L’autrice di ‘‘Bleeding mariachi’’ si racconta

di CAROLA MILANA

CIVITAVECCHIA – «Disegno da quando ho memoria». Parola della neofumettista civitavecchiese Veronica Ciancarini, autrice del fumetto ‘‘Bleeding Mariachi’’, il suo primissimo; pubblicato dalla Casa Editrice Bd. L’artista nasce e cresce a Civitavecchia, dove svolge anche il suo percorso di studi. Dopo il diploma di maturità spiega di essersi trovata a scegliere tra l’amore per il disegno e la sua passione per il teatro, optando per gli studi scenografici all’Accademia di Belle Arti, dove studia tutt’ora, ha trovato il suo equilibrio. Si considera un’autodidatta, non avendo frequentato mai alcun corso di fumetto, ma afferma che il suo percorso di studi fino ad ora si è rivelato estremamente utile nella realizzazione della sua prima opera. La venticinquenne si avvicina al fumetto durante le scuole medie, ma ciò che ha acceso di più la voglia di creare personaggi sono stati i film di animazione, tra i suoi preferiti ‘‘Biancaneve e i sette nani’’; considerato da lei uno dei migliori cartoni animati.

Inizia con uno stile cartoon per poi passare alle caricature, distribuendo anche biglietti personalizzati d’auguri tra i suoi amici; prende parte alla realizzazione di locandine teatrali per spettacoli locali e per la copertina del libro ‘‘Puteus’’ di Fabio Porchianello. I suoi lavori passati non comprendono affatto il fumetto, quindi come dichiara la Ciancarini, si è trattato di avere coraggio per proporre la sua storia ad una casa editrice, un coraggio nato e cresciuto grazie anche alla soddisfazione delle sue illustrazioni di essere apprezzate da colleghi che operano sul campo da qualche tempo. La neofumettista è riuscita a crederci solamente con la sua creazione tra le mani.

«La verità è che ho sempre avuto la convinzione che da un momento all’altro tutto sarebbe potuto andare a monte – dichiara Ciancarini – perché troppo bello per essere vero». Le sue passioni per il Messico e per la musica l’hanno portata alla storia del suo ‘‘Mariachi’’, facendogli tornare anche la voglia di suonare. Nel fumetto ci sono  mistero, avventura, amore e amicizia, tutte cose che desiderava vedere nel suo primo lavoro. Tra i suoi modelli di animazione troviamo Walt Disney, Don Bluth e Glan Keane, per il fumetto prende ispirazione da Mike Mignola, Isabella Mazzanti e la concittadina Ilaria Catalani, l’illustrazione e la pittura vengono influenzati da Edvard Munch, Edward Gorey e Tim Burton.

Veronica, grazie al suo personaggio messicano è stata ospite dell’ultima edizione del Romics e Lucca Comics. Al Romics presenta emozionatissima in anteprima assoluta il suo lavoro, a Lucca partecipa invece all’anteprima del sesto volume della serie ‘‘Sacro/Profano’’ di Mirka Andolfo con la quale collabora nel suo lavoro come disegnatrice ospite. Per il futuro è indispensabile ora finire gli studi in Accademia, mentre prepara una nuova e segreta proposta per il suo editore. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

L’autrice di ‘‘Bleeding mariachi’’ si racconta

di CAROLA MILANA

CIVITAVECCHIA – «Disegno da quando ho memoria». Parola della neofumettista civitavecchiese Veronica Ciancarini, autrice del fumetto ‘‘Bleeding Mariachi’’, il suo primissimo; pubblicato dalla Casa Editrice Bd. L’artista nasce e cresce a Civitavecchia, dove svolge anche il suo percorso di studi. Dopo il diploma di maturità spiega di essersi trovata a scegliere tra l’amore per il disegno e la sua passione per il teatro, optando per gli studi scenografici all’Accademia di Belle Arti, dove studia tutt’ora, ha trovato il suo equilibrio. Si considera un’autodidatta, non avendo frequentato mai alcun corso di fumetto, ma afferma che il suo percorso di studi fino ad ora si è rivelato estremamente utile nella realizzazione della sua prima opera. La venticinquenne si avvicina al fumetto durante le scuole medie, ma ciò che ha acceso di più la voglia di creare personaggi sono stati i film di animazione, tra i suoi preferiti ‘‘Biancaneve e i sette nani’’; considerato da lei uno dei migliori cartoni animati.

