Snc, inizia il tour ligure

di MARCO GRANDE

La serie A2 di pallanuoto si appresta a tornare in acqua nella giornata di domani  per il terzo turno del campionato; la Snc di Marco Pagliarini cerca il riscatto dopo la deludente sconfitta casalinga subita sabato scorso dal Como Nuoto, che di fatto annulla le note positive viste nel corso del primo match di  Ancona, in cui i rossocelesti avevano espugnato, a detta di molti esperti, uno dei campi più ostici del girone.
Tutto da rifare, dunque, per la società di Viale Lazio, attesa lle 14 nella piscina di Bogliasco dalla formazione della Sportiva Sturla, reduce dal convincente successo per 9 a 7 in casa del fanalino di coda Brescia Waterpolo.La compagine civitavecchiese con quella genovese, però, vantano gli stessi punti in classifica, ma registrano allo stesso tempo un diverso inizio di campionato, con i laziali vincenti all’esordio e con lo Sportivo Surla che ha subito la debacle interna contro il Torino proprio due settimane fa. Mister Pagliarini potrà contare sull’esperienza, ma soprattutto sulla vena realizzativa del suo pupillo nonché dell’ elemento più rappresentativo del gruppo, ovvero capitan Romiti. Il 35enne, mattatore indiiscusso nel match di Ancona e autore di una delle sette marcature dei suoi nella gara di sabato scorso, non ha di certo intenzione di fermarsi e vuole trascinare il team di patron D’Ottavio verso una vittoria che gli darebbe morale e fiducia nei propri mezzi. Dall’ altro lato, però, la formazione civitavecchiese dovrà cercare di marcare il più possibile Dainese, uno dei giocatori di maggior rilevanza, che ha già segnato per quattro volte. Chi ha contribuito per la causa rossoceleste nella partita contro la squadra lombarda è stato senza ombra di dubbio Marco Minisini (nella foto in alto): il 24enne ha espresso il suo parere circa questo inizio di campionato dalla doppia faccia della medaglia dei suoi compagni, i quali hanno conosciuto sia la gioia per la vittoria che il gusto amaro della sconfitta.
«Il match interno contro il Como è stato preso sotto gamba – esordisce l’attaccante –  e quest’anno non possiamo permetterci il lusso di affrontare le partite in questo modo, visto che concorriamo dopo tempo nel raggruppamento del Nord. Abbiamo affrontato il terzo quarto di gara da squadra spenta e quasi priva di motivazioni; solamente nel quarto parziale di gioco ci siamo svegliati, recuperando e portando il match sul 7 a 7».
Circa il goal  che lo ha sbloccato dal punto di vista realizzativo, invece, si dichiara contento ma specifica allo stesso tempo di non voler scendere in acqua tanto per la marcatura, quanto per l’obiettivo di mettere in condizione gli altri compagni di apparire più frequentemente sul tabellino dei marcatori. Poi passa a parlare della leadership della sua guida tecnica, esaltata e considerata un punto di riferimento per tutto il gruppo: «Lo stadio del nuoto può essere gremito di persone e registrare il tutto esaurito – afferma il 24enne- ma l’unica voce che ascolto insieme ai miei compagni è proprio quella del mister,l’unica in grado di farci estraniare da tutto il resto». Infine rivogle un pensiero agli immediati avversari da affrontare: «Non conosciamo lo Sturla – conclude – che, come tutte le squadre della Liguria, sarà agguerrita e tosta ma indipendentemente da questo ce la possiamo giocare contro qualsiasi avversario. Nessuno può mettere i piedi in testa a un gruppo come il nostro che ha tanta voglia di spaccare».
Parole chiare e concise, quelle di Minisini, che portano verso un unico denominatore comune: il riscatto. Solo il campo determinerà il verdetto di una partita il cui esito appare tutt’altro che scontato.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc2005 e Td S. Marinella regine di derby

