RETTIFICA 30 novembre 2017, n. 2226

Rettifica del regolamento (UE) 2017/2226 del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 30 novembre 2017, che istituisce un sistema di
ingressi/uscite per la registrazione dei dati di ingresso e di uscita
e dei dati relativi al respingimento dei cittadini di paesi terzi che
attraversano le frontiere esterne degli Stati membri e che determina
le condizioni di accesso al sistema di ingressi/uscite a fini di
contrasto e che modifica la Convenzione di applicazione dell'accordo
di Schengen e i regolamenti (CE) n. 767/2008 e (UE) n. 1077/2011 (GU
L 327 del 9 dicembre 2017) – Pubblicato nel n. L 258 del 15 ottobre
2018
(18CE2219)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tidei su vittoria di Astorre a Civitavecchia: ''Determinante la Compagnia Portuale''

CIVITAVECCHIA. Marietta Tidei commenta i risultati delle primarie regionali del Pd a Civitavecchia. "Desidero innanzi Tutto formulare  le mie congratulazioni a Bruno Astorre – spiega la consigliera regionale -, nuovo segretario regionale del PD ma anche ringraziare i quasi mille iscritti e simpatizzanti del pd che hanno consentito alla lista Avanti insieme con Mancini di risultare la lista più votata a Civitavecchia e di ottenere su questo collegio il risultato più importante della Provincia di Roma. Vorrei con grande serenità esprimere qualche considerazione. La prima che emerge è che le primarie di sabato non sono state le primarie del PD. Determinante, infatti, è stato l'apporto della Compagnia Portuale di Civitavecchia che, in maniera molto organizzata, ha convogliato a favore di Bruno Astorre tutte le sue forze e quelle delle entità satelliti. Abbiamo visto, a presidio del seggio, i vertici della Compagnia Portuale, compreso il presidente, il coordinatore e molti componenti del direttivo della ex Sel che hanno seguito, penna alla mano, dentro e fuori la struttura, l'afflusso delle persone e addirittura lo spoglio. Senza nulla togliere al tanto lavoro che hanno svolto i tradizionali sostenitori di Astorre, è chiaro che la partecipazione alle primarie è stata drogata. Civitavecchia ha visto al voto 2163 persone. In molti municipi di Roma molto più popolosi di Civitavecchia, le cifre non arrivano a 1000. A Guidonia, comune che ha quasi il doppio degli abitanti di Civitavecchia, le adesioni sono state poco più di un migliaio. Il dato di Civitavecchia, visto anche lo stato di tragica inattività del partito, è difficilmente giustificabile. Gioire della partecipazione come fa il segretario Ferri è comprensibile solo tenendo ben presente la sua palese inesperienza".

L'ex deputata spiega quindi quelle che sono per lei le possibilità dopo questo risultato. 

"Prendiamo atto della situazione – dichiara – e ci aspettiamo che tutta l'area che ha gravitato intorno agli ex Sel, entri ufficialmente nel partito. E che lo faccia a tutti i livelli istituzionali. Ci aspettiamo, inoltre, che cadano le "riserve di caccia" e che sia possibile discutere, nel partito, anche del destino del porto, senza che qualcuno gridi "il porto siamo solo noi e nessuno si azzardi a parlarne”. Perché entrare in un partito vuol dire discutere e condividere le decisioni. Tutte. In questo caso sarà possibile verificare quale è il tessuto connettivo di coloro che danno sempre lezioni da sinistra al pd con la parte ex democristiana del partito. Ci auguriamo, inoltre, che da compagni di partito, smettano di insultare veementemente e periodicamente il pd, i suoi dirigenti locali e nazionali. Se questo accadrà ne saremo felici. Se questo non dovesse accadere sarà chiaro che si è trattato solo di un tentativo di acuire le divisioni interne al Pd. Facendo finta di essere amici. E sarà chiaro che, se non ci saranno quegli ingressi e quelle adesioni, il movente di chi ha gonfiato le primarie sarà stato quello di condizionare, per i propri interessi politici, la vita di un altro partito. Noi vogliamo ripartire dai tanti che ci hanno sostenuto, aprendo una discussione sul futuro della città a 360 gradi. Auguri di nuovo a Bruno Astorre. Gli auguriamo un sereno e proficuo mandato".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Ladispoli, rotatoria sull'Aurelia: se ne occupi Cerveteri''

