Litorale, controlli a tappeto

LADISPOLI – Proseguono i controlli a tappeto sul litorale a nord di Roma da parte degli uomini della Compagnia dei Carabinieri di Civitavecchia. Anche nel fine settimana appena trascorso sono stati intensificati i controlli nel centro abitato di Ladispoli. In particolare, i militari della stazione di via Livorno hanno segnalato alla Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo di Roma – due individui per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale. Gli stessi, nel corso dei controlli, sono stati trovati in possesso di modiche quantità di hashish, sottoposte a sequestro. Sempre a Ladispoli un 42enne, è stato denunciato perché sorpreso alla guida della propria auto con la patente revocata dalla Prefettura di Roma.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Niente rimborsi per le auto danneggiate dal tornado

LADISPOLI – Soldi in arrivo sono stati annunciati per chi ha subito danni due anni dopo il passaggio del tornado che devastò la città il 6 novembre 2016. L’elenco dei danni subiti dai privati è lunghissimo. Le abitazioni lesionate furono circa mille, di cui la metà nelle vie centrali e l’altra metà nei quartieri Cerreto e Campo Sportivo. In più di 500 invece avevano presentato richiesta di risarcimento per auto e moto. Sei le attività commerciali compromesse e in più i box dei pescatori di Porto pidocchio rasi al suolo. Nell’elenco anche due stabilimenti balneari una trentina di barche in un rimessaggio. Il Governo aveva previsto una spesa di circa 1 milione di euro per i cittadini. E i cittadini ora dovranno presentare la domanda entro il prossimo 22 ottobre utilizzando i moduli messi a disposizione dal municipio e allegando una perizia. “Oltre a Ladispoli riceveranno fondi anche Campagnano, Anguillara, Castelnuovo di Porto, Cerveteri, Fiumicino, Morlupo, Sacrofano e Roma”, è stato specificato. Ma come verranno utilizzati i fondi non si sa. “Chi ha subito danni per le auto non rientra in questo elenco”, ha chiarito al Messaggero l’assessore al Bilancio, Claudio Aronica. Perciò a testa ogni cittadino potrebbe ricevere davvero una miseria ma andando a scandagliare bene il modulo soltanto se riuscirà a presentare una perizia dei danni entro i prossimi giorni, scenario molto difficile.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sosta selvaggia davanti la Melone, il preside bacchetta i genitori

LADISPOLI – Lo aveva promesso a inizio anno scolastico e ha già mantenuto la promessa. Il dirigente scolastico della Corrado Melone, Riccardo Agresti, torna a rimproverare i genitori indisciplinati e ancora una volta (come promesso proprio all'apertura dell'anno scolastico, appunto) lo ha fatto postando la foto degli insciplinati, o meglio delle loro auto, sui social. "In foto la dimostrazione che ci sono genitori che non rispettano i propri figli o comunque se ne infischiano della sicurezza dei figli altrui. Non è la prima volta che degli ignoranti (ignorano le regole del codice della strada) mettono a rischio la sicurezza dei ragazzi i quali, invece di scendere in tranquillità dai pullman al rientro da una qualche uscita didattica, sono costretti a scendere sulla strada perché lo spazio riservato ai bus è occupato da incapaci (incapai a percorrere un tratto di strada dal parcheggio dedicato alle auto a Scuola). La maleducazione (sono stati educatiomale dai loro genitori e male educheranno i propri figli) di queste persone – prosegue Agresti – è assolutamente stigmatizzabile e rende conto della fatica che fanno i docenti ad insegnare il rispetto delle regole della civile convivenza! Il Sindaco aveva detto che sarebbero fioccate le multe, ma vediamo ancora solo estrema mancanza di rispetto del prossimo". 

