''Guidaci dall’alto a me, mamma e papà''

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – Parole delicate che toccano nel profondo del cuore, una tenerezza complice si nasconde nello struggente messaggio che il giovanissimo Ludovico Ricci dedica al fratello Leonardo, a poche ore dalla sua scomparsa a seguito delle gravissime ferite riportate nel tragico e drammatico incidente stradale all’alba di venerdì scorso. Il baby giocatore acquistato per l’anno 2017-2018 dal Venezia che milita in serie B, ha voluto salutare a modo suo il fratello maggiore dedicandogli un messaggio commovente su Instagram accompagnato da una foto a colori che li ritrae felici e sorridenti.  
«Sai cosa penso di te. Sei il mio orgoglio. Sei il mio cuore. Sei il sangue del mio sangue. Ti ricorderò come il ragazzo d’oro che sei stato e sei, perché io lo so, sei con me anche mentre sto scrivendo. Ti ricorderò sorridente, sicuro, intelligente, furbo, bello. Oltre ad un fratello sei anche un amico, il mio migliore amico. Non sono triste perché te ne sei andato, anche perché lì ora sei felice. Sono triste perché non potrò più abbracciarti .. si , sono egoista e voglio esserlo .. vorrei starti aggrappato tutto il giorno addosso senza mai staccarmi». 
Parole cariche di energia, ma anche di vibrazioni commoventi. E continua: «Che dire, sai tutto. Noi due contro tutti: i fratelli cocciò. Mentre scrivo questo mi scappa un sorriso, un sorriso un po’ amaro ricco di emozioni belle e brutte. Non riesco a dormire. Mi dispiace per chi non ha avuto il piacere e l’onore di averti conosciuto. 20 anni ed eri il più bello di tutti. Una volta mi dicesti ‘’i ragazzi o so belli o so simpatici’’ ed io ti chiesi ‘’e noi chi siamo?’’. ‘’Noi siamo belli, infatti siamo scomodi’’.  Beh ti sbagliavi. L’esempio sei tu Lè, e chi ti conosce lo sa. Con te non esiste tristezza per averti lasciato andare così senza magari un abbraccio prima». 
Parole cariche di dolore ma anche di orgoglio. Parole struggenti, accorate ma fiere di un fratello travolto dalla tristezza. Un commovente addio da chi lo ha amato e lo ama ancora:  «Beh ma a saperlo non ti avrei più lasciato andare. Ora scrivo per sfogarmi, per far capire a chi non ti conosce cosa si è perso. Guidaci dall’alto: a me, mamma e papà. Stacci vicino in questo momento così difficile per noi. Buonanotte Lè. Fai bei sogni, ti voglio bene, sempre te ne ho voluto e sempre te ne vorrò. Quando ci incontreremo un giorno, sarò felice e ti stringerò forte a me. Ancora buonanotte castà, ancora buonanotte fratello, ancora buona notte amore mio. Sono fiero e orgoglioso di te». 
Così Ludovico saluta e ricorda il fratello perso da poco e per sempre. Nella maniera più in uso tra i giovanissimi, come per condividere con una platea immensa, l’immenso dolore che lo ha colpito. In qualche senso è come una richiesta di aiuto a sopportare un peso che percepisce molto più grande di lui. 
Il sindaco Pascucci  annuncia il lutto cittadino per i funerali: «La prematura scomparsa del giovane Leonardo ha lasciato una profonda ferita nella nostra comunità. Ai suoi familiari e a tutte le persone care va il nostro abbraccio più forte. In occasione dei funerali verrà proclamato il lutto cittadino». Il Gruppo Bandistico Cerite ha annullato  il concerto previsto per domani. Anche il rione Garbatella ha rimandato l’evento (previsto per il prossimo weekend) a data da definire mentre il rione Casaccia-Vignola lo ha annullato.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Giulia Cotroneo brilla con la Nazionale Juniores

