Tolfa, a ferragosto il torneo regionale dei Butteri

TOLFA – Prosegue a Tolfa il Festival della Musica e Sagra della Griigliata. Dopo il live della popolare band ‘‘Radici nel cemento’’ si proseguirà stasera con il live music degli Audio Magazine; domani sera lo spettacolo del duo Manovelli-Saladini ‘‘Ma dove va biondina in bicicletta’’, una storia d’amore in musica e parole. Protagonista la canzone della Roma degli anni ‘40 – ‘44. È una storia d’amore tra Anita e Cesare sullo sfondo della grande storia di quegli anni. Gli altri musicisti sono: Mauro Ferrari, Fabio Pizzardi, Emanuele Tienforti e gust star Marco Guidolotti; ospite d’onore Mogol. La serata sarà a scopo benefico; Manovelli e Saladini ricorderanno l’indimenticato amico avvocato Vincenzo Cacciaglia. Il 14 agosto appuntamento con il Festival Canoro Cantando sotto la Rocca e il 14 chiusura con il concerto della banda e lo spettacolo pirotecnico. Ogni sera alle 20 aprirà lo stand enogastronomico: agli avventori saranno servite ottime grigliate miste di carne genuina locale, acquacotta, beghe all’amatriciana, insalata, patate fritte e frittelle di San Giuseppe; il tutto con fiumi di vino locale e birra alla spina: questo il menu che sarà possibile degustare dall’11 al 14 agosto. Il 15, invece, il menù prevede solo grigliata. Per info e prenotazioni 3298126866 o 3497776245. Da mezzanotte per tutte le serate saranno distribuiti cornetti caldi. Saranno attivi anche gli stan del cannolicchio e del bar. Da rilevare che ci saranno concerti d’alto livello musicale: oggi alle 18 il concerto del quartetto di clarinetti; il 13 agosto l’ensemble di flauti diretti dalla professoressa Luigina Sestili; martedì 14 agosto concerto del gruppo di musica d’insieme diretta dal maestro Giancarlo Annibali; il 15 agosto alle 22 concerto della banda Verdi diretta dal maestro Stefania Bentivoglio. E’ ormai conto alla rovescia a Tolfa per l’edizione 2018 del tradizionale e atteso ‘‘Torneo Regionale dei Butteri’’, la gara equestre fra i migliori team del comprensorio che si terrà a La Nocchia il 15 agosto a partire dalle 16.30. Quattordici le squadre in gara: I Tre Confini (Ugo Chiavari, Giuseppe Tarantino, Gabriele Toso); L’Infernetto (Pierluigi Befani, Umberto Befani e Remo Mellini); La Torara Fabrizio Costa, Maurizio Mgagnini, Fabrizio De Carolis; La Caballera Stefano e Moreno Olivetti e Fabrizio Chima); Ponton De Bianchi Renzo Crisostomi, Maurizio Camilli e Fabio Porchianello); Fontana Murata (Carlo Chiavari, Alfio Raso e Matteo Sorci); Gli Intrusim(Marcello Spolverini, Claudio Traballoni e Niko Barberini); Campo PIombino (Marco Santacroce e Francesco Di Bartolomeo); Rione Bassano (Pierluigi e Marta Papa e Daniele Piermarini); Circolo Ippico Arillà Francesco Fiorucci, Danila Petrini e Luca Corrado; La Quercia Marco e Sara Quattrini e Luca Bonafede); La Parentina Mirko e Giovanni Guiducci e Mauro Maranini; Poggio Cetraulli (Angelo Graziani, Livio Santoni e Guido Agostini) e Le Guardiole (Fabrizio Fronti, Giulio Onori e Fabrizio D’Ascenzio). Fervono poi i preparativi in vista del ‘‘Drappo dei Comuni’’: la corsa dei cavalli al fantino che si svolge da sempre lungo il Viale d’Italia. Una tradizione che qualcuno fa risalire addirittura agli etruschi: di vero c’è un’anfora rinvenuta nella necropoli tolfetana del Ferrone che raffigura una gara tra cavalieri. Arrivando ai giorni nostri, i manifesti dei festeggiamenti del patrono S. Egidio Abate di inizio ‘900 riportano con evidenza questa tradizione, che da dieci anni (anche alla luce delle nuove norme di sicurezza relative a questo genere di eventi) ha trovato nuova linfa nella formula del “Drappo dei Comuni” che vede la partecipazione di 8 Comuni del comprensorio. A contendersi il Drappo saranno i Comuni di Civitavecchia, Santa Marinella, Cerveteri, Oriolo, Canale Monterano, Manziana, Allumiere e i padroni di casa di Tolfa.  Le batterie  e l’abbinamento scuderie-Comuni avverrà durante la Cena di gala, che si svolgerà il prossimo 24 agosto alle 20 e a seguire queste operazioni sarà Angela Ceccarelli.  Sempre durante la cena di gala, alla presenza dei Sindaci e rappresentanti istituzionali dei Comuni partecipanti e delle scuderie verrà presentato il Drappo. Domenica 26 la corsa prenderà il via alle 15.30, subito dopo la ‘‘Sfilata dei Sindaci’’ con fascia tricolore e del Drappo. Il tracciato della corsa dei cavalli di Tolfa è lungo circa 450 metri e si snoda lungo Viale d’Italia, in leggera salita e con una curva. Oltre all’interramento completo del percorso  verranno installate una serie di transenne esclusive a collo d’oca, con le quali il Comune di Tolfa, insieme ad altre precauzioni specifiche, vuole garantire la massima protezione per gli spettatori e per i cavalli. Il pubblico come di consueto potrà assistere alla gara gratuitamente lungo il Viale d’Italia. L’organizzazione del Drappo dei Comuni è curata dalla Pro Loco di Tolfa, guidata dal presidente Alessio Testa e dalla vice Stefania Marcelli, con la collaborazione diretta del sindaco Luigi Landi e del Comune. A garanzia della sicurezza del pubblico oltre alla protezione civile sono impegnate le forze dell’ordine ed uno staff ad hoc.Per le prenotazioni della cena ed informazioni sulla manifestazione è possibile contattare la Pro Loco ai numeri 0766/93474 o 349/6180761. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli, arrivano i cestini per la differenziata ma gli incivili restano