Inizia con uno stile cartoon per poi passare alle caricature, distribuendo anche biglietti personalizzati d’auguri tra i suoi amici; prende parte alla realizzazione di locandine teatrali per spettacoli locali e per la copertina del libro ‘‘Puteus’’ di Fabio Porchianello. I suoi lavori passati non comprendono affatto il fumetto, quindi come dichiara la Ciancarini, si è trattato di avere coraggio per proporre la sua storia ad una casa editrice, un coraggio nato e cresciuto grazie anche alla soddisfazione delle sue illustrazioni di essere apprezzate da colleghi che operano sul campo da qualche tempo. La neofumettista è riuscita a crederci solamente con la sua creazione tra le mani.

«La verità è che ho sempre avuto la convinzione che da un momento all’altro tutto sarebbe potuto andare a monte – dichiara Ciancarini – perché troppo bello per essere vero». Le sue passioni per il Messico e per la musica l’hanno portata alla storia del suo ‘‘Mariachi’’, facendogli tornare anche la voglia di suonare. Nel fumetto ci sono  mistero, avventura, amore e amicizia, tutte cose che desiderava vedere nel suo primo lavoro. Tra i suoi modelli di animazione troviamo Walt Disney, Don Bluth e Glan Keane, per il fumetto prende ispirazione da Mike Mignola, Isabella Mazzanti e la concittadina Ilaria Catalani, l’illustrazione e la pittura vengono influenzati da Edvard Munch, Edward Gorey e Tim Burton.

Veronica, grazie al suo personaggio messicano è stata ospite dell’ultima edizione del Romics e Lucca Comics. Al Romics presenta emozionatissima in anteprima assoluta il suo lavoro, a Lucca partecipa invece all’anteprima del sesto volume della serie ‘‘Sacro/Profano’’ di Mirka Andolfo con la quale collabora nel suo lavoro come disegnatrice ospite. Per il futuro è indispensabile ora finire gli studi in Accademia, mentre prepara una nuova e segreta proposta per il suo editore. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ddl anticorruzione, passa la fiducia al Senato con 162 sì. M5S: «Portata storica»

I no sono stati 119, uno l’astenuto (Mario Monti). Ora il testo torna alla Camera. Previsti Daspo e agente sotto copertura. Eliminato l’emendamento sul peculato

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Campo di Mare, bonificata l’area ex Zelio

CERVETERI – Grazie al lavoro portato avanti dall’Ufficio tecnico – Urbanistico del Comune di Cerveteri e dal dirigente architetto Marco Di Stefano, in sinergia con la Guardia di Finanza e la Capitaneria di Porto è stato restituito ai cittadini un tratto di litorale marino. 
L’attività portata avanti sulla spiaggia di Campo di Mare, ha portato alla demolizione e al ripristino dell’area dello stabilimento ex-Zelio sul quale pendeva un ordine di demolizione per abuso edilizio. Il gestore ha provveduto alla bonifica dell’intera zona recintata liberandola da tutto il materiale rimanente.
Un grande risultato anche perché quel tratto di litorale ricade all’interno dell’area protetta della Palude di Torre Flavia e dunque zona tutelata per la sua importanza dal punto di vista ambientale.
Già nel 2017, lo spazio di arenile dello stesso stabilimento, era diventata spiaggia libera, ripulita accuratamente e diventata punto di ritrovo per la postazione del Nucleo Subacqueo Onlus di Cerveteri, che durante l’intero periodo estivo ha garantito assistenza e sorveglianza ai bagnanti.
«Un’operazione portata avanti negli anni e che ha visto il coinvolgimento non solo del Comune ma anche di Polizia locale, Capitaneria di Porto e Guardia di Finanza – ha dichiarato Elena Gubetti, assessora alle Politiche ambientali – quella è un’area dall’inestimabile valore naturalistico, in quanto appartenente all’area protetta della Palude di Torre Flavia. Contiamo di poterla un giorno, il prima possibile, riconsegnare definitivamente ai cittadini».

