Bracciano, soldi e cocaina in casa: pusher in manette

BRACCIANO – Nel corso di mirati servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di droga, i Carabinieri della Compagnia di Bracciano hanno arrestato un italiano di 36 anni con l’accusa di detenzione di ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I Carabinieri del Nucleo Operativo lo hanno fermato mentre, in serata, si aggirava in atteggiamento sospetto lungo le vie del centro di Bracciano.
Durante il controllo, i militari lo hanno trovato in possesso di una dose di cocaina e la successiva perquisizione scattata nella sua abitazione ha consentito di sequestrare altri 105 gr. di cocaina suddivisi in 24 dosi, 40 grammi di hashish, circa 7.000 euro ritenuti provento della sua attività illecita, materiale per il confezionamento delle dosi e due bilancini di precisione.
Il 36enne è stato posto agli arresti domiciliari in attesa di processo.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Rubano abiti griffati in via dei Condotti: in manette

LADISPOLI – Si sono finti dei clienti e sono entrati in due boutique di lusso in via dei Condotti, e dopo aver rimosso le placche antitaccheggio, hanno portato via capi d'abbigliamento dal valore di oltre 6.100 euro nascondendoli all'interno di panciere elastiche indossate sotto i vestiti. Sono così finiti in manette, con l'accusa di furto in concorso, quattro cileni, di età compresa tra i 24 e i 49 anni, domiciliati a Ladispoli. A scoprire i ladri, durante i quotidiani servizi nelle vie dello shopping del centro storico capitolino, i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina. I militari, notando i loro movimenti sospetti, li hanno fermati per un controllo recuperando così la refurtiva. Da una successiva perquisizione nella loro abitazione, inoltre, i Carabinieri hanno rinvenuto numerosi capi d'abbigliamento griffati dal valore complessivo di 10mila euro, ritenuti il provento di analoghi reati.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli, intensificati i controlli in vista del Ferragosto

LADISPOLI – Si avvicina la tanto attesa notte di Ferragosto e dall'amministrazione comunale arrivano le "istruzioni per l'uso" per trascorrere una serata all'insegna del divertimento, senza problemi per l'incolumità di tutti. Vietato accendere fuochi e falò sugli arenili, vietato portare materiale infiammabile di qualsiasi tipo e attrezzature che possano generare calore o dal quale possa genersarsi una fiamma. I trasgressori saranno ritenuti responsabili civilmente e penalmente degli eventuali danni che dovessero arrecare. «Il nostro litorale e il nostro mare – ha detto l'assessore alla sicurezza Amelia Mollica Graziano – sono il luogo ideale per passare la sera di Ferragosto. Faremo di tutto perché sia una festa sicura e le nostre spiagge non siano danneggiate».

L'Assessore ha inoltre annunciato, di concerto con l'assessore al demanio marittimo Pierpaolo Perretta che con l'arrivo del Ferragosto saranno intensificati i controlli da parte delle forze dell'ordine. «In questi giorni – ha proseguito Mollica – stiamo pianificando tutti gli interventi per creare le condizioni affinché questa ricorrenza sia un momento da vivere in allegria ma nella massima sicurezza. Vogliamo ricordare che,  in occasione del Ferragosto, su tutto il territorio di Ladispoli ed in particolare sul litorale, permangono i divieti assoluti di campeggio e accensione dei falò».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Riduzione dei costi di lavoro: Cgil e Usb contro la decisione della ditta Guerrucci

CIVITAVECCHIA – Sindacati contrari alla riduzione dei costi di lavoro richiesta dalla ditta Guerrucci. Categoriche le sigle Fiom-Cgil e Usb Lavoro privato, soprattutto alla luce delle riduzioni strutturale già avvenute negli anni passati, sia sul piano occupazionale che delle retribuzioni, ma soprattutto dopo la netta indisponibilità manifestata dai lavoratori nelle assemblee. Una posizione, quella dei sindacati, assunta dopo l’incontro di mercoledì con la direzione della ‘’Mario Guerrucci’’, avente per oggetto proprio la discussione sulla richiesta aziendale di riduzione dei costi del lavoro. « L’azienda aveva dichiarato una perdita mensile del 27% riferita a luglio 2018  – dichiarano Cgil e Usb – con il nuovo appalto in confronto al SAL del mese precedente in regime di vecchio appalto, perdita che si riduce al 20% se confrontata con la media mensile da giugno 2017 a giugno 2018. L’azienda dichiara che il costo del lavoro in Guerrucci è più alto del 20% rispetto ai valori ritenuti “in linea con il mercato” – prosegue la nota – ma il valore del lavoro in Guerrucci ha una storia data da competenze, professionalità e dagli accordi sindacali con cui è stato ottenuto e non è possibile scaricare sulle retribuzioni di operai e impiegati tutte le minori entrate del nuovo regime di appalto (che a maggio l’azienda aveva stimato al -35% mensile)».

