Darsena grandi masse: tutto da rifare

CIVITAVECCHIA – Da un lato si attende il pronunciamento del Consiglio di Stato a cui Molo Vespucci ha presentato appello contro la sentenza del Tar Lazio per il versamento dei 2 milioni di euro nelle casse del Pincio per l'accordo del 2015. Dall’altro però c’è l’intenzione di superare il problema, con il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Francesco Maria di Majo che si è detto disponibile a rivedere l’accordo, “sottoscrivendone uno che preveda non un contributo economico ma la realizzazione di opere infrastrutturali”. È quanto ribadito dal numero uno dell’Authority nel corso della prima puntata della trasmissione “Sentiamo la sua” condotta da Giampiero Romiti su TeleCivitavecchia. Il presidente ha ribadito di aver ereditato un accordo sottoscritto dal suo predecessore e, come ente, non avrebbe potuto tenere fede all’impegno. L’intenzione, come ribadito da Di Majo, è quella di lavorare con il Sindaco per rinegoziare un nuovo accordo di collaborazione con un contenuto più chiaro ed articolato. Certo, si dovrà però attendere qualche settimana per capire cosa deciderà il Consiglio di Stato in tal senso.
E Di Majo ha poi annunciato anche la decadenza della concessione demaniale rilasciata a Compagnia porto di Civitavecchia S.p.a. per la costruzione e gestione della darsena energetica grandi masse. L’ormai ex concessionario, il Gruppo Gavio, dopo oltre dieci anni ha deciso di non voler più realizzare l’opera con l’area di oltre 800mila metri quadrati che è tornata nella disponibilità dell’Autorità di Sistema portuale. “L’area – ha proseguito Di Majo – è stata riconsegnata all’Autorità Portuale che è prossima a riottenerne la titolarità giuridica, dopo la quale sarà possibile rimetterla sul mercato. Si pensa ad un nuovo project financing per un progetto che ha un costo compreso tra i 300 e i 500 milio ni di euro. Al riguardo, gli investitori devono sapere che è tutto pronto dal punto di vista amministrativo. La darsena grandi masse è prevista nel piano regolatore portuale e nei successivi adeguamenti tecnico-finanziari. Quindi chi vorrà investire sa che avrà di fronte un quadro giuridico certo”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

SPV PROJECT 1713 S.R.L.

Avviso di cessione di crediti pro soluto ai sensi del combinato
disposto degli articoli 1, 4 e 7.1 della Legge 30 aprile 1999, n. 130
(come di volta in volta modificata, la "Legge sulla
Cartolarizzazione") nonche' informativa ai sensi dell'articolo 14 del
Regolamento (UE) 2016/679 (il "Regolamento Generale sulla Protezione
dei Dati"), del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (il
"Codice Privacy") e del Provvedimento dell'Autorita' Garante per la
Protezione dei Dati Personali del 18 gennaio 2007

(TX18AAB10164 )

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Corriere della Sera entra nel Trust Project

Insieme a oltre 120 siti del mondo, il Corriere adotta da oggi una serie di indicatori in grado di garantire ai lettori la massima trasparenza sui propri articoli

Leggi articolo completo

@code_here@

SPV PROJECT 1508 S.R.L. – PHILIPS LIGHTING ITALIA S.P.A.PHILIPS LIGHTING ITALIA S.P.A.

Avviso di cessione di crediti pro soluto ai sensi del combinato
disposto degli articoli 1 e 4 della Legge 30 aprile 1999, n. 130 (in
seguito, la "Legge sulla Cartolarizzazione dei Crediti") e
dell'articolo 58 del D.Lgs. 1° settembre 1993, n. 385 (in seguito, il
"Testo Unico Bancario"), corredato dall'informativa ai sensi
dell'art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 679/2016 (il "Regolamento
Generale sulla Protezione dei Dati") e del Provvedimento
dell'Autorita' Garante per la Protezione dei Dati Personali del 18
gennaio 2007

(TX18AAB10155 )

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

SPV PROJECT 1705 S.R.L.