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Banche, un ladro in casa" domani al Traiano

CIVITAVECCHIA – È stato presentato martedì a Montecitorio, presso la Camera dei Deputati, e andrà in scena domani sera alle 21 al teatro Traiano lo spettacolo “Banche – Un ladro in casa”, promosso dall'associazione Donne in Movimentoche ha voluto ringraziare il deputato Alessandro Battilocchio per l'ospitalità. 
“È importante – fferma il Deputato – dare spazio a iniziative di questo tipo, soprattutto alle associazioni e alle strutture di un territorio così importante e pieno di talento. Donne in Movimento è un’associazione che si è distinta nel tempo per iniziative di qualità a anzi la ringrazio per ciò che fa a livello sociale e di volontariato. Quest’ultima azione, non meno importante, tiene accesa la luce sulla vicenda che ha coinvolto ultimamente le banche e, nel caso di Civitavecchia in particolare, Banca Etruria. La speranza è che il Governo attuale porti avanti quanto promesso a tutela di queste persone, non rimanendo una promessa elettorale da diventando un fatto concreto su cui lavorare nel futuro"

“Vogliamo ringraziare l’onorevole Battilocchio – ha aggiunto Simona Galizia, Vicepresidente di Donne in Movimento – per l’opportunità che ci ha concesso e per la continua presenza sul territorio, che da sempre si fa sentire senza mai abbandonarlo, dote rara di questi tempi per un deputato. Voglio inoltre ringraziare la nostra associata Maria Luisa Russo, nella quale abbiamo avuto modo di scoprire un’importante risorsa che è stata in grado di organizzare da sola un evento di questa portata. Ringrazio inoltra anche chi ha reso possibile questo, come Cristina Belletti della Talent Company e Simonetta Travagliati della Obelix Academy, che apriranno e chiuderanno l’evento con balletti delle loro scuole di danza, nonché gli attori Fabrizio Coniglio, Stefano Masciarelli e Bebo Storti. Vorrei infine ringraziare anche una persona che si è battuta da sempre su questo problema, lottando sia sotto il profilo informativo e comunicativo sia sotto l’aspetto istituzionale e sarà presente come invitata all’evento: Letizia Giorgianni Come Associazione siamo su ogni singola battaglia e a disposizione del territorio e di chi ne ha bisogno e continueremo senz’altro a farlo anche nei prossimi eventi che organizzeremo". 

Un'associazione. come ricordato dal presidente Paola Simonetti, è formata da “piccole grandi donne” che lavorano per aiutare chi è in difficoltà. "Il lavoro e la progettualità dell’Associazione è stata riconosciuta anche dalla Regione Lazio, che ha finanziato con bandi pubblici due progetti sulla sensibilizzazione alla violenza di genere e sulla lotta a bullismo e cyberbullismo – ha sottolineato – entrambi realizzati all’interno delle scuole di Civitavecchia. Non possiamo che essere soddisfatti del lavoro svolto in quest’ultimo anno”. 

Protagonisti dello spettacolo Stefano Masciarelli e Fabrizio Coniglio. “Non nascondiamo – afferma Coniglio – che è stato difficile portare l’evento nei teatri, nato da una lunga ricerca in tutta Italia in cui sono stati intervistati personalmente le vittime truffate dalle banche. Non a caso il titolo nasce proprio da una definizione che è stata data ad una di queste vittime proprio da un dipendente della banca, a significare che i colsi, una volta persi, non possono essere più ripresi. In questi casi, purtroppo, si sente sempre parlare di grandi sistemi, come le banche o il sistema bancario, ma mai delle persone coinvolte. È il sistema che si prende i soldi e i sogni delle persone, il loro futuro e il sacrificio della loro vita passata. Le pressioni commerciali non fanno sconti neanche ai venditori stessi dei titoli bancari, spesso soggetti a veri e propri ricatti lavorativi. In tutto questo chi perde è il territorio e il popolo che con fatica arriva a fine mese, e lo dimostriamo sul palco proprio grazie ai panni che andiamo a vestire, che sia un fazzoletto, un cappello o una sciarpa”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Welcome center, Nunzi: “Si rivelino i dati del progetto”

CIVITAVECCHIA – “Mi sembrerebbe giusto che Confcommercio specificasse al più presto, dopo l'approfondito studio fatto dai propri esperti, ai suoi numerosi iscritti,possibilmente in una assemblea pubblica, le modalità del progetto, i metri quadri che sviluppa e le indicazioni che l'hanno portata ad assumere posizioni così trancianti, anche se contestate dalla amministrazione”. Il rappresentante di Meno poltrone più panchine Tullio Nunzi torna ad intervenire sul tanto contestato Welcome center e sull’Outlet a Fiumaretta un qualcosa di fortemente contestato, recentemente proprio dalla Confcommercio Civitavecchia, e di nebuloso “per cittadini e commercianti”.