«L’azienda ha comunque ribadito la necessità di riduzione dei costi – fanno sapere i sindacati – dichiarando che dal 1 agosto non riconoscerà più i buoni pasto di 5,29 euro giornaliere, in attesa di altre decisioni ben più pesanti che non ha meglio specificato. Inoltre ha dichiarato la volontà di istituire, dal 1 settembre, un nuovo sistema di turnazione sicuramente più gravoso che prevede la riduzione da 10 a 8 squadre, di 12-14 persone ciascuna, con 1 squadra “jolly” per il sabato/domenica (2 autisti + 1 caposquadra)». Fiom-Cgil e Usb Lavoro invita l’azienda a non procedere con queste iniziative unilaterali «che disdettano di fatto gli accordi vigenti e che soprattutto scaricano i pesi solo sulle retribuzioni. A fine agosto con data da definire convocheremo un’assemblea con tutti i lavoratori per discutere ulteriormente della situazione aziendale e per decidere insieme tutte le iniziative di mobilitazione necessarie se la Direzione non ritirerà questi provvedimenti» Prioritario, secondo i sindacati, invertire la tendenza degli ultimi anni in cui le discussioni, con le imprese di Civitavecchia e non solo, sono ormai incentrate sulle richieste di riduzione dei costi, quando non proprio sui posti di lavoro.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Nonna pusher" in manette ad Ostia

OSTIA – I Carabinieri della Compagnia di Ostia, all’esito di un mirato servizio antidroga, hanno individuato, in un appartamento ubicato in via Umberto Cagni di Ostia Ponente, un anomalo via vai di persone, perlopiù conosciute quali assuntori di droghe.

Dopo un accurato servizio di osservazione, i Carabinieri hanno deciso di far scattare il blitz nell’appartamento dove, con grande stupore, hanno sorpreso una donna di 77 anni che, da sola, gestiva la vendita al dettaglio di cocaina.

Nella casa, i militari hanno rinvenuto e sequestrato molteplici dosi di “polvere bianca” pronte per la vendita e 200 euro ritenuti provento della sua illecita attività.

La “nonna pusher” è stata posta agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Nela serata di ieri, invece, i Carabinieri hanno fermato un cittadino turco di 34 anni, già conosciuto dalle forze dell’ordine, mentre stava camminando lungo via Baffigo.

Nel suo zaino, i militari hanno scoperto decine di dosi di marijuana che gli sono costate l’arresto.

L’uomo è stato trattenuto in caserma in attesa dell’udienza di convalida.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tutto pronto per il primo ''Torneo Corsini-La Rosa''

