Rialzarsi in due settimane: così il Veneto sì è ripreso dai pesanti danni

La risposta record di cinquemila volontari e tecnici ai disastri provocati dal maltempo, dalle Dolomiti a Jesolo. Il vescovo di Belluno: «Un miracolo di San Martino»

Leggi articolo completo

@code_here@

Ladri in azione ad Aurelia: rubati gioielli

CIVITAVECCHIA – Il buio, la distanza dal centro cittadino, la posizione in cui si trova la zona, mettono Borgata Aurelia nella condizione di essere un boccone appetibile per i ladri. I malviventi sono tornati in azione, con un colpo clamoroso, messo a segno lo scorso 25 ottobre. A quanto pare, in tarda serata, avrebbero divelto una grata in ferro, sarebbero entrati in casa e con un frullio avrebbero aperto una cassaforte murata, portando via tutto l’oro trovato all’interno. 
È proprio la vittima a raccontare i fatti, parlando di memoria dei ricordi ormai carbonizzata. ‘‘Ora sappiamo cosa significa affrontare questo sopruso da gente che si impadronisce dei tuoi ricordi, entra nell’intimità frugando nelle tue cose, lasciando un indelebile segno di rabbia e dolore’’.
La vittima, in una lettera simbolica a Civitavecchia, manda un messaggio chiaro.

‘‘Mi rivolgo ai signori ladri, sperando nel miracolo che ritrovino nella loro coscienza un barlume di comprensione. Mi rivolgo al Sindaco della città, chiedendogli di fare ogni possibile sforzo per risolvere la storica anomalia locale causata da una confusione di competenze tra comune e proprietà privata, in parte destinata ai servizi pubblici. Circostanza nella quale sono da anni penalizzati gli abitanti di Borgata Aurelia con il seguente risultato dello stato di abbandono dell’area, carente di un concreto referente. Le condizioni di degrato in cui si trova la zona, priva di strade sicure caratterizzate da pericolose buche, l’insufficienza d’illuminazione causata dall’assenza o avaria di lampioni, la presenza di pericolose aree verdi abbandonate a ridosso delle abitazioni, sono i principali elementi che indubbiamente agevolano la professione dei ladri che trovano terreno fertile per svolgere l’illegale attività. Mi rivolgo alle forze dell’ordine esenti da proprie responsabilità, alle quali, pur riconoscendo il costante sforzo e impegno, segnalo che a Borgata Aurelia i lampeggianti sono rari. In fine mi rivolgo alle istituzioni centrali, chiedendo di mettere in condizione tutti di fare al meglio il proprio dovere a favore della sicurezza pubblica’’.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cane folgorato alla Frasca

CIVITAVECCHIA – Un episodio che ha dell'inverosimile. È quello accaduto questa mattina, alla Frasca, nei pressi del campeggio. Una signora civitavecchiese era a passeggio con il proprio cane, uno Springer Spaniel da caccia, sul lungomare. Un giro come tanti altri, nonostante il tempo. Per cause in corso di accertamento da parte dei Vigili del fuoco e della Polizia, intervenuti sul posto, il cane è rimasto folgorato, colpito da una violenta scarica elettrica accanto ad un palo della luce. Per lui non c'è stato nulla da fare: è morto sul colpo. E la donna, rimasta pochi passi indietro, si è salvata per miracolo. In stato di shock è stata trasportata in ambulanza al pronto soccorso del San Paolo. (SEGUE)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc-Corneto è il big match di giornata

