Raffaele Giammaria sfiora il podio Pro AM

Due podi Pro AM mancati di poco hanno aperto la stagione di Raffaele Giammaria, impegnato nel weekend appena trascorso sul circuito dell’Estoril (P) per il primo appuntamento dell’International GT Open 2018. Il pilota italiano, portacolori di Imperiale Racing al volante della Lamborghini Huracán GT3 numero 19 in equipaggio con il giovane Jia Tong Liang (PRC), ha messo in pista tutta la sua esperienza in un weekend particolarmente impegnativo reso insidioso ed incerto dalle mutevoli condizioni meteo. (Agg. 18/4 ore 17.56 SEGUE)

LA CRONACA DELLA PROVA SUL TRACCIATO DELL'ESTORIL – Fin dalle sessioni di test del giovedì, Giammaria ha faticato a trovare il migliore set-up sulla vettura, e questo aspetto ha reso più difficile l’approccio alle due gare. Dopo i buoni riferimenti cronometrici nelle prove libere del venerdì, in Q1, disputata con pista asciutta sabato mattina, il pilota italiano ha fermato i cronometri in 1:37.429, qualificandosi in nona posizione con il terzo tempo di categoria Pro AM. Determinato a recuperare fin dai primi giri, Giammaria ha impostato il proprio stint in gara uno tutto all’attacco e la sua prestazione è stata particolarmente entusiasmante. Nel corso del diciassettesimo giro il portacolori Imperiale Racing ha ingaggiato una spettacolare battaglia con la Lamborghini Huracán GT3 #27 di Fabrizio Crestani per il podio di categoria Pro AM, ma un incolpevole contatto ha costretto Giammaria in testacoda facendogli perdere diverse posizioni. Dopo lo stint del compagno di equipaggio, il pilota italiano ha concluso al quinto posto in Pro AM. Domenica, il pilota ufficiale Lamborghini è tornato in pista per gara due determinato ad ottenere un risultato di spessore. Liang ha preso il via dalla settima fila dopo aver qualificato la vettura con il tredicesimo tempo, e ha consegnato il volante al pilota italiano in diciannovesima posizione dopo una prima fase resa complessa dalle molte bagarre accese a centro gruppo. Giammaria si è così lanciato in una furiosa rimonta, determinato a conquistare il podio in categoria Pro AM, e dopo aver recuperato ben otto posizioni ha tagliato il traguardo in undicesima piazza, quarto in Pro AM ad un passo dal terzo posto. (Agg. 18/4 ore 18.24 SEGUE)

I COMMENTI DEL PILOTA CIVITAVECCHIESE RAFFAELE GIAMMARIA – «Sicuramente è stato un weekend molto impegnativo – ha spiegato Raffaele Giammaria – più complesso di come me lo sarei aspettato, e dispiace di non aver afferrato il podio dopo esserci andato molto vicino sia in gara uno che in gara due. Il passo è stato buono, sia sull’asciutto che sul bagnato, e anche se la vettura non mi ha restituito un feeling perfetto, ho disputato comunque due buone gare. Sicuramente ci sono i presupposti per battagliare per le posizioni di spicco e sono fiducioso che riusciremo a risolvere questi problemi di set-up per essere competitivi al 100% già dalla gara del Paul Ricard».
Raffaele Giammaria tornerà in pista nell’International GT Open per la seconda gara del calendario in programma dal 4 al 6 maggio sul circuito del Paul Ricard a Le Castellet (FRA). (Agg. 18/4 ore 18.53)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cortocircuito Vecchia: è buio pesto