Tutto pronto per il primo ‘‘Torneo Corsini-La Rosa’’. L’Asp Civitavecchia, sotto l’egida della Federazione Italiana Pallavolo, ha organizzato una competizione mista (maschile e femminile), che andrà in scena da domani al palazzetto dello sport ‘‘Insolera-Tamagnini’’ e proprio alla palesta “Corsini-La Rosa” di Civitavecchia.
Possono partecipare alla kermesse tutti gli atleti nati dal 2003 in su iscritti a società sportive aderenti alla Federazione Italiana Pallavolo regolarmente iscritte e in regola con il tesseramento per la stagione 2017/2018, tutti muniti di un documento d’identità. Ogni atleta dovrà consegnare prima dell’inizio della gara copia del certificato medico agonistico in corso di Validità. Possono partecipare più squadre della stessa società o squadre con atleti di diverse società. Ogni squadra sarà tenuta ad inviare al momento dell’iscrizione i nominativi degli atleti partecipanti con la rispettiva società di appartenenza.
L’elenco delle atlete di ogni singola squadra e la relativa documentazione dovrà essere presentata alla società organizzatrice all’inizio della manifestazione e non potrà subire variazioni. Ogni squadra potrà indicare nell’elenco di cui sopra fino a tredici atleti, (2 liberi) la composizione della squadra durante le fasi di gioco dovrà sempre essere di 3 giocatrici di sesso femminile e 3 giocatori di sesso maschile.
Il programma della manifestazione sarà definito a cura della società organizzatrice e comunicato ai sodalizi partecipanti. L’Asp si riserva comunque il diritto, per ragioni organizzative, di apportare modifiche al programma stesso (orari, campo di gioco, ecc…), oltre alla formula in ragione del numero di squadre che daranno la loro adesione, di cui ne sarà data immediata comunicazione alle squadre interessate.
Gli incontri si svolgeranno a partire dalle 20.30 due partite per sera,ogni squadra avrà a disposizione 30 minuti di riscaldamento.
Tutti gli incontri previsti dal torneo (comprese semifinali e finali) saranno disputati al meglio dei tre set di cui i primi due al limite dei 25 punti e l’eventuale terzo a 15 (con cambio campo a 8) e sempre con due punti di scarto necessari per l’aggiudicazione. Alla squadra vincente per 2 set a 0 verranno assegnati 3 punti, nel caso la partita finisse 2 set a 1 verranno attribuiti 2 punti e 1 punto . Durante ogni set potranno essere effettuati cambi senza un limite.
Al termine della finale per il primo e secondo posto avrà luogo la premiazione all’interno del Palazzetto dello Sport, alla quale tutte le squadre partecipanti sono tenute a presenziare. Alle squadra prima classificata saranno consegnati premi speciali.
I palloni per il riscaldamento verranno messi a disposizione dalla Asd Pallavolo Civitavecchia.
Tutti gli incontri saranno diretti da arbitri, dirigenti o allenatori designati dalla società organizzatrice ritenuti comunque idonei allo scopo.
Non sono ammessi reclami di nessun tipo e le società partecipanti, con il solo atto di adesione alla manifestazione, accettano in modo incondizionato il presente regolamento e contestualmente sollevano la società organizzatrice da ogni responsabilità per fatti o incidenti accaduti a giocatrici o terzi prima, durante o dopo lo svolgimento della manifestazione stessa.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Estorsione: blitz di Polizia e carabinieri

CIVITAVECCHIA – Dopo mesi di indagini si è conclusa ieri una complessa attività investigativa, che ha visto impegnati, in stretta collaborazione, gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Civitavecchia diretto dal dottor Nicola Regna ed i militari della Compagnia Carabinieri di via Sangallo coordinati dal capitano Marco Belilli.

Le indagini, hanno avuto inizio da due diversi episodi, quando le vittime si sono rivolte la prima agli uomini del Nucleo operativo dei Carabinieri e l’altra a quelli della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Polizia, riferendo, in entrambi i casi, di essere state vittime di estorsione.

Raccolte le denunce delle due vittime, gli investigatori, dopo i primi accertamenti e le indagini svolte d’iniziativa, hanno rappresentato, con due distinte Informative, i fatti alla locale Procura della Repubblica che, valutata la gravità delle situazioni e la medesima identità dei presunti autori, ha avviato un unico procedimento penale, facendovi convergere tutti gli elementi forniti dagli investigatori, ai quali affidava indagini congiunte.

I militari e gli agenti, con perfetta sinergia operativa, caratterizzata da professionalità e dedizione, hanno effettuato tutti i necessari accertamenti, con mesi di appostamenti ed intercettazioni, acquisendo elementi utili a suffragio delle denunce presentate dalle vittime e comprovanti le responsabilità da parte degli indagati.

La Procura della Repubblica, sempre informata degli sviluppi investigativi ha, costantemente e brillantemente, coordinato l’intera attività e grazie alle fonti di prova fornite ha potuto richiedere ed ottenere l’emissione di provvedimenti restrittivi nei confronti degli indagati.