Per la nona giornata del campionato di Promozione, il turno mette di fronte ben sei formazioni del nostro comprensorio, in tre derby che si preannunciano di grande interesse. Il Corneto Tarquinia ospita stamani al Bonelli la Cpc2005 in una di quelle battaglie calcistiche che hanno segnato sfide memorabili e da ricordare  negli anni. Dopo l’assenza nelle due precedenti stagioni, nell’ultima la Corneto era in Prima Categoria e nell’altra invece la CPC2005 era in Eccellenza. Oggi, si respirerà l’aria fine della testa della classifica. La CPC ci arriva dopo il mezzo passo falso in casa contro l’Aranova, che tra l’altro gli è valso la testa della classifica a favore della Vigor, mentre la Corneto, vincente con il Pian due Torri, ci arriva con il riaggancio ai portuali al secondo posto. Sarà un match caratterizzato dai tanti ex in casa Tarquinia, a partire dall’ex capitano storico della Compagnia Portuale Luca Gallinari, passando per pendolino Massimiliano Gravina e bomber Mauro Catracchia, nella compagine portuale la scorsa stagione, un motivo di saluto ulteriore per questi ragazzi ancora nei cuori della Cpc e che genereranno, senza ombra di dubbio, una vena di rispetto per le qualità umane e calcistiche di questi ragazzi ora in altre sedi. Sarà il derby tirrenico, dove il tempo atmosferico forse caratterizzerà le prestazioni in campo, infatti si prevede forte vento e una pioggia incessante. Ma soprattutto sarà il match dove due squadre potenzialmente candidate al titolo daranno spettacolo su quel biliardo verde del Bonelli. Altro derby quello di oggi tra la Csl Soccer che, alle 11, attende tra le mura amiche del Flavio Gagliardini l’Atletico Ladispoli del tecnico Pino Neto. Ennesimo derby stagionale per i ragazzi di Daniele Fracassa che vogliono assolutamente vincere, visto che nell’ultima sfida sono usciti sconfitti di misura dal campo della Gallese. I rossoblù dovranno fare a meno dell’ormai lungodegente Emanuele Siani e, notizia dell’ultimo minuto, anche del forte centravanti classe ‘99 Daniele De Felici per un problema al flessore. «Dobbiamo – spiegano dalla società – pensare solamente alla vittoria e ottenere i tre punti che è l’unica cosa che conta. Siamo consapevoli delle insidie che può nascondere l’Atletico Ladispoli anche se è una rosa molto giovane, ma noi dovremo scendere in campo determinati fin dall’inizio come sempre e riscattare la sconfitta di domenica scorsa». Mercoledì c’è anche la sfida di Coppa Italia valida per i sedicesimi di finale e al Dlf a fare visita ci sarà la formazione che all’esordio fermò i leoni sull’1-1 al 90’ il Città di Cerveteri. Terza stracittadina odierna, quella tra il Città di Cerveteri e il Tolfa. Alle 11, al Galli, i ragazzi di Michele Zeoli se la vedranno contro una squadra che è in netta ripresa. Purtroppo non è bel momento per gli etruschi, al secondo stop consecutivo. Nell’ultima prestazione, i verdazzurri sono apparsi poco reattivi, concedendo al Cimini di portare a casa tre punti per l’alta classifica. A dicembre, dunque, ci potrebbe essere qualche stravolgimento tecnico. «Da quando sono arrivato io – spiega Zeoli – gioca sempre la stessa squadra. Ho visto i ragazzi lottare fino alla fine, anche se in modo confusionario, però devo ammettere che l’impegno non è mancato. Il pensiero però è rivolto alla gara contro il Tolfa». Un match alla portata dei verdeazzurri a cui è vietato perdere punti per non imbrigliare la classifica. Bacchi e compagni suonano la carica, invitando i tifosi a sostenerli. I collinari reduci dalla vittoria di domenica scorsa, cercano oggi un successo per allungare la striscia positiva e incamerare punti preziosi. «Gara quella di Cerveteri molto difficile – dice il team manager Salvatore Incorvaia – contro una squadra che, dopo le difficoltà iniziali che hanno portato al cambio di allenatore, sembra avere imboccato la strada giusta. Le squadre di Zeoli sono sempre ben organizzate e grintose e sarà complicato fare il risultato. Da parte nostra cominciamo a stare bene, veniamo da una buona serie di risultati positivi e stiamo crescendo dal punto di vista dell’autostima. Il gruppo è molto coeso e l’organizzazione di squadra sembra già a ottimi livelli. Sarà sicuramente una partita combattuta». La squadra collinare dovrà fare a meno di Carlini, ma recupera Galli e Lavagnini a tempo pieno. Rivoluzione invece nel Santa Marinella che, dopo la pesante sconfitta interna di domenica scorsa contro il Canale Monterano, ha provveduto a “tagliare” alcuni giocatori. Una conseguenza dovuta al rientro in società del direttore sportivo Paolo Di Martino, che si era dimesso quattro settimane fa sugli sviluppi di una situazione che era diventata pesante e che oggi è ancora più difficile. Quattro punti in otto gare non è certo un bottino da salvezza. Per tentare di recuperare il terreno perduto, il presidente Patrizio Gramegna ha chiesto all’ex presidente della Santamarinellese, di riprendere in mano la gestione organica del gruppo dei giocatori e di iniziare subito quel lavoro di contatti con alcuni elementi disponibili per rinforzare la squadra. stamani, i tirrenici viaggeranno alla volta di Vignanello per vedersela contro la Polisportiva Monti Cimini che sta attraversando un ottimo momento di forma. Ci vorrà un miracolo per portare via un risultato positivo, ma il Ds fa fede sulla voglia dei giocatori di un pronto riscatto.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Ladispoli non sa più vincere