di MATTEO CECCACCI

Weekend assolutamente da dimenticare per il club nerazzurro di Largo Martiri di Via Fani che tra sabato e domenica ha ottenuto solamente due punti, frutto dei pareggi rimediati grazie alle compagini di Oliviero e di Gualtieri. Segni ics che hanno il sapore del mantra, in quanto la rincorsa ai propri obiettivi, seppur opposti, sembrano svanire nel nulla. Purtroppo, a metterci il carico, c’è anche la prima squadra di Ugo Fronti che sembra essere affetta da una vera e propria paraggite acuta, ma a dar manforte e a far sorridere l’intero direttivo societario, in particolare il nuovo direttore sportivo Fabio Ceccacci, successore di Mauro Magi, ci pensano i ragazzi, soprattutto quei classe 2000 Forieri e Cedeno, autori di una prestazione eccelsa nella gara di domenica contro il Tor Sapienza, oltre alle tante chiamate che arrivano in società da club di prestigio per visionare i tanti talenti per spedirli nel mondo del professionismo.
Sconfitta di misura per gli Juniores Elite di Pino Brandolini che sabato a Via della Pisana contro l’Urbetevere non sono riusciti ad ottenere i tre punti. Nella penultima giornata del campionato i classe 2000 insieme ai gialloblu non hanno molto da giocarsi, in quanto la salvezza matematica è stata messa in cassaforte già da parecchio tempo, ma i primi 45’ hanno visto grande equilibrio. Il primo squillo è di capitan Pietranera che non c’entra lo specchio della porta, al 18’ arriva il vantaggio locale grazie all’ex Campus Eur Giorgio Marrella che, bravo a scattare due difensori, entra in area e lascia partire un tiro a giro che Paniccia può solo guardare. La Vecchia non reagisce e l’Urbe ne approfitta tenendo in mano il pallino del gioco e alla mezz’ora sempre con Marrella cerca il raddoppio con un gran tiro dai trenta metri, ma Paniccia respinge in angolo compiendo una straordinaria parata. Nella ripresa i nerazzurri partono male, dopo 10’ rimangono in dieci a causa dell’ingenua espulsione di Indorante che termina anticipatamente il suo campionato, ma è più che giusto fare un plauso al classe ‘00 nativo di Roma che con i suoi 16 gol stagionali  vanta il merito di essere stato il capocannoniere della rosa, dando il massimo in ogni partita segnando anche alcuni eurogol decisivi; la società non può che esserne fiera di questo bomber. Tornando al match, la Vecchia non risente moltissimo l’inferiorità numerica e va vicino al pareggio con Rasi, ma il suo colpo di testa va alto sopra la traversa. Poco dopo è Zappalà a provarci, ma a tu per tu con l’estremo difensore sbaglia incredibilmente il gol del raddoppio. Nel finire di tempo i ragazzi di Brandolini hanno due nette occasioni per ristabilire gli equilibri: il primo a provarci è Paniccia da calcio di punizione, ma il pallone termina di poco fuori e all’ultimo minuto è Rasi a tentare il pareggio, ma la sua conclusione viene respinta da Langellotti. Al triplice fischio di De Paolis di Cassino è 1-0 Urbe che si avvicina al Civitavecchia a -2 mentre i nerazzurri rimangono al sesto posto della classifica con 48 punti all’attivo a -2 dal Campus Eur, con la possibilità di chiudere la regular season al quinto posto, sperando in una sconfitta del Campus Eur, ospite della capolista Tor di Quinto. I tirrenici chiuderanno l’ottima stagione davanti ai propri tifosi contro l’Atletico Vescovio con un sorriso amaro per non aver raggiunto il sogno playoff. (Agg. 17/4 ore 16.16 SEGUE)
 

