Buona la prima per la Cpc2005

Prima amichevole ufficiale per le due compagini, il cielo è plumbeo e minaccia pioggia, con un caldo asfissiante sul terreno di gioco che accompagna Cpc2005 e Montalto al Tamagnini. Pronti e via, prime schermaglie senza nessun segno di nota. 
La Cpc2005 sembra avere più benzina nelle gambe in questo avvio e prima che scocchi il decimo passa in vantaggio. 
Spanò arpiona la sfera sulla tre quarti e innesca Ruggiero, questo alla vera prima occasione dei portuali, e sull’out sinistro, dopo una breve serpentina del funambolo civitavecchiese, Ruggiero scarica il sinistro con la palla che supera Quattrotto e finisce nel sacco. Rossi in vantaggio. 
Neanche il tempo di rimettere la sfera al centro che il Montalto arriva al pari. Angelucci ruba una palla sull’out destro e scaglia un tiro verso Di Rauso, nel mezzo c’è Gimmelli che involontariamente devia e mette la sfera alle spalle del portiere: è uno a uno. 
La partita è tattica e non decolla. Prima Ruggiero su punizione, facile la parata, poi Funari, buona la progressione ma fuori tempo il colpo di testa, e dall’altra l’ex De Carli, palo per lui, mettono in apprensione gli estremi difensori. 
Gambe imballate e si vede lontano un miglio, serve solo trovare la continuità in queste uscite. 
Al 20’ è però Spanò a riportare i portuali avanti, rimpallo che lo favorisce sulla tre quarti e con pallonetto, che non lascia scampo, supera Quattrotto: due a uno. 
Finisce in pratica qui la prima frazione con la pioggia che inizia a cadere smorzando l’afa. 
Ripresa al piccolo trotto, tante le trame e poche le occasioni, con il Montalto che però arriva al pari dopo poco, Nunziata non arpiona bene la sfera e Fanciulli è lesto a insaccare: due a due. Tatticismo e qualche occasione accompagnano la gara fino allo scadere, ma sul fischio finale Gallo mette nel mezzo una palla troppo invitante per Lipparelli che non fallisce l’appuntamento: tre a due.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Consapevoli del nostro valore, voleremo in alto»

Con Caronte che in questi giorni sembra accompagnare all’Inferno l’intera penisola italica, allo stesso tempo tende la mano ai giocatori portuali nella doppia seduta, con le energie che vengono meno ad ogni passo sotto i trenta gradi del manto erboso del Tamagnini, la Cpc2005 getta le basi fisico-tattiche per questa stagione. 
Prevale lo spirito di sacrificio, nella concentrazione dei nuovi schemi, che mister Caputo e il suo staff stanno provando e riprovando in vista dell’esordio stagionale del 2 settembre. 
Nel mezzo anche alcune amichevoli che testeranno i progressi e metteranno minuti utili nelle gambe dei giocatori. 
Di questo ha parlato capitan Marco Bevilacqua, uno dei pochi rimasti dopo il terremoto provocato nella rosa dal direttore sportivo Sandro Fabietti.
Tante le facce nuove all’avvio di questa stagione, com’è stato l’approccio con loro e com’è lo spirito del gruppo in questo periodo di fatica della preparazione?
«I “nuovi” si sono inseriti bene in questa loro nuova realtà. Se da una parte parliamo sotto l’aspetto tecnico penso che non c’è bisogno di presentazioni, visto che sappiamo tutti il loro valore, mentre se parliamo dell’aspetto umano posso dire che sono ragazzi intelligenti e seri, che di calciano ne sanno. Stiamo creando un bel gruppo e questo per un gioco di squadra è la base ad ogni successo».
Passiamo al tecnico. Ritrova il mister dopo qualche anno di soddisfazioni che vi siete tolti insieme. È cambiato nel modo di allenare o è sempre il Caputo meticoloso che tutti conosciamo?
«Ritrovare il mister è stato veramente un piacere, è rimasto il mister meticoloso che ricordavo e tutti conosciamo, che sa usare carota e bastone nei momenti giusti. L’affiancamento di De Luca e Macaluso darà sicuramente i suoi frutti, perchè tanto possono darci sia sotto l’aspetto umano che sportivo».
Partiamo dal fatto che quest’anno si inizia la stagione senza proclami, ma allo stesso tempo con la voglia di fare bene. Parliamo invece della nuova sede che ha la Cpc2005?
«Sono molto contento per quel che riguarda il campo. Il Fattori portava solo dolori fisici e troppi infortuni. Per quello che riguarda l’anno che verrà sappiamo tutti il nostro valore, ma adesso bisogna pedalare e basta gettando delle basi concrete per la stagione. Solo il campo ci dirà a maggio se in questo periodo abbiamo lavorato bene o no».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vertikal Ring: trionfo di coppia per Mariuzzo e Feltre