Avviso di cessione di crediti pro-soluto (ai sensi del combinato
disposto degli articoli 1 e 4 della Legge del 30 aprile 1999, n. 130
(la "Legge 130"), dell'articolo 58 del Decreto Legislativo del 1°
settembre 1993, n. 385 (il "T.U. Bancario") e degli articoli 13 e 14
del Regolamento Europeo 2016/679 (anche "GDPR")

(TX18AAB10015 )

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli, chiesto lo sfratto per i carabinieri

LADISPOLI – Carabinieri di Ladispoli a rischio sfratto. Mentre la costruzione della nuova caserma di Ladispoli va a rilento. Uno scenario di emergenza quello che potrebbe profilarsi per i militari poiché è ormai scaduto il contratto stipulato tra l’Arma e i proprietari dell’immobile di via Livorno, esattamente il 31 luglio del 2016. E, notizia delle ultime ore, i possessori dell’edificio hanno già avviato la pratica per chiedere il rilascio della struttura. “Come stabilito da una normativa regionale abbiamo usufruito del Piano casa per aumentare la cubatura dell’immobile rivendicando quindi il diritto di poter effettuare dei lavori entro e non oltre il 2020, pena decadenza”, conferma il richiedente dello sfratto.

Il nodo della vicenda sarebbe legato ai lavori relativi al Piano casa – fanno sapere i proprietari dello stabile – da compiersi entro aprile 2020 e non oltre quella data. In sostanza, con i carabinieri ancora in servizio in caserma, addio cantiere nell’edificio di oltre 300 metri quadri. Nel frattempo non si sa quando la nuova caserma dei carabinieri vedrà la luce. Un progetto urbanistico annunciato nel 2008 ma che, per varie vicissitudini, non è ancora andato in porto. Polemiche, bandi sospesi, contese a colpi di carte bollate tra le ditte contendenti. Fino ad arrivare alla determina dirigenziale con la quale il Comune ha selezionato la società a cui spetterà pubblicare il bando di gara per la selezione conclusiva. Opera che verrà realizzata attraverso un project financing da 1milione e mezzo che potrebbe portare ad un rafforzamento dell’organico dei carabinieri tuttora sottodimensionato rispetto alle esigenze della città.

Il project financing della nuova caserma dei carabinieri, dopo essere stato riattualizzato, volge ad una prima approvazione da parte della stazione appaltante. Si apprende infatti che a Santa Marinella, nella Centrale unica di committenza, la stazione appaltante avrebbe approvato la nuova opera pubblica che sarebbe così affidata ad una ditta del territorio.

La nuova caserma sorgerà su un terreno di 918,52 metri quadrati, sul quale verranno realizzate anche le residenze dell’Arma per circa 440 metri quadrati, oltre ad un park, un piazzale, un ingresso carrabile e un ingresso pedonale. L’area prevista è viale Mediterraneo, tra i quartieri Campo Sportivo e Cerreto.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Santa Marinella, tagli alle figure apicali del Comune