I RISULTATI DEGLI ALLIEVI DEL CIVITAVECCHIA – Sconfitta pesantissima in chiave salvezza per gli Allievi Elite di Andrea Rocchetti che tra infortuni, indisponibili e squalificati si sono dovuti presentare al Don Calabria con il supporto di alcuni classe 2002 di mister Mazza cambiando l’assetto tattico. Spicca, infatti, la posizione del centravanti Gravina schierato addirittura in difesa. L’Aurelio Fiamme Azzurre di Marinelli vuole i punti per evitare la zona playout e schiera il tris d’attacco dal forte potenziale: Ciaglia, Tagliaferri e Bote. A sbloccare il match sono proprio gli amaranto dopo 11’ grazie al bel gol di Di Biagio, bravo a ricevere il pallone in area da calcio di punizione. Poco dopo i locali vanno vicino al raddoppio con Ciaglia, ma la traversa salva Sanfilippo. La Vecchia si sveglia e reagisce alla mezz’ora con il gran bel colpo di testa di Fede Converso che spiazza Filippo, ma nemmeno il tempo di esultare che dopo 120» arriva nuovamente il vantaggio dei locali grazie al tiro dalla distanza di Costa. I secondi 40’ vedono un Civitavecchia in balia dell’Aurelio che crea occasioni a più non posso: la prima è opera di Bote che dinanzi a Sanfilippo colpisce il palo, poi è Palumbo a provarci, ma l’estremo difensore blocca la sfera. I nerazzurri provano a ristabilire gli equilibri, ma la retroguardia romana tiene bene. Al termine della partita possono esultare i ragazzi di Marinelli che, salendo al sestultimo posto della classifica con 34 punti, evitano il baratro dei playout. I nerazzurri, invece, a due giornate dal termine si vedono stazionare al quartultimo posto della graduatoria con 28 punti all’attivo in una situazione molto complessa e complicata che li vedrà domenica ospitare davanti ai propri tifosi in quel del Tamagnini per l’ultima volta, i vincitori del campionato della Vigor Perconti, ma il vero e proprio scontro diretto ci sarà domenica 29 quando i tirrenici andranno nella capitale per affrontare l’Ottavia in una partita che prospetterà grande tensione.

Seconda sconfitta consecutiva per gli Allievi regionali fascia B di Marco Mazza che cedono di misura lo scontro casalingo con il Palocco. Dopo il passo falso nel campo Ludovichetti di Ostia che aveva portato a subire quattro gol, i classe 2002 perdono posizioni per ambire i primi posti della classifica; la terza piazza ora dista ben 8 lunghezze. I primi 40’ hanno visto grande equilibrio, ma ad avere la meglio sono gli ospiti con la rete di Gitto. I locali rispondono prontamente con Di Domenico prima e Marino dopo, ma entrambe le conclusioni non impensieriscono il portiere. Il Palocco tenta di raddoppiare, ma Formisano tra i pali risulta decisivo. Nella ripresa i nerazzurri tentano l’impossibile: Mazza carica i suoi, li incita e getta in mischia i rinforzi, ma nulla serve nel proseguio della gara. Il portiere Magistris si rivela una vera e propria saracinesca. Nel finire di tempo il Palocco sfiora il raddoppio con Vannini che sbaglia un’occasione clamorosa a tu per tu con l’estremo difensore. Al triplice fischio del direttore di gara i nerazzurri crollano al sesto posto della classifica con 30 punti all’attivo in compagnia dei Pescatori Ostia, con l’obbligo di ritornare quanto prima a vincere e ottenere i tre punti che mancano ormai da due settimane per cercare di agganciare quei posti che valgono le finali, anche se ora distano ben otto punti. Per il Palocco, invece, una vittoria importante che fa stazionare i capitolini al quintultimo posto della graduatoria con 24 punti in compagnia della Polisportiva Oriolo, prossima rivale dei civitavecchiesi, mentre i romani attenderanno il Montefiascone secondo della classe. (Agg. 17/4 ore 16.44 SEGUE)

