Due Eurofighter dietro il boato di mercoledì

CIVITAVECCHIA – Sarebbero stati due Eurofighter del IV stormo di Grosseto a provocare il boato sentito forte e chiaro in tutto il litorale nella giornata di mercoledì. Inizialmente si era pensato ad un terremoto, ma l'ipotesi è stata subito scartata dallo stesso istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. 

A quanto pare, invece, come confermato dall'Aeronautica Militare, si tratta dei due aerei inviati ad identificare un velivolo Pilatus PC12 di nazionalità keniota che non rispondeva alle chiamate radar, decollato da Buochs (Svizzera) e diretto in Grecia.  I due caccia intercettori hanno raggiunto l’aereo keniota dopo pochi minuti dal decollo. Una volta accertato visivamente che non ci fossero condizioni di emergenza, i due F-2000 hanno fatto rientro alla base. La missione operativa è stata attivata a seguito dell’ordine di “scramble” pervenuto dal Caoc (Combined Air Operation Center) di Torrejon, ente Nato responsabile per la sorveglianza dei cieli di quell’area e si è svolta sotto il controllo delle sale operative del sistema di sorveglianza e difesa aerea dell’Aeronautica Militare.

Aeronautica Militare che assicura la sorveglianza dello spazio aereo nazionale 365 giorni all’anno, 24 ore su 24, con un sistema di difesa che è integrato, anche in tempo di pace, con quello degli altri Paesi appartenenti alla NATO. Il servizio è garantito – per la parte sorveglianza, identificazione e controllo – dall’11° Gruppo Difesa Aerea Milssilistica Integrata (DAMI) di Poggio Renatico (Fe) e dal 22° Gruppo Radar di Licola (Na), mentre l’intervento in volo è assicurato dal 4° Stormo di Grosseto, dal 36° Stormo di Gioia del Colle e dal 37° Stormo di Trapani Birgi, tutti equipaggiati con velivoli caccia Eurofighter.

Una seconda ipotesi collegherebbe il boato alla megaesercitazione Mangusta. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Germania, un semaforo ricorda Elvis Presley nella città di Friedberg in cui fece il servizio militare

Quando scatta il verde al posto del classico omino che cammina, appare il «re del rock’n’roll», nella sua classica posa a gambe piegate e mossa del bacino. Nella località in Assia Elvis trascorse gran parte dei 24 mesi di naja, incontrando la moglie Priscilla

Leggi articolo completo

@code_here@

Boato sul litorale: esclusa la scossa sismica

CIVITAVECCHIA – Si era pensato inizialmente ad un terremoto, ipotesi poi scartata dalla Protezione Civile che si è messa subito in contatto con l'INGV. Perché in tanti, questa mattina attorno alle 8.15, hanno sentito forte e chiaro un boato. L'area interessata è quella di Civitavecchia e del litorale nord di Roma, anche se diverse sono state le segnalazioni anche nelle zone interne del viterbese. 

Ai piani alti di San Liborio soprattutto molti hanno visto porte e finestre vibrare, ma anche in centro il rumore è stato sentito forte. Si è pensato subito ad una scossa di terremoto, ma l'istituto nazionale di geofisica e vulcanologia non ha riscontrato alcun fenomeno in zona. 

E così l'ipotesi più probabile è quella del passaggio di un aereo militare che ha superato la barriera del suono, dando vita al cosiddetto "boom sonico". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLA DIFESA – GRADUATORIA

Graduatorie finali di merito dei concorsi interni, per titoli e per
titoli ed esami, a centoquindici posti per l'ammissione al 23°
corso di aggiornamento e formazione professionale riservato ai
volontari in servizio permanente della Marina militare da immettere
nei ruoli dei sottufficiali della stessa Forza armata, di cui
ottanta nel ruolo dei sergenti del Corpo equipaggi militari
marittimi e trentacinque nel ruolo dei sergenti del Corpo delle
capitanerie di porto.
(18E12365)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLA DIFESA – GRADUATORIA

Graduatorie finali di merito del concorso interno, per titoli ed
esami e del concorso interno, per titoli, per l'ammissione al 18°
corso biennale (2017-2019) di complessivi quarantatre' allievi
marescialli dell'Aeronautica militare.
(18E12442)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLA DIFESA – GRADUATORIA