La prima domenica di luglio è stata archiviata ancora all’insegna delle soddisfazioni per la Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini con i propri atleti che hanno dimostrato il loro valore sui campi gara in ogni parte della penisola.
Il colore verde fluo del team altolaziale ha brillato in Friuli Venezia Giulia a Tarcento in occasione della Vertikal Ring, un’originale gara a coppie in mountain bike che ha visto il trionfo assoluto di Gianfranco Mariuzzo e di Michele Feltre nonché primi di categoria tra i master 5 e i master 6.
Alla Granfondo dei Monti Ernici ad Alatri si sono messi in luce ottimamente Daniele Tulin (quinto tra i master 3) e Mauro Iacobini (undicesimo tra i master 3). Per Tulin la soddisfazione è stata doppia per aver vinto ufficialmente il circuito delle Terre Ciociare prendendo parte a tutte le prove in calendario.
Santa Marinella presente anche alla Maratona delle Dolomiti con Libero Ruggiero, l’unico del team a mettere nelle gambe 138 chilometri e 4230 metri di dislivello scalando Pordoi, Sella, Campolongo, Falzarego, Gardena, Valparola e Giau, salite storiche del Giro d’Italia: la sua fatica è stata premiata onorevolmente con il 138°posto di categoria tra i master 3 con il tempo di 7 ore e 14 minuti.
Un’altra buona prestazione su strada per Pierluigi Stefanini al via in Umbria del Trofeo Città di Alviano dove ha colto l’ottavo posto assoluto e il terzo di categoria tra i master 5.
Impegno nell’enduro per Jeferson Benato: la partecipazione alla Cervaro Enduro Race è stata condizionata da una caduta e da un incidente meccanico che gli hanno precluso la possibilità di piazzarsi nei quartieri alti della classifica assoluta.
La Mtb Santa Marinella ha inanellato ancora successi e piazzamenti che gratificano tutto il lavoro svolto in questa prima parte della stagione per la felicità del suo presidente Stefano Carnesecchi e degli sponsor che hanno riposto fiducia nel progetto Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini per tutto il 2018.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mtb Santa Marinella bene su strada e fuoristrada

