Trasversale, Zingaretti accelera

CIVITAVECCHIA – Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti è intervenuto nel corso dell'assemblea di Unindustria a Roma, annunciando come prima della fine dell'anno verrà inaugurata la tratta Cinelli-Monte Romano della Orte-Civitavecchia. "E abbiamo il 100% dei finanziamenti per gli ultimi chilometri tra Monte Romano e l'autostrada Tirrenica. Quindi, dovremo correre. Noi stiamo costruendo uno schema per cui il porto di Civitavecchia, che ha l'entroterra che permette uno sviluppo della logistica – ha concluso – sia collegato alla grande arteria autostradale verso Orte, che lo renderà un quadrante produttivo non per l'Italia, ma per l'intera Europa oltre che per tutto il mezzogiorno". 

Un annuncio importante, come ha sottolineato il consigliere regionale del Pd Marietta Tidei, vicepresidente della commissione Sviluppo economico e Attività produttive perchè "attesta la volontà dell'amministrazione regionale di andare fino in fondo su una sfida imprescindibile per quanto riguarda la logistica e lo sviluppo del territorio. La Orte-Civitavecchia è un'infrastruttura strategica per il nostro territorio, lo stesso presidente Tortoriello, nella sua relazione ha ribadito la centralità di quest’opera. Collegare la zona del porto alla grande arteria autostradale verso Orte porterà benefici a tutti i livelli: è positivo che il presidente Zingaretti abbia inserito questa priorità tra quelle elencate nel corso del suo intervento a Unindustria. Importante poi è l'attenzione e il lavoro sulla Zona logistica semplificata di Civitavecchia: gli investimenti che saranno possibili grazie alle risorse fornite dalla Banca europea per gli investimenti – ha aggiunto – permetteranno di mettere in campo un avanzamento importante per il porto", aggiunge. "Chi, attraverso i ricorsi, sta ostacolando un'opera così strategica come la Orte-Civitavecchia, per la quale il governo precedente aveva investito 470 milioni di euro, sta facendo un danno alla collettività perché è solo attraverso gli investimenti che si genera lavoro". 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Rischio  idrogeologico, giovedì convegno

SANTA MARINELLA – Il “Comitato 2 ottobre” organizza per giovedì alle 18 presso l’aula magna della scuola media Carducci, un convegno dal titolo “Finanziamenti e progetti sul rischio idrogeologico”. 
Le relazioni approfondiranno lo stato attuale dei fossi più pericolosi del nostro territorio e le relative proposte sulle azioni più efficaci per la loro messa in sicurezza, mentre le amministrazioni regionali e comunali illustreranno i progetti che intendono attivare grazie ai finanziamenti della comunità europea per la cifra complessiva di sei milioni di euro. 
Interverranno per i Comitato 2 ottobre, Germano di Francesco che tratterà lo stato attuale del rischio idrogeologico complessivo e la situazione del Fosso delle Guardiole, Stefano Crispu relazionerà sul Fosso di Castelsecco, Alfredo Bucci per il Comitato 11 agosto per il fosso di Ponton del Castrato, Crisiana Avenali per la Regione Lazio dell’Ufficio di scopo per i piccoli Comuni e i contratti di fiume, la quale illustrerà le novità legislative sui consorzi di bonifica e relativi finanziamenti, Andrea Amanati per l’amministrazione comunale che illustrerà le azioni amministrative ed i progetti in merito ai finanziamenti europei già contabilizzati nel bilancio comunale con delibera dell’8 ottobre 2018.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ferri: ''Non rischiamo di diventare solo città di transito"

CIVITAVECCHIA – Prende spunto dalla sospensione del progetto sperimentale del treno per i crocieristi che sarebbe dovuto partire oggi il segretario del Pd Germano Ferri per sottolineare come, in questo senso, un tassello fondamentale per lo sviluppo turistico della città sia indubbiamente un collegamento ferroviario efficiente con Roma e Fiumicino, "connessione necessaria anche a decongestionare la linea ferroviaria Fl5 – ha spiegato – quotidianamente frequentata dai tanti pendolari del comprensorio che per motivi di studio o lavoro si trovano a dover condividere i vagoni ferroviari con i tanti croceristi che dal porto di Civitavecchia si accingono a raggiungere la capitale".

