Alzheimer, avviso pubblico per interventi di assistenza domiciliare integrata

SANTA MARINELLA – L’amministrazione comunale per essere vicina ai familiari che hanno in casa un malato di Alzheimer ha indetto un avviso pubblico per interventi di assistenza domiciliare integrata. L’intervento parte dal Comune capofila e cioè Civitavecchia, ed è stato diramato a tutti gli enti locali facenti parte dell’ambito territoriale Asl Roma 4. Nel documento si fa presente che la Regione Lazio ha assegnato ulteriori risorse economiche per la gestione delle azioni di sistema in favore dei malati di alzheimer e tra queste l’assistenza indiretta anche presso centri diurni, letti di sollievo cioè ricovero temporaneo volto a garantire l’accoglienza per periodi temporanei al fine di sollevare la famiglia dall’attività di assistenza e cura, assicurando al contempo la continuità dell’assistenza e del trattamento riabilitativo, i “Caffè Alzheimer” intesi come luoghi in cui le persone affette da alzheimer possono, in compagnia di familiari e volontari, prendere un caffè o sorseggiare una bibita in un ambiente accogliente in grado di fornire condivisione e sostegno. La Regione spiega che in tutti i Comuni della Asl Rm 4, verrà attivato il servizio di assistenza domiciliare integrata per quei malati in uno stadio lieve, moderato o grave, escluso quello gravissimo, che invece possono rientrare nei benefici previsti per la disabilità. L’avviso pubblico prevede l’attivazione di interventi a sostegno della domiciliarità e l’erogazione di un contributo economico, il contributo sarà per l’assistenza domiciliare indiretta fornita da organismi del terzo settore, in possesso dei requisiti stabiliti dalla legge, da personale di accudimento, assunto con regolare contratto di lavoro, addetto all’assistenza della persona non autosufficiente, tramite centri diurni per malati di Alzheimer dotati di apposita autorizzazione. Gli interessati potranno presentare domanda entro il 14 settembre su apposita modulistica disponibile sia presso gli uffici dei servizi sociali o sul sito internet del Comune. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Litoranea, allarme del Codacons sulla sicurezza stradale

TARQUINIA – Prosegue l’attività di monitoraggio della velocità dei veicoli sulla S.P. Litoranea n.45 da parte degli ispettori del Codacons. «Come noto – spiega  Sabrina De Paolis, portavoce stampa Codacons Lazio, Sede di Civitavecchia – questa strada è da sempre frequentata da ciclisti, sportivi intenti a fare jogging sulle strade e vacanzieri che soggiornano nelle vicine località marittime, ciononostante la velocità dei veicoli transitanti sul predetto tratto stradale è sempre compresa tra i 67 km/h  e i 100/120 km/h (sebbene il limite sia di 50 km/h). La situazione è resa ancora più grave dal fatto che nonostante le numerose diffide inviate dall’associazione all’attenzione del Prefetto di Viterbo, del Sindaco del Comune di Tarquinia, della Polizia stradale di Tarquinia, al Ministero della difesa, la situazione versa ancora in una fase di totale e gravissimo stallo, ed ogni giorno di ritardo crea enormi pericoli, in tema di sicurezza, per la popolazione locale e per i villeggianti che rischiano la morte su questa strada, i cui volumi di traffico, come noto, sono notevolmente aumentati dopo che la stessa è diventata “complanare” all’indomani della realizzazione dell’autostrada, e quindi l’unica alternativa all’autostrada, di cui moltissimi approfittano per non pagare il dazio». «Il Codacons – prosegue la De Paolis – ha più volte rilevato e denunciato l’inopportunità di tale decisione sia a causa della strettezza della carreggiata, che per la vocazione turistica e agricola della provinciale ora elevata a complanare». Il Codacons chiede quindi al Ministro dei Trasporti e al Ministero della difesa di intervenire, a stretto giro. (SEGUE)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Enel, Onda popolare: ''Gravissimo atteggiamento indifferente di Cozzolino''

CIVITAVECCHIA – «È gravissimo l’atteggiamento indifferente del sindaco Antonio Cozzolino, della sua giunta e dei consiglieri 5 stelle, rispetto al disperato grido d’aiuto lanciato dai sindacati, dai lavoratori e con essi da una Città colpita nella propria dignità». Parola dell’associazione Onda popolare che «tramite – spiegano – il proprio consigliere comunale Patrizio Scilipoti, denuncia il silenzio più che sospetto, osservato dall’amministrazione comunale anche rispetto da quanto denunciato dalle organizzazioni sindacali di Civitavecchia al riguardo della questione Enel».