Scena, quella immortalata dal dirigente della Melone, che si ripete davanti a quasi tutti gli istituti scolastici ladispolani. Auto in doppia, se non in tripla fila con i genitori, con al seguito bambini, che fanno la gimkana tra le auto, incuranti del pericolo per loro stessi, e per gli altri automobilisti che magari, proprio in quel momento si ritrovano a dover attraversare quel tratto stradale col rischio di incorrere in qualche incidente. Situazione, peraltro, denunciata anche da un genitore, come riporta lo stesso preside Agresti che, dopo la 'ramanzina' ha voluto condividere con gli internauti anche il commento di un genitore della Melone: "Buongiorno – si legge nella nota inviata al dirigente scolastico – sono un genitore disabile che se potesse avere l'uso pieno delle gambe,sarebbe molto volentieri ben disposto a parcheggiare la propria auto,munita di opportuno tagliando e comandi appunto adatti alla mia patologia,sarebbe,dicevo molto ben disposto a parcheggiare nelle piazze o nelle vie adiacenti alla scuola e fare quattro benedetti passi sulle proprie gambe.Purtroppo devo avvicinarmi molto in prossimità dell' Istituto Melone ,ma sempre attento a non invadere lo spazio e la libertà altrui. Guardi invece cosa siamo capaci di fare, il grado di menefreghismo e inciviltà raggiunti. Considerando che al peggio non ci sono limiti, con questa immagine (nella foto inviata al dirigente scolastico si vedono auto in doppia fila che invadono anche le strisce pedonali, ndr) voglio mettere in evidenza, il "coraggio" di alcune figure che senza pudore e con il massimo dell'egoismo e della arroganza e aggiungo assoluta stupidità, riescono a mettere regolarmente le loro auto nelle posizioni più idonee a mettere in pericolo gli stessi scolari,contravvenendo alle più elementari regole e impedendo anche il transito degli ausili per disabili e procurando disagio e difficoltà di cui i suddetti imbecilli sembrano non rendersene conto.Eppure secondo me,sono pienamente coscienti del loro deplorevole comportamento.Ma il livello di degrado raggiunto,li ha assuefatti alla malaeducazione e al sopruso.Un rimedio potrebbe essere il raggiungimento della consapevolezza degli utenti più ligi alle norme,che costoro possono venire redarguiti e invitati al rispetto verso tutti.
Caro signor preside, la saluto molto cordialmente, con l'amara certezza che anche non arrendendosi,purtroppo non saremo in grado di cambiare le cose".

Non è mancata la risposta del dirigente scolastico: "A questo genitore rispondo che credo nella funzione di crescita culturale ed educativa della Scuola e sono certo, guardando i nostri "meloncini", che il futuro sarà migliore della realtà attuale. Noi lavoratori della conoscenza non ci arrenderemo mai!".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Acqua pubblica, domani incontro in Regione

LADISPOLI – “L’amministrazione comunale di Ladispoli, capofila di 18 enti locali che gestiscono autonomamente il servizio idrico e non intendono passare sotto  Acea, domani sarà ricevuta in Regione Lazio per ribadire la propria posizione alla luce della nuova legge sull’acqua pubblica che il Governo si prepara ad approvare”.

Le parole sono del consigliere delegato alle Risorse Idriche e Ambientali, Filippo Moretti, che sarà ascoltato nella riunione congiunta delle Commissione regionali alla Tutela del territorio ed Agricoltura ed Ambiente, programmata per il 16 ottobre alla Pisana. L’audizione è stata accordata da una iniziativa nata di concerto con tutte le forze politiche rappresentate nel Consiglio comunale di Ladispoli ed è condivisa con le amministrazioni dei comuni interessati, anche esse appartenenti ad un ampio schieramento politico.

