Contratti a termine, rischio Natale in bianco con poche assunzioni

Per effetto del decreto Dignità molti eviteranno di assumere solo per le Feste. De Masi: «Dovremmo fare come i tedeschi: lavorare tutti, ma meno ore»

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il castello di Babbo Natale incanta i bambini

SANTA MARINELLA – Il maniero di Santa Severa si trasforma, durante le feste natalizie, nel Magico Castello di Babbo Natale. Inaugurato sabato alla presenza del vice presidente della Regione Lazio Smeriglio, del Sindaco Tidei e del capo di gabinetto del Presidente Zingaretti Ruberti, fino al l 6 gennaio l’antico maniero  diventa un emozionante villaggio natalizio che farà vivere agli ospiti un’esperienza fantastica, anche grazie all’installazione di tantissime luci che illumineranno a festa, cortili e piazze, con scenografie e addobbi a tema natalizio per accogliere, con un caldo abbraccio, famiglie e bambini, appassionati di mercatini natalizi nel magico castello di Babbo Natale. Chi è intenzionato a visitarlo ha la possibilità di trovare altre informazioni al sito: www.ilmagicocastellodibabbonatale.it . “Voglio ringraziare il presidente Zingaretti e il vicepresidente Smeriglio – dice Tidei – che hanno creduto in questa splendida scommessa che nel primo giorno di apertura ha superato le tremila visite. Zingaretti, scommettendo su questo sito, aveva intravisto la possibilità di creare un grandioso polo di sviluppo turistico e storico. Siamo nella terra di approdo dei Fenici, degli Etruschi e dei Romani, una terra quindi ricca di storia che può rappresentare un volano importante per l’economia. Questo castello con le iniziative messe in campo dalla Regione Lazio e da Laziocrea, contribuiscono a destagionalizzare il turismo di questa città che vuole essere viva 365 giorni l’anno”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Natale, Mecozzi: Ancora nessun addobbo a Civitavecchia

CIVITAVECCHIA – Ancora nessun addobbo natalizio a Civitavecchia a solo pochi giorni dalle feste. A lanciare l’allarme è il consigliere comunale del Polo democratico Mirko Mecozzi che torna ad attaccare l’amministrazione a Cinque stelle parlando di una città ridotta ad essere “un fanalino di coda sociale. Lo è per la disoccupazione – tuona il consigliere d’opposizione – per la qualità dell'aria, per le malattie respiratorie, per la mortalità da malattie tumorali, per la qualità dei servizi quali l'acqua, il decoro urbano, la viabilità  e chi più ne ha più ne metta”. 

Un elenco delle molte criticità di Civitavecchia a cui, secondo Mecozzi, vanno ad aggiungersi gli addobbi natalizi. Mancano pochi giorni al Natale e la città non è ancora stata addobbata.     

“Si rammenta che gli addobbi natalizi – continua Mecozzi – da sempre hanno rappresentato e continueranno a rappresentare un messaggio  di amore e serenità tra i popoli del mondo ed è compito di chi amministra vestire gli abiti di messaggeri di pace. Un messaggio che a Civitavecchia tarda ad arrivare – tuona – tra l' indifferenza di chi in questi giorni si sta preoccupando di individuare, tra le proprie fila pentastellate, chi meglio potrà rivestire la carica di Sindaco alle prossime amministrative”. 

Mecozzi spiega come la gente sia in attesa del Natale, soprattutto i bambini, e “di vedere le strade illuminate a festa, le canzoni natalizie riempire l'aria di suoni festosi, i commercianti esporre i loro prodotti in vetrine addobbate, ma questi – conclude il consigliere d’opposizione – sono sogni di altri tempi e non saranno certo quattro lucette appese negli ultimi giorni antecedenti il Natale, si parla del 14 Dicembre, a far si che Civitavecchia indossi il suo abito natalizio”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Viva Tarquinia inaugura la casa di Babbo Natale

TARQUINIA – Natale si avvicina e Tarquinia si prepara per le feste. Lo farà con l’apertura della casa di Babbo Natale l’8 dicembre a piazza Cavour, alle ore 16, a cura dell’associazione Viva Tarquinia.
“Siamo alla decima edizione della casa di Babbo Natale. – sottolinea l’associazione – Una manifestazione che ha trovato sempre più consensi e che anche quest’anno riproponiamo molto volentieri per animare il centro storico della città. La casa sarà visitabile anche il 9 e il 24 dicembre e ogni venerdì, sabato e domenica fino a Natale”.
Nella struttura i bambini scopriranno il laboratorio dei giocattoli, la galleria della neve, la stalla delle renne, il laboratorio degli elfi, l’ufficio postale dove portare le letterine. Infine il sogno che diventa realtà. La stanza dove i piccoli potranno incontrare Babbo Natale in persona per parlarci e fare una fotografia ricordo. A scaldare l’atmosfera ci saranno anche i mercatini dell’artigianato su piazza Cavour, con l’inaugurazione il 14 dicembre.
“Per dieci giorni, fino alla vigilia di Natale, – afferma Viva Tarquinia – sarà possibile visitare gli stand di oggettistica a tema. Un’iniziativa che vede la collaborazione della Pro Loco Tarquinia. Rivolgiamo l’invito ai tarquiniesi a vivere la loro città e ai turisti a venirci a trovare per scoprire la bellezza del nostro centro storico”. La casa di Babbo Natale e i mercatini hanno il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il castello si trasforma in villaggio di Babbo Natale

