Allumiere in fermento: arriva il Palio

ALLUMIERE – Ad Allumiere ormai si respira aria di Palio con l’adrenalina che sale sempre di più e col paese completamente vestito a festa con tutti i colori delle sei Contrade. Dappertutto è un risuonare di tamburi, uno sventolare di bandiere, un brulicare di persone intente a cucire, a stirare, a preprare ogni minimo particolare: tutto nel giorno del Palio dovrà essere perfetto. In ogni Contrada vige il massimo riserbo sui fantini e sui somari che gareggeranno per conquistare l’ambito Cencio. Sbanderatori e tamburini sono intenti a fare le prove cercando di tenere nascoste le prese più dificili e spettacolari. Da lunedì comincia la settimana di ‘‘passione’’, quella cioè che precede il Palio delle Contrade, giunto quest’anno alla 54^ edizione. Amministrazione Comunale, Pro Loco, Contrade e forze dell’ordine sono all’opera per garantire un’edizione pressochè perfetta del prossimo Palio: a garantire sicurezza e viabilità ci sarà una vera e propria task force (coordinata dal sindaco) con carabinieri, forestale, vigili urbani, volontari della Protezione Civile e polizia. La manifestazione si terrà il 18 e 19 agosto nel paese collinare ormai da mesi in fermento. Preparazione, tensione e rivalità si rinnovano, sempre uguali e sempre diverse, come ogni anno dal 1965. Le sei Contrade scalpitano e sono pronte a darsi battaglia per la conquista dell’ambito Cencio. I tre minuti della corsa degli asini in piazza della Repubblica decideranno il campione che, oltre al Cencio, porterà in Contrada anche il diritto di sbeffeggiare tutti gli avversari per un anno intero; fino alla prossima disputa, in un eterno ciclo di lavoro, passione, speranze, scaramanzie, sogni infranti e gioia dirompente. Sabato 18 la manifestazione si apre con la tradizionale Provaccia; alle 19.00 le sei Contrade potranno finalmente calcare l’anello in terra battuta della piazz circondata da . Ciascuna avrà circa 8 minuti per provare circuito e asini della scuderia e prendere una decisione fatale: scegliere i tre campioni a quattro zampe a cui affidare le speranze di tutti i contradaioli il giorno seguente. A seguito della Provaccia si prosegue con il Minipalio disputato su due batterie: il presidente della Contrada vincitrice viene premiato sul balcone del Comune. Dalle 21.30 si scioglie la tensione e la Notte delle Contrade si anima; come da tradizione le sei Contrade, ciascuna in una delle piazzette del paese, offrono da bere a paesani e visitatori: musica, divertimento, degustazione di prodotti locali proseguono fino a notte fonda. Nella ‘‘Notte colorata’’ si susseguiranno feste imperdibili, spettacolari e divertenti in ogni Contrada. Sono previste dj set, ballerine sud americane, danza del ventre, spettacoli per bambini, discoteca all’aperto con cubiste, schiuma party, animatori, balli di gruppo, prodotti enogastronomici e piatti tipici locali, vino birra, cocktail a fiumi e tanto altro il tutto in un clima di festa, di amicizia e anche di contesa fra le Contrade che faranno di tutto per fare la festa più bella e partecipata. La mattina di domenica 19, nonostante la baldoria della notte precedente, non si potrà mancare al rito della benedizione di asini e fantini sul sagrato della Chiesa di S.S. Maria Assunta e alla successiva ‘‘Punzonatura’’ (la numerazione degli asini che correranno il Palio domani pomeriggio. In aula consigliare verrà controllato, timbrato e sigillato il materiale per i fantini e per gli asini che saranno poi consegnati ai presidenti di ogni Contrada). Le Contrade hanno scelto i tre asini che correranno il Palio e quegli stessi asini vengono segnati con un numero progressivo che li rende riconoscibili: le speranze di tutto il paese saranno tutte riposte nella forza delle loro zampe. Alle 17 il corteo storico inizierà il suo maestoso cammino verso la piazza: circa 250 comparse faranno rivivere l’epoca del primo Rinascimento, della scoperta dei giacimenti di alumite e degli appalti di Da Castro, dei Medici e del Chigi in una spettacolare rievocazione storica. Papi, prelati, dame, signori, soldati, guardie, popolani, giocolieri, duellanti, nessuno sarà dimenticato grazie alle sapienti mani delle sarte delle Contrade che ogni anno regalano grandi emozioni al pubblico, numerosissimo, della manifestazione. Una giuria di docenti e di esperti valuterà ogni dettaglio per stabilire la Contrada vincitrice del trofeo: ‘‘Miglior corteo storico’’. Tra le comparse e nei cuori dei contradaioli un posto speciale è tradizionalmente riservato ad alfieri e tamburini. Gli sbandieratori di Burò, Ghetto, La Bianca, Nona, Polveriera e S. Antonio si esibiranno e si sfideranno in una gara di agilità, abilità e coreografia. I loro lanci e le loro prese terranno col fiato sospeso il pubblico e delizieranno tutti con performances mozzafiato: questi verranno giudicati da una giuria di esperti della Fisb: la giuria sarà presieduta dal tecnico e maestro di bandiera Aquilino Mancinelli del gruppo sbandieratori di Soriano del Cimino; il gruppo migliore riceverà il trofeo. Al termine del Corteo Storico e delle esibizioni degli alfieri si procederà alla disputa del Palio vero e proprio. La piazza, come ogni anno tratterrà il fiato al primo clangore della prima prova delle gabbie. Come ogni anno attenderà trepidante la voce dagli altoparlanti che annuncerà il sorteggio delle gabbie fino ad esplodere in grida in esortazione, tifo, disperazione o gioia all’uscita degli asini in ogni batteria. Ma il vero boato sarà quello della Contrada che vincerà con la corsa liberatoria e trionfante dei contradaioli da ogni angolo della piazza sotto il balcone del Palazzo Comunale. Il coro esultante quando da quello stesso balcone, finalmente il Cencio, quest’anno realizzato dalla bravissima e poliedrica artista tolfetana Silvia Di Silvestro e offerto dalla farmacia Toti, sarà calato tra le mani dei fantini e del popolo. E poi il silenzio irreale del resto delle Contrade, che però non si abbatteranno e si prepareranno a rimboccarsi le maniche: guarderanno il vincitore portarsi a casa il Palio per cui hanno, in puro spirito volontaristico, lavorato per tutto un anno e in quel momento tutti sapremo che la sfida al Palio del prossimo anno sarà già iniziata. Da rilevare che a fine Palio si svolgerà la festa (aperta a tutti) nella Contrada vincitrice e poi in piazza dal balcone del Comune ci sarà la tradizionale Tombola. Molte le novità a corollario del Palio. In primis va rilevato che la delegata al Commercio Dania Trotti in collaborazione con il Comune di Allumiere ha dato il via alla 1^ edizione del ‘‘Palio in Vetrina’’. Il concorso, rivolto a tutti gli esercenti e attività economiche del Comune, prevede, previa adesione, l’allestimento delle proprie vetrine in base al tema del Palio, con addobbi e colori della Contrada appartenente. «L’iniziativa – spiega la delegata al Commercio, Dania Trotti – è finalizzata a rallegrare lo spirito di festa nelle vie cittadine e dar modo ai turisti di conoscere meglio la storia e la cultura del Palio e delle Contrade stesse, un ulteriore piccolo passo per portare a conoscenza una tradizione folcloristica e culturale, in  linea con la volontà della giunta stessa, di rendere il Comune di Allumiere protagonista del Palio a livello europeo. Si evidenzia che tutte le vetrine partecipanti al concorso verranno fotografate e giudicate da una giuria e verrà premiata la vetrina con l’addobbo migliore in concomitanza con la premiazione della gara del Palio. In questa settimana prima del Palio si terranno le varie ‘‘Cene del Contradaiolo’’ (una per ogni Contrada). Alle 18 ci sarà l’inaugurazione del Museo del Palio nel Palazzo Camerale. Il museo, che sarà diviso in sei sezioni, una per ogni Contrada, ospiterà anche delle teche in vetro nelle quali saranno riposti dei vecchi documenti messi a disposizione del grande Riccardo Rinaldi ideatore di questa manifestazione. Dalle 18.30 alle 20 spettacoli di giocoleria a cura dei giullari di Davide Rossi; alle 21.30 partenza del corteo storico da viale Garibaldi; alle 22.30 ci sarà la presentazione del Cencio; alle 23 spettacolo ‘‘La Terra dei briganti’’ a cura dei ‘‘Giullari di spade’’ e poi ‘‘Lunares in statera’’ a cura dei Giullari di Davide Rossi; alle 23.30 gran finale a sorpresa. «Il Palio ad Allumiere l’ho creato io – spiega Riccardo Rinaldi – lo volevo già anni indietro, ma non mi è stato possibile realizzarlo se non nel 1965. Ho inventato io gli stemmi e i colori, ho diviso il paese in 8 Contrade (2 non ci sono più – ndr) e ho pensato al Palio come summa di Corsa dei somari, corteo storico e gara degli sbandieratori. Per il nostro Palio mi sono ispirato a quello di Siena, patria del nostro Agostino Chigi».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Fiumi di birra per l’ultimo giorno da ‘‘Oktober fest’’ in collina