Il derby di Civitavecchia valevole per la nona giornata del campionato di serie C2 ha dato il suo verdetto: la regina della città, almeno per ora, è la Cpc2005, che espugna 5-2 il campo della Futsal Academy. Tante le defezioni in casa portuale,  prima e durante la gara. Cerrotta tra tutte, neanche partecipa alla diatriba, a cui si aggiunge durante il match quella di Ranzoni. Qualcuno il campo non lo vedeva da un po invece. Al rientro Frusciante dopo un lungo infortunio, cosi come Agozzino fermo da quasi un mese tra una squalifica e lo stop dei campionati. Corredo per gli annali e le statistiche, ma che  non frenano gli uomini di Angelo Branchesi, in tribuna e sostituito da Oreste Francavilla. Da annoverare le due espulsioni che segnano il referto, da una parte il portiere Saraudi nella prima frazione, dall’altra quella di Tangini a fine gara. Pubblico delle grandi occasioni, finalmente per il calcio a cinque cittadino ci sono due solide realtà da ammirare.  Queste le note a margine di un derby corretto ma in cui si sentiva il brivido, già dall’avvio. Al secondo minuto la Cpc2005 è già avanti, fucilata di Arduini da centrocampo che Ranzoni devia quel tanto che basta per insaccare. Zero a uno. La Futsal tenta di rientrare in gara quattro minuti dopo, bolide di Rocchi ma  è Persi a dire di no. Bell’intervento il suo. Al decimo la Futsal rimane temporaneamente in inferiorità numerica, Ranzoni si invola e Saraudi respinge la sfera fuori dall’area con le mani. Espulso. La Cpc2005 cerca di approfittare della superiorità numerica, punizione calciata da Tangini ma la sfera si spegne sul palo. Poco dopo Arduini e Agozzino quasi a botta sicura, ma l’estremo difensore del Futsal si supera in entrambe le occasioni. Al 19’ è però la Futsal a segnare e  agguantare il pari, è Fattori a beffare Persi. Uno a uno. La Cpc2005 non ci sta e due minuti dopo rimette la testa avanti, tiro di Agozzino con  Leone che è nei pressi della traiettoria e insacca. Uno a due. la Futsal chiude la prima frazione con un legno, lo colpisce Rosalba direttamente da calcio da fermo. Si va a riposo cosi, vantaggio meritato. Si rientra sul terreno di gioco e dopo qualche schermaglia la Cpc2005 triplica, calcio di punizione da quasi centrocampo  di cui se ne incarica lo specialista Agozzino: tiro e palla nel sacco. Uno a tre.  Persi poco dopo si oppone da far suo al tiro di un giocatore della Futsal, è il preludio però alla quaterna portuale. Galoppata di Frusciante e sfera a Leone che non sbaglia. Uno a Quattro. La Futsal al 23’ accorcia le distanze con Rosalba. I falli la fanno da padrone e si inizia con i tiri liberi, da entrambe le parti.  Agozzino su tiro libero non sbaglia e ristabilisce le distanze, siamo ora sul due a cinque. Dall’altra parte il protagonista è Persi, che prima  si mette in mostra  sul tiro di Notarnicola e poi su quello di Rosalba. L’ultima occasione per i portuali è di Panunzi, respinta. Non c’è più tempo se non per festeggiare negli spogliatoi. La Cpc2005 del binomio Cpc e Atletico Tirrena si aggiudica il primo derby di C2 nel calcio a 5 sulla Futsal Academy. 
Futsal Academy: Notarnicola, Pinna, Bertini, Rocchi, Fattori, Rasalba, Ferraccioli, Cibelli, Saraudi, Moretti, Lancia, Guzzone. Allenatore: F. Nunzi.
Cpc2005: Agozzino, Cacace, Cerrotta, Caselli, Frusciante, Arduini, Leone, Panunzi, Persi, Tangini, Petretto, Ranzoni. Allenatore: O. Francavilla (Branchesi in tribuna).
La nona giornata del girone di andata prevedeva anche il derby tra la Td Santa Marinella e il Futsal Santa Severa. La prima stracittadina nella storia delle due società di calcetto, che si è chiusa a favore dei ragazzi di mister Di Gabriele, che si sono imposti per 4-2. C’è da sottolineare che la gara è stata di una correttezza esemplare e pochi sono stati i falli sanzionati dall’arbitro nei confronti dei due quintetti. Iniziavano bene i padroni di casa che dopo appena sette minuti si trovavano in doppio vantaggio grazie ai gol di Nistor e di Maggi. Nella ripresa, la Td realizzava la terza marcatura (sempre con Nistor) e praticamente metteva una seria ipoteca alla vittoria finale. Ma a dare maggior soddisfazione ai locali, era il gol segnato da Kenji Fantozzi, classe 2001, il più giovane giocatore del campionato di C2, che al 18’ realizzava il quarto gol. Al 26’ però, il bomber santaseverino Simone Fantozzi, dopo aver tenuto in piedi la squadra praticamente da solo, si toglieva la soddisfazione di segnare una rete ai suoi ex, quando ormai i giochi erano fatti. «È stato un incontro molto corretto – dice il neo allenatore della Futsal Luchetti – purtroppo siamo stati sfortunati nelle conclusioni, mentre loro con due tiri hanno realizzato i due gol che ci hanno messo in ginocchio». 
«Sapevo che era una squadra tosta – afferma mister Di Gabriele – e per questo avevo chiesto ai giocatori di partire forte. Chiaramente potevamo fare di più ma sono contento così, in particolare del giovane Kenji che a 16 anni entra nel mondo del calcetto con un bel gol».
Sontuosa, infine, la prova del Real Fiumicino Futsal Isola, che vince 6-2 lo scontro diretto col Laurentino Fonte Ostiense e vola in testa in compagnia dell’Eur Massimo.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Grande performance della banda Verdi di Tolfa 

