Il Città di Cerveteri si carica grazie a Bacchi

Numeri alla mano per il Città di Cerveteri che ha un’immensa passione per il calcio. Una piazza da un passato glorioso e un recente presente fino a qualche anno fa, dignitoso con la partecipazione in Eccellenza e sfide con Rieti e Viterbese. Ma si sa, come spesso succede i tifosi rispondono solamente se arrivano i risultati. Di questo ne sa qualcosa il neo acquisto Danilo Bacchi: un passato in squadre di Serie C come Pagani e Gela.
«Ho giocato – spiega il centrocampista – in stadi gremiti di tifosi contro compagini caldissime. So bene cosa significa avere dalla parte la spinta dei propri supporter. Cerveteri, mi ricordo, portava allo stadio un pubblico meraviglioso. È una città che ha dei tifosi tra i più caldi del territorio, ma al contempo sono anche esigenti, quindi vogliono vincere e subito. Per fare risultati, però, è necessario arrivare a salire di categoria. Bisognerà lavorare sui progetti a lunga scadenza e penso che questa dirigenza ne abbia. Quest’anno – conclude Bacchi – possiamo fare bene e giocarcela con tutti. Dove possiamo arrivare non sono tenuto a dirlo, non saprei affrontare un discorso così prematuramente. Di sicuro posso rassicurare i tifosi che possono divertirsi e che la domenica non dovranno lasciarci soli».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pampinella vince la Coppa Italia

È Tommaso Pampinella il nuovo campione d’Italia di Sup. Il pluripremiato atleta civitavecchiese continua quindi a mettere trofei e vittorie nel suo palmares. Dopo il terzo posto ottenuto domenica scorsa a Livorno si è concluso ufficialmente il Campionato Italiano di SUP Race FISW e Pampinella è potuto salire sul massimo gradino del podio. «Mi sentivo molto stanco essendo l’ultima delle 11 gare di campionato – spiega Pampinella – per questo è stata davvero dura, ma sono riuscito comunque a non mollare e a rimanere sempre tra le prime posizioni, il risultato finale mi ha permesso di portare a casa la vittoria della Coppa Italia 2018. E’ stato un campionato davvero duro e aperto fino all’ultima giornata e posso ritenermi più che soddisfatto del risultato ottenuto». Le gare si sono svolte a Livorno, Firenze, Taranto, Vasto, Milano, Anzio, Maccarese, Senigallia, Cecina, Noli e Antignano: «Sono stato costretto a saltare tre gare a causa degli impegni internazionale dell’Eurotour e per questo – prosegue Pampinella – è stato ancora più difficile portare a casa il titolo. Ci tengo a ringraziare i miei sponsor che mi hanno supportato durante il campionato, la Lni Civitavecchia per avermi dato la possibilità di allenarmi nelle migliori condizioni possibili e il mio club di appartenenza, l’ASD The Beach Club. Ora non resta che riposarmi qualche giorno per poi riprendere gli allenamenti e in vista degli assoluti a Riva del Garda l’1 e 2 settembre per poi prepararmi alla fase finale della stagione 2018». Complimenti a Pampinella da parte del vice presidente della Lni, Giovanni Spinelli: «Tommaso è un campione in correttezza, serietà e impegno. Siamo orgogliosi di averlo nel roster dei nostri tecnici perchè è un campione in acqua e nella vita ed è un buonissimo esempio per tutti. A lui i miei complimenti e quelli di tutto il nostro Circolo». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tidei: ''Non era necessario scomodare il prefetto''

SANTA MARINELLA – Immediata la risposta del sindaco Piertro Tidei, alle rimostranze fatte dall’associazione commercianti del Centro, all’ordinanza firmata dal primo cittadino che istituisce l’isola pedonale nella zona di piazza Trieste e piazza Civitavecchia fino al 30 agosto.

“Non era necessario – dice il sindaco – scomodare il Prefetto, i vigili del fuoco di Roma, la Questura e quanti in indirizzo, nell’esposto ricevuto dai commercianti di Piazza Trieste per un progetto, quello dell’isola pedonale, in fase sperimentale per soli tre week end. Tralasciando i dati che ci dicono che un’attività commerciale a Santa Marinella ha un ciclo vitale di circa dodici mesi, qualcosa in più per quelle di somministrazione, l’isola pedonale è un atto di civiltà e d’obbligo per una città che vuole essere a vocazione turistica. Quando a Civitavecchia ho introdotto lo stesso provvedimento, la novità non ha trovato immediato accoglimento, specialmente dalla categoria realmente beneficiaria, quella degli operatori commerciali che, a distanza di un anno, mi hanno chiesto di prolungare il periodo di chiusura al traffico”.