LADISPOLI – Niente da fare a Ladispoli. Alcune "vecchie" abitudini non tendono affatto a sparire, nonostante la buona volontà degli amministratori comunali. Da tempo i cittadini lamentavano la presenza di cestini per la raccolta differenziata sul lungomare e in altri punti strategici, come ad esempio i giardini pubblici. Un appello che alla fine ha trovato ascolto tra gli amministratori di palazzo Falcone. I cestini già nei giorni scorsi sono iniziati ad apparire. Prima proprio sul lungomare in prossimità delle spiagge maggiormente frequentate dai bagnanti, come gli arenili liberi di via San Remo, poi lungo viale Italia dove i cestini dell'indifferenziata sono stati sostituiti con i nuovi per la differenziata. Ma nonostante questo, c'è chi continua a ostinarsi a gettare i propri rifiuti per terra. Come accade nei giardini pubblici di via Claudia. I nuovi secchi della differenziata sono stati ideati e pensati per evitare che al loro interno potessero essere conferite buste di indifferenziato, come successo fino a pochissimi giorni fa. E così, ora quegli stessi sacchi ora vengono abbandonati lungo i giardinetti, ironia della sorte, anche nei pressi dei nuovi cestini. Segno che certe abitudini, negative ovviamente, difficilmente tramontano da un giorno all'altro. Segno di inciviltà da parte di ancora oggi di differenziare proprio non ne vuole sapere, danneggiando così anche quei cittadini che ormai da anni si impegnano nella raccolta porta a porta, smistano correttamente i propri rifiuti e vorrebbero vedere una città più pulita. Da qui l'appello più volte lanciato di incrementare i pattugliamenti nelle zone più a "rischio", anche con uomini della Polizia locale magari in borghese, che possano beccare sul fatto l'incivile e sanzionarlo pesantemente nella speranza che almeno alla vista di una multa salata il comportamento incivile si trasformi in civiltà e rispetto delle regole.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Palio Marinaro dà i suoi verdetti

