Visciola out anche contro il Sori

di MARCO GRANDE

La sfortuna si rivela l’ennesimo elemento caratterizzante l’inizio di stagione della Snc di mister Marco Pagliarini: dopo le due sconfitte consecutive subìte dal Como Nuoto e dallo Sportivo Surla, infatti, la società di Viale Lazio deve fare i conti con la voce “infortuni”.
La prima pedina della rosa ad essere indisponibile è il portiere Giordano Visciola, fermato a causa di una lesione di primo grado al legamento, che lo ha costretto di fatto a rinunciare alla trasferta ligure di sabato scorso e ad uscire anzitempo nella gara casalinga contro i comaschi di due settimane fa.
Proprio il classe 1991 della squadra rossoceleste ha parlato del problema che sta condizionando il proprio inizio di stagione: «Ho effettuato la prima ecografia – esordisce Visciola – con il dottor Stefano Iacomelli, presso il quale sono attualmente in cura: mi è stato pronosticato uno stop di circa dieci giorni e il successivo periodo di riabilitazione, ma vorrei avere ulteriori approfondimenti ed è per questo che nei prossimi giorni mi sottoporrò ad altri controlli da parte del medico della Nazionale Giovanni Melchiorri. Ritengo personalmente che sia importante venire a conoscenza del parere di più specialisti affinchè possa accelerare i tempi di recupero e dunque risolvere il mio dilemma».
Una tegola non indifferente per la rosa laziale, che nel prossimo match interno contro il R.N. Sori non potrà contare sull’esperienza e sull’affidabilità del portiere 27enne, ma che punterà indubbiamente sulla freschezza e la voglia di emergere del classe 2000 Mirco Pinci.
«Il periodo natalizio per me non è fortunato – continua il portiere – in quanto anche nel corso della passata stagione, a ridosso degli ultimi giorni di dicembre, ho avuto un problema all’occhio che mi ha portato in sala operatoria e cosi ho dovuto rinunciare agli ultimi impegni dell’anno solare».
L’estremo difensore aggiunge poi che, nonostante sia triste per il suo attuale deficit fisico, non è solito buttarsi giù di morale e ne approfitta anche per parlare dell’opaco momento che sta vivendo il gruppo sul piano dei risultati: «La nostra rosa è composta prevalentemente per il 70% da giocatori giovani, molto ambiziosi ma allo stesso tempo privi di esperienza – continua – e ritengo che tutti all’interno del team debbano essere consapevoli dell’importanza di giocare per questa società, affermata da tempo sia a livello regionale che nazionale. Agli occhi degli altri avversari non siamo visti come una squadra giovane bensì come un collettivo da battere».
Visciola conclude con la convinzione che il pubblico troverà una Snc diversa a partire dalla ripresa nel 2019 e che l’unico fattore in grado di determinare il cambiamento sarà la ricerca e, una volta trovato, il consolidamento dell’equilibrio. Sabato, intanto, arriva un altro test importante contro il Sori per gli uomini di patron D’Ottavio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snc, inizia il tour ligure

