Alla biblioteca comunale ''L’ultimo Stopper'', il libro su Sergio Brio

I tifosi juventini di Santa Marinella hanno accolto con entusiasmo il campione bianconero anni ‘80 Sergio Brio, ospite dello Juventus Official Fan Club Santa Marinella-Santa Severa. Presso la biblioteca comunale, davanti ad un caloroso pubblico, Brio ha presentato, insieme all’autrice Luigia Casertano, il suo libro “L’ultimo Stopper”, soffermandosi e intrattenendo il pubblico attraverso il racconto e gli aneddoti della sua lunga carriera alla Juventus, con la quale ha vinto tutti i trofei che un calciatore sogna di vincere fin da bambino. Il rigore di Tokyo, nella finale dell’Intercontinentale dell’85, gli avvenimenti di attualità legati al mondo del calcio, i rapporti con Boniperti e l’avvocato Agnelli, la drammatica notte dell’Hysel, nella quale persero la vita 39 tifosi. «Ringrazio Sergio Brio e Luigia Casertano per la loro gentile disponibilità – ha commentato il presidente dello Juventus club Roberto Boccoli –  è stata indubbiamente una bella serata di sport, attraverso il vivo racconto di uno dei più grandi calciatori nella storia della Juventus. Siamo orgogliosi di aver ospitato nella nostra città questo evento, per noi prestigioso, che fa da cornice alla vita di club il quale non significa soltanto ritrovarsi per la visione delle partite, ma operare a livello sociale e culturale come lo sport rappresenta. La passione e l’amore per la Juventus, per il sottoscritto, significa anche e soprattutto questo. Colgo l’occasione per ringraziare l’amministrazione comunale di Santa Marinella, nella figura della direttrice Cristina Perini e dell’assessore alla cultura Ivana Della Portella per averci concesso la possibilità di usufruire della biblioteca e l’assessore Renzo Barbazza per le belle parole spese nei nostri confronti con l’organizzazione di questo evento». «Ringrazio infine – conclude Boccoli – i soci che hanno partecipato ed il direttivo che mi ha supportato nell’organizzazione di questa serata e il Gigi Bar per la sempre gentile accoglienza, ricordando che il ricavato del libro, del quale ne è stata donata una copia alla nostra biblioteca comunale, andrà totalmente in beneficenza alla fondazione piemontese per la ricerca contro il cancro».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Grande successo per il 1° Memorial Enzo Feoli

Grande successo per il primo Memorial Enzo Feoli, gara di nuoto andata in scena domenica scorsa al PalaGalli di Civitavecchia. «Risale alla notte dei tempi – afferma il vice presidente della Snc Simone Feoli – l’ultima gara di nuoto in vasca organizzata da questa società, ma questo team ha già dimostrato il proprio valore nel mettere in piedi manifestazioni a mare e ha svolto in maniera sublime anche l’organizzazione di questa prima gara in vasca».
Il primo Memorial Enzo Feoli al suo esordio si è visto già inserito nel prestigioso circuito Brunelleschi, iniziato due settimane fà con le gare all’Olgiata e in chiusura fra due settimane ad Ostia nel Brunelleschi.
Le gare iniziate alle 9.30 hanno avuto una cadenza continua con la sola interruzione per il pranzo fino ad arrivare alle 17. Più di 500 presenze hanno onorato la manifestazione che seppur esordiente ha richiamato alcuni tra i migliori atleti a livello nazionale tra i quali gli atleti di casa Michela D’Amico e Maurizio Valiserra che si sono ben comportati nelle rispettive gare vincendole. Purtroppo dei molti iscritti Master Snc solo altri due hanno partecipato alla manifestazione: Andrea Costa e Nicola Di Fatta, anch’essi vincitori nelle rispettive categorie. La Empire Sport & Resort s’è aggiudicata il trofeo con più di 55.000 punti seguita dalla Roma Nuoto Master e dal Flaminio Sporting Club; la Snc Civitavecchia, scarna di atleti seppur vincenti, riesce a totalizzate poco più di 5957 punti che con soli 4 atleti le vale il 17esimo posto in classifica su più di 30 società in gara.
«Voglio ringraziare – afferma Simone Feoli con un filo di commozione – il team organizzativo composto oltre che dal sottoscritto, anche da Michela D’Amico, Federica Feoli e Marcello Jacopucci, lo staff con Filippo Stocchi e Tommaso Mezzo, Luca Leccamuffi, Alessio Jacopucci, Giuseppina Corati, Gabriella Angelici, Alessia D’Amico, Elisa Caprari e Sergio D’Amico, Eleonora Di Marco e la piccola Viola e lo staff del Bar. Un grazie particolare a Roberto Migliori responsabile del settore Master Fin e del presidente dell’Europa Sporting Club Cinzia Farina, l’amico Stefano Brunelleschi, nonchè la sezione cronometristi Civitavecchia capitanati da Giuseppe Gavita. Tutte queste persone, col loro impegno e capacità, hanno dato prestigio ad una manifestazione nel ricordo di mio padre, che sono sicuro, da uomo di sport sarebbe stato orgoglioso e soddisfatto».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Cestistica festeggia i suoi 70 anni di storia con una vittoria