Per una frazione di secondo l’equipaggio di Castiglione della Pescaia (Rione Piazza) ha battuto l’equipaggio Civitavecchia 1 conquistando la Coppa del X Palio Marinaro dei Tre Porti del settore maschile; sul terzo gradino del podio l’equipaggio Civitavecchia 2 con il team composto dai ragazzi della cantera del Circolo Canottieri Civitavecchia di mister Franco Tranquilli. Per il settore femminile vittoria dell’equipaggio di Livorno, argento per il team delle ‘‘Tenaci’’ di Civitavecchia (reduci dalla vittoria del Palio Marinaro 2018 conquistata il giorno prima) e bronzo per il team di Fiumicino. Anche quest’anno alla Marina di Civitavecchia si è svolta una ricca duegiorni di festa e eventi inerenti il palio Marinaro tra i Rioni Storici di Civitavecchia (39^ edizione) e il Palio Marinaro dei Tre Porti (X edizione) con una serie di iniziative a margine di questo evento sportivo. Tutta la manifestazione è stata promossa, organizzata e curata alla perfezione da Sandro Calderai e dai soci dell’associazione ‘‘Mare Nostrum 2000’’ Sabato mattina il Palio Marinaro si è aperto con la sfilata; a questo momento. Nel pomeriggio (dalle 17 in poi) si sono svolte le regate valide per l’assegnazione del titolo. Al termine delle varie combattute regate vittoria del Rione Storico Aurelia con il team composto da Ciro Farace, Gennaro Gifuni, Marco Maddaloni, Orlando Di Donato e Emiliano Morbidelli (timoniere); secondo posto per il Rione Storico Campo Dell’Oro con Alessandro Paolucci, Michele Pizzichelli, Edoardo Azoitei, Matteo Granella e Giordano Floris (Timoniere); terzo posto per il Rione Storico Pirgo con il team composto da Davide Orlandi, Gianfranco Gargiulo, Massimiliano Rossi, Vincenzo Farace, Margherita Fraticelli (Timoniere). Quarto il Rione San Liborio con Roberto Ansaldo, Maurizio Appetecchi, Gabriele Grassi, Diego Zanella e Giorgio Ansaldo (Timoniere). Per quanto riguarda il settore femminile vittoria del Rione Storico San Liborio: il team de ‘‘Le Tenaci’’, composto da Patrizia Manunza,  Letizia Del Vecchio, Margherita Fraticelli, Lancella Rosa e Davide Orlandi (timoniere)per la quarta volta consecutiva ha vinto il Palio Marinaro iscrivendo il proprio nome nell’albo d’oro. Secondo posto per il Rione Storico Aurelia composto da: Cristiana Giardini, Stefania Melissari, Martina Moscatelli, Elena Rescigno e Claudio Guida (Timoniere). Combattuta la Lotta Saracena: vittoria di Emanuele Arciprete; a seguire Gabriele Lisiola; Dario Masoni e Matteo Lisiola. Nella gara dimostrativa di canottaggio fra gli atleti del Circolo Canottieri Civitavecchia vittoria dell’equipaggio composto da Alessandro Paolucci, Gabriele e Matteo Lisiola, Matteo Granella e Giordano Floris (Timoniere); secondi Giuseppe Corati, Michele Pizzichelli, Edoardo Azoitei, Gabriele Grassi e Paolucci senior (timoniere). Domenica poi si è svolto il Palio Marinaro dei Tre Porti che ha visto svolgersi gare combattutissime con vittorie decise sul finale. Ad avere la meglio è stato il team di Castiglione che si è imposto su Civitavecchia 1: i civitavecchiesi Ciro Farace, Gennaro Gifuni, Marco Maddaloni, Orlando Di Donato e Emiliano Morbidelli per gran parte della gara hanno avuto la supremazia poi per un guasto alla pedaliera hanno perso qualche secondo e l’espertissimo team toscano hanno sferrato la remata vincente piazzando la prua della loro barca davanti ai locali. Terzo Civitavecchia 2 con l’equipaggio composto da Alessandro Paolucci, Michele Pizzichelli, Edoardo Azoitei, Matteo Granella e Giordano Floris (Timoniere), quarti i ragazzi di Livorno. Solo quinti i campioni in carica uscenti dell’Isola del Giglio; sesti i canottieri del terzo equipaggio civitavecchiese composto da Roberto Ansaldo, Davide Orlandi, Abramo Silva, Vincenzo Farace e Giorgio Ansaldo. Da rilevare che nella duegiorni le donne hanno gareggiato con il simbolo della Komen per la cura, prevenzione del tumore alla mammella. Anche questa edizine 2018 va in cantiere e verrà ricordata come una bella manifestazione pienamente riuscita. Il popolo del Remo è cresciuto, ora bisogna che i civitavecchiesi imparino ad amare questa manifestazione che unisce tradizione, sport, solidarietà, cultura, storia, folklore. Complimenti all’attivissimo patron Sandro Calderai, ai soci storici per il grande lavoro che fanno nell’anno; agli allenatori, ai giudici (Vincenzo Ricotta, Giovanni Spinelli), ai collaboratori e agli atleti, a Tranquilli per il supporto e per i suoi ragazzi. 
Rom. Mos.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Palio Marinaro apre in grande stile

