Roma-Giraglia: ecco le sfide in campo 

Finisce domenica l’estate nell’emisfero boreale ed è subito tempo, al Circolo Nautico Riva di Traiano, della prima regata d’autunno.  
È una delle “piccole” del CNRT, ma niente di minimal, anzi, una regata da 255 miglia molto complicata, con il solo scoglio della Giraglia da lasciare a dritta e il libero passaggio di tutte le altre isole dell’Arcipelago Toscano sia all’andata, sia al ritorno verso il traguardo di Riva di Traiano.  
Si parte giovedì 27 alle 15 e si spera di arrivare prima di “Assuntina”, il Pinguin 38 di Luca Di Rosa, barca detentrice del record in 38h30’.
«È una data completamente nuova e vedremo come andrà – commenta il presidente del CNRT Alessandro Farassino – soprattutto con il meteo. È la prima regata dopo le vacanze estive, e gli armatori stanno rispondendo bene. Ci sono già tre solitari iscritti, Mareamore, Dindarella e Fair Lady Blue, un catamarano, Asià, ed altre 12 imbarcazioni di cui ben sei in doppio, con delle sfide di assoluto rilievo».
Saranno infatti al via Matteo Miceli, il velista oceanico detentore del record di traversata atlantica in solitario su un catamarano non abitabile, Marco Paulucci con il suo Comet 45S Libertine, Davide Paioletti, con il velocissimo Sunfast 3600 Loli Fast e soprattutto il ritorno alle regate di Mario Girelli, che correrà in coppia  con Marta Magnano sul Figaro Zabriskie Point. E Mario, sui social, ha già espresso la sua voglia di navigare di nuovo in solitario. 
Come consuetudine del Circolo Nautico Riva di Traiano ci sarà la piombatura per tutte le barche con il nuovo sistema messo a punto dal direttore di corsa Fabio Barrasso e sperimentato con successo nella scorsa edizione della Roma per 2. 
Semplicità nei controlli e facilità di rimozione in caso di pericolo. 
«Regolarità e sicurezza sono due aspetti fondamentali di ogni regata – spiega Alessandro Farassino – ai quali prestiamo la massima attenzione e anche quest’anno ci sarà a bordo il tracker della YBTracking, con la garanzia, da parte della società inglese, di uno scostamento massimo certificato dei dati di circa 11 metri». 
In questa regata, infatti, ci sono ben tre zone di interdizione a Giannutri, Montecristo e Pianosa, e un sistema affidabile e certificato è senz’altro utile a garantire la piena regolarità della competizione. Bando e iscrizioni on line su www.cnrt.it.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Dissesto Santa Marinella, Tidei: ''Serviranno mesi per uscire dalla paralisi''

SANTA MARINELLA – Si è insediata ieri la commissione straordinaria di liquidazione per l’estinzione delle passività pregresse accumulate dalla precedente amministrazione. 
Durante la seduta mattutina, all’interno della sede comunale, alla presenza della dottoressa Luisa Carmen Giovanna Cogliano, segretario generale del Comune, ai membri dell’organo di verifica, il presidente Alessandro Ortolani, Fabio Cianciolo e Donatella Pollastri, hanno mostrato piena disponibilità e collaborazione con l’attuale amministrazione, pur riconoscendo il difficile e lungo percorso di messa a disposizione della massa attiva e di acquisizione dei mezzi necessari a far fronte all’estinzione dei debiti derivanti da procedure estinte o da transazioni rilevati entro il 31 dicembre dello scorso anno. «Nonostante l’obiettiva urgenza di avviare le fasi procedurali di risanamento – ha detto Tidei – ci vorranno mesi prima che il Comune riesca ad uscire, di fatto, da uno stato di paralisi. La commissione ha facoltà di sostituirsi agli organi istituzionali nell’attività di liquidazione, potendo auto organizzarsi e alienare i beni patrimoniali salvo casi eccezionali, assegnando risorse della gestione ordinaria, non indispensabili ai fini dell’ente, ma indispensabili al risanamento economico di Santa Marinella. La Commissione si riserva inoltre, se necessario, di definire l’assetto organizzativo di supporto non reperibile eventualmente nella struttura comunale, rendendolo più funzionale e operativo». «In pochi mesi – conclude il sindaco – abbiamo recuperato oltre 2.700mila euro che ci consentono di portare nel prossimo consiglio comunale un bilancio riequilibrato. Abbiamo tantissimi progetti in cantiere per i prossimi anni, dai depuratori alle case popolari per centinaia di famiglie che aspettano da anni un’abitazione. Progetti per le scuole e per il ripristino degli impianti sportivi, una pista ciclabile tra Palidoro e Civitavecchia, progetti che non possono rimanere fermi ai box. Mi auguro che la commissione possa esaminare quanto prima la nostra proposta per avere, nel caso di esito positivo, la possibilità di assumere immediatamente impegni di spesa per l’annualità in corso e lavorare nell’interesse esclusivo della città e dei nostri concittadini».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Porto: FdI auspica l'intervento del ministro Toninelli

