«Soddisfatti della scelta del pm»

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – «Non avevo dubbi che il pm si sarebbe appellato anche perché allo stato dei fatti, è stata ridimensionata la sua richiesta di condanna. Ha lavorato molto su questo caso in modo scrupoloso ha motivato per ognuno degli imputati i presupposti che l’hanno condotta a quella richiesta. Non poteva certo tornare indietro. Mi sarebbe piaciuto che avesse chiesto di rivedere la posizione di Antonio Ciontoli circa la concessione delle attenuanti generiche, però purtroppo la legge questo lo impedisce. Sono soddisfatta lo stesso e vado avanti. Al contrario di prima che ritenevo scontato il fatto che tutti si facessero il carcere ora ci vado un po’ con i piedi di piombo.  Dopo le motivazioni della sentenza sarebbe stata una cosa vergognosa non appellarsi. Andiamo avanti». 
Queste le parole di Marina Conte, mamma di Marco Vannini alla notizia che il pm ha presentato ricorso in appello nei confronti dei familiari di Antonio Ciontoli e di Viola Giorgini. 
Papà Valerio: «Una bella notizia, veramente molto bella. Primo fra tutti perché hanno rimesso in campo Viola, la cui assoluzione è stata per noi la cosa più sconvolgente. Tirarla fuori, come se in quella casa non ci fosse stata la sera del delitto è inaccettabile. Anche se poco ma gli deve rimanere addosso la macchia di quello che ha fatto, anzi, di quello he non ha fatto perché se quella sera avesse alzato il telefono e chiamava i soccorsi Marco poteva essere vivo. Per cui ha piena responsabilità di quello che è successo. Circa la posizione dei familiari di Antonio Ciontoli, una cosa del genere non può fermarsi solo all’omicidio colposo. E’ la prima volta che succede almeno in Italia che venga condannata un’intera famiglia e molti si scandalizzano. Ma se loro insieme hanno commesso un delitto la legge è uguale per tutti. Se uno commette un omicidio deve andare in carcere. Sono tutti responsabili».
L’avvocato Celestino Gnazi, legale di mamma Marina:  «Il pm ha chiesto la conferma delle proprie richieste, e cioè l’omicidio volontario per i familiari di Antonio Ciontoli e l’omissione di soccorso per Viola Giorgini. Non ha chiesto l’appello nei confronti di Antonio Ciontoli. Ero convinto che il pubblico ministero avrebbe proposto appello perché la sentenza mentre nella parte in diritto è assolutamente, a nostro avviso perfetta, corrisponde alla nostra ricostruzione, assolutamente condivisibile, una vera e propria lezione sul dolo eventuale, nella parte in fatto, invece, è assolutamente contradditoria, nel momento in cui non riconosce il dolo in capo ai familiari di Ciontoli».
Per quanto riguarda il mancato appello nei confronti di Ciontoli? 
«Il pm non poteva proporre appello per la questione soltanto delle attenuanti generiche, perché le è vietato da una recente riforma del codice di procedura penale entrata in vigore da pochi mesi».
Che dice il codice? 
«Il pubblico ministero tra le altre cose non può fare appello quando riguarda soltanto la concessione delle attenuanti generiche. Per questo le è vietato. Altrimenti ero convinto che secondo me l’avrebbe certamente fatto perché Ciontoli, a nostro avviso, sicuramente non le meritava».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

San Paolo, un nuovo primario per Ortopedia

<p>CIVITAVECCHIA -&nbsp;Il nuovo primario di Ortopedia, Carmelo D&rsquo;Arrigo, ha preso servizio al San Paolo. Lo ha annunciato il diretto generale della Asl Roma 4 Giuseppe Quintavalle a margine di una conferenza. Un&rsquo;altra buona notizia per l&rsquo;ospedale e per gli utenti dell&rsquo;azienda sanitaria locale che punta ancora una volta ad ottimizzare i servizi offerti.</p>

