REGIONE PIEMONTE – LEGGE REGIONALE 1 marzo 2019, n. 7

Modifiche alla legge regionale 7 agosto 2006, n. 30 (Istituzione
del Consiglio delle Autonomie locali (CAL) e modifiche alla legge
regionale 20 novembre 1998, n. 34 "Riordino delle funzioni e dei
compiti amministrativi della Regione e degli Enti locali").
(19R00166)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

COMUNE DI TAURIANOVA – CONCORSO (scad. 7 febbraio 2019)

Avviso di manifestazione d'interesse riservata a idonei in
graduatorie di concorsi pubblici espletati da altri enti del
comparto funzioni locali, per la copertura di un posto, a tempo
pieno ed indeterminato, di istruttore direttivo contabile,
categoria D.
(18E13320)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

COMUNE DI CERVIA – CONCORSO (scad. 27 gennaio 2019)

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo
indeterminato e pieno di un posto di dirigente, area della
dirigenza comparto funzioni locali, da incaricare, in sede di prima
assegnazione al settore programmazione e gestione del territorio.
(18E13076)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

n. 245 SENTENZA 6 novembre – 27 dicembre 2018

Giudizio di legittimita' costituzionale in via principale.

Edilizia e urbanistica – Disposizioni per il recupero del patrimonio
edilizio esistente riferito a vani e locali accessori e
seminterrati – Applicazione del piano demaniale marittimo regionale
alle aree della riserva naturale "Pineta Dannunziana".
– Legge della Regione Abruzzo 1° agosto 2017, n. 40 (Disposizioni per
il recupero del patrimonio edilizio esistente. Destinazioni d'uso e
contenimento dell'uso del su………(T-180245)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELL'INTERNO – DECRETO 7 dicembre 2018

Differimento del termine per la deliberazione del bilancio di
previsione 2019/2021 degli enti locali dal 31 dicembre 2018 al 28
febbraio 2019. (18A08102)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sosta selvaggia, la Csp intensifica le rimozioni

CIVITAVECCHIA – In occasione del Natale la Civitavecchia servizi pubblici ha deciso di incrementare le operazioni di rimozione dei mezzi parcheggiati dove non permesso.

«In occasione delle imminenti festività – spiegano dalla Csp – La Civitavecchia servizi pubblici nell’ottica di promuovere l’utilizzo del mezzo pubblico ha deciso di porre ancora più attenzione ai bisogni degli utenti del trasporto pubblico locale incrementando le operazioni di rimozione, in particolar modo – evidenziano – dei mezzi che sostano sulle apposite zone riservate alle fermate degli autobus».

Insomma, lotta alla sosta selvaggia da parte dell’azienda nell’ottica di favorire gli utenti che scelgono di spostarsi a Civitavecchia con i mezzi pubblici.

Ma l’azione di contrasto verrà intensificata anche per quanto riguarda altri tipi di infrazione, come ad esempio l’occupazione dei parcheggi riservati agli invalidi e alla sosta indiscriminata.

Quello della sosta selvaggia è un problema diffuso a Civitavecchia, come spesso evidenziato negli ultimi tempi anche da esponenti politici locali.

La Csp ha quindi deciso di correre ai ripari e di intensificare il servizio di rimozione dei veicoli.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Santa Marinella ospita la V. Aprilia

Alle 18.30 al Pala De Angelis, per la seconda giornata del girone di ritorno del campionato di serie B, il Santa Marinella affronta la Virtus Basket Aprilia, quarta in classifica con otto punti, gli stessi del quintetto di coach Precetti. Una sorta di scontro diretto che le locali dovranno cercare di fare loroper puntare al quarto posto assoluto che consente l’accesso ai playoff. 
Dopo il netto successo ottenuto domenica scorsa contro lo Smit Roma Centro, le tirreniche hanno ritrovato entusiasmo e vorranno sfruttare questi confronti diretti per migliorare la loro posizione in classifica. In settimana, intanto, nell’anticipo del campionato Under 18 il Santa Marinella ha battuto 41-39 l’Allestire Npcw Rieti.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