“Dobbiamo guardare in avanti – prosegue Tidei – ricordando che la civiltà si misura in passi e non con il numero delle automobili, per questo motivo siamo intenzionati a portare avanti a Santa Marinella il progetto delle isole pedonali da estendere possibilmente anche in altre aree cittadine. A Cerveteri, Ladispoli, Civitavecchia, Fiumicino sono solitamente i commercianti a dare ausilio al Comune durante la stagione estiva , specialmente nelle chiusure al traffico locale dove loro stessi installano dehors garantendo alla clientela la possibilità di degustare un buon prodotto senza smog e senza il rischio di poter essere investiti”.

“Ciò detto – conclude il primo cittadino – oltre alla mia disponibilità ad un incontro, posso confermare che la gestione della sicurezza in piazza Trieste sarà garantita dai volontari della Protezione Civile e dalla Polizia Locale, nonostante la carenza di organico e senza onere per i commercianti. Colgo l’occasione per richiamare la categoria al rispetto delle norme per l’occupazione di suolo pubblico nonché al pagamento dell’imposta Cosap dovuta, ricordando che si tratta di un beneficio e non di un diritto”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ritrovata morta sulla spiaggia Renzi la testuggine lacustre americana

CERVETERI – «Non ho parole per voi, ma vi assicuro che non vi dò tregua finché non vi prendiamo e non pubblico i filmati perché non posso farlo ma spero che i Carabinieri vi becchino e poi vi denuncio alla protezione animali perché vi devo fare MALE!». Questo l’amaro commento del Nucleo Subacqueo Cerveteri Onlus sulla loro pagina Facebook dopo che è stata ritrovata morta ieri mattina sulla riva davanti allo stabilimento balneare Renzi l’esemplare di testuggine lacustre americana, trafugata qualche giorno fa nel furto ai loro danni. 
Il coordinatore del gruppo Fabrizio Pierantozzi  che aveva lanciato un appello rimasto inascoltato:  «Sabato e domenica abbiamo lavorato con difficoltà senza radio che ci avete rubato ma ve l’avrei perdonata, la tartaruga no! Abbiamo i filmati dello stabilimento Ezio alla Torretta e andremo fino in fondo per voi non ho pietà siete persone spregevoli». 
Anche il sindaco Pascucci interviene: «Della serie, quando la cattiveria umana a volte non ha limiti … ricorderete che alcuni giorni fa attraverso la mia pagina Facebook avevo espresso solidarietà ai volontari di Nucleo Subacqueo Cerveteri Onlus per un vile furto subito. Tra le cose rubate nella loro sede, anche una testuggine lacustre americana, che i volontari tenevano in cura per poi consegnarla ad habitat più consoni. Inutile l’appello del coordinatore Fabrizio Pierantozzi. La testuggine è stata ritrovata morta quest’oggi (ieri per chi legge), sulla riva, davanti la spiaggia Renzi. Chissà se gli autori di questo gesto si sentono soddisfatti adesso». 
In tanti esprimono solidarietà ai volontari del Nucleo Subacqueo e sperano che i Carabinieri riescano a prendere coloro che si sono macchiati di questo gesto ignobile, vile e vergognoso.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Roberto Gimmelli: ''Un ambiente straordinario, dimostreremo la nostra forza''

Con un passato glorioso alle spalle, con l’inizio calcistico che fu nell’Inter U19 nel 2001 per vantare poi presenze in lega Pro fino all’approdo al Civitavecchia Calcio 1920, dove ha giocato l’ultima stagione, Roberto Gimmelli si presenta oggi ai tifosi della Roja. Professionista nel vero senso della parola, serietà e dedizione messe da subito a disposizione della CPC2005 Calcio, è uno di quei giocatori la cui storia non va nè scritta nè raccontata, ma per capirne la valenza sia sotto il profilo calcistico che umano basta vederlo calcare il terreno di gioco, seppur si tratti ad ora di allenamenti.
Una nuova avventura per lei, questo inizio come le è sembrato? 
«L’approccio con l’ambiente è buono e soprattutto sano, con il giusto pizzico di ambiziosità che non guasta mai».
Un pensiero sui tuoi compagni e sul mister?

