De Angelis: ''Disgustati''; Pascucci: ''Irresponsabili''

CERVETERI – Alla vigilia del consiglio comunale che si terrà domani alle 15, in seconda convocazione, visto lo scioglimento avvenuto nell'assise si ieri per la mancanza del numero legale a causa dell’abbandono dell’aula dell’intera opposizione tranne i consiglieri Mancini e Accardo, eletti nella lista del candidato sindaco Margherita Tassitano,  dimessasi dopo qualche tempo.  
Aldo De Angelis e Salvatore Orsomando da una parte e il sindaco Pascucci dall’altra, fanno il resoconto di quanto è avvenuto con due comunicati di fuoco.
“Siamo disgustati, amareggiati, sconcertati, ma non delusi – scrivono De Angelis e Osomando – L’opposizione, quella vera e responsabile, ha fatto soltanto il proprio dovere e, dopo i fuochi e le offese, sono soltanto parole vuote le accuse del Sindaco, per quanto riguarda la sua débacle del consiglio del 9 ottobre, cercando di rimpallare colpe e responsabilità, come di consueto, su di noi accusandoci di irresponsabilità e quant’altro malgrado è la sua stessa maggioranza (e questo è strano…) a far mancare il numero legale e, cosa non trascurabile, tutto questo sotto la maldestra regia del presidente del Consiglio Travaglia che, sull’orlo di una crisi di nervi e forse interpretando a proprio  uso e consumo la normativa vigente, dimostra ancora una volta di non essere proprio al di sopra delle parti come il ruolo richiede, arrogandosi il diritto di censurare i discorsi a lui non graditi spegnendo i microfoni e impedendo ai cittadini non presenti in aula di ascoltare gli interventi nella diretta streaming, negando la parola ad un consigliere di opposizione Piergentili (guarda caso è sempre lo stesso e viene da pensare se non è sbocciato un amore !) e consentendo sistematicamente al Sindaco ciò che non andrebbe concesso sino a tergiversare per la verifica del numero legale in aula».  I due consiglieri non nascondono che quando hanno visto che la maggioranza non aveva i nuneri hanno deciso di uscire dall’aula al momento della verifica per dimostrare che non sono «la stampella di questo Sindaco irriverente e irrispettoso, a differenza del duo di consiglieri Mancini e Accardo che addirittura sono stati ringraziati per essere, invece, rimasti ai loro posti dimostrando di voler aiutare questa maggioranza, come bravi soldatini, malgrado sono stati eletti in opposizione e con un candidato sindaco differente, e allora la domanda nasce spontanea, amano il brivido istituzionale o vogliono andare a governare? Noi andremo avanti, anche nel caso in cui, con l’aiuto di qualche stampella politica priva di anima e attributi, questa maggioranza il prossimo Consiglio riuscisse a far votare la Delibera sulla Cantina di Cerveteri  perché siamo convinti che c’è qualcosa che non và !!!». Pascucci, dal canto suo, scrive: «I consiglieri di minoranza, con l’esclusione di Mancini e  Accardo, hanno approfittato dell’assenza dovuta a sopraggiunti impedimenti di alcuni consiglieri di maggioranza, per far cadere il numero legale in maniera strumentale. Tutto questo proprio quando si stava discutendo la delibera finalizzata agli interventi in favore della Cantina Cerveteri, una delle più importanti realtà aziendali del nostro territorio.  I consiglieri di minoranza che sono usciti sono stati eletti dai cittadini per restare in aula e rappresentare la volontà popolare, con quest’atto non fanno altro che dimostrare la loro mancanza di responsabilità e inadeguatezza. In particolare il consigliere Juri Marini, PD, ha dapprima presentato un emendamento e poi è uscito irresponsabilmente dall’aula senza che neppure fosse discusso: se davvero avesse avuto l’interesse a migliorare l’atto sarebbe certamente rimasto in Consiglio».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vaccini, Sgricia: ''Necessario recuperare un po’ di buonsenso''