 L’intervento a firma del consigliere Scilipoti prosegue evidenziando un silenzio colpevole da parte dei pentastellati che, secondo l’associazione, avrebbero dovuto difendere il lavoro: «Non si può assistere silenti alla distruzione – prosegue la nota – di posti di lavoro nelle centrali prima e ora anche negli uffici della zona di Civitavecchia di E – distribuzione di Enel university e nel Punto Enel, dimenticandosi volutamente degli accordi sottoscritti al momento della costruzione e avvio della Centrale a Carbone, come se lavorare nelle centrali che pur producono enormi utili agli azionisti ed all’indotto, sia una colpa grave e, il ridimensionare e magari chiudere anticipatamente tali realtà, sia utile alla città».

Scilipoti e Onda popolare non hanno dubbi, «tacere equivale ad un consenso – tuonano – magari indotto dall’insana e dannosa attualizzazione dell’ accordo Enel – Comune a firma Cozzolino, sottoscritto unicamente per salvare dal fallimento le casse comunali e predisporre successivamente ‘‘effetti speciali’’ in vista delle elezioni per scadenza mandato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Incidente sull'Aurelia, Leo non ce l'ha fatta: � morto al Policlinico Gemelli

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – Le cure dei medici e le preghiere dei familiari ed amici purtroppo non sono bastate. Leonardo Ricci, il ventenne rimasto coinvolto in un gravissimo incidente all’alba di venerdì sulla statale Aurelia al km 35, che ha tenuto col fiato sospeso Cerveteri nella sua lotta tra la vita e la morte, non c’è l’ha fatta. Oggi presso il Policlinico Gemelli dove era arrivato in gravissime e drammatiche condizioni è deceduto.I suoi genitori hanno dato il consenso per il prelievo degli organi. Leonardo, un ragazzo amato da tutti, stava rientrando da una serata passata con gli amici al Six, dove si inaugurava il primo opening party della stagione, quando dopo aver accompagnato la fidanzata a Marina di San Nicola è accaduta la tragedia. (SEGUE)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Leo non ce l'ha fatta. E' deceduto al Policlinico Gemelli

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – Le cure dei medici e le preghiere dei familiari ed amici purtroppo non sono bastate. Leonardo Ricci, il ventenne rimasto coinvolto in un gravissimo incidente all’alba di venerdì sulla statale Aurelia al km 35, che ha tenuto col fiato sospeso Cerveteri nella sua lotta tra la vita e la morte, non c’è l’ha fatta. Oggi presso il Policlinico Gemelli dove era arrivato in gravissime e drammatiche condizioni è deceduto.I suoi genitori hanno dato il consenso per il prelievo degli organi. Leonardo, un ragazzo amato da tutti, stava rientrando da una serata passata con gli amici al Six, dove si inaugurava il primo opening party della stagione, quando dopo aver accompagnato la fidanzata a Marina di San Nicola è accaduta la tragedia. (SEGUE)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Incidente sull’Aurelia: 20enne di Cerveteri in fin di vita