Finalmente Cestistica. Dopo vari buchi nell’acqua, la Stemar 90 riesce nella missione di battere una big del torneo. Vittima della voglia di riscatto della formazione di Civitavecchia è stata la Fortitudo Roma, che nell’undicesima giornata del campionato di serie C Gold è uscita sconfitta per 75 a 57 dal PalaRiccucci.
Un successo che rilancia nettamente le ambizioni della squadra di coach Lorenzo Cecchini, che grazie a questi due punti sale a quota 10 in classifica con una partita da recuperare e la concreta opportunità di rientrare nel lotto delle prime otto che andranno a disputare i playoff.
È ancora presto per tirare le somme, ma come aveva detto il tecnico della Cestistica prima del match, era fondamentale vincere contro una delle favorite al salto di categoria e riacquisire fiducia nei propri mezzi.
Parziali: 24-13, 15-11, 26-10, 10-23.
Cestistica Civitavecchia: Campogiani 7, Foulds 15, Bezzi 7, Bottone 2, Gianvincenzi 8, Manetti 16, Profumo D. 0, Di Grisostomo 7, Fiorucci 0, Spada 0, Gattesco 13. Coach: Cecchini.
Fortitudo Roma: Rossetti T. 8, Martinelli 2, Grillo n.e, Giannini 17, Reale 5, Digno 6, Gianni n.e., Barraco 4, Rossetti M. 3, Alibegovic 9, Faloppa 3. Coach: Polidori.
Non solo pallacanestro giocata domenica pomeriggio al PalaRiccucci. In un palazzetto gremito di appassionati, alla presenza del vice sindaco e assessore allo sport Daniela Lucernoni, dei consiglieri Massimiliano Grasso e Francesco Fortunato in rappresentanza del consiglio comunale, e del consigliere del Comitato Regionale Fip Lorenzo Fontana, si è infatti svolta la festa per i primi 70 anni della società rossonera. 
Un compleanno festeggiato sobriamente, ma anche con momenti d’intensa commozione al momento della premiazione di due mostri sacri del basket locale: Giorgio Vercesi e Roberto Guerrucci.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Accoltellamento al mercato: si attendono le motivazioni

CIVITAVECCHIA – Una sentenza che ribalta del tutto la richiesta della pubblica accusa e che, sicuramente, farà discutere. È quella pronunciata ieri dal giudice Antonella Capri, presidente del collegio composto anche da Lucia Fuccio Sanzà e Guia Carlomagno, che ha assolto il 75enne civitavecchiese Antonio Capri, accusato di tentato omicidio. Il fatto non costituisce reato, nonostante i 12 anni chiesti dal pubblico ministero Roberto Savelli, da poter far scendere ad otto con l’applicazione delle attenuanti generiche.