L’autrice di ‘‘Bleeding mariachi’’ si racconta

di CAROLA MILANA

CIVITAVECCHIA – «Disegno da quando ho memoria». Parola della neofumettista civitavecchiese Veronica Ciancarini, autrice del fumetto ‘‘Bleeding Mariachi’’, il suo primissimo; pubblicato dalla Casa Editrice Bd. L’artista nasce e cresce a Civitavecchia, dove svolge anche il suo percorso di studi. Dopo il diploma di maturità spiega di essersi trovata a scegliere tra l’amore per il disegno e la sua passione per il teatro, optando per gli studi scenografici all’Accademia di Belle Arti, dove studia tutt’ora, ha trovato il suo equilibrio. Si considera un’autodidatta, non avendo frequentato mai alcun corso di fumetto, ma afferma che il suo percorso di studi fino ad ora si è rivelato estremamente utile nella realizzazione della sua prima opera. La venticinquenne si avvicina al fumetto durante le scuole medie, ma ciò che ha acceso di più la voglia di creare personaggi sono stati i film di animazione, tra i suoi preferiti ‘‘Biancaneve e i sette nani’’; considerato da lei uno dei migliori cartoni animati.

Inizia con uno stile cartoon per poi passare alle caricature, distribuendo anche biglietti personalizzati d’auguri tra i suoi amici; prende parte alla realizzazione di locandine teatrali per spettacoli locali e per la copertina del libro ‘‘Puteus’’ di Fabio Porchianello. I suoi lavori passati non comprendono affatto il fumetto, quindi come dichiara la Ciancarini, si è trattato di avere coraggio per proporre la sua storia ad una casa editrice, un coraggio nato e cresciuto grazie anche alla soddisfazione delle sue illustrazioni di essere apprezzate da colleghi che operano sul campo da qualche tempo. La neofumettista è riuscita a crederci solamente con la sua creazione tra le mani.

«La verità è che ho sempre avuto la convinzione che da un momento all’altro tutto sarebbe potuto andare a monte – dichiara Ciancarini – perché troppo bello per essere vero». Le sue passioni per il Messico e per la musica l’hanno portata alla storia del suo ‘‘Mariachi’’, facendogli tornare anche la voglia di suonare. Nel fumetto ci sono  mistero, avventura, amore e amicizia, tutte cose che desiderava vedere nel suo primo lavoro. Tra i suoi modelli di animazione troviamo Walt Disney, Don Bluth e Glan Keane, per il fumetto prende ispirazione da Mike Mignola, Isabella Mazzanti e la concittadina Ilaria Catalani, l’illustrazione e la pittura vengono influenzati da Edvard Munch, Edward Gorey e Tim Burton.

Veronica, grazie al suo personaggio messicano è stata ospite dell’ultima edizione del Romics e Lucca Comics. Al Romics presenta emozionatissima in anteprima assoluta il suo lavoro, a Lucca partecipa invece all’anteprima del sesto volume della serie ‘‘Sacro/Profano’’ di Mirka Andolfo con la quale collabora nel suo lavoro come disegnatrice ospite. Per il futuro è indispensabile ora finire gli studi in Accademia, mentre prepara una nuova e segreta proposta per il suo editore. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

L’autrice di ‘‘Bleeding mariachi’’ si racconta

di CAROLA MILANA

CIVITAVECCHIA – «Disegno da quando ho memoria». Parola della neofumettista civitavecchiese Veronica Ciancarini, autrice del fumetto ‘‘Bleeding Mariachi’’, il suo primissimo; pubblicato dalla Casa Editrice Bd. L’artista nasce e cresce a Civitavecchia, dove svolge anche il suo percorso di studi. Dopo il diploma di maturità spiega di essersi trovata a scegliere tra l’amore per il disegno e la sua passione per il teatro, optando per gli studi scenografici all’Accademia di Belle Arti, dove studia tutt’ora, ha trovato il suo equilibrio. Si considera un’autodidatta, non avendo frequentato mai alcun corso di fumetto, ma afferma che il suo percorso di studi fino ad ora si è rivelato estremamente utile nella realizzazione della sua prima opera. La venticinquenne si avvicina al fumetto durante le scuole medie, ma ciò che ha acceso di più la voglia di creare personaggi sono stati i film di animazione, tra i suoi preferiti ‘‘Biancaneve e i sette nani’’; considerato da lei uno dei migliori cartoni animati.

