Jovanotti: «Concerti solo dopo che il fratino avrà nidificato»

LADISPOLI – «Lui è il fratino, un uccello che nidifica in alcune aree della nostra costa. E' una specie protetta. Qualcuno mi ha segnalato in questi giorni la sua esistenza pensando che non fossi al corrente delle abitudini dell'amico pennuto». La Lipu chiama e Jovanotti risponde tranquillizzando. Nei giorni scorsi la Lega italiana protezione uccelli aveva inviato una lettera al cantautore segnalando la presenza della specie protetta in alcune delle spiagge del suo tour. In particolare le spiagge di Ladispoli e Fermo. Ma Jovanotti tranquillizza: «Vorrei dire a chi è giustamente preoccupato per il fratino che anche io lo sono e, nelle settimane in cui Trident Music ha definito le spiagge dove ci sarà il Jova Beach Party si sono incontrati con Lipu  e continueranno a stare in contatto e Jova Beach arriverà sempre dopo che il fratino ha nidificato e abbandonato la zona (come sapete bene gli uccelli seguono calendari biologici di grande precisione). Le zone – ha proseguito il cantautore nel suo post Instagram – anche dopo la nidificazione e l'abbandono stagionale degli uccelli saranno isolate nei punti sensibili. E' importante che io scriva qui di nuovo che a monte del progetto Jova Beach c'è la volontà di renderlo compatibile con gli equilibri ambientali, anzi di più. Grazie al lavoro insieme a Wwf Italia l'intenzione è quella di dare vita a una festa che sia anche un modo per sperimentare una via innovativa per vivere gli spazi. Tutto sarà fatto per esplorare la possibilità di unire la festa vera a una visione del futuro. Senza nessun tono eroico o altro credo solo che Jova Beach Party possa essere una vera figata solo se progettato tenendo conto di questi aspetti fondamentali senza i quali oggi è impensabile il presente, e il futuro al quale poter aprirare. Ciao a tutti!».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Jovanotti: «Concerti solo dopo che il fratino avrà nidificato»

LADISPOLI – «Lui è il fratino, un uccello che nidifica in alcune aree della nostra costa. E' una specie protetta. Qualcuno mi ha segnalato in questi giorni la sua esistenza pensando che non fossi al corrente delle abitudini dell'amico pennuto». La Lipu chiama e Jovanotti risponde tranquillizzando. Nei giorni scorsi la Lega italiana protezione uccelli aveva inviato una lettera al cantautore segnalando la presenza della specie protetta in alcune delle spiagge del suo tour. In particolare le spiagge di Ladispoli e Fermo. Ma Jovanotti tranquillizza: «Vorrei dire a chi è giustamente preoccupato per il fratino che anche io lo sono e, nelle settimane in cui Trident Music ha definito le spiagge dove ci sarà il Jova Beach Party si sono incontrati con Lipu  e continueranno a stare in contatto e Jova Beach arriverà sempre dopo che il fratino ha nidificato e abbandonato la zona (come sapete bene gli uccelli seguono calendari biologici di grande precisione). Le zone – ha proseguito il cantautore nel suo post Instagram – anche dopo la nidificazione e l'abbandono stagionale degli uccelli saranno isolate nei punti sensibili. E' importante che io scriva qui di nuovo che a monte del progetto Jova Beach c'è la volontà di renderlo compatibile con gli equilibri ambientali, anzi di più. Grazie al lavoro insieme a Wwf Italia l'intenzione è quella di dare vita a una festa che sia anche un modo per sperimentare una via innovativa per vivere gli spazi. Tutto sarà fatto per esplorare la possibilità di unire la festa vera a una visione del futuro. Senza nessun tono eroico o altro credo solo che Jova Beach Party possa essere una vera figata solo se progettato tenendo conto di questi aspetti fondamentali senza i quali oggi è impensabile il presente, e il futuro al quale poter aprirare. Ciao a tutti!».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Gara insidiosa per la Margutta capolista