LE GARE DEI GIOVANISSIMI IN MAGLIA NERAZZURRA – Campionato dal finale triste per i Giovanissimi Elite che nella giornata di domenica, nonostante il 2-2 col Grifone Monteverde, si vedono proiettati nell’abisso dei playout, ancora da stabilire con chi giocarli e dove. Inutile ribadire e ripercorrere il passato di stagione dei classe 2003, ma i complimenti vanno fatti lo stesso ai ragazzi per la dedizione e il sacrificio messo, oltre all’ottimo lavoro del tecnico Oliviero svolto nell’ultima parte di campionato. Il match, dalle mille emozioni, ha visto nei primi 35’ azioni scoppiettanti e a tratti divertenti. Il primo sigillo è di marca nerazzurra grazie a Mancini dopo un’ottima azione corale. I rossoblu rispondono con Anello, ma il fenomeno Fioretti non concede. Nella ripresa gli ospiti rimettono in sesto la gara con Rozzini, ma i nerazzurri non ci stanno e dopo 60» rispondono con Liberati che trafigge Barbario. Quando sembra che la Vecchia ha il pallino del gioco in mano ecco che arriva la beffa a 5’ dal termine: Buonamici riceve il pallone da Lo Monaco e spiazza del tutto l’estremo difensore. Al triplice fischio dell’arbitro esce fuori l’amarezza dei ragazzi di Campagna che rimangono inanellati al settimo posto della classifica mentre i civitavecchiesi non possono che uscire a testa alta da un match che li ha visti probabilmente padroni del campo, ma consapevoli del fatto di dover giocare a maggio i playout: risultato di una stagione che doveva e poteva cominciare in modo diverso. Ora l’obiettivo è mantenere la categoria e vincere a tutti i costi lo scontro direttissimo tra due settimane in casa contro il Rieti nell’ultima di campionato, pensando anche alla gara di domenica contro il Campus Eur.
Pareggio amarissimo per i Giovanissimi regionali fascia B di Andrea Gualtieri che ottengono lo stesso risultato dell’andata coi rivali del Montefiascone. Un 1-1 che allontana sempre di più i classe 2004 dall’obiettivo secondo posto e che li fa crollare inaspettatamente al quarto posto della classifica con 43 punti all’attivo a -2 dal Campus Eur e a -4 dalla Leocon. I primi 35’ vedono una grande prevalenza dei nerazzurri che, nonostante la difficoltà di un campo molto difficile da calcare per tutti, vanno in vantaggio dagli undici metri al 18’ grazie alla conclusione di bomber Ricky Feula. I locali provano a rispondere, ma Senserini è attento. All’intervallo è 1-0 Vecchia. Al rientro dagli spogliatoi i nerazzurri tengono il pallino del gioco in mano e vanno anche in superiorità numerica in quanto al 20’ viene espulso Lellis. Ma stranamente l’inferiorità fa innervosire di più i civitavecchiesi che i viterbesi che poco dopo trovano il pareggio grazie ad un calcio di punizione a pochi minuti dal termine. La Vecchia non ci sta e mette il tutto per tutto, ma non riesce a trafiggere l’estremo difensore locale. Al termine dei 70’ sorridono i ragazzi del Montefiascone che ottengono un punto d’oro che li fa salire al quartultimo posto della lista con 17 punti in compagnia del Calcio Tuscia in attesa dell’ostica trasferta col Virtus Bracciano. I nerazzurri, invece, attenderanno sabato tra le mura amiche del Tamagnini l’Ostiantica che naviga nei bassi fondi della classifica in un match assolutamente da vincere per continuare a rimettersi in moto con le dirette concorrenti Leocon e Campus Eur. «Sono molto amareggiato e arrabbiato – commenta mister Gualtieri al termine della gara – per questo pareggio. Dobbiamo ancora crescere, non possiamo perdere punti in questa maniera e regalare le partite in questo modo. Abbiamo peccato di presunzione e di lucidità oltre a non essere stati intelligenti. In settimana ci siamo allenati poco e male e alla fine questi sono i risultati. Credo – conclude il tecnico nerazzurro – che i risultati si ottengono allenandoti e se non lo fai è naturale che non ottieni grandi successi, spero che i miei ragazzi capiscano questo». (Agg. 17/4 ore 17.15)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Occupazione, Bertolo (PD): ''Tavolo di crisi da istituire quanto prima''

CIVITAVECCHIA – “Auspico che il tavolo di crisi sia istituito quanto prima”. Lo dichiara Dario Bertolo dalla direzione del Pd locale. Il dem plaude alla richiesta di Onda popolare di una maggiore attenzione sui temi di occupazione e sviluppo.

Problematiche che, secondo Bertolo, “debbono infatti avere una attenzione primaria in un contesto quale quello cittadino e comprensoriale – spiega – che negli ultimi anni ha vissuto gravi situazioni di crisi e una colpevole assenza delle istituzioni locali. Bisognerà pur chiedersi le ragioni della mancata crescita dell’economia civitavecchiese che, nonostante sia inquadrata in un ambito potenzialmente favorevole a dinamiche di sviluppo legate prevalentemente agli insediamenti dell’Enel e del porto, non registra incrementi occupazionali né a lungo né e breve termine. Al contrario – incalza Bertolo – viviamo ancora un peggioramento complessivo, controtendenza rispetto alla lenta e sofferta ripresa a livello nazionale”.