di MARCO GRANDE

La serie A2 di pallanuoto si appresta a tornare in acqua nella giornata di domani  per il terzo turno del campionato; la Snc di Marco Pagliarini cerca il riscatto dopo la deludente sconfitta casalinga subita sabato scorso dal Como Nuoto, che di fatto annulla le note positive viste nel corso del primo match di  Ancona, in cui i rossocelesti avevano espugnato, a detta di molti esperti, uno dei campi più ostici del girone.
Tutto da rifare, dunque, per la società di Viale Lazio, attesa lle 14 nella piscina di Bogliasco dalla formazione della Sportiva Sturla, reduce dal convincente successo per 9 a 7 in casa del fanalino di coda Brescia Waterpolo.La compagine civitavecchiese con quella genovese, però, vantano gli stessi punti in classifica, ma registrano allo stesso tempo un diverso inizio di campionato, con i laziali vincenti all’esordio e con lo Sportivo Surla che ha subito la debacle interna contro il Torino proprio due settimane fa. Mister Pagliarini potrà contare sull’esperienza, ma soprattutto sulla vena realizzativa del suo pupillo nonché dell’ elemento più rappresentativo del gruppo, ovvero capitan Romiti. Il 35enne, mattatore indiiscusso nel match di Ancona e autore di una delle sette marcature dei suoi nella gara di sabato scorso, non ha di certo intenzione di fermarsi e vuole trascinare il team di patron D’Ottavio verso una vittoria che gli darebbe morale e fiducia nei propri mezzi. Dall’ altro lato, però, la formazione civitavecchiese dovrà cercare di marcare il più possibile Dainese, uno dei giocatori di maggior rilevanza, che ha già segnato per quattro volte. Chi ha contribuito per la causa rossoceleste nella partita contro la squadra lombarda è stato senza ombra di dubbio Marco Minisini (nella foto in alto): il 24enne ha espresso il suo parere circa questo inizio di campionato dalla doppia faccia della medaglia dei suoi compagni, i quali hanno conosciuto sia la gioia per la vittoria che il gusto amaro della sconfitta.
«Il match interno contro il Como è stato preso sotto gamba – esordisce l’attaccante –  e quest’anno non possiamo permetterci il lusso di affrontare le partite in questo modo, visto che concorriamo dopo tempo nel raggruppamento del Nord. Abbiamo affrontato il terzo quarto di gara da squadra spenta e quasi priva di motivazioni; solamente nel quarto parziale di gioco ci siamo svegliati, recuperando e portando il match sul 7 a 7».
Circa il goal  che lo ha sbloccato dal punto di vista realizzativo, invece, si dichiara contento ma specifica allo stesso tempo di non voler scendere in acqua tanto per la marcatura, quanto per l’obiettivo di mettere in condizione gli altri compagni di apparire più frequentemente sul tabellino dei marcatori. Poi passa a parlare della leadership della sua guida tecnica, esaltata e considerata un punto di riferimento per tutto il gruppo: «Lo stadio del nuoto può essere gremito di persone e registrare il tutto esaurito – afferma il 24enne- ma l’unica voce che ascolto insieme ai miei compagni è proprio quella del mister,l’unica in grado di farci estraniare da tutto il resto». Infine rivogle un pensiero agli immediati avversari da affrontare: «Non conosciamo lo Sturla – conclude – che, come tutte le squadre della Liguria, sarà agguerrita e tosta ma indipendentemente da questo ce la possiamo giocare contro qualsiasi avversario. Nessuno può mettere i piedi in testa a un gruppo come il nostro che ha tanta voglia di spaccare».
Parole chiare e concise, quelle di Minisini, che portano verso un unico denominatore comune: il riscatto. Solo il campo determinerà il verdetto di una partita il cui esito appare tutt’altro che scontato.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Snc stecca la prima al PalaGalli 

