Ladispoli, al quartiere Messico ''Piazza Franco Cuccu''

LADISPOLI – Lo storico campetto del quartiere Messico, annesso al nuovo ponte pedonale sul fosso Sanguinara che unisce la zona con il quartiere Faro, sarà dedicato a Franco Cuccu, ex consigliere comunale, "figura storica che ha contribuito a far crescere e sviluppare il quartiere Messico stesso". La proposta è arrivata ieri dal Pd locale ed è stata accolta dal consiglio comunale che ha detto sì alla mozione presentata. "Il Partito democratico di Ladispoli – scrivono – al fianco della vera storia di Ladispoli, quella da conservare e valorizzare. Convinzione ulteriormente rinnovata nella giornata di ieri in occasione del Consiglio comunale, convocato per discutere le mozioni. Una di esse è stata formulata e presentata dal gruppo consiliare Pd, nella quale si è voluto unire il pregio della memoria alla virtù del rinnovato valore dei luoghi, proponendo di ridare dignità allo storico campetto del quartiere "Messico", annesso al nuovo ponte pedonale sul fosso Sanguinara che unisce la zona con il quartiere Faro, dedicando e intitolando il sito a Franco Cuccu". 

"La proposta nella forma Piazza Franco Cuccu, è stata accolta e votata all'unanimità da tutto il consiglio comunale. Il Partito democratico – hanno concluso i dem – considera questo gesto "tutto" l'atto con il quale il passato di Ladispoli e della sua comunità sono ricollocati nel giusto modo, un piccolo quanto grande gesto per una persona importante per la crescita della città in ogni suo spazio di vita, la vera storia di salvaguardia".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pas: Andrea Rigoni nuovo amministratore

CIVITAVECCHIA – Come era stato ampiamente anticipato, è Andrea Rigoni il nuovo amministratore della Pas, la Port Authority Security, così come ufficializzato nel decreto di nomina firmato dal presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno centro settentrionale Francesco Maria di Majo. Il bando di selezione è stato pubblicato il 28 marzo scorso ed il 18 maggio la commissione esaminatrice aveva già individuato in Rigoni la figura più idonea a ricoprire il delicato incarico, per i requisiti e l’esperienza professionale maturata. Due mesi e alla fine il 62enne originario del Veneto ha sciolto la riserva ed accettato l’incarico, chiamato a ricoprire per tre anni. 
Rigoni andrà ad affiancare il direttore tecnico Vincenzo Conte. Dopo il bando per la nomina, appena insediato Di Majo, dell’amministratore di Pas, in un primo momento vinto dall’ex generale dei Carabinieri Giancarlo Paoletti, che poi rinunciò subito all’incarico, a guidare la società arrivò, ad aprile 2017, un altro ex generale dell’Arma, anche lui con un curriculum di altissimo livello (è stato tra l’altro anche direttore della sicurezza e vice presidente di Eni), Umberto Saccone. Oggi Rigoni prende il posto di quest’ultimo, per un compenso annuo lordo di poco meno di 60mila euro. 
Il nuovo amministratore della Pas dovrà fare subito i conti con l’approvazione del bilancio, questione che si sarebbe dovuta chiudere diversi mesi fa. Il lavoro, sicuramente, non mancherà per sistemare alcune situazioni pregresse e dare nuovo slancio alla società. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

M5S:  ''Distanti  da chi vede il nuovo in vecchi amministratori''

S. MARINELLA – «In occasione del primo consiglio comunale, di nuovo si è respirato davvero poco». Questa la prima impressione dei responsabili del Movimento Cinque Stelle locale, che critica le scelte del sindaco Tidei di portare in maggioranza alcuni esponenti della vecchia giunta targata centrodestra. “Il primo cittadino – continuano – è partito apparentemente propositivo e aperto a nuove dinamiche, proponendo la presidenza del consiglio comunale, figura istituzionale e di garanzia del corretto svolgimento delle sedute e di norma super partes, alle opposizioni, per poi proporre nel ruolo, in una discrasia politica, Roberto Marongiu, seduto sì nei banchi della minoranza, ma assessore uscente della Giunta Bacheca e di quelle degli ultimi 22 anni. A nulla sono valsi i dissensi roboanti del pubblico presente nella Sala Flaminia Odescalchi quando, tra i nomi della nuova Giunta, è suonato quello di Emanuele Minghella, ex delegato al bilancio della precedente fallimentare amministrazione. Se è questo quello che Pietro Tidei intende per nuovo, siamo davvero distanti”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Veronica Novelli di scena al Mondiale di Asiago-Roana