Il Ladispoli non sa più vincere. La squadra di Pietro Bosco incassa un sonoro 2-1 in casa dal Castiadas e rimedia la seconda sconfitta di fila. I rossoblu cercano in tutti i modi di fare il risultato, ma gli ospiti si difendono e ripartono. Mister Bosco manda un’altra volta in campo i suoi schierati nel 4-3-3: tra i pali Alessio Salvato, in difesa la coppia Gallitano-Leone al centro, con Gianluigi Salvato e Mastrodonato terzini. In mediana troveremo il terzetto formato da De Fato, Tollardo e Manuele Sganga, davanti Bertino e La Rosa al fianco di Cardella. Alla mezz’ora Cardella sfiora il vantaggio con il pallone che centra la traversa, due minuti dopo Bertino a tu per tu con il portiere la prende di testa, ma conclude incredibilmente al lato. Tante occasioni per i rossoblu, ma è il Castiadas a sbloccare il risultato al 38’ con Nicola Manca direttamente da calcio di punizione: il pallone calciato da Manca è lento, ma ben piazzato e finisce proprio sotto all’incrocio. Nella ripresa il Ladispoli ci prova, ma Monni compie un miracolo su Bertino. Al 26’ Leone e compagni rientrano in partita grazie al solito Cardella che dagli undici metri è freddo e batte l’estremo difensore ospite. L’equilibrio dura solo dieci minuti quando Tiraferri crossa in area in direzione di Medina, lasciato tutto solo, stacca di testa e insacca Alessio Salvato. I rossoblu non riescono a reagire e crollano sia dal punto di vista fisico che da quello morale: al triplice fischio esulta solo il Castiadas, per il Ladispoli è notte fonda.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Terza di campionato all’insegna della rivalsa