<p>&laquo;Abbiamo scelto D&rsquo;Arrigo – ha spiegato Quintavalle – che all&rsquo;ospedale Sant&rsquo;Andrea ha maturato esperienza pratica ed &egrave; molto motivato. Si va cos&igrave; ad integrare un&rsquo;ottima professionalit&agrave; nell&rsquo;ospedale che sta crescendo moltissimo&raquo;. D&rsquo;Arrigo ha sottolineato che i motivi che lo hanno spinto a scegliere Civitavecchia sono principalmente il suo legame con la citt&agrave; e &laquo;un bisogno personale di mettersi alla prova. Si sono create una serie di condizioni ottimali che mi permetteranno di lavorare molto bene. &Egrave; – ha concluso – un&rsquo;occasione che aspettavo&raquo;. La nuova sala gessi, il rinnovamento in corso al San Paolo, una radiologia d&rsquo;elite e ora l&rsquo;arrivo di D&rsquo;Arrigo vanno a delineare un percorso di miglioramento per Ortopedia, fortemente voluto dalla direzione.</p>

<p>Ma il lavoro della Asl Roma 4 prosegue sul fronte delle assunzioni. Il 3 maggio si terr&agrave; in Regione il concordamento. &laquo;Siamo – ha detto Quintavalle – la prima Asl ad essere stata convocata. Abbiamo presentato una serie di proposte indispensabili per un corretto esercizio, noi siamo fiduciosi perch&eacute; si tratta di un tavolo serio e concreto&raquo;. Terminati i lavori la Asl Roma 4 sar&agrave; autorizzata a procedere con le assunzioni a tempo indeterminato. Una mossa con cui la direzione spera di fermare l&rsquo;emorragia di personale dovuta ai contratti determinati e all&rsquo;attrattiva maggiore dei grandi ospedali romani. Un problema che riguarda un po&rsquo; tutti gli ospedali di provincia e che si sta cercando di risolvere, appunto, con gli indeterminati. &laquo;Mi auguro – ha concluso Quintavalle – che entro met&agrave; maggio sia tutto definito&raquo;.&nbsp;&nbsp;</p>

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Weekend da dimenticare per Giammaria

<p>Si &egrave; purtroppo conclusa ancor prima di iniziare la prima gara della Blancpain GT Series Endurance Cup 2018 per Raffaele Giammaria, impegnato nel weekend appena trascorso all&rsquo;autodromo nazionale di Monza. Il pilota ufficiale Lamborghini, portacolori del Grasser Racing Team al volante della Lamborghini Hurac&aacute;n GT3 #19 in equipaggio con Ezequiel Perez Companc (ARG) e Marco Mapelli (ITA), &egrave; arrivato sul circuito brianzolo motivato ad iniziare con il piede giusto la stagione 2018, in una delle edizioni pi&ugrave; combattute di sempre della prestigiosa serie per vetture Gran Turismo con ben 53 vetture al via.<br />
L&rsquo;appuntamento sulla pista italiana &egrave; stato per&ograve; decisamente impegnativo per Giammaria, che fin dalle sessioni di prove libere del venerd&igrave; ha faticato a trovare il giusto feeling con la vettura per una anomala erogazione della potenza del motore che ha ridotto la velocit&agrave; di punta della Lamborghini Hurac&aacute;n GT3. Un aspetto che su un tracciato come Monza, dove le medie sono particolarmente alte, ha inciso in maniera piuttosto consistente sulle prestazioni.<br />
Non &egrave; andata meglio in qualifica, con Giammaria che ha preso il volante della vettura in Q2, ma non ha potuto migliorare il crono iniziale di 1:49.824 a causa di un&rsquo;interruzione per bandiera rossa dopo l&rsquo;incidente della Mercedes AMG GT3 #49.&nbsp;<br />
Per effetto dei nuovi regolamenti, che stabiliscono il tempo di qualifica di ciascun equipaggio calcolando la media tra le migliori prestazioni di ciascun pilota, Giammaria si &egrave; cos&igrave; qualificato in trentasettesima posizione. <strong>(agg. 26/04 ore 17.54 segue)</strong></p>

<p>IN GARA IL PILOTA CIVITAVECCHIESE NON SCENDE NEANCHE IN PISTA: Con un&rsquo;obbligata strategia di gara orientata alla rimonta, Giammaria avrebbe dovuto guidare nel conclusivo terzo stint, ma un contatto tra Perez Companc e il compagno di team Rolf Ineichen, al volante della Lamborghini Hurac&aacute;n GT3 #82, dopo appena trenta giri, ha costretto l&rsquo;equipaggio #19 dapprima ad una lunga sosta ai box e quindi ad un prematuro ritiro.&nbsp;<strong>(agg. 26/04 ore 17 segue)</strong></p>