SANTA MARINELLA – Sarà un Natale fantastico per i bambini del comprensorio. Dall’8 dicembre infatti il castello di Santa Severa sarà trasformato in una sorta di villaggio natalizio che farà vivere agli ospiti un’esperienza fantastica, anche grazie all’installazione di tantissime luci che illumineranno a festa cortili e piazze con scenografie e addobbi natalizi, per accogliere bambini, famiglie e appassionati di mercatini nel magico castello di Babbo Natale. “Con questa iniziativa, il castello di Santa Severa amplia la propria offerta, rafforzando ancor più la sua vocazione attrattiva e focalizzandola sulle famiglie e sui più piccoli – dichiara il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti – le feste saranno quindi un’occasione unica non solo per visitare un originale villaggio di Babbo Natale a due passi dal mare, ma anche per conoscere questo luogo ricco di storia e fascino, con le sue aree museali, l’innovation lab e uno degli ostelli più belli del mondo”. Ad accogliere gli ospiti un ricchissimo mercatino di Natale che sarà allestito con le caratteristiche casette di legno dove poter gustare delizie enogastronomiche dei prodotti tipici del territorio avvolti nell’atmosfera natalizia oltre a una attrezzata pista di pattinaggio sul ghiaccio sulla piazza del fontanile. La casa di Babbo Natale aprirà le sue porte a tutti i bambini che vorranno conoscerlo e sarà la fiaba che diventa realtà poter visitare la magica cucina di Babbo Natale, la fabbrica dei giocattoli e il laboratorio dei dolciumi e dei succhi di frutta. I bambini saranno accolti dagli elfi in un coloratissimo mondo di giocattoli e nastri colorati e potranno spedire all’ufficio postale degli elfi le loro le letterine da consegnare a Babbo Natale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Marino: ''Per vincere il centrodestra deve andare unito''

“Rilanciare l'unità del centrodestra  per le prossime elezioni comunali”. Questo il grido di battaglia dell’ex consigliere comunale Pasquale Marino che in una nota stampa commenta il momento locale di Forza Italia. “L'incontro di sabato scorso fra i partiti e liste civiche locali, con la presenza di un esponente locale della Lega, è di buon auspicio considerato che anche a livello provinciale e regionale il coordinatore di Forza Italia,  Alessandro Battilocchio, che ricordiamo essere stato eletto alla circoscrizione uninominale della Camera dei Deputati con i voti  di Lega , Forza Italia, Fratelli di Italia e Noi con l'Italia UDC, sta conducendo una trattativa con responsabili e coordinatori dei partiti”.

Secondo Marino “tutti hanno convenuto che per vincere l'elezioni occorre presentarsi uniti. Per ottenere ciò occorre, però, che i protagonisti  compiano un atto di umiltà facciano un passo indietro e cedano   qualcosa delle proprie  legittime aspirazioni che ogni formazione nutre.  Per i programmi  non ci saranno problemi e si troverà senz'altro una sintesi”.

Marino commenta anche il candidato presentato da mesi da Forza Italia: “Per la candidatura del Sindaco auspico che si troverà una convergenza. Mi compiaccio con Massimiliano Grasso, aspirante candidato a Sindaco sostenuto da una parte del CDX e liste civiche , che nel suo intervento ha confermato la  disponibilità a fare un passo a lato e mettersi in discussione per facilitare l'unione della coalizione; questo suo atteggiamento è lodevole, importante e decisivo per convincere la Lega a tornare sul tavolo delle trattative. Mi auguro che, nel frattempo, Lega ed  altre formazioni politiche abbiano individuato i nomi da proporre al tavolo ufficiale che sarà convocato molto presto dall'Onorevole Battilocchio. In certi ambienti si parla di un giovane dirigente politico, di un medico ospedaliero, di un imprenditore marittimo, di un generale già in servizio in una locale caserma che potrebbero essere presentati come competitor. Il mio auspicio è che si trova la giusta sintesi in modo che a gennaio dopo le feste si possa iniziare la campagna elettorale con idee chiare e con un candidato a sindaco condiviso che porti alla vittoria  di F.I. , F.d.I,  Lega e Componenti civiche alleate”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crocifisso in aula consiliare e negli edifici comunali