C’è tanta Cv Skating nella Nazionale femminile che giocherà i Mondiali di hockey in line di Asiago-Roana, in scena da domani a sabato 21 luglio. La civitavecchiese Veronica Novelli, cresciuta sportivamente nel vivaio locale, parteciperà al suo secondo Mondiale. In rosa anche tante ‘‘Sniperine’’ come coach Gavazzi, Eleonora Raia, Federica Ercolani, Martina Succi. Senza considerare Giulia Terelle e Letizia Barocci, nella Nazionale junior femminile. Tutte atlete che hanno svolto con grande ardore il campionato femminile con la maglia della Cv Skating. «Siamo molto contenti per Veronica – affermano i dirigenti della Cv Skating – e per le altre ragazze che, messesi in evidenza con i nostri colori, hanno conquistato il loro primo Mondiale. Il settore femminile è un qualcosa a cui teniamo molto, al pari delle giovanili e della maschile, e siamo contenti che i nostri atleti possano essere di aiuto alla causa azzurra. Siamo certi che faranno tutte una gran bella figura».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Consiglio Santa Marinella, le opposizioni si preparano 

S. MARINELLA – Si avvicina la data del primo consiglio comunale dell’era Tidei, e si continua a dibattere su chi farà parte della giunta esecutiva. Il sindaco, dopo giorni di incontri con alcune delle liste che lo hanno supportato, sembra abbia già trovato la quadra, nonostante alcuni dei gruppi civici che fanno parte della coalizione del centro sinistra ancora non siano stati sentiti dal capo della giunta. Però, a sentire i bene informati, c’è già una lista di nomi che saranno coinvolti in incarichi esecutivi a iniziare dal prossimo martedì. Nomi usciti non solo dalle sei liste che hanno contribuito alla vittoria dell’ex parlamentare, ma anche di aggregati dell’ultimo minuto, nonostante appartenenti all’area politica opposta a quella di Tidei. E’ il caso dell’ex delegato al Bilancio della giunta Bacheca, Emenuele Minghella, che sembra verrà nominato assessore alle Attività produttive, lo stesso discorso riguarda il presidente del consiglio comunale che verrà assegnato a Roberto Marongiu, ex assessore nella precedente giunta e che Tidei metterà a presiedere il consiglio, così come aveva annunciato durante l’ultimo comizio prima del ballottaggio. Non ha invece accettato la delega alla Pubblica istruzione la professoressa Velia Ceccarelli, proveniente dalla lista Il Paese che Vorrei del candidato sindaco Casella, che ha affermato che non farà sconti alla nuova amministrazione nonostante abbia invitato i suoi sostenitori a votare secondo coscienza. Chi invece non approva le scelte che si stanno consumando in questi giorni da parte del sindaco Tidei, è l’ex candidato della lista Ricci e rappresentante di Forza Italia Paolo Roberto Galli, che dopo aver fatto i complimenti al neo primo cittadino per il successo, dice che prima di esternare giudizi attende «le varie proposte che farà Tidei – afferma Galli – di certo saremo un’opposizione attenta per quanto mi riguarda, soprattutto, su due tematiche a me care come la scuola e il diritto allo sport. Vedremo anche cosa accadrà lunedì al consiglio comunale, soprattutto per quanto riguarda l’elezione di una figura importante come il presidente del consiglio comunale che, da articoli di stampa, dovrebbe essere Roberto Marongiu. Ricordo le parole del candidato sindaco Tidei in cui proponeva la carica in questione alle opposizioni, siamo sicuri che le opposizioni o comunque la maggioranza di esse, sono pronte a sostenere la candidatura di Marongiu? Spero che lo spirito di collaborazione tanto paventato a destra torni ad esserci lunedì, altrimenti l’inizio non è dei migliori». Sul presidente del consiglio interviene anche Bruno Ricci che suggerisce di lasciare la designazione alle opposizioni, con il sindaco Tidei che però gli ricorda che decide l’assemblea.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Toma (FI): «I fischi leghisti? Inattesi, su Silvio ho dovuto cambiare toni»