Trasferta a dir poco insidiosa per la Margutta Asp, impegnata nella nona di C femminile. 
Le rossoblu affronteranno da capolista solitaria del girone B la difficile trasferta sul campo del Volley Friends Roma, nella quale affronteranno la squadra che la settimana scorsa ha battuto per 3-2 la Virtus Latina regalando di fatto il primo posto alle civitavecchiesi. 
«È una gara sicuramente complicata – ammette coach Pignatelli – perché il Volley Friends è una squadra giovane ma forte, in grado di mettere in difficoltà chiunque. Servirà la miglio Margutta per fare risultato e in particolare una prestazione sopra le righe a livello di battuta. Ce la metteremo tutta». 
Per Pignatelli rosa al completo, visto che tornano a disposizione rispetto alla settimana scorsa Brighenti, che prenderà il posto di Paolini, e Scisciani, sostituita nel match del weekend scorso da un’ottima Sorrentino.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Usi civici, Agraria assente alla Pucci

CIVITAVECCHIA – Un'otttantina di persone hanno partecipato, questo pomeriggio all'aula Pucci, all'assemblea pubblica voluta dall'amministrazione comunale, e in particolare dal sindaco Antonio Cozzolino e dal consigliere di maggioranza Emanuele La Rosa, per discutere della problematica degli usi civici, alla luce della novità rappresentata dall'approvazione, nei giorni scorsi in Consiglio, della delibera con la perizia rilasciata dal perito incaricato dall’amministrazione comunale Alessandro Alebardi. Presenti alla Pucci lo stesso perito, insieme ancvhe all'assessore all'Urbanistica Alessandro Ceccarelli. Assente l'Agraria che però avrebbe ricevuto l'invito soltanto ieri sera, con la Pec da parte del Comune arrivata alle 19 circa. Un invito che l'assessore dell'associazione, Damiria Delmirani,  ha ritenuto "decisamente tardivo oltre che inopportuno e non si comprende – si legge nella risposta inviata a Palazzo del Pincio – lo scopo di tale comportamento, considerato che l'organizzazione di un tale evento richiede tempi debiti di comunicazione oltre che di condivisione".

Quella di oggi è comunque stata l'occasione, da parte dei rappresentanti dell'amministrazione a Cinque Stelle, di informare i cittadini "che la nuova perizia – ha ricordato La Rosa – evidenzia che non esistono gli usi Civici. La politica ha il dovere di muoversi immediatamente per aiutare i cittadini che incolpevolmente hanno perso il pieno diritto di proprietà sui loro immobili. L’attuale perizia infatti non può eliminare da sola gli Usi Civici, può solo fornire delle informazioni, atti e pareri di parte: la definizione degli Usi Civici è demandata al Commissario oppure alla Regione Lazio".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Arrestato un topo d'appartamento: recuperata la refurtiva

LADISPOLI – I Carabinieri della Stazione di Ladispoli, nel corso dei servizi di controllo del territorio, hanno arrestato un cittadino romeno di 26 anni, con precedenti, per furto in abitazione.

In particolare, la scorsa notte, i Carabinieri, su richiesta di un cittadino, sono intervenuti nella zona residenziale, dove era stato segnalato una persona all’interno di un giardino di una villetta,  intenta a scavalcare la recinzione e pronta a far perdere le proprie tracce, a bordo di un’autovettura.

Grazie alla preziosa collaborazione del vicino, i Carabinieri hanno rintracciato l’uomo a bordo dell’auto segnalata, a pochi metri dall’abitazione e, nel corso della perquisizione il i militari, hanno rinvenuto un orologio e delle canne da pesca delle quali non sapeva fornire indicazioni sulla provenienza, nonché vari attrezzi atti allo scasso, un “piede di orco” e un paio di guanti.