Apertura in grande stile ieri mattina per il 39° Palio Marinaro dell’Assunta e del Saraceno tra i Nuovi Rioni Storici di Civitavecchia e del 10° Palio Marinaro dei Tre Porti, evento sportivo ispirato alla storia, alla cultura, alle tradizioni e alle leggende della città di Civitavecchia. Il Palio dell’Assunta è un evento inserito nel cartellone estivo e nei festeggiamenti del Natale della città. 
Dalla Caserma Stegher si è snodato il corteo del ‘’Popolo del Remo’’ aperto dalla banda Ponchielli diretta dal maestro Dario Feoli, i soci della Mare Nostrum, i membri degli equipaggi con gli stendardi dei vari Rioni Storici, le associazioni Komen, Andos,  i canottieri del Circolo Canottieri di Civitavecchia di Franco Tranquilli; le Madrine dei Rioni Storici, le ragazze della Scuola di Portamento “My fair lady” di Federica Incalcaterra, con la collaborazione dell’ass. Culturale “Miss Civitavecchia” di Giulia Mazzoldi; come sempre accanto al Palio c’è la Pro Loco presieduta da Maria Cristina Ciaffi: i volontari Pro Loco hanno sfilato in abiti d’epoca e hanno rappresentato al meglio la nostra città grazie ai vestiti perfetti realizzati dalla bravissima ed esperta costumista Angela Tedesco. Presso l’anfiteatro della Marina Di Civitavecchia è stato inaugurato dal presidente Sandro Calderai, dal presidente della Fondazione Cariciv Gabriella Sarracco, dal vicesindaco Daniela Lucernoni, dal consigliere comunale Fortunato, dal consigliere regionale del M5S Devid Portello e dal consigliere dell’Area Metropolitana Alessio Manunta il “Villaggio Del Palio Marinaro” dove ci sono gli stand della solidarietà. Molto riuscita e partecipata l’iniziativa ‘‘A pesca con papà al Palio Marinaro’’ a cura dell’Asd Amici del Mare. Oltre 20 i ragazzi e i bambini che si sono sfidati nelle prove del Palo della Cuccagna e dei  Cocomeri in Mare. Poi si è svolta la gara della Lotta del Saraceno e a trionfare per il secondo anno consecutivo è stato Emanuele Arciprete tecnico windsurf della Lni Civitavecchia; a seguire Gabriele Lisiola del Circolo Canottieri Civitavecchia, Dario Masoni Lni Civitavecchia e Matteo Lisiola Circolo Canottieri Civitavecchia. Apprezzata la «Regata della Scuola di Vela», organizzata dalla Lni Civitavecchia riservata a tutti i ragazzi della scuola di vela 2017 e 2018, per la classe Optimist, l’Equipe e per tavole a vela della classe di windsurf Techno 293. 
Nel pomeriggio si sono svolte le regate del Palio Marinaro dell’Assunta e del Saraceno tra i Nuovi Rioni Storici di Civitavecchia. Per il settore femminile vittoria per la 4^ volta del Rione Storico San Liborio; per il maschile vittoria invece del Rione Storico Aurelia. 
Gli equipaggi femminili hanno gareggiato con il simbolo della Komen Italia per la prevenzione e cura del tumore al seno. Oggi si proseguirà con il Palio dei Tre Porti: alle 16 ritrovo atleti e sorteggio delle batterie, delle acque e delle barche c/o all’Anfiteatro della Marina di Civitavecchia per gare eliminatorie del Palio dei Tre Porti; 16:30 inizio gare eliminatorie tra Civitavecchia, Fiumicino, Gaeta unitamente agli equipaggi degli Approdi del litorale laziale, campano e toscano; 17:30 esercitazione di soccorso a mare con Gruppo Sommozzatori della Protezione Civile di Civitavecchia c/o anfiteatro della Marina; 18 piccola finale del Palio Marinaro “dei Tre Porti” (5°-6°-7°-8° classificato), 18:30 finale del Palio Marinaro “Dei Tre Porti’’ (1°-2°-3°-4° classificato), 19 premiazioni Palio dei Tre Porti.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tutto pronto per la Coppa Italia