SANTA MARINELLA – Il sindaco Pietro Tidei si attiva per cercare di risolvere alcuni evidenti problemi trovati all’atto del suo insediamento. Questa mattina incontrerà il governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti per portare a conoscenza dell’ente sovraccomunale le difficoltà che il Comune ha per procedere alla soluzione di alcune tematiche per mancanza di fondi. «Ogni giorno emerge un debito nuovo – dice Tidei – infatti qualche giorno fa sono andato a parlare con i vertici dell’Enel per chiedere i contributi che l’ente elettrico deve al nostro Comune, che ammontano a 150mila euro all’anno. Per cui ho invitato i dirigenti a versare nelle nostre casse 300mila euro relativi agli anni 2017 e 2018. Purtroppo, abbiamo scoperto che dobbiamo all’Enel stessa circa 400 mila euro per energia e gas mai pagate, tanto che ci ritroviamo da tempo inseriti in una fascia diversa da quella precedente che ci costringe a subire un costo più alto della corrente e del gas perché la tariffa dei debitori, come lo siamo noi, prevede un aumento del cento per cento della spesa per la corrente che ora ci costa il doppio. Un altro regalo della giunta Bacheca, ed ora cercheremo di risolvere questo problema mercoledì quando parleremo di queste problematiche con i rappresentanti dell’Enel”. Tidei, parla poi del clamoroso furto che si è verificato un paio di anni fa, quando qualche ignoto camionista, ha rubato la copertura della tribuna del campo di calcio che fu pagata 44 mila euro. «Un altro mistero che non è stato mai rivelato – continua Tidei – e questo non mi meraviglia. Però se mi avessero detto che era stata rubata una bicicletta che è possibile nascondere dentro il portabagagli di un’auto posso crederci, ma rubare una struttura metallica di quelle dimensioni che richiede una decina di camion per trasportarla mi sorprende, è possibile che nessuno sappia niente o che non ha visto il movimento dei mezzi? E’ come se uno si rubasse il Colosseo e non ci sia neppure una persona che abbia visto il ladro. La stessa cosa è successa al campo sportivo di Santa Marinella». Il primo cittadino si sofferma poi sulla questione del personale. «Purtroppo ho notato che c’è una gestione del personale troppo ballerina. Noi abbiamo tredici figure apicali che costano molti soldi, quando sarebbe sufficiente avere al massimo quattro aree di posizione. Dunque dalla prossima pianta organica toglieremo quelle figure apicali in più, che ci permetteranno di risparmiare circa 250mila euro all’anno. Soldi che ci consentiranno di riequilibrare il bilancio insieme all’aumento delle tasse comunali e al risparmio di 1.220mila euro di minor costi di gestione». «Infine – conclude Tidei – mi preme parlare dell’emergenza loculi. Se muore una persona, non abbiamo fornetti per seppellirla, in alcuni casi siamo costretti a sequestrare i loculi ad altre persone che hanno acquistato il fornetto e che lo hanno pagato e che si vedono espropriati di un diritto legittimo. Dunque, si sarebbe potuto fare per tempo un project financing e costruire centinaia di loculi senza che il Comune spendesse una lira. Cosa che noi faremo realizzando 3.500 loculi con un project e che saranno venduti ad un prezzo calmierato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Plastica in primo piano con la campagna della Regione

