Vigilantes minaccia insegnante, trasportata in ambulanza

LADISPOLI – Panico nella giornata di oggi alla Giovanni Paolo II di Ladispoli. Un vigilantes sarebbe entrato all'interno della scuola e avrebbe inveito contro una delle maestre in carico alla scuola, minacciandola. Nodo del contendere: delle considerazioni negative che la maestra avrebbe avuto nei confronti della moglie, facente parte del personale Ata in carico all'istituto scolastico. L'insegnante avrebbe anche avuto un malore scaturito dall'acceso diverbio, tanto da esser portata via in ambulanza e trasportata al Pit per le cure mediche del caso, con i bambini della sua classe rimasti "scoperti". Sul posto anche i Carabinieri della stazione di Ladispoli che stanno indagando sulla vicenda nel tentativo di far luce su quanto accaduto. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Operato bomber Cerroni: tutto ok

di MATTEO CECCACCI

È bastata una semplice partita di calcio a cinque disputata al Vittorio Tamagnini la sera prima dell’inizio della preparazione atletica del Civitavecchia Calcio 1920 per far scrocchiare il crociato del ginocchio destro del forte e promettente calciatore ventenne Samuele Cerroni. Cinquanta minuti maledetti giocati il 24 luglio scorso che ora come ora rimpiangerli sarebbe superfluo, ma il tempo è galantuomo: quello che un giorno toglie, prima o poi lo restituisce con tutti gli interessi. Il bomber, comunque, dopo l’accaduto non si è affatto scoraggiato e tantomeno demoralizzato e con la sua immensa forza di volontà di non voler mollare mai come suo fratello Paolo, si è messo immediatamente a testa bassa concentrandosi sui tempi di recupero dall’infortunio continuando a frequentare l’università e seguire settimanalmente le partite della sua squadra che l’ha cullato sin da piccolo. Proprio due giorni fa Samuele presso la clinica privata Villa Ulivella di Firenze ha subìto il tanto atteso e agognato intervento chirurgico al crociato del ginocchio destro operato dal chirurgo ortopedico Matthew Charles Giordano. 
Due ore sotto i ferri all’interno della sala operatoria che alla fine hanno reso felice il fenomeno Cerroni: «È andato tutto per il verso giusto. Sono entrato in sala operatoria alle 13 e sono uscito alle 15, appena terminato l’intervento mi sono sentito libero ed è stata una sensazione indescrivibile. Adesso dovrò portare sempre il tutore, posso anche provare a camminare senza stampelle, ma non voglio rischiare; intanto oggi inizio la fisioterapia. Sul rientro in campo non mi sbilancio, anche perché non dipende da me, vedremo come risponderà il ginocchio. Alla Vecchia posso fare soltanto i complimenti: perdiamo molti punti per strada e subiamo tanti gol, ma c’è mister Rocchetti che sta facendo rendere al massimo la squadra».
Per Cerroni, dunque, tutto bene quel che finisce bene e adesso non resta che attendere il nuovo anno con la speranza di vedere il bomber in campo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Grandi novità in casa Artù: Daniele Lisi nominato vicepresidente