Il presidente della Regione Molise a Pontida è stato fischiato per aver evocato la figura di Berlusconi. «Ormai è storia e mi è sembrato doveroso ricordarlo»

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Consulta dei sindaci: buona l’idea, ma non ne eravamo a conoscenza''

MONTALTO – «Buona l’idea del sindaco di Sutri  Vittorio Sgarbi di istituire una consulta dei sindaci della Tuscia. Una esperienza e una iniziativa che comunque i comuni già conoscono perché intrapresero da anni con successo, sotto altre forme».  Lo dichiara il sindaco di Montalto di Castro Sergio Caci a seguito degli articoli apparsi sui giornali locali di questi giorni. Sgarbi ha incontrato i primi cittadini del viterbese conferendo l’incarico di presidente della consulta al sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti. «Peccato, però – aggiunge Sergio Caci – che il Comune di Montalto di Castro non sia stato mai contattato da tale nuovo organismo. Per la figura del presidente, stupisce la scelta, evidentemente unilaterale. Un ex candidato alla Regione con Zingaretti che, nella passata legislatura, ha poco investito in cultura e turismo, soprattutto nella Tuscia. E ancora indicato da una delle competitor al ballottaggio viterbese di domenica prossima, come assessore comunale. Ebbene – continua il sindaco Sergio Caci – con il Comune di Viterbo, che dovrà essere principale membro della consulta, tale offerta potrebbe andare in contrasto con la presidenza assegnata a Bigiotti, e tale decisione sembra più una evidente mossa elettorale organizzata ad arte. In attesa di essere contattato e di scegliere insieme il presidente della Consulta – conclude Sergio Caci – rimango come sempre a disposizione per lo sviluppo turistico della Tuscia, sul quale stiamo lavorando da diversi anni».
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Appello al voto dei sostenitori di Bruno Ricci: ''Noi siamo per il fare''

S. MARINELLA – «Il tiro al bersaglio si è intensificato da qualche giorno. Tidei con la sua banda stanno offrendo il peggio di loro con volantini, articoli stampa, puntando  a screditare la figura di Bruno Ricci e continuando ad insistere sugli unici temi della loro campagna elettorale: attaccando spregiudicatamente, tentando prima di allettare gli stessi nostri candidati e sostenitori con promesse per poi, se resistono, infangarli». Così i sostenitori del candidato sindaco del centrodestra Bruno Ricci che con l’aspirante primo cittadino fanno un ultimo appello al voto. «Conosciamo bene questi schemi – dicono i sostenitori di Ricci – Nessuno darà loro credito, non ci preoccupano e siamo sereni. Noi siamo per il fare, in silenzio, puntando sull’empatia con le persone e sui nostri obiettivi, a vantaggio della città, senza offendere gli altri, inventando storie non credibili per oltraggiare il prossimo, anche se nostro avversario. Bruno Ricci non ne ha bisogno. Ognuno si qualifica per come si comporta, le parole infamanti o meno che siano, se le porta via il vento. Il modo di fare campagna elettorale e politica di Tidei e dei suoi addetti aggressivo e irrispettoso è lo stesso modo con cui hanno promesso cose irrealizzabili in città, con cui tentano di abbindolare gli elettori, che non sono così ingenui e non amano le aggressioni e l’animosità. Questo è il loro biglietto da visita. Non possiamo credere che i santamarinellesi vogliano premiare questo atteggiamento, anzi siamo sicuri che  siano davvero stanchi e disillusi da queste modalità di comportamento, da polemiche create ad arte e discussioni sterili. Sono vecchie e squalificanti  tecniche politiche tanto amate dal nostro avversario». «E come sa comportarsi Tidei lo sappiamo bene, non c’è alcuna necessità che lo ricordiamo. È stato allontanato da tutti i Comuni del circondario dove ha tentato di prendere la poltrona:  sconfitto a Tolfa (da Battilocchio), sfiduciato a Civitavecchia nel 2013, sempre sconfitto a Civitavecchia nel 2014 (da Cozzolino), sfiduciato qui nella stessa Santa Marinella (nel 2007, pensate, dagli stessi che ora lo sostengono ancora), vorranno i nostri concittadini riprenderselo, di nuovo ? Non crediamo proprio. Come mai le sue amate città, nostre confinanti, avrebbero fortemente deciso di fare a meno di cotanta bravura e saggezza ?!  Non intendiamo ribattere a scempiaggini, che si smentiscono da sole,  faremo silenzio a seguito di questo comunicato invitando solamente i  NOSTRI concittadini a scegliere a quale  tipo di sindaco  intendono affidare il governo della città: a RICCI del CENTRODESTRA  oppure al candidato PD; ma anche al BRUNO RICCI  nato, vissuto e operante a Santa Marinella oppure ad un opportunista venuto da fuori e senza scrupoli; a BRUNO una persona corretta e nuova alla politica o ad un chiacchieratissimo veterano del vecchio modo di fare e intendere il ruolo pubblico.  CARI AMICI VI ESORTIAMO AD ANDARE A VOTARE IL 24 GIUGNO,  VOTIAMO RICCI".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Vecchia riparte dal senso d'appartenenza