Pertanto, nella giornata di ieri, pattuglie congiunte delle due forze dell’ordine di Civitavecchia, hanno eseguito due misure cautelari in carcere nei confronti di altrettante persone, C.C. e C.T., entrambe di origini campane, rintracciate rispettivamente a Civitavecchia e a Napoli.

Di seguito, sempre in perfetta sinergia, sono state eseguite, con positivi riscontri alcune perquisizioni locali. Gli indagati, ritenuti responsabili, in concorso, dei reati di rapina, estorsione ed usura sono stati associati uno al carcere di Civitavecchia e l’altro a quello di Poggio Reale a Napoli.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Coltivavano marijuana: coppia di Cerveteri in manette

CERVETERI – Al termine di una attività investigativa, i Carabinieri della Stazione di Roma Garbatella hanno arrestato una coppia di italiani, lui di 39 anni e lei di 31, entrambi residenti a Cerveteri e titolari di un negozio per la vendita di sigarette elettroniche, con l’accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti.

I militari da alcuni giorni stavano eseguendo dei controlli antidroga nel territorio ed avevano notato alcuni movimenti sospetti nei pressi di un negozio. Ad attirare la loro attenzione un insolito via vai di persone, che entravano ed uscivano senza effettuare acquisti.

Monitorando da lontano hanno notato anche la presenza di qualche consumatore abituale di droga, della zona.

A quel punto i militari hanno deciso di effettuare un controllo, che ha permesso così di scoprire come al suo interno, e precisamente, in un locale del retro dell’esercizio commerciale, i due titolari avevano realizzato una serra artigianale, accuratamente predisposta con lampade alogene e con un sistema di areazione con ventilatori. 

Al suo interno i militari hanno rinvenuto 7 piante di “cannabis”, dell’altezza di circa un metro e mezzo, altri 600 grammi circa di marijuana già essiccata, diverso materiale utile alla coltivazione delle piante e circa 500 euro, ritenuti provento dell’illecita attività di spaccio. 

Tutto il materiale rinvenuto e la droga sono stati sequestrati mentre i due, dopo l’arresto, sono stati accompagnati presso la loro abitazione in regime degli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

Al termine dell’udienza la coppia è stata condannata all’obbligo di firma. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Non si strumentalizzi il mio dramma»