E ricorda come Civitavecchia, anche per il 2018, si è confermatail principale porto croceristico italiano, con milioni di turisti movimentati, "e tenuto presente che buona parte dei croceristi che prendono il treno lo fanno per raggiungere Roma e Fiumicino, come sottolineato dal Presidente dell’Adsp Francesco Di Majo, lo sviluppo del porto – ha aggiunto – deve prevedere anche un collegamento efficiente con le città poc'anzi citate. Ci fa ben sperare quindi il finanziamento di ben 195 milioni di euro da parte della Banca Europea degli investimenti, utile a livello locale a realizzare grandi opere infrastrutturali, tra cui miglioramenti nelle connessioni viabilistiche. Auspico però che tale credito non porti Civitavecchia a diventare ancor più zona di transito dato che sono convinto la nostra città debba beneficiare da una movimentazione di persone così importante, anche in virtù delle conseguenze come l'inquinamento che il porto ha verso la nostra città e soprattutto considerata la boccata d'ossigeno che tale flusso di persone può apportare alla difficile situazione occupazionale locale".

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

REGIONE VALLE D'AOSTA – LEGGE REGIONALE 20 marzo 2018, n. 3

Disposizioni per l'adempimento degli obblighi della Regione
autonoma Valle d'Aosta/Vallee d'Aoste derivanti dall'appartenenza
dell'Italia all'Unione europea. Modificazioni alla legge regionale 26
maggio 2009, n. 12 (Legge europea 2009), in conformita' alla
direttiva 2014/52/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16
aprile 2014, che modifica la direttiva 2011/92/UE concernente la
valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici
e privati (Legge europea regionale 2018).
(18R00259)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Istituto Calamatta protagonista al Maker Faire di Roma

CIVITAVECCHIA – Da oggi ben tre progetti innovativi realizzati dagli studenti dell’Istituto “L. Calamatta” sono presenti, nella sezione Calls for Schools, al più grande evento europeo sull’innovazione: il Maker Faire di Roma.

Alla selezione per l’edizione 2018, in programma dal 12 al 14 ottobre alla fiera di Roma, hanno partecipato scuole secondarie di secondo grado nazionali e appartenenti ai Paesi dell’Unione Europea. L’Istituto “L. Calamatta” rientra tra gli istituti individuati che hanno potuto contare su uno spazio gratuito alla Maker Faire Rome nel quale esporre i propri prototipi.

“Prototipi di alto spessore contenutistico e di estrema raffinatezza, alcuni dei quali definirei, quasi “ready to market” sottolinea Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma. La massiccia partecipazione e la capillare provenienza dei progetti sono il segnale di come la scuola italiana stia raggiungendo una professionalità elevata nella preparazione dei nostri ragazzi al tema della digitalizzazione. I prototipi, interamente realizzati con le stampanti 3D del FabLab dell’Istituto, sono stati ideati nel corso del progetto di Impresa Formativa Simulata “Impresa in Azione”

Grande sostegno alla squadra di 15 studenti che presenterà alla platea dell’evento i progetti realizzati è stata dato dall’ingegner Ireneo Germani, il quale ha messo a disposizione la sua alta professionalità, competenza e capacità di promozione dei talenti.

I prototipi che vedono gli studenti del Calamatta protagonisti del Maker Faire 2018 sono un innovativo sistema da installare a bordo di imbarcazioni a vela per aumentarne prestazioni e manovrabilità attraverso un sistema evoluto di chiglia basculante, retrattile e bulbo intelligente; un salvagente innovativo autogonfiabile totalmente automatico; occhiali per disabili visivi dotati di sensori in grado di rilevare gli ostacoli intorno alla persona che li indossa.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Economia del mare: una svolta per il territorio

CIVITAVECCHIA – Civitavecchia deve puntare sempre più sui driver che rappresentano la sua vocazione, ciò non vuol dire perdere lo status di porto polifunzionale ma vuol dire fare scelte strategiche. Le crociere ed il Ro-Ro hanno un notevole impatto moltiplicativo sull’economia per cui sulle prime va rafforzato il ruolo di home port (porto di partenza e di rifornimento) e per i secondi andrebbe impiantato nel tempo un sistema rivolto sempre più anche a dare logistica alle auto. Per accogliere investimenti logistici è necessario dare progettare strumenti che favoriscano l’attrazione di investimenti: in questo senso i porti del Centro – Nord hanno la possibilità di istituire Zone Logistiche Semplificate. Il "porto del futuro" deve garantire al territorio: internazionalizzazione, logistica e sviluppo del turismo. Sono questi i 3 imperativi su cui Civitavecchia deve impostare la propria crescita e la Zls potrebbe contribuire a farne crescere alcuni.