di MATTEO CECCACCI

Anora novità in casa Civitavecchia Calcio 1920: dopo l’ufficializzazione di Andrea Rocchetti alla guida della prima squadra e l’ingresso di Marcello Smacchia come consigliere, ieri è stata la volta di Primo Petronilli, il quale andrà a ricoprire il doppio ruolo di direttore sportivo e general manager.
«L’emozione – spiega la storica figura civitavecchiese – è tanta, questa chiamata mi fa ripercorrere molti anni in nerazzurro. Un’opportunità in un momento particolare del Civitavecchia. Una sfida importante. Daremo risalto alle nostre nuove leve, elementi che possono essere lanciati in prima squadra. Vogliamo creare un gruppo di giocatori locali, anche per ricreare quel sentimento di attaccamento ai colori in campo. La civitavecchiesità sarà motivo di orgoglio e una ragione per dare sempre un pizzico di più». (Agg. 18/06 ore 16.50 SEGUE)

Il presidente Iacomelli esalta la figura di Petronilli – Ha parlare dell’ultimo arrivato in casa Civitavecchia, il presidente Ivano Iacomelli: «Cercavamo qualcuno che rappresentasse al meglio la civitavecchiesità e Primo è l’uomo giusto. Ricoprirà due importanti cariche. Una figura che si porrà tra squadra, dirigenza e pubblico. Tanti giovani volevano lasciare, ma dopo la chiacchierata con lui, hanno subito cambiato idea. Sarà il dirigente che parlerà di calcio a giornalisti e città». (Agg. 18/06 ore 18.07 SEGUE)

Il nuovo tecnico Andrea Rocchetti lancia il progetto giovani – In una giornata così importante non potevano mancare le dichiarazioni di Andrea Rocchetti. Si sapeva, il suo sogno era quello di allenare la prima squadra, d’altronde dopo quasi una carriera decennale con le compagini della cantera nerazzurra, era il minimo che potesse chiedere, ma il bello è che Rocchetti non ha mai chiesto niente a nessuno, perché la chiamata per dirigere la Vecchia è arrivata all’improvviso dal presidente Ivano Iacomelli. Una notizia che ha reso soddisfatta l’intera società e lo stesso allenatore: «Sono emozionato e felicissimo – spiega il nuovo tecnico del Civitavecchia Calcio 1920 – per la responsabilità e fiducia che mi è stata affidata dal presidente Iacomelli, per me tutto questo era una speranza e un sogno che si è avverato e per questo non posso che essere orgoglioso». Rocchetti si è anche esposto sui principali obiettivi stagionali, dando molta importanza al discorso giovani: «Partiremo con l’intento di mantenere la categoria, poi staremo a vedere come si metteranno le cose durante il tragitto. Daremo una grande importanza ai nostri talenti, perché il progetto è fondato maggiormente sulla valorizzazione e crescita  dei ragazzi, a partire da quelli che già militano in prima squadra arrivando ai numerosi baby della Juniores, ovviamente con l’aiuto dei grandi e degli acquisti di qualità che faremo durante il mercato estivo». L’ex tecnico degli Allievi Elite, con cui ha mantenuto la categoria vincendo ai playout con la Totti Soccer School, è stato autore di altrettante imprese, tra cui la vittoria del campionato con gli Juniores Elite oltre a numerose presenze in manifestazioni di prestigio come il Beppe Viola. Un pezzo da novanta, dunque, che la città di Civitavecchia deve ammirare e stimare sperando soprattutto nell’ottimo lavoro di Andrea Rocchetti che tra poco più di due mesi inizierà l’avventura con il Civitavecchia Calcio: «Lavoreremo bene sia per raggiungere grandi risultati sia per creare quel clima caloroso e festoso di una volta; c’è tanta voglia di riportare i tifosi alla stadio».(Agg. 18/06 ore 19.10)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Vecchia riparte dalla ''civitavecchiesità''