Ancora un fine settimana a tinte verdefluo e ricco di soddisfazioni per la Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini che ha ottenuto risultati di riguardo in ben undici manifestazioni in cinque regioni d’Italia (Lazio, Veneto, Toscana, Umbria e Trentino-Alto Adige). Di gara in gara e negli ultimi anni il team santamarinellese si dimostra sempre competitivo in tutti i terreni dalla mountain bike al ciclocross, passando per le gare endurance ed anche la strada.
Grande prova di testa, gambe e coraggio per l’unico atleta della formazione altolaziale al via della Hero Sudtirol Dolomites: Stefano Cibelli è riuscito a coprire gli 86 chilometri in 7.40’12”, nonché onorato di essere presente con la maglia della Mtb Santa Marinella tra i 4018 biker da tutto il mondo.
Tenacissima Ilaria Balzarotti che, in sella alla sua mountain bike, è riuscita a dare il meglio in una 24 ore su strada: alla Dolomitics 24 con partenza ed arrivo a Tesero ha messo nelle proprie gambe 270 chilometri e ben 12000 metri di dislivello complessivo classificandosi al terzo posto tra le solitarie anche se frenata da problemi meccanici alla ruota nel percorrere le ultime 6 ore di gara.
Ancora mountain bike al Gran Premio Città di Conegliano dove Gianfranco Mariuzzo ha dettato nuovamente legge con la vittoria nella categoria master 5 e il rafforzamento del primato di categoria in seno al circuito Veneto Cup.
A Zagarolo secondo posto tra i master 4 per Edmondo Belleggia al Memorial Alessandro Loreti, per Caterina Ameglio è arrivato un quarto posto tra le donne master alla XC di Benabbio mentre Massimiliano Chiavacci è stato impegnato alla XC di Vetralla dove ha ottenuto il settmo posto tra i master 3.
A Latina di scena Massimo Negossi e Antonella Casale alla 6 Ore delle Terre Pontine ottenendo una più che soddisfacente terza posizione mentre Jeferson Benato ha marcato la presenza nella prova del circuito Toscano Enduro Series con il 14°posto assoluto e l’ottavo di categoria élite sport.
Ancora stradisti all’opera con Pierluigi Stefanini a Montepescali dove si è classificato in 17°posizione assoluta e secondo di categoria gentlemen 1; nuovo impegno a cronometro per Gianluca Magnante al Memorial Lino La Noce disputato a Colleferro nel quale si è classificato secondo tra gli élite sport e quindicesimo assoluto. Ad Amelia, protagonista mancato alla Granfondo dei Colli Amerini il biker Diego Antimi che ha dovuto abbandonare la gara per problemi meccanici.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Incidente sulla A12: almeno un ferito

LADISPOLI – Brutto incidente questo pomeriggio sulla A12 Roma- Civitavecchia tra Santa Severa e Cerveteri-Ladispoli. Da una prima sommaria ricostruzione un'auto avrebbe impattato contro un'altra macchina causando un incidente a catena. Sul posto la Polizia stradale e un'ambulanza. A quanto pare, infatti, si sarebbe registrato un ferito. Si tratterebbe di una donna. Code tra Cerveteri e Santa Severa.Seguono aggiornamenti

AGG. 21/06 ORE 19.10 Secondo una prima ricostruzione, sembrerebbe che due auto si sarebbero sfiorate. I due conducenti si sarebbero accostati lungo la carreggiata per valutare i danni. Nel frattempo però da quanto emerge è sopraggiunto un mezzo pesante che avrebbe urtato le auto ferme andando a colpire, nell'urto anche altri autoveicoli in transito. A causa dello spostamento d'aria, uno dei due conducenti delle auto in sosta, (una donna) sarebbe stata sbalzata sulla cunetta che costeggia la corsia. Da quanto emerge, oltre a contusioni varie, avrebbe riportato la frattura di entrambe le gambe. Sul posto anche l'elisoccorso per il trasporto in ospedale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ballottaggio Santa Marinella, Befani: "Dal centrodestra suggestivo approccio ai problemi della città"

SANTA MARINELLA – "Contrordine, non è vero che Bruno Ricci sia un inesperto. Esperienza ne ha fatta e forse è stato scelto anche per questo. Sul sito internet della Fondazione Cariciv il suo nome è tra i componenti del board dell’Ente, organo con funzioni di controllo ed indirizzo delle attività della Fondazione medesima. A prescindere da importanti profili di incompatibilità tra la funzione di consigliere di amministrazione di una Fondazione bancaria territoriale e l’eventuale carica di Sindaco che andremo ad approfondire nelle opportune sedi, è suggestivo l’approccio che il centrodestra vuol dare ai problemi di questa distrutta Città".

Lo afferma Patrizia Befani candidata consigliere del Comune di Santa Marinella.