Graduatorie finali di merito dei concorsi interni, per titoli e per
titoli ed esami, a centoquindici posti per l'ammissione al 23°
corso di aggiornamento e formazione professionale riservato ai
volontari in servizio permanente della Marina militare da immettere
nei ruoli dei sottufficiali della stessa Forza armata, di cui
ottanta nel ruolo dei sergenti del Corpo equipaggi militari
marittimi e trentacinque nel ruolo dei sergenti del Corpo delle
capitanerie di porto.
(18E12365)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLA DIFESA – GRADUATORIA

Graduatorie finali di merito del concorso interno, per titoli ed
esami e del concorso interno, per titoli, per l'ammissione al 18°
corso biennale (2017-2019) di complessivi quarantatre' allievi
marescialli dell'Aeronautica militare.
(18E12442)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLA DIFESA – CONCORSO (scad. 3 gennaio 2019)

Concorsi pubblici, per titoli ed esami, per la nomina di quarantadue
ufficiali in servizio permanente nei ruoli speciali dei vari Corpi
della Marina militare, anno 2019.
(18E12229)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

L’Ansi apre le porte alle prime due donne militari

CIVITAVECCHIA – Si sono iscritte alla sezione di Civitavecchia le prime due donne militari che hanno deciso di aderire all’Associazione nazionale sottufficiali d’Italia. Lo annuncia con orgoglio il presidente sezionale e dirigente nazionale Alviero Arezzini, che ha accolto con grande piacere nel sodalizio le due giovani colleghe. Si tratta di Federica Dionisio e Francesca Frau, entrambe rivestono il grado di sergente e prestano servizio al 7° Reggimento Nbc di Civitavecchia.

Federica Dionisio ha 32 anni, è nata a Roma ma risiede a Cerveteri. Non è impegnata sentimentalmente ed è a Civitavecchia da un anno. In precedenza ha prestato servizio a Rimini, Venezia, Bologna e Portogruaro.

“Mi sono arruolata perché volevo andare nella polizia di stato – confessa Federica – poi l’impegno nell’esercito mi ha assorbito completamente e mi sono convinta a restare. Sono sempre stata attratta dal fascino della divisa e dal fatto di far parte di una struttura ben organizzata ed efficiente come l’Esercito Italiano.Quando sono partita il babbo era molto emozionato, mentre la mamma diceva che non avrei resistito. Invece, sono militare da tredici anni, a maggio saranno quattordici. Mi sono trovata sempre bene in tutte le sedi dove ho prestato servizio. Certo, gli ostacoli ci sono, è inutile negarlo – prosegue Federica – ma le difficoltà sono una cosa normale, fanno parte della vita in generale e di quella professionale in particolare. Con Francesca Frau siamo molto amiche, ci siamo conosciute al corso e da lì abbiamo fatto tanta strada assieme. Sono la prima della famiglia a fare questa scelta professionale, ho due fratelli più piccoli ma non sono militari. È bello che noi giovani passiamo fare la conoscenza dell’associazione nazionale sottufficiali d’Italia – conclude Federica – farò pubblicità tra i miei colleghi, perché quella di Civitavecchia è una sezione viva e attiva, con un direttivo che si muove e fa tante cose. Sono orgogliosa di essermi iscritta all’Ansi".

Ugualmente orgogliosa di essersi iscritta all’associazione nazionale sottufficiali è Francesca Frau, che è nata a Cagliari ma risiede a Civitavecchia ed è sposata da cinque anni con un militare. Presta servizio al 7° reggimento da quattro anni e in precedenza era in forza al 152° reggimento fanteria Sassari.  “Inizialmente il mio sogno era quello di diventare poliziotta – confessa Francesca che attualmente è impegnata in una missione all’estero –  ma l’Esercito e la Brigata Sassari mi hanno fatto cambiare idea perché la tipologia di impiego e il lavoro che svolgevo erano quello che desideravo fare più di ogni altra cosa al mondo. La mia famiglia mi ha sempre appoggiata nelle mie scelte – racconta Francesca – anche se mia mamma diceva sempre che io e le regole viaggiavamo su binari paralleli. Invece, cara mamma, questa volta ti ho stupita. Penso che i miei siano orgogliosi di me e di tutto ciò che ho costruito nella mia vita privata e lavorativa. Non sono l’unica in famiglia che veste una divisa, ho un fratello maggiore che presta servizio nella polizia penitenziaria in Campania. Spero che tante colleghe e colleghi si iscrivano all’Ansi – conclude Francesca Frau – perché l’associazione è molto attiva e presente in tante cerimonie e iniziative sociali". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