“Alla Regione Lazio – prosegue Moretti – che ringraziamo per aver accolto la nostra richiesta di audizione, confermeremo la nostra volontà di scongiurare che il servizio idrico delle nostre città venga forzosamente trasferito sotto la gestione d’ambito ATO1 ed ATO2. Siamo tra i pochi comuni compresi in questi ambiti che, autonomamente o attraverso società partecipate, ancora gestiscono in proprio il servizio idrico integrato, con buoni risultati in termini di prestazioni di servizi e di tariffe. La nostre carte dei servizi, infatti, sono estremamente concorrenziali e le tariffe sono notevolmente più basse rispetto a quelle dei nostri rispettivi gestori d’ambito. A Ladispoli da tempo siamo particolarmente attenti alla qualità dell’acqua e, seppure con grandi difficoltà, facciamo manutenzione sugli impianti e sulle reti, investendo per garantirci una disponibilità costante di acqua potabile anche in periodi nei quali moltissimi comuni del nostro comprensorio hanno conosciuto  il disagio del razionamento. Particolare attenzione prestiamo, inoltre, agli impianti di potabilizzazione e depurazione, per garantire la salute dei cittadini ed il rispetto dell’ambiente. Sono queste le argomentazioni che sottoporremo all’amministrazione regionale, ricordando come quello di Ladispoli sia un esempio virtuoso di gestione che abbiamo cercato di conservare ma che non è contemplato dalla legge vigente. Abbiamo richiesto la convocazione di questa audizione perchè appare paradossale che la Regione Lazio acceleri improvvisamente le procedure che ci obbligano a confluire negli ATO di competenza, proprio nel momento in cui nel documento programmatico del nuovo governo “Contratto per il governo del cambiamento”, al punto 2. Acqua Pubblica, si legge testualmente “È necessario investire sul servizio idrico integrato di natura pubblica applicando la volontà popolare espressa nel referendum del 2011, con particolare riferimento alla ristrutturazione della rete idrica, garantendo la qualità dell’acqua, le esigenze e la salute di ogni cittadino, anche attraverso la costituzione di società di servizi a livello locale per la gestione pubblica dell’acqua.” Una declaratoria che trova già piena rispondenza nei fatti in tutti quei comuni, come i nostri, che si oppongono al passaggio forzoso nei grandi ambiti di gestione. Lo scorso 23 marzo 2018 è stata presentata una nuova proposta di legge, la n. 52, “Disposizioni in materia di gestione pubblica e partecipativa del ciclo integrale delle acque” firmata da numerosissimi parlamentari, rappresentanti di pressoché tutte le forze politiche, nella quale viene profondamente rivisto il criterio di Ambito Territoriale Ottimale ed i criteri che stabiliscono la libera adesione dei comuni. E’ da sottolineare che tale legge ha subito proprio in questi giorni un forte impulso affinchè venga presto valutata dalla commissione competente ed approdi in tempi brevi alla discussione in aula. Alla Regione Lazio chiederemo una moratoria  nell’applicazione dell’incomprensibile obbligo previsto dalla legge vigente che ci porterebbe sotto la gestione degli attuali ambiti, in attesa dell’approvazione delle preannunciate nuove disposizioni legislative. Sarebbe, infatti, paradossale che i nostri Comuni venissero obbligati ad una scelta devastante in termini economici e di servizi, con criteri opposti alla gestione dell’acqua pubblica, solo per adempiere ad una norma che è in procinto di essere profondamente cambiata”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La capolista Corneto Tarquinia  alla prova Doc Gallese

Per la settima giornata di andata del campionato di Promozione, la Cpc2005 sarà impegnata stamani allo Sbardella contro il Duepigreco Roma. Compagine, quella romana, che fino ad ora non è mai stata incontrata dai rosso portuali, provenienti dalla prima categoria, dopo un campionato da assoluti protagonisti. I numeri parlano a loro favore e in maniera chiara fino ad ora. Tutto ciò la colloca in una posizione di giusto rilievo di questo campionato, rendendola temibile per chiunque. Sul fronte portuale, ripresasi dalla sbornia del derby perso con la Csl, grazie alla quaterna all’Aurelio, ci si prepara con la tranquillità necessaria alla gara con il Duepigreco. In un campionato dove le goleade sono all’ordine del giorno ed è evidente la spaccatura tra le prime otto nove squadre e le altre, perdere terreno con chi al momento è nei piani alti, potrebbe essere fatale nel computo finale. «È necessario vincere per non perdere terreno dalla Polisportiva Monti Cimini e il Corneto, avanti di una sola lunghezza – dicono in società – per continuare a credere all’obiettivo prefissato. A maggio si tireranno le somme, con quel giudice supremo che sia chiama terreno di gioco». La Csl Soccer di patron Vitaliano Villotti, affronta alle 11 il Bomarzo. I rossoblù diretti da mister Daniele Fracassa, vogliono rifarsi a tutti i costi della sconfitta di Coppa Italia subita mercoledì scorso dal Canale Monterano. Per i leoni, indisponibile ancora l’infortunato Emanuele Siani, mentre tra i convocati rientra l’estremo difensore Stefano Del Duchetto e il centravanti Carmine Gaeta che ha terminato il turno di squalifica. «Sarà una partita – commenta il direttore sportivo Daniel D’Aponte – molto complicata. Non dovremo farci ingannare dalla classifica del Bomarzo che, nonostante sia a soli quattro punti, ha un organico di tutto rispetto, basti pensare a giocatori come Pecci che è stato il capocannoniere del girone A di Promozione nella stagione 2015/2016, Russo e Ingiosi. Sarà veramente un match molto complicato in cui per vincere dovremo dare tutti il nostro massimo».
Il Santa Marinella invece viaggia alla volta di Montefiascone.
Assenti l’attaccante Bonaventura per squalifica e Attardo per motivi familiari. «Ci siamo allenati duramente sul campo di via delle colonie – spiega mister Morelli – per prepararci al meglio. Purtroppo ho pochi giocatori under e quindi ho bisogno di un fuori quota e due grandi. Li stiamo cercando tra gli svincolati anche se l’organico, fino a dicembre, resterà questo. Ho parlato con i giocatori e gli ho detto che conto molto su di loro per uscire da questa difficile situazione».
Impegno esterno per il Tolfa di mister Riccardo Sperduti. I collinari sono attesi stamani alle 11 sul campo di Vignanello dagli ostici padroni di casa dei Monti Cimini, formazione viterbese che viaggia in quarta posizione a 13 punti, mentre i pupilli di patron Franchi sono al decimo posto a otto lunghezze. «Ci attende un impegno molto difficile – dicono dal team collinare – in quanto la squadra che andiamo ad affrontare è costruita per vincere e soprattutto in casa cercheranno di fare il doppio per portare via i tre punti in palio. Comunque, noi partiamo per far bene e per dare il massimo per tornare a casa con almeno un punto. Purtroppo, l’unico problema, è che ci presentiamo all’appuntamento ancora una volta incompleti ma, ripetiamo, non partiamo di certo battuti». Rientra sicuramente Sgamma ed è nuovamente a disposizione Lavagnini, mancheranno invece Capolonghi, Galli, Pistola e Braccini. Il presidente Franchi, ieri in panchina con la Juniores, continua a esortare i suoi a tirare fuori grinta e determinazione e a portare il cuore oltre l’ostacolo. Spero che prima o poi di vedere tutti a disposizione e guariti dagli infortuni per mostrare quale è la forza del Tolfa al completo. Il Città di Cerveteri di Michele Zeoli è impegnato in trasferta sul campo del Canale Monterano. «Purtroppo con i giocatori contati – dice il mister – visto che mi mancheranno Esposito e D’Amelio. Abbiamo un’ottima rosa ma mancano delle alternative. Il Canale fino ad ora ha raccolto meno di quello che meritava, quindi sono certo che sarà una partita difficile. Venerdì nella rifinitura, ho ripreso alcuni giocatori che erano disattenti e questo non deve succedere».
L’Atletico Ladispoli ospita questa mattina la Gallese in una gara dove i tre punti sono pesantissimi. La capolista Corneto Tarquinia sarà impegnata in casa contro una Gallese che è nei pressi della zona play out.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Un Ladispoli affamato di punti ospite del Monterosi