<p>RAFFAELE GIAMMARIA: &laquo;Sono chiaramente dispiaciuto per come sono andate le cose a Monza, non &egrave; stato il weekend che avrei voluto. Anche se dopo aver riscontrato i problemi al motore sapevo che sarebbe stato pi&ugrave; difficile essere competitivi in gara, era importante macinare chilometri per prendere confidenza con le nuove gomme 2018 e con tutto il set-up della vettura, ma purtroppo la gara &egrave; terminata troppo presto. Cercher&ograve; di concentrarmi da subito sul round di Silverstone per riscattare quanto prima questo difficile avvio di stagione&raquo;.<br />
Raffaele Giammaria torner&agrave; al volante della Lamborghini Hurac&aacute;n GT3 del Grasser Racing Team per il secondo appuntamento stagionale in programma sul circuito di Silverstone dal 18 al 20 maggio.&nbsp;<strong>(agg. 26/04 ore 18.10)</strong></p>

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Margutta e l'esordio di coach Pignatelli

Dopo la notizia delle dimissioni di Mauro Taranta arrivata ad inizio settimana, torna in campo la Margutta Asp per la terzultima giornata del campionato di serie C. Domenica alle 19 al Palasport le rossoblu affronteranno il Sempione, sestetto di metà classifica, nella prima uscita di Alessio Pignatelli sulla panchina delle civitavecchiesi. Oltre che per la classifica, sarà una gara sulla carta semplice anche per le diverse motivazioni delle squadre. Sempione è salvo, con bassissime possibilità di accedere ai playoff, mentre la Margutta può aspirare a migliorare l’attuale secondo posto in classifica. (Agg. 20/4 ore 17.01 SEGUE)

I COMMENTI DEL NUOVO ALLENATORE DELLA MARGUTTA ALESSIO PIGNATELLI – «Innanzitutto – ammette il nuovo allenatore della Margutta Asp coach Alessio Pignatelli – sono motivato e orgoglioso per questo incarico e cercherò di fare del mio meglio. Nono conosco Sempione, ma ho visto le ragazze molto motivate e anche in forma dal punto di vista fisico. Noi, per la squadra che abbiamo, dobbiamo vincere con tutte e quindi anche contro Sempione mi aspetto un successo. Non farò stravolgimenti, anche perché le dimissioni di Taranta sono state un po’ diverse dalle solite dimissioni nel senso che non c’erano problemi di gioco o di risultati». (Agg. 20/4 ore 17.29 SEGUE)

LE ASSENZE E SOLUZIONI TATTICHE DELLA MARGUTTA NELLA PROSSIMA PARTITA – Per la prossima gara, assenti Paolini e Fiore. Le centrali saranno Monti, Brighenti e l’Under 16 Baffetti. (Agg. 20/4 ore 17.58)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

S. Marinella e Cpc cullano ancora i sogni playoff

Per il campionato di Promozione, la 30^ giornata offre un turno molto importante. Per quanto riguarda la Cpc2005 in venti giorni si saprà se la squadra di mister Blasi avrà ottenuto quanto prefissato in sede estiva, nelle gare di oggi con il Bomarzo e poi quelle con Ronciglione, San Lorenzo, Montalto e Grifone Gialloverde. Sfumato il sogno della promozione diretta, con l’Ottavia che meritatamente ha raggiunto l’ambito traguardo, ora si punta ad un posto utile per entrare in Eccellenza dalla porta secondaria, tramite la lotteria dei playoff. Carta e calcolatrice alla mano, tutto è ancora possibile. La seconda posizione è fattibile con una cinquina di vittorie, partendo dalla possibilità di sconfitta o pareggio del Ronciglione con l’Ottavia, per tentare il sorpasso nello scontro diretto. Una situazione comunque ingarbugliata che, oltre agli aeroportuali, coinvolge anche l’Aranova, visto che dista due lunghezze dai rossi portuali e che domenica sarà impegnata contro il Montalto. Tutto in  ballo, ma con una rosa ormai ridotta al lumicino, che vedrà anche l’assenza di Gravina per squalifica, in dubbio anche Paolini. Si pescherà dunque dalla Juniores, per raggiungere i diciotto in lista, poi sarà bagarre calcistica per portare a casa i tre punti. (Agg. 14/4 ore 17.46 SEGUE)