<p><strong>di GIULIANA OLZAI</strong></p>

<p>CERVETERI – E&rsquo; indubbio che la sentenza di primo grado per l&rsquo;omicidio di Marco Vannini che ha condannato Antonio Ciontoli a 14 anni per omicidio volontario con dolo eventuale, i suoi familiari a tre anni per omicidio colposo e Viola Giorgini (la fidanzata del figlio) assolta, ha suscitato tanta rabbia e indignazione sui social per la mitezza delle pene.&nbsp;<br />
Non sono valse le spiegazioni in punta di diritto amplificate anche da trasmissioni televisive nazionali che pur mettendo in evidenza,&nbsp; il deficit di contenuto morale insito in quella sentenza, hanno sottolineato pi&ugrave; volte che un risultato tecnico comunque si era ottenuto: Antonio Ciontoli &egrave; stato comunque condannato per omicidio volontario. La derubricazione del reato per il resto della sua famiglia, e la concessione delle attenuanti generiche &egrave; quanto fa discutere ed &egrave; ci&ograve; che ha provocato l&rsquo;ira comprensibile della mamma di Marco che &egrave; esplosa in aula al momento della lettura della sentenza e che non &egrave; ancora passata, convinta com&rsquo;&egrave; che al suo Marco non &egrave; stata resa la giustizia che si aspettava.&nbsp;<br />
Marina stessa annuncia la nascita di una fondazione in nome di Marco con lo scopo di dare aiuto e assistenza a famiglie che avrebbero potuto trovarsi in futuro nelle loro condizioni e a sostegno di quel legittimo sentimento di critica che svegli le coscienze verso una giustizia pi&ugrave; equa, forse prosaicamente meno tecnica ma pi&ugrave; incisiva che si faccia carico anche di presupposti morali, in questa sentenza a detta della famiglia, non ritenuti tanto rilevanti per poter comminare pene pi&ugrave; severe tanto da dare il senso pieno di una giustizia compiuta e giusta.&nbsp;<br />
Un modo legittimo e sano di operare in seno ad una societ&agrave; civile che consente la critica e il dissenso.&nbsp;&nbsp;<br />
Da qui l&rsquo;iniziativa su adesione spontanea e volontaria di tappezzare le vetrine dei negozi di Cerveteri e Ladispoli con la locandina&nbsp; &ldquo;noninmionome&rdquo;&nbsp; e l&rsquo;intento della famiglia Vannini di&nbsp; organizzare a Cerveteri&nbsp; una manifestazione privata da programmare per&nbsp; l&rsquo;anniversario dei tre anni dalla scomparsa del figlio. Non era nelle intenzioni che nessuno cogliesse la palla al balzo per tentativi di strumentalizzazione ad ogni livello. Comincia a circolare sul web un video promosso da un personaggio politico che provoca l&rsquo;irritazione della famiglia per i modi ritenuti ingannevoli della sua realizzazione.&nbsp;<br />
<strong>Mamma Marina</strong>: &laquo;Non lo sapevamo che c&rsquo;era la politica di mezzo. Ieri ho avuto un incontro in casa mia non sapendo chi era questa persona che mi ha detto che erano pronti ad aiutarmi per fare una manifestazione per Marco. Io, l&igrave; per l&igrave;, ho accettato. Ci ha coinvolti con l&rsquo;inganno. Facciamo un annuncio, lo mandiamo in rete, ha detto,&nbsp; cos&igrave; riusciremo a portare tantissime persone a Cerveteri per la manifestazione. E l&igrave; per l&igrave; ho detto facciamolo. Da me si sono presentati come associazione che aiutavano le persone in difficolt&agrave; ma nessuno mi ha detto che era un politico. Poi per&ograve; quando &egrave; stato mandato questo video in rete ci siamo subito resi conto chi era questo personaggio. Quando &egrave; rientrato mio marito Valerio, si &egrave; arrabbiato tanto. Ha subito telefonato a questa persona chiedendogli di togliere immediatamente&nbsp; il video dalla rete e bloccarlo perch&eacute; mio figlio non avrebbe voluto questo e neanche noi. Voi avete ingannato mia moglie, l&rsquo;avete coinvolta in un momento di debolezza e questo non va bene&raquo;.&nbsp;&nbsp;<br />
Mamma Marina &egrave; affranta: &laquo;Non sto bene &ndash; dice – ho bisogno di staccare un po&rsquo;. E&rsquo; arrivato il momento di stare in silenzio, riflettere, riprendere fiato e poi essere pronta di nuovo a lottare per Marco. Adesso, in questo momento, qualsiasi cosa dica non &egrave; quella che realmente penso perch&eacute; sono molto vulnerabile. Per quanto riguarda la manifestazione del 18 maggio ora non lascio nessuna dichiarazione.&nbsp; E&rsquo; uscito il video nella rete per&ograve; in questo momento non &egrave; quello che volevo.&nbsp; Non mi sento ora di parlarne&raquo;.<br />
<strong>Il cugino di Marco, Alessandro Carlini</strong> in un post sul gruppo &lsquo;&rsquo;Giustizia e verit&agrave; per Marco Vannini&rsquo;&rsquo;, che in questi giorni ha avuto un&rsquo;impennata di iscritti sfiorando ad oggi le 44mila adesioni, prende le distanze e scrive: &laquo;Importate!!! Siete pregati di non prendere iniziative personali senza l&rsquo;autorizzazione della nostra famiglia. Ho visto gi&agrave; diverse persone che hanno creato un evento per il 18 maggio. Questo non va assolutamente bene. Saremo noi ad informarvi di tutto. La cosa che fa pi&ugrave; male &egrave; vedere che schieramenti politici (es. Fratelli d&rsquo;Italia di Cerveteri), hanno gi&agrave; approfittato della situazione per farsi pubblicit&agrave; e accaparrarsi consensi creando addirittura un evento per il 18 maggio. La politica e i politicanti, qualsiasi schieramento siano, devono stare lontani da noi e soprattutto da Marco!&raquo;<br />
Sentito a riguardo anche l&rsquo;avvocato Celestino Gnazi, legale di mamma Marina, non lascia alcuna dichiarazione n&eacute; commento sulla vicenda. Trapela per&ograve; una sua grande irritazione.&nbsp;&nbsp;</p>

