Alla Marina assegnati i titoli regionali di fondo e mezzofondo

Weekend di gare di alto livello alla Marina di Civitavecchia, nello specchio acqueo prospicente la sede storica della Snc Civitavecchia, società organizzatrice unitamente al Comitato Regionale Lazio della Fin, si sono svolti i campionati regionali del Lazio di nuoto in acque libere, sia agonisti che master, di fondo e mezzofondo sulla distanza rispettivamente di 5km e di 2,8km. Più di 450 atleti si sono dati battaglia. Nella gara di sabato scorso, la 5km, atleti di spicco hanno conquistato la classifica assoluta: per gli agonisti Alessio Occhipinti sale sul gradino più alto del podio mentre per i master vince Giovanni Brazzale M35, seguito da Marco Pucci M35 e il tritone locale Maurizio Valiserra M45, mentre in campo femminile Sara Alfonsi M35, ed a pari merito sul secondo gradino Laura Palasciano M45 e l’inossidabile ondina civitavecchiese Michela D’Amico. Il giorno successivo il podio assoluto agonisti si compone con Alessandro Righini, Giorgio Chialastro entrambi categoria ragazzi e Alessandro Addis, categoria junior, per le agoniste invece Matilde Cassinis, Federica Di Stefano e Marta Calisti tutte categoria cadetti. Per il settore master sul podio maschile Marco Pucci M35, seguito dall’intramontabile Maurizio Valiserra M45 e da Raffaello Clavari M40. In ambito femminile Lucrezia Casu M25 che precede di neanche un decimo la nostrana Michela D’Amico M45 seguita da Sara Alfonsi M35. In casa Snc ancora risultati d’eccellenza per Maurizio Valiserra e Michela D’Amico che reduci del titolo italiano in vasca ed in acque libere, conquistano entrambi anche il titolo regionale sia di fondo che di mezzofondo piazzandosi non solo 1° di categoria in entrambe le gare ma anche secondi in classifica assoluta in tutte e due le competizioni. Bene anche gli altri atleti rossocelesti Stefano Iacomelli 4° nella 5km e 5° nella 2,8km e Massimo Donnini rispettivamente 13° e 23° entrambi nella categoria M50. «La sicurezza in mare è stata la nostra preoccupazione principale – afferma il vice presidente Simone Feoli, organizzatore dell’evento e barcaiolo d’eccellenza nell’assistenza agli atleti – per questo devo ringraziare l’opera svolta dalla protezione civile di Civitavecchia nonché dagli amici fraterni del nucleo sommozzatori di Santa Marinella,  ma non solo, i medici e il personale della Croce rossa  Civitavecchia preposti ai primi accertamenti e cure mediche e per la quale ringrazio loro ed il presidente Roberto Pettiruti. Non da meno i maestri del mare, rappresentati della Lega Navale di Civitavecchia, che come la scorsa edizione hanno permesso lo svolgimento della gara con le loro imbarcazioni e barcaioli quali il professor Marco Corti, Vincenzo Pisano e Francesco Rossi, coadiuvati dai volontari e appassionati di sport Augusto Jacopucci e Roberto Ruina. Un ringraziamento di cuore al tecnico dei nostri atleti Marcello Jacopucci che con la collaborazione di Alessio Pisarri e Nicola Di Fatta hanno svolto tutte le operazioni di montaggio campo gara e portale di arrivo. Un saluto a Luca Triolo, per la Cosepo, che ha messo gentilmente  a disposizione materiali ed un gommone. Inoltre, devo ringraziare la Capitaneria di Porto per la concessione delle autorizzazioni e soprattutto la Guardi di Finanza di Civitavecchia per quanto hanno fatto sul campo gara. Superba tutta l’organizzazione, pre e post gara, che ha operato all’interno della piscina di largo Caprera, dove 12 bagnini dello staff della piscina stessa e della H2O si sono alternati tra piscina e spiaggia, Federica Feoli e Michela D’Amico che hanno gestito l’accoglienza e l’organizzazione generale coadiuvate da Giulia Giannini e Martina Mellini oltre allo staff della Snc con Alice, Filippo, Tommaso, Fabrizio and ‘‘teacher’’ Chris. Un ringraziamento agli amici “umbri” Luca Leccamuffi e Luca ed Antonella Saffioti, nonché a tutto il personale dell’Abbazia Umbra, che hanno intrattenuto gli atleti con vivande e pasta party. E per ultimi, ma non tali, voglio ringraziare il Comune di Civitavecchia, gli assessori  Daniela Lucernoni e Vincenzo D’Antò per il patrocinio e l’assistenza logistica, Giulio Santoni, la dottoressa Elena Amalfitano, la Luciani Controsoffitti e Pavimenti srl che da anni sono vicini a questa manifestazione, il Forno a legna “La Bianca” per la fornitura della Crostata casareccia da distribuire agli atleti, ma soprattutto alle signore del Dragon Boat per il sostegno ed il contributo».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tarquinia aderisce al progetto ‘‘Capitani coraggiosi’’