SPERANZE PLAYOFF ANCORA ACCESE ANCHE PER IL SANTA MARINELLA/SANTA SEVERA – Il Santa Marinella/Santa Severa, invece, ospiterà all’Astolfi il Montefiascone, con l’obiettivo di puntare al successo pieno e tentare di avvicinarsi a quella fatidica terza posizione che porta ai playoff. Mister Zeoli, sprizza ottimismo da tutti i pori anche perché, dopo l’importante vittoria di domenica con il Cerveteri, ottenuta al termine di una buona prestazione collettiva, nel corso della settimana ha visto un gruppo molto motivato che vuole arrivare il più in alto possibile in graduatoria. Fuori Martorelli, squalificato; e Castelletti ancora in non perfette condizioni fisiche, il tecnico potrà contare su tutti gli effettivi a disposizione. «Tutti dicono – commenta mister Zeoli – che domenica scorsa il Montefiascone abbia lasciato a desiderare, invece io credo che il loro allenatore vuole far bene e punta a ottenere un risultato positivo. Lo scorso anno li abbiamo battuti e quindi cercheranno di vendicarsi. Noi abbiamo trascorso una settimana serena e dunque ci siamo preparati bene. Loro avranno tre assenze importanti, anche se sono sotto di noi di un solo punto, quindi credo che sarà una partita abbastanza equilibrata». (Agg. 14/4 ore 19.14 SEGUE)

ATLETICO LADISPOLI E CERVETERI PRONTE A DARSI BATTAGLIA – Derby a bassa quota quello tra Atletico Ladispoli e Cerveteri. Questa volta però, in classifica, le parti sono invertite. I locali di mister Morelli, dopo il successo di domenica scorsa hanno praticamente lasciato ai cugini il posto nei playout e quindi partiranno con i favori del pronostico nella stracittadina. (Agg. 14/4 ore 19.45)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Le Snipers terze in Coppa Italia

Si conclude con un terzo posto l’avventura in Coppa Italia femminile per la squadra rosa degli Snipers Civitavecchia. A Roana le ragazze allenate da coach Gavazzi perdono contro Verona 6-3 e contro Buja 8-2 ma si rifanno alla domenica con due importanti vittorie contro Asiago 3-1 e Vicenza 8-1. A vincere la competizione saranno le ragazze del Buja ma per le civitavecchiesi importanti segnali di una costante crescita di un gruppo giovane e motivato. (Agg. 30/03 ore 18.37 SEGUE)

I COMMENTI DI COACH GAVAZZI – «È stato – commenta coach Gavazzi – un weekend impegnativo, ma pieno di soddisfazione quello della Coppa Italia. Il risultato conferma la crescita tecnica e mentale della squadra, largo spazio alle più piccole Barocci, Terelle e Federica Giannini che sono andate più volte a segno anche contro una blasonata Biondi (Buja). Un plauso particolare alla piccola grande Nascimben che è riuscita a lasciarsi alle spalle le due prestazioni sottotono del sabato per sfoderare tutto il suo talento ed il suo istinto contro le campionesse in carica di Asiago; prestazione che ci ha regalato un ottimo terzo posto». (Agg. 30/03 ore 18.08 SEGUE)

IL PRESIDENTE RICCARDO VALENTINI – «Il settore femminile – spiega il presidente Riccardo Valentini – è un qualcosa a cui puntiamo molto, alla pari del settore giovanile e della prima squadra maschile, proprio perché l’hockey è alla portata di tutti ed è giusto che anche le ragazze abbiano il loro campionato in cui giocare. Questo gruppo ci sta dando molte soddisfazioni: non solo per i risultati in campo ma anche per la grande armonia che si respira all’esterno». (Agg. 30/03 ore 18.41)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

FdI ''Almirante'': ''Grave e colpevole inerzia del presidente dell’Adsp di Majo''

CIVITAVECCHIA – «Credo che l’errore più grande e commesso da di Majo sia stato quello di non adeguare le tariffe». Lo dichiara il consigliere comunale di minoranza Andrea D’Angelo che attacca il presidente dell’AdSP Francesco Maria di Majo, dopo le notizie dei giorni scorsi riguardo un rischio di default per l’Authority. Notizia che però, unita all’attacco del dem Pietro Tidei che ha accusato di Majo di aver disertato il Seatrade, ha scatenato una bufera. «La sentenza della Cassazione – continua D’Angelo – da un lato ha stabilito la competenza del giudice amministrativo, dall’altro ha impedito che a Total Erg, unico ricorrente, si accodassero con le loro richieste di rimborso anche Enel, Eni, Sodeco e altri concessionari. Bastava un decreto di aumento della tassa, motivato adeguatamente, proprio come richiestogli dal Consiglio di Stato per colmare quel vuoto di cassa che oggi ha messo in crisi il sistema».

