MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 22 febbraio 2018

Definizione dei criteri e delle modalita' di ripartizione tra le
regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del Fondo per le
mense scolastiche biologiche. (18A02851)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 29 marzo 2018

Sospensione dell'incarico a svolgere le funzioni di tutela,
promozione, valorizzazione, informazione del consumatore e cura
generale degli interessi di cui all'art. 14, comma 15, della legge n.
526/1999, per la IGP «Arancia del Gargano» e la IGP «Limone
Femminello del Gargano», conferito al Consorzio di tutela
dell'Arancia del Gargano IGP e del Limone Femminello del Gargano IGP
con decreto 20 settembre 2013 e rinnovato con decreto 6 febbraio
2017. (18A02798)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 29 marzo 2018

Sospensione dell'incarico a svolgere le funzioni di tutela,
promozione, valorizzazione, informazione del consumatore e cura
generale degli interessi di cui all'art. 14, comma 15, della legge n.
526/1999, per la DOP «Laghi Lombardi», conferito al Consorzio di
tutela dell'olio extravergine d'oliva Laghi Lombardi DOP con decreto
24 aprile 2014 e rinnovato con decreto 28 luglio 2017. (18A02799)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Tanti progetti per il presente e il futuro di  Allumiere''

ALLUMIERE –  «Ancora progetti per il presente ed il futuro della nostra comunità. I buoni progetti vengono condivisi ed approvati all’unanimità oltre gli schieramenti politici: ottimo lavoro». Ad esprimersi così il sindaco di Allumiere, Antonio Pasquini dopo che è stato approvato all’unanimità nel consiglio comunale di giovedì il project financing per il progetto di efficientamenro energetico comprensivo di fornitura elettrica. «Tra le linee programmatiche generali dell’amministrazione comunale di Allumiere vi sono iniziative rivolte all’utilizzo di energie pulite, alla tutela delle emissioni, nonché alla riduzione dell’inquinamento luminoso e atmosferico e, quindi ambientale – spiega il sindaco Pasquini – la nostra amministrazione ha avviato una politica di razionalizzazione delle energie comuni, attuando una serie di interventi e misure volte a realizzare un piano di efficientamento finalizzato al contenimento e riduzione dei costi di gestione degli impianti di pubblica illuminazione, oltre che alla loro messa in sicurezza normativa. Usufruendo di finanziamenti ministeriali e regionali nel corso degli anni ha attuato interventi di efficientamento negli edifici scolastici sul territorio comunale. L’attività di programmazione amministrativa del Comune di Allumiere è volta ad eseguire interventi in pubblica utilità e risulta in linea anche con le politiche nazionali e regionali in tema di risparmio energetico e di razionalizzazione ed ammodernamento delle fonti di illuminazione in ambienti pubblici; attualmente sono presenti e stimati nel territorio comunale circa 730 punti di illuminazione pubblica e circa 450 punti di illuminazione negli edifici scolastici di proprietà comunale. La rete della pubblica illuminazione risulta in gestione al Comune di Allumiere che assicura il servizio di erogazione della stessa attraverso la fornitura energetica da parte di ENEL nonché attraverso la manutenzione ordinaria/straordinaria sui punti luce stradali e di spazi urbani comunali. Quindi  riteniamo necessario dare corso ad interventi di efficientamento della pubblica illuminazione comunale che, in via definitiva, producano una diminuzione della spesa corrente attualmente sostenuta dall’Ente con riferimento a tale servizio. Stante l’indisponibilità di risorse necessarie da parte del nostro Comune, ravvisiamo l’esigenza di avvalerci di meccanismi di ricorso al sistema di partenariato pubblico – privato con la previsione dell’attivazione di procedure di project-financing». Quindi con l’appricazikbe unanime della delibera si procederà con modalità tecnologiche innovative alla realizzazione di un programma di efficientamento della rete di illuminazione pubblica esistente comprensivo della gestione del servizio di pubblica illuminazione e di fornitura ed erogazione dell’energia elettrica; il tutto finalizzato a conseguire una riduzione dei livelli di spesa corrente rispetto a quelli attualmente sostenuti dal Comune. Le procedure dovranno comunque prevedere la valorizzazione del patrimonio pubblico infrastrutturale con nuove opere “compensative” o con interventi di riqualificazione urbana e di valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale; sarà quindi demandato il responsabile del settore tecnico l’adozione di ogni atto, adempimento, e/o procedura necessari ed opportuni al fine di dare integrale esecuzione con riferimento alle motivazioni indicate nel presente atto deliberativo, con particolare riguardo al partenariato pubblico/privato e alla procedura di project financing. «Siamo felici per questo ulteriore passo in avanti. Il project è stato approvato all’unanimità».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 19 marzo 2018

Iscrizione di varieta' di frumento duro al registro nazionale.
(18A02823)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''C’è bisogno di uno sforzo comune''

