«Saline, il finanziamento è per la spiaggia»

TARQUINIA – La riqualificazione delle Saline diventa terreno di ‘‘scontro’’. Protagonisti la Lega Tuscia e Tarquinia nel cuore. Dopo l’annuncio da parte di quest’ultima del possibile arrivo di un finanziamento di 2,3 milioni di euro da parte della Regione Lazio a intervenire  sull’argomento è stata propriola Lega Tuscia che, però, ‘‘sbaglia’’ l’oggetto del finanziamento  e tira in ballo il Borgo delle Saline. Nella sua nota, infatti la Lega Tuscia plaude alla riqualificazione del Borgo, «un importante sito naturalistico divenuto poi Oasi» con la «riqualificazione che prevedeva nel corso degli anni, anche, come poi avvenuto la ristrutturazione dell’edificio principale con la trasformazione in struttura ricettiva». Ed erroneamente Lega Tuscia plaude all’arrivo dei 2,3 milioni di euro in arrivo dalla Pisana che, serviranno, per loro, «a completare un’opera che da anni poteva operare,invece, dopo un sopralluogo,  abbiamo trovato uno stato di abbandono pressoché totale, troppi anni sono trascorsi dal completamento quasi totale, di quello che poteva essere un albergo, un ostello da permettere al turismo naturalistico naturalistico e non, di soggiornare in un contesto unico nella nostra Regione». E la Lega Tarquinia punta il dito contro la «burocrazia e l’indifferenza della politica» che «sino ad oggi di fatto mandano in malora soldi spesi e questo non può essere tollerabile». E per quanto Lega Tuscia plaude al finanziamento in dirittura d’arrivo, da Tarquinia nel cuore rivendicano i fondi prossimi ad essere stanziati dalla Pisana ma tengono a precisare come questi non saranno destinati al Borgo delle Saline, tanto caro alla Lega Tuscia, bensì alle «parti colpite dall’erosione, dunquela spiaggia e le strutture costiere». «Se il signor Della Rocca – sottolinea il vice presidente dell’associazione Laura Liguori – nel suo comunicato, si riferiva alle ultime notizie espresse dai media, credo sia opportuno specificare che i fondi di cui si é parlato non riguardano l’ecoalbergo, che si trova all’interno del Borgo e dunque non é eroso dal mare. Sottolineo inoltre come l’incontro condotto dalla nostra associazione lo scorso martedì sia avvenuto con lo staff di Zingaretti ed Alessandri, e che non siano state fattedunque dichiarazioni diretteda parte di quest’ultimo.   Rimaniamo a disposizione di Della Rocca, del cui novello interesse per le Saline ci compiacciamo, per fornirgli maggiori specifiche sul tema, qualora desiderasse approfondire questa o qualunque altra questione inerente il compendio; confidiamo che sará lieto di sostenerci nelle battaglie che portiamo avanti, in gruppo o nella persona del Presidente, da ben oltre 10 anni. Anzi, cogliamo anche l’occasione per invitarlo pubblicamente alla conferenza sulle blue energy di questo venerdì: siamo certi che il suo interesse per lo sviluppo della costa ne rimarrá appagato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tarquinia aderisce al progetto ‘‘Capitani coraggiosi’’

TARQUINIA –  L’assessore ai Servizi sociali del Comune di Tarquinia, Manuel Catini, annuncia l’adesione al progetto “Capitani coraggiosi”, promosso dalla Confederazione Autonoma Europea dei Lavoratori diversamente abili. 
L’iniziativa si svolgerà martedì 28 agosto, sul lungolago “Argenti” di Bracciano all’interno degli spazi del Consorzio di Navigazione, al termine del campionato mondiale di vela juniores classe 470, che si terrà dal 17 al 26 agosto 2018. 
La manifestazione durerà un’intera giornata e ha l’obiettivo di dare impulso e visibilità alle attività sportive che coinvolgono i diversamente abili, con una dimostrazione di regata con imbarcazioni appositamente attrezzate e l’assistenza di personale esperto. 
Nell’ambito della giornata saranno presentati tre prototipi progettuali realizzati dagli studenti dell’Istituto Nautico “Calamatta” di Civitavecchia, fruibili dai diversamente abili. 
