Il giovane allenatore Alessandro Crinò: ''Abbiamo ragazzi davvero promettenti''

Nuovo puntata della rubrica “A tu x tu con il Crc”, l’appuntamento fisso che mette in copertina i protagonisti dell’universo biancorosso. Mentre il Crc continua a correre spedito in serie B, anche le altre compagini giovanili stanno dando segnali di crescita importanti. Questa settimana il faccia a faccia è con Alessandro Crinò (nella foto di Rebecca Bartolini), coordinatore tecnico dell’Under 6-14 del Crc, allenatore dell’under 14, giocatore della serie B e infine responsabile regionale dell’under 14 Lazio.
Alessandro, oltre ad avere tutti questi incarichi legati al rugby, studia anche Agraria all’Università della Tuscia.
In che ordine mette le sue competenze e gli impegni che ha?
«La parte di allenatore è molto importante, sia da tecnico regionale che con il comitato, sia il ruolo a Civitavecchia. La parte universitaria, invece, mi può garantire un futuro quindi sta al primo posto, ma cerco di far conciliare tutto nel miglior modo possibile».
Dove e come inizia la sua formazione nel mondo del Rugby?
«Ho cominciato a 9 anni perché giocava anche mio cugino. Venivo dal volley e dal nuoto. Poi ho fatto le trafile, dalle giovanili alla prima squadra. Successivamente ho iniziato ad allenare, quest’ultimo è sempre stato un mio obiettivo».
Cosa insegna e cosa vuole dai ragazzi delle giovanili del Crc?
«Intanto il rugby è uno sport di squadra, uno dei valori fondamentali è quello del sostegno, in campo e fuori. Non si è solo compagni di squadra, si creano delle amicizie che durano nel tempo, una sorta di fratellanza. Lo stesso fatto che nel rugby bisogna avanzare passando palla all’indietro è un insegnamento grande per la vita, ti incita a non mollare e a continuare ad andare avanti nonostante le difficoltà».
Come vede i giovani del Crc? C’è una crescita oltre che dei numeri anche della qualità del gioco? Secondo te ci sono ragazzi che in prospettiva potranno giocare in serie B e magari, perchè no, anche in serie A?
«Si, il settore è cresciuto molto non solo dal punto di vista dei numeri. Abbiamo tanti ragazzi interessanti, a livello qualitativo è stato fatto un passo in avanti importante. La formazione che dobbiamo fare è per giocare in A, in Eccellenza, l’obiettivo deve essere sempre massimo. I traguardi devono essere ambiziosi, altrimenti i ragazzi non arriveranno molto lontano. Ci sono dei talenti che hanno la stoffa per diventare davvero bravi».
Una domanda da giocatore di serie B, c’è una percentuale che indichii per il Crc di passare nella serie superiore, con quali prospettive?
«Il gruppo è forte, ci sono innesti buoni. Abbiamo il 70% di possibilità di poter salire, ma dobbiamo sbrigarci a fare gruppo. La serie B è difficile, non bastano le individualità. È importante che riusciamo a creare un’identità solida. Le potenzialità per salire di categoria comunque ci sono tutte».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cane folgorato alla Frasca

CIVITAVECCHIA – Un episodio che ha dell'inverosimile. È quello accaduto questa mattina, alla Frasca, nei pressi del campeggio. Una signora civitavecchiese era a passeggio con il proprio cane, uno Springer Spaniel da caccia, sul lungomare. Un giro come tanti altri, nonostante il tempo. Per cause in corso di accertamento da parte dei Vigili del fuoco e della Polizia, intervenuti sul posto, il cane è rimasto folgorato, colpito da una violenta scarica elettrica accanto ad un palo della luce. Per lui non c'è stato nulla da fare: è morto sul colpo. E la donna, rimasta pochi passi indietro, si è salvata per miracolo. In stato di shock è stata trasportata in ambulanza al pronto soccorso del San Paolo. (SEGUE)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tutti in piedi per "Ta Pum"