“Per quanto mi riguarda – prosegue Nunzi – ribadisco che si tratta di un progetto assurdo, una scelta fatta contro la volontà dei commercianti; se  è stato reputato non adeguato un sondaggio, si ascoltino almeno le indicazioni di una delle associazioni più rappresentative del commercio”.

Per Nunzi esiste il rischio concreto di “affossare un settore che in questa città ha sempre avuto una capacità occupazionale” nonché di mettere fine “ad una sinergia tra porto, città e crocerismo, necessaria per rilanciare l'economia dissestata di una città in emergenza continua. Non conoscendo il progetto i dati attinenti ai metri quadri sviluppati, risulta difficile intervenire, però – conclude Nunzi – credo che qualche cosa da un punto di vista ambientale ed urbanistico si possa dire,da parte dei vari esperti”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Welcome center, Nunzi: “Si rivelino i dati del progetto”

CIVITAVECCHIA – “Mi sembrerebbe giusto che Confcommercio specificasse al più presto, dopo l'approfondito studio fatto dai propri esperti, ai suoi numerosi iscritti,possibilmente in una assemblea pubblica, le modalità del progetto, i metri quadri che sviluppa e le indicazioni che l'hanno portata ad assumere posizioni così trancianti, anche se contestate dalla amministrazione”. Il rappresentante di Meno poltrone più panchine Tullio Nunzi torna ad intervenire sul tanto contestato Welcome center e sull’Outlet a Fiumaretta un qualcosa di fortemente contestato, recentemente proprio dalla Confcommercio Civitavecchia, e di nebuloso “per cittadini e commercianti”.

“Per quanto mi riguarda – prosegue Nunzi – ribadisco che si tratta di un progetto assurdo, una scelta fatta contro la volontà dei commercianti; se  è stato reputato non adeguato un sondaggio, si ascoltino almeno le indicazioni di una delle associazioni più rappresentative del commercio”.

Per Nunzi esiste il rischio concreto di “affossare un settore che in questa città ha sempre avuto una capacità occupazionale” nonché di mettere fine “ad una sinergia tra porto, città e crocerismo, necessaria per rilanciare l'economia dissestata di una città in emergenza continua. Non conoscendo il progetto i dati attinenti ai metri quadri sviluppati, risulta difficile intervenire, però – conclude Nunzi – credo che qualche cosa da un punto di vista ambientale ed urbanistico si possa dire,da parte dei vari esperti”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Inizia ‘‘A Way of Life’’

Parte oggi il progetto di promozione sociale nelle scuole del comprensorio ‘‘A Way of Life’’ che vede Mattia Camboni, campione di windsurf civitavecchiese, testimonial ed esempio di successo nello sport. Il progetto, sponsorizzato da Enel e supportato da Unicef e Switch, vuole promuovere tra i ragazzi piu giovani uno stile di vita sano, produttivo e costruttivo, un percorso che vede, attraverso la storia di Mattia ed esempi di sport piu blasonati, vincenti o meno, come, credere nei propri sogni, lavorando con costanza, umiltà e sacrificio, renda la strada verso la loro realizzazione alla portata di tutti.
«Pensavo di non essere all’altezza di questo progetto – ha spiegato il portacolori della Nazionale italiana –  quando mi è stato proposto. Credevo la mia giovane età fosse un ostacolo nel raccontare qualcosa, invece ho potuto citare degli esempi di atleti, i quali mi hanno motivato nei momenti di difficoltà, e questo ha reso tutto piu semplice e tangibile. Mi auguro – ha concluso il finalista delle Olimpiadi di Rio – ci sia molta interazione con gli studenti e sarò pronto a rispondere ad ogni loro domanda e curiosità, sulla mia carriera, sugli allenamenti, i sacrifici e volendo anche sull’ultimo modello di sneakers in uscita».
Gli appuntamenti saranno oggi all’Istituto Stendhal, venerdì 7 dicembre alla Scuola Carducci di S.Marinella, giovedì 13 dicembre alla scuola Manzi, sabato 15 dicembre all’ITIS Marconi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Acqua, settimana bollente