I Carabinieri hanno effettuato accertamenti nell’immediato ed hanno scoperto che quanto rinvenuto, è risultato appena rubato dal garage della villetta dove il 26enne era stato notato mentre scavalcava la recinzione.

La refurtiva è stata restituita al proprietario mentre gli attrezzi da scasso sono stati sequestrati.

Per il ladro sono scattate le manette ed è stato  accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Csp, Grasso: "Dopo le elezioni dovrà tornare la meritocrazia"

CIVITAVECCHIA – La Giunta 5 stelle si era presentata con il duplice obiettivo di «porre fine al clientelismo ed ai favoritismi nelle società comunali e di contenere al massimo il costo degli amministratori. Dopo cinque anni il Cda, tutto composto da non civitavecchiesi, con i suoi 250.000 euro di indennità, rimborsi spese, pranzi, cene e consulenze costosissime costa ai civitavecchiesi più dei predecessori. Tra i principali risultati va ricordato: il fallimento di Civitavecchia Infrastrutture; il fallimento di Città Pulita; l’imminente fallimento di Argo. Sul fronte della meritocrazia, i risultati sono poi, se possibile, ancora peggiori. Da alcuni mesi, infatti, è stato richiesto un sacrificio a tutti i dipendenti: a tutti è stata ridotta la retribuzione; ad alcuni sono state unilateralmente ridotte le qualifiche. Ad alcuni, ma non a tutti. Ci sono già una decina di casi in cui, alcuni dipendenti – mentre i colleghi fanno ancora una sorta di «solidarietà» – sono stati addirittura promossi. La polemica è ovviamente divampata con toni estremamente accesi. Il consigliere comunale Luciano Girolami (dipendente di CSP), in particolare, non le ha mandate a dire su Facebook, anticipando interrogazioni. In effetti alcuni casi appaiono estremamente singolari. Nel servizio idrico ad esempio, si è assistito alla promozione di un operaio al settimo livello ed al contemporaneo declassamento di un ingegnere. Il risultato è che l’operaio ormai guadagna come l’ingegnere che essendo ormai equiparato a quest’ultimo. Sul tema è tornato ad intervenire il capo dell’opposizione, il leader della Svolta Massimiliano Grasso: «La CSP è una bomba ad orologeria. Tra pochi mesi, occorrerà avviare una grande riorganizzazione di quello che oggi è un ammasso informe di personale che opera senza direttive e programmi. Occorrerà poi reintrodurre veramente il concetto meritocrazia e non gestire i dipendenti in funzione delle simpatie politiche ma delle effettive capacità e dell’impegno dimostrato. Quanto alle direttive, mi pare che gli attuali amministratori non facciano che riceverne ed eseguirle pedissequamente dal Sindaco e dalla Giunta, in chiave sempre più pre-elettorale».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Studenti in alternanza a Tolfa tra amministrazione e bellezze naturalistiche