CIVITAVECCHIA – Grande successo per Ta Pum. L’evento realizzato domenica pomeriggio al Traiano dagli Amici della Musica di Allumiere e dalla la Blue in the Face di Civitavecchia ha raccolto consensi sotto tutti gli aspetti. Partiamo da quelli artistici. Il connubio tra «due eccellenze del nostro territorio» (così sono state definite dal presidente della Fondazione Cariciv Gabriella Sarracco) ha portato in scena uno spettacolo pieno di colpi di scena. Toccanti i dialoghi dei giovanissimi artisti della Blue in the Face e molto riuscite le performance musicali del complesso strumentale del maestro Cardinali. In generale lo spettacolo ideato da Ettore Falzetti, in collaborazione con Carlo Alberto Falzetti, ha stupito per la delicatezza con cui sono state raccontate alcune tematiche. Toccando note dolenti, come è ovvio in uno spettacolo che parla il tema della Prima Guerra Mondiale, uscendone fuori con le accese forze dell’amore. E’ lo stesso Falzetti a confermare la riuscita dell’evento: «Devo ammettere che ha riscosso notevoli consensi e toccato il cuore degli oltre cinquecento spettatori ai quali va il nostro ringraziamento per la presenza e per le generose offerte per il Tavolo della solidarietà». 
Soddisfatta la stessa presidente della Fondazione Cariciv Gabriella Sarracco che ha fortemente voluto lo spettacolo: «La Fondazione Cariciv è da sempre in campo per la memoria, la storia, la cultura ed il volontariato. Non poteva quindi tirarsi indietro di fronte ad un evento che ha unito questi fattori».  L’intero incasso delle donazioni è andato infatti al Tavolo della Solidarietà. Sodalizio fortemente voluto dall’ente di origine bancaria e dal Comune di Civitavecchia che ha messo a disposizione il Traiano per realizzare l’evento. Le offerte sono state abbondanti e sono stati quasi raggiunti i 2000 euro. Molto apprezzato anche il discorso di Enzo D’Antò che ha sottolineato l’importanza del volontariato attraverso la cultura. Lo spettacolo si è concluso con applausi scroscianti e la soddisfazione di artisti e organizzatori.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Fraccaro (M5S): «Sulla prescrizione lo scandalo è l’impunità. Su giustizia e trasparenza non faremo passi indietro»

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento: «Nella Lega opinioni diverse, ma c’è il contratto». «Vogliamo sanare un vulnus tipico del nostro ordinamento»

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il passo indietro, i silenzi e i dubbi delle compagnie estere su Alitalia

Lufthansa conferma il «no» a una partnership con lo Stato italiano, gli americani di Delta non si espongono, mentre easyJet può solo occuparsi del corto-medio raggio

Leggi articolo completo

@code_here@

La Croce Rossa aggiusta il tiro: ''Massima attenzione dell'amministrazione''

LADISPOLI – La Croce Rossa aggiusta il tiro e “scagiona” l'amministrazione comunale. Era apparso infatti strano l'appello lanciato dai volontari della Cri ad amministrazione e privati, tramite stampa, a poche ore dall'aver protocollato una richiesta formale al Comune di Ladispoli. Gli amministratori in sostanza non avevano nemmeno fatto in tempo a mettersi a tavolino che la Croce Rossa aveva deciso di “uscire” allo scoperto muovendosi su altri sentieri: quello dell'appello pubblico rivolto ai privati. Ora, però, tornando leggermente indietro sui propri passi, i volontari raddrizzano la rotta. Il Comune aveva già un'idea infatti di che locali donare alla Croce Rossa. Locali che ora, a quanto pare andrebbero ad aggiungersi alla proposta di altri due privati che si sono subito messi a disposizione. «Il presidente del Comitato locale della Croce Rossa ringrazia pubblicamente la solerzia dell'amministrazione e i due privati cittadini che hanno risposto all'appello. Nonostante infatti il Comune, ad oggi – scrivono nella nota – abbia un limitato numero di immobili nel proprio patrimonio, la disponibilità della Giunta sta permettendo di mettere al vaglio possibili soluzioni. Sin dal primo giorno di insediamento della Giunta del sindaco Grando – continuano – abbiamo instaurato una sinergica collaborazione ed in merito all'esigenza di disporre di locali sul territorio, anche se ci rendiamo conto delle oggettive difficoltà legate all’esiguo numero di immobili comunali peraltro già utilizzati, abbiamo trovato piena ed incondizionata disponibilità da parte del sindaco e dei suoi assessori. Proprio per tale esigua disponibilità di immobili pubblici, abbiamo pensato di allargare il bacino delle possibili soluzioni rivolgendoci anche direttamente alla cittadinanza con il precedente comunicato».

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Accordo Comune-Authority: il Consiglio di Stato concede la sospensiva

CIVITAVECCHIA – Il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta di sospensiva da parte dell'Autorità di Sistema Portuale circa l'accordo Comune – Authority firmato fra i due enti a luglio 2015.

"Non posso negare che questa sospensiva mi lascia molto amareggiato – ha commentato il sindaco Antonio Cozzolino – soprattutto perché il motivo sarebbe il "pregiudizio grave e irreparabile" per l'AdSP che evidentemente è più importante del danno che si fa da 3 anni a questa parte al Comune e quindi alla cittadinanza. Lo spirito dell'accordo comunque era, e continua a rimanere, il migliorare la sinergia fra i due enti per il benessere sia dei cittadini di Civitavecchia sia di quanti passano per il nostro porto. È evidente che questa voglia di sinergia la vuole solo una delle due istituzioni: a distanza di 3 anni l'accordo rimane non onorato e, nonostante a parole il presidente Di Majo continui a dire di voler arrivare ad un punto di intesa, mai ci è arrivata alcuna proposta di modifica dell'accordo stesso ma anzi ci è stata rimandata indietro quella da noi avanzata alla fine del 2017".

Ora si dovrà attendere che il Consiglio di Stato si esprima nel merito: la prossima udienza è stata infatti fissata al 28 marzo, e solo qualche mese dopo arriverà la definitiva decisione.