LADISPOLI – Settimana calda quella iniziata per la città ladispolana e l'amministrazione Grando. La Giunta non intende infatti arretrare di un millimetro nella sua posizione di difesa dell'acqua pubblica. Soprattutto ora che in Parlamento è stata avviata la discussione che porterà all'approvazione della nuova legge sull'acqua pubblica. Ed è proprio dal Parlamento che si parte. Questo pomeriggio l'amministrazione di centrodestra sarà accolta alla Commissione VIII (Ambiente, territorio e lavori pubblici) della Camera dei Deputati per esprimere la propria opinione su quello che dovrebbe essere il destino del servizio idrico. Occasione quella che si prospetta per l'amministrazione Grando di tornare a ribadire la contrarietà al passaggio ad Acea Ato2 che purtroppo, a causa dell'ultimatum dell'assessore regionale ai Lavori Pubblici Mauro Alessandri, si fa sempre più vicino (il 3 dicembre scade l'ultimatum). Già in passato il delegato al servizio idrico Filippo Moretti ha più volte ribadito la volontà della città di Ladispoli di continuare a gestire in house il servizio. Anzi, in una possibile rivisitazione dei bacini di ambito territoriali, con i Comuni chiamati a ''mettersi in proprio'' per la gestione ''acqua'', Ladispoli potrebbe essere il Comune capofila in questa missione, avendo, all'interno dei suoi confini territoriali, un sistema idrico ''finito'': dalla captazione, alla depurazione, fino ad arrivare alla distribuzione. Ovviamente quello di oggi è solo un colloquio informale in vista della discussione in Parlamento della nuova legge sull'acqua ma che potrebbe comunque giovare per la situazione in cui al momento si trovano il Comune di Ladispoli e altri Comuni che ad oggi hanno rifiutato di aderire all'Ato1 (come nel caso di Montalto di Castro) e all'Ato2.
Ma se quello di oggi è solo un colloquio informale non si può dire altrettanto per l'incontro di domani in Regione dove torneranno a riunirsi le Commissioni Tutela del territorio e Agricoltura e Ambiente chiamate ad approvare il documento redatto di concerto con le amministrazioni comunali interessate, per chiedere una moratoria al passaggio all'Ambito Territoriale di riferimento. Erano stati proprio i consiglieri regionali delle due commissioni, in un primo incontro a dirsi d'accordo nel poter presentare alla Giunta Zingaretti un documento unitario con la quale si chiedeva di sospendere fino all'approvazione della legge da parte del Governo, la richiesta di passaggio all'Ato. Una battaglia che aveva visto mettere da parte i colori politici per la tutela di un bene imprescindibile, come lo può essere quello dell'acqua. In primis si ricorderanno anche le parole di diversi esponenti, regionali e comunali del Partito democratico (dello stesso schieramento della Giunta Zingaretti) che avevano dato in più occasioni il loro sostegno all'amministrazione comunale per la tutela del servizio idrico cittadino. Gli stessi dem avevano già in passato, durante gli incontri precedenti dato il loro supporto all'iniziativa portata avanti dalle amministrazioni comunali. Ora bisognerà capire se anche domani, all'atto della votazione (come peraltro auspicano le amministrazioni comunali coinvolte) questa posizione di sostegno sarà mantenuta votando sì al documento presentato e che successivamente dovrà essere sottoposto all'attenzione della Giunta Zingaretti.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Real Fiumicino accarezza la vetta

