Camboni e Benedetti portano l’Italia a Tokyo

Dopo il ticket strappato nelle classi Laser Radial, 470 maschile e 470 femminile, venerdì l’Italia ha conquistato altre tre qualifiche per le Olimpiadi di Tokyo 2020 nell’RS:X maschile, RS:X femminile e Nacra 17.
Le buone notizie arrivano da Aarhus, in Danimarca, dove il campionato del mondo di vela a classi unificate è giunto alla fase finale.
A tenere alto il tricolore ci stanno pensando i civitavecchiese Mattia Camboni (GS Fiamme Azzurre) e Daniele Benedetti (SV Guardia di Finanza), i quali hanno permesso all’Italia di qualificarsi matematicamente nella classe RS:X maschile, dove per stabilire chi sarà l’autore della qualifica bisognerà attendere la Medal Race di oggi, perchè Camboni e Benedetti sono entrambi nei primi dieci e si trovano appaiati rispettivamente in settima e ottava posizione a soli quattro punti di distanza. Troppo lontano per loro il podio, ma possono andare fieri entrambi per la qualifica dell’Italia ai Giochi Olimpici giapponesi.
«Partiremo dalla settima posizione – commenta sul suo profilo social Mattia Camboni – con le medaglie piuttosto lontane. Rimane un po’ il rammarico della penalità subita il primo giorno, che ci ha impedito di scartare il brutto 27 di giovedì, ma è comunque un Mondiale molto complicato ed essere tra i primi dieci rimane un segnale molto forte e una conferma dopo l’oro di Tarragona. Ora sotto con la Medal».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mondiale: Camboni e Benedetti scivolano al sesto e ottavo posto

Qualcosa di inaspettato quello che è accaduto ieri al Mondiale di Aarhus, in Danimarca. Mattia Camboni del GS Fiamme Azzurre e Daniele Benedetti della SV Guardia di Finanza sono scivolati rispettivamente al sesto e all’ottavo posto della classifica Rs:X dopo aver concluso le tre regate di mercoledì appaiati in terza posizione. Una notizia che ha sballato i pronostici, ma che allo stesso tempo fa ben sperare, perché nonostante i due attuali piazzamenti, i windsurfisti rientrano lo stesso nella Medal Race di domenica. Camboni e Benedetti, dunque, gareggeranno per l’ultima giornata proprio domani su tre regate, per poi riposare domani in attesa del gran finale di domenica. «Giornata partita bene – spiega Camboni – con la prima regata conclusa al 6° posto dopo un bellissimo testa a testa all’ultimo respiro, chiudo purtroppo le altre 2 regate al 10° e 27° posto».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mondiali: Camboni e Benedetti non mollano

Sono ben quattro i civitavecchiesi di scena al Mondiale che si sta svolgendo in Danimarca nella città di Aarhus: Mattia Camboni, Daniele Benedetti, Matteo Evangelisti e Veronica Fanciulli. L’esperienza danese è partita nel migliore dei modi per entrambi gli atleti, sia per Mattia Camboni (GS Fiamme Azzurre) e Daniele Benedetti (SV Guardia di Finanza) che si trovano attualmente in terza posizione. A partire meglio, però, è stato Benedetti, che ha conquistato i primi due posti per poi rifarsi sotto a Camboni, che ha portato a casa due volte la seconda piazza. Partenza del tutto inaspettata, invece, per Matteo Evangelisti che al momento si trova piazzato al 61° posto, mentre al 34° c’è la campionessa Veronica Fanciulli che ha subito una penalizzazione subito dopo aver perso il ricorso con un’avversaria giapponese finendo addirittura fuori dalla flotta. Una situazione, dunque, più che positiva per l’Italia, in particolar modo grazie a Daniele Benedetti (SV Guardia di Finanza) e Mattia Camboni (GS Fiamme Azzurre) che si stanno comportata molto bene: il primo è terzo con i parziali 8, 14, 6 e il secondo è quarto a pari punti con due ottimi secondi posti ed un settimo ottenuto nella giornata di ieri. Domani e venerdì sono previsti ancora due giorni di gare, prima della pausa di sabato e della medal race di domenica.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Veronica Novelli chiude il Mondiale senior in ottava posizione