TOLFA – Allegria, musica d’alto valore, amicizia e attaccamento al territorio: questi gli elementi che contraddistinguono il lavoro della scuola di musica e della banda Verdi di Tolfa. Come ogni anno i musicanti collinari onorano al meglio la ricorrenza di Santa Cecilia patrona della Musica e dei Musicisti. Riuscita e apprezzata la ‘’lezione-concerto’’ tenutasi presso l’Istituto Comprensivo di Tolfa: nella scuola media gli insegnanti della Scuola di Musica Giancarlo Annibali, Enrico De Angelis, Salvatore Mennella, Max Petronilli, Claudio Scozzafava, Luigina Sestili, Stefania Bentivoglio e Gabriele Annibali hanno proposto un programma accattivante di musica pop e colonne sonore comprendente musiche e canzonk di Eric Clapton, Sting, Lucio Battisti passando fra le più note colonne sonore di film fra i quali i Pirati dei Caraibi coinvolgendo i ragazzi in un canto libero e partecipe. Nel pomeriggio la Verdi è stata protagonista nel plesso di via Lizzera per bambini dai 5 ai 10 anni, ai quali si rivolge il progetto in corso ‘’Per Mano con la Musica at Christmas’’: gli alunni sono stati coinvolti in una lezione concerto su motivi della Disney. Domenica scorsa poi i musicanti della banda hanno animato la messa solenne celebeata dal parroco don Giovanni Demeterca. A seguire la banda ha sfilato per le vie del paese regalando musica e allegria. I festeggiamenti, come da tradizione, sono terminati con un allegro e festoso pranzo al ristorante ‘’Il Casale dell’Acqua bianca’’ insieme a parenti e amici. Alla festa hanno partecipato anche il sindaco Luigi Landi, il parroco Don Giovanni Demeterca e il deputato del comprensorio Alessandro Battilocchio. Archiviata la festa di Santa Cecilia la Verdi è ora al lavoro per organizzare e preparare il concerto di Natale, che si terrà presso il teatro Claudio, e di tutte le esibizioni della banda e della Scuola musicale per i festeggiamenti del Santo Natale compresa la tradizionale pastorella.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Cv Volley dice no alla violenza sulle donne

Un filo rosso ha unito e legato saldamente tutta casa Cv Volley che ha accolto a braccia aperte l’iniziativa lanciata dalla FIPAV Lazio in occasione della giornata mondiale del 25 novembre contro la violenza sulle donne e ogni altro genere di violenza. #NOallaviolenzasulledonne, ecco ciò che su tutti i social e i cartelloni gli atleti e lo staff Cv Volley hanno affermato con grande forza e consapevolezza scendendo in campo con un tocco di rosso, dai nastri tra i capelli per le ragazze ai lacci delle scarpe indossati dai ragazzi. Proprio in onore di tutte le donne la grande famiglia Cv Volley si è dipinta ancor di più di rosso durante questo weekend, che ha visto protagoniste le piccole donnine dell’Under 13 di coach Giuseppe Ruggiero e Federica Brighenti che continuano imbattute a detenere la vetta della classifica ma anche le cv volline della prima divisione di Ruggiero che hanno conquistato i primi 3 punti del campionato. Nonostante le ottime prestazioni espresse note amare invece per i ragazzi della prima divisione e per le ragazze dell’under 14, per il Volley Sì e la seconda divisione che ha esordito proprio questo fine settimana nel proprio campionato. Emozionante esordio quello di martedì per i cv vollini under 14 di Marianna Del Rosso, team composto da molti nuovi innesti che  sono stati integrati benissimo nel gruppo preesistente. 
«Il risultato non ci ha del tutto premiati ma i miei ragazzi  sebbene alcuni abbiano iniziato a giocare a pallavolo da soli due mesi sono desiderosi di giocare e di confrontarsi con i loro coetanei – afferma Del Rosso – sono orgogliosa della mia squadra, hanno puntanto durante l’intero corso della gara a dare qualcosa in più, hanno preteso molto da loro stessi e questa ambizione è molto positiva ma va ben incanalta per raggiungere risultati tangibili».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Cv Volley dice no alla violenza sulle donne