Secondo Bertolo il fatto che alcune forze politiche e associazioni vogliano affrontare questi temi è uno stimolo che non deve essere lasciato cadere.

“Concordo – dichiara Bertolo – sul fatto che il cammino, necessariamente, dovrà coinvolgere quanti più soggetti possibili riferendomi in particolare ai sindacati, alle associazioni di categoria, alla Regione e in generale alle Istituzioni tutte, elementi imprescindibili di un progetto serio di rilancio cittadino”.

Bertolo guarda al futuro e anche ad eventuali “alleanze per costituire – conclude il dem – argine alle dinamiche populiste, pauperistiche e di destra che stanno negli ultimi tempi conquistando posizioni”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Bertolo (PD): ''Tavolo di crisi da istituire quanto prima''

CIVITAVECCHIA – “Auspico che il tavolo di crisi sia istituito quanto prima”. Lo dichiara Dario Bertolo dalla direzione del Pd locale. Il dem plaude alla richiesta di Onda popolare di una maggiore attenzione sui temi di occupazione e sviluppo.

Problematiche che, secondo Bertolo, “debbono infatti avere una attenzione primaria in un contesto quale quello cittadino e comprensoriale – spiega – che negli ultimi anni ha vissuto gravi situazioni di crisi e una colpevole assenza delle istituzioni locali. Bisognerà pur chiedersi le ragioni della mancata crescita dell’economia civitavecchiese che, nonostante sia inquadrata in un ambito potenzialmente favorevole a dinamiche di sviluppo legate prevalentemente agli insediamenti dell’Enel e del porto, non registra incrementi occupazionali né a lungo né e breve termine. Al contrario – incalza Bertolo – viviamo ancora un peggioramento complessivo, controtendenza rispetto alla lenta e sofferta ripresa a livello nazionale”.

Secondo Bertolo il fatto che alcune forze politiche e associazioni vogliano affrontare questi temi è uno stimolo che non deve essere lasciato cadere.

“Concordo – dichiara Bertolo – sul fatto che il cammino, necessariamente, dovrà coinvolgere quanti più soggetti possibili riferendomi in particolare ai sindacati, alle associazioni di categoria, alla Regione e in generale alle Istituzioni tutte, elementi imprescindibili di un progetto serio di rilancio cittadino”.

Bertolo guarda al futuro e anche ad eventuali “alleanze per costituire – conclude il dem – argine alle dinamiche populiste, pauperistiche e di destra che stanno negli ultimi tempi conquistando posizioni”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Palio Marinaro, vincono Aurelia e S. Liborio

Sono il rione di Aurelia nel maschile e il rione di San Liborio nel femminile a centrare la vittoria nella categoria Senior della 38esima edizione del Palio Marinaro dei Rioni Storici di Civitavecchia. La kermesse del canottaggio organizzata dall’Associazione Mare Nostrum 2000 ha riscontrato anche quest’anno un grande successo che ha coinvolto un gran numero di spettatori che ha affollato la splendida cornice Porto Storico della città di Civitavecchia. Prima della categoria Senior sono scesi in acqua gli equipaggi della categoria Junior, tra i quali si sono aggiudicati il successo il Calamatta che, oltre al successo nella categoria maschile ha anche monopolizzato le prime sei posizioni piazzando altrettanti equipaggi nelle caselle della graduatoria generale; mentre nel femminile ad avere la meglio è stato il team del Liceo Scientifico Galileo Galilei. Altra iniziativa molto apprezzata è stata la pagaiata dimostrativa messa in scena dal Dragon Boat, finalizzata a sensibilizzare il tema del tumore al seno. Ad appassionare, inoltre, anche il torneo di calciobalilla, nel quale hanno conquistato la vittoria finale Marcello Certomà, Sandro Calderai, Emanuele Diez e Camilla Diez. Un’ennesima conferma, dunque, per una manifestazione che, giunta alla sua 38esima edizione, dimostra ancora una volta di essere un vero e proprio cult della disciplina sportiva del canottaggio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Endlessgame taglia il traguardo della Garmin Roma per Tutti