Si è chiusa da poche settimane il Mondiale dell’Italia senior femminile di hockey in line e per Civitavecchia era in pista Veronica Novelli. L’atleta della Cv Skating ha giocato regolarmente nella rotazione delle linee ed è andata a segno nel match contro la Finlandia, valido per la finale 7° posto, persa 5-4. Nonostante l’ottavo posto nella classifica generale il Mondiale di Veronica può definirsi molto positivo. «La nazionale – spiega Veronica Novelli – è la massima aspirazione per chi fa sport a livello agonistico, il Mondiale è l’apice dell’aspirazione per un’atleta. Non è un arrivo, ma un punto di partenza perché una volta entrati nel giro occorre rimanerci e rimanere vuol dire sacrificio e dare sempre il massimo. Il movimento femminile dell’hockey in line – continua il talento civitavecchiese – sta crescendo molto, il livello tecnico è eccellente e confrontarsi con atlete di livello mondiale arricchiscono la mia esperienza e fanno crescere anche il mio tasso tecnico. Essermi confrontata con nazioni avanti come preparazione, esperienza e tecnica mi ha entusiasmato, perché con l’impegno e la costanza degli allenamenti mi ha portato comunque a ben figurare. Ora pensiamo al prossimo Mondiale (Barcellona 2019, ndr) e con l’esperienza di Asiago vedrò di correggere errori e di prepararmi sempre al meglio in attesa di future chiamate. Ringrazio – conclude Novelli – la società Cv Skating per il supporto e l’opportunità e tutti i miei compagni per l’incitamento ad impegnarmi e crederci sempre».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tarquinia aderisce al progetto ‘‘Capitani coraggiosi’’

TARQUINIA –  L’assessore ai Servizi sociali del Comune di Tarquinia, Manuel Catini, annuncia l’adesione al progetto “Capitani coraggiosi”, promosso dalla Confederazione Autonoma Europea dei Lavoratori diversamente abili. 
L’iniziativa si svolgerà martedì 28 agosto, sul lungolago “Argenti” di Bracciano all’interno degli spazi del Consorzio di Navigazione, al termine del campionato mondiale di vela juniores classe 470, che si terrà dal 17 al 26 agosto 2018. 
La manifestazione durerà un’intera giornata e ha l’obiettivo di dare impulso e visibilità alle attività sportive che coinvolgono i diversamente abili, con una dimostrazione di regata con imbarcazioni appositamente attrezzate e l’assistenza di personale esperto. 
Nell’ambito della giornata saranno presentati tre prototipi progettuali realizzati dagli studenti dell’Istituto Nautico “Calamatta” di Civitavecchia, fruibili dai diversamente abili. 
Il primo è l’Electricsave, un pattino di salvataggio spinto da motori elettrici, che può muoversi sia in acqua che sulla battigia. Il secondo si chiama Glays, un occhiale intelligente, dotato di quattro sensori, due frontali e due laterali, che rilevano gli ostacoli e mandano segnali acustici e di vibrazione. Il terzo è il Safe One, un salvagente che si gonfia automaticamente all’impatto con l’acqua. Il programma della manifestazione prevede una tavola rotonda dove ci si potrà confrontare sul tema della disabilità. 
«Ho candidato Tarquinia a ospitare l’edizione del prossimo anno di questa manifestazione – dichiara l’assessore ai Servizi sociali, Manuel Catini – sport e disabilità possono conciliarsi. La presentazione dei tre prototipi sarà un evento particolarmente interessante. Un momento importante sarà il confronto nella tavola rotonda, dove esporrò una relazione sulla situazione tarquiniese e le attività svolte durante l’anno dalle associazioni in coordinamento con il settore servizi sociali del Comune». «È indispensabile fare rete con gli altri comuni – conclude Manuel Catini – effettuare scambi di informazioni, condividere esperienze e progetti.  Il nostro Comune è da sempre attento ai problemi dei cittadini diversamente abili e per questo dobbiamo operare affinché i diversamente abili abbiano la possibilità di praticare sport assieme ai loro coetanei». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Total 24 Ore di Spa: Giammaria chiude 14°