Ma arriva una stoccata anche dal circolo locale FdI ‘‘Almirante’’. «Non è la prima volta che interveniamo per stigmatizzare l’operato del presidente, che sta dimostrando di essere assolutamente inadeguato a presiedere gli uffici di Molo Vespucci. Non possiamo – spiegano da FdI – non evidenziare la grave e colpevole inerzia di di Majo, che dal 2017 non ha approvato una nuova delibera, questa volta possibilmente meglio motivata per superare le censure mosse dal Consiglio di Stato, con la quale poter riprendere la riscossione delle tariffe di approdo applicate agli operatori economici che movimentano le merci in ambito portuale», Dal direttivo del circolo augurano che si crei un nuovo governo di centrodestra che sollevi «dall’incarico un presidente che sta dimostrando assoluta inadeguatezza».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Indagine su largo della Pace

CIVITAVECCHIA – Aperta una indagine sui lavori di sistemazione di Largo della Pace. Sull’inchiesta, di cui si stanno occupando i Carabineri Forestali, vige il più stretto riserbo. A quanto pare, però, gli inquirenti avrebbero già sentito il presidente dell’Università Agraria di Civitavecchia Daniele De Paolis e almeno un dirigente dell’Autorità di Sistema Portuale.
Il fatto che sia stato presso a sommarie informazioni testimoniali il rappresentante dell’Agraria lascia supporre che ancora una volta il nodo da sciogliere riguardi gli usi civici che gravano su più di una particella ricadente su largo della Pace. 
La vicenda si trascina ormai da anni, però sembrava si fosse arrivati ad una sua definizione, quando – uscito di scena l’ex assessore Pantanelli che come in gran parte delle questioni di cui si era occupato aveva creato più che altro ulteriore confusione – si era giunti ad un accordo secondo il quale il Comune avrebbe nominato un perito demaniale che avrebbe determinato l’importo che l’Adsp avrebbe dovuto pagare per liquidare gli usi civici, sgravando l’area oggetto dell’intervento di sistemazione per il nodo di scambio dei passeggeri.
A quanto pare, però, per motivi che ora saranno chiariti dai Carabinieri Forestali coordinati da Salvatore Verzilli, l’Authority non avrebbe pagato l’importo previsti e quindi, di fatto, il terreno su cui nei giorni scorsi sono stati avviati gli interventi previsti, sarebbe ancora gravato dall’uso civico e quindi il cantiere non avrebbe potuto essere aperto.  
LA CONFERMA DI DE PAOLIS – Lo stesso Daniele De Paolis ha confermato al sito Etrurianews di essere stato chiamato dai Carabinieri forestali e di aver risposto alle loro domande, confermando che ad oggi, l’Autorità Portuale, pur avendo iniziato l’istruttoria, non ha pagato gli usi civici che svincolerebbero l’area. «Per quello che ci riguarda  – ha concluso De Paolis – non potevano fare alcun tipo di intervento».
Sviluppi che potrebbero portare anche al sequestro del cantiere sono attesi già nei prossimi giorni, anche sulla base di quanto potrebbe aver dichiarato il dirigente di Molo Vespucci, che – stando le cose come riportato dal presidente dell’Agraria – non è chiaro come potrebbe aver motivato il mancato pagamento dell’affrancamento dali usi civici. (Agg. 28/2 ore 20.01)

ALTRI DUBBI SULLA PAESAGGISTICA. IL PARALLELO CON IL CREMATORIO – Altro dubbio non secondario riguarderebbe la mancanza dell’autorizzazione paesaggistica, quand’anche fossero stati liquidati gli usi civici.
E’ però anche vero che in una situazione simile, quella del forno crematorio, finora nessuno ha eccepito, nonostante esposti e denunce, il vizio del titolo edilizio costituito dalla delibera di giunta numero 95, in cui si citata una autorizzazione paesaggistica in quel momento del tutto inesistente.Vedremo se su largo della Pace i pesi e le misure adottate da chi dovrà giudicare la correttezza dell’iter svolto saranno gli stessi usati finora per il Comune e il crematorio. (Agg. 28/2 ore 20.27)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###