Il primo è l’Electricsave, un pattino di salvataggio spinto da motori elettrici, che può muoversi sia in acqua che sulla battigia. Il secondo si chiama Glays, un occhiale intelligente, dotato di quattro sensori, due frontali e due laterali, che rilevano gli ostacoli e mandano segnali acustici e di vibrazione. Il terzo è il Safe One, un salvagente che si gonfia automaticamente all’impatto con l’acqua. Il programma della manifestazione prevede una tavola rotonda dove ci si potrà confrontare sul tema della disabilità. 
«Ho candidato Tarquinia a ospitare l’edizione del prossimo anno di questa manifestazione – dichiara l’assessore ai Servizi sociali, Manuel Catini – sport e disabilità possono conciliarsi. La presentazione dei tre prototipi sarà un evento particolarmente interessante. Un momento importante sarà il confronto nella tavola rotonda, dove esporrò una relazione sulla situazione tarquiniese e le attività svolte durante l’anno dalle associazioni in coordinamento con il settore servizi sociali del Comune». «È indispensabile fare rete con gli altri comuni – conclude Manuel Catini – effettuare scambi di informazioni, condividere esperienze e progetti.  Il nostro Comune è da sempre attento ai problemi dei cittadini diversamente abili e per questo dobbiamo operare affinché i diversamente abili abbiano la possibilità di praticare sport assieme ai loro coetanei». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Il sindaco difenda il marchio ‘‘Vera Tolfa’’''

TOLFA – «Tutti uniti, artigiani e cittadini di Tolfa, reclamiamo la paternità del marchio ‘’Vera Tolfa»’. Ad esprimersi così l’artigiano del cuoio di Tolfa Davide Vannicola il quale denuncia che in alcuni punti vendita del comprensorio e alcuni ambulanti vendono borse e altri prodotti in cuoio marcate ‘’Vera Tolfa’’ ma che non sono prodotte nel comune collinare. «Ancora una volta denunciamo – scrive Vannicola in una lettera inviata al sindaco di Tolfa, Luigi Landi – che ciò che fa parte della nostra storia tolfetana viene violata ogni giorno da cialtroni e veri mistificatori che vendono un prodotto non vero ingannando non solo i compratori ma anche Tolfa stessa e noi produttori locali. I clienti che sempre hanno amato la nostra mitica borsa catana l’unica ed originale ora la trovano contraffatta. La nostra borsa che sta facendo il giro del mondo dal lontano 1968 è una borsa intramontabile ormai oggetto cult e quindi chiedo a lei sindaco di spenderci qualche minuto e agire. Continuamente molti clienti ci mandano foto dove si vendono queste borse e oggetti contraffatti per sapere se sono veramente borse originali ed io di continuo devo rispondere che sono fasulle». Vannicola poi spiega: «Chiedo al sindaco di prendere seri provvedimenti come istituzione comunale visto che esiste una delibera dove chiaramente recita che chiunque viola il nome Tolfa, originale borsa Tolfa, catana, ecc. sono perseguibili dalla legge e punibili. Questi prodotti che imitano i nostri manufatti, poi, non sono artigianali e non danno ai clienti garanzia di un prodotto genuino e indistruttibile. Chiedo al primo cittadino di ripristinare la vera paternità di ciò che ci appartiene ed è di nostra proprietà sia a livello culturale che storico: le nostre sono le uniche borse e gli unici manufatti in cuoio che ancora tengono in piedi le origini del nostro artigianato e del nostro paese». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Mi dovrò impegnare per riparare i disastri lasciati  in giro''

SANTA MARINELLA – Si fa più vivace lo scontro tra i due candidati sindaco del centrosinistra e del centrodestra, Tidei e Ricci, che non se le mandano certo a dire sulle questioni relative ai programmi elettorali.