Una grande rimonta, terminata con il quattordicesimo posto finale, ha coronato il weekend appena trascorso per Raffaele Giammaria, impegnato nella gara più prestigiosa della Blancpain GT Series Endurance Cup 2018 alla Total 24 Ore di Spa (B).
Il pilota italiano, Factory Driver Lamborghini, ha onorato i colori del marchio di Sant’Agata Bolognese al volante della Lamborghini Huracán GT3 #19 del Grasser Racing Team in equipaggio con Ezequiel Perez Companc (ARG) e Marco Mapelli (ITA), in una delle più difficili e rocambolesche edizioni della prestigiosa 24 Ore degli ultimi anni.
La preparazione all’appuntamento da parte di Giammaria è stata molto meticolosa, e fin dalle prove libere il pilota italiano ha lavorato assieme ai compagni di equipaggio per adattare il set-up della vettura all’università dell’automobilismo mondiale, come viene definito il circuito di Spa-Francorchamps. L’obiettivo di Giammaria è stato fin da subito quello di ottimizzare il feeling con la Lamborghini Huracán GT3 soprattutto nel passo gara, aspetto fondamentale per affrontare la lunga maratona.
In qualifica, come di consueto nella Blancpain GT Series Endurance Cup, il tempo finale è stato ricavato dalla media delle prestazioni dei tre piloti, alternatisi al volante nel corso delle tre sessioni, con l’equipaggio che si è qualificato al ventottesimo posto con un tempo medio di 2’20.939.
La gara è stata davvero spettacolare, con tante interruzioni per full-course yellow e uno stop con bandiera rossa. Giammaria ha reagito da grande professionista a questi cambi di ritmo, impostando tutti i suoi stint sulla precisione e sulla strategia, e grazie a questo approccio, forte anche di un ottimo livello prestazionale della vettura, l’equipaggio ha così recuperato nel corso delle ventiquattro ore ben 14 posizioni, issandosi in quattordicesima assoluta a due ore dalla fine e passando sotto alla bandiera a scacchi come prima Lamborghini al traguardo.
Questo il commento di Raffaele Giammaria dopo la bella rimonta messa in pista sul circuito belga: «È stata una gara davvero difficile, ma sono orgoglioso di aver potuto contribuire a questo importante risultato per il marchio Lamborghini senza mai incontrare nessun tipo di problema tecnico e senza incorrere in nessun contatto. La vettura ha tagliato il traguardo perfetta, senza un graffio, una cosa mai banale quando si affronta una gara di durata, in particolare la Total 24 Ore di Spa, la più prestigiosa dell’intero campionato. Grazie all’ottimo lavoro del team ho potuto sfruttare al meglio i miei stint, anche se non siamo mai stati particolarmente avvantaggiati dagli episodi, basti pensare che su 24 pit stops non siamo mai entrati ai box durante le interruzioni, ma sempre a gara in corso. Il passo per entrare in top ten c’era, ma sono comunque molto soddisfatto per un weekend intenso e prestigioso che alla fine mi ha ripagato con un buon risultato».
Giammaria, impegnato in questi giorni in un test Lamborghini al Paul Ricard, tornerà al volante della Lamborghini Huracán GT3 di del Grasser Racing Team dopo la pausa estiva per l’ultimo appassionante appuntamento della Blancpain GT Series Endurance Cup 2018 in programma dal 28 al 30 settembre sul circuito di Barcellona (E).

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Allumiere, pienone per il concerto della banda dei carabinieri

ALLUMIERE – «È stata una serata straordinaria in cui abbiamo registrato il pieno di persone e di emozioni, una serata che resterà nei cuori di tutti». Ad esprimersi così il sindaco di Allumiere, Antonio Pasquini all’indomani del meraviglioso e spettacolare concerto della Banda Musicale dell’Arma dei carabinieri, fortemente voluto dall’amministrazione e ottenuto grazie alla collaborazione con l’associazione Amici della Musica di Allumiere e con la Pro Loco. Questo grande e prestigioso evento faceva parte delle iniziative organizzate in occasione del primo centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Mercoledì sera i musicanti della banda dei carabinieri hanno infiammato la piazza e tutti sono rimasti estasiati dalla loro eccellente e perfetta performance. La banda dei carabinieri è tra le realtà bandistiche più note, conosciuta in ogni parte del mondo per la perfezione e varietà delle sue esecuzioni e la grande qualità performativa dei suoi orchestrali. Dopo i grandi successi ottenuti da questa ecceziinale banda nelle sale da concerto, nei teatri, alla radio ed alla televisione, in qualsiasi luogo si sono  esibiti stavolta a tributare loro scrosci di applausi e la standing ovation è stata la piazza gremita di Allumiere. «Uno spettacolo emozionante e indescrivibile: già al momento dell’accettazione della richiesta da parte dell’Ufficio Cerimoniale dell’Arma dei Carabinieri (che oltretutto autorizzava la Banda al completo), era salita l’adrenalina. Mercoledì è stato il capolavoro con un organizzazione perfetta, cittadini e personalità intervenute, deposizione della corona ai caduti con rispetto del cerimoniale, spettacolo in piazza da brividi e la calorosa accoglienza che Allumiere ha riservato all’evento ed alla Banda, mi ha trasmesso un’emozione che porterò sempre nel mio cuore: da lacrime. Grazie al maestro Col. Massimo Martinelli e a tutti i componenti della banda dell’Arma – sottolinea ancora il sindaco Pasquini – sono stati eccezionali. Grazie a tutte le autorità presenti e a tutti i cittadini che hanno partecipato». In piazza della Repubblica erano presenti tante persone del comprensorio salite in collina proprio per non mancare a questo grande evento di alto profilo musicale».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