ALLUMIERE – Ultimo giorno per vivere l’emozione dell’Oktober fest in collina. La Contrada Nona coordinata dal presidente Duccio Galimberti sta dando vita ad Allumiere, nel piazzale dei Partigiani, alla 25^ edzione della Festa della Birra e Sagra della bruschetta e oggi questo grande evento giungerà a conclusione. I rossoverdi hanno ricreato una piccola Monaco con fiumi di birra, musica, spettacoli, cibo succulento, stand gastronomico da oltre 1000 posti a sedere, fast food Mc Nona, area bimbi, bancarelle, giochi, goliardia, gare, sport, solidarietà, concerti. Stasera musicparty con DjCeccarini e la voce LadyGlenda. Immancabile il ‘’cronobirra’’ con molti premi presso il bar con Claudio Maschera e Alvaro Monaldi. Oggi alle 16 giochi vari e bike wash e alle 18 si svolgerà il ‘’Raduno Mare e Monti 500 e Vespe’’. La novità 2018 è: ‘’L’angolo dei pirati’’ dove verranno servite vari tipi di birra artigianale Italiana, tedesca e belga. Per chi vuole provare le proprie abilità ci saranno giochi organizzati con in palio 2 voucher per viaggio e alloggio per un giorno all’Oktoberfest di Monaco.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sfalci d'erba: tensione tra maggioranza e opposizione