«Fa benissimo Bruno Ricci a rammentare i progetti che ho proposto e iniziato a realizzare nel breve scorcio del mio precedente mandato – spiega Tidei – ed ha ragione quando ricorda che prima di preoccuparci di realizzare le infrastrutture per lo sviluppo turistico di cui la città ha bisogno, mi dovrò impegnare a fondo per riparare i disastri lasciati in giro da quelli che sostengono la sua candidatura, non avendo più la faccia per proporre quella loro. Lui sorride, con un sorriso generato dall’incoscienza di chi in amministrazione pubblica può vantare un timido tentativo di condurre la Multiservizi che a Santa Marinella ho avuto l’onore di creare e con la quale ho stabilizzato decine di famiglie e dato lavoro concreto ed utile a tante altre. Non si rende conto di cosa mi attenderà dopo il 10 giugno, quando sarò sepolto dai conti da pagare lasciati da quelli che si candidano o non si possono candidare con lui ma lo appoggiano, sperando di venire ripescati in qualche maniera. Fa sorridere quando Ricci grida che mancano i fondi e che il Comune è allo sfascio, ma evita di chiedersi di chi sia la responsabilità, per non girarsi all’indietro e rinunciare, almeno per dignità, ad una candidatura frettolosamente propostagli e che doveva invece andare allo zio Achille, vero motore di questa ulteriore sconfitta, che non ha avuto il coraggio di nuovo di impegnarsi in prima persona». «Mi fa tenerezza anche – continua Tidei – quando evoca le sirene senza rendersi conto che se non si riesce ad affrontare l’enorme buco lasciato da dieci anni di dilettantismo con una professionalità che solo io posso dare a questa meravigliosa città ed alla sua gente, le uniche sirene che sentiremo sull’Aurelia saranno quelle mosse dalla Corte dei Conti e dalla Procura della Repubblica». 
«Un sentimento di invidia però me lo fa provare il povero Ricci – conclude il candidato sindaco della coalizione di centro sinistra – per la faccia di bronzo che deve mantenere quando, parlando con le poche persone che prova ad incontrare, tenta di convincerle a scommettere di nuovo sugli stessi cavalli azzoppati e lo fa davanti alle macerie che loro stessi hanno prodotto e lasciato in giro». (Gi. Ba.)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Dlf, continua la marcia dei 2002

Ancora un weekend in chiaro scuro per le formazioni biancoverdi di viale Baccelli. Continua la marcia degli Allievi 2002 che espugnano “Le Muracciole” di Aranova per 1-0 portando a cinque i punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice, disputando però una gara in più. Fantastico il risultato di parità ottenuto dai Giovanissimi 2004 nella tana del Campus Eur, seconda forza del campionato. Pari, che muove la classifica, per i Giovanissimi Sperimentali 2005. Riprovevole sconfitta patita dai Giovanissimi Regionali 2003 travolti sul campo del Montespaccato. (Agg. 17/4 ore 16.05 SEGUE)

LA GARA DEGLI ALLIEVI DEL DLF – Nonostante una formazione rimaneggiata a causa delle assenze per motivi di salute e il conseguente innesto dei classe 2003 nella rosa, gli Allievi Provinciali Fascia B 2002 cari al sodalizio di viale Baccelli continuano a mietere successi e mandano kappaò l’Aranova, vincendo sul proprio terreno per 1-0. 
I dielleffini continuano la corsa verso quel titolo regionale perso lo scorso anno e, alla ventiduesima giornata è ormai un discorso a tre con il Giada Maccarese in vantaggio su Dlf e Ostiantica. Ancora una volta i ragazzi guidati da Massimo di Pietro hanno saputo leggere e interpretare alla perfezione una gara complicata, maschia ma nello stesso tempo estremamente corretta. Il successo è maturato intorno al 10’ della ripresa grazie alla rete di Capretti che ha permesso a dielleffini di conquistare l’intera posta in gioco. 
Molto appagato Mister Di Pietro che commenta: «Sono felice sia per il risultato che per la compattezza del gruppo, oggi eravamo privi di due pedine fondamentali per l’economia del nostro gioco, ma chi li ha sostituiti lo ha fatto in modo egregio. La partita è stata come ce la aspettavamo, ovvero molto difficile e contro un avversario molto ostico. Proseguiamo sulla nostra strada non perdendo di vista il nostro obiettivo». 