Ancora un risultato di grande prestigio per Giulia Cotroneo. 
La ginnasta in forza all’As Gin Civitavecchia ha partecipato con la Nazionale italiana Juniores all’incontro internazionale di Pieve di Soligo, dove le azzurre hanno vinto la manifestazione, mettendo alle spalle Germania, Svizzera, Francia e Gran Bretagna. 
Giulia Cotroneo ha dato il suo apporto alla causa, come dimostra il punteggio di 12.050 nel corpo libero, che poteva essere ancora migliore se non ci fosse stata una caduta. Insomma, l’ennesimo risultato positivo per la società di patron Pierluigi Miranda e per la giovane atleta.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pirgo: stagione 2018 senza stabilimento

CIVITAVECCHIA – Chissà come commenterà ora l’assessore Vincenzo D’Antò la notizia relativa alla morte del Pirgo? Il grillino spiritoso, quello convinto di poter colmare le lacune legate alla propria incapacità amministrativa con l’ironia partenopea o con la battuta fuori luogo, oggi deve prendere atto di una sola cosa: la stagione estiva 2018 per quanto riguarda la spiaggia del Pirgo non inizierà mai. 
E questo nonostante i tardivi tentativi dell’amministrazione comunale di correre ai ripari, promettendo chissà cosa per avere bagnini e pulizia della spiaggia praticamente gratis. 
Già l’iter amministrativo (anomalia tutta civitavecchiese che coincide con l’arrivo al Pincio del Movimento 5 Stelle) è partito ancora una volta con colpevole ritardo, poi il salvataggio in extremis con l’individuazione dei soggetti a cui poter affidare le spiagge risalente a otto giorni fa. Ora la triste notizia: la paesaggistica è scaduta e le strutture al Pirgo non potranno essere montate. Così Mario Benedetti, il gestore dell’area, ha caricato l’attrezzatura su un camion e l’ha portata indietro, scontrandosi anche con il rammarico dei frequentatori abituali di una spiaggia che per anni, tra alti e bassi, ha rappresentato il biglietto da visita della città e che oggi è diventata una fogna a cielo aperto. Se l’amministrazione si fosse mossa prima, probabilmente il problema del rinnovo della paesaggistica sarebbe stato superato con una nuova domanda e la relativa attesa di risposta. Ma presentare una richiesta il 16 luglio significherebbe nella migliore delle ipotesi aprire lo stabilimento dopo Ferragosto. Chissà se almeno questa volta l’assessore D’Antò avrà l’umiltà di chiedere scusa senza aggiungere le solite giustificazioni senza senso alle quali sempre meno persone credono? 
Il Pirgo è morto e gli assassini hanno nome e cognome.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Camassa: «Commissione mista per verificare i carichi di lavoro»

di TONI MORETTI 

CERVETERI – Come stabilito, ieri mattina, intorno alle 10 circa, cominciano a radunarsi sotto il portone di quello che è stato l’ex palazzetto del consiglio comunale a Piazza Risorgimento, oggi sede dell’ufficio del sindaco e della sala Giunta, nonché di alti funzionari del comune, operatori ecologici della Camassa e della ASV, le due società che in ATI, gestiscono il servizio della raccolta dei rifiuti e provvedono al decoro urbano della città. Ben presto, circa una trentina,  si stringono intorno ai loro rappresentanti sindacali in attesa che una loro delegazione venisse chiamata per partecipare all’incontro convenuto con l’azienda e l’amministrazione comunale.  Quindi, nonostante il comunicato dell’ufficio stampa del comune avesse minimizzato quanto sarebbe avvenuto tralasciando di annunciare l’incontro con l’amministrazione e annunciando soltanto una assemblea sindacale, ieri mattina si scopre poi che la presenza copiosa degli operatori faceva da presidio e da supporto alla delegazione che avrebbe materialmente partecipato all’incontro, come nella migliore tradizione sindacale. Come era da immaginarsi, sul tavolo della discussione è stato subito lanciato il disagio delle maestranze per quanto riguarda  la carenza del personale in forza e di quelle persone che vengono utilizzate al bisogno, per periodi più o meno brevi utilizzando anche società interinali.  Quello che si è studiato oggi con l’amministrazione e l’azienda è un percorso di stabilizzazione lavorativo di queste persone che sono padri di famiglia, alle quali vengono chiesti sacrifici attraverso carichi di lavoro eccessivi e turnazioni pesanti. Si è parlato infatti anche della richiesta di turni notturni. Per tutto il carico di lavoro stabilito come necessario, il ruolo dell’amministrazione comunale come ha dichiarato al telefono il sindaco Pascucci: "Non può essere risolutivo ma di esercitare una forma di supporto, con tutte le maestranze, come d’altronde abbiamo sempre fatto, di quelle aziende che hanno vinto appalti con l’ente. Lo abbiamo fatto col trasporto pubblico, quando sono emerse delle criticità, lo facciamo da tempo con la Camassa e continueremo a farlo". Sta di fatto che se nell’arco della stagione estiva non si realizzerà, seguendo il percorso concordato con l’azienda, la stabilizzazione, ai primi di settembre si scenderà in sciopero.  Questo è quanto dichiarano i responsabili sindacali della  Cgil  Funzione Pubblica Nunzi, Fanelli e Meroldi  che sottolineano  anche quanto sia importante il ruolo della concordata commissione mista che esplorerà i percorsi delle attività e prenderà atto dei carichi di lavoro delle maestranze.  Pascucci dal canto suo: «Lo sciopero è un diritto dei lavoratori e se ritengono che siano stati lesi dei loro diritti, io sciopero con loro».  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tutto pronto per la Coppa Italia