L’Ansi apre le porte alle prime due donne militari

CIVITAVECCHIA – Si sono iscritte alla sezione di Civitavecchia le prime due donne militari che hanno deciso di aderire all’Associazione nazionale sottufficiali d’Italia. Lo annuncia con orgoglio il presidente sezionale e dirigente nazionale Alviero Arezzini, che ha accolto con grande piacere nel sodalizio le due giovani colleghe. Si tratta di Federica Dionisio e Francesca Frau, entrambe rivestono il grado di sergente e prestano servizio al 7° Reggimento Nbc di Civitavecchia.

Federica Dionisio ha 32 anni, è nata a Roma ma risiede a Cerveteri. Non è impegnata sentimentalmente ed è a Civitavecchia da un anno. In precedenza ha prestato servizio a Rimini, Venezia, Bologna e Portogruaro.

“Mi sono arruolata perché volevo andare nella polizia di stato – confessa Federica – poi l’impegno nell’esercito mi ha assorbito completamente e mi sono convinta a restare. Sono sempre stata attratta dal fascino della divisa e dal fatto di far parte di una struttura ben organizzata ed efficiente come l’Esercito Italiano.Quando sono partita il babbo era molto emozionato, mentre la mamma diceva che non avrei resistito. Invece, sono militare da tredici anni, a maggio saranno quattordici. Mi sono trovata sempre bene in tutte le sedi dove ho prestato servizio. Certo, gli ostacoli ci sono, è inutile negarlo – prosegue Federica – ma le difficoltà sono una cosa normale, fanno parte della vita in generale e di quella professionale in particolare. Con Francesca Frau siamo molto amiche, ci siamo conosciute al corso e da lì abbiamo fatto tanta strada assieme. Sono la prima della famiglia a fare questa scelta professionale, ho due fratelli più piccoli ma non sono militari. È bello che noi giovani passiamo fare la conoscenza dell’associazione nazionale sottufficiali d’Italia – conclude Federica – farò pubblicità tra i miei colleghi, perché quella di Civitavecchia è una sezione viva e attiva, con un direttivo che si muove e fa tante cose. Sono orgogliosa di essermi iscritta all’Ansi".

Ugualmente orgogliosa di essersi iscritta all’associazione nazionale sottufficiali è Francesca Frau, che è nata a Cagliari ma risiede a Civitavecchia ed è sposata da cinque anni con un militare. Presta servizio al 7° reggimento da quattro anni e in precedenza era in forza al 152° reggimento fanteria Sassari.  “Inizialmente il mio sogno era quello di diventare poliziotta – confessa Francesca che attualmente è impegnata in una missione all’estero –  ma l’Esercito e la Brigata Sassari mi hanno fatto cambiare idea perché la tipologia di impiego e il lavoro che svolgevo erano quello che desideravo fare più di ogni altra cosa al mondo. La mia famiglia mi ha sempre appoggiata nelle mie scelte – racconta Francesca – anche se mia mamma diceva sempre che io e le regole viaggiavamo su binari paralleli. Invece, cara mamma, questa volta ti ho stupita. Penso che i miei siano orgogliosi di me e di tutto ciò che ho costruito nella mia vita privata e lavorativa. Non sono l’unica in famiglia che veste una divisa, ho un fratello maggiore che presta servizio nella polizia penitenziaria in Campania. Spero che tante colleghe e colleghi si iscrivano all’Ansi – conclude Francesca Frau – perché l’associazione è molto attiva e presente in tante cerimonie e iniziative sociali". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###