Dlf Civitavecchia: Unali, Lupoli, Della Ragione, D’angelo, Marongiu, Buono, Tenan, Zerilli, Brizi, Marini, Crescentini, Capretti, Cirotto, Bencini, Moretti. Allenatore: Massimo Di Pietro. (Agg. 17/4 ore 16.38 SEGUE)

I TEAM DELLA CATEGORIA GIOVANISSIMI IN MAGLIA BIANCOVERDE – Un nuovo pareggio, stavolta per 1-1 sul campo del Campus Eur, arriva così un altro risultato positivo per i Giovanissimi Regionali Fascia B 2004, frutto di una buona prestazione. 
Con più di sette defezioni, tra squalifiche e infortuni, con una rosa imbottita di sotto età, tra cui ben quattro 2006, i Giovanissimi Regionali 2004, guidati da Fabio Secondino, vogliono continuare a stupire, e con una prestazione di grinta e cuore, strappano un buon punto sul temibile green del Campus Eur, costringendo i capitolini ad accontentarsi del pari. Il Campus Eur perde così la seconda posizione in classifica, ad appannaggio della Leocon. Non ne approfitta invece il Civitavecchia 1920 fermato dal Montefiascone.  
Gara tecnicamente perfetta, quella condotta dai biancoverdi, che contrastano i locali in ogni parte del campo. Succede tutto nel primo tempo, quando i ritmi sono alti e la palla viaggia velocemente. Al 10’ è il Campus Eur che trova il vantaggio con il gol di Iattarelli ma i biancoverdi sono reattivi e dopo appena due minuti trovano subito il pareggio con Mura. La gara è piacevole e ricca di capovolgimenti di fronte con il possesso palla favorevole al Campus Eur, senza però mai impensierire la retroguardia biancoverde. Anche la ripresa è una fotocopia della prima frazione di gioco, con il Campus Eur che gira palla e un Dlf che chiude bene gli spazi e non disdegna di ripartire sulle fasce. Un pari tutto sommato giusto considerando che i capitolini non sono stati mai realmente pericolosi e che la buona organizzazione difensiva e l’interdizione di centrocampo non hanno mai dato modo al Campus Eur di avere chiare occasioni da rete. 
«Era importante dare continuità alle buone prestazioni delle scorse settimane – commenta un compiaciuto Secondino – siamo l’unica squadra che su questo campo ha conquistato un punto, tutte le altre hanno perso. Penso che questo avvalori ancor di più lo stato di forma dei miei fantastici ragazzi. Non abbiamo ancora fatto nulla, dobbiamo continuare a lavorare e a sudare, poi il campo sarà giudice».
Dlf Civitavecchia: Notari, Carannante, Bergantini, Giustiniani, Di Giorgio, Baroncini, Shabanaj, Elisei, Mura, Malservigi, Velardo, Maroncelli, Cesarini, Monteneri. Allenatore: Fabio Secondino.
Ancora una volta la formazione dei Giovanissimi Sperimentali di mister Giuseppe Grosselli paga dazio di inesperienza e perde l’ennesima occasione per suggellare una vittoria strameritata. Tra le  mura amiche finisce 2-2 contro l’Honey Soccer dopo i 70 minuti di gioco. 
Al Dopolavoro è di scena la ventiduesima giornata del campionato Provinciale, i biancoverdi ospitano l’Honey Soccer, formazione romana che viaggia a centro classifica. Per i dielleffini, nella cui rosa è sempre più presente una buona componente classe 2006, il risultato finale non ha un valore determinante come invece lo è la crescita dei suoi giocatori, che stanno facendo passi da giganti. La gara racconta di una squadra che approccia bene la gara e mette in seria difficoltà la difesa romana. Poi, come spesso capita nel calcio è l’Honey ad andare in vantaggio. I biancoverdi non mollano la presa e cominciano a macinare gioco. Al 20’ la tenacia biancoverde è premiata con il pareggio realizzato da Di Stefano. La ripresa scorre via senza particolari sussulti con i dielleffini che controllano la situazione gestendo il possesso palla e limitando le iniziative dell’Honey. Gli allenatori attingono dalla panchina per cercare forze fresche, ma comunque permane la parità. Al 20’ il lampo che permette al  Dlf di passare in vantaggio porta la firma del nuovo entrato Mura. 