di MARCO GRANDE

In un match in cui ha fatto parecchio discutere il duo arbitrale composto dai signori Camoglio e Marongiu, la Snc guidata da coach Marco Pagliarini inizia nel peggiore dei modi il proprio esordio casalingo nel campionato di serie A2: i padroni di casa cedono 8-7 al cospetto del Como Nuoto, che riscatta a sua volta l’opaco debutto di sette giorni fa in cui i lombardi sono usciti sconfitti contro i cugini del Brescia Waterpolo. La partita inizia in modo positivo per la Snc, che trova il vantaggio dopo appena 57’’ grazie al capitano Romiti, abile a concretizzare il suggerimento del compagno Minisini e ad insaccare alle spalle di un incerto Viola. Durante il primo quarto sembra essere evidente la supremazia territoriale della compagine di Viale Lazio, ma nonostante ciò legni colpiti e occasioni non sfruttate contribuiscono a rimanere sul punteggio di 1-0. 
La beffa arriva a 40’’ dal termine dei primi otto minuti, grazie al pareggio di Foti, lesto ad approfittare della momentanea superiorità numerica a proprio favore.
Nel secondo quarto la formazione casalinga sembra abbandonare sul piano mentale la propria partita, subendo il contraccolpo psicologico derivato dal gol incassato allo scadere della prima frazione di gioco: a Minisini e ad Echenique rispondono prontamente Pagani e Fusi. Di Ferrero e Toth, poi, le reti che fissano alla fine del primo tempo il punteggio sul 3-6.
Il terzo periodo di gara parte con la massima frustrazione della Snc, dovuta sia ad un passivo obiettivamente immeritato che al gioco scorretto degli avversari, spesso autori di falli antisportivi. La sfida si incattivisce e i rossocelesti subiscono un ulteriore 1-2 determinante ai fini del risultato finale.
L’ultimo periodo di gioco inizia con l’evidente delusione del pubblico sugli spalti per un match che rischia di diventare una disfatta vera e propria, ma i padroni di casa reagiscono clamorosamente: il classe 2000 Luca Pagliarini (nella foto) segna una doppietta, intervallata dalla rete dell’esperto Muneroni e la gara torna improvvisamente sul binario di parità. L’inerzia psicologica dell’incontro sembra essere ora totalmente a favore del team civitavecchiese, gli spettatori lo capiscono e si lasciano andare ad un tifo sfrenato. Proprio nel miglior momento, però, il temuto Busilacchi trova una rete che dà morale e fiducia ai comaschi, che alla fine resistono nei 180’’ finali e tornano in Lombardia con il bottino pieno.
Autore di una delle reti della speranza è stato il classe 1997 Checchini, il quale ha commentato la debacle interna subìta dai suoi: «Abbiamo affrettato troppo ma soprattutto ci siamo svegliati tardi – esordisce il 21enne – e queste sono le dirette conseguenze che dobbiamo pagare. Riconosco che ci siamo innervositi per l’arbitraggio rivedibile e per la loro cattiveria in acqua, ma ciò non ci attribuisce nessuna scusante. Ora lavoreremo duro con la testa rivolta al prossimo impegno».
Tutto da rifare dunque per la formazione laziale, attesa da una settimana di fuoco in cui dovrà non solo rivedere gli errori di giornata ma preparare anche la prossima impegnativa trasferta contro lo Sportivo Surla.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snc pronta all'esordio casalingo

di MARCO GRANDE

La lunga attesa per gli amanti della pallanuoto cittadina sta per finire: a distanza di quasi sei mesi dall’ultima apparizione, infatti, la Snc di mister Marco Pagliarini torna a giocare una partita ufficiale al PalaEnel Marco Galli e si appresta a farlo in occasione del match valevole per la seconda giornata del campionato di serie A2. Alle 15 i rossocelesti si troveranno di fronte il Como Nuoto, gruppo sicuramente molto adirato ma allo stesso tempo motivato, considerando che viene dalla sconfitta casalinga di misura nel derby tutto lombardo contro il Brescia Waterpolo.
Da un lato, dunque, vi è la formazione comasca che è desiderosa di riscattarsi non solo sul piano del risultato ma anche a livello morale; dall’altro, invece, il team di patron D’Ottavio vuole trovare la continuità di rendimento all’interno dei quattro quarti e conseguentemente anche la costanza nei risultati positivi. Per la squadra civitavecchiese l’ideale sarebbe evitare quei cali di tensione che hanno rischiato seriamente di compromettere il match inaugurale di Ancona, rimesso in sesto solamente grazie alla freddezza dai cinque metri del classe 1997 Checchini e alle quattro reti siglate da capitan Romiti.
Proprio l’elemento più carismatico in acqua della società di Viale Lazio ha ricordato il convincente successo all’esordio di sabato scorso, spaziando anche sull’imminente impegno da superare: «Sicuramente iniziare con una vittoria è molto importante  – esordisce Romiti – e aiuta a lavorare meglio. Siamo un gruppo composto prevalentemente da giovani  che deve comunque perfezionarsi partita dopo partita. Della squadra del Como non ho particolari informazioni sul loro modo di giocare; conosciamo solo qualche elemento ma indipendentemente da questo contro qualsiasi avversario cercheremo di imporre sempre il nostro tipo di pallanuoto».
Chi invece sembra essere particolarmente attento a determinati giocatori avversari è l’esperto difensore 39enne Daniele Simeoni, tornato proprio quest’anno nella piscina in cui iniziò la sua avventura agonistica.
«Il Como arriverà da noi agguerrito, soprattutto in virtù del flop interno subito dalla neo promossa Brescia – inizia Simeoni – e personalmente ritengo di non avere alcun tipo di pressione. Anzi, aiuterò i più giovani a trasformare la tensione in fame di vittoria. Quanto alla nostra prossima squadra avversa dobbiamo stare attenti a delle individualità come il centroboa Busilacchi insieme al forte tiratore Toth. Il giovane quanto forte portiere ventiduenne Viola termina l’assetto di un team che dimostra di essere completo in tutti i reparti».
Nel suo discorso finale non mancano delle parole per lo stadio che lo ha accolto sin da quando era bambino: «Quando giochi per i colori della tua città e della squadra con la quale sei cresciuto professionalmente – conclude – c’è più fascino e più voglia di divertirsi. Pertanto, tornare a giocare qui avrà un sapore particolare».
A giudicare dalle parole dei due leader della squadra rossoceleste, non sembrano mancare le motivazioni, l’unica componente che a maggio sarà decisiva per valutare il percorso della Snc, gruppo attualmente costruito per il mantenimento della categoria, ma a cui di certo non dispiacerebbe un ritorno nella massima serie a distanza di sei stagioni dall’ultima volta.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snc corsara ad Ancona

