Il grano senatore Cappelli protagonista in collina

ALLUMIERE – L’Università Agraria di Allumiere punta sulla tradizione per investire sul futuro. Lo storico grano Senatore Cappelli torna disponibile per panificazione e pastificazione direttamente dalle colture dell’ente agrario di Allumiere. Ieri e oggi pasta e pane prodotti con la farina di questo prestigioso grano prodotto biologicamente dall’Agraria di Tolfa è stato presentato ieri e verrà presentato e fatto degustare anche oggi nella Festa d’Autunno. Il famoso Pane Giallo di Allumiere veniva tradizionalmente lavorato con la farina di grano duro ottenuta dal frumento Senatore Cappelli che è anche idoneo alla pastificazione motivo per cui sarà disponibile presso molti punti vendita di Allumiere la pasta prodotta con questa farina. I primi prodotti derivati dalla nuova coltivazione dell’Università Agraria saranno ufficialmente presentati, con la collaborazione di Slow Food-Costa della Maremma Laziale con lo show cooking con i cuochi Paolo Cappelletti del ristorante ‘’Orsola’’ e da Claudiio Appetecchi del ristorante ‘‘La Fontanaccia’’ Durante la giornata sarà possibile assistere a show cooking, acquistare e degustare i prodotti da forno e la pasta ottenuti dal grano duro di Senatore Cappelli. Per gli amanti della semplicità e della tradizione ovviamente non mancherà la classica bruschetta di pane giallo con l’olio nuovo fornito dal frantoio dell’Università Agraria. La cultivar di grano duro Cappelli venne creata dal genetista e ricercatore Nazareno Strampelli e rilasciata nel 1915. Il ricercatore dedicò questa nuova specie di frumento al marchese Raffaele Cappelli, Senatore del Regno d’Italia, che mise a disposizione dello scienziato campi, risorse e attrezzature per le sue ricerche. Il Grano Cappelli ebbe enorme successo in Italia e all’estero per le caratteristiche di rusticità, adattabilità e tardività. Era questo un fattore fondamentale consentiva di evitare la raccolta durante la calura di agosto e con essa il picco della malaria. Era d’altro canto una cultivar predisposta all’allettamento e alle ruggini così, quando negli anni ’70 del ‘900, vennero immesse sul mercato nuove specie di frumento più basse, redditizie e resistenti alle malattie, sebbene nutrizionalmente inferiori, il Grano Cappelli perse lentamente il suo primato. La rimessa a coltura di questa varietà di frumento da parte dell’Università Agraria di Allumiere è una misura volta alla riscoperta della tradizione di panificazione allumierasca. Il famoso Pane Giallo di Allumiere veniva tradizionalmente lavorato con la farina di grano duro ottenuta dal frumento Senatore Cappelli. “Abbiamo fatto questa scelta di puntare sulla qualità – spiega il presidente dell’Università Agraria Pietro Vernace – e siamo molto soddisfatti dei risultati che stiamo ottenendo. Vogliamo continuare a portare il nostro territorio con le sue ricchezze e peculiarità sulle tavole di tutti. I nostri prodotti sono sinonimo di qualità, di biologico, di genuinità. Siamo orgogliosi poi per il fatto che abbiamo ottenuto il marchio Slow Food per la nostra carne maremmana biologica. Vogliamo continuare a puntare sull’agricoltura e sull’allevamento e a tal proposito annunciamo che abbiamo acquistato altri due tori per aumentare il bestiame. Intanto proseguono le attività di frangitura delle olive al nostro frantoio. Farina, olio, grano e carne di qualità: vogliamo rilanciare allumiere e i suoi prodotti tipici”. 
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

S. Marinella a caccia della prima vittoria

Per la seconda giornata del campionato di serie B femminile, il Santa Marinella Basket sarà impegnato questa sera alle 18 al pallone tensostatico di via Respighi ad Aprilia. Il quintetto locale, dopo la sconfitta subita domenica scorsa contro il S.Raffaele per 51 a 63, punta a portare via i due punti alle tirreniche che a loro volta sono uscite battute nel confronto interno con lo Smit Roma per 46 a 52. Una sfida dunque tra le ultime in classifica che potrebbe trasformarsi in una sorta di gara di rilancio per chi dovesse incamerare l’intera posta in palio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Calcoli della colecisti, sabato 13 open day e visite gratuite alla Cittadella della salute