LADISPOLI – Della convenzione tra Anas, Comune di Cerveteri e comune di Ladispoli per la manutenzione della rotatoria sulla via Aurelia che conduce allo svincolo per l'autostrada, l'amministrazione comunale ad oggi non sapeva nulla. A dirlo, cercando di fare chiarezza su quanto emerso nelle settimane scorse, è proprio l'assessore ai Lavori Pubblici Veronica De Santis. 
Come si ricorderà infatti, sui social, anche per mano di alcuni consiglieri d'opposizione del comune caerite, era nata una polemica circa lo stato di degrado che avanzava all'interno della rotatoria: erba così alta da impedire la visuale alle auto. Tanto che il consigliere Gianfranco Fioravanti, aveva deciso di intervenire di sua spontanea volontà, andando in soccorso degli amici di Cerveteri. Ma dagli atti emersi successivamente, quel soccorso, seppur spontaneo, era apparso dovuto. Infatti, secondo una convenzione stipulata qualche anno fa tra Anas, e i due Comuni del territorio, la manutenzione della rotatoria spetterebbe proprio al Comune di Ladispoli. 

“Sin dai primi giorni dell'insediamento, l'Amministrazione del sindaco Grando si è attivata per fare luce sulla competenze della manutenzione del verde sulla rotatoria dell’Anas al km 40,700 della via Aurelia, davanti al Centro di Arte e Cultura, opera viaria ricadente interamente nel territorio del nostro comune”.
”La rotatoria dell’Anas rappresenta la porta di ingresso di Ladispoli sul lato nord e, nell'ottica di restituire un'immagine rispettabile della nostra città, abbiamo sempre attuato gli interventi necessari alla cura delle superfici verdi. Un imprenditore di Ladispoli – prosegue l’assessore De Santis – in più occasioni si è offerto di sfalciare anche la rotonda dell’Anas al km 41,500 nei pressi del bivio che conduce all’autostrada per Civitavecchia ed all'ingresso di Cerveteri. Occorre precisare che questa opera viaria, nonostante rappresenti uno degli accessi più trafficati verso Cerveteri, a livello di confini è ricompresa in parte anche nel comune di Ladispoli. Nelle ultime settimane abbiamo letto sui social e sulla stampa la polemica riguardante il diverso stato di mantenimento e manutenzione delle due rotatorie, ritengo sia quindi necessario fare chiarezza. L'Amministrazione comunale di Cerveteri ha scelto di rispondere sui social e sulla stampa locale che il motivo per il quale non hanno provveduto alla manutenzione della rotonda in corrispondenza del Km 41,500 è una convenzione stipulata nel 2014 fra Anas e l'ex sindaco di Ladispoli. Atto nel quale Paliotta si impegnava alla manutenzione di entrambe le aree verdi della via Aurelia, a totale cura e spese del Comune di Ladispoli, a tempo indeterminato. Questa vicenda presenta dei lati poco chiari. Una convenzione stipulata da un ente pubblico, infatti, non può essere sottoscritta semplicemente dal sindaco, bensì necessita dell’approvazione preventiva del Consiglio comunale o della Giunta. Atti dei quali non c'è nessuna traccia. Come se non bastasse la convenzione in questione, fino a pochi giorni fa, era del tutto sconosciuta anche agli stessi uffici comunali che si occupano della manutenzione del verde. Praticamente la conoscevano solo Paliotta, il Comune di Cerveteri e l'Anas".
Da qui la decisione dell'amministrazione comunale di inoltrare una comunicazione ufficiale ad Anas per evidenziare "l'irregolarità dell'atto". Gli amministratori di palazzo Falcone, inoltre, hanno comunicato ad Anas la disponibilità a stipulare una nuova convenzione ma per la sola rotatoria davanti al Centro di Arte e Cultura. 
"Se il Comune di Cerveteri tiene all'immagine dei suoi ingressi – ha concluso De Santis – non dovrà fare altro che seguire il nostro esempio".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Ladispoli, rotatoria sull'Aurelia: se ne occupi Cerveteri''