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vecchia: sfide decisive per Allievi e Giovanissimi

di MATTEO CECCACCI

In casa Civitavecchia Calcio 1920 sembra che le cose stiano migliorando. Nell’ultimo fine settimana sono state ottenute due vittorie, due sconfitte e un solo segno ics, dovuto ai classe 2002 di Marco Mazza che hanno pareggiato la sfida in trasferta con la Polisportiva Oriolo. Ora l’obiettivo si concentra maggiormente sul mantenimento delle due categorie elite rimaste, ovvero gli Allievi di Rocchetti e i Giovanissimi di Oliviero che dovranno obbligatoriamente vincere rispettavamente con Ottavia e Rieti, per disputare poi a maggio i playout tra le mura amiche. Per l’ultima giornata della stagione gli Juniores Elite di Pino Brandolini non sono usciti affatto con il sorriso dal Fattori, in quanto hanno ceduto 3-0 con l’Atletico Vescovio, ma i nerazzurri con la salvezza già  acquisita e festeggiata da alcune settimane e con la testa già in vacanza sono scesi in campo con una nonchalance che li ha portati a giocare con molta superficialità. Il primo squillo del match è di Cerroni che, squalificato dall’eccellenza, al 22’ prova a centrare lo specchio della porta, ma la sua conclusione è fuori misura. Poco dopo gli ospiti si fanno avanti e siglano il vantaggio con Girardi, bravo a trafiggere Paniccia sul primo palo. Nella ripresa la Vecchia risulta non pervenuta e il Vescovio ne approfitta immediatamente, segnando il 2-0 al 74’ grazie al neoentrato Piccionetti e il tris finale all’88’ con Cori che a porta vuota non può che appoggiare il pallone in rete. Al triplice fischio di Ventrelli di Ciampino i biancorossi impazziscono di gioia ed esultano per il raggiungimento diretto della salvezza che costa il mantenimento della categoria per il prossimo anno; gioia immensa, dunque, per mister Centomani e Patron Cardella presente in tribuna che nello spogliatoio hanno festeggiato fine a tardo pomeriggio insieme all’intera rosa. Per il Civitavecchia nessun rammarico, ma tanti, tantissimi scambi di maglie, sorrisi e abbracci tra calciatori e dirigenti per una stagione giocata nel migliore dei modi. Un ottimo percorso dei ragazzi, disputato con il sudore sulla fronte in ogni partita; sudore che ogni talvolta colava sulla maglia nerazzurra aveva il significato di lottare sempre fino all’ultimo secondo, perché chi veste questa maglia sa bene cosa vuol dire. Un elogio, però, va fatto a quel tecnico di nome Pino Brandolini che ha valorizzato ogni singolo ragazzo facendoli crescere sotto ogni aspetto, dall’umiltà al rispetto per gli avversari; un grande nome per la società nerazzurra. Un encomio, invece, va al capocannoniere Edoardo Indorante e a capitan Pietranera che con le loro prestazioni, magie calcistiche, dedizione e amore per questo sport hanno dato alla squadra quel tocco in più per distinguersi dalle altre compagini. Infine, un plauso a tutti quei tifosi sempre presenti che, nonostante freddo e pioggia, hanno sempre sostenuto i classe 2000 aiutandoli a mantenere la categoria, che il prossimo anno andrà ai ragazzi di Rocchetti, con la speranza che sfruttino al meglio questa inestimabile eredità. (Agg. 24/4 ore 17.43 SEGUE)