S. MARINELLA – L’ordinanza emessa dal sindaco Tidei che costringe i cittadini a riversare i rifiuti da giardino all’isola ecologica o agli scarrabili presenti in città e a Santa Severa, continua a creare tensione tra la maggioranza e le opposizioni. Dopo l’intervento del primo cittadino che accusava il consigliere del M5S Settanni a fare il gioco della società che ha in gestione la raccolta differenziata, arriva la risposta del grillino. «Sulla battaglia del verde – dice Settanni – il Sindaco Tidei sposta gli argomenti e fa attacchi ad personam con commenti denigratori che solo persone di basso profilo possono prendere come credibili. Probabilmente, sarebbe meglio che tali sforzi siano indirizzati verso il risanamento delle casse, dando effettiva contezza del suo slogan elettorale, salvo propinare ai cittadini una più rassicurante per lui richiesta di dissesto. Se lo smaltimento del verde costa 165 euro a tonnellata, tale spesa resta inalterata, sia che la raccolta venga fatta da Gesam, sia che il verde venga portato dal cittadino nei centri di raccolta. Qui, l’unica che risparmia è solo la Gesam, che non effettua un servizio previsto dal regolamento sui rifiuti approvato e vigente sul territorio comunale, l’unico che ci rimette è il cittadino che deve sostituirsi ad essa senza alcun risparmio tariffario. Mi pare ora che tutti possono trarre le giuste conclusioni su chi sia amico e di chi. A me sembra chiaro quindi che si preferisca dire bugie ai cittadini per fare sconti alla Gesam sui debiti accumulati dal Comune. Caro Sindaco – conclude il consigliere – lei può anche dire ai cittadini di prendere i loro sacconi di verde e fare l’andirivieni ogni giorno per andare a Perazzeta o agli scarrabili, ma abbia almeno la compiacenza di dire che ciò è necessario per ridurre il debito del Comune e non con quelle banali motivazioni dell’ordinanza che non hanno ragione di essere». «Mi dispiace – risponde Tidei – che Francesco Settanni continui a comportarsi come Grillo, ispiratore di tutte le vicende del suo non partito facendo finta di aver capito le cose, cambiando argomento quando è palese che le cose non le sa, dicendo di voler collaborare e poi mettendo in pratica, da buon militare, un’azione di contrasto dinamico. Cerchiamo di chiarire, se vogliamo parlare di dissesto o di rifiuti verdi. Se trattiamo il primo argomento la posizione comoda, in caso di dissesto, non è la mia ma la sua, come anche nel caso di pre dissesto. Comoda perché potrà parlare all’infinito senza dover provare nulla, senza doversi assumere la responsabilità di nulla. Il dissesto non mi rassicura per niente, è una scelta dolorosa che in tanti anni di politica non mi è mai capitata, ma se è un modo per far rinascere questa città è un passaggio che dobbiamo tutti attraversare. Quello che non mi rassicura é la sicumera che proprio Settanni sta dimostrando quando parla del niente. Sul verde, per esempio, commette grossolani errori quando parla di costi. Quelli da lui copiati sono riferiti allo smaltimento dell’indifferenziato. Per questo la mia ordinanza ha lo scopo di convincere i cittadini a non conferire il verde assieme all’indifferenziato. In questo modo potremo cominciare da subito a risparmiare circa 600mila euro all’anno, anche se Settanni non vuole”. “Questi sono soldi che il Comune non paga alla Gesam – conclude il sindaco – ma versa direttamente come costo alle varie discariche. Per risparmiare abbiamo necessità che il conferito sia vagliato e controllato subito, all’impianto comunale o sugli scarrabili”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Notte Bianca dello Sport: l’attesa è finalmente finita