di MATTEO CECCACCI

Anora novità in casa Civitavecchia Calcio 1920: dopo l’ufficializzazione di Andrea Rocchetti alla guida della prima squadra e l’ingresso di Marcello Smacchia come consigliere, ieri è stata la volta di Primo Petronilli, il quale andrà a ricoprire il doppio ruolo di direttore sportivo e general manager.
«L’emozione – spiega la storica figura civitavecchiese – è tanta, questa chiamata mi fa ripercorrere molti anni in nerazzurro. Un’opportunità in un momento particolare del Civitavecchia. Una sfida importante. Daremo risalto alle nostre nuove leve, elementi che possono essere lanciati in prima squadra. Vogliamo creare un gruppo di giocatori locali, anche per ricreare quel sentimento di attaccamento ai colori in campo. La civitavecchiesità sarà motivo di orgoglio e una ragione per dare sempre un pizzico di più». (Agg. 18/06 ore 16.50 SEGUE)

Il presidente Iacomelli esalta la figura di Petronilli – Ha parlare dell’ultimo arrivato in casa Civitavecchia, il presidente Ivano Iacomelli: «Cercavamo qualcuno che rappresentasse al meglio la civitavecchiesità e Primo è l’uomo giusto. Ricoprirà due importanti cariche. Una figura che si porrà tra squadra, dirigenza e pubblico. Tanti giovani volevano lasciare, ma dopo la chiacchierata con lui, hanno subito cambiato idea. Sarà il dirigente che parlerà di calcio a giornalisti e città». (Agg. 18/06 ore 18.07 SEGUE)

Il nuovo tecnico Andrea Rocchetti lancia il progetto giovani – In una giornata così importante non potevano mancare le dichiarazioni di Andrea Rocchetti. Si sapeva, il suo sogno era quello di allenare la prima squadra, d’altronde dopo quasi una carriera decennale con le compagini della cantera nerazzurra, era il minimo che potesse chiedere, ma il bello è che Rocchetti non ha mai chiesto niente a nessuno, perché la chiamata per dirigere la Vecchia è arrivata all’improvviso dal presidente Ivano Iacomelli. Una notizia che ha reso soddisfatta l’intera società e lo stesso allenatore: «Sono emozionato e felicissimo – spiega il nuovo tecnico del Civitavecchia Calcio 1920 – per la responsabilità e fiducia che mi è stata affidata dal presidente Iacomelli, per me tutto questo era una speranza e un sogno che si è avverato e per questo non posso che essere orgoglioso». Rocchetti si è anche esposto sui principali obiettivi stagionali, dando molta importanza al discorso giovani: «Partiremo con l’intento di mantenere la categoria, poi staremo a vedere come si metteranno le cose durante il tragitto. Daremo una grande importanza ai nostri talenti, perché il progetto è fondato maggiormente sulla valorizzazione e crescita  dei ragazzi, a partire da quelli che già militano in prima squadra arrivando ai numerosi baby della Juniores, ovviamente con l’aiuto dei grandi e degli acquisti di qualità che faremo durante il mercato estivo». L’ex tecnico degli Allievi Elite, con cui ha mantenuto la categoria vincendo ai playout con la Totti Soccer School, è stato autore di altrettante imprese, tra cui la vittoria del campionato con gli Juniores Elite oltre a numerose presenze in manifestazioni di prestigio come il Beppe Viola. Un pezzo da novanta, dunque, che la città di Civitavecchia deve ammirare e stimare sperando soprattutto nell’ottimo lavoro di Andrea Rocchetti che tra poco più di due mesi inizierà l’avventura con il Civitavecchia Calcio: «Lavoreremo bene sia per raggiungere grandi risultati sia per creare quel clima caloroso e festoso di una volta; c’è tanta voglia di riportare i tifosi alla stadio».(Agg. 18/06 ore 19.10)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###