Coppa delle Province:  il Tc Dlf cala il poker

È stata sicuramente l’edizione più bella della storia della Coppa delle Province AICS. Vince nuovamente, stabilendo il record di quattro vittorie nelle ultime quattro edizioni, la squadra del Dlf Civitavecchia 1 in finale contro il DR24 1 di Lucca. 
Dal 7 al 9 settembre scorsi a Cervia/Cesenatico presente la folta schiera di tennisti Agostini, Zeoli, Barone, Guccione,  Donti, Donghi,  Anniballi, Russi, Di Michele, Salvi, Vucetich, Corrao, Mentonelli e Bentivoglio, in rappresentanza dei colori del Tc Dlf Civitavecchia diretti dal capitano non giocatore Paolo Corrao.
«Nonostante il maltempo annunciato – raccontano dal Tc Dlf Civitavecchia – l’intera manifestazione è stata accompagnata da uno splendido sole e una temperatura estiva ideale. Sportività, agonismo, goliardia, hanno reso ogni incontro piacevole e divertente da giocare e da osservare. La professionalità dello staff che ha condotto la manifestazione è stata come sempre ineccepibile. L’ospitalità di Marco della struttura del “Ten… Pinarella” e dell’incomparabile Lorenzo del circolo “Il Circolino”, hanno fatto sentire di casa i giocatori arrivati dalle varie parti di Italia. Un ringraziamento all’Hotel Thomas per l’accoglienza, la disponibilità e la flessibilità negli orari dei pasti. Ma soprattutto grazie a tutte le squadre partecipanti, ben 21, tre in più dello scorso anno, che hanno aderito all’appuntamento nazionale, confermando il gradimento e l’apprezzamento per l’organizzazione dello staff dell’Aics Tennis».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«L'ambulanza impiegherà 30 minuti e non più 12 per arrivare in ospedale»

LADISPOLI – Che ne sarà della via Settevene Palo Nuova di Cerveteri? I massi crollati dal costone tufaceo sono ancora lì, la strada di collegamento con Bracciano è ancora chiusa. Lecito farsi questa domanda anche perché le istituzioni locali non hanno ancora chiaro il quadro della situazione. Non solo i cerveterani protestano, anche centinaia di ladispolani ogni giorno percorrono l’arteria provinciale in direzione delle località del lago, e dell’ospedale Padre Pio di Bracciano. Inevitabili i disagi anche per i vigili del fuoco e i mezzi del 118. “Se fino a venerdì mattina un’ambulanza impiegava da Cerveteri 12 minuti per raggiungere l’ospedale Padre Pio di Bracciano, ora ce ne vorranno 30 di minuti”, critica Mario Pagano, delegato Ares 118 Funzione Pubblica Cgil. “Ci sono altre strade naturalmente ma questa era quella che abbatteva i tempi raggiungendo prima l’ospedale e il pronto soccorso di Bracciano”, prosegue ancora Pagano. La strada è franata nel 2014 e da allora si viaggia a senso unico alternato tra i chilometri 12 e 13. Quattro anni di attesa per ricostruire l’arteria principale franata in più parti. Nel 2015 la ex Provincia spese più di 200mila euro per risistemare l’enorme voragine che dopo poco tempo tornò ad inghiottire metà carreggiata. Fu uno spreco di soldi pubblici. Ora cittadini e automobilisti, ma soprattutto le migliaia di pendolari giornalieri, sono preoccupati davvero e pensano che la strada rimanga chiusa per ragioni di sicurezza. L’altro pomeriggio il drone pilotato da Luigi Cicillini, membro della protezione civile di Ladispoli, ha sorvolato il costone per osservare nel dettaglio eventuali crepe nelle fessure. Visivamente emergono delle criticità nelle pareti, spetterà ora ai tecnici preposti studiare un piano per la rimozione dei massi e la messa in sicurezza dell’area.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Rapinò l'ufficio postale ferendo il direttore: arrestata ex guardia giurata

BRACCIANO – I Carabinieri della Compagnia di Bracciano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Civitavecchia – Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari – nei confronti di un 51enne romano poiché ritenuto il responsabile della rapina all’ufficio postale di Bracciano dello scorso mese di luglio.