Una sola data per il circolo nautico Riva di Traiano: 14 luglio. Giorno in cui partirà da Riva di Traiano la nuova Coppa Italia 2018, con tutto il suo carico di effervescenti novità. Le banchine incominciano ad animarsi ed è già una festa che sta montando. Si concluderà solo con la presa della Bastiglia, ovvero della Coppa Italia per Club Trofeo Enway. «È una formula intrigante – commenta il presidente del Cnrt Alessandro Farassino – e mi fa tornare in mente  l’Admiral’s Cup. E questa è già una bella sensazione. È davvero emozionante essere coinvolti anche come circoli. Questa formula mette anche a noi dirigenti una bella dose di adrenalina in corpo.  Sono ben otto i circoli che hanno aderito ed ovviamente hanno tutti la volontà e le possibilità di vincere. L’Uvai ha avuto una bella idea, che potrebbe essere la rivoluzione per l’altura con un po’ di tifo da campanile. Oltre a noi ci saranno Fiumicino, Livorno, Punta Ala, il Nautilus, il Tevere Remo, lo Yacht Club Italiano e l’Argentario. Successivamente – conclude Farassino – dopo questa prima esperienza i circoli aumenteranno, ne sono certo. Rimane comunque anche la Coppa Italia tradizionale, che sarà assegnata all’imbarcazione che totalizzerà il migliore punteggio nella combinazione delle classifiche Orc e Irc. Ed oltre la Coppa si porterà a casa anche il premio Garmin e un ricevitore satellitare della Serie inReach».
Le barche iscritte sono 36 e tra esse ci saranno alcuni vincitori del recente Campionato Italiano Assoluto di Ischia, come Duende – Aeronautica Militare, il Vismara 46 di Raffaele Giannetti in classe 0 C. Morgan IV 3M, il GS 39 di Nicola De Gemmis in classe 2 C e Mart D’Este, l’Este 31 Custom di Edoardo Lepre in classe 4-5 C, attuale detentore della Coppa Italia.
Per il Cnrt, dunque, correranno in classe A Canopo, GS 39 di Adriano Majolino, Duende, Vismara 43 di Raffaele Giannetti, Rosmarine 2, GS 46 di Riccardo Acernese,  Scheggia, Swan 42 di Nino Merola, Sir Biss, Sydney 39 di Giuliano Perego. In classe B, First Wave, First 405 di di Guido Mancini, e Quantum, Vismara 34 di Giuseppe Massoni.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Le strutture ricettive all'aria aperta approdano in Consiglio

LADISPOLI – Aree di sosta camper, campeggi, villaggi turistici e annesse attività accessorie (come il rimessaggio di piccole imbarcazioni). Sono queste le strutture ricettive che si accingono ad ospitare i terreni che vanno da via San Remo sino al confine con le strutture ricettive all'aria aperta storiche. Una vera e propria «svolta epocale» come spiegato dal vicesindaco Pierpaolo Perretta che ha annunciato come questa sera sarà sottoposta all'approvazione del consiglio comunale la Variante urbanistica per pianificare l'area di via Primo Mantovani.

«Dopo 40 anni di immobilismo – ha detto – e mancanza di regole che hanno gettato la città e la sua economia nello stato in cui oggi versa, l'amministrazione è finalmente intervenuta in maniera definitiva sulla zona, assecondandone la sua naturale vocazione turistica». Le attività saranno costituite da strutture temporanee e di facile rimozione. Non è previsto, come sottolineato anche dal vicesindaco, l'uso di cemento.