Domani a Trevignano nuovo appuntamento con La Notte Bianca dello Sport, dopo il grande successo dello scorso anno torna a far appassionare grandi e piccini. L’evento, promosso e curato dal Comune di Trevignano in collaborazione con il Coni Lazio vedrà la presenza di tecnici federali, associazioni sportive locali, campi prova ed esibizioni per oltre 20 diverse discipline sportive lungo un suggestivo percorso che si snoda dal piazzale del molo percorrendo la passeggiata Lungolago. Un grande villaggio sportivo libero e diffuso dove poter passare il tempo libero all’insegna della pratica sportiva, del divertimento e del benessere. Tutti i partecipanti avranno l’opportunità di provare le varie discipline sportive, dal tiro con l’arco alla scherma e al karate, dalla pallacanestro al calcio, dal football americano al tennis, alla pallavolo, alla danza sportiva fino ad arrivare agli scacchi, alle arti marziali, all’hockey e allo spinning e al simulatore di pesc. La manifestazione inizierà alle 18 e terminerà alle 24. Si partirà con le esibizioni delle attività sportive in acqua, e quindi vela, canoa, canottaggio e drangonboat. Mentre alle 20 cominceranno le presentazioni delle attività a Piazza del Molo, sul palco centrale si esibiranno la danza sportiva, la ginnastica artistica, le arti marziali, il kickboxing e il twirling. Sarà una serata da non perdere per tutti gli appassionati di sport, ma anche per i più curiosi che decidono di avvicinarsi ad una di queste attività; un modo divertente anche per conoscere da vicino, professionisti e insegnanti di tanti sport che molto spesso siamo abituati a vedere in televisione. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Campo di Mare si tinge di rosso per riaccendere l’umanità

di TONI MORETTI

CERVETERI – Quanti di noi, di fronte a quella sconvolgente immagine di un bimbo annegato restituito dal mare su quella che doveva essere la spiaggia della terra di una nuova vita, lontano dalla guerra, dalla fame , dalle ansie quotidiane che non ti rendono mai certo del continuare a vivere, del poterlo fare, in balia di un mondo selvaggio come mai lo avresti immaginato, hanno pensato: “E se era  nostro figlio?” Cosa avremmo fatto se era nostro figlio?  
Forse tanto di più di quanto dice  Sergio Guttilla nella sua toccante poesia che è stata letta e commentata dal sindaco Pascucci dopo un minuto di silenzio osservato dai presenti alla manifestazione delle ”magliette rosse” lanciata a livello nazionale da Don Ciotti e alla quale la città ha aderito dando appuntamento a chiunque volesse partecipare,  per sabato mattina. 
Una giornata per riflettere e per provare davvero a mettersi nei panni degli altri, proposta dalla Consulta comunale di Cerveteri dei cittadini migranti e apolidi, insieme alla consigliera comunale aggiunta Nawal El Mandilli e alla delegata per le politiche dell’inclusione sociale del comune di Cerveteri Carmen Rosa. 
L’incontro si è tenuto nel lembo di spiaggia libera a sinistra dello stabilimento dell’associazione Nautica partire dalle ore 10.30. La partecipazione si è limitata ad una cinquantina di persone, scarsa, se si tiene conto all’invito personale a partecipare rivolto alla popolazione del sindaco stesso abbondantemente pubblicizzato sui social media e sul palco di una nota manifestazione in corso, che a Piazza Santa Maria ne faceva contare circa trecento senza parlare poi dell’adesione totale di un gruppo politico, Annozero, colonna portante della maggioranza che governa la città. Si potrebbero accendere molteplici polemiche partendo dal discendente appeal del sindaco a quan’altro, ma si preferisce pensare che come dice Guttilla: «È solo un figlio dell’umanità perduta, dell’umanità sporca, che non fa rumore. Non è tuo figlio, non è tuo figlio. Dormi tranquillo, certamente non è il tuo». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Adsp ed Enel nel mirino della Filt Cgil

CIVITAVECCHIA – "La prepotenza di un soggetto, che da sempre si è misurata sul territorio, giocando sulle necessità della popolazione e trovando sempre la strada per ottenere quanto desiderato. L’assenza di un ente che, nonostante le stiano calpestando la norma che ne origina l’autorità, non riesce a fare altro che qualche telefonata e alcuni inutili incontri, non si ha traccia di una chiara presa di posizione di qualcosa di scritto che ne certifichi l’esistenza, un presidente assente che delega costantemente al suo ruolo, una segretaria che cristallizza posizioni irrisolte".

Sono parole dure quelle usate dal segretario generale della Filt Cgil Alessandro Borgioni nei confronti di Enel in primis e dall'Autorità di Sistema Portuale, alla luce della vertenza aperta sullo scarico del carbone per la centrale di Tvn. Per questo, dopo l'apertura dello stato di agitazione, sono già stati dichiarati 7 giorni di sciopero consecutivi a far data dall'11 luglio 2018. Una settimana di braccia incrociate, a tutela del lavoro e dell'occupazione, non solo dello scalo ma dell'intera città.  