LADISPOLI – Della convenzione tra Anas, Comune di Cerveteri e comune di Ladispoli per la manutenzione della rotatoria sulla via Aurelia che conduce allo svincolo per l'autostrada, l'amministrazione comunale ad oggi non sapeva nulla. A dirlo, cercando di fare chiarezza su quanto emerso nelle settimane scorse, è proprio l'assessore ai Lavori Pubblici Veronica De Santis. 
Come si ricorderà infatti, sui social, anche per mano di alcuni consiglieri d'opposizione del comune caerite, era nata una polemica circa lo stato di degrado che avanzava all'interno della rotatoria: erba così alta da impedire la visuale alle auto. Tanto che il consigliere Gianfranco Fioravanti, aveva deciso di intervenire di sua spontanea volontà, andando in soccorso degli amici di Cerveteri. Ma dagli atti emersi successivamente, quel soccorso, seppur spontaneo, era apparso dovuto. Infatti, secondo una convenzione stipulata qualche anno fa tra Anas, e i due Comuni del territorio, la manutenzione della rotatoria spetterebbe proprio al Comune di Ladispoli. 

“Sin dai primi giorni dell'insediamento, l'Amministrazione del sindaco Grando si è attivata per fare luce sulla competenze della manutenzione del verde sulla rotatoria dell’Anas al km 40,700 della via Aurelia, davanti al Centro di Arte e Cultura, opera viaria ricadente interamente nel territorio del nostro comune”.
”La rotatoria dell’Anas rappresenta la porta di ingresso di Ladispoli sul lato nord e, nell'ottica di restituire un'immagine rispettabile della nostra città, abbiamo sempre attuato gli interventi necessari alla cura delle superfici verdi. Un imprenditore di Ladispoli – prosegue l’assessore De Santis – in più occasioni si è offerto di sfalciare anche la rotonda dell’Anas al km 41,500 nei pressi del bivio che conduce all’autostrada per Civitavecchia ed all'ingresso di Cerveteri. Occorre precisare che questa opera viaria, nonostante rappresenti uno degli accessi più trafficati verso Cerveteri, a livello di confini è ricompresa in parte anche nel comune di Ladispoli. Nelle ultime settimane abbiamo letto sui social e sulla stampa la polemica riguardante il diverso stato di mantenimento e manutenzione delle due rotatorie, ritengo sia quindi necessario fare chiarezza. L'Amministrazione comunale di Cerveteri ha scelto di rispondere sui social e sulla stampa locale che il motivo per il quale non hanno provveduto alla manutenzione della rotonda in corrispondenza del Km 41,500 è una convenzione stipulata nel 2014 fra Anas e l'ex sindaco di Ladispoli. Atto nel quale Paliotta si impegnava alla manutenzione di entrambe le aree verdi della via Aurelia, a totale cura e spese del Comune di Ladispoli, a tempo indeterminato. Questa vicenda presenta dei lati poco chiari. Una convenzione stipulata da un ente pubblico, infatti, non può essere sottoscritta semplicemente dal sindaco, bensì necessita dell’approvazione preventiva del Consiglio comunale o della Giunta. Atti dei quali non c'è nessuna traccia. Come se non bastasse la convenzione in questione, fino a pochi giorni fa, era del tutto sconosciuta anche agli stessi uffici comunali che si occupano della manutenzione del verde. Praticamente la conoscevano solo Paliotta, il Comune di Cerveteri e l'Anas".
Da qui la decisione dell'amministrazione comunale di inoltrare una comunicazione ufficiale ad Anas per evidenziare "l'irregolarità dell'atto". Gli amministratori di palazzo Falcone, inoltre, hanno comunicato ad Anas la disponibilità a stipulare una nuova convenzione ma per la sola rotatoria davanti al Centro di Arte e Cultura. 
"Se il Comune di Cerveteri tiene all'immagine dei suoi ingressi – ha concluso De Santis – non dovrà fare altro che seguire il nostro esempio".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cerveteri tra i ‘‘Luoghi del cuore’’ del FAI