TARQUINIA –  L’assessore ai Servizi sociali del Comune di Tarquinia, Manuel Catini, annuncia l’adesione al progetto “Capitani coraggiosi”, promosso dalla Confederazione Autonoma Europea dei Lavoratori diversamente abili. 
L’iniziativa si svolgerà martedì 28 agosto, sul lungolago “Argenti” di Bracciano all’interno degli spazi del Consorzio di Navigazione, al termine del campionato mondiale di vela juniores classe 470, che si terrà dal 17 al 26 agosto 2018. 
La manifestazione durerà un’intera giornata e ha l’obiettivo di dare impulso e visibilità alle attività sportive che coinvolgono i diversamente abili, con una dimostrazione di regata con imbarcazioni appositamente attrezzate e l’assistenza di personale esperto. 
Nell’ambito della giornata saranno presentati tre prototipi progettuali realizzati dagli studenti dell’Istituto Nautico “Calamatta” di Civitavecchia, fruibili dai diversamente abili. 
Il primo è l’Electricsave, un pattino di salvataggio spinto da motori elettrici, che può muoversi sia in acqua che sulla battigia. Il secondo si chiama Glays, un occhiale intelligente, dotato di quattro sensori, due frontali e due laterali, che rilevano gli ostacoli e mandano segnali acustici e di vibrazione. Il terzo è il Safe One, un salvagente che si gonfia automaticamente all’impatto con l’acqua. Il programma della manifestazione prevede una tavola rotonda dove ci si potrà confrontare sul tema della disabilità. 
«Ho candidato Tarquinia a ospitare l’edizione del prossimo anno di questa manifestazione – dichiara l’assessore ai Servizi sociali, Manuel Catini – sport e disabilità possono conciliarsi. La presentazione dei tre prototipi sarà un evento particolarmente interessante. Un momento importante sarà il confronto nella tavola rotonda, dove esporrò una relazione sulla situazione tarquiniese e le attività svolte durante l’anno dalle associazioni in coordinamento con il settore servizi sociali del Comune». «È indispensabile fare rete con gli altri comuni – conclude Manuel Catini – effettuare scambi di informazioni, condividere esperienze e progetti.  Il nostro Comune è da sempre attento ai problemi dei cittadini diversamente abili e per questo dobbiamo operare affinché i diversamente abili abbiano la possibilità di praticare sport assieme ai loro coetanei». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli, Air Show: informazioni utili