Terza d’andata per la Cpc2005, che domani pomeriggio alle 15.30 al centro sportivo dell’Asd Atletico Tirrena attende il Blue Green. 
Dopo due pareggi che gli hanno permesso di uscire indenni con il Grande Impero all’esordio e con il Valentia sabato scorso, la compagine portuale diretta da Angelo Branchesi cerca il salto in avanti contro il fanalino di coda del girone D. 
Squadra quella del Blue Green che ha iniziato la stagione nel peggiore dei modi, un solo gol fatto e tredici subiti, e che proviene dalla pesante sconfitta di sabato subita in casa ad opera dell’Eur Massimo, e che aveva bissato la cinquina rimediata all’esordio in casa del Laurentino. 
Banco di prova importante per cancellare l’amaro in bocca rimasto dopo l’ultimo pareggio, perché solo un caso non ha permesso ai portuali di incamerare i tre punti sabato scorso, in cui si spera per trovare quell’identità necessaria nel proseguo di stagione.
La Td Santa Marinella sarà di nuovo impegnata in casa (Pala De Angelis ore 15) contro La Pisana, che in classifica vanta gli stessi punti del quintetto santamarinellese e cioè tre, frutto di una vittoria e una sconfitta. 
Dunque, uno scontro diretto, che potrebbe rilanciare le ambizioni dei tirrenici verso le parti alte della graduatoria, ma anche risultare fortemente penalizzante qualora al termine della partita i ragazzi di Di Gabriele dovessero uscirne con un punteggio negativo. 
«Noi sabato abbiamo incontrato il Fiumicino e cioè la migliore del girone, insieme all’Atletico Grande Impero – commenta mister Di Gabriele – ed il fatto che gli abbiamo tenuto testa per gran parte della partita, vuol dire che stiamo sulla giusta strada. Siamo un gruppo giovane che conta solo sull’apporto di un paio di giocatori esperti, e quindi dobbiamo continuare su questa strada perché la società vuole fortemente portare avanti il discorso dei giovani. Sono certo che nella gara con La Pisana avremo maggiori possibilità di fare nostra la partita perché è una compagine alla nostra portata». 
Turno esterno, ed è il secondo consecutivo per il Futsal Santa Severa che domani alle 17 sarà impegnata sul green del Laurentino Fonte Ostiense 80, squadre che viaggia in testa alla classifica a punteggio pieno. 
I tirrenici, provengono da una sconfitta sul campo proprio de La Pisana per 2 a 1 ma questo, sicuramente, sarà un turno più impegnativo. Il tecnico Villella dovrà serrare le fila per compiere il miracolo di battere la prima della classe che vanta la migliore difesa del campionato.
Match interno per la Futsal Academy del duo tecnico Taldini-Nunzi, che alle 17 ospita il Valentia penultimo della classe.
La capolista Real Fiumicino/Futsal Isola attende alle 16, infine, il Virtus Monterosi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Muore dopo un intervento di routine

CIVITAVECCHIA – Ha lottato per diverse ore tra la vita e la morte una giovane ventenne civitavecchiese. La sua vita è stata aggrappata ad un filo per circa due giorni. Ma le speranze purtroppo, già dal primo momento, sembravano essere flebili. La famiglia ha sperato fino alla fine in un miracolo che però, purtroppo, non è mai arrivato.

La ragazza, come raccontano alcuni amici, è stata sottoposta lunedì scorso ad un intervento presso un ospedale della Capitale. Un semplice intervento di routine per lei, l’asportazione delle tonsille, considerata nella maggior parte dei casi un’operazione banale. 

Ma il rischio di complicanze non è escluso. Soprattutto legate a possibili emorragie durante il decorso post operatorio. Ed è quello che sarebbe accaduto proprio alla ventenne. Seppure l’operazione fosse riuscita senza problemi, dopo pochi giorni la giovane è stata trasferita d’urgenza al pronto soccorso.

A casa con la nonna, infatti, sarebbe stata trovata in bagno priva di sensi. Si è tentato in tutti i modi di tenerla in vita. L’intervento a casa di un parente medico e poi la corsa disperata in ospedale dove le condizioni della ragazza sono apparse subito molto critiche. I medici ed i sanitari presenti, anche in questo caso, hanno tentato in tutti i modi di salvarle la vita, nonostante tutto, cercando di arrestare l’emorragia. Ma non è stato semplice, proprio perché le sue condizioni erano già piuttosto precarie.

E nello stesso ospedale dove qualche giorno fa è stata sottoposta all’operazione chirurgica, ieri mattina è deceduta, lasciando la famiglia in un dolore inconsolabile. Famiglia che, con un ultimo gesto d’amore, superando lo stesso dolore, ha deciso di donare gli organi della ragazza, per continuare a farla vivere e, soprattutto, per salvare altre vite.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Un’autogol di Mastrodonato allo scadere del primo  tempo frena il Ladispoli