Il Ladispoli del presidente Umberto Paris è ospite alle 15 allo stadio Martoni del Monterosi, quarto della classe in compagnia del Cassino a quota nove punti. I rossoblu di mister Pietro Bosco, reduci dal pareggio interno (1-1) di domenica scorsa col Sassari Latte Dolce cercano il riscatto e vogliono allontanarsi dal quintultimo posto della classifica che significherebbe attualmente disputare a fine stagione i playout. Un match, dunque, scoppiettante nella città viterbese.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tanta partecipazione alla Marcia degli Alberi

LADISPOLI – «La natura ha ragione». Questa una delle frasi urlate ieri a squarciagola dai partecipanti alla Marcia degli Alberi di Ladispoli (Foto di Francesca Lazzeri). Grandi e piccini si sono dati appuntamento ieri ai giardini di via Firenze e hanno sfilato con ben 20 alberelli al seguito fino ad arrivare a viale Mediterraneo dove hanno piantumato gli alberi. Una manifestazione volta a sensibilizzare la popolazione su quanto sia importante il rispetto della natura. E come sempre, anche ieri, in tanti hanno preso parte al Corteo, sfilando per le vie cittadine. Tra loro, oltre a semplici cittadini e associazioni, anche moltissimi bambini.

VIDEO

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Multe per il depuratore, Moretti: ''Le contesteremo''

