Pd, Ferri: “Dopo le ferie discuteremo di alleanze”

CIVITAVECCHIA – “La politica delle alleanze è una questione seria per il Pd locale e soprattutto per la città e, come tale, va discussa dagli organismi dirigenti del Partito Democratico di Civitavecchia”. Una precisazione che si è resa necessaria da parte del segretario del Pd Germano Ferri a seguito della polemica aperta per le dichiarazioni di Piendibene, Luciani e Leopardo. 

“Superato il periodo feriale – ha assicurato Ferri – dedicheremo ad essa un dibattito serrato ed esaustivo per giungere a decisioni che speriamo saranno condivise ma, sicuramente, risulteranno impegnative per tutti. Non è né ai social né ad altri mezzi di comunicazione che possiamo affidare la nostra linea politica e qualsiasi espressione fatta ora, in virtù della mancata discussione ed approvazione in sede opportuna interna al partito, indipendentemente dalla provenienza del comunicato corrisponde solamente ad una semplice opinione personale”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il San Pio X si rifà il look

Si è svolta mercoledì sera presso l’Hotel San Giorgio di Civitavecchia la presentazione dei nuovi assetti societari e tecnici del San Pio X Calcio in vista della stagione 2018/2019. Al centro del nuovo progetto societario c’è la volontà di rilanciare la società civitavecchiese, che con la prossima stagione arriverà alla 55° anno di attività agonistica di fila, partendo dalla propria storia ma con lo sguardo rivolto verso il futuro. Si lavorerà quindi per allargare il settore giovanile della scuola calcio, mentre per la prima squadra la volontà è quella di fare il campionato di Seconda Categoria per cercare l’immediata promozione in Prima. Il San Pio X oltre al lato sportivo avrà anche un forte impegno sociale grazie al legame con la comunità “Mondo Nuovo”. A spiegare il progetto è infatti il presidente di “Mondo Nuovo”, Alessandro Diottasi: «Voglio ringraziare il San Pio X che ci permetterà di poterci allenare e giocare gratuitamente nel campionato CSI regionale amatoriale». Dopo ha preso la parola il presidente del San Pio X, Vincenzo La Rosa: «È con piacere che ripartiamo per questa nuova avventura. Abbiamo deciso di voler dare nuovo slancio alla società grazie anche all’ingresso di Alberto ed Enrico Leopardo e Antonio Farini. Tutto questo lavoro è fatto per far tornare grande il San Pio X». A spiegare i progetti è stato poi il nuovo direttore generale della società, Enrico Leopardo: «Il nostro obiettivo è creare piccoli uomini che poi possano diventare dei grandi calciatori. Vogliamo che per prima cosa sia insegnata l’educazione ai più piccoli». Per ultimo ha preso la parola Antonio Farini, che avrà il ruolo di osservatore generale: «Mi fa piacere tornare ad aiutare il San Pio X. Potrò ritenermi soddisfatto se a fine del prossimo anno ci saranno dei bambini che si divertano e che sappiano dare due calci ad un pallone. I nostri allenatori seguiranno i bambini tutti allo stesso modo, senza che ci siano preferenze in base alla bravuta perchè si tratta sempre di bambini».
Questo l’assetto societario: presidente Vincenzo La Rosa, vice presidente Marco La Rosa, consiglieri Umberto La Rosa, Duilio La Rosa, Roberto La Rosa, Simona La Rosa, direttore generale Enrico Leopardo, presidente onorario Alberto Leopardo, direttore sportivo Roberto Matteo, osservatore generale Antonio Farini, allenatori Mario Castagnola (prima squadra), Erasmo Sabatini, Fabrizio Biferali.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Caso Gagliardini: tutti rinviati a giudizio

CIVITAVECCHIA – Sono arrivati nel primo pomeriggio di ieri, dopo le discussioni del pubblico ministero e degli avvocati difensori della parte civile e degli indagati, i rinvii a giudizio per i due medici Gianfranco Iacomelli e Marco Di Gennaro, per i responsabili civili Asl Rm4 ed Assicurazioni Generali, e per il presidente della società sportiva Csl Vitaliano Villotti, tutti accusati di omicidio colposo per la morte di Flavio Gagliardini, il calciatore 35enne deceduto ad ottobre 2015 mentre si stava allenando sul campo del Dlf. Il processo dibattimentale, davanti al giudice monocratico Lucia Fuccio Sanzà, inizierà il 3 dicembre prossimo, come disposto dal gup Giuseppe Coniglio dopo una breve camera di consiglio.