CIVITAVECCHIA – "Meglio tardi che mai: finalmente Civitavecchia chiede il conto della pessima gestione del nostro porto da parte del presidente Di Majo, che ha avuto effetti davvero devastanti sull’economia dello scalo portuale e continua, purtroppo, imperterrito nella propria opera distruttiva". Inizia così l'intervento duro del circolo locale di Fratelli d'Italia che boccia senza appello l'operato del numero uno di Molo Vespucci. Ed elenca le diverse vertenze che si sono aperte all'interno dello scalo. 

"Dopo tanti segnali di allarme provenienti dagli operatori economici – hanno spiegato – dalle organizzazioni sindacali e da quanti hanno a cuore le sorti del nostro territorio, con Fratelli d’Italia in primis, con l’autorevole intervento dell’onorevole Fabio Rampelli, e dopo che il nostro candidato sindaco Massimiliano Grasso ha giustamente chiesto di convocare un consiglio comunale ad hoc per esaminare e discutere quanto sta accadendo in porto, oggi finalmente interviene anche l’Amministrazione Comunale: il ricorso in opposizione contro il pagamento del corrispettivo dovuto al Comune di Civitavecchia dall’Autorità di Sistema portuale in forza del famoso protocollo d’intesa (mai applicato a distanza di quasi tre anni) almeno è servito per suonare la sveglia a tutti e a far comprendere a che a chi, fino ad oggi, da Palazzo del Pincio ha nicchiato, che il porto ha bisogno di una svolta radicale. Il timore di non poter più iscrivere a nel bilancio del Comune di Civitavecchia  alcuni milioni di euro di crediti è stata evidentemente l’unica motivazione che, più della pessima gestione Di Majo o le innumerevoli vertenze occupazionali fino ad oggi tollerate da quasi con indifferenza da Palazzo del Pincio, ha indotto l’Amministrazione Comunale pentastellata ad aprire gli occhi ed alzare finalmente la voce nei confronti del Presidente dell'Adsp Di Majo. Ben venga, comunque, questo cambio di linea e ben venga il tardivo ma comunque apprezzabile intervento del consigliere comunale Fortunato, che aderisce alla richiesta del consigliere di opposizione Massimiliano Grasso di portare in Consiglio Comunale le gravissime problematiche che attanagliano il nostro scalo portuale. Ci auguriamo che gli esponenti del Movimento 5 Stelle di Civitavecchia abbia la capacità e la volontà di affrontare fino in fondo il problema, portando la questione alla attenzione del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Toninelli, già destinatario di na interrogazione parlamentare presentata dal vicepresidente della Camera dei Deputati ed esponente di Fratelli d’Italia Fabio Rampelli, intervenuto su nostra richiesta proprio sulla scandalosa vicenda della ordinanza che rischia di colpire il traffico dei container della frutta: Ministro Toninelli: se ci sei batti un colpo!!! Civitavecchia ha bisogno di un nuovo e, speriamo, questa volta competente Presidente della Autorità Portuale".