VITERBO – Sabato 13 ottobre, dalle ore 9 alle ore 14, i medici dell’unità operativa di Chirurgia generale oncologica dell’ospedale Belcolle, diretta da Raffaele Macarone Palmieri, saranno a disposizione dei cittadini della Tuscia per un open day, con visite gratuite, per la prevenzione e per la diagnosi precoce dei calcoli nella colecisti.

La giornata di sensibilizzazione e di informazione è organizzata dalle associazioni Lega italiana per la lotta contro in tumori di Viterbo, Lilt, e per le malattie dell’apparto digerente, Amad, in collaborazione con i professionisti del reparto viterbese.

“La calcolosi della colecisti – spiega Macarone Palmieri – è una patologia che colpisce circa il 10% delle persone adulte e il 20% degli ultrasessantenni. Nell’80% dei casi i calcoli sono asintomatici. Le complicanze specifiche possono essere anche gravi: dalla colecistite acutaalla migrazione/ostruzione della via biliare principale con ittero, dallapancreatite acuta all’ostruzione intestinale per migrazione di calcoli nella via biliare principale, fino al cancro della colecisti. L’ecografia addominale è l’esame diagnostico di prima scelta, con una accuratezza del 95%. La chirurgia laparoscopica è la metodica più appropriata, a cui è collegato il vantaggio di una degenza post operatoria estremamente ridotta. A Belcolle, in media, il paziente viene dimesso nelle 23 ore successive all’intervento. Abbiamo voluto organizzare questo open day alla Cittadella della salute per uscire dall’ambiente ospedaliero e per far conoscere il più possibile i nostri professionisti e i percorsi di cura attivi presso la nostra azienda”.

Oltre alla visita gratuita, infatti, i chirurghi di Belcolle si impegneranno a informare i cittadini circa i sintomi e le possibili complicanze della calcolosi nella colecisti, e sui percorsi di presa in carico, con le indicazioni chirurgiche e la metodologia di intervento mininvasiva praticata nella struttura ospedaliera viterbese.

È possibile prenotare la visita gratuita chiamando il numero telefonico 3482504158, tutti i giorni, fino a giovedì 11 ottobre, dalle ore 10 alle 13.

Sabato 27 di ottobre, infine, i professionisti della Chirurgia generale oncologica torneranno alla Cittadella di via Enrico Fermi con un altro open day, questa volta dedicato alla informazione e alla sensibilizzazione delle ernie della parete addominale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Raffaele, calciatore dilettante 21enne Accoltellato a morte a Napoli. Si costituisce l’omicida

Lo hanno lasciato in condizioni gravissime davanti al pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Il padre del giovane, Giuseppe Perinelli, era stato ucciso in un agguato di camorra nel 1999

Leggi articolo completo

@code_here@

Lega in confusione, Quintavalle e D’Amico ignorano Zicchieri

CIVITAVECCHIA – Ennesimo passo indietro della Lega locale che nega l’incontro di giovedì alla Camera con il suo responsabile del litorale nord Luca Quintavalle che cade dalle nuvole quando l’iniziativa sarebbe stata organizzata proprio dal massimo livello regionale salviniano. Una situazione che ha dell’assurdo quella di ieri quando dalla lega “litorale nord di Roma’’ arriva una nota con cui si punta il dito contro il coordinatore locale di Forza Italia Roberto D’Ottavio (nella foto) accusandolo di «assumere impegni per nostro conto, organizzando tavoli e meeting di cui nessuno, nella Lega, è a conoscenza».