La decisione di rinviare tutti a giudizio era in realtà piuttosto scontata, perché si tratta di un caso delicato e con diverse sfaccettature che potranno essere affrontate nel corso del processo per stabilire se vi siano state o meno responsabilità penali per la morte di Gagliardini. Anche lo stesso Gup, nella premessa, avrebbe sottolineato delle sostanziali contraddizioni emerse soprattutto in riferimento alle perizie svolte; per questo il dibattimento sarà utile a dirimere la questione. Ieri mattina, alla presenza anche della moglie e dei genitori del calciatore stroncato da un arresto cardiaco durante una seduta di allenamento sul campo del Dlf, alla presenza dei compagni della sua ultima squadra, quella del Csl, si sono alternati i diversi avvocati e la pubblica accusa con le varie discussioni.

«È andata come speravamo – ha commentato l’avvocato Patrizio Leopardo, che assiste la famiglia del calciatore – ora affronteremo il processo». Poche parole anche da parte degli altri avvocati difensori, Ernesto Tedesco e Vincenzo Dresda per Di Gennaro, Andrea Miroli per Iacomelli, Carlo Breda per Villotti, e ancora Trojano per la Asl e Maranella per le Generali. «Siamo convinti della bontà dell’opera del dottor Iacomelli – ha spiegato l’avvocato Miroli – e questo verrà accertato all’esito dell’istruttoria dibattimentale». Anche gli altri legali confidano nel dibattimento per poter dimostrare l’estraneità dei propri assistiti rispetto alla morte di Flavio Gagliardini. «Ci sono una serie di elementi che andranno valutati – ha aggiunto l’avvocato Tedesco – anche sotto il profilo medico legale e tecnico. Siamo convinti che il dibattimento servirà a fare chiarezza e a confermare quanto emerso con le perizie, ossia l’estraneità del dottor Di Gennaro ai fatti contestati». Per la Procura, come ricostruito durante le indagini preliminari, la responsabilità del medico sportivo e del primario di cardiologia del San Paolo sarebbero legate al fatto di non aver diagnosticato preventivamente il problema di carattere cardiaco di, stando ai riscontri delle perizie, soffriva il giovane calciatore. Il presidente della società sportiva, invece, avrebbe fatto svolgere gli allenamenti pur senza avere tra le mani il certificato di idoneità di Gagliardini per poter svolgere attività agonistica. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Piovono congratulazioni per il neo eletto sindaco di Santa Marinella