«Siamo alla fase iniziale di un iter – ha proseguito Perretta – che prevede, prima della sua conclusione, l'espletamento delle procedure di valutazione ambientale e della definitiva approvazione da parte della Regione Lazio». L'auspicio degli amministratori di palazzo Falcone è che l'iter possa concludersi in tempo per la prossima stagione estiva.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Degrado sul lungomare

LADISPOLI – Fontanelle quasi tutte chiuse sul lungomare di Ladispoli. Sos in via Regina Elena. L’acqua non sgorga nemmeno nelle fontane dei giardini pubblici, come via Ancona ad esempio.

Chi da la colpa ai vandali, chi ai turisti che le fanno otturare con la sabbia dopo essersi sciacquati i piedi. Protestano sia i cittadini che i villeggianti. Il nostro viaggio sul lungomare  all’insegna dell’incuria prosegue.

Sulle spiagge libere sono inesistenti anche le docce per i bagnanti, come in via Marina di Palo. Pochi cestini per i rifiuti, sia su via Regina Elena che in via Marco Polo, mentre le sterpaglie aumentano sempre di più, tanto che persino i ciclisti sono costretti a difficili slalom per evitare l’erbaccia. Le rastrelliere per le bici sono state distrutte, interi tratti di strada e marciapiedi invece risultano impraticabili per i diversamente abili, è il caso ad esempio di via Roma e via San Remo, spesso le spiagge libere si trasformano in una discarica a cielo aperto.

Insomma, un biglietto da visita non proprio ottimale per una città che si prepara ad affrontare la stagione estiva. Insorge l’opposizione di Ladispoli. «Non credo ci voglia poi così tanto – sostiene Eugenio Trani, consigliere comunale di Ladispoli Città – ad aggiustare le fontane. Perché non viene eseguita la manutenzione? Perché i cestini non vengono implementati sul lungomare nonostante sia previsto nel contratto stipulato con la ditta che si occupa della gestione della nettezza urbana?». Palazzo Falcone risponde. «Effettueremo delle verifiche sollecitando da giugno la riapertura delle fontane, – ribatte Claudio Aronica, assessore al Bilancio – per quanto riguarda i cestini è vero che purtroppo molta gente incivile li usa come veri e propri contenitori dell’immondizia. Perciò a breve scatteranno controlli e multe non solo da parte della Polizia municipale ma anche con le guardie ambientali che si sono insediate da poche ore».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Certame cardarelliano: vince Stefano Manza