Nel weekend s’è consumato l’ottavo turno del campionato di serie C2.
Il Real Fiumicino/Futsal Isola bissa il successo del turno infrasettimanale con il secondo 2-1 consecutivo in pochi giorni. Mazzuca e Albani stendono il Santa Severa e fanno volare la Banda Picciano e Consalvo portandola a un solo punto dalla vetta. 
«È stata una partita difficile, come quella di mercoledì – spiega Mattia Mazzuca, al secondo gol in una settimana -. Il Santa Severa è una squadra fisica, molto agguerrita. Sono un po’ giù in classifica e volevano fare punti, soprattutto perché giocavano in casa. Siamo stati bravi a controllarla dall’inizio alla fine e ad avere sempre il pallino del gioco in mano. Dovevamo chiuderla prima. Siamo stati un po’ imprecisi e un po’ sfortunati (tre traverse per la squadra di Fiumicino). È stato un match aperto fino all’ultimo, su questo dobbiamo migliorare. «La squadra? Stiamo bene. Le assenze pesano: eravamo partiti con una rosa ampia che si è dimezzata purtroppo – spiega il centrale -. Abbiamo reagito da grande gruppo. Dopo due sconfitte di seguito non era facile e invece ci siamo immediatamente rilanciati. Anche io mi sento finalmente bene. Dopo l’infortunio non sono ancora al 100 per cento ma non mi lamento. L’ambiente? È l’ideale. Nuova società, nuovo ambiente ma l’organizzazione rimane da serie A». 
Ora un tour de force: «Incontreremo le prime della classe – spiega l’ex capitano della Futsal Isola -. Sabato in casa affrontiamo il Laurentino. Tra infortuni e squalifiche saremo un po’ corti. Ma abbiamo dimostrato di saper vendere cara la pelle e giocheremo comunque per vincere. Affronteremo partita per partita. Vogliamo rimanere in cima alla classifica e daremo tutto quello che abbiamo». 
Dopo i primi tre punti presi sul campo del Ronciglione, il Santa Severa Futsal, quindi, non trova la giusta continuità e deve rimandare ancora l’appuntamento con i primi tre punti casalinghi. 
«È stata un’ottima prestazione – commenta mister Villella – purtroppo siamo qui a commentare una nuova sconfitta. Oggi ho visto una buona intensità e tanta voglia di vincere ma purtroppo non sono bastate. Ora abbiamo il derby con il Santa Marinella con qualche squalificato, ma in settimana prepareremo la partita al meglio per cercare di fare bottino pieno».
La Futsal Academy affronta a Roma l’Eur Massimo secondo in classifica, partita dalle attese importanti vista la classifica di entrambe.
Parte bene la squadra di casa con ottimo possesso palla e velocità ma la prima vera occasione per passare in vantaggio ce l’ha la Futsal Academy con Bertini lanciato da Rocchi che con un forte tiro esalta il bravo portiere avversario deviando in angolo.
Al 7’ l’Eur Massimo passa in vantaggio con Padellaro su punizione trovando Saraudi non preparato.Reagisce la Futsal Academy con Cibelli appena entrato al 9’ sfiorando il pareggio. Al 14’ invece arriva il raddoppio dei padroni di casa con una vole’ di Locchi lesto a intervenire sotto porta dopo una mancata presa di Saraudi con un tiro non irresistibile. Finisce il primo tempo sul 2 a 0. Nel secondo tempo la Futsal Academy alza il baricentro del gioco con pressing a tutto campo e al 9’ trova il gol con Fattori (migliore in campo) deviando di destro un forte tiro di Notarnicola diretto in porta. Si accende la partita e la Futsal Academy crede nel pareggio che arriva al 21’ con Rosalba imbeccato da Notarnicola dopo uno scambio con Guzzone. Sulle ali dell’entusiasmo prova a vincere la partita andando vicino con Fattori, ma su una ripartenza avversaria Saraudi è bravo a deviare in angolo un forte tiro diretto all’ incrocio dei pali. Sul susseguente calcio d’ angolo Teofilatto con un preciso sinistro con tutta la difesa immobile segna il 3 a 2 per l’Eur Massimo. Taldini le prova tutte giocando gli ultimi quattro minuti con il portiere di movimento ma il risultato non cambia. Sabato il derby con la Cpc2005, stracittadina che sancirà il valore delle due squadre civitavecchiesi.
Indigesta l’ottava stagionale per la Cpc2005. Sorride invece la Pisana che annulla le quattro sconfitte consecutive che l’avevano portata fin qui. Gli bastano le due volte di  Ridolfi, un gol per tempo, a  rendere vana la rete di Leone nel finale; termina 2-1. Match che i romani nel primo tempo giocano in surplace, domando con facilità la compagine diretta da Branchesi. Persi da una parte, provvidenziale in più di una occasione, e Arduini dall’altra limitano i danni nel primo tempo a chiara marca La Pisana.  Solo nella seconda parte della gara i portuali cercano quel qualcosa in più  che potrebbe regalargli il pareggio, ma è tardi. Prima i romani raddoppiano e poi gestiscono il gioco, subendo si la rete di leone ma non rischiando più di tanto. Prima è Ranzoni a tentar la via del gol, si spegne alta l’occasione, poi è Caselli sul finale ad avere la palla del pari. Ma non basta.  Match nervoso in casa portuale dove nel primo tempo ne fanno le spese mister Branchesi e un dirigente. Per dover di cronaca  hanno pesato  le assenze, a Tangini e Frusciante si è aggiunto Cerrotta uscito per infortunio. Sabato prossimo c’è il derby, una partita che non vale una stagione ma che rappresenta tanto in chiave cittadina.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###