TARQUINIA – Conoscere il territorio in alternanza scuola lavoro ed è così che  Il 30 novembre 2018 gli alunni della 3A CAT e 5A CAT (indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio, ex Geometri) hanno partecipato ad un incontro presso il Comune di Tolfa. Il tema trattato è stato “L’iter dei Piani Urbanistici” con particolare riguardo a quello del P.R.G. (Piano Regolatore Generale). 
«Tutto il personale del Comune di Tolfa che ci ha accolti con gentilezza ed entusiasmo permettendoci di assistere ad una seduta del consiglio comunale abilmente diretto dal sindaco Dr. Landi Luigi. – riferiscono le docenti – A lui e a tutti i consiglieri presenti va il nostro ringraziamento per aver trascorso con loro una giornata all’insegna della cultura e del paesaggio mozzafiato dei Monti di Tolfa. Il sindaco ha tenuto personalmente una lezione magistralmente diretta sui compiti istituzionali di Sindaco- Giunta- Assessori e Consiglieri attirando sin da subito l’attenzione dei nostri allievi, captando la loro curiosità ed appassionata partecipazione”. “La giornata è proseguita poi con la lezione del Dirigente dell’Ufficio Tecnico  Arch. Mencarelli Ermanno,- continuano –  che ha interessato gli alunni spiegando nei minimi dettagli e con grande comunicatività, valore e importanza di un Piano Regolatore Generale, illustrandone con grande maestria ogni aspetto tecnico e rispondendo con precisione ad ogni domanda posta”. Ad accompagnare gli studenti Maria Pia Ciotola, Anna Maria Marconi e Mauro  Mellini, promotore dell’iniziativa.  Ma, il territorio tolfetano è anche Natura, quindi, gli studenti si sono immersi nelle bellezze dei Monti della Tolfa: il bosco e la  cascata, ammirando paesaggi decisamente incantevoli. Flora e fauna hanno fatto da cornice ad una giornata all’insegna della cultura, delle passeggiate ecologiche e alla conoscenza dei paesaggi del comprensorio tolfetano. “Ringraziamo la Dirigente che ci ha permesso di fare quest’esperienza – concludono – notevole l’ interesse degli alunni».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Studenti in alternanza a Tolfa tra amministrazione e bellezze naturalistiche

TARQUINIA – Conoscere il territorio in alternanza scuola lavoro ed è così che  Il 30 novembre 2018 gli alunni della 3A CAT e 5A CAT (indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio, ex Geometri) hanno partecipato ad un incontro presso il Comune di Tolfa. Il tema trattato è stato “L’iter dei Piani Urbanistici” con particolare riguardo a quello del P.R.G. (Piano Regolatore Generale). 
«Tutto il personale del Comune di Tolfa che ci ha accolti con gentilezza ed entusiasmo permettendoci di assistere ad una seduta del consiglio comunale abilmente diretto dal sindaco Dr. Landi Luigi. – riferiscono le docenti – A lui e a tutti i consiglieri presenti va il nostro ringraziamento per aver trascorso con loro una giornata all’insegna della cultura e del paesaggio mozzafiato dei Monti di Tolfa. Il sindaco ha tenuto personalmente una lezione magistralmente diretta sui compiti istituzionali di Sindaco- Giunta- Assessori e Consiglieri attirando sin da subito l’attenzione dei nostri allievi, captando la loro curiosità ed appassionata partecipazione”. “La giornata è proseguita poi con la lezione del Dirigente dell’Ufficio Tecnico  Arch. Mencarelli Ermanno,- continuano –  che ha interessato gli alunni spiegando nei minimi dettagli e con grande comunicatività, valore e importanza di un Piano Regolatore Generale, illustrandone con grande maestria ogni aspetto tecnico e rispondendo con precisione ad ogni domanda posta”. Ad accompagnare gli studenti Maria Pia Ciotola, Anna Maria Marconi e Mauro  Mellini, promotore dell’iniziativa.  Ma, il territorio tolfetano è anche Natura, quindi, gli studenti si sono immersi nelle bellezze dei Monti della Tolfa: il bosco e la  cascata, ammirando paesaggi decisamente incantevoli. Flora e fauna hanno fatto da cornice ad una giornata all’insegna della cultura, delle passeggiate ecologiche e alla conoscenza dei paesaggi del comprensorio tolfetano. “Ringraziamo la Dirigente che ci ha permesso di fare quest’esperienza – concludono – notevole l’ interesse degli alunni».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Porto, traffici in crescita nel terzo trimestre

CIVITAVECCHIA – I dati elaborati dall’Ufficio Statistiche dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, per quanto concerne i primi nove mesi del 2018, confermano l’ulteriore crescita dei traffici del network nei settori crocieristico, RO-RO e container.