A vantaggio acquisito i padroni di casa hanno avuto almeno tre occasioni clamorose per portarsi sul 3-1, ma come spesso capita nel calcio, i biancoverdi sono puniti in una delle pochissime azioni pericolose degli ospiti, che vanno a segno a quattro minuti dal termine. 
A fine gara mister Grosselli, visibilmente insoddisfatto del risultato ottenuto, analizza così il match: «Abbiamo fatto una buona prestazione e per questo meritavamo la vittoria. Siamo stati poco lucidi e molto imprecisi nei momenti decisivi. 
Abbiamo avuto la foga di vincere e questo ci ha portato ad essere poco concreti in alcune occasioni, nel complesso ho visto una buona squadra compatta, che ha lottato su ogni pallone che ha solo mancato nella fase di finalizzazione nelle fasi cruciali, lavoreremo più intensamente anche su questo fondamentale». 
Dlf Civitavecchia: Orchi, De Gianni, Leone, Di Gennaro Baracco, Vargiolu, Del Rio, Conte, Elisei, Velardo, Di Stefano, Zerilli, Locci, Santacroce, Capelli, Bertini, Mura. Allenatore: Giuseppe Grosselli. (Agg. 17/4 ore 17.07)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Dlf, prova di forza degli Allievi 2002

L’effetto di Burian non ha dato scampo, sono decine le partite rinviate per il maltempo. 
Nel vortice della perturbazione c’è finito anche Montefiascone, sede della diciannovesima giornata, dove i Giovanissimi Regionali 2003 del Dlf erano attesi per una delle dodici finali che attendono i biancoverdi da qui al termine del campionato. Purtroppo però la gara è stata rinviata a data da destinarsi. 
Buone notizie arrivano dal fronte degli Allievi 2002 che liquidano gli avversari con un perentorio 4 a 2. 
Nuova sconfitta per i Giovanissimi 2004/05 che si arrendono al Città di Cerveteri.
Prova di forza degli Allievi Provinciali Fascia B 2002 guidati da Massimo Di Pietro. I biancoverdi battono per 4-2 la SVS Roma, bissando il risultato dell’andata. Gara che rispecchia, nel risultato, la netta superiorità mostrata in campo, giocando con personalità e maturità. Trovando l’undicesima vittoria in campionato che consolida il secondo  posto costruito con 35 punti in 15 giornate. 
Il tema tattico della partita lo scrive e lo recita il Dlf sin dalle prime battute. Il possesso palla con ricerca della profondità mandano in affanno gli ospiti.
Crescentini a destra e Zerilli a sinistra sono spine nel fianco della difesa romana. Già al 1’ DLF pericolosa con Crescentini che dopo una discesa sulla destra, pecca di egoismo, ignorando Marini e Stefanini liberi in area.
I primo tiro arriva con Peveri che di testa manda di poco a lato. L’SVS di fa viva in area dielleffina al 21’ con capitan Santo che impegna un attento Unali. 
I biancoverdi tengono in mano il pallino del gioco e quando si abbassano i ritmi in campo, le accelerazioni biancoverdi diventano ancora più letali: al 28’ Marini e al 29’ Stefanini fanno da preludio al vantaggio che arriva, meritato, al 33’. 
Il numero 11 Zerilli, dopo un batti e ribatti in area colpisce di testa poggiando in rete, Sei minuti dopo l’ariete dielleffino Marini segna con il più classico dei contropiedi, palla filtrante e cavalcata che vale il 2-0. 
Neanche il tempo di gioire che l’SVS accorcia con Ortenzi che calcia da terra trovando l’angolino alla destra di Unali.
La ripresa si apre con Stefanini che realizza la rete del 3 a 1 con un gran tiro da fuori che beffa il n.1 ospite sulla sua destra.  L’SVS cerca di imbastire una reazione, e al 14’ una distrazione difensiva permette a Santo di accorciare le distanze. 
I biancoverdi accusano un attimo di flessione, i laterali non ritornano e il centrocampo fa fatica a interdire gli inserimenti romani. Strategicamente mister Di Pietro raddrizza la barca inserendo forze fresche e il risultato ne giova. 