Nella nota a firma di Quintavalle e del coordinatore comunale cittadino Alessandro D’Amico si legge: «Decideremo noi, quale sarà il candidato sindaco migliore – scrive Quintavalle – e con chi scendere in campo nelle prossime elezioni comunali: pretendiamo di non essere tirati per la giacca». A quanto risulterebbe però l’incontro di giovedì sarebbe stato proposto al rappresentante di FdI Marco Silvestroni dal coordinatore regionale della Lega Francesco Zicchieri. Siamo alla proverbiale mano destra che non sa cosa fa la sinistra.

Sta di fatto che le affermazioni di Quintavalle che, tra le altre cose, parla della comodità di avere la Lega tra le proprie fila non sono andate giù a molti dei rappresentanti del centrodestra locale, in primis proprio D’Ottavio che tuona: «Non sono stato certo io ad organizzare l’incontro, ho appreso la notizia dal mio referente Alessandro Battilocchio». D’Ottavio ricorda gli ottimi risultati regionali in cui «Forza Italia ha asfaltato la Lega. Ricordo – continua D’Ottavio – che chi mi ha portato Massimiliano Grasso come candidato Sindaco è stato proprio D’Amico, con cui abbiamo firmato un documento. Non si riesce nemmeno a capire quanti coordinatori ci siano nel territorio».

Una firma, quella sul documento di un anno fa, che ricorda anche il portavoce del circolo FdI Borsellino Raffaele Cacciapuoti: «Ignoriamo i motivi politici che abbiano spinto la Lega a rinnegarla, ce lo facessero sapere. L’incontro – conferma – è stato organizzato, sono stato contattato dalla federazione provinciale. Probabilmente Quintavalle e D’amico dovrebbero informarsi meglio. Noi – conclude Cacciapuoti – manteniamo la parola data e gli impegni assunti e stiamo già al lavoro tra la gente con il nostro candidato Grasso. Non vorremmo che questa volontà di strappo a tutti i costi nascondesse qualche altro accordo, magari su base nazionale (chiaro il riferimento al M5S, ndr)».

Simile il punto di vista di Dimitri Vitali, membro dell’esecutivo provinciale FdI: «Probabilmente c’è stato qualche errore di comunicazione all’interno della Lega – spiega – dove ultimamente piovono stellette e cariche. Ricordo a Quintavalle che le alleanze si fanno per unità di intenti e non per comodo».  

Intanto Enrico Zappacosta responsabile degli enti locali della provincia di Roma litorale nord della Lega su incontro e nota stampa dichiara di aver «appreso tutto dalla stampa».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Santa Marinella: esordio contro la Smit Roma Centro

Prende il via oggi per il Santa Marinella Basket il campionato di serie B. Il quintetto del riconfermato Daniele Precetti affronta alle 16.30 nell’Open Day (giornata che si gioca nella sede unica della palestra Colle La Salle) la Smit Roma Centro. 
Chiaramente gli occhi sono puntati tutti sulle rossoblu che, dopo quanto accaduto nella passata stagione, quest’anno cercano di ottenere il passaggio alla seconda fase. Rispetto all’ultimo torneo, la rosa giocatrici ha cambiato poco. Non fanno più parte del team tirrenico Miss Italia Alice Sabatini e Anna Baraldi, impegnata per studio in America, mentre sono rimaste al Pala De Angelis la Del Vecchio, la spagnola Berna Miranda Ramos, Chiara Cardinali, Claudia e Ilaria Maggi; rientrate a casa Ieva Veinberga, Erica Gallassi e Maddalena Moretti. 
«Siamo un buon gruppo ma dobbiamo ancora lavorare per essere al top – dice la capitana Del Vecchio – i nuovi arrivi ci hanno portato a cambiare gioco e lo abbiamo provato nelle varie partite amichevoli. Per quel che riguarda il campionato, dopo essere state promosse in A sia l’Athena Roma che Elite Basket, la situazione è più equilibrata anche se S.Raffaele e Viterbo sono le compagini che più si sono rinforzate. Spero che noi si possa arrivare ai playoff».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Soldi dalla Bei, FdI ricorda il lavoro dell'ex presidente Monti