Il partito continuerà ad impegnarsi ad ogni livello "con i nostri rappresentanti istituzionali in questa battaglia per liberare il porto di Civitavecchia dal Presidente Di Majo – hanno concluso – il consigliere comunale Luciano Girolami, a nome di Fratelli d’Italia, aderisce ufficialmente alla richiesta di un consiglio comunale sulle problematiche del porto avanzata dal collega Massimiliano Grasso".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mensa Ladispoli, non registrati i pagamenti effettuati con Sisal

LADISPOLI – I pagamenti mensa effettuati con Sisal non sono stati registrati dal sistema e dunque l'iscrizione dei bambini non è stata completata. Ad avvisare i genitori, del problema riscontrato sui pagamenti, è stato l'assessore alla Pubblica istruzione di Ladispoli, Lucia Cordeschi, durante l'intervista a CentroMareRadio e "Cambia il Mondo" di Fabio Bellucci. L'Assessore ha infatti spiegato che da giugno si sarebbe verificato un problema nel sistema, invitando i genitori che sono incappati nell'errore a recarsi presso l'Ufficio Pubblica Istruzione del Comune di Ladispoli portando i cedolini di pagamento così da completare la registrazione online per consentire l'attivazione del servizio mensa ai propri figli. Ancora incerto se il sistema, dopo il "black out" dei mesi estivi, abbia ripreso a funzionare o meno.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Gp Madonna delle Grazie: vince Mattia Petrucci

Seconda vittoria consecutiva per il giovane ciclista Mattia Petrucci al 68° Gran Premio Madonna delle Grazie che si è svolto sabato ad Allumiere. Petrucci è un’atleta del team GCD Autozai Contri Omap, la stessa società che ha piazzato, oltre a lui, due atleti sugli altri due gradini del podio. Come sempre avvincete e spettacolare il Gp Madonna delle Grazie che ha visto la partecipazione di 70 atleti. Prima dello start è stato osservato un minuto di silenzio in memoria dell’ex presidente regionale Bruno Vallorani e dello scomparso presidente della Fondaziine Cariciv Vincenzo Cacciaglia. 
Pylypiv (Uc Foligno) in compagnia di Massaro (Il Pirata Z’Niper) e Squarzon (GCD Autozai Contri Opam) hanno effettuato la prima fuga condizionando le fasi iniziali della corsa e raggiungendo il vantaggio massimo di un minuto sul gruppo. Ripresi i corridori al comando gara sempre in evoluzione e nelle fasi centrali si è formato un quartetto al comando formato da Squarzone, Orlando e Di Feliceantonio. 
A quattro giri dal termine è salito in cattedra Petrucci che, sul tratto in salita, ha staccato il gruppetto inseguitore, raggiunto i fuggitivi e li ha sorpassati e da qui in corsa solitaria ha tagliato per primo il traguardosua. Secondo posto per il compagno di squdra Consolaro; terzo Vito Giovanni. 
La gara svoltasi ad Allumiere era valevole come campionato provinciale Cp di Roma e a trionfare è stato Luca Roberti del Team Franco Ballerini Primigi Store. 
Al termine della gara si sono svolte le premiazioni e a premiare c’erano il sindaco di Allumiere Antonio Pasquini, Gabriella Sarracco presidentessa della Fondazione Cariciv, il delegato allo Sport Gabriele Volpi, il vicepresidente regionale Mauro Tanfi e il vicepresidente provinciale Fabio Ottaviani. 
«Sono felice che si sia corsa questa splendida gara in memoria del compianto  avvocato Vincenzo Cacciaglia – ha commentato Gabriella Sarracco, presidentessa della Fondazione Cariciv -. Complimenti ai ragazzi e agli organizzatori». 
Il presidente del Comitato Organizzatore, Ivo Moraldi invece ha commentato: «Ringrazio le società che hanno partecipato al  68° Gp Madonna delle Grazie, colgo l’occasione per ringraziare il sindaco Antonio Pasquini e Tiziana Franceschini presidente della Pro Loco. Un sincero ringraziamento va all’onorevole Gianluca Quadrana, consigliere segretario alla Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio che ha dato il via ufficiale alla manifestazione e a Gabriella Sarracco, da cui ci sono giunti i complimenti più belli. Appuntamento nel 2019 alla 69^ edizione del Gran Premio Madonna delle Grazie». 
Soddisfatto anche il delegato allo Sport Gabriele Volpi. «Sabato si è svolto il Gran Premio Madonna delle Grazie e sono fortemente convinto che manifestazioni come questa rappresentino un grande contributo di cui Allumiere possa beneficiare per promuovere le bellezze del proprio territorio. Lo sport è un’attività umana che riguarda almeno quattro importanti dimensioni: la salute, l’educazione, la socialità, la qualità della vita. È nostra intenzione metterci a disposizione di tutti per far sì che lo sport lo possano praticare tutti, bambini e adolescenti, giovani e meno giovani. Gli sport come il ciclismo da sempre favoriscono la promozione dello sport, sano e salutare, in un connubio armonioso con il territorio, sempre più spesso fungono da volano per lo sviluppo turistico dei luoghi che li ospitano. Gli eventi sportivi che si sono tenuti in questi giorni ad Allumiere come lo Street Sport Festival, il 29° memorial A. Regnani di Pallavolo, la partita di calcio tra USD Allumiere e la Poseidon e 68^ edizione del Gran Premio Madonna delle Grazie facciano crescere la voglia di fare sport a tutti i giovani allumieraschi. Voglio ringraziare e fare i miei complimenti al presidente del comitato Ivo Moraldi e al Team Fratelli Petito per l’organizzazione di un grande gran premio. Un grazie va anche alle Forze dell’ordine, ai vigili urbani di Allumiere e Tolfa, alla Proloco alla Protezione civile di Allumiere, Tolfa e Tarquinia alla CRI di Allumiere all’Università Agraria e a tutti gli sponsor e sostenitori di questo magnifico evento sportivo».
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Daniele Manganaro è il nuovo dirigente del Commissariato di Tarquinia