S. MARINELLA – Continuano i commenti di personalità del mondo della politica e di tante  persone esterne alla campagna elettorale, che ha incoronato Pietro Tidei nuovo sindaco di Santa Marinella. A farsi sentire è stato Bruno Astorre, presidente del consiglio regionale del Lazio. «Voglio fare i miei complimenti a Giovanni Caudo per l’ottima affermazione nel 3° Municipio di Roma, a Esterino Montino che e’ stato riconfermato sindaco di Fiumicino, a Orlando Pocci che a Velletri potrà continuare il buon lavoro fatto da Fausto Servadio e a Pietro Tidei che ha conquistato Santa Marinella. Il Pd esce da questa tornata come primo partito, del resto quando si ha una buona classe dirigente, un’offerta politica chiara e si lavora bene sul territorio, i risultati arrivano». Elogi anche da Massimo Mazzarini dell’Italia dei Valori di Civitavecchia. Complimenti a Pietro Tidei per il risultato elettorale che lo vede nuovo sindaco di Santa Marinella. Torna a coprire quel ruolo istituzionale che gli fu tolto da una incauta sfiducia molto anni fa, ora però, date le drammatiche finanze in cui versa la Perla del Tirreno, non possiamo che augurare a Tidei un buon lavoro di risanamento  economico e urbanistico, che possa essere da esempio anche per il comune di Civitavecchia». «Voglio esprimere i migliori auguri di buon lavoro a Pietro Tidei Sindaco di Santa Marinella – dice Enrico Leopardo della segreteria del PD della Provincia di Roma – ancora una volta, forte della sua esperienza e capacità, con coraggio e determinazione ha messo in campo una proposta vincente ed una squadra composta da giovani e da meno giovani con le competenze giuste per ridare speranza ad un territorio massacrato da anni di mala gestione politica ed amministrativa. Mi lega a Pietro un rapporto di amicizia, di stima e di fiducia, sono certo che saprà restituire a Santa Marinella quel bagliore ormai perso da troppo tempo. Un ringraziamento va anche al segretario del Pd di Santa Marinella Pierluigi D’Emilio e al segretario provinciale Rocco Maugliani per la loro caparbietà ed onestà politica nel tenere unita tutta la coalizione intorno al candidato Sindaco». 
Sulle pagine facebook si è fatto sentire anche Gino Tidei, figlio di Pietro. «Papà, hai vinto la più bella battaglia, forse perché sarà l’ultima sfida politica, forse perché era una partita impossibile. A Santa Marinella il centro destra governa da 70 anni, forse perché qualcuno pensava che non avevi più le forze e le capacità per tornare a vincere, invece ti sei buttato in questa avventura che si prospettava in salita e contro vento ma tu, con la stessa passione e dedizione, sei riuscito a ribaltare il risultato pronosticato, ti auguro davvero il meglio, te lo meriti».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Donati un monitor multiparametrico e piastre pediatrice alle Prociv di Ladispoli

LADISPOLI – Proprio come promesso, arrivano i "rinforzi" per la Protezione civile La Fenice e la Protezione civile comunale di Ladispoli. Il presidente della Podistica Alsium Ladispoli, Lucio Leopardo, e i suoi consiglieri hanno consegnato proprio oggi un monitori multiparametrico, d'ausilio al defibrillatore, al nucleo Protezione civile La Fenice, e delle piastre pediatriche alla Protezione civile di Ladispoli. Il dono è stato frutto, come ricordato dal presidente Lucio Leopardo, del ricavato della gara podistica competitiva Corri al Castellaccio dei Monteroni di Ladispoli, memorial Biagio Tabacchini, così come pubblicizzato durante l'organizzazione della gara e come più volte dichiarato dallo stesso Leopardo nelle sedi competenti. "Colgo l'occasione per ringraziare nuovamente tutti i sostenitori che hanno creduto in noi – ha detto il presidente della Asd Podistica Alsium Ladispoli – e ci hanno consentito di realizzare, più che una manifestazione sportiva agonistica, una festa del Castellaccio in ricordo del nostro concittadino scomparso e cosa altrettanto importante l'acquisto di uno strumento utile alla comunità di Ladispoli".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Spiagge, Pd: "Cancellata l'estate 2018"

CIVITAVECCHIA – "Cancellata l'estate 2018". È l'amara considerazione degli esponenti del Pd Jenny Crisostomi, Marina Pergolesi, Andrea Riga, Enrico Leopardo e Stefano Ballotari, alla luce della notizia che, anche quest'anno, Pirgo, piazza Betlemme e Marina non avranno assistenza bagnanti né servizi di noleggio attrezzature. 

"I geniali amministratori pentastellati, dopo aver fatto un bando a larghi tratti proibitivo per la gestione delle spiagge – hanno sottolineato dal Pd – hanno deciso in autotutela di sciogliere il legame fatto con chi aveva partecipato perchè la Soprintendenza, la vera amministratrice della città, non avrebbe dato il consenso a montare gli stabilimenti. Sarebbe bastato parlarci prima ed insieme stabilire i termini con i quali si poteva costruire, ma non è la prima volta, basta ricordare altri esempi simili come i dehors, il mercato o il Fattori. Una vera mazzata per chi ha investito non pochi soldi fra progetti e polizze ed ora si vede rispondere da Cozzolino e co. con un “non vi vogliamo più”. Niente strutture per i civitavecchiesi e per i turisti che dovranno entrambi automunirsi di lettini ed ombrelloni se vorranno andare al mare al centro in alternativa a luoghi raggiungibili solamente con i mezzi pubblici (ma no il Marangone tratta cancellata) o privati. Ancora più grave niente pulizia (con quale coraggio chi andrebbe in una spiaggia sporca), niente assistenza in mare, il nulla più assoluto. Un'estate cancellata dai 5 Stelle – hanno concluso – speriamo che solamente che sia l'ultima e che dal prossimo anno si possa tornare ad andare al mare al centro città".