"La prepotenza dell’Enel e l’assenza dell’autorità portuale: potrebbe essere il titolo di una sit-com di tendenza se non fosse, purtroppo, il paradossale scenario che si sta vivendo sulla gara per la discarica del carbone – ha sottolineato Borgioni – prima di spiegare quello che sta accadendo, credo sia necessario provare a far vivere questa vertenza depurandola dalle appartenenze politiche e dai personalismi, ma cercando di concentrare l’azione sulla gravità di quanto sta accadendo, a rischio c’è il lavoro e il rispetto di una legge, che nel tempo ha consolidato degli equilibri. Il lavoro prima di tutto. Da tempo nelle gare le parti sociali nella loro interezza, chiedono il rispetto della clausola sociale al fine di dare una continuità occupazionale a chi si impegna nel fornire la propria forza lavoro: ebbene in questa gara tale principio viene calpestato con nemmeno molta eleganza in quanto si inseriscono una serie di sub condizioni che consentono nella sostanza al vincitore della gara di scegliere il personale che vuole".

La Filt Cgil ricorda poi che il compito di promuovere la concorrenza tra gli operatori del settore appartiene all’Adsp la quale lo esercita nei limiti e per i fini stabiliti dalla 84/94. E ribadisce come "la gara è stata comunque pubblicata con una serie di violazioni, a nostro parere, della legge sui porti – ha aggiunto –  l’esempio più evidente è il tentativo di superare la fondamentale differenza, prevista per legge, tra le imprese autorizzate alle operazioni portuali e quelle autorizzate ai servizi ovvero prestazioni specialistiche complementari e accessorie".

Da qui l'appello rivolto a tutte le forze sociali e le maestranze presenti nel porto "a difesa della legge 84/94 e di quelli che sono alcuni punti cardine dei principi del buon lavoro come la clausola sociale. Lo stesso appello riteniamo debba essere rivolto a tutte le forze politiche – ha concluso Borgioni – nella speranza che vengano messe da parte per una volta le rappresentazioni di parte e si contribuisca tutti insieme ad una battaglia di civiltà. Come Filt Cgil ci rendiamo disponibili a partecipare a qualsiasi iniziativa pubblica a cui verremo invitati per rappresentare la nostra posizione e fornire nell’ambito del possibile tutti i chiarimenti del caso".   

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Arena: "Subito al lavoro per dare a Viterbo un'amministrazione più efficiente ed efficace''

VITERBO – Con il 51,09 % pari a 12.377 preferenze Giovanni Arena è il nuovo sindaco di Viterbo. Il centrodestra si riprende la guida della Città dei Papi, con l'avversaria Chiara Frontini che si è fermata al 48, 91% delle preferenze.

Applausi e brindisi per il neo eletto sindaco Giovanni Arena che prima ha festeggiato nel proprio quartier generale – alla presenza di molti politici, giunti anche dal comprensorio, come il sindaco di Montalto Sergio caci e l’assessore di Tarquinia Manuel Catini- poi si è recato in piazza dove pubblicamente ha reso onore al merito dell’avversaria che fino all’ultimo lo ha lasciato col fiato sospeso. “Siamo stati una squadra, abbiamo combattuto e abbiamo vinto – ha detto Giovanni Arena – Grazie a tutti, senza di voi non ce l’avrei mai fatta. Onore al merito alla mia avversaria, non pensavo che la vittoria sarebbe stata così sofferta. Adesso la battaglia politica ed elettorale è finita ora mi auguro che anche dall’altra parte ci sia la voglia di fare il bene della città”. Stamane poi: "12.377 volte grazie – ha scritto il neo sindaco su Facebook – grazie per la vostra  fiducia. Da oggi sarò da subito al lavoro con la mia squadra per dare a Viterbo e ai Viterbesi un'amministrazione comunale più attenta, più efficace e più vicina ai cittadini".

