’androne di una palazzina in via Genova riuscendo persino a salire al primo piano dove per ironia della sorte risiede una guardia zoofila del Nogra. Alla fine la serpe è stata recuperata in strada. Negli ultimi tempi in città serpenti come bisce, frustoni e saettoni sono stati avvistati spesso, soprattutto lungo le sponde dei fossi. A Cerveteri il mese scorso una lunga biscia si era infilata di domenica sotto al tavolo della cucina mentre la famiglia era a pranzo.

Dopo le numerose segnalazioni del periodo di maggio il Comune – attraverso una nota stampa – era stato costretto a rassicurare la popolazione: «Vorremmo tranquillizzare tutti sul fatto che non c’è nulla di anomalo nel trovare presso i fiumi le più comuni bisce d’acqua o bisce dal collare, diffuse ovunque in Italia, di indole mansueta e per niente aggressive. Si accoppiano generalmente nel mese di maggio deponendo le uova fra giugno e agosto, avendo sempre cura di scegliere località ben protette e umide». E a Ladispoli c’è chi organizza incontri di prevenzione proprio sui serpenti. Il seminario sulla conoscenza dei rettili, promosso dal comune ladispolano, in sinergia con protezione civile, guardie zoofile Nogra, Fare Ambiente, associazione Natura Onlus e Nucleo Subacqueo di Cerveteri, si è tenuto due settimane fa in biblioteca e nell’oasi di Palo Laziale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Raffaele Giammaria protagonista al Mugello

Una rimonta entusiasmante in gara uno e una prestazione da assoluta in gara due hanno caratterizzato il weekend appena trascorso per Raffaele Giammaria, impegnato sul circuito del Mugello nel quarto appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo 2018. Il pilota italiano, Lamborghini Factory Driver, ha difeso i colori di Imperiale Racing, che lo ha voluto al volante di una Lamborghini Huracán GT3 #36 in equipaggio con Jia Tong Liang (PRC), per una partecipazione spot nella massima serie tricolore su una delle piste tecnicamente più caratteristiche dell’intero campionato. Per Giammaria si è trattato di un gradito ritorno nel Campionato Italiano Gran Turismo dopo la vittoria ottenuta nel 2014 e le numerose partecipazioni fin dalla stagione 2006. Sul tracciato toscano, l’italiano ha dimostrato fin da subito di avere il passo per giocare un ruolo da protagonista, con ottimi riferimenti cronometrici nelle prove libere e nella serratissima Q2, dove ha fermato i cronometri in 1’47.142 e si è assicurato il quinto miglior tempo a poco più di tre decimi dalla pole. In gara uno, Giammaria ha preso il volante della Lamborghini Huracán GT3 #36 nel secondo stint, dopo il turno di guida di Liang scattato dall’undicesima piazza. Il pilota italiano ha messo in pista tutta la sua determinazione, concretizzando una rimonta emozionante che gli ha permesso di recuperare fino al settimo posto, e di ingaggiare una bella battaglia con l’Audi R8 LMS #7 di Marcel Fässler. Nella fase finale della corsa, l’italiano ha però subito un contatto con la Porsche 911 #163 che non gli ha consentito di finalizzare il sorpasso su Fässler ed ha tagliato il traguardo al settimo posto. In gara due Giammaria ha nuovamente dato prova delle sue qualità di guida, con uno spunto vincente al via che lo ha visto salire al terzo posto assoluto dopo i primi giri. Grazie ad un ottimo passo gara con tempi da assoluta, l’italiano non ha perso il contatto con i primi ed è rientrato ai box per il cambio pilota dopo uno stint da incorniciare. Nella seconda parte di gara Liang ha subito il ritorno di alcuni piloti ed ha dovuto difendersi in alcune bagarre, tagliando il traguardo in sesta posizione.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc2005: arrivederci Gravina, benvenuto Gallo

La Cpc 2005 è lieta di annunciare l’acquisizione dei diritti calcistici per la stagione 2018 – 2019 di Stefano Gallo. L’esterno sinistro classe 1996 andrà a rinforzare la rosa messa a disposizione del mister Paolo Caputo. A lui va il benvenuto e una permanenza ricca di successi con la maglia rosso portuale.
«Dopo la conclusione della trattativa per il Tamagnini – spiega il patron della Cpc 2005 Sergio Presutti –  che ci regala una casa dove svolgere le nostre attività, noi Presutti siamo lieti di annunciare, come fosse la ciliegina sulla torta l’arrivo del forte esterno Stefano Gallo. Un lavoro in sinergia con mio figlio Patrizio, il direttore sportivo Sandro Fabietti e mister Caputo, per una rosa che mano mano si sta disegnando nel pieno della sua valenza. Un ringraziamento va a Massimiliano Gravina che ha deciso di non giocare con noi la prossima stagione, perché al pari di Catracchia perdiamo, oltre che un ottimo giocatore, un uomo vero. A lui vanno le migliori fortune per il futuro». Una situazione, dunque, più che positiva per la società in maglia roja che sta costruendo una forte rosa in vista del prossimo campionato di Promozione con l’obiettivo di salire il prima possibile nella categoria che gli appartiene di più: l’Eccellenza.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''La responsabilità della sconfitta del centrodestra è della Lega''