CIVITAVECCHIA – A Civitavecchia la copertura vaccinale resta ottima. Lo ha confermato il responsabile del servizio vaccinale della Asl Roma 4 Stefano Sgricia ai microfoni di Trc. «Siamo sopra i parametri di legge – ha spiegato – quindi dal punto di vista sanitario la situazione è tranquillizzante. È naturale che bisogna cercare di tornare a quei livelli di attenzione che c’erano in passato perché tutto questo parlare, non sempre in maniera appropriata, di un argomento che è invece di una semplicità estrema potrebbe determinare in futuro dei danni per le generazioni a seguire».

L’invito di Sgricia è a selezionare attentamente le informazioni che si ricevono. «Bisognerebbe recuperare un po’ di buon senso anche perché questa normativa sull’obbligo ha spostato l’attenzione da altre vaccinazioni, che obbligatorie non sono, ma sono altrettanto importanti perché va bene avere il 95% di copertura per la Polio, ma che la gente non si vaccini contro le meningiti è veramente un paradosso. Le meningiti ci sono – ha concluso – sono malattie rare ma sono gravissime, abbiamo a disposizione vaccini efficaci e sicuri ma la gente non li fa perché ormai si è concentrata sulla questione dell’obbligo».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Lavoratori Guerrucci in sciopero davanti Tvn

CIVITAVECCHIA – Parte la protesta di operai e sindacati della ditta Guerrucci con un primo sciopero di due ore. Operai e sindacati si sono radunati questa mattina davanti ai cancelli della centrale Enel di Torrevaldaliga Nord prima del turno delle 9. La motivazione è la decisione dei vertici della ditta di non pagare i buoni pasto ai dipendenti. Una protesta annunciata già nei giorni scorsi. Un taglio sulla busta paga che desta preoccupazione. Il segretario generale della Fiom Cgil Civitavecchia – Roma nord e Viterbo ha dichiarato ai microfoni di Trc: «L’azienda ha preannunciato azioni ancora più dure, che saranno prese senza passare dai sindacati. Alla ditta Guerrucci lavorano 140 persone – ha spiegato – noi ci stiamo impegnando per fare un tavolo unico, senza separare operai da impiegati, per tutelare tutti».

La problematica deriva dal nuovo appalto per le pulizie industriali vinto dalla ditta Guerrucci e dalla Sae (società di Lecce). Il responsabile dell’Usb Lavoro privato Civitavecchia ha dichiarato che:  «L’azienda dice che gli introiti sono diminuiti ma il lavoro c’è. Il problema è che Enel spende meno e, a cascata, le imprese a loro volta pagano di meno. Chi ci rimette è l’operaio – ha ricordato – che, come nel caso della ditta Guerrucci e dell’appalto alla centrale di Torrevaldaliga Nord, lavora anche di più rispetto a prima, ma guadagna di meno». Casafini ha spiegato che la vicenda ha suscitato l’interesse di Palazzo del Pincio e che nei giorni scorsi c’è stato un incontro con amministrazione e azienda. Per i sindacati però è importante che al tavolo siedano anche i rappresentanti Enel, che presto saranno convocati dal Comune. Per Bonomi è fondamentale che venga affrontato il problema degli appalti alla centrale di Tvn, «oggi parliamo della ditta Guerrucci, ma un domani potrebbe toccare ad un’altra impresa e questo non è più tollerabile. È impensabile che una centrale che invecchia e, quindi, ha bisogno di più manutenzione, registri – conclude duro – una diminuzione degli investimenti per i lavori».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Marco Lodadio è argento ai Giochi del Mediterraneo