I RISULTATI DEI TEAM DEGLI ALLIEVI DEL CIVITAVECCHIA CALCIO 1920 – Goleada della Vigor Perconti sugli Allievi Elite di Andrea Rocchetti che escono battuti 5-0 tra le mura amiche del Tamagnini. Non era questa la partita da vincere, ma la Vecchia nonostante questo ha messo in campo tutte le possibili energie fino allo scadere. I blaugrana, già vincitori della regalur season da ben tre settimane, dell’ex tecnico Luigi Miccio hanno espresso grande gioco dimostrando al pubblico una grande lezione di calcio degna del nome della categoria elite. I nerazzurri, senza Mercuri da oltre tre settimane, che sembrerebbe non far più parte della rosa a causa di comportamenti ritenuti del tutto inadeguati dalla società, sono scesi in campo con una formazione più mista che mai: ben tre i classe 2002; Marini, Di Domenico e Luciani. Ma la nota di merito, questa volta, va al portiere di Pasquale Oliviero, ovvero Alessandro Conti: l’ex Aurelio Fiamme Azzurre, pupillo di Marinelli, è stato autore di una sensazionale prestazione che l’ha portato a realizzare ottime parate. «Un grande ragazzo – spiegano dalla società – sia dentro che fuori dal campo. La bravura di questo portiere va messa in risalto, in quanto può essere una promessa per il nostro futuro». I cinque gol della Vigor sono maturati nel primo tempo grazie ai sigilli di Santamaria al 35’ e Finucci al 39’ mentre nella ripresa a chiudere la cinquina ci hanno pensato Giovannone, De Bellis e Rossi. Al termine della gara i nerazzurri non si scoraggiono e alla sconfitta non ci pensano più di tanto, la consapevolezza che questo match avrebbe avuto poco valore già lo si sapeva in settimana. Il vero scontro diretto ci sarà domenica 29 in casa dell’Ottavia (-1) per l’ultima partita della stagione che promette una grande tensione. Sarà di fondamentale importanza vincere a Roma, perché se i classe 2001 vorranno disputare i playout in casa, dovranno mettere in atto tutte le loro forze e i sacrifici di un’intera stagione per gli ultimi 90’ che valgono la categoria, sperando in un passo falso della Totti S.S. con l’Urbe. «Non bisogna – spiega il centrocampista Sansolini – mai mollare un colpo. Siamo un gruppo unito e lotteremo fino alla fine, abbiamo abbastanza carica per domenica e andremo a Roma per fare la nostra partita. Io ci credo, d’altronde come tutti i miei compagni». Un punto per gli Allievi Regionali Fascia B di Marco Mazza che inspiegabilmente non riescono più a vincere una partita. Il segno ics con la Polisportiva Oriolo è il culmine di una serie di gare che non sta rispecchiando affatto i classe 2002. Forse il troppo caldo primaverile sta facendo effetto ai ragazzi che, dal 25 marzo scorso non ottengono più punti, e se l’obiettivo fino a qualche settimana fa era agguantare i primi posti della classifica, ora impensabilmente è cercare di difendere il sesto posto. Il match, che nei primi 40’ ha visto grande equilibrio per entrambe le squadre, ad aprire le danze sono i viterbesi con Aramini che non riesce a beffare Formisano tra i pali. I civitavecchiesi reagiscono, ma la conclusione di Di Domenico viene parata dall’estremo difensore. Ultimo tentativo di tempo è di Luciani che, approfittando di un cross dalla sinistra, non riesce a tirare bene nella direzione della porta. Nella ripresa partono forti i locali che vanno in vantaggio alla prima azione dopo 1’ grazie a Bartoli. I nerazzurri accusano e il colpo e devastano ogni due per tre la porta difesa da Gentili, ma le belle parate e un po’ di sfortuna negano il pareggio agli ospiti. L’1-1 avviene a 10’ dal termine grazie a Pippo Prestigiacomo, bravo a beffare Loru. Al termine della gara Mazza con Castellini non possono che spartirsi un punto a testa e a cinque giornate dal termine non resta che cercare di accumulare più punti possibili per raggiungere una salvezza matematica. Oggi i nerazzurri giocheranno con la quarta della classe Monterosi mentre l’Oriolo farà visita alla capolista Montefiascone. (Agg. 24/4 ore 18.09 SEGUE)