"L’Ente, che sino a qualche tempo fa aveva una robusta dotazione finanziaria residuata dallo spinoff che ha separato il patrimonio della Fondazione stessa da quello della Cassa di Risparmio di Civitavecchia dalla quale ha avuto origine, – afferma la sostenitrice del candidato sindaco Pietro Tidei –  aveva come scopo istituzionale quello di sollevare e aiutare le iniziative artigianali, di piccola imprenditoria del territorio ma soprattutto di sovvenzionare, senza ritorno alcuno, le iniziative culturali ed assistenziali di un territorio altrimenti arido e povero come il nostro. Praticamente la Fondazione era il polmone sano che doveva contribuire a fare da stampella quando il volontariato, la sanità, la scuola o le Istituzioni non riuscivano a raggiungere scopi importanti con le loro sole gambe. Poi questo Consiglio di amministrazione, nel quale siede il simil commercialista che vorrebbe farsi sindaco, ha avuto alcune idee geniali, tra le quali quella di andare ad investire il proprio intero patrimonio in Svizzera, dove ha subito un’ingente depauperamento, pare a seguito di una truffa. Senza necessità di andare tanto lontano però alcune operazioni imbevute di familismo quali quella di Mecenate Tv e della scuola di piazza Verdi, hanno lasciato il segno, generando perdite che hanno dissestato il patrimonio della Fondazione ma non hanno però intaccato le prebende di questi solerti ed avveduti amministratori, tra i quali lo stesso candidato sindaco di Santa Marinella, che percepisce sempre il medesimo compenso mentre le erogazioni della fondazione si sono ridotte al lumicino, molte erogazioni già deliberate sono state ritirate, fino a mettere in dubbio la necessità di mantenere in vita un Ente che serve solo a giustificare con le esigue sovvenzioni che somministra la messe di stipendi che paga".

"Ecco che tipo di esperienza ha maturato Bruno Ricci, – conclude la Befani – la coltivazione dei bilanci in perdita, esperienza che ora vuole trasferire anche nel Comune di Santa Marinella. Qui però una nomina dall’alto non basterà a farlo sedere sulla poltrona a cui aspira, servirà il consenso della gente che è ora più che mai orientata e decisa a voltare pagina".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Befani: "Dal centrodestra suggestivo approccio ai problemi della città"

SANTA MARINELLA – "Contrordine, non è vero che Bruno Ricci sia un inesperto. Esperienza ne ha fatta e forse è stato scelto anche per questo. Sul sito internet della Fondazione Cariciv il suo nome è tra i componenti del board dell’Ente, organo con funzioni di controllo ed indirizzo delle attività della Fondazione medesima. A prescindere da importanti profili di incompatibilità tra la funzione di consigliere di amministrazione di una Fondazione bancaria territoriale e l’eventuale carica di Sindaco che andremo ad approfondire nelle opportune sedi, è suggestivo l’approccio che il centrodestra vuol dare ai problemi di questa distrutta Città".

Lo afferma Patrizia Befani candidata consigliere del Comune di Santa Marinella.

"L’Ente, che sino a qualche tempo fa aveva una robusta dotazione finanziaria residuata dallo spinoff che ha separato il patrimonio della Fondazione stessa da quello della Cassa di Risparmio di Civitavecchia dalla quale ha avuto origine, – afferma la sostenitrice del candidato sindaco Pietro Tidei –  aveva come scopo istituzionale quello di sollevare e aiutare le iniziative artigianali, di piccola imprenditoria del territorio ma soprattutto di sovvenzionare, senza ritorno alcuno, le iniziative culturali ed assistenziali di un territorio altrimenti arido e povero come il nostro. Praticamente la Fondazione era il polmone sano che doveva contribuire a fare da stampella quando il volontariato, la sanità, la scuola o le Istituzioni non riuscivano a raggiungere scopi importanti con le loro sole gambe. Poi questo Consiglio di amministrazione, nel quale siede il simil commercialista che vorrebbe farsi sindaco, ha avuto alcune idee geniali, tra le quali quella di andare ad investire il proprio intero patrimonio in Svizzera, dove ha subito un’ingente depauperamento, pare a seguito di una truffa. Senza necessità di andare tanto lontano però alcune operazioni imbevute di familismo quali quella di Mecenate Tv e della scuola di piazza Verdi, hanno lasciato il segno, generando perdite che hanno dissestato il patrimonio della Fondazione ma non hanno però intaccato le prebende di questi solerti ed avveduti amministratori, tra i quali lo stesso candidato sindaco di Santa Marinella, che percepisce sempre il medesimo compenso mentre le erogazioni della fondazione si sono ridotte al lumicino, molte erogazioni già deliberate sono state ritirate, fino a mettere in dubbio la necessità di mantenere in vita un Ente che serve solo a giustificare con le esigue sovvenzioni che somministra la messe di stipendi che paga".