Nello specifico, il 51enne – con un passato da guardia giurata – con il volto travisato da un berretto ed armato di coltello e pistola, fece irruzione nell’ufficio postale e, dopo aver minacciato il direttore puntandogli il coltello alla gola, gli ordinò di consegnargli il denaro contenuto nelle casse e nel “caveau”.

A seguito dell’iniziale resistenza da parte della vittima, il rapinatore lo colpì più volte con il coltello, ferendolo alle braccia e al volto e riuscendo ad impossessarsi della somma di 31.000 euro circa, per poi darsi alla fuga a bordo di una Ford Focus di colore grigio, senza la targa posteriore. 

L’attività investigativa immediatamente avviata dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bracciano e coordinata dal Sostituto Procuratore presso la Procura di Civitavecchia Mirko Piloni ha permesso di ricostruire fedelmente i movimenti del reo, sia nella fase di avvicinamento al luogo del delitto, sia durante la successiva fuga dopo il colpo.

Di fondamentale importanza sono stati l’attenta analisi del traffico telefonico e la visione dei sistemi di videosorveglianza insistenti sul Comune di Bracciano e su tutta l’area provinciale di Roma-Ovest. In particolare, è emerso che il rapinatore, poco prima di effettuare il colpo, sostò alcuni minuti in un bar poco distante dall’ufficio postale per osservare l’obiettivo in modo indisturbato e senza sollevare sospetti.

Pertanto, l’Autorità Giudiziaria, concordando con le risultanze investigative, ha disposto nei suoi confronti la misura della custodia cautelare in carcere, ritenuta proporzionata ed adeguata all’entità e gravità dei fatti.

Per il 51enne, si sono aperte le porte del carcere di Regina Coeli.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Bracciano, rapinò l'ufficio postale: 51enne in manette

BRACCIANO – I Carabinieri della Compagnia di Bracciano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Civitavecchia – Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari – nei confronti di un 51enne romano poiché ritenuto il responsabile della rapina all’ufficio postale di Bracciano dello scorso mese di luglio.
Nello specifico, il 51enne – con un passato da guardia giurata – con il volto travisato da un berretto ed armato di coltello e pistola, fece irruzione nell’ufficio postale e, dopo aver minacciato il direttore puntandogli il coltello alla gola, gli ordinò di consegnargli il denaro contenuto nelle casse e nel “caveau”.
A seguito dell’iniziale resistenza da parte della vittima, il rapinatore lo colpì più volte con il coltello, ferendolo alle braccia e al volto e riuscendo ad impossessarsi della somma di 31.000 euro circa, per poi darsi alla fuga a bordo di una Ford Focus di colore grigio, senza la targa posteriore. 
L’attività investigativa immediatamente avviata dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bracciano e coordinata dal Sostituto Procuratore presso la Procura di Civitavecchia – Dott. Mirko Piloni – ha permesso di ricostruire fedelmente i movimenti del reo, sia nella fase di avvicinamento al luogo del delitto, sia durante la successiva fuga dopo il colpo.
Di fondamentale importanza sono stati l’attenta analisi del traffico telefonico e la visione dei sistemi di videosorveglianza insistenti sul Comune di Bracciano e su tutta l’area provinciale di Roma-Ovest. In particolare, è emerso che il rapinatore, poco prima di effettuare il colpo, sostò alcuni minuti in un bar poco distante dall’ufficio postale per osservare l’obiettivo in modo indisturbato e senza sollevare sospetti.
Pertanto, l’Autorità Giudiziaria, concordando con le risultanze investigative, ha disposto nei suoi confronti la misura della custodia cautelare in carcere, ritenuta proporzionata ed adeguata all’entità e gravità dei fatti.
Per il 51enne, si sono aperte le porte del carcere di Regina Coeli.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Idrico, i disagi si moltiplicano