Sono queste le conclusioni a cui si è giunti con il convegno convegno "Economia del mare – opportunità di sviluppo per il territorio laziale" organizzato da Intesa Sanpaolo in collaborazione con SRM (centro studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo), l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale e l'Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Civitavecchia. L'occasione per presentare anche la 5° edizione del Rapporto "Italian Maritime Economy” di SRM: strumento che ha messo in evidenza il grande ruolo che il sistema marittimo e portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta svolge per la crescita del territorio e ha sottolineato quali sono in prospettiva i nuovi driver da sviluppare per far sì che lo scalo sia sempre più protagonista con investimenti infrastrutturali e l’attrazione di investimenti imprenditoriali. (SEGUE)

I COMMENTI – “Lo studio realizzato da SRM è molto importante per il nostro Network ed è particolarmente determinante e appropriato per il porto di Civitavecchia – ha commentato il presidente dell'Adsp Francesco Maria di Majo – in quanto mette in evidenza le potenzialità di un porto considerato un punto chiave per lo sviluppo economico della nostra regione, dell’Italia e non solo. Il porto di Civitavecchia e i porti del Network, Fiumicino e Gaeta, sono stati riconosciuti, ultimamente, strategici anche a livello Europeo tanto che la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) ha approvato un finanziamento di 195 milioni di euro, il più grande finanziamento concesso dall’istituto di credito lussemburghese in favore di un’autorità di sistema portuale, mirato all'ampliamento del porto di Civitavecchia ed alla realizzazione del nuovo porto commerciale di Fiumicino. Nel primo scalo il progetto riguarderà la realizzazione di grandi opere infrastrutturali, tra cui in particolare il completamento delle opere relative alle darsene servizi e traghetti, e il prolungamento della diga foranea, nonché le relative connessioni viabilistiche. A Fiumicino, il progetto prevedrà, invece, la costruzione della nuova darsena pescherecci e della prima fase del nuovo porto commerciale a servizio di traghetti passeggeri, navi ro-ro, navi da crociera, grazie alla realizzazione di due nuovi frangiflutti e di un’importante opera di dragaggio dei fondali”. 
“Nel Lazio le imprese agganciate al sistema marittimo sono oltre 33mila e generano qualcosa come 7,5 miliardi di euro di valore aggiunto e 134mila posti di lavoro – ha sottolineato Pierluigi Monceri, direttore regionale Lazio, Sardegna e Sicilia Intesa Sanpaolo – Civitavecchia ha registrato nel 2017 la movimentazione di 17 milioni di tonnellate cargo e, con 2,2 milioni di passeggeri, è il primo scalo crocieristico d’Italia ed il secondo d’Europa. La cosiddetta economia del mare costituisce un asset di crescita e sviluppo sempre più strategico e la connessione tra tutti gli attori coinvolti deve essere sempre più forte. La geografia non basta e i competitor sono sempre più agguerriti: occorre consapevolezza del nostro ruolo e delle nostre potenzialità per non perdere le opportunità connesse a questo grande settore. Il Gruppo Intesa Sanpaolo sostiene il settore dei trasporti e della logistica convinto che imprese e infrastrutture di questo settore rappresentino un patrimonio dell’Italia e, nel caso specifico al centro dei lavori di oggi, di Civitavecchia e del Lazio”.
“Il Mediterraneo sta aumentando la sua centralità nell’ambito dei traffici marittimi mondiali, non a caso nell’ultimo ventennio il traffico container è aumentato del 500% – ha quindi aggiunto Alessandro Panaro, responsabile Area Maritime Economy SRM-Studi e Ricerche per il Mezzogiorno – nuovi fenomeni vanno affacciandosi nel Mare Nostrum come ad esempio i numerosi investimenti che la Cina sta realizzando nella logistica e nella portualità marittima, il gigantismo navale che va assumendo proporzioni sempre più preoccupanti per i nostri porti e un’aggressiva politica di attrazione di investimenti imprenditoriali messa in campo dai Paesi dell’area MENA (Middle East & North Africa) attraverso le Free Zones. Queste sfide necessitano di un sistema portuale sempre più innovativo, pronto a realizzare investimenti sempre più mirati alla crescita del territorio ed integrati con la logistica e a definire al più presto strategie che vadano in sinergia con le imprese; in questo senso le ZLS-Zone Logistiche Semplificate possono dare una forte mano a semplificare quelle procedure burocratiche che da sempre rappresentano il problema del nostro sistema portuale. Il sistema portuale di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta con la sua grande vocazione Crocieristica e con una particolare vocazione rivolta al servizio del sistema produttivo deve essere in prima fila per consentire al Paese di non perdere le opportunità che il Mediterraneo sta mettendo in campo”. (Agg. 11/10 ore 13.37)