Al 33’ Zerilli realizzerà la quarta rete che chiude definitivamente la gara. Soddisfatto mister Di Pietro per l’approccio della gara: «Siamo scesi in campo con grinta, determinazione e la giusta consapevolezza di affrontare un avversario tosto. Impeccabili nella prima frazione di gara. Nella ripresa, dopo il terzo gol, ho visto la squadra un po’ troppo rilassata, forse pensavamo di aver già vinto, ma nel calcio non puoi mai mollare un attimo che vieni subito punito. Ho dovuto fare dei cambiamenti in corsa che hanno riportato verve e grinta alla squadra. Nel complesso sono moderatamente soddisfatto. Il campionato è ancora lungo, se vogliamo giocarcela fino in fondo, non dobbiamo mai calare di concentrazione».
Dlf Civitavecchia: Unali, Tenan, Lupoli, D’angelo, Marongiu, Buono, Crescentini, Peveri, Marini, Stefanini, Zerilli Pasquini, Cirotto, Capretti, Brizi. Allenatore: Massimo Di Pietro.
Sconfitta di misura per i Giovanissimi Sperimentali Fascia B 2004-05 nella diciassettesima giornata del campionato Provinciale. La squadra, allenata da mister Giuseppe Grosselli, ha ceduto per 2-1 nel match giocatosi domenica mattina al Galli contro il Città di Cerveteri, in una gara dai due volti.
Dopo un primo tempo all’insegna dell’equilibrio, come confermato dall’1-1 di frazione con rete di Velardo, si passa invece ad una ripresa dove i biancoverdi prendono in mano le redini del gioco e chiudono il Cerveteri nella propria metà campo. I biancoverdi vanno più volte vicino al vantaggio con Mura, traversa al 20’ e Di Stefano al 25’ che manca un gol fatto. 
Purtroppo a cinque minuti dal termine la solita disattenzione provoca l’ennesima immeritata sconfitta. 
Deluso il tecnico biancoverde, per il risultato ma non per quanto visto in campo: “Il gruppo quando vuole fa cose deliziose, come nella prima parte e quasi tutta la ripresa. Talvolta, invece, incappa in momenti di enorme distrazione che paghiamo puntualmente con la sconfitta. Sicuramente è l’aspetto su cui dobbiamo lavorare più intensamente.
Dlf Civitavecchia: Orchi, Vargiolu, Locci, Di Stefano, De Gianni, Bergantini, Del Rio Santacroce, Mura, Velardo, Carannante, Shabanaj, Di Giorgio, Chessa, Leone Baracco. Allenatore: Giuseppe Grosselli.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Cpc esulta con gli Allievi

Nella 17^ giornata del campionato degli Juniores regionali girone A, la Cpc2005 torna sconfitta col risultato di 4-3 dalla trasferta giocata sul campo del Fonte Meravigliosa. Parte bene la baby roja che al decimo va già vicino al gol con Lanari, con il Fonte Meravigliosa che tre minuti dopo si vede annullare un gol realizzato da Persi per sospetto fuorigioco. La gara si stabilizza ma al 26’ passano i locali con Manganaro, fendente da fuori area ma Gloria ci mette del suo regalando il gol ai locali. Un minuto dopo la compagine portuale agguanta il pari con Mastropietro, azione sull’out di sinistra col giocatore che converge al centro e, dopo aver dribblato un giocatore, colloca la sfera alle spalle di Carta. La Cpc2005 ci crede e al 33’ Lanari spedisce di poco a lato, bissando l’occasione sette minuti dopo sugli sviluppi di un corner di Memmoli. Capovolgimento di fronte con Capretti che sbaglia in mezzo al campo dando la ripartenza al Fonte Meravigliosa, ne approfitta Ramundo che insacca il due a uno. Finisce così il primo tempo. Pronti e via e Mottola insacca dopo appena un minuto la rete che vale il due a due. Partita vera e a tratti spettacolare con le squadre che si affrontano a viso aperto. Al tredicesimo ghiotta palla gol per il Fonte Meravigliosa, ma Barbuto a porta vuota tira abbondantemente e incredibilmente fuori. Quattro minuti dopo è Gloria ad opporsi a Ramundo compiendo un mezzo miracolo. Il Fonte