"Ecco che tipo di esperienza ha maturato Bruno Ricci, – conclude la Befani – la coltivazione dei bilanci in perdita, esperienza che ora vuole trasferire anche nel Comune di Santa Marinella. Qui però una nomina dall’alto non basterà a farlo sedere sulla poltrona a cui aspira, servirà il consenso della gente che è ora più che mai orientata e decisa a voltare pagina".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mtb S. Marinella: prima storica vittoria in una 24 ore su strada

Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini alla ribalta su più specialità e in diverse regioni d’Italia (Lazio, Veneto e Friuli) nello scorso fine settimana. La squadra ha dato prova del proprio valore anche in una 24 ore su strada che si è disputata a Sacile in occasione della tappa di Ultracycling Italia. Ad ottenere il miglior risultato sono stati Libero Ruggiero e Claudio Pellegrini, esperti del team santamarinellesi nelle gare endurance fuoristrada ma debuttanti nella versione strada e con esito più che positivo nella città sacilese che è anche quella natale di Ruggiero. Sulle strade di casa Ruggiero è stato autore di un’ottima performance insieme al compagno di squadra Pellegrini dominando la corsa su un giro lungo di 30 chilometri con 7200 metri di dislivello complessivi e 720 chilometri nelle gambe. Le prime sei ore di corsa sono state archiviate sotto la pioggia: dandosi il cambio a turno ogni 1-2 giri Ruggiero e Pellegrini hanno raggiunto l’obiettivo con tanta fatica, ottenuto il primato assoluto di giri (24) e rappresentando con orgoglio la Mtb Santa Marinella come unico team da due insieme agli altri 28 partenti come solitari. Sempre su strada, primo impegno stagionale per Michele Feltre al via della Granfondo del Centenario a Montebelluna e portato a termine in 131.ma posizione assoluta e nono tra i master 6. Altro importante appuntamento archiviato nel recente fine settimana la Granfondo Mtb Mare e Monti a Civitavecchia che ha fatto registrare gli svariati piazzamenti ottenuti da Diego Antimi (quinto tra i master 1) e Stefano Cibelli (19° tra i master 4) nel percorso lungo, Giacomo Ragonesi (secondo tra gli juniores),  Lorenzo Borgi (secondo tra i master 6), Angelo Ciancarini (quarto tra i master 6), Mauro Iacobini (undicesimo tra i master 3), Marco Becattini (17° tra i master 4), Pierluigi Possenti (23° tra i master 4), Marco Ghironi (34° tra i master 4) e Andrea Somma (29°tra i master 3) in quello corto. Ancora mountain bike in terra veneta per Gianfranco Mariuzzo vittorioso nella categoria master 5 al Trofeo Laghetti Blu così come per Manuel Piva a segno tra i master 2 a Massanzago nella prova valevole per il Giro del Veneto Acsi.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mtb Santa Marinella: a Sacile prima storica vittoria in una 24 ore su strada

Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini alla ribalta su più specialità e in diverse regioni d’Italia (Lazio, Veneto e Friuli) nello scorso fine settimana. La squadra ha dato prova del proprio valore anche in una 24 ore su strada che si è disputata a Sacile in occasione della tappa di Ultracycling Italia. Ad ottenere il miglior risultato sono stati Libero Ruggiero e Claudio Pellegrini, esperti del team santamarinellesi nelle gare endurance fuoristrada ma debuttanti nella versione strada e con esito più che positivo nella città sacilese che è anche quella natale di Ruggiero. Sulle strade di casa Ruggiero è stato autore di un’ottima performance insieme al compagno di squadra Pellegrini dominando la corsa su un giro lungo di 30 chilometri con 7200 metri di dislivello complessivi e 720 chilometri nelle gambe. Le prime sei ore di corsa sono state archiviate sotto la pioggia: dandosi il cambio a turno ogni 1-2 giri Ruggiero e Pellegrini hanno raggiunto l’obiettivo con tanta fatica, ottenuto il primato assoluto di giri (24) e rappresentando con orgoglio la Mtb Santa Marinella come unico team da due insieme agli altri 28 partenti come solitari. Sempre su strada, primo impegno stagionale per Michele Feltre al via della Granfondo del Centenario a Montebelluna e portato a termine in 131.ma posizione assoluta e nono tra i master 6. Altro importante appuntamento archiviato nel recente fine settimana la Granfondo Mtb Mare e Monti a Civitavecchia che ha fatto registrare gli svariati piazzamenti ottenuti da Diego Antimi (quinto tra i master 1) e Stefano Cibelli (19° tra i master 4) nel percorso lungo, Giacomo Ragonesi (secondo tra gli juniores),  Lorenzo Borgi (secondo tra i master 6), Angelo Ciancarini (quarto tra i master 6), Mauro Iacobini (undicesimo tra i master 3), Marco Becattini (17° tra i master 4), Pierluigi Possenti (23° tra i master 4), Marco Ghironi (34° tra i master 4) e Andrea Somma (29°tra i master 3) in quello corto. Ancora mountain bike in terra veneta per Gianfranco Mariuzzo vittorioso nella categoria master 5 al Trofeo Laghetti Blu così come per Manuel Piva a segno tra i master 2 a Massanzago nella prova valevole per il Giro del Veneto Acsi.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Circolo Canottieri super ai Regionali

Il Circolo Canottieri di Civitavecchia con i suoi ragazzi fa man bassa di medaglie e titoli regionali a Sabaudia. Semplicemente unico quanto avvenuto al Lago Paola in uno scenario sportivo tra i più importanti per questo movimento giovanile. 
Un manipolo di ragazzi guidati dall’allenatore Franco Tranquilli, col sudore di una stagione solo un lontano ricordo nelle vogate, che hanno portato in alto il nome del Circolo Canottieri Civitavecchia e di quella civitavecchiesità che li rappresenta appieno. Perché se non si è segnata la storia poco c’è mancato. 
Tra le tante difficoltà di questo sport, sia sul piano fisico che delle strutture presenti in città, hanno sconfitto società storiche di questo mondo sportivo. Più di settecento atleti hanno colorato la vetrina della manifestazione, con l’Esercito Italiano, le Fiamme Gialle, il Circolo Canottieri Aniene, il Circolo Canottieri Roma e il Circolo Canottieri Lazio, indiscusse protagoniste di un movimento che gli appartiene, che sono rimaste a guardare i nostri ragazzi sul podio di alcune categorie. Risultato che inorgoglisce e che dà alle corse del dopo scuola per gli allenamenti, ai compiti fatti la sera tra la stanchezza di braccia e gambe e soprattutto a quella voglia di faticare per primeggiare, un sapore d’altri tempi sportivi a questi ragazzi e alla loro guida Franco Tranquilli.  
Titoli e campioni regionali andati a Alessandro Paolucci e Federico Foschi nel Doppio categoria ragazzi; Alessandro Paolucci, Federico Foschi, Edoardo Azoitei e Matteo Lisiola nel 4 di coppia Categoria ragazzi; Giordano Floris nella categoria Allievi B2 con l’imbarcazione 7,20 metri.
Predominanti le incoraggianti e altre posizioni nella graduatoria finale raggiunte dagli altri ragazzi. Pregevoli e superbi i secondi posti ottenuti nel “2 senza” della categoria Cadetti da Gabriele Lisiola e Giuseppe Corati, e da Michele Pizzichelli nel Singolo della categoria Junior.  Alessio Gualtieri alla prima gara nel singolo è invece giunto sesto nella categoria Cadetti, mostrando il piglio giusto per un suo futuro sportivo da protagonista. 
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###