CIVIUTAVECCHIA – "La banca europea per gli investimenti (BEI) concede un mutuo all'Autorità di Sistema Centro settentrionale. Canta vittoria Francesco Maria Di Maio, omettendo di ricordare che questo percorso è stato messo in piedi dal suo predecessore Pasqualino Monti". Lo ricorda l'esponente del circolo territoriale "Paolo Borsellino" di Fratelli d'Italia Raffaele Cacciapuoti. "Infatti nel lontano 2013, quando il nostro porto ancora funzionava, la BEI – ha sottolineato – decise di concedere un mutuo per finanziare tutta una serie di opere. Comprendiamo benissimo lo stato d'animo da torci budella del presidente Di Maio quando sente parlare di Pasqualino Monti, ma in questi casi la buona educazione e il rispetto del lavoro altrui va giustamente e meritatamente riconosciuto".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Giammaria: un quinto posto che vale oro

Un quinto posto che vale una vittoria ha coronato una delle gare più emozionanti della carriera di Raffaele Giammaria, impegnato nel weekend appena trascorso sul circuito di Barcellona per l’ultimo round della Blancpain GT Series Endurance Cup 2018.
Il pilota italiano è stato assoluto protagonista in pista ed ha concretizzato una prestazione esaltante al volante della Lamborghini Huracán GT3 #19 del Grasser Racing Team in equipaggio con Ezequiel Perez Companc (ARG) e Marco Mapelli (ITA), in una delle gare più imprevedibili ed emozionanti dell’intera stagione.
Il weekend non era partito sotto i migliori auspici per Giammaria, che dopo aver perfezionato il set-up della vettura nel corso delle sessioni del venerdì, ha dovuto fronteggiare una difficile qualifica. Dopo una positiva Q1, l’equipaggio non ha potuto sfruttare a dovere la Q2. 
In una sessione interrotta più volte con bandiera gialla e quindi con bandiera rossa, la Lamborghini Huracán GT3 #19 non è infatti riuscita a completare alcun giro lanciato. 
Il tempo finale delle qualifiche, ricavato dalla media delle tre prestazioni ottenute nelle tre sessioni, ha quindi visto Giammaria qualificarsi al cinquantesimo posto, in fondo allo schieramento.
Con queste premesse, la strategia di gara definita per l’ultimo appuntamento della stagione è stata votata all’attacco. Giammaria ha preso il volante nel primo stint ed ha subito messo in pista tutta la sua determinazione. Il grande feeling con la vettura di Sant’Agata Bolognese gli ha consentito nella prima mezz’ora di gara di recuperare ben ventidue posizioni grazie a spettacolari sorpassi che hanno sottolineato le sue doti di guida e hanno acceso l’entusiasmo degli spettatori in tribuna.
La rimonta è poi proseguita anche nei successivi due turni di guida, quando si sono alternati al volante i compagni di equipaggio Mapelli e Perez Companc, e al termine di una gara indimenticabile, Giammaria ha così chiuso con uno straordinario quinto posto, staccato di soli sette secondi dai vincitori come prima Lamborghini al traguardo, dopo aver recuperato ben quarantacinque posizioni in quella che resterà una prestazione indimeticabile.
Raffaele Giammaria: «È stata una gara emozionante, tutto è andato per il meglio e la vettura mi ha restituito un feeling incredibile. Il mio stint è stato esaltante, era chiaro che con quella posizione di partenza l’unica strategia possibile era la rimonta, ma per farlo in maniera efficace ho dovuto prendere anche alcuni rischi, cercando i sorpassi in ogni punto della pista. Ho guidato con determinazione, non mi sono mai risparmiato e ho dato sempre il 100%, un approccio che alla fine ha pagato. Ad essere realisti il podio era sicuramente a portata, ma non abbiamo potuto sfruttare le interruzioni con la safety car, entrata in pista quando oramai eravamo già ai box. Ciò non toglie che sia stato un weekend perfetto, uno dei più intensi della mia carriera sportiva, il modo migliore per chiudere una stagione che, soprattutto nella prima parte, è stata più complessa del previsto. Sono davvero orgoglioso di quello che abbiamo ottenuto a Barcellona, un risultato che restituisce una grande carica in vista dei prossimi impegni».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mensa alla Melone, necessario un altro locale