LADISPOLI – Tricolore esposto fuori dalle attività commerciali e dai balconi delle abitazioni dei cittadini, parcheggi per bus e auto, tre chilometri di costa interdetti al traffico, mercatini, menu a tema, … Nella città balneare si stanno definendo gli ultimi dettagli per la tre giorni dedicata alle Frecce Tricolori che celebreranno i 130 anni di Ladispoli. L'appuntamento vero e proprio con lo spettacolo sarà per domenica a partire dalle 17. Sabato, approssimativamente allo stesso orario, ci saranno le prove generali. Il centro della manifestazione sarà il lungomare Marina di Palo con lo spettacolo che coprirà circa 3 km di costa e quindi sarà visibile dal lungomare Marco Polo fino all'inizio di Marina di San Nicola. Il lungomare Regina Elena, il lungomare Marina di Palo e via del Tritone saranno pedonalizzati da venerdì pomeriggio a domenica sera. A intrattenere i tanti visitatori ci penseranno anche i mercatini che per l'occasione saranno allestiti sul lungomare. In via del Tritone presente un'area food e un palco dove ogni sera prenderanno il via degli eventi musicali, mentre in piazza dei Caduti si svolgerà l'esposizione "Peperoncino che passione". In piazza Rossellini, venerdì, sabato e domenica si svolgerà invece il Festival Caraibico. Durante l'Air Show lo specchio acqueo interessato dall'esibizione sarà inibito al transito delle imbarcazioni. 

E proprio in vista dell'arrivo di moltissimi visitatori, l'amministrazione comunale ha individuato diverse aree parcheggio per auto e autobus che saranno collegate alla manifestazione da un servizio navetta. I punti di raccolta individuati si trovano in Piazza 25 Aprile, al Cimitero, via Settevene Palo (davanti all'ex campo sportivo), Piazza Rossellini, via Palo Laziale (distributore Agip). Le navette, nella giornata di domenica, saranno attive dalle 14 alle 17 e dalle 18.30 alle 22. Sabato, invece, saranno attive le linee 27, 29 e 30 del trasporto pubblico locale (per consultare orari e tragitti si può visitare il sito della Seatour Spa). 

E a commentare la due giorni che vedrà Ladispoli protagonista a livello nazionale, grazie all'esibizione della Pattuglia Acrobatica delle Frecce Tricolori, è stato il sindaco Alessandro Grando: "L’esibizione delle Frecce Tricolori nel cielo di Ladispoli rappresenterà uno dei momenti più importanti nella storia della nostra città. Una grande vetrina turistica per il rilancio del nostro territorio a cui l’amministrazione comunale punta fortemente. Ci prepariamo a vivere un fine settimana di spettacolo ed emozioni forti, è iniziato il conto alla rovescia per il Ladispoli Air Show 2018, l’attesa è palpabile nell’aria. Non vediamo l’ora domenica pomeriggio di ammirare il cielo della nostra città colorato di bianco, rosso e verde”.

“La macchina organizzativa del Comune è al lavoro da tempo – ha aggiunto Grando – è stato varato un piano per la sicurezza e per il traffico in collaborazione con le forze dell’ordine, vogliamo che residenti, turisti e visitatori possano trascorrere un week end sereno, ammirando non solo le Frecce Tricolori ma anche la nostra città che si vestirà a festa per l’ Air Show. Il ricco programma del 28 e 29 luglio prevede spettacoli, eventi culturali, momenti gastronomici e stand per salutare festosamente l’arrivo del clou della stagione balneare. Per agevolare i movimenti ed evitare problemi al traffico, invitiamo tutti a lasciare a casa l’automobile e ad usufruire dei bus navetta che saranno gratuiti per tutto il fine settimana. Abbiamo notato con soddisfazione – prosegue il sindaco – che i cittadini stanno partecipando con interesse all’evento, varie attività commerciali hanno aderito alla convenzione per il menù tricolore, un modo per celebrare anche a tavola la grandezza delle Frecce Tricolori. Rinnoviamo l’invito ad esporre una bandiera italiana alle finestre, facciamo sentire il calore di Ladispoli ai nostri Top Gun che rappresentano uno dei vanti delle Forze Armate”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Marina Yachting: otto imbarcazioni in una sola giornata