Meravigliosa preme e al 25’ ha la palla del sorpasso, da segnalare che un minuto prima l’arbitro non si avvede di un fallo in area locale, quando concede un penalty al Meravigliosa: se ne occupa Ramundo che colpisce però il palo e sulla ribattuta Manganaro manda a lato. La Cpc2005 un minuto dopo va vicino al gol con Memmoli col tiro che finisce di un soffio a lato. Capovolgimento di fronte e Vazzana di testa approfitta di un cross dall’out di destra insaccandosi alle spalle di Gloria: tre a due. Al 39’ la Cpc2005 riagguanta il pari grazie a Lanari che insacca il penalty concesso dal direttore di gara: tre a tre. Un minuto dopo Memmoli raccoglie il cross di Mastropietro ma a porta sguarnita tira irrimediabilmente fuori. Al 43’ errore in uscita di Lanari ne approfitta Teodori che insacca il definitivo quattro a tre. Ultimi minuti infuocati con Mastropietro e Memmoli prima e Gallina, quasi al fischio finale, mandano la sfera di poco a lato per un pareggio che alla fine sarebbe stato anche meritato. Situazione di classifica ingarbugliata con le squadre tutte appaiate, dove la zona playoff e a cinque punti ma i playout sono a sole tre lunghezze.
In campo per la Cpc2005: Gloria, Cattaneo, Lava, Capretti, Catarinacci, Balestrieri, Memmoli, Mastropietro, De Luca, Lanari, Mottola. A disposizione: Totu, He, Bocchia, Paolucci, De Felici, Cagnetta, Gallina. Allenatore: E. Gallina.
Match di carattere e uno spirito finalmente pari alla loro bravura per i ragazzi degli Allievi diretti da mister Da Lozzo, che con un secco due a zero superano l’Atletico Acilia al Fattori. Dopo un periodo travagliato è un toccasana la vittoria conquistata, ottenuta per di più su una delle dirette concorrenti alla salvezza. I gol portano la firma di Curis alla mezz’ora del primo tempo, a coronamento di un’ ottima azione di squadra, e di Maccarini al 35’ della ripresa su un sacrosanto rigore concesso dal direttore di gara. Precedentemente lo stesso Maccarini, oltre a procurarsi il penalty poi trasformato, aveva colpito il palo in mezza rovesciata. Va sicuramente menzionato lo spirito di una squadra che, seppur navigasse nella tempesta da quasi due mesi, è riuscita a serrare le fila in una settimana turbolenta seguendo sia le indicazioni del mister, che mettendo sul quadrato quella combattività che sembrava perduta. Vittoria che sembra presagire a una ripresa ma va perseguito lo spirito di oggi, perchè nel calcio si può anche perdere ma è necessario, come avvenuto nella gara odierna, uscire a testa alta dal terreno di gioco avendo dato fondo alle energie. Domenica si fa vista alla Sff Atletico e sarà un’altra battaglia visto lo spessore dell’avversario.
Spirito portuale che trasuda dalle maglie dei Giovanissimi, capaci di andare avanti due volte, essere ripresi, e in chiusura stoccare la rete che gli vale la vittoria sul blasonato Casalotti. Partita in larga parte dominata con i giovani della Cpc2005 che andati in gol, rete di Rossi in apertura, hanno sfiorato almeno altre e tre marcature per rimpinguare il punteggio. Ripresa che vedeva il raddoppio di Garofalo facendo presagire un finale tranquillo, ma da li a breve qualcosa cambiava. Venivano invece fuori i ragazzi del Casalotti che riuscivano a riagguantare il pari nel giro di poco. Nei minuti finali il sorpasso della Cpc2005, punizione delle sue di Bartoloni che costringe il portiere a un mezzo miracolo per respingerla, ma c’è ancora Rossi che li sulla ribattuta insacca il gol che vale la vittoria. Ottima la cura di mister Smeraglia che in meno di un mese sembra aver dato una giusta fisionomia alla squadra, rimpinguando sia l’aspetto tecnico che lo spirito del “mai domo” dei colori rosso portuali.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###