L’Asd Artù, società sportiva civitavecchiese di patron Riccardo Pieri, compie un passo importante verso l’agonismo. Infatti, al compimento dei dieci anni di attività nel basket, il presidente Pieri ha voluto accanto a sé una figura di spicco del panorama sportivo locale come Daniele Lisi, che da quest’anno ricoprirà la carica di vicepresidente. Lisi, da uomo di sport qual è, avrà un ruolo chiave nella conoscenza dello sport, nello sviluppo completo del corpo e nella sana attività fisica per dare all’Asd Artù una visione più completa, organizzata e ambiziosa. L’Asd Artù propone ai propri atleti diverse possibilità: un gruppo di basket agonistico allenato da Sandro Lisi, un gruppo di mini basket e un altro in via di formazione; inoltre ci sono diversi gruppi di pallavolo e da quest’anno parte un progetto pilota multidisciplinare che coinvolge i due sport appena citati insieme a calcio e nuoto. 
«Un grande ringraziamento – afferma Riccardo Pieri – va a tutti gli istruttori per il grande lavoro che fanno con i ragazzi. Un infinita riconoscenza va, inoltre, alle oltre 50 famiglie che sposano la nostra società. Da quest’anno ci avvaliamo di una figura importante come Daniele Lisi e questo non può fare che bene a tutti noi».
«Sono contento – commenta Lisi – di essere entrato nel mondo Artù. Il mio compito sarà quello di portare ad un livello sempre più alto e completo, una società che è presente sul territorio da dieci anni. Cercherò di potenziare e migliorare un ambiente sano, portando la mia esperienza sportiva». Nella giornata di sabato Daniele Lisi sarà intervistato su Radio Stella Città 101.2 FM dalle 16 alle 17 nel programma “Fischio d’inizio”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Adsp: Lega e Fdi chiedono il commissariamento

CIVITAVECCHIA – "Il Presidente dell’Autorità di Sistema portuale Francesco Maria di Majo non fa altro che aggiungere quotidianamente motivazioni, semmai ce ne fosse bisogno, alla ferma determinazione del gruppo della Lega di Civitavecchia di chiedere quanto prima al Governo in carica la sua immediata rimozione con un commissariamento dell'Ente”. Arriva dal nuovo entrato nella Lega, Stefano D’Angelo, l’ennesima critica contro il vertice di Molo Vespucci. 

“Se non fossero sufficienti i numeri sempre più disastrosi della gestione di questo strano personaggio, ad oggi si aggiungono alle nostre motivazioni – oltre alla sua incompetenza tecnica- anche la sua evidente partigianeria politica che  – ha aggiunto – mai come in questo momento sta creando danni irreparabili all’intera struttura dell’Autority portuale di Civitavecchia. Vengono addirittura organizzati all’interno dell’Ente convegni con tanto di simbolo del Partito Democratico, tra i cui partecipanti viene annoverato il Presidente-Militante Francesco Maria di Majo. Si è dato così inizio alla tarantella della campagna elettorale per le amministrative del 2019 in cui il presidente ha evidentemente deciso di scendere in campo, in cui il presidente ha evidentemente deciso di parteggiare per il suo partito del cuore in maniera esplicita e diretta. È inoltre di questi giorni la notizia di una profonda revisione della pianta organica dell’autorità portuale in cui, in maniera scientifica, si sono penalizzate ed umiliate risorse e professionalità che ben operano ed hanno operato negli anni nell’esclusivo interesse del porto di Civitavecchia favorendo, con nomine ed incarichi scellerati – ha ribadito D’Angelo – compagni di partito che evidentemente sono più disponibili a portare a termine il piano di distruzione del porto di Civitavecchia messo in atto, ormai da due anni, dal peggior presidente dell’autorità portuale della storia di questa città. Sono stati affidati servizi strategici e uffici di grande importanza a persone che altro non hanno dimostrato nella loro vita se non di appartenere ad un partito politico ed essere fedeli ad una tessera che ormai non ha più alcun valore”.

Secondo la Lega, quindi, l’obiettivo di Di Majo è quello di affossare il porto; motivo per il quale si sono detti pronti a scendere in campo in ogni modo, partendo dalla richiesta di commissariamento dell’ente. “Consegneremo inoltre ufficialmente a tutti i nostri interlocutori politici, attraverso la nostra Consigliera Alessandra Riccetti – ha concluso D’Angelo – documenti tali da comprovare la grave incompatibilità del presidente Francesco Maria Di Majo con il ruolo che in maniera inadeguata sta svolgendo come Presidente della Autorità di Sistema Portuale di Civitavecchia”. 