A Santa Marinella lo yacht a vela più grande al mondo

SANTA MARINELLA – È stata avvistata stamane al largo del mare di Santa Marinella, la barca a vela più grande al mondo, in questo periodo impegnata a navigare nelle coste del mar Mediterraneo per alcuni test. Tanto lo stupore di cittadini e villeggianti che hanno voluto immortalare il super yacht privato e a vela che ha già  toccato la Liguria e le coste di Varazze. 

La nave si chiama semplicemente A (o Sailing Yacht A) ed è lunga 142,8 metri per oltre 12.600 tonnellate di stazza, ha un albero maestro di 90 metri e la parte emersa è alta come un palazzo di 8 piani.

È stata progettata da Philippe Stark ed è costata 425 milioni di euro. Ospita al suo interno una grande piscina e un osservatorio subacqueo mentre uno dei ponti è attrezzato per l’atterraggio degli elicotteri.

Potrà solcare i mari a vela ma anche a motore: il vascello è equipaggiato con due motori diesel da 3600 kW e due motori elettrici da 4300 kW.

Ogni funzione della barca può essere controllata da un unico schermo touch mentre vetri a prova di bomba e 40 telecamere a circuito chiuso ne garantiscono la sicurezza.

Lo yacht, che è stato costruito nei cantieri di Nobiskrug, in Germania, appartiene al miliardario russo Andrey Melnichenko, n° 89 nella classifica mondiale dei super ricchi. 

Le sue vele sono state tessute negli Stati Uniti e hanno una superficie superiore a quella di un campo di calcio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Giulia Fava argento Mondiale

La stella di Giulia Fava brilla ai campionati mondiali di vela giovanile di Corpus Christi, in Texas. La portacolori dell’Assiociazione Velica Civitavecchia  conquista un prestigioso argento nei Nacra 15 in coppia con Andrea Spagnolli (Fv Malcesine). La giovane atleta dell’Avc aveva vinto la medaglia di bronzo nei 420 ai Mondiali l’anno scorso a Sanya. Già da venerdì l’oro se lo erano assicurati Teresa Romairone e Dante Cittadini (Arg); la medaglia di bronzo va a Greta Stewart e Tom Fyfe (Nzl).
Con tre medaglie di classe e un’altra ben meritata nella classifica per Nazioni, l’Italia si qualifica infatti terza nella lunga lista di 66 squadre nazionali, dietro ai padroni di casa, gli Stati Uniti e ai neozelandesi.
«È stato un campionato fantastico. Abbiamo trovato le nostre condizioni – spiega Giulia Fava – e ci siamo divertiti tantissimo, poi il risultato è venuto da sé. I primi giorni non siamo riusciti ad andare in acqua con la marcia giusta, eravamo molto veloci ma facevamo troppi errori. Al terzo giorno di regate è arrivata la svolta decisiva, ci siamo detti ora o mai più e abbiamo iniziato a fare la differenza. Abbiamo scalato la classifica fino alla seconda posizione. Per questo risultato devo ringraziare la Fiv e il coach federale Gigi Picciau che ci ha seguito durante questo nuovo percorso in Nacra 15. Un grazie speciale anche alla mia famiglia e a tutte le persone che hanno creduto in noi. Un ultimo ringraziamento va ad Andrea Spagnolli, colui che mi ha sopportato in barca questi giorni, che io chiamo banalmente ‘‘socio’’».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###