«Avevo avuto modo di conoscere alcuni ragazzi, che poi ho ritrovato qui, l’incontrarsi negli spogliatoi nella mia permanenza con il Civitavecchia me lo ha permesso, con il protrarsi e il consolidamento di quella stima che già avevo nei loro confronti. Sono dei bravi ragazzi e dei buoni giocatori, questo posso affermarlo tranquillamente. Con il mister non avevo avuto modo di lavorare insieme, ma solo giocarci contro, e quell’aggressività che ho visto in quegli incontri rispecchiano in pieno, almeno penso, il suo carattere».
Credi che la rosa sia competitiva o serva altro?
«Mi sembra una rosa già competitiva e ben assortita, ma sarà il campo a parlare in maniera definitiva. Va tutto dimostrato e non serve solo avere ottimi giocatori, lavoro sodo in settimana per poi dimostrarlo la domenica; questi i passi da fare per un buon campionato. Ora dobbiamo pensare solo ad allenarci».
Un gruppo di under che andrà plasmato con le potenzialità dei più grandi, cosa ti senti di dirgli?
«I giovani sono una parte essenziale per questa categoria, del resto ne giocano tre e sono spesso l’ago della bilancia di una squadra. Porterò indubbiamente la mia esperienza e darò i miei consigli, un ciclo che si ripete nella carriera di ognuno negli anni, ma sono solito dire che spetta solo a loro dimostrare il vero valore sia negli allenamenti che in partita. Dare sempre il massimo, in questa fase della loro carriera calcistica, fa si che passino dall’essere un po’ acerbi a dei veri e propri giocatori. Sta a loro dimostrare il vero valore che hanno, ovviamente con i consigli che daremo noi grandi».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Consapevoli del nostro valore, voleremo in alto»

Con Caronte che in questi giorni sembra accompagnare all’Inferno l’intera penisola italica, allo stesso tempo tende la mano ai giocatori portuali nella doppia seduta, con le energie che vengono meno ad ogni passo sotto i trenta gradi del manto erboso del Tamagnini, la Cpc2005 getta le basi fisico-tattiche per questa stagione. 
Prevale lo spirito di sacrificio, nella concentrazione dei nuovi schemi, che mister Caputo e il suo staff stanno provando e riprovando in vista dell’esordio stagionale del 2 settembre. 
Nel mezzo anche alcune amichevoli che testeranno i progressi e metteranno minuti utili nelle gambe dei giocatori. 
Di questo ha parlato capitan Marco Bevilacqua, uno dei pochi rimasti dopo il terremoto provocato nella rosa dal direttore sportivo Sandro Fabietti.
Tante le facce nuove all’avvio di questa stagione, com’è stato l’approccio con loro e com’è lo spirito del gruppo in questo periodo di fatica della preparazione?
«I “nuovi” si sono inseriti bene in questa loro nuova realtà. Se da una parte parliamo sotto l’aspetto tecnico penso che non c’è bisogno di presentazioni, visto che sappiamo tutti il loro valore, mentre se parliamo dell’aspetto umano posso dire che sono ragazzi intelligenti e seri, che di calciano ne sanno. Stiamo creando un bel gruppo e questo per un gioco di squadra è la base ad ogni successo».
Passiamo al tecnico. Ritrova il mister dopo qualche anno di soddisfazioni che vi siete tolti insieme. È cambiato nel modo di allenare o è sempre il Caputo meticoloso che tutti conosciamo?
«Ritrovare il mister è stato veramente un piacere, è rimasto il mister meticoloso che ricordavo e tutti conosciamo, che sa usare carota e bastone nei momenti giusti. L’affiancamento di De Luca e Macaluso darà sicuramente i suoi frutti, perchè tanto possono darci sia sotto l’aspetto umano che sportivo».
Partiamo dal fatto che quest’anno si inizia la stagione senza proclami, ma allo stesso tempo con la voglia di fare bene. Parliamo invece della nuova sede che ha la Cpc2005?
«Sono molto contento per quel che riguarda il campo. Il Fattori portava solo dolori fisici e troppi infortuni. Per quello che riguarda l’anno che verrà sappiamo tutti il nostro valore, ma adesso bisogna pedalare e basta gettando delle basi concrete per la stagione. Solo il campo ci dirà a maggio se in questo periodo abbiamo lavorato bene o no».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

E' il giorno dell'Air Show Ladispoli 2018

LADISPOLI – E' tempo di grandi festeggiamenti in città. Ladispoli soffia oggi le sue prime 130 candeline e lo fa con una festa del tutto eccezionale: le Frecce Tricolori pronte a solcare i cieli della città balnare per regalare a residenti e visitatori uno spettacolo mozzafiato. Dopo le prove di ieri, oggi la vera festa. «E' la prima volta che assisto a questo spettacolo dal vivo», ha detto ieri il sindaco Alessandro Grando durante la conferenza che ha anticipato l'inizio della manifestazione che gode anche di un finanziamento di 12mila euro erogato dalla Regione Lazio, su richiesta dell'amministrazione comunale che una volta definite le date aveva chiesto alla Pisana di erogare la somma “a sostegno delle spese necessarie alla realizzazione del progetto”.