Alle ore 23:43:55 giovedì Endlessgame, il Cookson 50 del Red Devil Sailing Team, ha passato la linea del traguardo di Riva di Traiano conquistando la Line Honours della Garmin Marine Roma per Tutti. L’arrivo nella notte è stato affascinante e i gommoni del Centro Nautico Riva di Traiano hanno atteso i vincitori sulla linea d’arrivo porgendo loro l’ormai tradizionale bottiglia di spumante per un primo brindisi a bordo e in banchina. Alla Garmin Marine Roma per Tutti, Endlessgame ha navigato con a bordo Pietro Moschini, Giuseppe Puttini, Gabriele “Ganga” Bruni, Stefano Pelizza, Pierluigi Fornelli, Stefano Selo, Vittorio Rosso, Giuseppe Filippis, Fabio Montefusco, Giovanni Buono, Giuseppe Leonardi, Francesco Izzo. Nella sua scia la lotta per il podio è serrata. Divise da poche miglia: Muzika2, X442 di Simone Taiuti; Vai Mo’, J122 di Alberto Costella e O’ Guerriero, Comet 41S di Anna Maria Gallelli si stanno contendendo i restanti due gradini del podio. (Agg. 13/4 ore 17.12 SEGUE)

SFIDA ANCOR APERTA ANCHE NELLA GARMIN MARINE ROMA PER 2 – Affascinante la lotta tra gli equipaggi della Garmin Marine Roma per 2. Sono in tre a contendersi la vittoria, tre equipaggi eccezionali che hanno dato vita ad un match race ininterrotto fin dalla partenza da Riva di Traiano. Scricca, Comet 38S con a bordo Leonardo Servi e Franco “Ciccio” Manzoli; Libertine, Comet 45S con Marco Paolucci e Lorenzo Zichichi e Aigylion, GS34 timonato da Alberto Bona e Oris D’Ubaldo. Tra il primo e il terzo, attualmente, la distanza è inferiore alle due miglia. Ma le posizioni si invertono di ora in ora e le scelte tattiche diverse che stanno facendo in queste ultime ore determineranno la vittoria finale. (Agg. 13/4 ore 17.48 SEGUE)

TRA I SOLITARI STABILE IN TESTA ANDREA FANTINI – Tra i solitari continua la cavalcata vincente di Andrea Fantini con il suo Class 40 Enel Green Power, seguito dal dentista e poeta Oscar Campagnola, sul suo Comfortina 42 Fair Lady Blue e da My Way, Open 60 di Michele Cassano. (Agg. 13/4 ore 18.16)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Assolidi Tarquinia: ''Si faccia un’area camper attrezzata''