Soddisfazione da parte di Fondazione di Gianmaria Santucci.  “Lo avevamo detto e ripetuto in questi 5 anni, – il commento del consigliere comunale Gianmaria Santucci a urne chiuse e vittoria di Arena acquisita – il centrodestra è la prima forza politica della città, ma da solo non basta per vincere a Viterbo, senza i civici non si vince e soprattutto non si governa. I dati parlano chiaro con 500 voti di scarto o poco più, risultano determinanti i 1500 voti che la lista civica Fondazione ha portato alla coalizione vincente. Oggi senza il raggruppamento civico  viterbese avremmo probabilmente un altro sindaco e un'altra storia al governo della città. Per questo siamo certi che il nuovo sindaco di Viterbo Giovanni Arena debba proseguire quell'azione di apertura alle forze civiche che sono state determinanti per la sua elezione e riconoscerne il ruolo centrale nella prossima amministrazione”. “Nei primi 100 giorni della giunta Arena, – aggiunge Santucci – subito giù le tasse, via al DASPO URBANO per chi delinque, un nuovo piano rifiuti, taglio dei costi della politica e provvedimenti forti per il centro storico e le frazioni che migliorino la qualità della vita dei viterbesi –  sottolinea Gianmaria Santucc –  Credo che la nuova amministrazione debba dimostrare subito di aver imparato la lezione del 2013 e mettersi a lavorare per il futuro dei nostri concittadini. Nelle prossime ore Fondazione riunirà i propri organi dirigenti e i 32 candidati della lista per formulare le priorità da presentare al Sindaco ed alla coalizione, convinti che, anche in questo caso, i nostri suggerimenti saranno fondamentali per la buona riuscita della prossima amministrazione”.

Chiara Frontini sconfitta per un soffio. “Ho appena parlato di fronte alle tante persone raccolte davanti alla sede di via Cavour. – ha detto la Frontini poco dopo il dato che la vedeva perdente  – Abbiamo combattuto come leoni, soli contro tutti. È mancato un soffio, 51% a 49%, ma si riparte da qui.  Da quei sorrisi sinceri, da quegli occhi che brillano. Aspettative, speranze. Da quella città che è tornata a provare emozioni, a credere nel futuro. E il futuro siamo noi. Abbiamo una squadra in Consiglio Comunale fortissima e da domani ripartiamo, nelle piazze e tra la gente. Non molliamo un metro. Sono fiera ed orgogliosa di voi, perché sapremo interpretare questo risultato ed essere squadra, ancora”.

Comune di VITERBO (Prec. elez.: 26/05/2013)

Sezioni sindaco: 66 / 66 (Tutte)

Candidati Sindaco e Liste

Voti II turno

%

Voti I turno

%

Seggi

 

ARENA GIOVANNI MARIA

ELETTO SINDACO

12.377

51,09

13.022

40,22

 

 

FORZA ITALIA

     

4.298

13,99

6

 

FRATELLI D'ITALIA CON GIORGIA MELONI

     

4.127

13,43

6

 

LEGA

     

3.833

12,47

6

 

LISTA CIVICA – FONDAZIONE!

     

1.491

4,85

2

Totale liste

       

13.749

44,76

20

             
 

FRONTINI CHIARA

 

11.847

48,91

5.684

17,55

 

 

LISTA CIVICA – VITERBO VENTI VENTI

     

3.451

11,23

3

 

LISTA CIVICA – VITERBO CAMBIA

     

1.050

3,41

Totale liste

       

4.501

14,65

3

             
 

SERRA FRANCESCO

     

3.544

10,94

 

 

LISTA CIVICA – IMPEGNO COMUNE

     

1.644

5,35

1

 

LISTA CIVICA – VITERBO DEI CITTADINI

     

1.473

4,79

1

Totale liste

       

3.117

10,14

2

             
 

CIAMBELLA LISETTA DETTA LUISA

     

3.524

10,88

 

 

PARTITO DEMOCRATICO

     

2.487

8,09

2

 

LISTA CIVICA – ORIZZONTE COMUNE

     

867

2,82

 

LISTA CIVICA – LA VOCE DEI GIOVANI VITERBESI

     

480

1,56

Totale liste

       

3.834

12,48

2

             
 

ROSSI FILIPPO

     

2.640

8,15

 

 

LISTA CIVICA – VIVA VITERBO

     

1.301

4,23

 

LISTA CIVICA – AREA CIV!CA

     

744

2,42

Totale liste

       

2.045

6,65

             
 

ERBETTI MASSIMO

     

2.174

6,71

 

 

MOVIMENTO 5 STELLE

     

1.917

6,24

             
 

TAGLIA CLAUDIO

     

1.016

3,13

 

 

CASAPOUND ITALIA

     

786

2,55

 

LISTA CIVICA – VITERBO IN MUSICA

     

98

0,31

Totale liste

       

884

2,87

             
 

CELLETTI PAOLA

     

769

2,37

 

 

LISTA CIVICA – LAVORO E BENI COMUNI

     

670

2,18

             

TOTALE

Candidati

24.224

100,00

32.373

100,00

27

 

Liste

   

30.717

   

CANDIDATI A SINDACO ELETTI CONSIGLIERI FRONTINI CHIARA, SERRA FRANCESCO, CIAMBELLA LISETTA DETTA LUISA, ROSSI FILIPPO, ERBETTI MASSIMO

   
                 

Elettori: 53.289 | Votanti: 24.719 (46,38%) Schede non valide: 483 ( di cui bianche: 132 ) Schede contestate: 12 | 