Ancora soddisfazioni per l’As Gin di patron Pierluigi Miranda. Grazie ad un esercizio impeccabile il campione Marco Lodadio agli anelli si è confermato tra i migliori ed ha portato a casa uno splendido argento conseguito con il punteggio di 14.933 durante i Giochi del Mediterraneo di Tarragona. Ad aggiudicarsi la medaglia d’oro il turco Ibbrahim  Colak con 15.233; terzo posto per l’egiziano Alì Zaharan con 14.733. Lodadio, quindi, è sempre più atleta di punta non solo dell’As Gin, ma anche della nazionale azzurra di ginnastica artistica. Un sogno che è diventato realtà soprattutto grazie al duro lavoro che ogni giorno svolge il tecnico Gigi Rocchini al supporto dell’As Gin nella persona del presidente Pierluigi Miranda e dei soci Camilla Ugolini, Marco Sacco e Erica Pignatelli. (SEGUE)

IL PRESIDENTE MIRANDA – «Anche il nostro Andrea Russo – spiega il presidente dell’As Gin Pierluigi Miranda – ha eseguito un buon esercizio, ma questo purtroppo è stato sporcato da un paio di incertezze che non gli hanno permesso di risalire la classifica e quindi ha chiuso in settima posizione dmostrando comunque una grande maturità acquisita». L’atleta ha parlato ai microfoni dell’emittente locale Trc e ha voluto dedicare la medaglia a tutto lo staff di Civitavecchia, alla sua famiglia e alla sua ragazza. (Agg. 27/06 ore 18,05 SEGUE)

LODADIO – «Sono molto soddisfatto – ha spiegato Lodadio – è un appuntamento importante per me, aspettavo da tanto di fare questa competizione. I Giochi del Mediterraneo sono sempre stati una gara che volevo fare sin da bambino e quindi farla e prendere una medaglia è una grossa soddisfazione. Devo dire – ha detto – che è una delle medaglie più belle della mia carriera». La testa dell’atleta è già proiettata ai prossimi campionati «d’Europa che si terranno tra un mese – ha concluso – al momento lo stato di forma è ottimo, cercherò di mantenerlo e di arrivare all’appuntamento più limato». (Agg. 27/06 ore 19,20)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«I famigliari di Antonio Ciontoli non si faranno un giorno di galera ed anche lui potrebbe non andarci»

CERVETERI – L’avvocato penalista Daniele Bocciolini, già legale di parte civile nella difesa delle vittime nel processo per il naufragio della “Costa Concordia” nei confronti del comandante Francesco Schettino, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Legge o Giustizia” su Radio Cusano Campus per commentare le sentenze relative alla morte di Marco Vannini.  
«Le reazioni dei genitori di Marco Vannini sono comprensibili. Bisogna leggere le motivazioni ma le perplessità per le pene inflitte ci sono. Questo è uno dei casi più inquietanti della storia criminologica italiana e ritengo che queste pene siano a dir poco esigue. Tecnicamente sono spiegabili, per carità. La pena base era di 21 anni. Applicando le circostanze attenuanti generiche si “scontano” 7 anni. Per quale motivo però sono state riconosciute al Ciontoli le attenuanti generiche? Il giudice può valutare degli elementi per applicarle, come il pentimento o la condotta durante il processo. Il fatto che fosse incensurato non conta invece nulla. Sarò curioso, nelle motivazioni, di leggere il perché di queste attenuanti».  
Secondo Bocciolini «la condotta del Ciontoli è stata sempre molto grave. C’è stata una negazione del fatto, la chiamata in ritardo dei soccorsi accettando il rischio che Marco morisse, ha mentito ripetutamente. La Procura e la parte civile faranno comunque ricorso in Appello».  
Gli altri familiari coinvolti hanno avuto pene molto basse: «3 anni, pena risibile, per gli altri. Chi ha subito questa pena non andrà mai in galera. Non rischiano il carcere. L’unico che potrebbe rischiarlo è Antonio Ciontoli. L’Appello? Gli anni potrebbero diminuire ulteriormente. È assurdo pensare che l’omicidio stradale sia punito con pene fino ai 15 anni di reclusione. Un omicidio che avviene all’interno di una casa, da parte di membri di una famiglia, viene punito con tre anni di reclusione».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Regionali, Parisi: ''Sconfitta da attribuire a Pirozzi''

Quella di Stefano Parisi, candidato scelto dal centrodestra, è una vittoria sfiorata di 2 punti percentuali. Pesano i voti di Roma ma, soprattutto, la candidatura di Sergio Pirozzi. Un 4,94% che scotta, come ha sottolineato lo stesso Parisi intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus.