«Al di là dell'effettiva importanza di un evento storico per la nostra città – ha proseguito Grando – posso dunque dire di essere molto emozionato». Evento che, ha tenuto a precisare, è stato reso possibile grazie all'Aeroclub Maremma, l'Aeronautica, la ProLoco e l'assessore alla Cultura Marco Milani. Si partirà questo pomeriggio alle 16.50 con l'esibizione dell'HH139 elicottero AM per poi proseguire alle 17.10 con il Team Fly Roma (4 aeromobili in formazione). Alle 17.20 sarà la volta del biplano storico acrobatico (Pitts Special) che alle 17.30 lascerà spazio al Team Infinity (10 aeromobili elica in formazione). Alle 17.50 a sorvolare i cieli della città sarà il Team R44 (2 elicotteri) fino ad arrivare all'appuntamento clou della manifestazione, alle 18.10 con l'esibizione delle Frecce Tricolari. Durante l'evento (dalle 16.30 alle 19) sarà interdetto lo specchio acqueo destinato all'esibizione della Pattuglia nazionale tricolore. E per assistere all'evento già nelle giornate di venerdì e di ieri si sono portati in città numerosi visitatori. A tal proposito, onde evitare il congestionamento delle vie principali di Ladispoli, l'amministrazione ha predisposto una serie di parcheggi agli ingressi della città (tutte segnalate da numerosi cartelli) da dove poi i visitatori potranno spostarsi o a piedi o grazie ai bus navetta messi a disposizione dalla Seatour. I punti di raccolta individuati si trovano in Piazza 25 Aprile, al Cimitero, via Settevene Palo (davanti all'ex campo sportivo), Piazza Rossellini, via Palo Laziale (distributore Agip). Le navette saranno attive dalle 14 alle 17 e dalle 18.30 alle 22. Il lungomare Regina Elena, il lungomare Marina di Palo e via del Tritone saranno completamente pedonalizzati. A intrattenere le migliaia di spettatori che si riverseranno in città, ci penseranno i mercatini che per l'occasione saranno allestiti sul lungomare.

In via del Tritone sarà presente un'area food e un palco dove già da venerdì sera stanno prendendo il via degli eventi musicali; mentre in piazza dei Caduti si svolgerà l'esposizione “Peperoncino che passione”. In piazza Rossellini, anche per stasera, l'appuntamento è invece con il Festival Caraibico.

Non è mancato l'appello degli amministratori di palazzo Falcone ai residenti: «Si raccomanda la massima disponibilità e pazienza per i disagi che inevitabilmente si verranno a creare. Chiediamo inoltre la massima collaborazione per aiutare i tanti turisti che avranno bisogno di ospitalità, indicazioni, consigli e altro».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ippocrate, il liquidatore Bizzarri: "Il piano è pronto"

CIVITAVECCHIA – «Ippocrate ha da tempo predisposto un nuovo piano di concordato migliorativo per il ceto creditorio. Ho volutamente atteso che fosse ammesso quello della capogruppo Hcs in quanto il buon esito del mio piano dipende da quello della controllante Hcs». Il liquidatore della sot Ippocrate Alessandro Bizzarri interviene sul passaggio dalle vecchie municipalizzate alla Newco Civitavecchia servizi pubblici, alla luce della decisione del tribunale di Civitavecchia di fissare la nuova adunanza dei creditori per la metà di ottobre. Una comunicazione utile soprattutto per capire che di concordati “nuovi” se ne è presentato uno solo: quello di Hcs appunto. Degli altri ancora nulla, nonostante le rassicurazioni dell’amministrazione comunale.  
«Proprio al fine di non sperperare risorse pubbliche, pagando consulenti o sostenendo spese di procedura che poi sarebbero risultate vane in caso di esito negativo della procedura Hcs – ha spiegato Bizzarri – ho atteso l’ammissione dello stesso. Faccio inoltre presente che, al fine di evitare che il prolungarsi dei tempi comporti oneri maggiori per le casse della sot ho gia deliberato in sede di assemblea di bilancio di rinunciare al mio compenso a far data da aprile scorso così da non aggravare di ulteriori costi la società ormai inattiva. Quanto al Tfr dei dipendenti ex Ippocrate posso rassicurare tutti che lo stesso verrà erogato secondo i tempi della procedura – ha concluso – avendo capienza nell’attivo patrimoniale per coprire tale voce che rappresenta la prima in ordine di privilegio senza che nessuno perda quanto maturato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Centrodestra, D'Ottavio (FI): "La porta è aperta ma non accettiamo più prese in giro"