Secondo risultato utile consecutivo per il Ladispoli che nell’anticipo della 5^ giornata di serie D non va oltre l’1-1 contro il Sassari Latte Dolce. Gara che si è decisa tutta nei primi 45’. I rossoblu passano in vantaggio a nemmeno dieci minuti dall’inizio grazie ad una rete di Andrea Sganga, ma vengono beffati allo scadere di primo tempo da una sfortunata autorete di Mastrodonato. Come nella gara contro il Flaminia anche oggi mister Bosco si affida al 4-4-2: Alessio Salvato tra i pali, in difesa ritorna la coppia Gallitano Leone al centro, con Gianluigi Salvato e Mastrodonato terzini. A centrocampo De Fato Cannizzo esterni con Tollardo e Andrea Sganga a completare la linea mediana. Cardella e Camilli la coppia offensiva. Nel primo tempo iniziano meglio i ragazzi di Bosco, con il Ladispoli che carbura con il passare del tempo. Ma è solo l’anteprima del vantaggio che arriva al 9’: Andrea Sganga riceve palla in area e senza esitare calcia e trova il gol sul secondo palo. Il Sassari Latte Dolce tenta di reagire e solo due minuti dopo la rete dei padroni di casa ha l’occasione di rientrare in partita dagli undici metri: strepitoso Alessio Salvato (nella foto), migliore in campo che dice no a Palmas mantenendo invariato il risultato. In chiusura di frazione un retropassaggio sfortunato di Mastrodonato scuote il match: l’estremo difensore rossoblu non può far nulla se non vedere entrare in rete il pallone. Esulta la compagine di mister Udassi che riesce ad andare negli spogliatoi sull’1-1. Nella ripresa il Ladispoli cerca di ritrovare il vantaggio, ma la foga dei primi minuti non porta a nulla, con il Latte Dolce che sfiora il raddoppio con una zampata in scivolata di Sartor, miracolo di Leone che tiene a galla il Ladispoli con un salvataggio sulla linea di porta. La partita finisce dopo quattro minuti di recupero e il risultato rimane invariato. All’Angelo Sale è 1-1.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc, tre punti per non perdere terreno dalla vetta