ALLUMIERE – «Allumiere: Eco di Rhythm and Blues»: questo il titolo della manifestazione che si terrà il 7 settembre prossimo alle 17 nel Parco del Risanamento promossa dal consigliere con delega alle Politiche ambientali Carlo Cammilletti. Abbracciando la campagna lanciata dalla Regione Lazio ‘‘Plastic Free’’ il Comune di Allumiere, per mezzo del consigliere alle Politiche ambientali Carlo Cammilletti, darà vita a questa giornata sul tema della plastica denominata ‘‘Allumiere: Eco di Rhythm and Blues’’. Attraverso Plastic Free Allumiere intraprende un cammino ancora più marcato verso la riduzione: delle 5 erre della plastica: riduzione, riutilizzo, raccolta, riciclo e recupero la sfida più grande è, infatti, la riduzione.  La manifestazione prenderà il via con una conferenza di esperti dal titolo: ‘’Inquinamento ambientale da rifiuti plastici: cosa si può fare?’’ La conferenza si aprirà con il saluto istituzionale del sindaco Antonio Pasquini e continuerà con l’intervento di Andrea Degl’Innocenti, project manager, giornalista, scrittore, esperto di comunicazione linguistica; ha scritto e scrive per varie testate giornalistiche online e per la rivista Terra Nuova. Curatore, assieme a Daniel Tarozzi, del libro “E ora si cambia”, Coedizione Terra Nuova e Arianna Editrice (2018). Il giornalista inizierà l’intervento con una breve storia sulla plastica per proseguire offrendo una panoramica sulla situazione attuale in Italia e nel Lazio; i limiti della differenziata e le nuove prospettive: verso un’economia circolare? Elia Di Nardo per la società Innovambiente ed Antonio Di Cristofaro direttore commerciale della Eco4you parleranno delle nuove tecnologie  e metodologie per la gestione dei rifiuti con particolare riferimento alla plastica e alla tariffazione puntuale. Carlo Cammilletti, consigliere all’ambiente del Comune di Allumiere tratterà li tema riguardante la gestione dei rifiuti nella realtà allumierasca mentre Alessandra Sforzini, ecovolontaria, darà  indicazioni su una corretta differenziazione dei rifiuti domestici. La manifestazione proseguirà con due concerti di Rhythm and Blues: alle 21.15 si esibirà “The Suite” Acoustic Trio e a seguire “FeMale” trio. Nella location i visitatori potranno trovare: l’area ristoro con prodotti tipici locali di aziende a chilometro 0 (Az. Agricola Piroli e Azienda Vitinicola Vernace); l’area espositori con manufatti di plastica riciclata realizzati dal Centro Diurno per disabili ‘’IGirasoli’’; una mostra di quadri creati con materiale da riciclo (artista Laura Monaldi e l’associazione ‘’ImmaginiAMO Viterbo’’); la storia della plastica; gli spazi con materiale alternativo alla plastica; le foto di luoghi, locali e non, inquinati da plastiche (foto fornite dall’associazione fotografica “Click” di Allumiere e prese dal Web). Alla manifestazione hanno aderito anche la Pro Loco e l’Università Agraria di Allumiere. «Il nostro obiettivo, che può sembrare spaventosamente ambizioso – spiega il consigliere Carlo Cammilletti – è quello di iniziare un percorso che porti la popolazione a prendere realmente coscienza del problema dell’inquinamento ambientale. Ci piacerebbe non limitare tutto ad una giornata sostenuta da questo o quel finanziamento ma programmare campagne mirate di sensibilizzazione, informazione ed educazione sul tema dell’inquinamento e di tutto ciò che ne deriva.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Plastica in primo piano con la campagna della Regione

ALLUMIERE – «Allumiere: Eco di Rhythm and Blues»: questo il titolo della manifestazione che si terrà il 7 settembre prossimo alle 17 nel Parco del Risanamento promossa dal consigliere con delega alle Politiche ambientali Carlo Cammilletti. Abbracciando la campagna lanciata dalla Regione Lazio ‘‘Plastic Free’’ il Comune di Allumiere, per mezzo del consigliere alle Politiche ambientali Carlo Cammilletti, darà vita a questa giornata sul tema della plastica denominata ‘‘Allumiere: Eco di Rhythm and Blues’’. Attraverso Plastic Free Allumiere intraprende un cammino ancora più marcato verso la riduzione: delle 5 erre della plastica: riduzione, riutilizzo, raccolta, riciclo e recupero la sfida più grande è, infatti, la riduzione.  La manifestazione prenderà il via con una conferenza di esperti dal titolo: ‘’Inquinamento ambientale da rifiuti plastici: cosa si può fare?’’ La conferenza si aprirà con il saluto istituzionale del sindaco Antonio Pasquini e continuerà con l’intervento di Andrea Degl’Innocenti, project manager, giornalista, scrittore, esperto di comunicazione linguistica; ha scritto e scrive per varie testate giornalistiche online e per la rivista Terra Nuova. Curatore, assieme a Daniel Tarozzi, del libro “E ora si cambia”, Coedizione Terra Nuova e Arianna Editrice (2018). Il giornalista inizierà l’intervento con una breve storia sulla plastica per proseguire offrendo una panoramica sulla situazione attuale in Italia e nel Lazio; i limiti della differenziata e le nuove prospettive: verso un’economia circolare? Elia Di Nardo per la società Innovambiente ed Antonio Di Cristofaro direttore commerciale della Eco4you parleranno delle nuove tecnologie  e metodologie per la gestione dei rifiuti con particolare riferimento alla plastica e alla tariffazione puntuale. Carlo Cammilletti, consigliere all’ambiente del Comune di Allumiere tratterà li tema riguardante la gestione dei rifiuti nella realtà allumierasca mentre Alessandra Sforzini, ecovolontaria, darà  indicazioni su una corretta differenziazione dei rifiuti domestici. La manifestazione proseguirà con due concerti di Rhythm and Blues: alle 21.15 si esibirà “The Suite” Acoustic Trio e a seguire “FeMale” trio. Nella location i visitatori potranno trovare: l’area ristoro con prodotti tipici locali di aziende a chilometro 0 (Az. Agricola Piroli e Azienda Vitinicola Vernace); l’area espositori con manufatti di plastica riciclata realizzati dal Centro Diurno per disabili ‘’IGirasoli’’; una mostra di quadri creati con materiale da riciclo (artista Laura Monaldi e l’associazione ‘’ImmaginiAMO Viterbo’’); la storia della plastica; gli spazi con materiale alternativo alla plastica; le foto di luoghi, locali e non, inquinati da plastiche (foto fornite dall’associazione fotografica “Click” di Allumiere e prese dal Web). Alla manifestazione hanno aderito anche la Pro Loco e l’Università Agraria di Allumiere. «Il nostro obiettivo, che può sembrare spaventosamente ambizioso – spiega il consigliere Carlo Cammilletti – è quello di iniziare un percorso che porti la popolazione a prendere realmente coscienza del problema dell’inquinamento ambientale. Ci piacerebbe non limitare tutto ad una giornata sostenuta da questo o quel finanziamento ma programmare campagne mirate di sensibilizzazione, informazione ed educazione sul tema dell’inquinamento e di tutto ciò che ne deriva.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Joe Intenso presenta il nuovo brano Pulsar