"La sconfitta è da attribuire assolutamente a Sergio Pirozzi – ha affermato Parisi-. Ovviamente se fossimo partiti un mese prima avremmo assorbito anche il problema creato da Pirozzi che probabilmente non si sarebbe candidato. Se non ci fosse stato Pirozzi avremmo stravinto. È stata una corsa bellissima perché in un mese abbiamo preso più di 1 milione di voti nonostante tutti dicessero che la distanza che avevamo da Zingaretti sembrava insormontabile".

Per quanto riguarda la maggioranza in bilico in consiglio per Zingaretti ha aggiunto: "Noi abbiamo un programma totalmente alternativo a quello di Zingaretti, che tra l’altro – ha concluso – si è molto spostato a sinistra facendo un accordo con LeU. Non vedo possibilità di contatto". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Emergenza neve: a Civitavecchia scuole e uffici chiusi anche oggi

CIVITAVECCHIA – Civitavecchia ieri si è svegliata completamente ricoperta di neve. A partire dalle 23 di domenica notte i fiocchi hanno iniziato a cadere aumentando d’intensità. Dopo circa un’ora il paesaggio si era già imbiancato con i primi curiosi scesi in strada. Azzeccate, quindi, nonostante un iniziale scetticismo le previsioni meteo. Sui social sono fioccate le critiche per via della decisione del sindaco Cozzolino prima di tenere aperte le scuole e poi di chiuderle, alle 3 di mattina circa. Polemiche e scudi serrati degli irriducibili social a Cinque stelle. Resta il fatto che molti cittadini, nonostante i disagi, hanno scelto di godersi una Civitavecchia vestita di bianco. Sui social intanto è caccia al civitavecchiese in tenuta da sci che ha deciso di passeggiare per le strade imbiancate in tenuta sportiva da sciatore suscitando risate, apprezzamenti e goliardia. Sicuramente un modo per dimenticare, almeno momentaneamente critiche e problemi che, come prevedibile, hanno seguito la notte di intensa nevicata. Inevitabili i disagi diffusi su trasporti e servizi. Circolazione ferroviaria molto rallentata, a tratti ferma, nel nodo di Roma. Problemi quindi anche per i treni da Civitavecchia per la capitale.

Anche la Civitavecchia servizi pubblici ha sospeso le corse dei bus cittadini.

Emessa in mattinata un’ordinanza di chiusura per i cimiteri per oggi e domani, tranne che per i servizi essenziali. Trasporto pubblico locale sospeso fino a che le condizioni delle strade non lo consentiranno. Clochard al sicuro grazie al protocollo attivo con Croce rossa italiana (vincitrice di evidenza pubblica) per emergenza freddo. Per quanto riguarda la viabilità invece sono in azione mezzi spargisale da domenica sera alle 21,30 grazie alla collaborazione di due cittadini.

Pale meccaniche e ruspe in azione dalla mattina presto di oggi. Sia quelle del Comune che di aziende cittadine, coordinate dall’ufficio Lavori pubblici del Comune. Dal Pincio rassicurano: garantito il servizio di navettamento per i dializzati e medici ed infermieri che dovevano raggiungere l’ospedale. Inoltre sono stati richiesti alla Protezione civile della Regione Lazio maggiori mezzi per andare in aiuto anche agli altri Comuni vicini. Mezzi purtroppo non disponibili a causa della vastità geografica dell’emergenza. Problemi anche sul fronte idrico: Diminuito apporto idrico dal Medio Tirreno. Possibili disagi per Borgata Aurelia – Agricasa, Carcere Aurelia, Zona ente Maremma – Pantano – Sant’Agostino, La Scaglia, Enel – Area portuale – Zone purtroppo non disponibili a causa della vastità geografica dell’emergenza. 