TARQUINIA –  Durante la seconda decade di marzo, anche sulle spiagge del litorale tarquiniese si sono depositati innumerevoli strani dischetti di plastica bianca dalla superficie traforata come quella di un piccolo setaccio. Dopo alcuni giorni, Stefano Bondesan ed altri due associati di Assolidi si sono recati su di un tratto della spiaggia antistante gli stabilimenti balneari del Lido di Tarquinia per verificare la rilevanza dello strano fenomeno. In quella occasione fu constatato che lungo la battigia, i dischetti erano davvero presenti in grande numero, tanto che, durante la breve passeggiata, furono riempite interamente tre buste di medie dimensioni. 
Su proposta di Stefano Bondesan, fu ideata per la mattina di domenica 8 aprile una passeggiata ecologica lungo quel tratto di spiaggia con lo scopo di rimuovere gli eventuali dischetti ancora presenti e gli altri rifiuti presenti sull’arenile; i giorni successivi furono presi accordi con l’organizzazione ecologista ‘‘Clean Sea Life’’ per lo svolgimento congiunto della manifestazione, pensata come momento visibile di promozione della cultura ecologista. L’organizzazione ‘‘Clean Sea Life’’, nata nell’ambito della attuazione del programma per l’ambiente e l’azione per il clima, di cui al Regolamento n°1293/2013 del Parlamento Europeo dell’11/12/2013, persegue nel portare avanti molteplici quanto interessanti obiettivi, tra i quali la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema della notevole presenza dei rifiuti presenti in mare e sullo stimolo per l’attivazione di efficaci azioni di prevenzione per la tutela della pulizia e salute delle acque marine. Come da programma, la mattina di domenica 8 aprile, prima giornata di vera primavera, un gruppo di volontari di Assolidi si è dato appuntamento vicino al Monumento ai Caduti del mare di piazza delle Naiadi dove hanno incontrato Simona e Davide di ‘‘CleanSeaLife’’; subito dopo il gruppo, munito di sacchetti, rastrelli e dei necessari guanti di protezione ha iniziato la passeggiata sulla battigia che si è conclusa, dopo circa due ore, presso lo stabilimento “Il Porticciolo”. La ‘‘caccia’’ si è conclusa col recupero di circa 200 dei famigerati dischetti che, poi sono stati presi in consegna da Simona e Davide per la successiva valutazione da parte di Clean Sea Life. Durante la passeggiata sono stati raccolti sulla battigia anche altri rifiuti, molti dei quali, per lo stato di conservazione in cui si trovavano, probabilmente spiaggiati nel corso del tempo accanto ai quali sono stati recuperati anche rifiuti all’evidenza lasciati sull’arenile dai soliti anonimi incivili. La passeggiata ha riscosso un successo che travalica la pur cospicua quantità di rifiuti recuperati; lungo il percorso molte persone che si trovavano sulla spiaggia a godersi la giornata di sole,  si sono unite spontaneamente al gruppo Assolidi-Cleansealife contribuendo positivamente alla riuscita della iniziativa. Altra grande soddisfazione di tutti i partecipanti è stato constatare come, insieme ai loro genitori, alcuni bambini, tra i quali, Lulù, la simpaticissima figlia di Simona e Davide, hanno voluto partecipare alla ‘‘caccia al rifiuto’’ dimostrando una sensibilità verso la cura dell’ambiente totalmente sconosciuta a moltissimi adulti. Tra le persone che si sono spontaneamente aggregate durante la passeggiata ecologica, c’è stata anche Roberta, una giovane signora che frequenta il Lido di Tarquinia da più di trenta anni, prima come villeggiante tradizionale presso l’appartamento di famiglia e adesso come proprietaria di un autocaravan. Roberta ha esternato ad alcuni associati di Assolidi l’amarezza che prova percependo la diffidenza ed il rifiuto che molti le manifestano in quanto ‘‘camperista’’. Secondo certe becere mentalità chi vuole trascorrere le vacanze sul proprio autocaravan è un soggetto portatore di sporcizia e disordine nonché è visto come una specie completamente irrilevante per l’economia delle località dove staziona. «Assolidi si trova su posizioni totalmente diverse, – spiega fernando Delle Monache – il turismo itinerante, oltre essere una libera legittima scelta di libertà pesonale, è anche una risorsa economica per le località interessate da quel flusso turistico; Assolidi ritiene che la questione della accoglienza dei caravan debba essere risolta nell’unico modo possibile: l’apertura di un’area attrezzata ed a pagamento, con tariffe in linea con altre strutture simili».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Giosuè Battelocchi campione regionale

Si sono svolti lo scorso weekend presso il centro federale di Pietralata, a Roma, le finali regionali di nuoto categoria Esordienti (Coppa Sant). Sedici gli atleti classificati per specialità che sono giunti a questa fase dopo una serie di eliminatorie. Ottime le prove dei nuotatori del circolo Casetta Bianca di Tarquinia. (Agg. 10/4 ore 16.50 SEGUE)