L’episodio è quello relativo all’accoltellamento al mercato dell’aprile di due anni fa, in un tardo pomeriggio, a piazza Regina Margherita. L’uomo, difeso dall’avvocato Paolo Tagliaferri, era accusato di aver accoltellato all’addome Ennio Pezzuca, assistito dall’avvocato Fabrizio Lungarini, al termine di una lite. Certo, bisognerà attendere il deposito delle motivazioni, tra 90 giorni, ma sembra scontato che la strada tracciata sia quella della legittima difesa, percorsa tra l’altro fin da subito dall’imputato e dal suo avvocato, già in sede di convalida d’arresto, con Capri che, con volto tumefatto e zigomo spaccato, aveva parlato di un’aggressione subita fuori dal locale.

«Non mi aspettavo una sentenza del genere – ha commentato l’avvocato Tagliaferri – ma ci credevamo, soprattutto perché abbiamo sempre chiarito quella che era la nostra posizione, emersa poi con il dibattimento. Il Tribunale, in maniera autorevole, ha accolto la nostra tesi, riconoscendo quanto professato, già nell’immediatezza dei fatti, dal mio assistito». Una sentenza, questa, che potrebbe pesare anche sugli altri due procedimenti aperti. Da un lato c’è un dibattimento in corso che, sullo stesso episodio, vede le parti invertite, con Capri vittima e Pezzuca accusato di lesioni grave. E poi ci sono due testimoni del primo processo la cui posizione è stata rimandata in Procura per valutare un’eventuale accusa di lesioni gravi.

«A questo punto c’è da chiedersi se la Procura vorrà presentare o meno appello – ha sottolineato l’avvocato Lungarini – le motivazioni saranno fondamentali per capire. Rispettiamo la sentenza, ma non ce l’aspettavamo.  Soprattutto perché non sono stati neanche rimandati gli atti alla Procura per il possesso dell’arma. Così sembra legittimo. Rimaniamo comunque perplessi, specie dall’atteggiamento delle Procura: c’è un’impostazione di fondo sbagliata, per questo caso era stato chiesto l’immediato, chiuse le indagini e poi se ne sono aperte altre». E oggi infatti ci si trova con due dibattimenti differenti sullo stesso episodio. Per ora c’è la prima sentenza, che assolve Capri, annullando anche la restrizione relativa al divieto di avvicinamento a Pezzuca.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Sole Luna Volley Academy vince lo scontro al vertice

Ancora un fine settimana intenso e appassionante quello vissuto dalla Volley Academy Civitavecchia. Sabato fra le mura amiche della palestra Posata si è disputato lo scontro al vertice nel campionato under 14 femminile. Si affrontavano le due squadre imbattute del girone La Sole Luna Volley Academy e la Pallavolo Tarquinia. La posta in palio era alta, nella pallavolo non esiste il pareggio e la partita aggiudicava la vetta solitaria. Pubblico delle grandi occasioni infatti e partita assolutamente all’altezza delle aspettative. Una battaglia sana, colorata, e festante di buona pallavolo e tanto entusiasmo. Alla fine a spuntarla è stata la Sole Luna che nei momenti decisivi del match è riuscita a ridurre gli errori e a mantenere maggiore lucidità. 3 a 2 il risultato finale per due ore di bel gioco sottolineato dal corretto e rumoroso tifo del pubblico. Domenica al palazzetto dello sport di Santa Marinella è sceso in campo il futuro della pallavolo civitavecchiese. Più di cento bambini (la stragrande maggioranza della Volley Academy) divisi in nove campi di minivolley hanno dato vita con la gioia di cui solo loro sono capaci ad una bellissima festa sportiva. Nella stessa giornata a partire dalla mattina si è svolto un torneo under 12 femminile con sei squadre partecipanti (vinto dalla Civitavecchia Volley) e un test match under 13 fra la Sole Luna Volley Academy e le pari età romane dello Sports Team (vinto dalla Sole Lune Volley Academy). Stanca ma felice la neo presidente della Volley Academy Sonia Tauro «La full immersion di 10 ore è stata bellissima. Abbiamo iniziato dalla mattina con il torneo under 12 femminile e siamo andati avanti per tutta la giornata trascorsa insieme all’insegna del divertimento e dello sport. Anche pranzare tutte insieme è stato bello. Le atlete vivono un’esperienza unica che le fa crescere umanamente e sportivamente. Vedere il palazzetto stracolmo di bambini che si divertono è per noi motivo di grande orgoglio che ci ripaga di tutti gli sforzi fatti. Una motivazione a fare sempre meglio. Sono tantissime le persone che ho l’obbligo di ringraziare. Tutto il mio staff dal responsabile del Minivolley Giorgio Piendibene a tutti i nostri allenatori Giancarlo, Ilenia, Rebecca, Federica e Roberto. Tutto lo staff di Santa Marinella Emanuela, Andrea ed il personale che ha permesso di montare smontare e rimontare i campi in tempi record. Le società partecipanti Santa Marinella, Civitavecchia Volley, Pallavolo Sempione, Pallavolo Viterbo e Sports Team. La Telethon sempre al nostro fianco. Tutte le famiglie che hanno pazientato un’intero pomeriggio e le mamme che hanno collaborato fattivamente. Il Sindaco e l’assessore allo sport di Santa Marinella presenti alla manifestazione. Una giornata indimenticabile che rimarrà fra i ricordi più belli».  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