CIVITAVECCHIA – Continua a non esserci pace sul fronte idrico cittadino tra rubinetti a secco e ordinanze di non potabilità. Un mese particolarmente difficile per i civitavecchiesi iniziato con giorni di siccità e disservizi, poi un’ordinanza di non potabilità – 3 agosto – per le zone di Campo dell’Oro, San Gordiano e Boccelle per «parametri microbiologici non conformi», seguita poi da un’altra che ha esteso – il 14 agosto – la non potabilità ad altre zone (viale Lazio San Liborio, via del Casaletto rosso alta e via Terme di Traiano alta). Mercoledì scorso, invece, una nuova modifica all’ordinanza che dà l’ok all’utilizzo dell’acqua in tutte le aree tranne quella di Boccelle bassa proprio a causa dei trialometani. Lunedì si aggiunge, sempre per la stessa motivazione, San Gordiano all’ordinanza di non potabilità. Dati che preoccupano perché nelle prime ordinanze veniva chiesto ad Acea di intraprendere tutte le azioni necessarie per rendere nuovamente l’acqua potabile, dopo pochi giorni sono i trialometani a superare i parametri consentiti dalla legge. Proprio su questo dato interviene il consigliere comunale del Polo democratico Mirko Mecozzi: «Evidentemente – incalza – c’è qualcosa che non quadra con la disinfezione delle acque perché come ricordato, i trialometani si formano per gli eccessivi dosaggi di cloro utilizzati nell’acqua avviata all’utenza». È importante sottolineare come con questo tipo di inquinamento l’acqua non sia utilizzabile nemmeno se precedentemente bollita. Insomma, c’è preoccupazione. Ma per Mecozzi c’è qualcosa che non quadra perché ricorda come siano solo «alcuni mesi che Enel, con l’accordo Via, ha installato e regolato su tutti i serbatoi comunali – ricorda il consigliere d’opposizione – i nuovi impianti di colorazione automatica di ultima generazione, così perlomeno li chiamava l’assessore Alessandro Ceccarelli, quindi se le regolazioni sono saltate e senza controllo è facile che la quantità di cloro che viene immessa nell’acqua sia tale da superare i limiti imposti dalla legge e formare i composti trialometani. Ritengo – prosegue Mecozzi – che debba essere avviata una campagna di controllo più attenta che mai sui sistemi di disinfezione dell’acqua attualmente erogata, così come va verificata anche la qualità delle altre acque che, oltre ad Acea, affluiscono nei serbatoi comunali e principalmente quelli di Achille Montanucci e San Gordiano. Quello che va fatto nuovamente osservare – tuona il consigliere – è che l’amministrazione comunale non ha il polso adatto e giusto, chissà poi perché, per imporre ad Acea stessa di mettere in campo attività di controllo più efficienti e concrete e che l’aver concesso con troppa facilità la gestione del servizio idrico si è rivelata una operazione sbagliata che sta producendo ormai da mesi solo disagi alla cittadinanza». Duro il consigliere contro i pentastellati. In questo mese i disagi si sono moltiplicati al punto che il sindaco Cozzolino ha scritto formalmente ad Acea, definendo i disservizi «inaccettabili» e poi silenzio. Un’azione che non basta, non secondo Mecozzi. «Altro non aggiungo – continua il consigliere comunale – perché sulla questione si sono usati fiumi di inchiostro e sprecate una infinità di parole con il solo risultato al momento di vivere un disagio che nessuno con l’avvento di Acea avrebbe mai immaginato. Ed intanto – conclude duro Mecozzi – i cittadini devono fare anche i conti con le loro tasche. Una situazione che grida vendetta e qualcos’altro».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mister Consalvo: ''La rosa è al completo''

La squadra ha iniziato ieri a correre.
Prima il discorso di mister Consalvo, poi tutti sotto per togliere dalle gambe le tossine estive.
«I primi giorni ci serviranno – spiega il tecnico –  per ritrovare un po’ di smalto, poi inizieremo la vera preparazione atletica lavorando tanto con il pallone. La Futsal Isola è un modello per tutti, mentre il il Real Fiumicino è casa mia. Qui c’è tutto per fare bene. Da questa unione può nascere qualcosa di importante. Peccato per la mancanza di una struttura, spero si possa risolvere presto questa situazione. La rosa – continua mister Consalvo – è quasi al completo. Qualche limatina ancora e poi sarà definitiva. Ci manca un mancino e ci dovremo un po’ adattare inzialmente, studiare alcune soluzioni soprattutto sulle palle inattive. Il roster è comunque molto competitivo. Partiamo con la voglia di fare un campionato importante e di toglierci più di una soddisfazione. Riguardo la prima squadra – conclude – volevamo un settore giovanile che fosse collegato ad essa. Ecco perché curerò direttamente io l’under 19. Avrò modo di osservare i ragazzi sia in allenamento che durante le partite di campionato così da promuoverli con i senior, in caso mi diano garanzie e prova delle loro qualità. La nostra idea è creare un vivaio importante che in futuro possa dare nuove forze alla prima squadra».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Acqua, Mecozzi all’attacco