CERVETERI – Sul sito della FAI – Fondo Ambiente Italiano, c’è la possibilità di votare Cerveteri fino al 30 novembre 2018 come I Luoghi del Cuore – Censimento dei luoghi italiani. Dopo ogni edizione il FAI interviene concretamente a favore di una selezione dei beni più votati. Partecipa al censimento e aiuta i tuoi luoghi del cuore a scalare la classifica. 
«Il FAI – scrivono sul sito su i ‘’Luoghi da proteggere’’ – è nato da un forte desiderio di proteggere la bellezza del nostro Paese, per tutelare luoghi speciali, che tutto il mondo ci invidia, ma anche per dare valore a beni minori troppo spesso dimenticati. Per questo, nel corso degli anni la nostra attività si è diversificata. Non solo ci prendiamo cura dei luoghi che ci vengono affidati tramite lasciti o donazioni ma ci occupiamo per esempio di far conoscere beni particolari, generalmente inaccessibili, aprendoli durante le Giornate FAI; di segnalare alle Istituzioni i beni più amati dai cittadini che li votano durante il censimento “I Luoghi del Cuore”; o, ancora, di sottoscrivere convenzioni riservate ai nostri iscritti per ingressi scontati presso tante realtà culturali italiane, siano esse gallerie, teatri, dimore storiche, musei e così via. Perché i luoghi, ogni luogo, parla di noi, è il nostro specchio e conoscerlo e averne cura significa occuparci di noi stessi, della nostra stessa vita». 
Per poter votare occorre registrarsi gratuitamente al sito, oltre ad accedere ad un’area privata, potrete votare i luoghi del cuore e aggiungere informazioni, notizie ed eventi per arricchire le loro schede. Se fate parte di un comitato che raccoglie voti, potrete creare la vostra pagina personale sul sito. Ricordatevi c’è tempo solo fino al 30 novembre.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

COMUNE DI GORIZIA Settore dei Servizi Tecnici per lo Sviluppo del Territorio

Indennita' definitiva – Lavori di costruzione della strada di
collegamento del ponte VIII Agosto con la variante SS 56, di
sistemazione degli ingressi in citta' e del nuovo collegamento della
via Trieste con la via Terza Armata – III lotto

(TU18ADC10389 )

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Faremo in modo che i controlli siano sempre più frequenti»

LADISPOLI – «Bene i controlli effettuati dalla Polizia di Stato nella giornata di ieri (mercoledì per chi legge, ndr)». A elogiare il grande lavoro svolto dagli uomini del Commissariato di viale della Vittoria di Civitavecchia, diretto dal dottor Regna, è stato l'assessore alla Sicurezza Amelia Mollica Graziano. Controlli, quelli di ieri che hanno interessato gli ingressi nord e sud di Ladispoli, il centro cittadino e che hanno interessato anche alcune attività commerciali (prettamente bar con all'interno slot machine) e a cui hanno preso parte anche gli uomini della Polizia locale di Ladispoli guidati dal comandante Sergio Blasi. «Faremo in modo – ha detto l'assessore Mollica Graziano – che questi controlli siano effettuati sempre più spesso in città». L'obiettivo è quello di avere una presenza sempre costante di Forze dell'ordine sul territorio ladispolano oltre che a trasmettere un «maggior senso di sicurezza ai cittadini», come più volte richiesto da loro stessi. Erano stati, infatti, proprio i ladispolani, dopo alcuni episodi di violenza a chiedere, tramite una petizione online, l'istituzione di un commissariato di Polizia a Ladispoli. Proprio come sono stati gli stessi cittadini a elogiare la presenza massiccia di forze dell'ordine per le strade ladispolane in questi giorni. Non ultimo proprio nella giornata di mercoledì. Un senso di sicurezza, quello trasmesso dalla Polizia di Stato, premiato anche dalla cittadinanza tutta che auspica che controlli di questo tipo possano essere ripetuti nel tempo sempre più assiduamente. Anche perché come più volte sostenuto dai più: quando non si ha nulla da nascondere la presenza delle Forze dell'ordine non si teme ma anzi, fa solo piacere. 
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Multiservizi: ''False affermazioni da Piergentili sulla chiusura delle farmacie il sabato''