IL CONSIGLIO. Alla maggioranza di centrodestra 20 consiglieri: 6 a Forza Italia, 6 a Fratelli d’Italia e 6 alla Lega, e  2 a Fondazione. All’opposizione 12: 1 consigliere a Viva Viterbo,  3 al Pd, 2 alle liste di Serra e 2 al Movimento Cinque stelle, 4 a Chiara Frontini. Entrano pertanto in maggioranza: Elpidio Micci, Antonella Sberna, Isabella Lotti, Giulio Marini, Fabrizio Purchiaroni e Matteo Achilli per Forza Italia; Claudio Ubertini, Gianluca Grancini, Laura Allegrini, Paolo Bianchini, Vittorio Galati ed Elisa Cepparotti per Fratelli d’Italia; Stefano Evangelista, Claudia Nunzi, Ludovica Salcini, Antonio Scardozzi, Stefano Caporossi ed Ombretta Perlorca per la Lega; Gianmaria Santucci e Paolo Barbieri per Fondazione. All’opposizione invece: Filippo Rossi per ‘’Viva Viterbo’’; Francesco Serra e Lina Delle Monache per le liste Serra; Massimo Erbetti e Alessandro Allegrini per il M5s; Luisa Ciambella,  Alvaro Ricci  e Martina Minchella per il Pd; infine Chiara Frontini, Letizia Chiatti, Alfonso Antoniozzi e Patrizia Notaristefano.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

�Oggi si apre una nuova fase per Santa Marinella�

SANTA MARINELLA – Giusto un'ora dalla chiusura dai seggi. Tanto è bastato per far esplodere la gioia della vittoria all'interno (e fuori) dal comitato elettorale del candidato di centrosinistra Pietro Tidei, sulla via Aurelia a Santa Marinella. Nonostante la bassa affluenza alle urne, rispetto al primo turno (si è registrato un afflusso del 44,11% contro il 59,64% della scorsa volta) e dopo un primissimo “testa a testa” tra Tidei e Ricci, i dati parlavano chiaro: Pietro Tidei avanti tutta con oltre il 50% delle preferenze. Sono stati 3.734 (55,02%) i santamarinellesi che hanno deciso di dare la loro fiducia, dopo anni di assenza dal palazzo comunale, al centrosinistra. Fermo, invece, a 2797 voti (41,21%) Bruno Ricci.

«Si è chiusa l'era Bacheca – ha detto il neo sindaco ai suoi sostenitori durante i festeggiamenti in Piazza Civitavecchia, al margine della vittoria elettorale – un'era che considero triste, nefasta che ha distrutto quel poco di buono che c'era e ha aperto una voragine di debiti che non so come sia stato possibile. Oggi – ha proseguito – si apre una nuova fase per Santa Marinella». Riflettori puntati da parte del neo sindaco Pietro Tidei alle casse comunali. Un palazzetto comunale dove «non c'è più la carta igienica», né «le macchine fotocopiatrici portate via da chi le gestisce perché non sono state pagate». Due, dunque, le prime cose da fare appena preso il controllo del comune: scegliere la squadra e provare a stilare un bilancio. Per quanto riguarda la prima, Tidei punta a condere deleghe piene a tutti coloro che hanno collaborato col centrosinistra «puntando sulla loro esperienza, sulle loro attinenze. Non vogliamo un uomo solo al comando – ha detto – non una giunta sola al comando», ma un'amministrazione aperta a tutti, anche agli avversari ai quali sarà concessa la presidenza del consiglio e la delega alla trasparenza.

Per quanto riguarda il bilancio, poi, si punta anche a finanziamenti regionali ed europei. «Zingaretti -. ha spiegato Tidei – si è già messo a disposizione. Abbiamo una Regione amica, cercheremo dunque in forma trasparente e legale di chiedere contributi. Bisogna inoltre attingere dai fondi euroopei». Per Tidei si dovrà puntare anche su Santa Severa «da dove potrà nascere sviluppo economico».

Soddisfatto ed emozionato per la vittoria anche il segretario del Pd Pierluigi D'Emilio: «Non ci credeva nessuno. Ci davano per pazzi perché volevamo ripresentare Pietro Tidei, ma in una situazione amministrativa così compromessa e difficile, ha detto, serviva un capitano esperto per portare la nave fuori dalle acque turbolente in cui ci troviamo. Ora dobbiamo amministrare, dobbiamo farlo bene. Non dobbiamo deludere i cittadini che ci hanno dato fiducia. In una città – ha concluso il segretario dem – dove per 10 anni ha governato il centrodestra, siamo riusciti a invertire la tendenza. Abbiamo creato qualcosa. Per un vero cambiamento dobbiamo nascere santamarinellesi e crescere europei».