Una sola data per il circolo nautico Riva di Traiano: 14 luglio. Giorno in cui partirà da Riva di Traiano la nuova Coppa Italia 2018, con tutto il suo carico di effervescenti novità. Le banchine incominciano ad animarsi ed è già una festa che sta montando. Si concluderà solo con la presa della Bastiglia, ovvero della Coppa Italia per Club Trofeo Enway. «È una formula intrigante – commenta il presidente del Cnrt Alessandro Farassino – e mi fa tornare in mente  l’Admiral’s Cup. E questa è già una bella sensazione. È davvero emozionante essere coinvolti anche come circoli. Questa formula mette anche a noi dirigenti una bella dose di adrenalina in corpo.  Sono ben otto i circoli che hanno aderito ed ovviamente hanno tutti la volontà e le possibilità di vincere. L’Uvai ha avuto una bella idea, che potrebbe essere la rivoluzione per l’altura con un po’ di tifo da campanile. Oltre a noi ci saranno Fiumicino, Livorno, Punta Ala, il Nautilus, il Tevere Remo, lo Yacht Club Italiano e l’Argentario. Successivamente – conclude Farassino – dopo questa prima esperienza i circoli aumenteranno, ne sono certo. Rimane comunque anche la Coppa Italia tradizionale, che sarà assegnata all’imbarcazione che totalizzerà il migliore punteggio nella combinazione delle classifiche Orc e Irc. Ed oltre la Coppa si porterà a casa anche il premio Garmin e un ricevitore satellitare della Serie inReach».
Le barche iscritte sono 36 e tra esse ci saranno alcuni vincitori del recente Campionato Italiano Assoluto di Ischia, come Duende – Aeronautica Militare, il Vismara 46 di Raffaele Giannetti in classe 0 C. Morgan IV 3M, il GS 39 di Nicola De Gemmis in classe 2 C e Mart D’Este, l’Este 31 Custom di Edoardo Lepre in classe 4-5 C, attuale detentore della Coppa Italia.
Per il Cnrt, dunque, correranno in classe A Canopo, GS 39 di Adriano Majolino, Duende, Vismara 43 di Raffaele Giannetti, Rosmarine 2, GS 46 di Riccardo Acernese,  Scheggia, Swan 42 di Nino Merola, Sir Biss, Sydney 39 di Giuliano Perego. In classe B, First Wave, First 405 di di Guido Mancini, e Quantum, Vismara 34 di Giuseppe Massoni.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Santa Marinella, fumata nera dai palazzi romani

SANTA MARINELLA – Il Sindaco Pietro Tidei si è recato insieme al funzionario Peretti ed al consulente Venanzi al Ministero dell’Interno ed alla Prefettura di Roma dove è stato anche ricevuto dal prefetto Paola Basilone. I colloqui sono stati cordiali ed è stata dimostrata la massima disponibilità.