Giornata interessante, quella di oggi, per le squadre che militano nel girone A del campionato di Promozione. La CPC2005 dopo una settimana travagliata susseguente alla sconfitta nel derby con la CSL, affronta stamane in casa l’Aurelio Roma Academy, squadra fanalino di coda del girone. «Lo stop domenica e il pareggio in coppa non possono influire sulla brillantezza di testa e gioco vista fino ad ora – spiega Stefano Gallo – sicuramente uno stop inaspettato per quanto avevamo espresso fino ad ora, mentre per quanto riguarda la Coppa sono convinto che è una partita a sè. Mancano ancora novanta minuti e l’importante è aver segnato. Ci poteva anche stare un pareggio visto chi incontravamo, ora serve assolutamente vincere in casa loro; ma c’è tempo per pensarci. Lo stop con la Csl invece ha un altro senso, essendo un derby era importante vincerlo. Averlo perso comunque non deve assolutamente influire sulla nostra stagione e i nostri obiettivi, che sono ben altri e non la singola gara. Sicuramente ci farà bene questa sconfitta, quando vai forte e non sei consapevole dei tuoi limiti è tutto fin troppo facile. Ma la forza di una squadra si misura nei momenti di difficoltà, se riesci ad alzarti, continuare come nulla fosse, l’incidente che ti ha colpito è stato solo un ostacolo superato. Arriva al Tamagnini una delle peggiori situazioni che potesse capitare. Loro a zero punti e che si giocheranno la partita senza nulla da perdere. Noi con una strada da riprendere con forza, mostrando a tutti che è stato solo una caduta. Oggi può essere una svolta, nel senso che la partita sarà facile senza nessun ostacolo e riprendiamo a correre come prima, o forse la peggiore che potevamo incontrare in questo momento. Non hanno nulla da perdere vista l’attuale differenza in classifica, sono ancora a zero punti e cercheranno la cosiddetta gara della vita, come tutti del resto faranno con noi. Sta solo a noi decidere quale piega far prendere alla gara e al proseguo di stagione». La Csl Soccer del tecnico Daniele Fracassa dopo la straordinaria vittoria nel derby con la Cpc2005 e l’inaspettata sconfitta in Coppa Italia col Canale Monterano rimediata mercoledì, sfida la terza della classe la Vigor Acquapendente. Una partita che nasconde molte insidie e i rossoblù devono dare il tutto per tutto per ottenere la quarta vittoria consecutiva e i rispettivi tre punti per la gioia dei tifosi e dell’intera dirigenza. Indisponibili ancora gli attaccanti Gaeta squalificato e gli infortunati Siani e Spirito. Il terzo posto in graduatoria deve essere difeso a denti stretti. «Dovremo fare – spiegano i dirigenti societari – una buona gara su tutti i punti di vista. Sappiamo le qualità e le doti che possediamo e cercheremo di vincere per i nostri tifosi». Nel pomeriggio, alle 15,30 al Tamagnini, il Santa Marinella ospita il Corneto Tarquinia. Dopo quattro sconfitte e una sola vittoria nelle cinque gare fino ad ora disputate, la squadra del neo allenatore Fabrizio Morelli affronta la capolista. Dunque, in un momento così delicato per il team di via Delle Colonie, trovarsi di fronte la prima della classe non è certamente il massimo. Sinceramente, in questa fase, non ci voleva la migliore del lotto, in quanto i rossoblù rischiano di rimediare un’altra battuta di arresto. Il mister, però, che è un combattente, non si dà per sconfitto e per l’intera settimana ha catechizzato i suoi affinchè scendano in campo con la giusta concentrazione per tentare il miracolo. «Sono qui da poco – dice il mister – e vedo che la situazione in classifica non è delle migliori. Io sono uno che chiede ai suoi giocatori sempre il massimo e l’ho fatto anche questa volta perché ci troveremo di fronte la prima in classifica. Chiaramente capisco che affronteremo la più forte del girone ma questo deve essere da stimolo ai giocatori per offrire una prestazione oltre le loro possibilità». Questa mattina al Galli, il Città di Cerveteri affronta il Montefiascone, formazione molto giovane che in classifica ha collezionato appena 4 punti. I cerveterani, invece, restano a quota 7 ma il campionato è appena iniziato. «Ho trovato grossa disponibilità della società – dice il neo tecnico Michele Zeoli – mercoledì siamo andati in Coppa Italia ed abbiamo vinto, ho visto giovani interessanti, ma per fare un campionato più tranquillo c’è bisogno di una rosa più lunga. Abbiamo preso un attaccante come Di Fiandra in quanto vogliamo rinforzare la zona offensiva. È un giocatore molto esperto che ci tornerà utilissimo. Conosco l’allenatore del Montefiascone, è bravo, la squadra è giovane che lo segue. Io ho fuori D’Amelio su cui puntavo tantissimo oltre che Esposito. Quindi il nostro obiettivo è la vittoria». Dopo la bella vittoria di domenica scorsa a Canale, il Tolfa se la vede oggi pomeriggio in casa con la Gallese, formazione che ha sei punti in classifica (uno in meno del Tolfa). I collinari, scendono allo Scoponi con un unico obiettivo, allungare la striscia positiva. Per questa partita interna, il mister ha convocato tutti. «È una partita importante per capire il tipo di campionato che vuol fare la nostra giovane squadra – spiegano i vertici del Tolfa – dopo le due vittorie consecutive, tre se mettiamo la coppa di mercoledì». Sperduti fa un respiro di sollievo in difesa recuperando Carlini e Galli, ma ha ancora problemi a centrocampo con le assenze di Lavagnini, Capolonghi e Pistola. Non sarà della partita nemmeno Sgamma reduce da un piccolo intervento. Il presidente Franchi suona la carica. «Cerchiamo di consolidare il posto in classifica che attualmente occupiamo cercando di prendere tutti e tre i punti in palio – afferma il patron – la Gallese è un’ottima squadra e ha giocatori di livello per cui tanto di rispetto all’avversario. Cercheremo di tirar fuori il meglio dai nostri under e che sia sufficiente per la vittoria davanti al pubblico amico». L’Atletico Ladispoli  infine affronterà oggi in trasferta il Bomarzo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Agira, San Filippo «suda»: i fedeli gridano al miracolo, la Curia frena

La statua del patrono avrebbe iniziato a sudare, e non per il caldo: il vescovo chiede cautela sull’evento prodigioso

Leggi articolo completo

@code_here@