 

Il coordinatore del Coi. “Le condizioni meteo davano uno, due centimetri di previsione di neve, a Civitavecchia siamo arrivati a 20. Abbiamo dovuto far fronte ad un evento eccezionale”. Lo ha dichiarato Valentino Arillo, coordinatore del Coi, che è intervenuto ai microfoni di Radio Stella città per fare il punto della situazione nel corso del programma Pausa caffè di Silvia Tamagnini. “Burian si aspettava ma non in queste dimensioni – ha spiegato Aril-lo – la neve è stata tanta. Si tratta di un’emergenza a largo raggio che riguarda Tolfa, Allumiere, Santa Marinella e Santa Severa. Treni bloccati, Cotral corse sospese, Tpl fermo, uffici pubblici chiusi tranne gli essenziali come le farmacie e scuole chiuse”. Una grossa mole di lavoro per Civitavecchia che deve anche far fronte alle richieste dei comuni vicini. La Protezione civile non si aspettava così tanta neve ma sta facendo fronte all’emergenza, seguendo il piano approvato nel novembre del 2016. “Cosa succederà nelle prossime ore – ha concluso Arillo – non nevicherà, caleranno le temperature e questo non è buono con la percentuale di acqua e neve che sono sul nostro territorio quindi invitiamo le persone a non uscire se non strettamente necessario. Tutto questo dovrebbe finire domani, o anche nella tarda serata di oggi”.

Grossi problemi nella serata di domenica per raggiungere l’ospedale San Paolo, mentre alcune aree sono rimaste senza corrente ma Enel è intervenuta dove possibile con i propri mezzi. Il problema, quindi, è la quantità di neve di molto superiore alle aspettative che ha reso praticamente inutile il sale sparso. Per emergenze è possibile contattare la sala operativa della Protezione civile allo 076619422. 

Nuova ordinanza del Sindaco Cozzolino – Seconda riunione Coi – Il sindaco Cozzolino ha deciso che le scuole e gli uffici comunali rimarranno chiusi anche oggi. vietato dalle ore 18 di ieri fino a tutto il 27 febbraio il divieto di conferimento di rifiuti, stante la difficoltà dei mezzi di fare la raccolta, di conferire e soprattutto di raggiungere l’impianto di Viterbo. Il trasporto pubblico locale non garantirà tutte le corse: i responsabili di Csp de- cideranno nel corso della giornata ed in base alla situazione della viabili- tà quali corse effettua- re. Interdetto l’accesso al campo di pallamano «Chiara Grammatico» per motivi di sicurezza. A breve verranno avviate le pratiche con l’assicu- razione per la stima dei danni. Rimane interdetta in via precauzionale la zona sottostante la ten- sostruttura al mercato, e quindi anche oggi 27 feb- braio tali attività com- merciali saranno chiuse. Nel pomeriggio di ieri il sale è stato sparso nel- le vie principali. Questa mattina presto l’ufficio Lavori pubblici farà il punto della situazione relativo alla viabilità e si adopererà di conseguen- za. Sempre stamattina gli operai di Csp saranno al lavoro per liberare i mar- ciapiedi dal ghiaccio.

Per tutte queste opera- zioni sono stati coinvolti circa 60 uomini.