TARQUINIA – Grande finale  tra applausi e commozione  per il Certame Cardarelliano. Si è conclusa la IV edizione, l’alloro e il primo premio è andato a Stefano Manza del Liceo classico Telesio di Cosenza. Entusiasta la dirigente scolastica Laura Piroli e l’organizzatrice del Certame Manuela Nardella.«Abbiamo passato tre giorni insieme scoprendo nuovi amici in ognuno di voi, abbiamo sentito la vostra emozione, sia negli interventi durante l’inaugurazione, sia per la prova affrontata venerdì, sia  l’entusiasmo dell’ultimo giorno. – ha riferito Laura Piroli , dirigente dell’IIS V. Cardarelli – Tre giorni forse sono pochi per farsi conoscere, ma ugualmente spero abbiate colto lo spirito che pervade ogni vostra attività e che possiate lasciarci con questa idea : ‘Il Cardarelli è una scuola interessante». «Quando vedo voi che ogni anno raggiungete Tarquinia  – ha concluso Laura Piroli – mi convinco sempre di più che i giovani sono una forza ed una potenza. Il mio augurio è di rivederci il prossimo ann».  
Un’onda di emozioni per gli studenti provenienti da tutta Italia in attesa di conoscere i vincitori della IV edizione, poi Osvaldo Bevilacqua  ospite d’eccezione del certame, organizzato dall’IIS Vincenzo Cardarelli di Tarquinia,  ha  declamato i nomi dei premiati tra applausi ed ovazioni.  Il primo premio è stato vinto da Stefano Manza del liceo Telesio di Cosenza, consegnato dal dottor Mario Brutti , pres. della Fondazione Carivit , sponsor del 1° premio; 2° premio a Sofia Avolio del Liceo Classico Albertelli di Roma sponsorizzato dall’associazione nazionale Presidi del Lazio; 3° posto per Francesco Casturà  dell’IIT Montani di Fermo, consegnato da Antonio Silli, pres. del Lions Club Tarquinia, sponsor del premio . L’accoglienza delle delegazioni è stata possibile grazie alla Cariciv.  Le menzioni d’onore : il 4° posto a Chiara Citi del Liceo Russoli di Cascina; 5° posto per Elena Canestro dell’IIS Canonica di Vetralla –Tuscania; 6° posto a pari merito Giulia Chiommino del Liceo Scientifico Cannizzaro di Palermo e a Filippo Bassetti del Liceo Sanzi L.Volta di Spoleto; il 7° posto a pari merito va ad Alessandro Castellani del Liceo scientifico Sanzi Leonardo Volta di Spoleto; a Sarah  Bordi dell’IIS Vincenzo Cardarelli di Tarquinia ed  a  Claudia Conforti del Liceo Classico Telesio di Cosenza. Una giornata straordinaria quella di chiusura contrassegnata da interventi d’eccezione e di grande spessore culturale, a presentarli la dirigente dell’IIS Cardarelli Laura Piroli, coadiuvata da Manuela Nardella e dall’ex preside Alessandro Parrella. Per il Comune presente l’assessore alla Cultura Martina Tosoni. A relazionare, invece,  Remo Castellini (ricercatore all’Università di Vienna), Simone Scataglini (Semi di Pace )  e Andrea Pellegrini (Saggista e critico letterario), che ha presentato un suo saggio all’interno del quale si tratta anche sui rapporti non idillici tra Ungaretti e Cardarelli. La performance artistica di lettura di alcune liriche e prose cardarelliane è stata invece a cura dello scrittore De Pascalis con musiche di Angelini, Pino Quartullo, infatti, ha avuto problemi e non è potuto intervenire. I saluti dell’amministrazione comunale e del sindaco Mencarini sono arrivati dalla delegata alla Pubblica istruzione Federica Guiducci e dal vicesindaco Martina Tosoni. Osvaldo Bevilacqua ha esortato, riprendendo la tematica delle “Riflessioni sul viaggiare” di Cardarelli di osare, di viaggiare, unico modo per comprendere la vita e il mondo, invitando i ragazzi in sala a tornare per visitare la Tuscia. Ha poi raccontato aneddoti culinari e, non solo, su Cardarelli, per concludere “ma essenziale è lo studio: studiate, studiate!”. Una grande festa quindi quella del Cardarelli che si è conclusa alla Società Tarquiniense d’Arte e Storia con l’ultimo evento del Certame: la presentazione del libro di Farinelli ‘‘L’altalena’’. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vivicittà si conferma unico nel suo genere

Si è svolta ieri la 35^ edizione di Vivicittà, la manifestazione podistica nazionale organizzata dalla Uisp – Comitato Territoriale di Civitavecchia. Nonostante il tempo assolutamente incerto alle 9.30, con lo start dato da Dario e Stefano De Fazi e dal presidente Uisp Simone Assioma, ha avuto inizio da viale Garibaldi la corsa competitiva di 12 km che si è snodata per le vie del centro cittadino con Carmine Buccilli dell’Asd Atletica Santa Marinella che si è aggiudicato il II Memorial “Francesco De Fazi” con il tempo di 38’10’’ (che gli è valso l’ottavo tempo assoluto tra tutte le città dove si è corso in contemporanea), seguito da Gabriele Granella (Asd G.P. Monti della Tolfa L’Airone) con 41’27’’ e Cristian Fois (Atletica Costa D’Argento) con 42’12’’. In campo femminile, invece, Marcella Municchi (Uisp Abbadia San Salvatore) con il crono di 49’09’’ ha conquistato il VI Memorial “Leda Gallinari”, seguita da Francesca Guerrini (Asd Atletica Santa Marinella) con 53’44’’ e Appetito Claudia (Asd Anguillara Sabazia Running Club) con 56’26’’. (Agg. 16/4 ore 18.22 SEGUE)