CIVITAVECCHIA – Otto megayacht, tutti ormeggiati contemporaneamente alle banchine 6 e 7 del porto storico, all’ombra del Forte Michelangelo. 
Un vero colpo d’occhio quello di questi giorni, con il Marina Yachting pieno di imbarcazioni di lusso, l’una accanto all’altra, attirando l’attenzione anche dei passanti e dei turisti in transito.
Non capita così spesso che le due banchine arrivino ad ospitare tante imbarcazioni come in questi giorni, e sembrerebbe che il numero potrebbe anche aumentare, a dimostrazione dell’importanza che l’area sta assumendo negli ultimi mesi. 
Il Marina Yachting, al momento, è gestito dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno centrosettentrionale, in attesa che venga concluso l’iter burocratico per l’affidamento. 
Iter che, nelle prossime settimane, vedrà la convocazione della conferenza dei servizi per valutare, e quindi scegliere, il progetto migliore tra i cinque che sono stati presentati dalle società partecipanti al bando: Porto storico Civitavecchia srl, Marina del Bernini srl, Naval Service srl, Ira srl e Roma Marina Yachting. 
Sono trascorsi ormai, infatti, i 45 giorni di tempo concessi alle cinque società per adeguare gli elaborati definitivi alle prescrizioni decise nell’ultima seduta della conferenza dei servizi, quella del 15 maggio scorso. Nel corso della prossima riunione, quindi, andranno valutati i cinque progetti e scelto quello che meglio risponderà ai parametri richiesti dagli enti seduti al tavolo. 
Una volta individuata la società, l’iter dovrebbe essere tutto in discesa, con permessi e concessioni da parte dell’Adsp e lavori di riqualificazione dell’area.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Non si può aspettare la divina provvidenza''

MONTALTO – Quinto Mazzoni torna a chiedere all’amministrazione comunale di Montalto di Castro interventi risolutivi al problema dell’ostruzione del fiume Fiora pericoloso per i pescatori. «Per uscire in mare, dalla foce del fiume Fiora, mentre l’amministrazione ovvia da diverso tempo il problema, ci si aspetta che l’acqua piovana ‘‘faccia il suo’’, riempiendo il letto del fiume ed innescando le  piene che, con la forza della corrente, scavano la foce.  – dice Mazzoni – Sono anni che scrivo e segnalo il disagio che incombe per tutti i pescatori professionisti, quelli che di mestiere pescano per sfamare le proprie famiglie, e che intercorrono, a scadenze periodiche, abbastanza regolari, nell’ostruzione del fiume Fiora, a causa dell’insabbiamento ricorrente della foce. Nonostante il problema resti irrisolto da diversi anni, noncuranti di quanto disagio economico causi e data la superficialità con cui i nostri amministratori minimizzano il problema, aggirandolo e non affrontandolo, si continuano ad organizzare festicciole, tagli di nastro e inaugurazioni di opere di ordinaria amministrazione, trascurando le necessità dei cittadini». «Poi, accade,  – aggiunge l’esponente dell’opposizione – come questa mattina (ieri ndr), che, quando il rischio rasenta il disastro, gli assessori di competenza, accompagnati dal Sindaco, si scompongono per fare una rassicurazione di intervento. (si chiude la stalla quando i buoi sono usciti).  Infatti, quest’oggi, come altre volte, l’unico accesso a mare, dalla foce del Fiora, era un passaggio stretto sul lato destro del fiume, rasente agli scogli, che  compongono uno dei bracci a mare :un rischio  serio per le loro imbarcazioni e attrezzature , nonché per la loro incolumità. A seguito di quanto è successo oggi, purtroppo ,un imbarcazione da lavoro si è arenata, ed il piccolo canaletto, che permetteva lo sbocco a mare, ora, è quasi inesistente». «Sono stanco di sottolineare che i pescatori professionisti sono costretti ad uscire con le barche. Non possono permettersi di non lavorare. – aggiunge Mazzoni – E se questo è già bastante, non meno grave è l’offerta turistica alquanto carente, non permettendo ai diportisti, ed agli appassionati, di poter uscire, con le proprie imbarcazioni. In tutto questo, non mi spiego come, ancora oggi, non sia stato possibile comprare una Draga, la cui gestione possa restare nelle mani dell’amministrazione o essere affidata ad una cooperativa o altra attività, per ovviare al disagio ricorrente». «Consapevole che la foce del Fiora si sarebbe insabbiata di nuovo, – sottolinea Mazzoni –  in tempi molto brevi, e che nessun tipo di intervento serio e dignitoso, sarebbe  stato considerato da questa amministrazione, il 10 luglio scorso, ho provveduto ad effettuare una richiesta di accesso agli atti, la cui risposta, ovviamente, sta tardando, in cui richiedevo copia delle determinazioni relative all’assegnazione dei lavori per il dragaggio, o scavo, della foce del fiume Fiora, con relativi impegni di spesa, fatture e determinazioni di liquidazioni, dagli anni passati ad oggi. Il tutto perché, da essi, ci auguriamo, di non dover constatare che, con gli stessi soldi, era possibile l’acquisto di un dragai, sufficiente e necessario per ovviare il disagio ricorrente».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Santa Marinella, barca con bimba disabile ormeggiata sottoflutto: multata