Un filo rosso ha unito e legato saldamente tutta casa Cv Volley che ha accolto a braccia aperte l’iniziativa lanciata dalla FIPAV Lazio in occasione della giornata mondiale del 25 novembre contro la violenza sulle donne e ogni altro genere di violenza. #NOallaviolenzasulledonne, ecco ciò che su tutti i social e i cartelloni gli atleti e lo staff Cv Volley hanno affermato con grande forza e consapevolezza scendendo in campo con un tocco di rosso, dai nastri tra i capelli per le ragazze ai lacci delle scarpe indossati dai ragazzi. Proprio in onore di tutte le donne la grande famiglia Cv Volley si è dipinta ancor di più di rosso durante questo weekend, che ha visto protagoniste le piccole donnine dell’Under 13 di coach Giuseppe Ruggiero e Federica Brighenti che continuano imbattute a detenere la vetta della classifica ma anche le cv volline della prima divisione di Ruggiero che hanno conquistato i primi 3 punti del campionato. Nonostante le ottime prestazioni espresse note amare invece per i ragazzi della prima divisione e per le ragazze dell’under 14, per il Volley Sì e la seconda divisione che ha esordito proprio questo fine settimana nel proprio campionato. Emozionante esordio quello di martedì per i cv vollini under 14 di Marianna Del Rosso, team composto da molti nuovi innesti che  sono stati integrati benissimo nel gruppo preesistente. 
«Il risultato non ci ha del tutto premiati ma i miei ragazzi  sebbene alcuni abbiano iniziato a giocare a pallavolo da soli due mesi sono desiderosi di giocare e di confrontarsi con i loro coetanei – afferma Del Rosso – sono orgogliosa della mia squadra, hanno puntanto durante l’intero corso della gara a dare qualcosa in più, hanno preteso molto da loro stessi e questa ambizione è molto positiva ma va ben incanalta per raggiungere risultati tangibili».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Terme, Tidei: "I rischi sono enormi"

CIVITAVECCHIA – «Leggendo la replica scomposta del Sindaco sulla questione Terme, non sappiamo più se Cozzolino si rende conto di quello che dice. Cozzolino ha finalmente ammesso di essere favorevole alle iniziative imprenditoriali private e di tutelarle, anche se queste – aggiungiamo noi – travolgono l’interesse pubblico e dei cittadini civitavecchiesi. Una dichiarazione che, in altri tempi, avrebbe fatto sobbalzare sulla sedia. Una dichiarazione per la quale si sarebbero subito chieste le dimissioni di Sindaco e Giunta. Ma ormai siamo assuefatti a tutto». È quanto afferma l’esponente del Partito democratico Pietro Tidei, intervenendo sulla vicenda delle perforazioni in zona termale.

"Che la Giunta abbia sempre tutelato gli interessi privati di pochi a discapito dei cittadini, lo sapevamo già – si legge nella nota – lo ha fatto con Enel, lo ha fatto con il forno crematorio. Sulla questione Terme una ulteriore riflessione però si impone: Cozzolino – spiega Tidei – ha avuto l’opportunità che nessuno altro aveva avuto prima. Il Comune è rientrato, infatti, nella disponibilità delle aree sulle quali, le giunte precedenti, grazie a finanziamenti di origine comunitaria, avevano sviluppato enormi investimenti per sviluppare un comparto termale a “trazione” pubblica. Cozzolino – prosegue la nota – dinnanzi alla opportunità di completare il progetto – bloccato per anni per le note vicende giudiziarie – non ha fatto niente di niente per quattro anni e mezzo.  E adesso la soluzione è affidare l’iniziativa a dei privati?  Ma soprattutto viene da chiedersi, come sia venuto in mente a Cozzolino, a poche settimane dalla sua sostituzione, di autorizzare trivellazioni e scavi sullo stesso bacino minerario sul quale tale intervento è già stato fatto, proprio con i finanziamenti europei». 