“Ormai gli spazi sono ridotti, il dissesto è inevitabile – dice il Sindaco Tidei – Il Commissario Caporale ha lasciato alla successiva amministrazione comunale il compito di dichiarare il fallimento del Comune. Abbiamo preso atto della situazione, stiamo dolorosamente prendendo atto delle conseguenze. Abbiamo tentato la via alternativa del riequilibrio di bilancio, peraltro già tentata dall’amministrazione Bacheca col parere negativo dei revisori perché si basava su una serie di accertamenti di oltre 14 milioni di euro di attività che già lo scorso anno non avevano consistenza. In fase di revisione questi crediti sono stati certificati dal Commissario Caporale quali insussistenti, quindi fasulli e di fatto si è certificata l’impossibilità di proseguire la via amministrativa con i mezzi ordinari, pochi, a nostra disposizione”.

Oggi si è riunita ancora la commissione speciale incaricata dal sindaco di provvedere a verificare la qualità dei conti comunali e le conseguenze della situazione finanziaria. Nulla fa sperare che possa mutarsi la previsione di dissesto. La rotta dei prossimi giorni prevede un’ampia discussione di carattere politico su questa vicenda già nel primo consiglio comunale convocato per lunedì pomeriggio nella sala Odescalchi in centro Città, dove il Sindaco Tidei illustrerà a consiglieri e cittadini le risultanze dei lavori della commissione e le iniziative che la sua amministrazione intende portare avanti per salvaguardare gli interessi della Città anche in una situazione disastrata come quella nella quale è stata costretta.

Tra i primi atti ci sarà la richiesta di anticipazione di somme già stanziate e che il Comune doveva incassare tra oltre dodici mesi, questo per favorire almeno momentaneamente la gestione dei flussi di cassa e il migliore assolvimento delle obbligazioni dell’Ente

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vecchia, via De Santis e Forieri

di MATTEO CECCACCI

Comincia a perdere pedine importanti il Civitavecchia Calcio 1920 che, a venti giorni dall’inizio della preparazione presso il campo sportivo Felice Scoponi di Tolfa solo per un primo momento, vede sfuggirsi fra le proprie mani il forte mediano classe ’98 Francesco De Santis e il talentuoso centrocampista centrale classe ’00 Matteo Forieri. Due under di fondamentale rilevanza che durante il corso della stagione si sono maggiormente distinti dando sempre il massimo in ogni match e allenamento. Ora, però, è giunto quel momento che le strade si dividono sia per uno che per l’altro: De Santis, infatti, dopo essere arrivato al Fattori a metà anno dal Tolfa, retrocesso in promozione, ha firmato tre giorni fa il contratto che lo legherà per un anno alla società Montaltese. 
«Mi dispiace – spiega Francesco De Santis – lasciare il Civitavecchia, ma il Montalto mi ha convinto e non ci ho pensato due volte a firmare. Ringrazio, però, la società nerazzurra per questo metà anno molto faticoso pieno di sacrifici, mettendomi spesso anche fuori ruolo, ma per il bene della mia città questo era il minimo che potessi fare, come entrare in campo con cinque punti sulla testa che alla fine ne è valsa la salvezza. Spero che non sia un addio, ma soltanto un arrivederci». 
Sulla stessa lunghezza d’onda c’è il talentuoso centrocampista classe ’00 Matteo Forieri che dopo anni e anni di settore provinciale tra Corneto Tarquinia e Montalto, ha disputato un’eccezionale stagione con la Juniores Elite di Pino Brandolini vantando ben 28 presenze e un gol. Un campionato impeccabile che l’ha portato alla soddisfazione più grande che un qualsiasi calciatore può ambire: esordire in prima squadra e Forieri ci è riuscito ben cinque volte, grazie anche alla fiducia dell’ex Ugo Fronti. Il tarquiniese, ora, è in procinto di rivestire la maglia della Corneto Tarquinia riguardante il campionato di promozione, un’ardua scelta che si concretizzerà entro fine settimana quando Forieri stilerà la firma. «Una separazione – commenta il centrocampista – quasi obbligatoria dovuta a vari motivi, da quelli personali a quelli di studio; affronterò il quinto anno e per me giocare in casa è la cosa migliore oltre essere un ottimo vantaggio. Al Civitavecchia lascio ricordi bellissimi, dalla salvezza con la Juniores ottenuta grazie all’infinito lavoro  svolto dei miei compagni ai svariati esordi con la prima squadra. Ringrazio per tutto questo la società e i miei tecnici Brandolini e Fronti, ho trascorso veramente un anno felice che mi ha reso orgoglioso di aver indossato la maglia nerazzurra».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Emergenza rifiuti, Stefanini: “Si eviti di giocare con la sensibilità delle comunità locali”