LADISPOLI – Torna alla ribalta Joe Intenso, rapper di Ladispoli “on air” con il nuovo brano Pulsar, tratto dall'Album intitolato 'ILDISCODELLANNO' uscito nel mese di Maggio. Il cantante offre qualche anticipazione. “Si tratta di un progetto di 9 brani prodotti tutti da mio fratello $tone Gold, compresa questa traccia, ed una prodotta da Andy-B”.

Già un anno fa ci fu il primo singolo estratto chiamato 'L'uomo della pioggia' con la prestigiosa collaborazione di un rapper molto conosciuto, cioè Caneda.

“Il video di Pulsar – prosegue nel racconto il cantante ladispolano – è uscito esattamente un anno dopo così da chiudere simbolicamente il cerchio, il ciclo che gira attorno a questo lavoro in cui io, Joe Intenso, sperimento molto con il flow su beat già sperimentali di mio fratello. Non manca la parte sempliciotta ma ciò che è assai presente per tutto il disco e ne fa quasi da filo conduttore è la filosofia. La scelta di estrarre questo video è dovuto dal fatto che tutti gli ascoltatori avevano apprezzato ILDISCODELLANNO ma premevano sul fatto che Pulsar fosse qualcosa di diverso, avesse qualcosa in più. Difatti a livello di suono e di testo abbiamo raggiunto un punto preciso e lo si può sentire dall'effetto messo da Flavio MixerT nel suo studio, lo storico Bunkerino, dove io vado a registrare”.

Nel brano si può percepire la tipica lirica influenzata culturalmente da cinema, musica ed anche da teatro, proprio perchè sono più di due anni che Joe Intenso fa parte anche di una compagnia guidata dalla SG Project, creata dal maestro Gabriele Abis.

Quindi cultura ed esperienza – in questo caso – sono gli ingredienti per creare un testo.

“Il resto è qualcosa di alto, perchè scrivere è un processo che va al di fuori del razionale, è come un'esplosione di una stella dentro di sè. Ed è terapeutico, quindi necessario. Una volta deciso ho contattato Michele Longobardi della BeLoud, io avevo visto un posto e pensavo fosse adatto per il pezzo, oramai la simbiosi è forte tra di noi (mi ha girato tutti i videoclip dall'inizio fino ad ora), la sua creatività e fantasia hanno portato questo prodotto eccellente”.

ILDISCODELLANNO è presente su tutte le piattaforme streming attraverso questo link: https://2lnk.eu/ildiscodellanno (inoltre è presente su Youtube e SoundCloud).

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###