TARQUINIA – Entra in servizio ufficialmente oggi il nuovo dirigente del Commissariato di Tarquinia, il vice questore aggiunto Daniele Manganaro che sostituisce il dottor Fabio Zampaglione trasferito a Viterbo per l'importante incarico a dirigere la Digos.

Daniele Manganaro, 42 anni, è il dirigente che nel 2016 sventó un agguato mafioso contro Giuseppe  Antoci.

L'altro ieri Manganaro è stato salutato da diciassette consigli comunali, quasi 200 consiglieri, circa 30 sindaci con fascia tricolore, convocati in seduta straordinaria a Santo Stefano di Camastra (Messina) per conferire al vice questore aggiunto, dirigente del Commissariato di Sant'Agata di Militello, l'attestato di civica benemerenza/medaglia d'oro e per ringraziarlo per "l'importante opera svolta sul territorio". 

Alla cerimonia svoltasi a Palazzo Trabia, tra gli altri erano presenti Tina Montinaro, vedova di Antonio Mortinaro ( il capo scorta di Giovanni Falcone ucciso nella strage di Capaci) e presidente dell'associazione Quarto Savona Quindici. Tra i presenti anche  il Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi, il Questore Mario Finocchiaro, l’assessore regionale alle autonomie locali Bernardette Grasso

e lo stesso Giuseppe Antoci, ex presidente del Parco dei Nebrodi e responsabile nazionale della Legalità del Pd scampato all'agguato armato.  Daniele Manganaro è proprio il poliziotto che nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2016 salvò la vita ad Antoci nell'agguato mafioso.