Nel pomeriggio di ieri intervento finalmente ri- sollutivo con mezzi della ditta Sacchetti al lavoro per spalare le strade. (F.B.)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Emergenza neve, le temperature si abbassano: scuole chiuse anche domani

CIVITAVECCHIA – Civitavecchia si è svegliata completamente ricoperta di neve. A partire dalle 23 i fiocchi hanno iniziato a cadere aumentando d'intensità. Dopo circa un'ora il paesaggio si era già imbiancato con i primi curiosi scesi in strada. Un'euforia proseguita nella mattinata con una Civitavecchia che ha offerto un paesaggio unico.

Azzeccate, quindi, nonostante un iniziale scetticismo le previsioni meteo. Sui social sono fioccate le critiche per via della decisione del sindaco Cozzolino prima di tenere aperte le scuole e poi di chiuderle, alle 3 di mattina circa. Polemiche e scudi serrati degli irriducibili social a Cinque stelle. Resta il fatto che molti cittadini, nonostante i disagi, hanno scelto di godersi una Civitavecchia vestita di bianco. Sui social intanto è caccia al civitavecchiese in tenuta da sci che ha deciso di passeggiare per le strade imbiancate in tenuta sportiva da sciatore suscitando risate, apprezzamenti e goliardia. Sicuramente un modo per dimenticare, almeno momentaneamente critiche e problemi che, come prevedibile, hanno seguito la notte di intensa nevicata. Inevitabili i disagi diffusi su trasporti e servizi. Da questa mattina la circolazione ferroviaria è molto rallentata, a tratti ferma, nel nodo di Roma. Problemi quindi anche per i treni da Civitavecchia per la capitale. Fs ha reso noto che il problema riguarda principalmente tutte le linee del Lazio che portano a Roma.

Anche la Civitavecchia servizi pubblici ha sospeso le corse dei bus cittadini. “Data la copiosa neve – scrivono sulla pagina social della Csp – che si è riversata in città a partire dalle prime ore del mattino, tutte le linee autobus sono al momento sospese. Il servizio è quindi temporaneamente sospeso fino a nuova comunicazione. Ci scusiamo per il disagio”. Dall'amministrazione anche qualche numero utile per l'emergenza neve. “Per qualsiasi emergenza relativa a Servizi sociali, pubblica istruzione o anagrafe si può chiamare 076619422. Per questioni di altra natura – scrivono dal Pincio – come per esempio viabilità, sicurezza o soccorsi si può chiamare la polizia locale al 800633444 oppure 0766590435”.

Gli aggiornamenti di Comune e Protezione civile – Da Palazzo del Pincio rendono noto che a causa dell'emergenza neve, circa 30 centimetri, è stato attivato il Centro operativo intercomunale presso la Protezione civile per far fronte ai vari disagi. Una prima riunione alle 10,30 per fare il punto della situazione. Per quanto riguarda le scuole cittadine alle 17 verrà comunicato se resteranno chiuse anche domani. Per gli uffici pubblici, aperti o chiusi in base alle indicazioni dei vari responsabili, aggiornamenti alla stessa ora. Emessa in mattinata ordinanza di chiusura per i cimiteri per oggi e domani, tranne che per i servizi essenziali. Trasporto pubblico locale sospeso fino a che le condizioni delle strade non lo consentiranno. Clochard al sicuro grazie al protocollo attivo con Croce rossa italiana (vincitrice di evidenza pubblica) per emergenza freddo. Per quanto riguarda la viabilità invece sono in azione mezzi spargisale in azione da ieri sera alle 21,30 grazie alla collaborazione di due cittadini. Pale meccaniche e ruspe in azione dalla mattina presto di oggi. Sia quelle del Comune che di aziende cittadine, coordinate dall'ufficio Lavori pubblici del Comune. Dal Pincio rassicurano: Garantito servizio di navettamento per i dializzati e medici ed infermieri che dovevano raggiungere l'ospedale. Inoltre sono stati richiesti alla Protezione civile della Regione Lazio maggiori mezzi per andare in aiuto anche agli altri Comuni vicini. Mezzi purtroppo non disponibili a causa della vastità geografica dell'emergenza. Problemi anche sul fronte idrico: Diminuito apporto idrico dal Medio Tirreno. Possibili disagi per Borgata Aurelia – Agricasa, Carcere Aurelia, Zona ente Maremma – Pantano – Sant'Agostino, La Scaglia, Enel – Area portuale – Zona industriale, Cimitero vecchio – Via Tarquinia – Carcere di via Tarquinia, va Amba Aradam e traverse, Centro storico – Zona bassa della città, Punton dei Rocchi – Santa Lucia – Cimitero Nuovo. Il prossimo punto della situazione del Coi è previsto per le 15. (Agg. 26/2 ore 12.20)