"Ricordo che a maggio 2017 anche il Tar Lazio concesse la sospensiva su richiesta dell'Autorità di Sistema Portuale – ha ricordato Cozzolino – quando poi il Tar Lazio entrò nel merito, diede completamente ragione alle nostre motivazioni, lo scorso mese di febbraio".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Interpellanza parlamentare di Battilocchio contro l'abolizione del corpo Forestale

ROMA. Alessandro Battilocchio ha presentato questa mattina come primo firmatario una interpellanza parlamentare urgente contro l’abolizione del corpo Forestale sottoscritta da trenta deputati. Per il Deputato è fondamentale tornare indietro sugli errori fatti dal precedente governo. Gli incontri, le visite sul campo e gli appelli dei mesi scorsi giunti dai rappresentanti dei Carabinieri e degli ex Forestali del nostro comprensorio e non solo, non sono quindi rimasti inascoltati. L’interpellanza parlamentare presentata dallo stesso Battilocchio sembra aver aperto una crepa nella riforma che cancellò lo storico corpo. Nelle repliche del governo il sottosegretario alla Difesa Tofalo ha condiviso la linea del deputato, pur in attesa della sentenza sulla della Corte costituzionale sulla questione in data 19 marzo.
"E’ stato un clamoroso, inefficiente, esoso fiasco al quale il Governo deve porre rimedio – spiega Battilocchio – in molte dichiarazioni pubbliche vari Ministri, da Centinaio alla Bongiorno, da Fraccaro allo stesso Salvini, hanno espresso giudizi severi sui risultati della Riforma. Ma non sono seguiti finora atti conseguenti nel trovare soluzioni che pure erano state promesse. Con la riforma in questione non vi sono stati risparmi, si è appesantito il meccanismo decisionale – con conseguenze a volte drammatiche come nel caso della gestione delle campagne antincendi – si è lesa la professionalità del Corpo smembrato tra Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Vigili del Fuoco o pubblica amministrazione, con evidenti disagi gestionali che hanno inciso su operatività e servizio reso ai cittadini. Una fusione a freddo che, per ragioni molteplici, sta creando problemi organizzativi anche nelle strutture formatesi dopo la riforma. Prendiamo atto della volontà del Governo, espressa dal Sottosegretario alla Difesa Tofalo, anche se avremmo preferito un intervento immediato e non l'attesa della Corte Costituzionale che si pronuncerà il 19 Marzo. Vigileremo con attenzione perchè abbiamo da sempre a cuore il buon funzionamento delle nostre Forze che compongono il comparto sicurezza".
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Claviere, migranti: la strana frontiera Italia-Francia. «I profughi? Li lasciavano qui»

Da noi il confine è aperto, poi da Oltralpe riportano indietro i migranti. Il finto stupore necessario al continuo rimpallo da un Paese all’altro di esseri umani che nessuno vuole

Leggi articolo completo

@code_here@

Il gol di De Fato a inizio partita non basta al Ladispoli

Battuta d’arresto per il Ladispoli che sul campo del Monterosi non riesce nell’impresa ed esce sconfitta 2-1. Un match combattuto che si è deciso tutto nel primo tempo: ospiti subito in vantaggio grazie a Patrizio De Fato, ma che nel giro di mezz’ora si fanno prima riprendere su calcio di rigore siglato da Nohman e poi sorpassare con la splendida rete di Mastrantonio. Mister Bosco cambia ancora modulo e manda in campo i suoi schierati nel 4-3-3. Inizio di gara a mille per i rossoblu a cui bastano solo 6’ per scuotere il match e passare in vantaggio: Manuele Sganga fa a sportellate con quattro avversari e riesce a scaricare all’indietro in direzione di De Fato, bravissimo nell’occasione il centrocampista rossoblu a mandare in porta un pallone rasoterra, ma insidioso, su cui Frasca non può nulla. Passano poco più di sei minuti quando Leone atterra Mastrantonio in area, per Cosseddu di Nuoro è calcio di rigore: dagli undici metri Nohman è freddo e manda in porta il pallone del pareggio. Tutt’altro che demotivato il Ladispoli ha sui piedi di Bertino l’occasione di tonare subito in vantaggio, il rossoblu ci prova dal limite col pallone che sfiora di poco la traversa. Allo scadere dei primi 45’ Mastrantonio si inventa un eurogol che vale il sorpasso: il tiro dalla distanza è potentissimo e lascia scampo a Salvato, andandosi ad infilarsi sotto l’incrocio. Il primo tempo si chiude senza altre particolari emozioni e con il Monterosi in vantaggio. Nella ripresa il Ladispoli entra in campo un po’ più carico e con maggior convinzione, ma non trova il gol. Al 39’ il Monterosi resta in 10 uomini per l’espulsione di Nohman, ma nonostante questo i padroni di casa riescono a portarsi a casa i tre punti. Per il Ladispoli, ancora alla ricerca della seconda vittoria stagionale, sarà da non sbagliare l’appuntamento di domenica al Sale con il Castiadas.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###