CIVITAVECCHIA – Sulla questione rifiuti e nello specifico sul conferimento della Rida Ambiente a Fosso Crepacuore è intervenuto lo storico esponente dell'antidiscarica Emiliano Stefanini, invitando tutti ad abbassare i toni. ''La recente vicenda dei rifiuti nella Regione Lazio, e in particolare nel comprensorio di Civitavecchia, oggetto di esercizio verbale da giorni per diverse parti politiche, non è una questione ambientale o tale da considerarla una preoccupazione sanitaria, ma una pantomima elettorale sulla pelle degli abitanti di un territorio dove insiste la Città di Civitavecchia, ad oggi "pecora nera" a livello regionale per la gestione e la differenziazione dei rifiuti.  Giochi politici di bassa lega che impegnano le istituzioni locali da giorni sulla determina della Regione Lazio che prevede l'utilizzo di un invaso presso la discarica di fosso di crepacuore per una parte dei rifiuti trattati dalla Rida Ambiente nell'area di Pomezia. Se la politica locale avesse un senso e invece di inscenare catastrofi ambientali dal puzzo di "populismo istituzionale", tentasse di pianificare una gestione dei rifiuti virtuosa, basata principalmente sulla riduzione sul recupero e sul riutilizzo, limitandone o eliminando la pratica dell'incenerimento e l'abbassamento della tariffa come promesso in più occasioni, senza dubbio renderebbe un servizio migliore alle comunità e all'ambiente. Senza addentrarmi nei tecnicismi dei ricorsi delle sentenze e delle responsabilità politiche riguardo la gestione dei rifiuti della Capitale e dell'intera Regione di cui parlerò in una puntata successiva, credo sia doveroso dire ai cittadini come realmente stanno le cose. Il nostro comprensorio nonostante gli sforzi degli abitanti prima di Allumiere e poi di Tolfa da anni differenzia i rifiuti senza vedere riduziioni della tassa o tariffa che tanto pesa alle tasche dei cittadini. La Città di Civitavecchia con una gestione medievale dei rifiuti ad oggi indifferenziati e con una gestione a dir poco ballerina della discarica è tra le peggiori gestioni a livello nazionale. Parliamo di abbancamenti fuori dal perimetro di impermeabilizzazione o fuori dalle volumetrie autorizzate, con grossi problemi relativi all'accantonamento dei fondi relativi alla gestione post mortem della stessa. I rifiuti di Civitavecchia e dintorni vanno da mesi a Viterbo e da li in diversi impianti, oggi invece di capire che il vero problema ambientale è quella discarica lasciata a se stessa, abbiamo il coraggio di inneggiare alle barricate! Allora sarebbe invece molto sensato trasformare una possibile emergenza in un incremento di comportamenti virtuosi con il potenziamento di impianti utili al recupero al riciclaggio e al riutilizzo dei rifiuti urbani e speciali sotto forma di materie prime seconde, considerando la natura ambientale e i vincoli che caratterizzano il nostro comprensorio. Non ho visto e non vedo barricate per evitare enormi stazioni di trasferenza o per evitare che si persegua il progetto sotto traccia che vede da anni la possibilità di bruciare i rifiuti tra gli impianti di Tvs e Tvn che minerebbe seriamente e definitivamente quest'area! E questo mi preoccupa molto. Si lavori per sistemi diffusi di recupero e riciclo in una visione europeea di un’economia circolare senza giocare sulla pelle delle stanche e sensibili comunità locali".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Panunzi: "Anche per la sanità della Tuscia nuove assunzioni"