SANTA MARINELLA – L’ex candidato della lista Fratelli D’Italia Alfredo De Antoniis dopo essere stato duramente attaccato, risponde ai responsabili della Lega cittadina. «Sono contento – dice De Antoniis – delle attenzioni ricevute da sedicenti esponenti leghisti ma loro dicono delle assurdità, primo perché scrivere che la Lega non è più in mano a me, fa capire la levatura del progetto politico. Far parte di un partito e fallo nascere e crescere localmente non è un noleggio, ma un ideale in cui credere, qualcosa che contraddistingue le azioni politiche e di vita quotidiana. Non mi stupisco che oggi, chi si dichiara duro è puro, lo fa per interessi politici personali, ma vorrei capire come è possibile parlare di chi è stato sempre a destra, come il sottoscritto e additargli voli pindarici quando ci si è candidati a sinistra, poi nel centro destra per finire ad essere i paladini dell’immigrazione e dello Sprar e da due mesi a questa parte essere diventati leghisti. Forse qualcuno ha la memoria corta o fa finta di non ricordare eppure non dovrebbe, perché in caso di dissesto, le responsabilità principali saranno proprio dei leghisti dell’ultimo minuto, che dopo essersi caricati l’ex sindaco Bacheca, si caricheranno tutte le responsabilità politiche di questo disastro. Prima di pontificare, farei un esame di coscienza, la responsabilità della sconfitta del centro destra è proprio della Lega, che prima ha spaccato un’intera area per cercare di vincere in altri comuni del Lazio, scaricando Santa Marinella al proprio destino, e poi ha fatto perdere il progetto pulito di Bruno Ricci”. “Sul mio appoggio a Tidei – continua De Antoniis – mi viene da ridere, forse si aspettavano che facessi campagna elettorale per loro, ma dovrebbero sapere che ho una dignità e una fermezza politica che non mi fa agire per interessi, ma per ideali. Capisco che certi personaggi non sono abituati a un tale modo di fare politica, ma dovrebbero riuscire a comprenderlo. Al ballottaggio ho lasciato libero il mio elettorato di scegliere tra astensione e votare Bruno Ricci, proprio perché le imposizioni non mi sono mai piaciute e non le ho fatte ai miei elettori. Piuttosto mi ricordo di un articolo di Tidei che indicava i neo leghisti come richiedenti di un posto nel Pd con tanto di testimoni, è mai stato smentito o è stato sbagliato solo il carro su cui salire?”. “In piena libertà – conclude l’ex candidato – informeremo i vertici della Lega di quello che è successo, perché abbiamo costruito questo partito nella nostra città fin dai tempi di Noi con Salvini essendo tra i fondatori del partito su questo litorale”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snc, bronzo dal sapore amaro

di MATTEO CECCACCI

Tanta amarezza. dispiacere e forse anche un po’ di rimpianti per i ragazzi dell’Under 20 della Snc Enel Civitavecchia che, nelle Final Four B1 disputate sabato e domenica scorsa presso la Piscina dei Mosaici del Foro Italico, hanno ottenuto il terzo posto conquistando così la medaglia di bronzo. 
Il settebello di Marco Pagliarini che aveva ottenuto l’accesso all’ultimo atto decisivo grazie alle strepitose  vittorie acquisite nelle semifinali giocate domenica 1 luglio al PalaGalli, è stato capace di dare filo da torcere alle numerosi compagini che erano giunte a Roma, come Brescia, Latina e Salerno. 
La prima gara, andata in scena sabato alle 16 è stata Latina-Salerno che ha visto cedere i campani alla corte dei latinensi e alle 18.15 Snc-Brescia con la vittoria dei lombardi a discapito di un Civitavecchia troppo cinico, in particolar modo sotto porta. 
Domenica, invece, giornata delle attesissime finali, ha visto sfidarsi Snc-Latina per il terzo e quarto posto, conclusasi con la straordinaria vittoria dei rossocelesti che si sono imposti 6-5; un risultato che ha concesso ai pupilli di patron Roberto D’Ottavio di salire sul terzo gradino del podio per una medaglia di bronzo più che  meritata, visto il lungimirante tragitto delle quindici calottine civitavecchiesi, anche se con molte pecche da migliorare. Per il primato le contendenti sono state Salerno e Brescia per un match al cardiopalma che alla fine ha visto esultare la rosa campana. Secondo posto, dunque, per i bresciani che erano assolutamente la formazione favorita,  ma le Final Four si sa,  riservano come ogni anno numerosi colpi di scena e il 2018 non ha fatto eccezioni. 
A commentare il tragitto del torneo il forte attaccante Daniele Midio, punto di riferimento anche per la serie A1: «Sono state delle finali inaspettate, soprattutto il primo posto del Salerno. Noi abbiamo fatto il possibile, ma non è bastato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pressing di Salvini sul caso fondi. Bonafede: le sentenze si rispettano

Sequestro di 49 milioni, contatti della Lega per salire al Colle. La replica: il presidente ne è all’oscuro. Il procuratore Cozzi: «Salvini? Mi sta pure simpatico, gli auguro ogni bene. Qui non c’è nulla di politico»

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###