 Dlf, l’Under 16 tiene testa alla capolista Trastevere

«Sapevamo che sarebbe stata un’impresa improba ma sapevamo anche che avremmo fatto la nostra partita». Così commenta il tecnico Mauro Di Giovanni nel dopo gara tra Dlf e Trastevere, valida per l’ottava del campionato regionale Under 16. «Il Trastevere è una vera corrazzata – continua il tecnico – e l’ha dimostrato sul campo, noi abbiamo fatto una buona gara, e questo ci da morale. La sconfitta ci sta, ma se il direttore di gara avesse arbitrato con più imparzialità magari staremmo commentando una gara diversa. Comunque voglio fare i complimenti ai miei ragazzi perché perdere 4 a 3 con una squadra che comanda la classifica con otto vittorie e un solo pari, evidenzia i grandi passi in avanti che stiamo facendo». Andando alla cronaca buon approccio di gara dei biancoverdi, anche se il Trastevere prende subito le redini di gioco e costringe i dielleffini nella propria metà campo. I biancoverdi riescono ad arginare le triangolazioni avversarie che innescano in porta le punte. Al  10’ la prima occasione amaranto che arriva direttamente da calcio di punizione, con Pennacchi che scheggia la traversa. I biancoverdi si difendono con ordine e provano ad impensierire la difesa romana giocando di rimessa lanciando su Bastianini oggi unica punta. Il vantaggio Trasteverino arriva al 24’, dopo una serie di triangolazioni che mettono Pennacchi solo davanti a Ferrilli, il numero 10 supera il portiere in uscita disperata. Al 30’ il raddoppio. Il direttore di gara vede un fallo dal limite dell’area e ammonisce Tersigni per proteste. Da posizione centrale, ancora Pennacchi, colpisce la traversa ma la palla rocambola sulle spalle di Ferrilli e finisce in rete. Al 39’ ancora una svista arbitrale permette ai romani di usufruire di una punizione dal limite dell’area, sul lato sinistro del campo. La conclusione viene spizzata in area e termina in rete. Nella ripresa i biancoverdi scendono in campo con maggiore determinazione e iniziano a tessere buone trame di gioco che portano, al 4’ alla realizzazione della rete del 3 a 1. Bencini direttamente da punizione spedisce in rete alla sinistra del portiere. Il Trastevere reagisce immediatamente e ristabilisce le distanze con Pesce che in tuffo di testa devia in rete un cross proveniente dalla sinistra. I biancoverdi tentano di ridare vita ad una gara che diventa apatica. Al 18’ è Napolitano che realizza la rete del 4 a 2 su calcio di rigore da lui stesso procurato. La partita si riaccende al 40’ con la realizzazione del 4 a 3 da parte di Gagliardi che devia di testa in rete un bel cross di Bencini. Purtroppo il tempo a disposizione per tentare il miracolo non ce ne e la gara termina con una sconfitta che non porta punti ma per quanto visto in campo porta morale e fiducia per il proseguo del campionato.
Dlf Civitavecchia: Ferrilli, Tombolelli, Sudati, Paniccia, Gagliardi, Tersigni, Napolitano, Bencini, Bastianini, Schiavo D., Tamasi, Serra, Schiavo S., Castellano, Baroncini, Scirocchi, Carannante. Marcatori: Bencini, Napolitano, Gagliardi (Dlf). Allenatore: Mauro Di Giovanni.
Vince e convince la Grosselli Band, formazione 2004-Under 15. Sul green amico i dielleffini strapazzano il Selva Candida con un netto 5-1. La partenza dei padroni di casa è bruciante: al 13’ Garofalo, servito prontamente da Rossi F., ha troppa fretta di calciare e il suo tiro si spegne tra le braccia di Fatati. Poco male perché un minuto più tardi Natini si invola tra due avversari superandoli in dribbling e di destro batte Fatati in uscita.  