I NUMERI – La regione Lazio ha un sistema marittimo che vanta la presenza di oltre 33mila imprese (il 18% del Paese), genera 7,5 miliardi di euro di valore aggiunto (il 17% del Paese) e 134mila occupati (il 15,4% del Paese). Al 2017, il porto di Civitavecchia ha registrato circa 17 milioni di tonnellate cargo con una tenuta rispetto al 2016. L’import export marittimo del Lazio supera i 15 miliardi di euro. È significativa la quantità di rinfuse movimentata ma evidenziamo che a dare valore ai traffici commerciali di Civitavecchia è soprattutto il Ro-Ro (trasporto auto e veicoli gommati in generale) che sfiora i 5 milioni di tonnellate con un aumento del 3% sul 2016. Il Ro-Ro è un settore che consente al Paese di ridurre l’inquinamento e l’incidentalità (i tir viaggiano più sicuri sulle navi) e danno forza al nostro export di auto.Si tratta di un comparto ad alto valore aggiunto soprattutto se legato al trasporto delle auto-nuove.  Civitavecchia rappresenta il 5% del traffico nazionale. Il traffico Ro-Ro del porto è cresciuto del 23% negli ultimi 5 anni. Lo scorso anno nel porto di Civitavecchia il traffico di autovetture nuove è stato di 280mila unità, dato che conferma il trend positivo del 2016. Attraverso le Autostrade del Mare Civitavecchia è collegata con servizi regolari ai porti mediterranei di Barcellona, Tunisi, Olbia, Porto Torres, e con i porti Extra mediterranei di Halifax, Davisville, New York, Baltimore, Jacksonville, Houston, Tuxpan, Veracruz. Civitavecchia è il primo scalo crocieristico d’Italia con 2,2 milioni di passeggeri ed il secondo in Europa (dopo Barcellona) ed un punto di riferimento per il turismo. Esso è la «porta» di accesso alla Capitale. Quasi un quarto dei crocieristi italiani transita attraverso questo scalo. Problema del porto è rafforzare il ruolo di home port vale a dire porto di imbarco e non di mero transito. (Agg. 11/10 ore 14.29)

 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tarquinia, parte sabato Calici d’autunno

TARQUINIA – Parte sabato 13 ottobre, Calici d'Autunno, la manifestazione dedicata alle eccellenze vitivinicole della Tuscia, di cui per questa seconda edizione la S.T.A.S. è in partnership.

Ad aprire l'evento, la conferenza (a ingresso libero), del prof. Alfio Cortonesi, "La viticoltura altolaziale nel Medioevo. Uomini, tecniche, paesaggi", alle ore 17.00, nella Sala Sacchetti di Palazzo dei Priori, in via dell'Archetto 4.

Alfio Cortonesi è stato professore di Storia medievale presso la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell’Università della Tuscia. Le sue ricerche vertono prevalentemente sulla storia economica e sociale dell’Europa medievale, con particolare riferimento alla storia dell’agricoltura, del mondo rurale e della cultura materiale. Tra le sue pubblicazioni recenti: Il medioevo. Profilo di un millennio (Carocci, 2008); La prima espansione economica europea. Secoli XI-XV (con L. Palermo, Carocci, 2009).

La conferenza prende in esame le vicende della pratica vitivinicola nella provincia pontificia del Patrimonio di S. Pietro in Tuscia fra XII e XV secolo, inquadrandole nel più generale contesto della viticoltura italiana del tempo. Verranno affrontati iseguenti argomenti: 1) l’espansione della vigna e la connessione della stessa all’incremento demografico e a quello del consumo vinicolo; 2) le tecniche di impianto e di coltivazione della vite; 3) le operazioni di raccolta e vinificazione; 4) il contributo della viticoltura alla costruzione di nuovi paesaggi; 5) le vigne in città e nel suburbio;  6) la qualità dei vini prodotti;  6) il commercio vinicolo; la vita di taverna; 7) la distribuzione e la gestione della proprietà viticola.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

REGOLAMENTO 4 luglio 2018, n. 1139

Regolamento (UE) 2018/1139 del Parlamento europeo e del Consiglio,
del 4 luglio 2018, recante norme comuni nel settore dell'aviazione
civile, che istituisce un'Agenzia dell'Unione europea per la
sicurezza aerea e che modifica i regolamenti (CE) n. 2111/2005, (CE)
n. 1008/2008, (UE) n. 996/2010, (UE) n. 376/2014 e le direttive
2014/30/UE e 2014/53/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, e
abroga i regolamenti (CE) n. 552/2004 e (CE) n. 216/2008 del
Parlamento europeo e del Consiglio e il regolamento (CEE) n. 3922/91
del Consiglio – Pubblicato nel n. L 212 del 22 agosto 2018
(18CE1835)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – CONCORSO (scad. 8 novembre 2018)

Procedura di selezione dei candidati per l'elezione a giudice del
Tribunale dell'Unione europea

(18E10049)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

PARCO NAZIONALE ARCIPELAGO TOSCANO – CONCORSO (scad. 8 novembre 2018)

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo
determinato e parziale al 50% di un posto di collaboratore
amministrativo, per la comunicazione relativa a progetti finanziati
dall'Unione europea.
(18E09946)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###