S. MARINELLA – Due multe fatte dalla Capitaneria di Porto di Civitavecchia per aver ancorato una barca con una bambina disabile nei pressi del molo di sottoflutto del porto turistico, ha mandato su tutte le furie il proprietario dell’imbarcazione, che reputa il verbale un atto di ingiustizia nei confronti di una ragazzina portatrice di handicap che era ospitata all’interno del mezzo navale. “Chi pensa di potersi ancorare “impunemente” ancorare nello specchio acqueo antistante il molo del porto di Santa Marinella – dice il signor Mino Bosco dalla bacheca dei social network – deve stare attento. Penso che pochi sappiano che esiste un’ordinanza che vieta l’ancoraggio in tale porzione di mare, visto che non ci sono boe segnaletiche, cartelli o altro che avverta i malcapitati a non infrangere la legge. La presunzione di qualcuno, obbliga chi vuole fare una mezza giornata di vacanza, di passare prima negli uffici competenti per vedere se ci sono novità a livello legislativo e poi scendere in mare. Mi sento di informarvi, come serio cittadino rispettoso della legge, perché non vorrei che capitasse a qualcun altro, quello che è accaduto ai componenti della mia famiglia, cioè prendere due verbali dalla Capitaneria di Porto di Civitavecchia per questa “discutibile” ordinanza. Il mio dispiacere, non è stato quello di pagare le infrazioni, ma il fatto che a bordo di questa nostra piccola imbarcazione c’era una nipotina con grave handicap. Nulla è valso spiegare agli esecutori dei verbali che non conoscevamo questo divieto, visto che viviamo a S. Marinella dalla nascita e in quel tratto di mare ci sono ancorate da sempre centinaia di imbarcazioni, che più in là c’era il mare mosso che non ci lasciava fare il bagno tranquilli alla bambina. Gli “esecutori” verbalizzanti, senza nemmeno guardare in faccia la piccola disabile, hanno continuato il loro lavoro di tutori della legge. La legge non ammette ignoranza, però qualche volta dovrebbe portare rispetto ai bambini e ai portatori di handicap. Ci voleva molto da parte dei tutori della legge dire “signori, avete infranto un’ordinanza e dovete pagare il verbale, ma per rispetto delle condizioni fisiche della bambina vi possiamo indicare un posto balneabile e più tranquillo? Ci voleva tanto?".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Programma ricchissimo per l’estate 2018