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – Si aggravano di ora in ora le condizioni del 20enne di Cerveteri, L. R. le sue iniziali, che all’alba di ieri con la sua Ford Focus si è ribaltato finendo fuori strada e andando a schiantarsi sembra contro un albero. Arrivato alle cinque del mattino con l’eliambulanza al Policlinico Gemelli era in coma e con un grave shock emorragico. Sono state immediatamente trasfuse tantissime sacche di sangue. Presentava anche sangue e aria nel torace, un voluminoso edema cerebrale con un quadro neurologico gravissimo, assenza di riflessi e pupille dilatate non reagenti. Però erano ancora preservati alcuni riflessi del tronco. Nell’arco della giornata le sue condizioni si aggravano ulteriormente tanto che non si è ritenuto di procedere ad un intervento neurochirurgico. Le speranze di farcela sembrano appese ad un filo. Sembra che nei fatti sia già in morte cerebrale anche se tecnicamente sarà accertata non appena scomparirà l’ultimo riflesso presente. 
L. R. è un giovane pieno di vita e tanti gli amici e conoscenti increduli per quanto accaduto stanno postando sul suo profilo facebook messaggi di incoraggiamento quali «Forza con il tuo sorriso illuminerai anche questa battaglia e ne uscirai da vincitore»; «tutti con te combatti». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Scarico del carbone, Perello (la Svolta): "Gravissimo quanto sta accadendo"

CIVITAVECCHIA – "Gravissimo quanto sta facendo Enel sulla questione del bando di gara per il carico e scarico del carbone". Si dice preoccupato il consigliere de la Svolta Daniele Perello. "Per la prima volta Enel prova a fare in porto la stessa operazione compiuta in città con le ditte locali – ha aggiunto – per anni Enel, tra commissariamenti e politica di stallo, ha fatto da padrona portando le ditte locali all'estinzione. Oggi ancor peggio prova a compiere i suoi interessi a ribasso anche presso i lavori portuali, con  il totale silenzio da parte dell'amministrazione comunale e degli enti che dovrebbero controllare il servizio come l'autorità portuale .Mettere a gara il servizio senza tutelare la legge 84/94 , senza tutelare i lavoratori (considerati nel punteggio di gara con un voto basso e ben reale ) è del tutto imbarazzante". 

Quanto sta accadendo, secondo il consigliere di opposizione, rischia di mettere fine alla pace sociale da anni presente in porto. "Spero ed auspico che la situazione – ha concluso – sia ancora risolvibile e che le logiche di personalismo vengano messe da parte. Di sicuro saremo qua ,anche trasversalmente, a tutelare ogni interesse dei cittadini di questa città".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tidei: ''Un atto gravissimo lasciare la dichiarazione di dissesto all’amministrazione entrante''

SANTA MARINELLA – Il candidato sindaco del centro sinistra Pietro Tidei torna sul problema relativo al bilancio consuntivo approvato dal Commissario Prefettizio. “Il Commissario straordinario del Comune – dice Tidei – ha deliberato lo schema di rendiconto relativo alla gestione 2017. Il documento, come sapevamo, evidenzia un risultato di esercizio rappresentato da un disavanzo di 15milioni di euro. Lo stesso Commissario, incarica l’organo di revisione contabile comunale, di predisporre una relazione sul rendiconto e sul programma finanziario dell’anno in corso mai approvato, che dai dati a noi noti presenta già un saldo negativo di oltre tre milioni di euro, lasciando in questo modo alla prossima amministrazione comunale l’onere di dichiarare il dissesto. E’ una perdita di tempo, una declinazione di responsabilità che rappresenta un aggiramento delle norme che consente al Commissario la possibilità di non assumersi responsabilità in merito ad atti sui quali ha messo le mani da sei mesi, per consentire a tutti gli sfascisti di Bruno Ricci, di essersi presentati ancora agli elettori senza macchia alcuna, dopo il disastro che hanno provocano in anni di incuria ed incapacità amministrativa. E’ certificato un disavanzo di oltre 15 milioni di euro, è certificato un disequilibrio di oltre tre milioni di euro nel bilancio corrente e il Commissario, invece di dichiarare come atto dovuto il dissesto, lascia questo onere a chi verrà dopo di lei. Atto gravissimo che non tollero, la prefettura rappresenta lo Stato, il primo organo sottoposto alla legge che per primo deve provvedere a rispettare la legge e non ad eluderla. In questa vicenda ci troviamo di fronte ad un caso gravissimo di responsabilità che non potrà passare inosservato, nelle sedi opportune».
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###