SANTA MARINELLA – «Santa Marinella non è più la bella e ridente località che era solo qualche anno fa.  La causa non necessariamente risiede nella congiuntura economica. Ci sono contrapposizioni politiche velleitarie che hanno paralizzato ogni idea di sviluppo soprattutto negli ultimi cinque anni, tirando da una parte e dall’altra la giacchetta di Roberto Bacheca, sindaco troppo presto demotivato e stanco». A dirlo è il candidato sindaco della coalizione di centro sinistra Pietro Tidei, che spiega che il suo obiettivo, è quello di riunire tutte le forze sane della città. 
«Le forze migliori – continua Tidei – indipendentemente dalle formazioni politiche, perché proprio oggi c’è bisogno di uno sforzo comune per risollevare le sorti di questa città. I piani di intervento possono essere tanti. Nel mio programma, ancora per poco in fase di studio, ci sono tante priorità, tra le quali il risanamento dei conti, gli impianti sportivi, la sede comunale e poi, soprattutto, un grande sviluppo. A Santa Marinella l’occupazione può crescere solo se, contemporaneamente, c’è sviluppo, turismo con una stagione sempre più lunga, spiagge, crocierismo, senza dimenticare l’importanza e la peculiarità di Santa Severa. Il programma sarà molto chiaro e schematico, ma anche pronto ad essere ritoccato in favore delle istanze che, chiunque voglia contribuire al rilancio sano della città, potrà portare e proporre. Il lavoro è molto duro, per questa ragione servirà mettere in campo una squadra coesa e concorde, dove sarà annullato ogni personalismo in favore del bene comune e della rinascita di una meravigliosa città, dove grande spazio sarà lasciato alle componenti più giovani che possono assicurare il giusto ricambio ad una classe politica cittadina consumata da anni di azioni poco efficaci».
Gi.Ba.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mercatini che scontentano i commercianti locali

CIVITAVECCHIA – Si lamentano i commercianti, le associazioni di categoria, le forze politiche e i semplici cittadini, ma l’amministrazione comunale tira dritto, incurante dei problemi che ormai coinvolgono sempre più persone. Ad esempio il mercatino di Corso Centocelle continua a incassare  proteste. Questa volta sono i cittadini e i commercianti a protestare per le modalità di allestimento e soprattutto per la mercanzia. Come può un assessore al Commercio di una città in cui i negozianti se la passano abbastanza male, consentire la vendita occasionale di oggetti acquistabili presso i punti vendita dei suoi stessi cittadini? Una domanda che l’assessore Vincenzo D’Antò ha ricevuto numerose volte, dando risposte improbabili nelle parole e inaccettabili nei fatti. A Corso Centocelle si continua a vendere di tutto, con buona pace di chi ogni giorno si affanna per sbarcare il lunario e pagare le tasse a Civitavecchia. Nelle ultime ore in molti hanno denunciato la pericolosità di macchine e camioncini che sono saliti sui marciapiedi per portare la merce da esporre, un aspetto, quello della sicurezza, che l’amministrazione comunale non può certo trascurare in nome del divertimento e della kermesse. 

Senza contare i danni che i mezzi potrebbero arrecare al già disastrato arredo urbano, perché quando c’è da puntare il dito contro un inappropriato modo di agire, non è il caso di farlo solo alla Marina. Corso Centocelle non è immune da critiche, così come l’amministrazione che farebbe bene a controllare maggiormente gli eventi che organizza in città.

Diversi commercianti hanno poi sottolineato che l’apertura laterale degli stand lascia all’oscuro diverse attività commerciali. In effetti le strutture provvisorie posizionate sul marciapiede di sicuro non mettono in risalto le vetrine ancora  allestite nonostante la crisi, anzi, con la merce esposta dai mercatini attirano turisti e residenti a scapito di chi per tutto il giorno attende di ricevere attenzione dai passanti per poter vendere qualcosa. Infine criticata è la mercanzia, in molti casi simile a quella venduta dai negozi. «C’è un negozio che vende profumi che davanti a ha uno stand di profumi – spiega Emanuela Mari di Forza Italia – mi chiedo come possa sentirsi quel commerciante che ogni anno paga le tasse al comune per poi vedersi soffiare via i clienti da uno stand davanti ai suoi occhi».

Critiche legittime, alle quali fino a questo momento non sono seguite risposte concrete. Si va avanti così, l’assessore insiste e consentendo ancora eventi di tale portata dimostra di non interessarsi assolutamente alle problematiche del commercio civitavecchiese. Proclami e niente di più, impegni non mantenuti da un’amministrazione comunale sorda di fronte ad ogni grido d’allarme e comportamenti inaccettabili. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA – DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 28 settembre 2017, n. 216

Regolamento recante modifiche al regolamento di esecuzione per la
disciplina delle iniziative di costruzione, acquisto e recupero di
immobili finalizzate alla realizzazione di alloggi da destinare alla
vendita, all'assegnazione e alla locazione in regime di edilizia
convenzionata e degli incentivi destinati alle Ater, agli acquirenti
e agli assegnatari, di cui all'articolo 17 della legge regionale 19
febbraio 2016, n. 1 (Riforma organica delle politiche abitative e
riordino delle Ater) emanato con decreto del Presidente della Regione
28 marzo 2017, n. 070.
(17R00518)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA – DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 28 settembre 2017, n. 217

Regolamento recante modifiche al regolamento di esecuzione per la
disciplina degli incentivi di edilizia agevolata a favore dei privati
cittadini, a sostegno dell'acquisizione o del recupero di alloggi da
destinare a prima casa di abitazione di cui all'articolo 18 della
legge regionale 19 febbraio 2016, n. 1 (Riforma organica delle
politiche abitative e riordino delle Ater) emanato con decreto del
Presidente della Regione 13 luglio 2016, n. 0144.
(17R00519)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 6 aprile 2018

Variazione del responsabile della conservazione in purezza di
varieta' ortive iscritte al registro nazionale. (18A02753)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###