È l’inizio di una giornata trionfale per i dielleffini, che portano a due le reti di vantaggio con Rossi F. che con una gran girata mette la palla sotto l’incrocio dei pali, dove Fatati non può arrivare. Al 18’ arriva il tris biancoverde ancora con Garofalo che approfitta di un erroraccio della difesa capitolina. Ruba palla controlla e esplode il sinistro con la sfera che si insacca alla sinistra della porta difesa da Fatati. La quarta rete suggella la doppietta di Garofalo: azione insistita sulla sinistra con Pepe che s’incunea nella difesa del Selva e calcia in porta, sulla respinta corta del portiere si avventa Garofalo che ribadisce in rete. E’ il momento del tè caldo con la partita già in ghiaccio dopo i primi trentacinque minuti di gioco. Nella ripresa la musica non cambia. Ancora Garofalo pericoloso, prima con una girata che sorvola la traversa, poi un minuto più tardi, con un tiro che si spegne a lato. Al 26’ il DLF cala il superpoker per mano di Di Battista. L’attaccante dielleffino, dopo un batti e ribatti in area, trova la freddezza di calciare nella mischia e superare il portiere. I biancoverdi nonostante il largo vantaggio continuano a macinare gioco e a creare occasioni da rete. Al 30’ ci prova anche Rossi F. ma i suoi due tentativi trovano prima un buon intervento del portiere e il secondo il palo. A tempo ormai scaduto De Biase trova la rete della bandiera per il Selva Candida, che rende meno amara la sconfitta. Nel post gara queste le dichiarazioni del tecnico Grosselli: «La mia squadra era concentratissima e voleva vincere a tutti i costi, con la consapevolezza che ogni gara ha storia a se. I miei ragazzi hanno oggi interpretato la partita come volevo io, senza fare grossi errori difensivi, come spesso facciamo. Stiamo crescendo e ci stiamo preparando per quegli incontri che potrebbero determinate un campionato.
Dlf Civitavecchia: Bracchi, Carannante, Pepe, Di Gennaro, Rossi D., De Gianni, Natini, Schiavo D., Garofalo, Rossi F., Santacroce, Deiana, Carroni, Santecchi, Di Battista, Muzi. Marcatori: Natini, Rossi F., Garofalo (2), Di Battista (Dlf), Pau (SC). Allenatore: Giuseppe Grosselli.
Un gol fantasma e tanta sfortuna decretano la sconfitta per gli Under 14 classe 2005 guidati da Roberto Fara. Sul rettangolo dello Sporting Tanas finisce 1 a 0 per i romani, con tante recriminazioni e tanto rammarico. «Abbiamo perso una gara dove la formazione di casa, in tutta la partita, ha tirato in porta solo due volte e una delle due neanche è arrivata sulla linea – commenta un arrabbiato Roberto Fara –  e perdere per un gol non segnato è l’antitesi del calcio. Poi sentirsi dire dall’arbitro “nel dubbio fischio il gol” è da incoscienti, tanto più che lo stesso si trovava nel disco di centrocampo, eluso dal lancio lungo con cui si è innescata l’azione. Oggi ci hanno fermato solo i pali e il direttore di gara. Comunque guardo il bicchiere mezzo pieno, sono soddisfatto per quanto visto in campo, i ragazzi hanno lottato dall’inizio alla fine, con il buon gioco e l’impegno la continuità dei risultati arriverà, ne sono convinto». Biancoverdi in campo con il consolidato modulo 3-5-2, partono forte e prendono immediatamente le redini della gara. I  biancorossi di casa giocano di rimessa con lunghi rinvii a scavalcare il centrocampo. La prima occasione è del Tanas che su calcio di punizione impegna un attento De Rosa. I biancoverdi padroneggiano in mezzo al campo ma per venticinque minuti non riescono ad essere pericolosi. Al 25’ dagli sviluppi di un’azione manovrata, Luciani viene servito in diagonale e incrociando calcia di destro superando Sideri in uscita. La palla colpisce il palo e torna tra le braccia del portiere stesso. Tre minuti più tardi ancora da azione impostata è ancora Luciani che dal limite dell’area piccola non riesce a superare Sideri che di istinto respinge, la palla giunge al limite dell’area dove Fara colpisce al volo mandando la palla sopra la traversa. Sul punteggio di 0 a 0 si va al riposo. Al primo minuto della ripresa, il fattaccio. Solito calcione lungo che Mazzarini fa scorrere per agevolare l’uscita di De Rosa, tra i due manca la comunicazione e ne approfitta Porfili che infila il difensore e batte a rete. De Rosa para ma la palla non trattenuta si dirige lentamente verso porta. Trillocco recupera la sfera, almeno