TARQUINIA – L’Assonautica di Tarquinia ha ampliato le sue attività nell’ambito del diporto marino e per la stagione estiva 2018 ha reso noto un Programma ricchissimo. 
Alla tradizionale Scuola di vela, per imbarcazioni e catamarani, con istruttori federali FIV, si sono aggiunti altri tipi di corsi ed attività. I corsi sub, organizzati dall’istruttore Pignatelli, permetteranno ai partecipanti di ricevere brevetti federali di base e di livello superiore e di partecipare a visite guidate su fondali e relitti a Montalto di Castro e a Civitavecchia. 
Per gli amanti della canoa e del kayak sono previsti quest’anno escursioni collettive: a Santa Marinella, il 21 o il 22 luglio e ad Ansedonia, il 4 o il 5 agosto. Naturalmente sono state confermate sia l’ormai tradizionale “passeggiata” in canoa per il 28 luglio che la staffetta amatoriale per il 29 luglio.
Per gli appassionati di pesca sportiva sono previste gare amatoriali di pesca dalla barca (bolentino e traina) e subacquea (in apnea) le cui date verranno comunicate successivamente sul sito Facebook dell’associazione (assonautica.delegazionetarquinia).
Per gli amanti del windsurf sono previste delle uscite amatoriali collettive che verranno organizzate in base al numero dei partecipanti.
Per ricevere ulteriori informazioni sui corsi o per partecipare alle attività amatoriali collettive è possibile recarsi presso la segreteria dell’associazione che è aperta tutte le mattine presso la sede in via F. Giorgi, in località Porto Clementino, oppure telefonare allo 0766-864232 o scrivere a info@assonauticatarquinia.it 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Le strutture ricettive all'aria aperta approdano in Consiglio

LADISPOLI – Aree di sosta camper, campeggi, villaggi turistici e annesse attività accessorie (come il rimessaggio di piccole imbarcazioni). Sono queste le strutture ricettive che si accingono ad ospitare i terreni che vanno da via San Remo sino al confine con le strutture ricettive all'aria aperta storiche. Una vera e propria «svolta epocale» come spiegato dal vicesindaco Pierpaolo Perretta che ha annunciato come questa sera sarà sottoposta all'approvazione del consiglio comunale la Variante urbanistica per pianificare l'area di via Primo Mantovani.

«Dopo 40 anni di immobilismo – ha detto – e mancanza di regole che hanno gettato la città e la sua economia nello stato in cui oggi versa, l'amministrazione è finalmente intervenuta in maniera definitiva sulla zona, assecondandone la sua naturale vocazione turistica». Le attività saranno costituite da strutture temporanee e di facile rimozione. Non è previsto, come sottolineato anche dal vicesindaco, l'uso di cemento.

«Siamo alla fase iniziale di un iter – ha proseguito Perretta – che prevede, prima della sua conclusione, l'espletamento delle procedure di valutazione ambientale e della definitiva approvazione da parte della Regione Lazio». L'auspicio degli amministratori di palazzo Falcone è che l'iter possa concludersi in tempo per la prossima stagione estiva.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Civitavecchia e i suoi vigili del fuoco: un legame indissolubile

CIVITAVECCHIA – Una giornata dedicata al ricordo e alla memoria, con un occhio al presente e al legame profondo tra il corpo e la città, e al futuro con una serie di iniziative in agenda. 

I Vigili del fuoco hanno voluto celebrare oggi i 100 anni dalla morte di Fortunato Bonifazi, il brigadiere medaglia d'oro al valor civile che perse la vita il 3 giugno 1918 durante un intervento al porto, per lo spegnimento di un incendio che aveva coinvolto due imbarcazioni all'interno dele quali erano stipate delle munizioni. "Nonostante furono messe in atto tutte le manovre per lo spegnimento dell'incendio – ha ricordato Stefano Filogonio, pronipote del brigadiere – iniziarono le detonazioni con Fortunato colpito a morte da una scheggia alla gola. Al comandante che gli ordinava ripetutamente di mettersi in una posizione di sicurezza, rispose: "Permetta che compia in pieno il mio dovere". E queste sue parole sono il simbolo di valori importanti come l'abnegazione, il dovere e lo spirito di servizio".