 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pd: ''L’acquisto dei bus è il massimo che la giunta 5 stelle riuscirà a fare’’

CIVITAVECCHIA – "L’acquisto dei bus è il massimo che la giunta 5 stelle riuscirà a fare nel suo mandato quinquennale”. Inizia così il duro intervento dei dem Jenny Crisostomi, direzione provinciale, Marina Pergolesi, direzione, Andrea Riga, Enrico Leopardo, segreteria provinciale, e Roberto Fiorentini, direzione. “È il principale ed unico intervento dei cinque anni a 5 stelle. Il Sindaco – proseguono i dem – si è presentato con la fascia tricolore per inaugurare i cinque bus, unico frutto di oltre quattro anni di lavoro. Cozzolino ha trasformato in un evento storico quella che, più o meno, è una cosa normale: sostituire i mezzi vecchi con nuovi. La fascia si indossava per inaugurare le grandi opere pubbliche: la Marina, il Pirgo, il teatro, il palazzetto dello sport, la trincea ferroviaria, eccetera. Cozzolino sapeva invece che l’unica inaugurazione che farà è quella dei cinque bus (o degli altri 2/3 che mancano). Non ci sono opere pubbliche, iniziative degne di nota: niente di niente”. 

Gli esponenti del Pd sono sicuri, anche nel futuro la situazione rimarrò pressoché invariata e incalzano l’amministrazione a Cinque stelle: “Non ci sarà niente neanche nei prossimi mesi, se Enel non si sbrigherà a ripulire i giardinetti del Parco della Resistenza.

Tutto qui in cinque anni. Mentre altri – tuonano i dem – nello stesso periodo (o anche meno) hanno trasformato, bene o male, il volto della città, i 5 stelle si sono fatti comprare: 5 bus da Enel e ripulire un giardinetto pubblico. Le migliaia di disoccupati possono aspettare, le fasce più deboli sono sempre più abbandonate a sé stesse; l’arredo ed il decoro urbano sono devastati; i servizi non funzionano; l’acqua non arriva nelle case; i debiti (soprattutto delle società partecipate) lievitano – continuano duri – ma per lo meno, abbiamo 5 nuovi bus. Ma almeno funzionassero, nemmeno quello. Tre sono arrivati già scassati e sono in riparazione da giorni, due hanno avuto difficoltà per le misure sbagliate e possono essere usati solo sulla metà delle linee cittadine. Sulla altra metà rimarranno i vecchi mezzi. Insomma delle due “grandi opere”  dei 5 stelle, in più di quattro anni ne è riuscita mezza. Praticamente – concludono i dem – cinque anni passati inutilmente … anzi con grave danno per i cittadini, con aggravio enorme dei problemi della città. L’unico dato positivo e che il prossimo maggio si avvicina rapidamente”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Formazione dei giovani avvocati: l'Ordine inaugura la Scuola Forense

CIVITAVECCHIA – Integrare ciò che si apprende durante la pratica, acquisire le competenze necessarie ad espletare la prova d’esame e la consapevolezza dei sapere deontologici necessari. Sono gli obiettivi della Scuola Forense dell’Ordine degli Avvocati di Civitavecchia, presentata ed avviata ieri a Molo Vespucci, come disposto dalla recente modifica normativa che la rende obbligatoria per tutti i tirocinanti iscritti successivamente al 28 settembre 2018. Il Consiglio dell'Ordine locale non ha quindi perso tempo, riprendendo quella che era stata l'idea dell'allora presidente Vincenzo Cacciaglia che, nel 2001, aveva istituito la scuola. Oggi quella realtà è stata riattivata e rivitalizzata, "rimodulata nel rispetto della normativa – ha spiegato il presidente Paolo Mastrandrea – che accredita di diritto le Scuole Forensi presso gli Ordini quali Enti autorizzati alla formazione dei praticanti avvocati". 