LADISPOLI – "Stiamo già lavorando per redigere il rapporto tecnico con il quale andremo a contestare le multe della Capitaneria di Porto". A parlare è il delegato al servizio idrico ladispolano, Filippo Moretti. Proprio nei giorni scorsi infatti, la Capitaneria di Porto ha inviato all'amministrazione comunale ben due multe per alcuni malfunzionamenti del depuratore riscontrati nel mese di agosto. In particolare le multe sarebbero riferite a una particolare giornata, quella del 20 agosto dove si sarebbe verificato un superamento dei limiti consentiti dalle legge, degli escherichiacoli. Ma le analisi, per il Comune, potrebbero essere state falsate dalle condizioni meteo di quei giorni. "I campionamenti – ha infatti spiegato il Comune – sono stati effettuati in giornate piuttosto piovose che vanno ad altarare la reale situazione presente al depuratore". A riprova di questo il fatto che dai sopralluoghi effettuati dalla Capitaneria in quel periodo, solo in un caso, si è registrata questa anomalia. Motivo per il quale ora l'amministrazione comunale andrà a contestare con un rapporto tecnico la sanzione. Successivamente la parola passerà all'Arpa: sarei lei a dover decidere se "assolvere" o meno l'amministrazione.
I sopralloghi della Capitaneria erano seguite alle diverse segnalazioni fatte dai bagnanti che più volte avevano denunciato la presenza, in acqua, di rifiuti organici. I sopralluoghi dunque erano stati effettuati per cercare di risalire appunto alla causa di quanto emerso, letteralmente, a mare. Nella maggior parte dei casi, si era trattato, come detto anche dal Sindaco Grando, al margine di un sopralluogo di Arpa e Capitaneria al depuratore, di alghe in decomposizione e non di rifiuti organici che peraltro, non si esclude possano essere arrivati nelle acque davanti la costa ladispolana, o trasportate dalla corrente o dai due fossi (il Vaccina e il Sanguinara) dove vanno a confluire gli scarichi non solo di Ladispoli ma anche dell'entroterra, a cominciare dalla vicina Cerveteri. 
Per il delegato al servizio idrico una cosa comunque sembra certa: il depuratore è innocente. "Funziona correttamente", ha detto Moretti. "Abbiamo investito parecchio su quest'opera e costantemente vengono effettuati campionamenti per assicurarci di essere nei parametri di legge". Prelievi che "costantemente e in maniera casuale, l'Arpa effettua sul nostro impianto". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Volley Ladispoli scopre le carte

Il Volley Ladispoli scopre le carte. Ieri al PalaPanzani è andata in scena la presentazione ufficiale della stagione 2018/19. Tanto il calore per la prima squadra tirrenica, che oggi alle 15.30 calcherà il campo del Cagliari per la prima giornata di serie B2 femminile. 
GLI INTERVENTI
Il presidente della Massimi EcoSoluzioni Ladispoli Mauro Scimia: «Orgoglioso di questo gruppo. Una squadra che si è creata nel tempo, perché in questa categoria non s’improvvisa. Siamo l’unico team del nord Lazio e della provincia di Roma che milita in B2; tutto questo grazie a delle ragazze stupende e ad un ottimo staff tecnico e dirigenziale». 
Il consigliere regionale Fipav Alberto Di Blasi: «Alcune atlete della B sono frutto del progetto con le giovanili fatto con Mauro Scimia. Per fare il salto di qualità ci vuole l’impianto. So che il Comune ci sta lavorando; la città merita un palazzetto».
Il sindaco Alessandro Grando: «Ieri ci siamo visti con assessore e architetto, abbiamo definito gli ultimi dettagli e stabilito l’iter; spero entro il 2020 di realizzare il palazzetto dello sport. So quanto è difficile portare avanti un’associazione sportiva e voglio ringraziare tutti gli sponsor che sostengono la causa. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Piazza Almirante, la commissione toponomastica è illegittima''

LADISPOLI – "La commissione toponomastica riunitasi in data 27 settembre in merito all'intitolazione di Piazza Almirante era illegittima". A dirlo a chiare lettere è il Comitato spontaneo per dire no all'intitolazione della Piazza che sorgerà all'ex Campo Sportivo al segretario dell'MSI. "A sancirlo – spiegano – è la stessa amministrazione comunale che oggi 12 ottobre porterà in commissione Affari Istituzionali una proposta che va a modificare il Regolamento del Consiglio comunale, prendendo come pretesto la difformità tra alcune norme di tale Regolamento con quelle dello Statuto Comunale. In concreto – proseguono dal Comitato – questa modifica, andrà ad inserire la commissione toponomastica tra quelle permanenti togliendola di fatto da quelle a carattere speciale, uniformandosi a quanto previsto nell'atto di costituzione delle Commissioni Consigliari Permanenti del luglio 2017". 

E fin qui per il Comitato, nulla da eccepire "al netto della figuraccia e dell'incapacità amministrativa dimostrata da Grando e dalla maggioranza che lo sostiene", anche se, vista la situazione, per il Comitato, ora, prima di procedere alla modifica in Commissioni Affari Istituzionali, dovrebbero essere annullati tutti gli atti finora prodotti dalla Commissione. In primis, proprio quello su Piazza Almirante. "Oggi in commissione – proseguono – le forze politiche rappresentate in consiglio e presenti nel Comitato, forniranno altri elementi burocratici che ci portano a credere che la toppa, messa dal Presidente del Consiglio, sia più grossa del buco".

E con l'occasione, ricordano che la petizione popolare è ancora aperta, tanto che il prossimo appuntamento è stato fissato per domani nella zona ex Campo Sportivo presso l'area verdfe di via Fiordalisi dalle 10 alle 13.30.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###