CIVITAVECCHIA – “Una crisi idrica che attanaglia diverse aree della città ormai in pianta stabile e la cosa peggiore è che il Sindaco Cozzolino continua a dire che questo anno la fornitura è doppia rispetto allo scorso anno e quindi non si capisce cosa determina questa situazione insostenibile per migliaia di cittadini. Ad aggravare la situazione ci si è messa un’ordinanza  di non portabilità tuttora vigente che non ne consente l'uso se non attraverso degli accorgimenti sanciti dalla ASL. Appare chiaro quali e quante siano le responsabilità del fatto e l'Amministrazione non ne è affatto esclusa perché il Sindaco Cozzolino è e resta il maggior responsabile della tutela della salute pubblica ed è lui che deve intervenire con tutti i mezzi che ha a disposizione per obbligare ACEA a porre fine a questa vicenda dai lati oscuri”. 

È critico il consigliere di opposizione Mirko Mecozzi, alla luce dei numerosi disagi vissuti dai cittadini. E ricorda che “Il Sindaco di Cerveteri Pascucci è riuscito a far aumentare da Acea la portata idrica per Campo di Mare dando soluzione – ha spiegato – ad una questione analoga a Civitavecchia, con l'unica differenza che lui ci è riuscito e Cozzolino ancora no. Acea adotta la medesima tattica dello scorso anno riducendo al lumicino le portate idriche nel fine settimana, perché deve garantire un afflusso idrico superiore alle utenze litoranea a Nord di Roma che proprio nel fine settimana vedono duplicare i cittadini che si affollano sulle spiagge romane e tutto a danno dei civitavecchiesi che riescono a respirare, si fa per dire, solo nei giorni infrasettimanali. Anche le manovre suggerite dai tecnici comunali, sempre che siamo messe in atto – ha aggiunto – hanno dato risultati deludenti ed allora ci si chiede, se le portate sono doppie rispetto allo scorso anno, che fine faccia l'acqua immessa in rete anche perché mi sembra di osservare che le perdite idriche al momento sono abbastanza contenute rispetto al recente passato. Il giochino di dare la responsabilità agli altri non regge più, le risposte serie il cittadino le pretende dal suo Sindaco, quello che hanno votato affinché guidasse la città in un percorso di crescita e non certo di involuzione, cosa invece che sta sotto gli occhi di tutti. Appare chiaro proprio agli occhi di tutti, che in questi ormai quasi 5 anni di mandato non è stato creato un sol posto di lavoro, si è invece incrementato, la disoccupazione, l'incertezza del futuro delle aziende storiche, il commercio in crisi, gli esercizi commerciali chiusi, le periferie abbandonate, la crisi idrica, l'acqua non potabile, le strade dissestate, i cimiteri esauriti, il verde pubblico malcurato, il trasporto pubblico mediocre, la qualità dell'aria mediocre/pessima, la mortalità ai primi posti a livello nazionale e chi più ne ha più ne metta. Un quadro desolante – ha concluso Mecozzi – che fa di questa Amministrazione, nonostante i buoni propositi, forse, una delle peggiori che la storia di Civitavecchia ricordi e pensare che solo pochi anni fa è stata considerata quella della svolta e del cambiamento, peccato però che lo abbia fatto soltanto in negativo”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La magia di Tolfarte continua a stupire