CIVITAVECCHIA – Nel corso della conferenza stampa di ieri per la presentazione del nuovo corso di economia circolare presso l’università locale c’è stato tempo anche per la politica. Almeno per il senatore viterbese Francesco Battistoni che, invitato dal rettore dell’Università della Tuscia di Viterbo a concludere i lavori di presentazione, ha rilasciato alcune dichiarazioni ad alcuni giornalisti presenti. Secondo Battistoni, stando a quanto riportato da diverse testate locali, la scelta del candidato sindaco sarebbe stata fatta seguendo un modus operandi errato. A replicargli è il coordinatore locale di Forza Italia Roberto D’Ottavio che in una trasmissione autogestita andata in onda ieri su Telecivitavecchia ha commentato: “Ci dispiace che Battistoni non abbia condiviso il nostro modo di operare. Abbiamo fatto una grande campagna elettorale al neo eletto senatore, ci dispiace non avere il suo consenso. Allo stesso tempo siamo sicuri delle scelte fatte condivise con il coordinatore regionale Fazzone. Da statuto di Forza Italia avrei potuto scegliere il candidato sindaco con il coordinatore regionale senza passare neanche dal direttivo locale. Invece ho condiviso la scelta con tutti, come fatto anche nella costruzione delle priorità del programma, frutto di mesi di incontri al tavolo del centrodestra, tra tutti i partiti e le liste civiche”.

D’Ottavio ne ha anche per Alessandro D’Amico, coordinatore della Lega: “Quando ci fu la firma del documento che sottoscriveva i punti principali del programma e di quello con la scelta di Grasso sindaco, lo scorso autunno, ero in ospedale da mio padre. D’Amico volle fortemente la mia presenza e la mia firma nonostante la mia situazione, temendo un mio ripensamento. Mi fa sorridere che ora possa essere lui a ritrattare, senza un valido motivo, quanto dichiarato e sottoscritto mesi fa”.

Infine D’Ottavio critica aspramente l’atteggiamento di D’angelo e le sue zero presenze in consiglio comunale nell’ultimo anno e lancia quello che è il suo messaggio personale: “Io ho solo una parola, figuriamoci se posso contraddire quanto scritto con la mia firma. La strada è tracciata. Il programma è scritto. Il candidato è scelto. Naturalmente la porta è aperta, ma non accettiamo più prese in giro”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Chiusura del reparto di Chirurgia a Tarquinia: il sindaco scrive alla Asl e alla Regione

TARQUINIA – Il sindaco di Tarquinia Pietro Mencarini ha scritto una lettera alla Asl e alla Regione Lazio per chiedere delucidazioni circa la chiusura improvvisa del reparto di degenza brwve di Chirurgia all'ospedale cittadino.

" Come si può fare economia sulle spalle di coloro che sono già in forte difficoltà perché malati e bisognosi di cure?”, domanda il sindaco agli organi istituzionali.

"Emergono nuove criticità all’interno dell’Ospedale di Tarquinia – spiega Mencarini – Dopo aver appreso la notizia della chiusura del reparto di chirurgia dagli organi di stampa, ho deciso di scrivere al Direttore Generale della Asl di Viterbo, Dott.ssa Daniela Donetti e al Presidente della Regione Lazio On. Nicola Zingaretti, per segnalare la gravità di quanto sta per accadere al nosocomio cittadino ed avere delucidazioni a riguardo"

“ Da anni ormai, la situazione all’Ospedale di Tarquinia è davvero allarmante – ricorda il Sindaco – a causa dei continui tagli ai servizi e alla diminuzione inarrestabile delle prestazioni finalizzate alla prevenzione- spiega il sindaco Mencarini nella comunicazione odierna- Trovarsi oggi di fronte all’ennesima sottrazione consistente nella chiusura improvvisa di un reparto, mi preoccupa smodatamente e mi rattrista oltremodo. Ogni giorno ricevo lamentele e richieste di intervento da concittadini e anche dagli utenti provenienti da altri comuni, sul ridimensionamento dei servizi ospedalieri alle quali non so dare risposte".

" La domanda più frequente è come si può fare economia sulle spalle di coloro che sono già in forte difficoltà perché malati e bisognosi di attenzioni e cure in quei momenti di profonda fragilità anche emotiva. Ora dopo questa ennesima chiusura,-conclude il primo cittadino- dopo tante e tali sollecitazioni ricevute, non posso che farmi carico di queste richieste e tentare di avere da voi spiegazioni riguardo questa ennesima chiusura, con la speranza di ricevere risposte concrete e rassicuranti”.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###