di MARCO GRANDE

Inizia nel miglior modo possibile il cammino della Snc di coach Marco Pagliarini: nell’insidioso match di Ancona i rossocelesti s’impongono per 8-7, sfoderando una buona prestazione sul piano del gioco e della tenuta mentale. A buon fine, quindi, il primo test dell’anno che, a detta del tecnico civitavecchiese, nascondeva molte insidie. Di fronte a circa 150 spettatori paganti, le due squadre hanno dato vita ad una gara votata all’attacco, che mette comunque in risalto l’equilibrio complessivo tra le due formazioni. Dopo 1’15’’ ad aprire le marcature è uno degli elementi più rappresentativi della formazione di patron D’Ottavio, l’inesauribile Davide Romiti: il capitano approfitta della superiorità numerica per portare in vantaggio i suoi con l’obiettivo di incanalare sin dall’inizio la partita a proprio favore. I padroni di casa, però, non ci stanno e pareggiano quasi immediatamente con la marcatura di Pieroni. Checchini per i civitavecchiesi e Bartolucci per i marchigiani fissano alla fine del primo quarto il punteggio sul 2-2. Nel secondo quarto ancora il capitano della Snc, approfittando di un’ennesima situazione di superiorità in proprio favore, fissa il punteggio sul 4-2. Il Vela Ancona Nuoto, però, è una squadra che difficilmente getta la spugna e le successive marcature di Sabatini e Bartolucci ne sono una concreta dimostrazione. Forse è il rigore trasformato da Checchini a 12’’ dalla fine del primo tempo l’episodio che dà alla squadra in trasferta più fiducia nei propri mezzi e la consapevolezza di poter ambire concretamente ad un risultato importante. Nel corso del terzo quarto il numero 3 degli ospiti Minisini esce dalla vasca per proteste e la formazione laziale subisce un contraccolpo psicologico, incassando due reti in poco tempo. La reazione civitavecchiese non tarda ad arrivare, col proprio leader Romiti prima, con Pagliarini e Simeoni poi. Si va agli ultimi 8 minuti di gara sul risultato di  6-8 e non basta nell’ultimo quarto il parziale di 1-0 in favore dell’ Ancona per provare almeno a portarsi in parità. Il fischio finale arriva e consegna i primi punti in classifica alla Snc, fondamentali anche sul piano morale in vista dei prossimi appuntamenti prima della sosta natalizia.
Il classe 1997 Leonardo Checchini ha così descritto il primo match stagionale: «È stato un bell’incontro – debutta – in quanto pur affrontando una squadra forte, siamo riusciti a portare a casa la vittoria grazie alla nostra difesa e alla capacità del gruppo di restare unito».
Il capitano Davide Romiti, invece, mantiene i piedi per terra: «Secondo me è stata una partita un pò confusionaria all’inizio ma alla fine siamo sempre stati sopra, disputando un match da grande squadra; dunque è stato un esordio più che positivo. Siamo tutti contenti ma ricordiamo che ci attende ancora un’intera stagione».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snc corsara ad Ancona