TOLFA – Non finiscono di stupire i ragazzi della Comunità giovanile di Tolfa: per questa edizione 2018 di Tolfarte, in sinergia con l’assessore Cristiano Dionisi e il sindaco Luigi Landi hanno messo in atto un’altra novità che ha colpito tutti, cioè una serata-anteprima con il meraviglioso spettacolo de ‘’Il Circo Bianco’’ che ha richiamato migliaia di persone e tutte sono rimaste incantate. Uno spettacolo eccezionale ed emozionante in ogni sua parte quello proposto dai bravissimi artisti: una favola accompagnata da immagini e da musiche che hanno saputo accompagnare gli artisti (ballerini, funamboli, acrobati, giocolieri, clown) nelle loro performance uniche e mozzafiato in un crescendo di momenti di allegria, magia, poesia ed emozioni. Il tutto si è aperto con l’entrata in scena di tutti i ragazzi della CGT (quest’anno al gruppo si sono aggiunti una quindicina di giovanissimi che hanno portato una ventata di novità) e tutti hanno potuto vedere in faccia gli autori del grande festival del Tolfarte. Sul palco anche l’assessore Dionisi e il sindaco Landi che hanno aperto la serata. Tra il pubblico il deputato Alessandro Battilocchio che ha dato il via a questa manifestazione. Durante la serata è stato inaugurato il premio ‘’Vincenzo Cacciaglia’’ che andrà all’artigiano che sarà giudicato il migliore; un premio alla memoria dell’avvocato Cacciaglia è stato donato a sua figlia Francesca da tre anni attivissima nella Comunità Giovanile di  Tolfa e nel Tolfarte. Molte le autorità presenti tra cui il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci e alcuni membri della sua amministrazione. Tra gli ospiti molti giornalisti, fotografi, cameramen (per loro gli organizzatori hanno allestito un momento conviviale); inoltre sono presenti a Tolfa due delegazioni di Comuni gemelli, quelli cioè di Nesodden e di Malta. Oggi il Tolfarte prosegue con tanti performer di Arte di Strada e gli operatori dell’artigianato artistico, non mancheranno concerti, mostre, iniziative, incontri e tanto buon cibo sia nelle attività commerciali tolfetane che nello spazio Street Food nella ‘’piazza dei Sapori’’ in piazza Veneto. Stasera tra i principali spettacoli  va rilevato che si replica l’emozionante performance de Le Baccanti, le due acrobate che danzeranno ad una altezza di 20 metri su cavo che attraversa piazza Matteotti. Tra i concerti, i Nuju. Alla mezzanotte, sulla Rocca di Frangipane, lo spettacolo di fuoco di Giodi. Continua anche oggi e terminerà domani il Minifestival di Arte di Strada «TolfArte Kids’’: un posto magico interamente dedicato al mondo dei bambini nella Villa Comunale Parco Fondazione Cariciv. Tra le tantissime discipline: yoga, arti circensi, improvvisazione teatrale, body percussion, esperimenti scientifici ed informatica creativa. Tutto da esplorare è il bellissimo Palazzo Buttaoni con l’esposizione degli artisti Lucrezia Testa Iannilli, Sergio Storace, Giampaolo Addari, Manuel Ugarte, Paulina X Miranda. Assolutamente da non perdere, il Blink Circus: in un piccolo tendone di 35 mq 10 spettatori alla volta si ritroveranno in una galleria d’arte in stile vittoriano con fotografie surrealiste-circensi in miniatura da osservare con lenti di ingrandimento e 6 carillon ispirati al circo anni ‘20. Ben 100 sono gli artigiani artistici.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Air Show Ladispoli, a un'altra ditta il compito di pulire il sottopasso

LADISPOLI – Il sottopasso della stazione ferroviaria è impresentabile e l'amministrazione comunale corre ai ripari. Almeno per i due giorni dedicati all'Air Show 2018, quando in città si riverseranno migliaia di visitatori. 
Nel provvedimento, l'amministrazione comunale ricorda come "già dall'avvio dell'appalto sono state rilevate diverse criticità nell'espletamento del servizio" tanto che più volte la società è stata "richiamata ad osservare gli obblighi contrattuali ed adempiere in modo corretto ed efficace alle proprie mansioni", senza ottenere però alcun cambio di passo. Motivo per il quale già lo scorso 13 luglio gli amministratori di Palazzo Falcone hanno avviato "il procedimento per la revoca dell'appalto". 
Ora, però, nonostante la decisioned del Comune di revocare l'appalto, ci si trova nella situazione di dover comunque provvedere alla pulizia del sottopasso ferroviario. In attesa di rimpiazzare la società "licenziata", in vista dell'Air Show, il Comune ha deciso di affidare il servizio ad altra ditta per il "ripristino delle condizioni igienico-sanitarie". Questa si occuperò della spazzatura e lavaggio quotidiano del sottopasso, delle scale e delle rampe di accesso, per entrambe le giornate di oggi e domani. I costi diretti e indiretti saranno decurtati dall'appalto in essere con la cooperativa che ad oggi si dovrebbe occupare del servizio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###