 "E' grazie a Manganaro – ha detto l'ex presidente del Parco dei Nebrodi – che si è riusciti a scrivere una delle pagine più importanti nella lotta alla mafia, grazie alle sue indagini e ai suoi suggerimenti abbiamo prodotto una norma nazionale che sta mettendo in ginocchio gli affari milionari sui fondi europei delle mafie del Paese". 

Momenti di grande commozione nel ricordo di Giuseppe Antoci, anche in memoria di Tiziano Granata e Rino Todaro, agenti della squadra di Polizia santagatese prematuramente scomparsi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Daniele Manganaro, il poliziotto che sventó un agguato mafioso, è il nuovo dirigente del Commissariato di Tarquinia

TARQUINIA – Entra in servizio ufficialmente oggi il nuovo dirigente del Commissariato di Tarquinia, il vice questore aggiunto Daniele Manganaro che sostituisce il dottor Fabio Zampaglione trasferito a Viterbo per l'importante incarico a dirigere la Digos.

Daniele Manganaro, 42 anni, è il dirigente che nel 2016 sventó un agguato mafioso contro Giuseppe  Antoci.

L'altro ieri Manganaro è stato salutato da diciassette consigli comunali, quasi 200 consiglieri, circa 30 sindaci con fascia tricolore, convocati in seduta straordinaria a Santo Stefano di Camastra (Messina) per conferire al vice questore aggiunto, dirigente del Commissariato di Sant'Agata di Militello, l'attestato di civica benemerenza/medaglia d'oro e per ringraziarlo per "l'importante opera svolta sul territorio". 

Alla cerimonia svoltasi a Palazzo Trabia, tra gli altri erano presenti Tina Montinaro, vedova di Antonio Mortinaro ( il capo scorta di Giovanni Falcone ucciso nella strage di Capaci) e presidente dell'associazione Quarto Savona Quindici. Tra i presenti anche  il Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi, il Questore Mario Finocchiaro, l’assessore regionale alle autonomie locali Bernardette Grasso

e lo stesso Giuseppe Antoci, ex presidente del Parco dei Nebrodi e responsabile nazionale della Legalità del Pd scampato all'agguato armato.  Daniele Manganaro è proprio il poliziotto che nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2016 salvò la vita ad Antoci nell'agguato mafioso.

 "E' grazie a Manganaro – ha detto l'ex presidente del Parco dei Nebrodi – che si è riusciti a scrivere una delle pagine più importanti nella lotta alla mafia, grazie alle sue indagini e ai suoi suggerimenti abbiamo prodotto una norma nazionale che sta mettendo in ginocchio gli affari milionari sui fondi europei delle mafie del Paese". 

Momenti di grande commozione nel ricordo di Giuseppe Antoci, anche in memoria di Tiziano Granata e Rino Todaro, agenti della squadra di Polizia santagatese prematuramente scomparsi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mattia De Vittoris scarta la Serie C e sceglie il Monterosi

Grandissimo acquisto per la Juniores Nazionale del Monterosi, società che milita in serie D, che si assicura il forte centrocampista classe 2001 ex Civitavecchia Calcio, Lazio e Ternana Mattia De Vittoris. «Sono felicissimo – esordisce il giovane  – di aver scelto questo club, perché ho trovato subito un ambiente fantastico e soprattutto professionale. Sarei potuto andare in Serie C, ma alla fine ho scelto di sposare il progetto Monterosi. Voglio ringraziare a tal proposito il direttore sportivo Alessia Tarani e il mister Fabio Gagliardi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ponti e viadotti: audizione in Regione Lazio