VITERBO  –«Anche per la Tuscia ci saranno nuove assunzioni, per un sistema sanitario più efficiente a servizio dei cittadini». Lo afferma il consigliere regionale del Pd Enrico Panunzi, dopo l’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio regionale della proposta di legge n. 30 del 16 maggio 2018 in merito alle “Disposizioni in materia di vigenza delle graduatorie delle aziende ed enti del Servizio sanitario regionale”. «Si apre la stagione dei concorsi. Ci saranno circa 5mila nuove assunzioni per i prossimi 5 anni, che faranno superare il blocco del turnover. – prosegue Panunzi – Una nuova generazione di medici, infermieri e personale entrerà nel sistema, creando nuova occupazione e un servizio migliore. Abbiamo lavorato per risanare la sanità. Questo impegno inizia ora a dare i suoi frutti».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Trofeo Indra Mercuri nel segno dell’Italia

La memoria di Indra Mercuri non poteva essere onorata in modo migliore: è stato un grande successo il 3° Trofeo Indra Mercuri, dedicato al giovane giocatore di hockey in line deceduto in un tragico incidente stradale nel lontano dicembre 2008. PalaMercuri gremito e festante, colorato di azzurro e tricolori e con un pieno di giocatori di tutte le categorie: senior, femminile, giovanili. Eccellente il lavoro della Cv Skating che è riuscita a coinvolgere le gare del trofeo con esibizioni dimostrative per far toccare con mano l’azzurro a tutti e riuscire a coinvolgere in maniera entusiasmante i giovanissimi giocatori di tutta la Regione Lazio. Il Trofeo è stato affrontato dalle nazionali italiane maschili e femminili come preparazione in vista del Mondiale di Asiago – Roana che si terrà nella seconda metà di luglio. A vincere la selezione chiamata ‘‘Italia Bianca’’, sia nel maschile (battuta in finale 3-2 l’Italia Azzurra) e nel femminile (3-2 contro Civitavecchia under 16). Quarto posto per gli Snipers TecnoAlt Civitavecchia che hanno perso la finale 3° posto ai rigori 7-6 contro i francesi del Bourg Les Valence. (SEGUE)

I COMMENTI – «È stata una 3 giorni tanto impegnativa quanto entusiasmante – spiega il presidente Riccardo Valentini – di cui siamo onorati. Ringrazio la Federazione per averci dato fiducia, le autorità presenti alla premiazione, gli sponsor e tutti i volontari che hanno lavorato incessantemente per far si che l’evento riuscisse alla perfezione. Tutto è andato nel migliore dei modi: era la prima volta che l’Italia scendeva nel Lazio e abbiamo fatto di tutto affinchè non ci fossero intoppi a rovinare la festa». Soddisfazione quindi per il presidente Valentini, sentimento condiviso dai tecnici della nazionale. «È stato un raduno impegnativo ed oltre al lavoro sul campo non possiamo notare che con piacere che tutti gli atleti sono tornati a casa con il sorriso – affermano all’unisono i tecnici della nazionale – la Cv Skating è stata davvero ospitale e ci ha messo nelle migliori condizioni di lavorare per il Mondiale. È stato belle poter vedere i giocatori all’opera in partite, ne abbiamo tratto indicazioni importanti di cui terremo conto verso il prossimo Mondiale». (Agg. 27/06 ore 18,54 SEGUE)

GLI SPONSOR – La Cv Skating ringrazia il main sponsor Enel per aver contribuito alla manifestazione, e gli altri sponsor: Orsolini Amedeo SPA, Dopolavoro Ferroviario Civitavecchia, Bingo, Conad Le Terme, Tecnomate, Cpc Civitavecchia, Ottica De Felici, Oreficeria Galli, Santero 958, forno Stefano Papi, macelleria Diego e Barbara, Publiworld, Aquafelix. (Agg. 27/06 ore 19,27)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###