Presenti il presidente del Tribunale Francesco Vigorito il quale ha anche tenuto la prima lezione su "I titoli esecutivi ed atti preliminari all'esecuzione", quello dell’Adsp Francesco di Majo che si è detto disponibile anche a mettersi a disposizione per il futuro auspicando una fattiva collaborazione ed il vicesindaco Daniela Lucernoni.

Direttore della scuola l'avvocato Leonardo Montini Paciotta il quale ha sottolineato l’importanza della nuova realtà, "perché i giovani non facciano solo gli avvocati, ma lo siano. La novità dirompente – ha spiegato riferendosi alla norma – è che ora viene obbligatoriamente associato alla pratica forense anche un percorso dformativo vero e proprio, affidato alla gestione dell'avvocatura stessa. Un percorso che dovrà declinare le tre espressioni che contraddistinguono la nostra formazione: sapere, saper fare e saper essere. Le materie sono molteplici, ragion per cui è stato articolato e complesso il lavoro svolto per l'individuazione dei docenti, magistrati, avvocati e professori universitari che hanno dato la loro disponibilità e che sarà necessario coordinare nel corse dell'intera durata della scuola. Ciò perché – ha concluso – la scuola dovrà fungere da supporto essenziale, per non dire integrare, il lavoro che i giovani tirocinanti dovranno svolgere presso i singoli studi".    

La scuola potrà contare su docenti di assoluto spessore provenienti dal mondo professionale, da quello accademico e dalla magistratura. Tra questi il consigliere Alberto Cozzella, già sostituto procuratore generale della Corte d'appello di Roma, che si occupa del coordinamento dei corsi in materia penale, ed il consigliere Franco Bianchi, già Presidente Tar Piemonte. “Non è semplicemente l'adempimento di un obbligo di legge – ha aggiunto l'avvocato Mastrandrea – ma il passaggio obbligato per la garanzia del più corretto e qualificato adempimento del diritto di difesa dei diritti". 

La scuola nata sulla fattiva iniziativa del Consiglio per tramite del delegato alla Formazione avvocato Mario Iervolino, può contare sul Comitato Scientifico formatiìo dagli avvocatiì Monica Paglialunga, Fabrizio Pieretti, Partizio Leopardo e Marco Paniccia.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Parco Spigarelli, Pd: ''Una giungla''

CIVITAVECCHIA – “Una giungla degna dei racconti di Rudyard Kipling. Non riusciamo a trovare altra metafora che possa spiegare a parole la situazione in cui versa il parco Yuri Spigarelli di San Gordiano”.

Parola dei dem Jenny Crisostomi, Andrea Riga, Stefano Ballotari, Enrico Leopardo, Marina Pergolesi e Roberto Fiorentini.

“Erba alta, immondizia, giochi destinati ai più piccoli lasciati al degrado, senza un minimo di sicurezza. Tutto questo – proseguono gli esponenti del Pd – con la triste cornice dei frequentatori del posto e soprattutto dei genitori, con cui abbiamo avuto di modo di parlare, arrabbiati ed impegnati ad impedire ai propri figli di andare nell'erba alta dove più che un tigre potrebbero facilmente trovare di tutto, compreso delle siringhe come già ci hanno raccontato essere successo chi lo vive tutti i giorni”.

I dem si scagliano contro l'amministrazione comunale che “in quattro anni (48 mesi) è riuscita ad occuparsi, male, di un solo parco, quello della Resistenza, sempre se i lavori partiranno e finiranno, per i tempi dovuti. Abbiamo imparato – concludono dal Pd – una lezione noi e tutta la cittadinanza: i 5 stelle hanno la capacità di occuparsi di una cosa per volta perché  per loro è di fatto troppo complicato avere una visione ed una risposta di insieme delle problematiche presenti in tutti i diversi campi in città”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###