CIVITAVECCHIA – Dopo il crollo del ponte Morandi a Genova, l'attenzione sulle infrastrutture e sul loro stato di salute è alta. Ieri mattina si è svolta in Regione un'audizione delle concessionarie e i gestori delle principali reti viarie regionali, compresi i tratti autostradali del Lazio, al fine di acquisire utili approfondimenti in merito allo stato di conservazione e sicurezza dei viadotti e dei ponti dislocati sul territorio regionale. Alla seduto, richiesta dal presidente della VI Commissione Lavori Pubblici, Infrastrutture, Mobilità e Trasporti del Consiglio Regionale del Lazio, Fabio Refrigeri, hanno partecipato l’assessore regionale competente Mauro Alessandri, l’amministratore delegato Autostrade per l'Italia Giovanni Castellucci, quello di Anas Gianni Vittorio Armani, l’amministratore unico di Astral Antonio Mallamo, l’amministratore delegato della Società Autostrada Tirrenica, Mario Bergamo e l’amministratore delegato della Strada dei Parchi, Cesare Ramadori. (SEGUE)

IL COMMENTO DI REFRIGERI – “Dopo i fatti di Genova – ha spiegato Refrigeri – era importante riuscire ad avere un quadro il più completo possibile delle infrastrutture nella nostra regione soprattutto quelle autostradali. Il fatto poi che a rispondere, e soprattutto a rassicurare sullo stato di salute di ponti e viadotti presenti sui principali collegamenti autostradali laziali, la Commissione siano stati gli amministratori delegati delle concessionarie in persona è una garanzia ancora maggiore per i nostri concittadini che, comprensibilmente dopo il crollo del ponte Morandi, chiedono maggiori controlli e tutele. Per questo motivo ringrazio tutti per la disponibilità e l’accuratezza delle risposte fornite. A questo primo e fondamentale incontro seguiranno altre iniziative indirizzate ad avere il quadro completo dello stato di salute dell’intero sistema infrastrutturale viario regionale: in tal senso nelle prossime settimane verrà convocata una Commissione con i Comuni e le Province dove, oltre a completare questo iter conoscitivo, si studieranno iniziative e azioni per mettere in condizione anche i Comuni più piccoli, che sono quelli che hanno maggiori difficoltà soprattutto per carenza di organico, di completare e concretizzare l’opera di monitoraggio, e ove necessario, di messa in sicurezza. A seguito delle richieste dei membri della Commissione – ha concluso Refrigeri – saranno anche convocati focus su temi specifici dove approfondire singole problematiche, come ad esempio la necessità di riuscire ad avere un quadro unitario e completo delle opere da realizzare con il relativo fabbisogno finanziario in modo da essere in grado di poter pianificare gli interventi secondo criteri di necessità e urgenza”. (Agg. 05/09 ore 13.57)

LA SITUAZIONE A CIVITAVECCHIA – A chiarire quale sia la situazione sul territorio comunale – dove in questi giorni il Comune è impegnato in un monitoraggio di ponti e viadotti – è stato il consigliere regionale Devid Porrello, che ha partecipato alla riunione chiedendo che la Regione venga aggiornata attraverso screening continui sulle manutenzioni effettuate. "Anas ci ha tranquillizzato – ha spiegato Porrello – sulla manutenzione trimestrale che viene eseguita sui viadotti, concentrando le criticità nel sud del Lazio. Nel territorio di Civitavecchia non abbiamo grossi problemi, anzi gli indici di solidità e manutenzione sono buoni". Nessun problema anche con la Sat, soprattutto perché il tratto di autostrada interessato – che comprende due ponti e due viadotti – è stato collaudato nel 2016. "Autostrade ha qualche criticità – ha concluso Porrello – ma anche in questo caso non sulla A12". 