Per quanto riguarda il traffico crocieristico, Civitavecchia registra un incremento del 12% rispetto ai primi nove mesi dell’anno precedente ed un totale di 1.884.3454 crocieristi. Incremento che risulta ancor più significativo poichè determinato sia da un incremento dei crocieristi in transito (+12%) che da una crescita di quelli in c.d.  “turn around” (+11%).

Il traffico complessivo dei tre porti del network laziale si conferma ai livelli del 2017 con un totale di 12.660.299 tonnellate movimentate (-0,1%). Nello specifico, il traffico risulta in leggera crescita nel porto di Civitavecchia (+1,3%) e in quello di Fiumicino (+1%%); in flessione dell’11% nel porto di Gaeta.

La crescita del porto di Civitavecchia è trainata principalmente dal traffico di merci in colli che, nel complesso, aumenta di oltre il 10% (pari a 460 mila tonnellate in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) grazie ad un ulteriore incremento del traffico di merce in container (+3%) e, soprattutto, delle merci trasportate in modalità RO-RO che crescono di oltre il 12%, con 460 mila tonnellate in più movimentate e 28 mila mezzi pesanti in più imbarcati e sbarcati. Anche in termini di contenitori T.E.U. l’incremento equivale a circa l’8% per 77.413 contenitori T.E.U. movimentati al 30 settembre 2018, di cui 21 vuoti e 56 mila pieni per quasi 700 mila tonnellate di merci trasportate.

Il traffico in aumento delle merci in colli e delle restanti rinfuse solide, – principalmente prodotti chimici (+45,6%) e prodotti metallurgici (+6%) –  compensa ampiamente l’ulteriore calo, dovuto a fattori esogeni, dei traffici legati al ciclo produttivo dell’Enel, in particolare carbone, cenere e gesso, che fanno registrare una perdita di circa 360 mila tonnellate.

Tra i prodotti metallurgici si conferma un’ulteriore crescita, di oltre il 47%, del traffico in esportazione di coils in acciaio,  ad ulteriore dimostrazione della ritrovata dinamicità delle acciaierie di Terni; cresce anche il traffico di fluorite (+9%). Tra i minerali grezzi, invece, aumenta di oltre il 25%  il traffico di argilla e si inserisce un nuovo traffico in esportazione: il rapillo vulcanico. 

Per quanto concerne il traffico di autovetture nuove esportate, risentendo in particolare dell’andamento del traffico delle auto FCA prodotte dallo stabilimento di Cassino, subisce una diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2017 (segnatamente 45 mila autovetture rispetto alle circa 112 mila dell’anno precedente), mentre si registra un sensibile incremento del traffico di autovetture importate che passano da 109.550 a 118.644. Rilevante, invece, l’incremento della sottocategoria “mezzi pesanti” (+18,8%), per un totale di oltre 176 mila mezzi pesanti movimentati (circa 28 mila in più rispetto ai primi nove mesi del 2017).

Infine, in riferimento al traffico di prodotti petroliferi nel porto di Civitavecchia, continua la crescita, seppur minima (0,1%), in controtendenza con l’andamento negativo degli ultimi anni.

Per quanto riguarda lo scalo di Gaeta si registra una flessione del traffico complessivo, pari al 10,7%, determinata dalla contrazione di oltre l’8% del traffico di prodotti petroliferi (dovuta ai lavori di manutenzione del pontile petrolifero), ma soprattutto del traffico di merci solide (-18,8%). Tra le rinfuse solide, a fronte di una crescita del traffico di carbone (+45,8%), fertilizzanti (+211,6%) e prodotti metallurgici (+33% circa), si registra una contrazione generalizzata di tutte le altre tipologie merceologiche.