A Bonifazi è intitolata la caserma di Porta Tarquinia dove questa mattina è stata deposta una corona davanti alla lapide posta all'ingresso della struttura, alla presenza del comandante provinciale di Roma Marco Ghimenti, del sindaco Antonio Cozzolino e delle altre forze armate e dell'ordine. La cerimonia si è quindi spostata all'aula Pucci. Nell'atrio una mostra fotografica sui Vigili del fuoco ed i loro interventi sul territorio. All'interno invece una serie di interventi da parte delle autorità, tutti tesi ad evidenziare il grande impegno del corpo ed il rapporto costante con la città e con le altre forze che operano per la sicurezza dei cittadini.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Palio Marinaro: torna la ''Corsa delle Feluche''

Per i giorni 28 e 29 luglio, nell’ambito dei Festeggiamenti del Natale di Civitavecchia e in occasione del 10° anniversario del Palio Marinaro dei Tre Porti, l’Associazione Mare Nostrum 2000 sta predisponendo un’edizione rievocativa della “Corsa delle Feluche” del 1710 che quell’anno fu vinta dalla feluca di Malta che si aggiudicò in premio l’ambito Damasco, e che come allora sarà riproposto sulla base del bozzetto realizzato dagli studenti dell’IIS “Via dell’Immacolata –Padre Alberto Guglielmotti” del collegato Liceo Artistico. 
La feluca è un’imbarcazione a vela di ridotte dimensioni  che può avere una o due vele latine. L’albero è inclinato verso la prua.
La manifestazione, patrocinata dalla Regione Lazio, Città Metropolitana di Roma, città di Civitavecchia e Autorità Portuale di Civitavecchia, Coni e Cip, Cr Lazio e Csi Cp di Roma e Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia, si articolerà come segue: 39° Palio Marinaro dell’Assunta e del Saraceno tra i rioni storici di Civitavecchia edizione 2018 e 10° Palio Marinaro dei “Tre Porti” tra le marinerie di Civitavecchia-Fiumicino e Gaeta Open agli approdi del litorale laziale, toscano e campano. 
Anche questo anno, inoltre, saranno riproposti i giochi a mare della tradizione, quali la lotta saracena, il palo della cuccagna a mare e la pesca a sorpresa con cocomeri in acqua, ma anche la prova di pesca «A pesca con papà al Palio Marinaro», a cura della Asd «Amici del mare»e il “Corteo Storico”, a cura della locale Pro Loco; inoltre verrà aggiudicato il premio per “La donna del Palio Marinaro del Saraceno” tra le proposte che perverranno da ogni singolo rione storico e verranno allestite anche una mostra fotografica, una mostra collegiale ed un’estemporanea di pittura.
L’Associazione Mare Nostrum 2000 informa che sono ancora aperte le iscrizioni nella categoria “Senior” maschile e femminile per la partecipazione al Palio Marinaro dell’Assunta e del Saraceno. L’invito è rivolto in particolare ai comitati di quartiere, alle parrocchie della diocesi di Civitavecchia, alle associazioni sportive, ma non alle palestre e alle associazioni scout, e agli studenti degli istituti superiori cittadini che hanno partecipato al Palio Marinaro di Santa Fermina 2018, al fine di dare corso ad una reale rappresentanza di atleti appartenenti ai nuovi rioni storici di Civitavecchia: S. Gordiano, Campo dell’Oro, Cisterna Faro, S. Liborio, Centro Storico, Pirgo, Aurelia e Pantano.
Per consentire agli equipaggi iscritti di prepararsi alla gara, l’Associazione Mare Nostrum 2000 ha già messo a disposizione due imbarcazioni presso i Pontili Galleggianti in gestione dalla “Asd Pianeta Mare Civitavecchia” del presidente Piero Ovidi che, gentilmente e con spiccato spirito di collaborazione, si sono resi disponibili ad ospitarci, presso la banchina Principe Tommaso (n. 3) del Porto Storico; tecnici-operativi della Associazione assisteranno durante le prime fasi il percorso formativo per coloro che si approcciano a vogare su imbarcazioni a remi e sedile fisso, dove gareggeranno gli equipaggi formati da 4 rematori ed 1 timoniere in rappresentanza del proprio Rione di appartenenza.
Per le modalità di iscrizione e partecipazione agli allenamenti si potrà contattare i signori Enrico Grieco al 339 5857480 o Sandro Calderai al 335 8444497. 
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###