 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

È subito Cpc2005

Comincia alla grande per la Compagnia Portuale, atletico Ladispoli e Corneto Tarquinia, il campionato di Promozione. Pareggi invece per il Cerveteri e la Csl, sconfitte per il Santa Marinella e il Tolfa. La CPC2005 dunque si impone per 2 a 0 sul campo della Vigor Acquapendente. Ad un primo tempo d’attesa, è seguita una ripresa arrembante che con Ruggiero e Gallo, hanno liquidano l’avversaria di turno. Caputo opta per il classico 4-2-3-1. La prima vera occasione dopo neanche un minuto è della Vigor, lancio in profondità per Coccetti ma Treccarichi è pronto a interdire e a sventare l’occasione. La CPC2005 non cresce, la Vigor sembra più pericolosa ma la gara non decolla sul piano dello spettacolo. Altro piglio della Compagnia Portuale nella ripresa, col gol che arriva quasi subito. Azione corale al secondo minuto, Metta pennella per Ruggiero che davanti a Calza non sbaglia, la Vigor tenta un abbozzo di reazione ma sono gli ospiti a segnare ancora. Fuga di Funari sull’out destro, cross per Gallo che insacca in controbalzo. Continuando il silenzio stampa imposto dalla società ai suoi tesserati, non è stato possibile sentire il commento del tecnico. «Un silenzio stampa che continuerà fino al prossimo maggio», dice chiaramente l’addetto stampa Spreghini. Esordio positivo per la Csl Soccer che nel match con il Città di Cerveteri chiude la gara sull’1 a 1 subendo il gol del pareggio a tempo quasi scaduto. Un match molto equilibrato, frutto dei tanti talenti scesi nel terreno di gioco del Gagliardini in un Dlf gremito di supporter rossoblù. Nei primi 45’ fanno bene entrambe le formazioni, ma a spingere di più è la Csl Soccer, grazie alle occasioni di Gaeta prima e Siani dopo. Nella ripresa i rossoblù si fanno sentire e alla prima buona occasione siglano il vantaggio grazie al bomber Iacopo Gaudenzi che, raccogliendo la respinta di un difensore avversario, lascia partire da fuori area un bolide di esterno destro che si insacca sotto il sette alle spalle del portiere. Il Città di Cerveteri si fa avanti e dopo aver contestato un calcio di rigore, sigla il pari a 2’ dalla fine grazie a Vignaroli. «Dispiace – spiega il tecnico Daniele Fracassa – aver preso gol a pochi minuti dalla fine. Il rammarico purtroppo c’è, ma il Città di Cerveteri è una squadra forte. Sono contento delle giocate degli under, soprattutto dell’eccezionale prestazione di Gaudenzi, oltre a Saraceno, De Felici e Gallina. Ora penseremo a mercoledì, poi ritorneremo a lavorare per il campionato; c’è tanto da migliorare». «Siamo soddisfatti per questo pareggio – commenta il ds degli etruschi Fabio Ciampa – la squadra ha tenuto bene su un campo davvero difficile. Nel primo tempo abbiamo avuto diverse opportunità ma la palla non è entrata. E quando la Csl Soccer si è portata in vantaggio non ci siamo affatto disuniti. Alla fine Vignaroli è riuscito ad avere la meglio svettando sul suo marcatore. Bravi tutti, e anche il nostro giovane portiere Troiani, un 2000 che ha compiuto diverse prodezze». Parte male il campionato per il Santa Marinella che esce sconfitta dal campo dell’Atletico Ladispoli per 2 a 1. Al termine di una prestazione da dimenticare, gli uomini di Stuccilli e Di Martino, si fanno surclassare da un gruppo formato da tutti Under che hanno dominato sia sul piano del gioco che su quello dell’Impegno. Dopo essere passata in vantaggio con un gol di Iacobucci, la compagine tirrenica subisce l’uno-due dei locali che vanno a segno con Rossi e Gagliardi. «Chiediamo scusa ai nostri tifosi – dice Paolo Di Martino – per la pessima prova offerta dai nostri giocatori. Sapevo che non stavamo nelle migliori condizioni ma subire così con un gruppo di giovani Under è una cosa inconcepibile, dovremo rivedere molte cose». Match pirotecnico al Bonelli tra la Corneto Tarquinia e il Tolfa. L’undici di Del Canuto parte forte e chiude il primo tempo in vantaggio grazie al gol di Antonini. Nella ripresa si svegliano i collinari che prima pareggiano con Cascianelli e poi ribaltano con Trincia. Si scatenano i padroni di casa che firmano il 2 a 2 con Catracchia e poi, a tempo praticamente scaduto, esultano con Gravina per il definitivo 3 a 2.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###