di MARCO GRANDE

Inizia nel miglior modo possibile il cammino della Snc di coach Marco Pagliarini: nell’insidioso match di Ancona i rossocelesti s’impongono per 8-7, sfoderando una buona prestazione sul piano del gioco e della tenuta mentale. A buon fine, quindi, il primo test dell’anno che, a detta del tecnico civitavecchiese, nascondeva molte insidie. Di fronte a circa 150 spettatori paganti, le due squadre hanno dato vita ad una gara votata all’attacco, che mette comunque in risalto l’equilibrio complessivo tra le due formazioni. Dopo 1’15’’ ad aprire le marcature è uno degli elementi più rappresentativi della formazione di patron D’Ottavio, l’inesauribile Davide Romiti: il capitano approfitta della superiorità numerica per portare in vantaggio i suoi con l’obiettivo di incanalare sin dall’inizio la partita a proprio favore. I padroni di casa, però, non ci stanno e pareggiano quasi immediatamente con la marcatura di Pieroni. Checchini per i civitavecchiesi e Bartolucci per i marchigiani fissano alla fine del primo quarto il punteggio sul 2-2. Nel secondo quarto ancora il capitano della Snc, approfittando di un’ennesima situazione di superiorità in proprio favore, fissa il punteggio sul 4-2. Il Vela Ancona Nuoto, però, è una squadra che difficilmente getta la spugna e le successive marcature di Sabatini e Bartolucci ne sono una concreta dimostrazione. Forse è il rigore trasformato da Checchini a 12’’ dalla fine del primo tempo l’episodio che dà alla squadra in trasferta più fiducia nei propri mezzi e la consapevolezza di poter ambire concretamente ad un risultato importante. Nel corso del terzo quarto il numero 3 degli ospiti Minisini esce dalla vasca per proteste e la formazione laziale subisce un contraccolpo psicologico, incassando due reti in poco tempo. La reazione civitavecchiese non tarda ad arrivare, col proprio leader Romiti prima, con Pagliarini e Simeoni poi. Si va agli ultimi 8 minuti di gara sul risultato di  6-8 e non basta nell’ultimo quarto il parziale di 1-0 in favore dell’ Ancona per provare almeno a portarsi in parità. Il fischio finale arriva e consegna i primi punti in classifica alla Snc, fondamentali anche sul piano morale in vista dei prossimi appuntamenti prima della sosta natalizia.
Il classe 1997 Leonardo Checchini ha così descritto il primo match stagionale: «È stato un bell’incontro – debutta – in quanto pur affrontando una squadra forte, siamo riusciti a portare a casa la vittoria grazie alla nostra difesa e alla capacità del gruppo di restare unito».
Il capitano Davide Romiti, invece, mantiene i piedi per terra: «Secondo me è stata una partita un pò confusionaria all’inizio ma alla fine siamo sempre stati sopra, disputando un match da grande squadra; dunque è stato un esordio più che positivo. Siamo tutti contenti ma ricordiamo che ci attende ancora un’intera stagione».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snc, è il giorno dell’esordio