Anche Fratelli d’Italia critica aspramente i vertici di Molo Vespucci, invitando il Governo ad intervenire, in fretta, proprio con il commissariamento dell’ente, fornendo cosi anche una risposta all’ultima interrogazione dell’onorevole Rampelli. Una volta che sono state messe in evidenza le diverse criticità, dovute soprattutto alle tante vertenze aperte nel porto, il circolo locale di FdI ha parlato di “un Presidente politicizzato, che ha dimostrato incompetenza e faziosità nella gestione di un ente così importante, al servizio non già di interessi generali ma di una determinata fazione, non può continuare ad agire indisturbato, nell’indifferenza del governo e, in particolare, del ministro dei Trasporti. Fratelli d’Italia – hanno aggiunto – da molti mesi ha denunciato all’opinione pubblica ed alle istituzioni preposte al controllo la necessità di intervenire su Molo Vespucci, commissariando l’ente, facendosi anche portavoce, in questa fondamentale battaglia in difesa del nostro Porto, delle preoccupazioni e delle giustificate grida di allarme di tanti operatori economici ridotti sul lastrico o duramente colpiti da questa pessima gestione. Recentemente anche l’on. Fabio Rampelli, autorevole esponente di Fratelli d’Italia e Vicepresidente della Camera dei Deputati, preso atto di quanto sta accadendo nel nostro scalo portuale su sollecitazione del nostro circolo, ha depositato una interrogazione parlamentare con la quale ha giustamente chiamato in causa il ministro dei Trasporti Toninelli. Da ultimo perfino l’Amministrazione Comunale di Civitavecchia si è accorta della situazione – hanno ribadito da FdI – stigmatizzando finalmente l’operato dell’avvocato Di Majo, aderendo alla richiesta di un consiglio comunale, già avanzato dal consigliere di opposizione Massimiliano Grasso, per far rendere al Presidente Di Majo il conto della sua pessima gestione innanzi alla massima assise cittadina. Riteniamo che la misura sia colma: se il Ministro ed il Governo non darà tempestivamente seguito all’interrogazine parlmametare dell’on. Rampelli ed alle numerose denunce e segnalazioni sulla pessima gestione di Molo Vespucci del Presidente Di Majo, provenienti da Fratelli d’Italia e da tanti operatori economici ed addetti ai lavori, qualora il Ministro Toninelli non provvederà con urgenza a commissariare Molo Vespucci – hanno concluso – vorrà dire che anche il Ministro Toninelli e l’attuale governo giallo-verde diventeranno complici di quanto sta avvenendo nella nostra Autorità di Sistema Portuale”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tirreno: alla Farnesina arrivano titoli regionali e personal best 