Il coordinatore del Coi – “Le condizioni meteo davano 1 – 2 centimetri di previsione di neve, a Civitavecchia siamo arrivati a 20. Abbiamo dovuto far fronte ad un evento eccezionale”. Lo ha dichiarato Valentino Arillo, coordinatore del Coi, che è intervenuto ai microfoni di Radio Stella città per fare il punto della situazione nel corso del programma Pausa caffè di Silvia Tamagnini. “Burian si aspettava ma non in queste dimensioni – ha spiegato Arillo – la neve è stata tanta. Si tratta di un'emergenza a largo raggio che riguarda Tolfa, Allumiere, Santa Marinella e Santa Severa. Treni bloccati, Cotral corse sospese, Tpl fermo, uffici pubblici chiusi tranne gli essenziali come le farmacie e scuole chiuse”. Una grossa mole di lavoro per Civitavecchia che deve anche far fronte alle richieste dei comuni vicini. La Protezione civile non si aspettava così tanta neve ma sta facendo fronte all'emergenza, seguendo il piano approvato nel novembre del 2016. “Cosa succederà nelle prossime ore – ha concluso Arillo – non nevicherà, caleranno le temperature e questo non è buono con la percentuale di acqua e neve che sono sul nostro territorio quindi invitiamo le persone a non uscire se non strettamente necessario. Tutto questo dovrebbe finire mercoledì nella tarda serata, anche domani”. Grossi problemi nella serata di ieri per raggiungere l'ospedale San Paolo, mentre alcune aree sono rimaste senza corrente ma Enel è intervenuta dove possibile con i propri mezzi. Il problema, quindi, è la quantità di neve di molto superiore alle aspettative che ha reso praticamente inutile il sale sparso. Per emergenze è possibile contattare la sala operativa della Protezione civile allo 076619422. (Agg. 26/2 ore 13.46)

Seconda riunione Coi – Il sindaco Cozzolino ha deciso che le scuole e gli uffici comunali rimarranno chiusi anche domani. Sarà vietato dalle ore 18 di oggi fino a tutto il 27 febbraio il divieto di conferimento di rifiuti, stante la difficoltà dei mezzi di fare la raccolta, di conferire e soprattutto di raggiungere l'impianto di Viterbo. Il trasporto pubblico locale non garantirà tutte le corse: i responsabili di Csp decideranno nel corso della giornata ed in base alla situazione della viabilità quali corse effettuare. Interdetto l'accesso al campo di pallamano "Chiara Grammatico" per motivi di sicurezza. A breve verranno avviate le pratiche con l'assicurazione per la stima dei danni. Rimane interdetta in via precauzionale la zona sottostante la tensostruttura al mercato, e quindi anche domani 27 febbraio tali attività commerciali saranno chiuse. Nel pomeriggio di oggi il sale è stato sparso nelle vie principali. Domani mattina presto l'ufficio Lavori pubblici farà il punto della situazione relativo alla viabilità e si adopererà di conseguenza. Domani mattina gli operai di Csp saranno al lavoro per liberare i marciapiedi dal ghiaccio. Per tutte queste operazioni sono stati coinvolti circa 60 uomini. Nel pomeriggio anche mezzi della ditta Sacchetti al lavoro per spalare le strade (Agg. 26/2 ore 18.03)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###