LADISPOLI – Il comune esponga il Crocefisso nell'aula consiliare e negli edifici comunali. Mentre a Fiumicino è polemica sull'assenza del simbolo della cristianità e del cattolicesimo nelle scuole, con i momenti politici che si sono schierati a favore e contro la sua esposizione nelle classi e addirittura i consiglieri della Lega ne hanno donato alcuni al Comune affinché si provvedesse alla loro collocazione nelle classi mancanti, a Ladispoli a intervenire sull'argomento sono i consiglieri di Fratelli d'Italia Raffaele Cavaliere e Giovanni Ardita. Si parte dall'aula consiliare. Per i due consiglieri di centrodestra il più alto simbolo del cattolicesimo dovrebbe innanzitutto essere collocato nell'aula consiliare del comune. Da qui l'idea di presentare una mozione con la quale impegnare l'amministrazione Grando in questa ''rivoluzione''. I consiglieri nel testo ricordano come «l'Italia è uno Stato costituzionalmente laico, non essendo più il cattolicesimo religione di Stato dal 1985», ma nonostante questo «la religione cristiana, così come i suoi simboli, fa innegabilmente parte della storia e della tradizione italiana ed europea. Il crocefisso – si continua a leggere nella mozione – è presente in molte scuole ed anche in altri luoghi pubblici come i tribunali e gli ospedali e sintetizza i valori e i principi su cui poggia la cultura europea e la stessa civiltà occidentale». I due consiglieri fanno riferimento anche al parere del Consiglio di Stato del 2006 nel quale «lo stesso Consiglio ha affermato che ''in Italia, il crocifisso è atto ad esprimere, appunto in chiave simbolica ma in modo adeguato, l'origine religiosa dei valori di tolleranza, di rispetto reciproco, di valorizzazione della persona, di affermazione dei suoi diritti, di riguardo alla sua libertà, di autonomia della coscienza morale nei confronti dell'autorità, di solidarietà umana, di rifiuto di ogni discriminazione, che connotano la civiltà italiana''. Valori che come ricordano i consiglieri Cavaliere e Ardita hanno impregnato le tradizioni e il modo di vivere, della cultura del popolo italiano (basti pensare alle varie feste religiose che ogni anno vengono festeggiate in tutte le città italiane). Per Cavaliere e Ardita, dunque, il crocifisso va visto come «un simbolo idoneo ad esprimere l'elevato fondamento dei valori civili» fino a qui elencati. Nessuna legge, peraltro, ne impedisce l'esposizione. Anzi. A tal proposito i due consiglieri di Fratelli d'Italia ricordano come anche la Grande Camera della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo ha dato il suo consenso affinché l'Italia potesse esporre il simbolo religioso nelle scuole. Simbolo che «non costituisce una ''violazione dei diritti umani''». E allora perché non esporre il crocifisso? E perché non iniziare proprio dall'aula consiliare e da tutti gli edifici pubblici di proprietà del Comune? Ora la mozione sarà sottoposta, ovviamente, all'attenzione del consiglio comunale che dovrà decidere sull'argomento.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

L’Inter Club Zanetti secondo nel Lazio

Un club in piena e costante espansione, che negli anni sta continuando a bruciare letteralmente le tappe. Appena quattro anni di vita vissuti però in maniera intensa tanto da farne il secondo nel Lazio. È l’Inter Club Zanetti Civitavecchia-Santa Marinella, ormai una realtà consolidata nel panorama calcistico nerazzurro. Non si è ancora spento l’eco della magnifica serata vissuta con Gigi Simoni, che gli appuntamenti continuano ad essere incessanti al passo, ovviamente, con le imprese della prima squadra. L’entusiasmo, si dice, è figlio dei risultati, e manco a dirlo i risultati stanno dando una mano feroce alle attese e alle speranze dei soci del club. Anche qui cifre record. Sono ben trecentodieci (310) quelli iscritti al club di Civitavecchia-Santa Marinella che ne hanno consolidato il ruolo nel Lazio dietro solo ai ‘‘Belli dè Roma’’, che la dice lunga sul club e sulle sue ambizioni. Che sono quelle di continuare a scalare le vette. Tanto per cominciare, la stagione in corsa, ha già visto il club presente a tutti i grandi appuntamenti, con ben cinque trasferte di grande spessore: quattro al Meazza (Tottenham e Barcellona in Champions League) il derby con il Milan e la sfida con il Genoa nella giornata che la società nerazzurra ha dedicato a tutti i club. E in mezzo la vittoriosa trasferta romana con la Lazio. E il prossimo appuntamento farà volare i fortunati che sono riusciti ad entrare in possesso del biglietto, nel tempio di Wembley quando il prossimo 28 novembre, i nerazzurri sfideranno i londinesi del Tottenham nel match che può sancire la matematica certezza di approdare agli ottavi di finale. Raggiante per i risultati ottenuti il presidente del club, Tiziano Tedesco. «Innanzitutto grazie a tutti i nostri associati che con il loro calore smuovono le montagne della passione. Interisti si nasce, col nerazzurro si diventa adulti, un amore che si tramanda di padre in figlio. Abbiamo formato un bellissimo gruppo, con i nostri associati siamo sempre presenti agli appuntamenti della prima squadra. Abbiamo raggiunto numeri importanti, ma vogliamo continuare a crescere, tutti uniti dalla stessa passione e unità d’intenti. Adesso ci attende la trasferta di Londra dove con orgoglio sventoleremo le nostre bandiere, e presto, visto che si avvicinano le feste, saremo tutti insieme con la tradizionale cena di Natale, per festeggiare l’Inter e per brindare alle fortune nerazzurre il prossimo anno. Sarà una festa che vuole essere un ulteriore momento di aggregazione tra noi, tra tombolata e tanti premi, ma soprattutto il bello di poter stare tutti insieme, uniti allo stesso tavolo, sotto un’unica bandiera».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Banda del Corpo della Gendarmeria Vaticana in concerto a Tarquinia