«Invece di completare le terme pubbliche per i cittadini – dichiara ancora Pietro Tidei –  il Sindaco affida una iniziativa senza senso a dei privati.  I rischi sono enormi perché oltre a porre in essere scavi e trivellazioni già fatte, si rischia di compromettere e mandare all’aria quel poco (o tanto) che della iniziativa termale si è fatto. Perché i privati devono trivellare di nuovo, sullo stesso bacino minerario mandando in fumo di fatto l’investimento pubblico?  Questa è la domanda a cui non troviamo una risposta, domanda che dovrebbero porsi anche gli organi di controllo (Corte dei Conti, Procura, ecc.), di cui auspichiamo un pronto intervento. Abbiamo capito che Cozzolino preferisce tutelare l’interesse privato rispetto a quello pubblico – conclude il dem – ma che addirittura per farlo crei un danno alla comunità, appare francamente eccessivo. Per fortuna questo “strazio” è giunto al termine.  Mai come in questa occasione, infatti, la sostituzione del Sindaco è ormai cosa certa.  Tra qualche settimana, spetterà alle forze democratiche far tornare a prevalere l’interesse pubblico dei cittadini su quello dei privati, a cui Cozzolino dice di tenere tanto».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tidei: ''I progetti in cantiere sono molti e su tutti i campi''

S. MARINELLA – «Le note stampa dei precursori di Fratelli D’Italia, di Fare Rete e addirittura dell’ex sindaco di Amatrice Pirozzi, onestamente, mi riempiono di orgoglio. Dopo dieci anni di sonno e torpore, torna la democrazia e la possibilità di esprimersi politicamente, segno tangibile di una città che si risveglia, che si è rimessa in moto e che torna a sognare e sperare un futuro migliore». Questo il commento del sindaco Pietro Tidei agli attacchi che gli sono giunti da vari esponenti politici dell’opposizione. “Mi meraviglia invece – continua il primo cittadino – che movimenti politici, gruppi web e via dicendo, si ricordano solo oggi di tutte quelle cose che non vanno e che non funzionano. Chi ha portato il Comune in dissesto? Non certo una giunta insediata da pochi mesi. Chi ha ridotto il Comune all’osso, al punto tale di costringere i dipendenti a portarsi da casa carta igienica e sapone?  Mi sarei aspettato che tutti questi movimenti facessero un sit-in sotto le case dei colpevoli che, probabilmente, grazie al lavoro degli organi preposti, sicuramente pagheranno e di tasca loro. In ordine ai presunti atti giudiziari mandati al macero, vorrei dire chiaramente che si tratta di una ennesima fake news. Le cartelle Equitalia al macero, non sono state notificate dalla stessa Equitalia e non sarebbero quindi in nessun modo impugnabili. La lotta all’evasione intrapresa da questa amministrazione non riguarda dunque in alcun modo le carte oggetto del provvedimento. Il luogo individuato alla conservazione è lo stesso utilizzato dal servizio comunale competente gestito da un responsabile del servizio che segue da oltre dieci anni. Se ci sono state negligenze riconducibili ad una cattiva gestione, ci saranno provvedimenti al riguardo. Ai nostri cittadini posso dire che la mia amministrazione ha completamente ristrutturato la pianta organica comunale, favorendo una rotazione dei responsabili e dei dipendenti, per rinfrescare questa macchina probabilmente parcheggiata ai box, per anni di gestione clientelare e fatiscente. Come ho detto in tantissime occasioni, noi ci stiamo impegnando molto ed i nostri dipendenti devono fare altrettanto». 
«Mi dispiace deludere quei fabbricatori di fake news – conclude Tidei -ma i progetti in cantiere sono molti e su tutti i campi, il lavoro dei primi mesi sta portando i suoi frutti e la gente se ne è accorta. La cartina al tornasole del risultato del nostro lavoro incessante è la partecipazione della città a tutte le iniziative di solidarietà, di pulizia, di attività all’aria aperta e la voglia di ogni singolo cittadino a collaborare. Siamo, credo, l’unico Comune in Italia dissestato, che ad oggi non ha speso neanche un euro garantendo seppur con difficoltà tutti i servizi alla collettività».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Idrico, riparato il guasto del Nuovo Mignone: ora si attende l’acqua