ELEZIONI 2018 PIETRO TIDEI SINDACO. FESTA AL COMITATO – VIDEO

ELEZIONI 2018 I FESTEGGIAMENTI – VIDEO

PRIME DICHIARAZIONI A CALDO DEL NEO SINDACO PIETRO TIDEI – VIDEO

IL DISCORSO DEL NEO SINDACO PIETRO TIDEI IN PIAZZA CIVITAVECCHIA – VIDEO

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il minibasket arriva alla Marina

Il Centro Minibasket Pyrgi e il suo presidente Andrea Pierosara presentano la manifestazione ‘‘Minibasket Pyrgi alla Marina’’ organizzato con il patrocinio del Comune di Civitavecchia. La festa va in scena domani dalle 10 alle 22 a Piazza della Vita, nell’area pubblica della Marina di Civitavecchia. 
L’associazione allestirà un campo da gioco con attrezzature mobili, consentendo lo svolgimento della manifestazione che si svolgerà dalla 11 alle 23, durante tale periodo ai bambini a cui è destinato questo evento e che vorranno provare il gioco del basket saranno distribuiti gadget e premi, supportati da forniture gratuite di acqua per dissetarsi. 
L’organizzazione sarà presidiata dallo staff dell’associazione, con 4 istruttori certificati FIP e CONI e muniti di attestato BLSD per il primo soccorso e l’uso del defibrillatore che sarà in dotazione fissa per tutta la durata della manifestazione.
Sempre all’evento, per i bambini meno sportivi, sarà a disposizione un’area di gioco di Basket gonfiabile adiacente il campo da gioco, dove i bambini possono giocare in contemporanea su 6 canestri completamente ricoperti da superficie gommata.
Gli adulti e genitori accompagnatori potranno sostare nell’area riservata relax, con sedie ed ombrelloni proteggi sole.
La finalità della manifestazione è di propaganda dello sport della pallacanestro per i più piccoli, come sport di inclusione sociale e di sviluppo motorio e cognitivo. 
Questo sport sta confermando la crescita sia in termini nazionali che nella cittadina di Civitavecchia, con le alte affluenze dei corsi stagionali messi a disposizione dalle società sportive del posto.
L’attività ludico-sportiva sarà aperta e gratuita per tutti i bambini e bambine che vorranno cimentarsi in questo sport, accedendo alle strutture ed attrezzature messe a disposizione dal Centro Minibasket Pyrgi di Civitavecchia, in totale sicurezza.
In conclusione quindi l’obiettivo è di far trascorrere ai bambini una giornata finalizzata al movimento, in totale libertà e garanzia di sicurezza, all’insegna del divertimento e della lealtà sportiva, centrando anche l’obiettivo sotteso della giornata, cioè la promozione del basket, sperimentando il gioco in un campo preparato appositamente dall’associazione dal Centro Minibasket Pyrgi di Civitavecchia.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ballottaggio Santa Marinella, centrosinistra: ''Non hanno nemmeno un programma''

SANTA MARINELLA – «E’ difficile parlare di programmi con chi il proprio programma non l’ha mai nemmeno scritto». La coalizione che sostiene il candidato sindaco Pietro Tidei replica in una nota al coordinamento che appoggia il candidato Ricci al prossimo ballottaggio per le elezioni amministrative cittadine. «Chi ha avuto dieci anni di tempo per migliorare la città e l’ha ridotta in queste condizioni, può avere un’altra possibilità solo se ha bevuto una pozione magica. Altrimenti non esiste un valido motivo per provare ancora a fare più danni di quelli che oggi sono sotto gli occhi di tutti. Cinque anni fa, Bacheca ed i suoi, volevano altri cinque anni per finire quello che avevano cominciato. Sono stati onesti, infatti il disastro è terminato con la loro sfiducia». «Santa Marinella e Santa Severa – continua la nota – hanno bisogno di tutto e questo tutto, chi non lo ha prodotto in dieci anni, non lo potrà tirare fuori adesso. Noi siamo sempre stati dalla parte della gente ed il grande successo di domenica lo dimostra. Dov’era Ricci in questi dieci anni? Dopo la batosta elettorale e dopo aver lasciato solo il troppo giovane Bacheca quali altri meriti si è guadagnato? C’era la possibilità di confrontarci assieme davanti alla cittadinanza qualche domenica fa, ma la vergogna ha giustamente prevalso sull’ingordigia elettorale e nessuno di quel gruppo è venuto. Siamo anche convinti che Ricci stesso, prima dell’estate, lascerà il suo posto in consiglio comunale. La politica è passione e lui questa passione non l’ha mai saputa dimostrare». «Stiamo costruendo il destino di una città e dei suoi abitanti – termina il comunicato – non stiamo partecipando al campionato mondiale della chiacchiera. Tocca a noi dimostrare che un modo trasparente, legale e corretto per amministrare la città e farla uscire dal baratro».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###