CERVETERI – «In qualità di Amministratore Unico della Multiservizi Caerite non spetta a me entrare in polemiche politiche con i consiglieri comunali ma ho il dovere di difendere l’operato e le scelte dell’azienda. Per questo motivo devo purtroppo per l’ennesima volta smentire categoricamente le informazioni diffuse dal consigliere comunale, Luca Piergentili, in merito alla chiusura delle farmacie il sabato». Lo comunica in una nota del suo ufficio stampa Claudio Ricci, amministratore unico della Municipalizzata. «Il servizio, come ho già spiegato qualche mese fa – precisa Ricci –  è assolutamente garantito dalla farmacia numero 5, i cui orari sono comunque esposti agli ingressi delle singole farmacie e sul sito della Multiservizi. Come è facile notare la farmacia 5 svolge, da ormai moltissimi anni, un ruolo decisivo nel fornire un servizio alla cittadinanza garantendo l’apertura senza sosta per 365 giorni l’anno, inclusa la reperibilità notturna. La scelta dell’azienda di rivedere l’apertura di tutte le farmacie è avvenuta all’interno di un piano di riorganizzazione ed efficientamento dei costi a carico della comunità che mira a mantenere inalterato il servizio offerto alla cittadinanza», 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Stazione ferroviaria, vanno avanti i lavori

CIVITAVECCHIA – Proseguono i lavori alla stazione ferroviaria. "I cantieri hanno ripreso vitalità negli ultimi tempi – spiegano dal comitato pendolari – di recente, infatti, éè stato chiuso l'acesso retrostante la fontana per permettere l'ultimazione dei lavori all'ex-magazzino merci. La parte di marciapiede attorno a questo è stata innalzata e attende solamente le opere di pavimentazione. Proseguono anche le attività all'interno del fabbricato, seppur non sia ancora noto lo scopo di queste. Sul lato opposto, invece, abbiamo notato che sono state recentemente realizzate una scala ed una rampa per l'accesso: questo ci porta a pensare, nuovamente, che si prevede un nuovo uso per questa struttura. Sul lato ascensori – hanno concluso – non si registrano molte novità, ma risultano quasi completi gli ingressi su marciapiede di quelli a servizio dei binari 2 – 3 e 4 – 5".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tassa di ingresso: in pochi pagano

CIVITAVECCHIA – Sono stati ben 73 gli ingressi irregolari, in assenza del pagamento del tributo dovuto da parte dei pullman turistici, accertati dalla Polizia locale. Il Pincio, infatti, è deciso ad andare fino in fondo, considerato il quadro di quasi completa elusione del pagamento della tassa emerso a seguito dei diversi controlli messi in atto in questi mesi dagli agenti coordinati dal comandante Pietro Cucumile e, sotto questo aspetto, anche dal vice comandante Enrico Biferari. E così, anche in questi giorni, la Polizia locale è tornata ad effettuare un servizo specifico in prossimità dell’uscita dell’area portuale, proprio per verificare il rispetto della tassa di ingresso.

Da Palazzo del Pincio ricordano che nel 2014 il Comune, con proprio regolamento, ha introdotto l’obbligo per i bus turistici di pagare la tassa d’ingresso che può essere giornaliera (30 euro) o con abbonamento mensile, trimestrale, semestrale o annuale. L’assessore Florinda Tuoro ha spiegato che una parte «degli operatori del settore continua ad ignorare quest’obbligo creando un danno alla nostra città. Quella d’ingresso è una tassa di scopo e serve a ristorare la città del notevole impatto sul territorio che questi transiti comportano. In alcun giorni ci sono anche più di 80 autobus – prosegue Tuoro – inoltre le entrate sono finalizzate al miglioramento dei servizi di viabilità e al rifacimento delle strade. Fare finta che la tassa non esista da parte di alcuni vettori che operano anche in altre città, dove la tassa c’è e viene pagata, come Roma, Firenze eccetera non è accettabile. Questo – conclude l’assessore pentastellato – ci spinge ad inasprire i controlli e ad attrezzarci affinché la tassa venga pagata da tutti».

E così gli uffici del Pincio, già da qualche settimana, a seguito dei controlli effettuati dalla Polizia locale e dei verbali emessi sulle violazioni commesse per la tassa d’ingresso sui bus turistici, stanno  procedendo al recupero degli omessi versamenti e delle relative sanzioni con la notifica degli avvisi di accertamento ai vettori. 
Sempre la Polizia locale, nel corso dello stesso servizio, ha riscontrato la presenza di tre guide turistiche abusive. Per ogni condotta irregolare è stata accertata la violazione e verrà irrogata la relativa sanzione.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###