Il conto alla rovescia, iniziato verso la metà di settembre, è giunto alla conclusione e per l’entusiasmo degli amanti dello sport cittadino ritorna il grande appuntamento con la pallanuoto, a distanza di quasi sei mesi dall’ultima volta. Dopo sessanta giorni abbondanti di preparazione e di intense bracciate, la Snc di Marco Pagliarini si presenta ai nastri di partenza del campionato di serie A2 con tante ambizioni e con un’incessante voglia di affermarsi. Anche in questo campionato l’allenatore del team e i vertici della dirigenza in generale hanno intenzione di dare molto spazio e soprattutto fiducia ai giovani, affiancandoli ai vari senatori quali Daniele Simeoni e il capitano Davide Romiti, leader indiscusso del gruppo di Viale Lazio.
La compagine rossoceleste inizierà oggi alle 16 il suo cammino in trasferta contro l’Ancona in un contesto del tutto inedito, visto i molteplici anni passati nel girone sud. Saranno assenti i giovani Midio e Carlucci, entrambi influenzati.
Della sfida odierna ha parlato mister Pagliarini, facendo il punto della situazione sulla trasferta marchigiana e le probabili relative insidie legate ad essa: «Temiamo l’Ancona anche se non si tratta affatto di un timore reverenziale, ma è semplicemente una paura legata all’alto rispetto che nutriamo non solo nei confronti dei nostri immediati avversari, ma di tutte le altre formazioni in generale contro cui dovremo competere. Affronteremo una squadra in un match pieno di insidie: lo scorso anno l’Ancona ha cercato di ottenere una salvezza tranquilla e ci è riuscita perfettamente, tra l’altro con quattro o cinque giornate di anticipo.Voglio anche ricordare che è riuscita ad imporsi contro formazioni più quotate come il Bologna, che alla fine è arrivata ai playoff».
Secondo il selezionatore e motivatore della Snc, un’ulteriore difficoltà nel match di oggi potrebbe essere rappresentata dalla vasca scoperta che ospiterà la compagine di patron D’Ottavio, ennesimo elemento, dunque, che potrebbe compromettere una partita dall’esito tutt’altro che scontato.
Nonostante sia comunque una gara d’esordio, il match marchigiano di oggi sarà comunque fondamentale per il morale dei ragazzi che prima della sosta natalizia dovranno affrontare altri tre esami impegnativi.
«Il fatto di giocare quattro partite per poi fermarsi un mese potrebbe costiuire un problema per noi e per le altre concorrenti in gioco – conclude coach Pagliarini – in quanto non giocando con continuità è come se questo filotto iniziale di gare sia una sorta di preparazione al campionato, comunque sarebbe fondamentale iniziare nel migliore dei modi la nostra avventura».
Giunto ormai alla diciottesima stagione alla guida tecnica della sua squadra, l’inesauribile Marco Pagliarini spera dunque in un successo che possa dare fiducia ad un gruppo attualmente costruito per il mantenimento della categoria e per la valorizzazione dei giovani, fiore all’occhiello di una rosa il cui obiettivo principale è indubbiamente quello di emergere. (Ma. Gra.)
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

 Snc ai blocchi di partenza

di MARCO GRANDE

Si è tenuta nella giornata di ieri all’hotel San Giorgio la presentazione della Snc di patron Roberto D’Ottavio in vista dell’imminente esordio di sabato, dove la compagine di coach Marco Pagliarini se la vedrà in trasferta contro l’Ancona in una partita tutt’altro che scontata.
La società rossoceleste ha potuto vantare alla conferenza la presenza di buona parte degli elementi della prima squadra, compreso l’inesauribile Davide Romiti, uno dei giocatori più rappresentativi della storia recente del club di Viale Lazio. Proprio il capitano ne ha approfittato per esprimere la sua opinione circa l’anno agonistico che verrà, parlando anche dell’insidiosa trasferta marchigiana di questo fine settimana: «Storicamente questo gruppo ha sempre reso meglio fuori casa – esordisce – e ritengo che sia positivo il fatto di disputare il primo match lontano dalle mura amiche in quanto saremo liberi di esprimerci senza eventuali pressioni da parte del pubblico casalingo».
Non sono mancate parole nei confronti di Castello, Iula e Bogdanovic, ormai ex rossocelesti, e in generale del nuovo organico della rosa. Secondo il 35enne le partenze dei suoi ormai vecchi compagni sono state ben rimpiazzate dalla società con l’acquisto di Echenique e con la valorizzazione dei giovani, da sempre uno degli obiettivi primari del presidente e della guida tecnica del gruppo. «Credo sia normale che ci manchino dal punto di vista umano – aggiunge – ma ognuno è libero di prendere le proprie decisioni e noi in quanto tali le rispettiamo».
Anche il classe 1997 Checchini ha voluto precisare le probabili difficoltà legate ad Ancona, sottolineando che i suoi scenderanno in acqua contro una formazione difficile da affrontare e ribadendo che in caso di sconfitta bisogna solamente pensare a lavorare duro per migliorarsi; è soprattutto sull’aspetto del perfezionamento personale che il ventunenne vuole puntare quest’anno: «Ormai non sono più considerato un talento, ma sono comunque giovane e cercherò di trasmettere ai ragazzi più piccoli del team ciò che i senatori del gruppo sono riusciti a darmi; ovviamente vorrò dimostrare sempre di più le mie qualità».
Una lungo discorso, infine, è stato concesso dal presidente Roberto D’Ottavio, il quale si è detto positivo in vista dei prossimi impegni e del campionato in generale: «Mi aspetto che quest’anno sia ancora più semplice affermarsi – inizia – anche grazie alla presenza di giovani ambiziosi e con tanta voglia di emergere».
Il numero uno del club rossoceleste ha precisato anche l’importanza della cura incessante rivolta allo Stadio del Nuoto, il cui mantenimento costa molto ma è anche soddisfatto della percentuale elevata di pallanuotisti civitavecchiesi presenti in rosa.
«Siamo una società seria – conclude – che ha sempre avuto la stessa partita iva, nonostante le difficoltà economiche incontrate ed è proprio questa onestà il nostro miglior vanto. Molte squadre di serie A1 non pagano neanche gli spazi d’acqua poichè possiedono protezioni politiche che noi non abbiamo».
A giudicare dalle parole dei vertici della dirigenza e dei protagonisti in vasca, quella che sta per iniziare sembra essere un’annata ricca di intense emozioni, indipendentemente dagli aspetti legati ai risultati, gli unici, comunque, che determineranno il valore effettivo di una rosa attualmente progettata per il mantenimento della categoria.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snc pronta a stupire nel girone Nord