un metro e mezzo prima della linea di porta e si accinge ad impostare l’azione. Inspiegabilmente il direttore di gara fischia la rete, con il Tanas che inizialmente ha reclamato pensando al fischio per un fallo di gioco. Inutili le proteste biancoverdi. I dielleffini non ci stanno e cominciano ad attaccare a testa bassa. Prima con Fara su calcio da fermo, para il portiere, poi Luciani prima impegna il portiere,  poi nell’azione successiva è fermato per un inesistente fuori gioco, quando si trovava a tu per tu con Sideri. Ancora D’Antini e ancora Sideri che respinge in angolo. Poi il turno di Sudati che si auto lancia il difensore nel tentativo di contrastarlo stoppa la palla con le mano ma per l’arbitro è tutto regolare. In ultimo è Fara calcia con il mancino, ma la palla s’infrange sul palo, assieme alle speranze dei dielleffini di agguantare il pareggio.
Dlf Civitavecchia:  De Rosa, Trillocco, Rago, Cavero, Mazzarini, Capelli, Fara, Poci, D’Antini, Del Rio, Luciani, Deiana Capraro, Sudati, Serpente, Romiti, Nesta, Vitelli. Allenatore: Sig. Roberto Fara.
Terza giornata di campionato per tutte le formazioni della Scuola Calcio dielleffina.
Gli Esordienti 2006 di Gabriele Colonna hanno avuto vita facile su di un terreno pesantissimo, quello del San Gabriele battendo per 3-0 la Massimina, risultato dei singoli tre tempi (0-4/0-4/0-4). 
Gli Esordienti 2007 Verde guidati da mister Filippo De Gaetano hanno sconfitto i pari età del Grifone Monteverde per 3-1 nel conteggio dei tre tempi con i parziali (0-0/0-2/0-1).
I Pulcini 2007 Bianca, guidati da mister Stefano Fusco hanno battuto l’Atletico Ladispoli con il risultato finale dei tre tempi per 3-0 con parziali (2-0/2-1/4-1).
I Pulcini 2008 guidati da mister Massimiliano Pane, tornano corsari da Casalotti battendo i capitolini per 3-0 nel conteggio dei tre tempi con i parziali (0-2/0-2/0-5).
I Pulcini 2009 dell’istruttore Dignani Bruno, erano impegnati nella Final Six della Lazio Cup Kermesse regionale con la partecipazione di società sia Professionistiche che Dilettantistiche.
La fase finale, disputata interamente sul terreno dell’Academy Qualcio Roma, a cui hanno partecipato le prime sei formazioni tra le 24 che hanno partecipato alla selezione di ottobre. La fase finale prevedeva due gironi da tre squadre ognuna, nel girone del DLF, come seconda classifica nella fase eliminatoria, sono stati abbinati la Tor Tre Teste e il Circolo Canottieri. Entrambe le gare sono terminate sull’1 a 1 e la vittoria della Tor Tre Teste sul Circolo Canottieri ha determinato la classifica finale. La Tor Tre Teste, vincitrice del girone ha disputato la finale 1/2 posto, mentre i dielleffini si sono dovuto accontentare di disputare la finale 3/4  posto. Nella finale i biancoverdi hanno ceduto per 3 a 1 al Latina. La finale è stata vinta dalla Tor Tre Teste che ha battuto per 1 a 0 gli aquilotti della SS Lazio. Un gran risultato quello ottenuto dai nostri piccoli calciatori che dimostra ancora una volta la qualità della Scuola Calcio dielleffina che si impegna da anni per la crescita e la socializzazione del bambino. 
Le due formazioni dei Primi Calci 2010 guidate dell’istruttore Matteo Fiorini hanno disputato venerdì e domenica  due gare; la prima contro i pari età della San Pio X impattando per 2-2 nel conteggio dei tempi (3-1/1-1/0-1). Nella seconda gara, disputata domenica al Vergari, hanno battuto per 3-0 il Bracciano nel conteggio dei tempi (1-3/1-3/2-4). 
I Piccoli Amici sabato 8 dicembre hanno partecipato,insieme ad altri bambini di altre società, tra cui Olympia, Atletico Ladispoli, Poseidon e Leocon, alla manifestazione calcistica “Aiutiamoli a Crescere 2018” dedicata ai nati nel 2012 e nel 2013. L’Evento è stato sponsorizzato dall’Enel. Tanti gol e tanto divertimento, perché correre dietro un pallone è sempre il gioco più bello del mondo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Passi della solidarietà: un successo