LE GARE DELLE SQUADRE DEI GIOVANISSIMI IN MAGLIA NERAZZURRA – Fenomenale vittoria dei Giovanissimi Elite di Pasquale Oliviero che hanno rifilato il tris all’ottava forza del girone Campus Eur grazie alla doppietta di bomber Corona e Sannino. Tre punti importanti che, nonostante la condanna ai playout già da due giornate, influiscono per la posizione della graduatoria. Al Tobia parte tutto col piede giusto, è l’ex aquilotto Corona a trafiggere dopo 60’’ Rossi. I locali rispondono con Velocci, ma la saracinesca Fioretti non concede. Nel finire dei primi 35’ arriva il 2-0 con Sannino che, approfittando di uno svarione difensivo con il portiere fuori dai pali, appoggia il pallone in rete. Nella ripresa partono forte nuovamente i nerazzurri che con Corona chiudono definitivamente i conti. Poco dopo, però, il match si accende quando Di Biase di Aprilia concede un netto rigore ai locali; dagli undici metri si presenta Ricasoli, ma il fenomeno Fioretti compie una parata a dir poco fantastica. La Vecchia insiste e cerca il poker, ma Fastella prima e Zagami dopo non centrano lo specchio della porta. Nel finire di tempo Liberati viene espulso ingenuamente e salterà con molto dispiacere per la società la sfida col Rieti. Nel recupero, per il gol della bandiera, ci pensa Bonifacio che trafigge un incolpevole Fioretti. Al termine della gara ai locali di mister Bernardini non resta che pensare all’ultima di campionato con l’Ottavia, mentre per i nerazzurri, che con questi tre punti d’oro si piazzano alla quartultima casella della lista, devono doverosamente vincere a tutti i costi, senza se e senza ma lo scontro direttissimo col Rieti, terzultima forza del girone, per decretare chi giocherà i playout in casa. Unico rammarico l’assenza del fuoriclasse Liberati, ma a compensare c’è l’intera formazione di talenti con un tecnico preparato come Oliviero.
Ottimo riscatto dei Giovanissimi Regionali Fascia B di Andrea Gualtieri che dopo l’inaspettato pareggio col Montefiascone annientano tra le mura amiche l’Ostiantica 4-1. I primi 35’ hanno visto una prima fase di stallo, per poi andare in vantaggio con Feula che, dopo aver sbagliato il rigore, approfitta della respinta del portiere per l’1-0. Trascorrono appena 5’ e dalla sinistra Palma fa partire un cross pennellato per Jacopino Mancini che di sinistro sfonda la porta dell’estremo difensore. Il 3-0 arriva al 28’ grazie al sigillo di Orlandi che ringrazia Luchetti per l’assist. Nella ripresa non cambiano le carte in tavola e i civitavecchiesi chiudono subito il match andando a segno con il talentuosissimo Dario Luchetti, senza dubbio il migliore il campo: il promettente esterno destro classe 2004, che possiede grandi doti e qualità, si sta maggiormente distinguendo in questa stagione per quanto dimostrato finora. «Dario – spiegano dalla società – è un centrocampista di classe. È uno dei nostri migliori talenti che vantiamo e vogliamo tenercelo stretto. Per quanto riguarda le chiamate arrivate da club professionistici siamo contenti, ma stiamo valutando. Per ora continuerà a crescere nella cantera nerazzurra, poi se un giorno meriterà, saremo i primi a spedirlo nei palcoscenici nazionali». Nel finire di tempo i pupilli di Gualtieri sbagliano diverse occasioni e al 5’ di recupero incassano il gol della bandiera da parte del lidense Forani che trafigge un incolpevole De Rosa. Al triplice fischio è 4-1 Vecchia che porta i tirrenici al terzo posto insieme al Campus Eur, agganciato a 46 punti grazie al pareggio maturato col Calcio Tuscia, a -4 dalla Leocon. «Sono contento – spiega il tecnico Gualtieri al termine della gara – della prestazione generale dei miei ragazzi. Peccato per quel pareggio col Montefiascone, avessimo vinto saremo stati sopra al Campus Eur, ma tornare indietro non si può. Tutto si giocherà sabato quando li affronteremo in casa dinanzi ai nostri tifosi. Bisogna continuare ad allenarci e credere al secondo posto finché la matematica non ci condanna. Voglio fare – conclude il mister – un encomio particolare a Bracchi e al portierino del 2005 De Rosa, che ogni volta che viene chiamato in causa risponde prontamente; complimenti ad entrambi». (Agg. 24/4 ore 18.41)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###