LADISPOLI – Alla Corrado Melone si cercano nuovi locali per la realizzazione della “mensa bis”. E' quanto emerso mercoledì sera in consiglio comunale. A dirlo è stato il sindaco Alessandro Grando in risposta all'interrogazione presentata sul “caso mensa” dal Movimento 5 Stelle. A quanto pare proprio nei giorni scorsi l'azienda sanitaria avrebbe inviato il certificato all'amministrazione in cui si attesta la regolarità della struttura. Unica nota dolente. All'interno dei locali potranno pranzare 61 bambini per volta e non 67 come indicato dal Responsabile mensa dell'istituto comprensivo. Da qui la necessità da parte degli amministratori di palazzo Falcone di andare ad individuare all'interno del plesso Fumaroli o Odescalchi di un nuovo locale dove predisporre una seconda mensa così da riuscire a garantire i tre turni di refezione scolastica. «Fino a quel momento i bambini continueranno a pranzare al Polifunzionale – ha detto il primo cittadino – dove non saranno realizzate altre attività al di fuori della mensa». E proprio sul Polifunzionale, l'amministrazione non intende cedere il passo. Mensa e spettacoli non possono coesistere. A dirlo sarebbe stato un ispettore della Asl che «un giorno alle 11 – ha raccontato Grando – mi chiamò perché i locali del Polifunzionale non erano stati sanificati. Addirittura qualcuno aveva fumato all'interno della struttura. La responsabile Asl disse davanti a me, all'assessore Milani e alla Cordeschi che se non si riusciva a risolvere la problematica i bambini non avrebbero più potuto mangiare in quel luogo. E quello non è stato nemmeno il primo episodio. E' dal 2013 che la Asl scrive di questo». Il primo cittadino non ha perso nemmeno l'occasione per puntare il dito contro la dirigenza scolastica che sin dal primo giorno di scuola si è fortemente opposta ai nuovi locali. «Fin quando non avrò i certificati di Asl e Vigili del fuoco qui dentro non entrerà nessuno». Così aveva tuonato il dirigente scolastico Riccardo Agresti. E questo ha ricordato mercoledì sera in consiglio comunale il primo cittadino puntando i riflettori sull'anomalia riscontrata a pochi giorni di distanza: «Dentro la mensa venerdì scorso stavano facendo lezione. Questa cosa non la capisco». Per quanto riguarda poi il numero degli iscritti all'istituto comprensivo, Grando è tornato a ribadire che ogni istituto scolastico «deve attenersi alla capacità del proprio istituto. Andando avanti di questo passo – ha detto – tra un po' non basterà nemmeno il Polifunzionale per ospitare i bambini».
E nell'interrogazione, il Movimento 5 Stelle ha chiesto lumi anche sulle esternazioni del consigliere di maggioranza Raffaele Cavaliere circa la sicurezza degli istituti scolastici di competenza dell'amministrazione comunale. «E' innegabile – ha risposto il Sindaco – che abbiamo ereditato delle problematiche». Addirittura, alcuni istituti scolastici, tra cui anche la Corrado Melone, non sarebbero state accatastate. Ma Grando tranquillizza: «Non siamo in una situazione diversa rispetto al resto d'Italia dove il 50% delle scuole ha problemi, ma non è vero che gli istituti di Ladispoli non sono sicuri. Continueremo ad impegnarci – ha proseguito Grando – per garantire la sicurezza dei bambini. Tutte le scuole, e non solo la Melone, sono importanti come lo sono tutti i bambini e non metteremmo mai a rischio la loro sicurezza».