CIVITAVECCHIA – La seconda edizione dei “Passi della solidarietà” è stata un vero successo. Organizzata dal Comitato di Civitavecchia della Croce Rossa Italiana per raccogliere fondi e per diffondere sempre di più la conoscenza dei valori e delle attività della Cri, si è infatti dovuta articolare in due serate ed ha visto esibirsi sul palco del teatro Traino circa 340 ballerine e ballerini di tutte le età.

“Lo scorso anno abbiamo avuto la partecipazione di dieci scuole di danza – afferma il presidente del comitato CRI, Roberto Petteruti – ed è stata sufficiente una sola serata. Quest’anno le scuole che hanno aderito a questa nostra manifestazione sono state ben 13 ed è stato necessario ricorrere, diciamo così, al doppio turno. Tra l’altro, nell’ambito della due giorni, abbiamo contato un pubblico di circa 800 persone. Un ringraziamento particolare va alle insegnanti di danza che con la loro adesione hanno sostenuto a tutto tondo questa iniziativa”.

Ed eccole le scuole che hanno offerto i loro “passi” a favore della CRI: Ballet Center di Maria Luisa Rubulotta, Balletto Civitavecchia di Caterina Lunati, Believe Dance Studio di Chiara Sabella, Centro Danza Classica e Contemporanea di Elisabetta Senni, Dance Academy di Aldo Mantovani, Dance Studio di Anna Maria Baroncini, Dance For Fly di Desireé Benevieri, Danzero di Tiziana Orsomando, Emozioni in Movimento di Claudia Gatti, Free Fusion di Emanuela Scicchitano e Marco Chiodo, Opera di Diletta Strengacci, Taf di Laura Farina, Urban Style di Mariangela Puddu. Le tredici scuole, con i loro tanti ballerini di età variabile dai 3 agli oltre 30 anni, hanno offerto un panorama vasto e dinamico della danza attuale

“Trovo importante – aggiunge Petteruti – oltre alla raccolta fondi (che andranno a sostenere le attività del nostro comitato sul territorio), aver messo insieme la danza e il sociale, e aver collegato il sacrificio e la passione di tanti ragazzi a principi di solidarietà. Grazie ancora ai maestri, grazie ai tanti ballerini e al numeroso pubblico”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###