di MARCO GRANDE

Il conto alla rovescia, già iniziato dagli albori della preparazione, sta per arrivare al suo culmine. Gli amanti della pallanuoto cittadina si apprestano a vivere l’ennesima stagione agonistica ad alti livelli della Snc, con la speranza che possa regalare quel sogno attualmente utopico rappresentato dalla promozione. 
A nove giorni esatti dall’ inizio del campionato di serie A2, la formazione guidata dall’inesauribile Marco Pagliarini intensifica il lavoro svolto a partire da fine settembre. Il clima che sembra trapelare al PalaEnelMarco Galli è quello di un cauto ottimismo per la società di patron D’Ottavio: da parte della squadra la voglia di mettersi in gioco secondo le proprie potenzialità è tanta, così come la volontà di spingersi oltre i propri limiti. Un binomio perfetto, dunque, che aiuterà il team di capitan Simeoni in vista delle prime partite di un campionato che per i rossocelesti sarà una sorta di incognita: la Snc, infatti, concorrerà nel girone del Nord a distanza di anni dall’ultima apparizione in questo raggruppamento. Come espresso in estate dai vertici della società, un altro obiettivo da conseguire nell’arco di questa intensa annata è la valorizzazione dei giovani. 
Proprio il talentuoso classe 1997 Leonardo Checchini ha parlato in vista del primo grande scoglio che la sua truppa deve superare, l’Ancona: «Non avendo mai giocato contro la formazione marchigiana – inizia – non sappiamo in che modo si esprimono; pertanto la affronteremo a viso aperto e concorrendo soprattutto da squadra. Vincere al debutto sarebbe fondamentale ma in caso di sconfitta non dobbiamo assolutamente farne un dramma in quanto occorrerà tempestivamente correggere i nostri eventuali errori in vista degli impegni seguenti».
Circa i suoi obiettivi personali, invece, l’interno vuole prima di tutto confermare quanto ha dimostrato in precedenza a livello agonistico e provare a migliorarsi bracciata dopo bracciata. Senza screditare il reparto offensivo, il ventunenne ritiene inoltre che sia la difesa il nucleo dal quale è possibile costruire i risultati. Infine afferma che nel primo appuntamento stagionale il fattore campo, il quale inevitabilmente comporterà una considerevole riduzione dell’affluenza dei tifosi, non sarà affatto un problema: «Penso che inaugurando il torneo in casa avremmo avuto più pressione; dunque il fatto di giocare a 300 km da qui è assolutamente un aspetto positivo».
Il cammino del team civitavecchiese inizierà sabato 24 novembre da Ancona. Dopo il match inaugurale saranno tre le sfide successive che poi condurranno alla sosta del periodo natalizio: le gare casalinghe contro Como Nuoto e R. N. Sori e nel mezzo la trasferta contro la Sportiva Surla delineeranno quali sono gli obiettivi per cui questa formazione è realmente in grado di lottare e attribuiranno quindi l’effettiva dimensione di un gruppo attualmente costruito per il mantenimento della categoria.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###