LE ATTIVITA' PARALLELE DEL VIVICITTA' – Alle 10.30 da Piazza della Vita, con lo start del vice sindaco del Comune di Civitavecchia, Daniela Lucernoni, e dal vice presidente del Consiglio Regionale del Lazio Devid Porrello, è partita la coloratissima carovana della camminata ludico-motoria che per la prima volta ha fatto tappa nel porto di Civitavecchia salutando il Palio Marinaro. Nelle speciali classifiche della non competitiva, all’Asd Tirreno Atletica è andato il premio quale associazione sportiva più numerosa, seguita sul podio dalla Ssd Wellness Club Top Line, mentre il premio quale istituto scolastico più numeroso è andato all’Istituto Comprensivo Don Milani. Al termine a Piazza della Vita si sono svolte altre attività per tutti i partecipanti al Vivicittà: balli country coordinati dall’Asd Wild Eagles, Zumba Fitness coordinata dalla Ssd Top Line e attività di vela con gli equipaggi del progetto “Capitan Uncino” coordinata dall’Asd Molo Zero. L’edizione 2018 ha visto tutti i partecipanti uniti dai valori che Vivicittà trasmette da sempre: diritti, ambiente, solidarietà, con dediche speciali alla pace e contro la violenza sulle donne. (Agg. 16/4 ore 18.53 SEGUE)

IL BILANCIO DELL'EVENTO – L’ottima riuscita di questa 35^ edizione di Vivicittà è stato frutto di un perfetto lavoro di squadra tra la Uisp e tutte le istituzioni coinvolte: pertanto i ringraziamenti del Comitato Territoriale di Civitavecchia vanno a tutti gli uomini della Polizia Locale, guidati al Vivicittà dal dottor Remo Fontana, ai volontari della Protezione Civile, del GEN e del NOA, ai ragazzi dell’associazione Onda Popolare e dell’associazione Iron Team, a tutti i volontari presenti lungo il percorso e presenti a tutte le attività di organizzazione e coordinamento, al gruppo giudici di gara Uisp Viterbo per il centro classifiche, a tutte forze dell’ordine, alla Capitaneria di Porto per il preziosissimo supporto nell’organizzazione della camminata all’interno del porto, a tutte le istituzioni portuali, al Comune di Civitavecchia e in particolare al vice sindaco Daniela Lucernoni e allo staff dell’ufficio sport per tutto il supporto garantito per la manifestazione. Un grande ringraziamento va anche a tutti i nostri concittadini per la sensibilità mostrata, a tutti i partecipanti alla corsa di 12 km e alla camminata ludico-motoria, e ai nostri partner Alleanza Assicurazioni, Caffè del Sole, Farina del mio sacco e Conad. (Agg. 16/4 ore 19.24)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Certame, a Tarquinia omaggio a Vincenzo Cardarelli

TARQUINIA – Gran finale stamane per il Certame Cardarelliano con l’ “Omaggio a Cardarelli”. L’appuntamento è nella sala consiliare alle ore   9,45 per assistere alla premiazione degli studenti e ad altri interventi di alto spessore culturale.  In apertura vi sarà infatti un ‘‘Omaggio a Cardarelli’’ con il documentario fotografico di Vincenzo Mancini, voce narrante  Osvaldo Bevilacqua, che sarà presente anche quest’anno in sala. Interverranno poi Remo Castellini (ricercatore all’Università di Vienna), Simone Scataglini (Direttore del Memoriale della Shoah di Tarquinia) e Andrea Pellegrini (Saggista e critico letterario). Non mancherà la tradizionale performance artistica, affidata quest’anno a un interprete d’eccezione, Pino Quartullo, che presterà la sua voce straordinaria (indimenticabile il suo doppiaggio di Jim Carrey in «The mask») alle più belle «parole in viaggio» di Cardarelli. Ieri gli studenti migliori provenienti da tutta Italia si sono cimentati nella difficile prova del certame, mentre i docenti assistevano ad uno straordinario workshop presso la Biblioteca a relazionare Adele Dei (Università di Firenze), Andrea Monda,  i proff. Maria Francesca Petrocchi e Carlo Serafini (Unitus), Carlo Albarello (Ass. Italianisti ), Fabio Canessa, Lilia Grazia Tiberi (STAS e Lions Club). Tema dell’incontro “Ecologia e letteratura”. Nel pomeriggio gli studenti per rilassarsi dopo la prova hanno potuto fare un’escursione nella cittadina e alle tombe etrusche Uno staff di studenti dell’I.I.S.S. ‘‘Cardarelli’’ ha messo in atto un’esperienza di “Alternanza Scuola Lavoro”: alcuni allievi del Turistico con l’accoglienza e assistenza delle delegazioni; studenti degli indirizzi Classico e Scientifico, formati dalla dott.ssa Sabina Angelucci, hanno fatto da supporto guida turistica alle visite nei siti e al museo etrusco.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###