TARQUINIA – Un evento che fonde la magia delle feste, la bellezza della solidarietà e l’incanto della musica. È il concerto “Aspettando… il Natale 2018” organizzato dal Lions Club Tarquinia che da 11 anni apre il calendario delle manifestazioni natalizie della città etrusca. Nella sala consiliare del palazzo comunale, il 1° dicembre, alle ore 17, si esibirà (ingresso libero) la Banda del Corpo della Gendarmeria Vaticana.

"Il concerto è oramai parte della tradizione natalizia di Tarquinia, un evento atteso da tutta la cittadinanza e il perfetto connubio tra musica e solidarietà. Quella solidarietà fatta di ‘services’, territoriali e non, ai quali il Lions Club Tarquinia è sempre partecipe e attento. – dichiara l'avvocato Paolo Pirani, presidente del Lions Club Tarquinia – La partecipazione della Banda del Corpo della Gendarmeria Vaticana è l’espressione sintomatica dell’importanza che ha acquisito negli anni questa manifestazione".

“Una scelta che è venuta naturale, nel solco delle grandi orchestre che si sono esibite nelle precedenti edizioni – afferma la professoressa Roberta Ranucci, direttore artistico del concerto – L'orchestra è molto apprezzata per la varietà del repertorio e per la precisione delle esecuzioni, partecipando a importanti manifestazioni in Vaticano e in tutt’Italia”.

Fondata nel 2007, la banda è composta da musicisti di ogni età. L’organico attuale è di circa 100 elementi, volontari, diplomati in conservatorio, provenienti dalle diverse bande militari italiane, diretti dal maestro Giuseppe Cimini.

"Come per le precedenti edizioni, il concerto è il momento per fare un bilancio dell’anno lionistico 2017-2018. – dice il presidente Pirani – Un anno nel quale il nostro club ha promosso diverse iniziative nelle scuole tarquiniesi (simulazioni dei colloqui lavoro, con consegna di una borsa di studio al vincitore, concorso internazionale “Un poster per la pace”, consegna alla dirigente scolastica Dilva Boem di un contributo per il progetto di musicoterapia), ha donato all'ospedale cittadino quattro pulsossimetri portatili, due televisori per le sale relax dei pazienti, un elettrocardiografo, un lettino medico elettrico per la sala ecografica di radiologia e tre panche da riposo. Guardando al futuro il Lions Club Tarquinia ha in progetto di sostenere iniziative a tutela delle vittime di violenza, con particolare attenzione a donne e minori, progetti finalizzati a sensibilizzare la collettività a temi legati alla salute e all’ambiente, con il coinvolgimento delle scuole. Un sincero ringraziamento va all’Accademia Tarquinia Musica, che ha curato organizzazione del concerto; al Comune, che ha concesso la sala consiliare come ogni anno; e a chi, come Leonardo Piozzi di Ortopedia Giuliani e alcuni soci del club, ha voluto contribuire alla realizzazione di questo evento".

“Rinnovo l’invito ai tarquiniesi a partecipare numerosi. – conclude la professoressa Ranucci – Saluteremo insieme l’inizio delle feste di Natale, trascorrendo un pomeriggio all’insegna della bella musica e della solidarietà”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Melegatti, oggi si riparte. I dipendenti: «Ci abbiamo creduto»

Riapre dopo il fermo di oltre un anno l’azienda dello storico pandoro veronese con la famiglia Spezzapria. In tempo per le feste natalizie

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###