I PIAZZAMENTI DEGLI ATLETI DELLA CASETTA BIANCA – Davide Vagni chiude al 16° posto nei 50 farfalla. Matteo Franzese migliora il suo tempo nei 200 stile libero e giunge al 12° posto. Lorenzo Carpegna, oltre a migliorare i suoi tempi personali, migliora molte posizioni in classifica e finisce all’8° posto nei 100 stile libero e addirittura sfiora il podio nei 100 dorso. Infine si conferma campione regionale Giosuè Battelocchi, che sale sul gradino più alto del podio conquistando l’oro nei 50 farfalla e l’argento nei 100 misti; solo sesto, si fa per dire, nei 100 stile libero. (Agg. 10/4 ore 17.24 SEGUE)

IL RISULTATO FINALE DELLA SOCIETA' DI TARQUINIA – A gare terminate inaspettatamente arriva la notizia che la società Casetta Bianca, insieme alla sede di Campagnano e Giustiniana di Roma, è terza assoluta nella classifica maschile e viene premiata con uno splendido trofeo. (Agg. 10/4 ore 17.57)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Trofeo Princesa Sofia amaro per gli atleti locali

Il 49° Trofeo Princesa Sofia che si è concluso oggi a Palma di Mallorca è stato avaro di risultati per gli atleti italiani della classe RS:X. Fra gli azzurri ha brillato solo l’olimpionica Flavia Tartaglini che con la medal race di ieri ha chiuso sul terzo gradino del podio. Per tutti gli altri posizioni in classifica ben lontane rispetto alle loro reali capacità. Ha chiuso  al 25° posto e comunque primo di tutti gli italiani in gara il civitavecchiese Mattia Camboni (GS Fiamme Azzurre) seguito al 26° posto dall’altro civitavecchiese Matteo Evangelisti (Lni Civitavecchia); l’altro portacolori della sezione locale della Lni, Luca Di Tomassi, il quale in una prova non è  sceso in acqua ha finito 55°. La campionessa civitavecchiese Veronica Fanciulli (GS Aeronautica Militare) nel femminile ha chiuso  27^. «L’acqua ha frenato la mia voglia di arrivare – ha sottolineato Mattia Camboni – alcune disattenzioni, scelte tecniche sbagliate, bordi affrontati male, una combo di errori che non poteva far altro che produrre una delle regate peggiori degli ultimi anni ormai. Peccato, soprattutto perché c’erano tutti i più grandi esponenti dell’RS:X e ci tenevo a far bene. Ricordando sempre che dagli errori si può solo che imparare andiamo avanti, cerchiamo di chiudere questa tappa dando un segnale di quello che siamo capaci di fare e poi di nuovo a testa bassa, per migliorare, e migliorare ancora». Il dirigente della Fiv e della Lni Civitavecchia Marco Corti commenta così: «Non mi si venga a parlare di risultati scadenti di un atleta piuttosto che un altro (come qualcuno ha fatto in passato). Quando il livello dei partecipanti è di così alto livello la linea che separa un buon piazzamento da uno più arretrato è sottilissima e se il numero di prove peggiori supera quello delle migliori i risultati dei ragazzi sono tutti spiegabile da una serie non proprio fortunata. Basti ricordare che Camboni ha piazzato anche un 2 un 6 e un 8. Mentre Evangelisti ha un 5 un 6 e un 8. Veronica ha un 8 di giornata Quindi i ragazzi ci sono. Sono preparati e questo è solo la prima delle tappe internazionali a cui parteciperanno. Chi critica le prestazioni dei singoli atleti spesso dimentica che sono frutto di una complessa serie di fattori in cui hanno un bel peso il tecnico nazionale il tecnico della società e della federazione. Difficilmente un sistema così ben articolato porta a cattivi risultati i quali sono invece imputabili a fattori contingenti».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli a caccia della vetta

Con sei gare ancora da disputare, il Ladispoli di mister Pietro Bosco ospita alle 11 la Valle del Tevere nella 29esima giornata del campionato di Eccellenza girone A. I tirrenici, secondi a quota 57, sono a -3 dalla capolista Vis Artena.
Ben sette posizioni e 19 lunghezze dividono in classifica le due contendenti, con i padroni di casa sulla carta favoriti per uscire dall’Angelo Sale con tutto il bottino 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###