E non è tardata ad arrivare la replica del dirigente scolastico della Melone, Riccardo Agresti
IL COMMENTO: «Nemmeno a farlo apposta, dopo la sparata di Grando in Consiglio Comunale contro i facinorosi genitori, i politicizzati docenti e soprattutto il "cattivo" dirigente scolastico, ecco la risposta della ASL che dà ragione a tutti costoro e torto al Comune ed in particolare all'assessore, il quale protetto dal Sindaco, ha sprecato denaro pubblico per un'opera inutilizzabile: la sala mensa realizzata non può servire alle necessità della Scuola perché non può ospitare più di 61 persone alla volta, come da sempre affermato basandosi non su chiacchiere di incapaci, ma su relazioni di professionisti, il RSPP della Scuola. Immagino sia ora chiaro anche agli haters con i paraocchi politici chi abbia veramente a cuore la sicurezza e la salute dei bambini di Ladispoli e chi abbia trascinato un problema causato dall'incapacità di un assessore in uno scontro politico che non ci appartiene. Il nostro partito sono i bambini (i quali … non votano!), quale è il partito del Sindaco?».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Raffaele Giammaria conquista Monza

Una spettacolare vittoria in Pro-Am, la prima con Imperiale Racing in questa stagione, ha concluso il weekend appena trascorso per Raffaele Giammaria, impegnato all’Autodromo Nazionale di Monza (ITA) per il penultimo round dell’International GT Open 2018.
Il pilota italiano, Lamborghini Factory Driver, si è reso protagonista di uno dei migliori weekend della stagione proprio nell’unico appuntamento italiano in calendario, al volante della Lamborghini Huracán GT3 #19 di Imperiale Racing in equipaggio con il giovane Jia Tong Liang (PRC).
Fin dalle prove libere il feeling con la veloce pista italiana è parso subito molto positivo, e Giammaria ha potuto così perfezionare la propria guida sull’iconico circuito definito “Il Tempio della Velocità”. Il pilota ufficiale Lamborghini è sceso in pista nella Q2, disputata domenica mattina, una sessione particolarmente tirata che lo ha visto chiudere in 1:47.554 al tredicesimo posto assoluto e quinto di Pro-Am a causa di alcune difficoltà con il set-up.
Le emozioni si sono accese in gara uno. Dopo la partenza dalla decima fila del compagno di equipaggio Liang e il primo rocambolesco stint più volte interrotto dall’ingresso della safety car, Giammaria ha preso il volante nella seconda parte di gara e con un passo molto efficace è riuscito a finalizzare una strepitosa rimonta fino al sesto posto. Nelle fasi conclusive una scorretta toccata di Alessandro Pier Guidi, al volante della Ferrari 488 GT3 #51, ha costretto il pilota Imperiale Racing a perdere due posizioni, prima di chiudere all’ottavo posto assoluto comunque secondo in Pro-Am.
Adrenalinica gara due, corsa domenica. Giammaria ha preso il via dalla settima fila e con grande esperienza e determinazione si è tenuto lontano dai contatti dei primi giri, molto frequenti soprattutto nelle staccate delle celebri varianti di Monza. Il pilota italiano ha poi impostato il suo stint sul passo gara, rimontando delle posizioni e scegliendo insieme al team la perfetta strategia per la sosta ai box, ritardata negli ultimi minuti della finestra utile. Questa scelta di tempo ha permesso a Liang di entrare in pista in testa alla Pro-Am, con l’equipaggio che al termine di una bellissima gara ha conquistato il primo successo di classe stagionale e la nona posizione assoluta.
Raffaele Giammaria: «Una vittoria a Monza ha sempre un sapore decisamente particolare e il fatto che sia stata la prima di questa stagione con Imperiale Racing e con Jia Tong Liang la rende sicuramente ancora più importante. È stato un weekend positivo, la vettura mi ha restituito un ottimo feeling e grazie all’ottimo lavoro del team abbiamo studiato perfette strategie sia in gara uno che in gara due. Dispiace un po’ per le fasi finali di gara uno, la toccata di Pier Guidi mi ha impedito di concretizzare il sesto posto, che sarebbe stato un risultato importante per la squadra nell’ottica della classifica team del campionato». 
Giammaria tornerà al volante della Lamborghini Huracán GT3 di Imperiale Racing dal 19 al 21 ottobre per l’ultimo appuntamento stagionale sul circuito di Barcellona (E).

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###