Infine, in crescita di circa l’1% il traffico di prodotti petroliferi nel porto di Fiumicino, pari a circa 2,6 milioni di tonnellate (+24 mila tonnellate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Banche, un ladro in casa" domani al Traiano

CIVITAVECCHIA – È stato presentato martedì a Montecitorio, presso la Camera dei Deputati, e andrà in scena domani sera alle 21 al teatro Traiano lo spettacolo “Banche – Un ladro in casa”, promosso dall'associazione Donne in Movimentoche ha voluto ringraziare il deputato Alessandro Battilocchio per l'ospitalità. 
“È importante – fferma il Deputato – dare spazio a iniziative di questo tipo, soprattutto alle associazioni e alle strutture di un territorio così importante e pieno di talento. Donne in Movimento è un’associazione che si è distinta nel tempo per iniziative di qualità a anzi la ringrazio per ciò che fa a livello sociale e di volontariato. Quest’ultima azione, non meno importante, tiene accesa la luce sulla vicenda che ha coinvolto ultimamente le banche e, nel caso di Civitavecchia in particolare, Banca Etruria. La speranza è che il Governo attuale porti avanti quanto promesso a tutela di queste persone, non rimanendo una promessa elettorale da diventando un fatto concreto su cui lavorare nel futuro"

“Vogliamo ringraziare l’onorevole Battilocchio – ha aggiunto Simona Galizia, Vicepresidente di Donne in Movimento – per l’opportunità che ci ha concesso e per la continua presenza sul territorio, che da sempre si fa sentire senza mai abbandonarlo, dote rara di questi tempi per un deputato. Voglio inoltre ringraziare la nostra associata Maria Luisa Russo, nella quale abbiamo avuto modo di scoprire un’importante risorsa che è stata in grado di organizzare da sola un evento di questa portata. Ringrazio inoltra anche chi ha reso possibile questo, come Cristina Belletti della Talent Company e Simonetta Travagliati della Obelix Academy, che apriranno e chiuderanno l’evento con balletti delle loro scuole di danza, nonché gli attori Fabrizio Coniglio, Stefano Masciarelli e Bebo Storti. Vorrei infine ringraziare anche una persona che si è battuta da sempre su questo problema, lottando sia sotto il profilo informativo e comunicativo sia sotto l’aspetto istituzionale e sarà presente come invitata all’evento: Letizia Giorgianni Come Associazione siamo su ogni singola battaglia e a disposizione del territorio e di chi ne ha bisogno e continueremo senz’altro a farlo anche nei prossimi eventi che organizzeremo". 

Un'associazione. come ricordato dal presidente Paola Simonetti, è formata da “piccole grandi donne” che lavorano per aiutare chi è in difficoltà. "Il lavoro e la progettualità dell’Associazione è stata riconosciuta anche dalla Regione Lazio, che ha finanziato con bandi pubblici due progetti sulla sensibilizzazione alla violenza di genere e sulla lotta a bullismo e cyberbullismo – ha sottolineato – entrambi realizzati all’interno delle scuole di Civitavecchia. Non possiamo che essere soddisfatti del lavoro svolto in quest’ultimo anno”. 

Protagonisti dello spettacolo Stefano Masciarelli e Fabrizio Coniglio. “Non nascondiamo – afferma Coniglio – che è stato difficile portare l’evento nei teatri, nato da una lunga ricerca in tutta Italia in cui sono stati intervistati personalmente le vittime truffate dalle banche. Non a caso il titolo nasce proprio da una definizione che è stata data ad una di queste vittime proprio da un dipendente della banca, a significare che i colsi, una volta persi, non possono essere più ripresi. In questi casi, purtroppo, si sente sempre parlare di grandi sistemi, come le banche o il sistema bancario, ma mai delle persone coinvolte. È il sistema che si prende i soldi e i sogni delle persone, il loro futuro e il sacrificio della loro vita passata. Le pressioni commerciali non fanno sconti neanche ai venditori stessi dei titoli bancari, spesso soggetti a veri e propri ricatti lavorativi. In tutto questo chi perde è il territorio e il popolo che con fatica arriva a fine mese, e lo dimostriamo sul palco proprio grazie ai panni che andiamo a vestire, che sia un fazzoletto, un cappello o una sciarpa”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###