CIVITAVECCHIA – Finalmente conclusa la riparazione della tubatura rotta dell’acquedotto del Nuovo Mignone. L’amministrazione comunale comunica infatti che intorno alle 14 si sono conclusi con successo i lavori di riparazione presso località Cicugnola. Alle 15.50 è ripartita l’erogazione idrica alla città. Domani in tarda mattinata la situazione dovrebbe tornare alla normalità. Tutto ok anche per il Medio Tirreno.

L’assessore ai Lavori pubblici spiega che una volta ripresa l’erogazione si dovrebbe tornare lentamente alla normalità, ci sono i serbatoi da riempire e tutte le complicazioni ormai note ai civitavecchiesi che ormai sono diventati esperti di rubinetti a secco. Siamo all’inizio di novembre e l’acqua è mancata già due volte, per diversi giorni. Una situazione al limite del sostenibile ma, purtroppo, un film già visto.

Specialmente nelle zone a monte, come ad esempio San Liborio, dove gli abitanti sono veterani nell’uso di taniche e bottiglie. Tra torbide e guasti l’acqua manca sempre più spesso. Comunque l’evento di giovedì è stato certamente straordinario, con un grosso tubo in resina rotto da una frana. «Ringrazio gli operai di Csp – spiega Ceccarelli – che hanno operato in condizioni veramente difficili». Nonostante rimanga la scomoda abitudine di cercare colpevoli altrove, l’acqua ora dovrebbe lentamente tornare ovviamente salvo nuovi imprevisti. Sembrano sempre più lontani i tempi delle conferenze trionfali e delle promesse di presentazione dello studio dei ‘‘saggi’’ sul comparto idrico cittadino.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tutti in piedi per "Ta Pum"

CIVITAVECCHIA – Grande successo per Ta Pum. L’evento realizzato domenica pomeriggio al Traiano dagli Amici della Musica di Allumiere e dalla la Blue in the Face di Civitavecchia ha raccolto consensi sotto tutti gli aspetti. Partiamo da quelli artistici. Il connubio tra «due eccellenze del nostro territorio» (così sono state definite dal presidente della Fondazione Cariciv Gabriella Sarracco) ha portato in scena uno spettacolo pieno di colpi di scena. Toccanti i dialoghi dei giovanissimi artisti della Blue in the Face e molto riuscite le performance musicali del complesso strumentale del maestro Cardinali. In generale lo spettacolo ideato da Ettore Falzetti, in collaborazione con Carlo Alberto Falzetti, ha stupito per la delicatezza con cui sono state raccontate alcune tematiche. Toccando note dolenti, come è ovvio in uno spettacolo che parla il tema della Prima Guerra Mondiale, uscendone fuori con le accese forze dell’amore. E’ lo stesso Falzetti a confermare la riuscita dell’evento: «Devo ammettere che ha riscosso notevoli consensi e toccato il cuore degli oltre cinquecento spettatori ai quali va il nostro ringraziamento per la presenza e per le generose offerte per il Tavolo della solidarietà». 
Soddisfatta la stessa presidente della Fondazione Cariciv Gabriella Sarracco che ha fortemente voluto lo spettacolo: «La Fondazione Cariciv è da sempre in campo per la memoria, la storia, la cultura ed il volontariato. Non poteva quindi tirarsi indietro di fronte ad un evento che ha unito questi fattori».  L’intero incasso delle donazioni è andato infatti al Tavolo della Solidarietà. Sodalizio fortemente voluto dall’ente di origine bancaria e dal Comune di Civitavecchia che ha messo a disposizione il Traiano per realizzare l’evento. Le offerte sono state abbondanti e sono stati quasi raggiunti i 2000 euro. Molto apprezzato anche il discorso di Enzo D’Antò che ha sottolineato l’importanza del volontariato attraverso la cultura. Lo spettacolo si è concluso con applausi scroscianti e la soddisfazione di artisti e organizzatori.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###