Inizia con uno stile cartoon per poi passare alle caricature, distribuendo anche biglietti personalizzati d’auguri tra i suoi amici; prende parte alla realizzazione di locandine teatrali per spettacoli locali e per la copertina del libro ‘‘Puteus’’ di Fabio Porchianello. I suoi lavori passati non comprendono affatto il fumetto, quindi come dichiara la Ciancarini, si è trattato di avere coraggio per proporre la sua storia ad una casa editrice, un coraggio nato e cresciuto grazie anche alla soddisfazione delle sue illustrazioni di essere apprezzate da colleghi che operano sul campo da qualche tempo. La neofumettista è riuscita a crederci solamente con la sua creazione tra le mani.

«La verità è che ho sempre avuto la convinzione che da un momento all’altro tutto sarebbe potuto andare a monte – dichiara Ciancarini – perché troppo bello per essere vero». Le sue passioni per il Messico e per la musica l’hanno portata alla storia del suo ‘‘Mariachi’’, facendogli tornare anche la voglia di suonare. Nel fumetto ci sono  mistero, avventura, amore e amicizia, tutte cose che desiderava vedere nel suo primo lavoro. Tra i suoi modelli di animazione troviamo Walt Disney, Don Bluth e Glan Keane, per il fumetto prende ispirazione da Mike Mignola, Isabella Mazzanti e la concittadina Ilaria Catalani, l’illustrazione e la pittura vengono influenzati da Edvard Munch, Edward Gorey e Tim Burton.

Veronica, grazie al suo personaggio messicano è stata ospite dell’ultima edizione del Romics e Lucca Comics. Al Romics presenta emozionatissima in anteprima assoluta il suo lavoro, a Lucca partecipa invece all’anteprima del sesto volume della serie ‘‘Sacro/Profano’’ di Mirka Andolfo con la quale collabora nel suo lavoro come disegnatrice ospite. Per il futuro è indispensabile ora finire gli studi in Accademia, mentre prepara una nuova e segreta proposta per il suo editore. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ad Includendum: una città per tutti

di CAROLA MILANA

CIVITAVECCHIA – È in programma martedì prossimo, 18 dicembre alle 16, presso la sala “Gurrado” della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia il convegno “Ad Includendum”, organizzato dal Tavolo tecnico per la  cultura dell’agibilità. L’iniziativa nasce dalla volontà di divulgazione dell’Art. 32, compreso nella legge 41, “che parla espressamente del Peba, Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, caratterizzato – ha spiegato il presidente del Tavolo, Elena De Paolis – da un elenco di comuni che hanno e non hanno avuto la possibilità di introdurre opere pubbliche e private nei confronti dei disabili; la legge è stata introdotta nel 1989 ma mai attuata”.

Il convegno nasce quindi come una sorta di provocazione nei confronti delle amministrazioni che dichiarano di non avere le possibilità economiche sufficienti per risolvere alcuni problemi riguardo l’accessibilità ai disabili. Per dare prova che l’articolo possa essere attuato, per davvero questa volta, al convegno prenderanno la parola esperti di fondi europei che sveleranno le possibilità per una riqualifica urbana; fondi non accessibili a chiunque. Questi saranno rivolti esclusivamente a quei comuni che presentano barriere architettoniche relativamente problematiche.

Fino ad oggi circa l’80% di quei fondi non viene utilizzato poiché le amministrazioni non sanno a chi rivolgersi e non ne hanno mai sentito l’obbligo. L’esito sperato dopo “Ad Includendum” è che i comuni siano preparati nella risoluzione di questi problemi. La legge vorrebbe che il punto della situazione sia fatto con particolare attenzione alle attività economico commerciali, prevedendo l’accesso dei locali a chiunque. Per ora i comuni regionali che hanno risposto all’appello del Tavolo Tecnico sono quelli di Santa Marinella, Tolfa e Ladispoli. “Ma quale Sindaco farà propria questa legge?” si chiede De Paolis.

Il convegno si caratterizza non per una soluzione adatta e specifica per chi ne ha bisogno, ma per rispettare il modello della Total Quality, per cui ogni prodotto deve rispettare delle norme, in modo da non arrecare pericolo, disagio ed affaticamento. Non si parla esclusivamente di persone con disabilità, ma anche di bambini, anziani, donne in gravidanza e i turisti con i loro bagagli; per una città più vivibile e sicura, con la realizzazione attraverso la fruizione di fondi che vengono utilizzati dalle amministrazioni territoriali e dagli enti pubblici a costo zero. Un risultato non meno importante è che la riqualifica può rimettere in circolo l’economia imprenditoriale; dallo stesso operaio all’accesso diretto nei locali commerciali.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###