Lo stadio della Farnesina è stato la cornice dei campionati regionali individuali della sezione Allievi (nati 2002-2001). La Tirreno Atletica  Civitavecchia schiera un buon numero di atleti, ancora in fase di crescita agonistica, ancora diamanti grezzi, che però dimostrano tanta e tanta voglia di sgretolare il guscio e diventare atleti maturi. 
Sesta posizione per Christian Ceccarelli al salto in lungo che, ad ogni balzo in buca, cancella e supera il precedente personal best con 5.55m e 5.63m, fissando poi la bandierina a 5,75m. 100m con Filippo Masoni vicino alla miglior prestazione con 11”86; Ivan Abbondanza 11”95 PB prestazione realizzata due volte vista la ripetizione della batteria causata dalla falsa partenza di un avversario, Ivan in entrambe le prove vince la batteria; Alessio Feuli 12”77  e Eric Pifferi 12”79 tutti vicini alla miglior prestazione. Pifferi duplica la distanza ma l’uscita prudente dalla curva gli fa chiudere il crono a 26”07.
Il giro che uccide è la sfida di Riccardo Vanzetti, entrato sulla pista da pochi mesi dopo un lustro calcistico, conclude in 10^ posizione con un 55”11. La Tirreno porta a casa due maglie di campioni regionali con  la 4×400 di Ceccarelli-Silvestrini-Vanzetti-Masoni e  il salto in alto di Alessio Feuli; la medaglia d’argento con una emozionante 4×100 di Ceccarelli-Vanzetti-Abbondanza-Masoni con le frazioni in crescendo e un testa a testa finale per la lotta del secondo posto. Anche per il 2018 Lucrezia Adamo è campionessa regionale dei 3000m con 10’31”69; anno molto impegnativo per lei e coach Ubaldi che però hanno messo a segno importanti conquiste su vari fronti: dal titolo regionale di cross, al bronzo ai campionati italiani allievi, alla partecipazione alla vittoria dello scudetto con la squadra Assoluta reatina , al 4° posto al campionato italiano su strada ad Alberobello fino a giungere all’ultimo impegno della stagione che la vedrà la prossima settimana a Cinisello Balsamo per la finale dei CDS di Categoria come portacolori della Milardi reatina, favorita per il titolo.
La squadra Allieve si compone poi di ragazze al loro primo anno di allenamento; alle primissime esperienze in gara, tra emozione e piccole insicurezze iniziano a scrivere la loro storia agonistica che avrà sicuramente altre pagine rilevanti: 100m per Claudia Amorosi  in 14”15; 400m in 1’24”61 per Samanda Kurtaj con un avvio fin troppo audace, 800m in 2’51”54 per Giulia Cangani e Alessandra Guglielmi chiude il 1500m in 5’53”58. 
Soddisfatti i tecnici Tirreno per la risposta del gruppo Allievi, gruppo  che è arrivato preparato all’appuntamento agonistico di fine stagione, continuando gli allenamenti anche durante l’estate comprendendo come l’Atletica sia un’amica che una volta incontrata ti accompagna ogni giorno. La giusta determinazione agonistica e il senso di appartenenza alla squadra hanno portato ai risultati di oggi, il 6° posto regionale ai Campionati  di Società, conquistato la scorsa settimana sul palcoscenico di Rieti, è un traguardo importante che segna un ottimo punto sulla strada del percorso agonistico e di crescita personale di ciascuno di loro.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli, scende dallo scuolabus e si ritrova in una classe diversa dalla sua

LADISPOLI – Un primo giorno di scuola turbolento per un bambino della Corrado Melone. Scende dallo scuolabus e si ritrova in una classe che non è la sua. A raccontare la disavventura del bambino è stata la madre che ha prontamente denunciato l'accaduto alla dirigenza scolastica e all'amministrazione comunale. Alcune aule della scuola primaria della Melone sono state trasferite, per esigenze, al plesso Odescalchi. Ed è da qui che sarebbe nato il problema. Chi avrebbe accompagnato i bambini lasciati a piazzale Ancheschi del plesso Fumaroli fino al plesso Odescalchi. A quanto pare il dirigente scolastico, venuto a conoscenza della situazione, avrebbe fatto richiesta all'amministrazione comunale di istituire una nuova fermata scuolabus nei pressi di Piazza Falcone, o quantomeno di attivare qualche volontario che avrebbe prelevato i bambini alla fermata e li avrebbe accompagnati in classe. Il tutto in attesa di conoscere il personale ATA in capo all'istituto così da "smistare" i compiti. "Il comune – racconta il genitore – non ha accolto nessuna di queste richieste". E così iscritto il figlio al servizio scuolabus, comunicati gli orari della fermata, ma ignari che il servizio per i ragazzi trasferiti al plesso Odescalchi sarebbe partito con qualche giorno di ritardo, l'ignaro genitore ha accompagnato il figlio al pullmino e salutandolo lo ha visto partire direzione scuola. Ma qualcosa nell'animo la turbava. E così seguito lo scuolabus ha notato qualcosa di insolito. Giunti alla fermata di piazzale Ancheschi del plesso Fumaroli il bambino scende con l'assistente scuolabus, per poi risalire sull'autobus giallo dopo la segnalazione del personale Ata. Il bambino dunque viene portato fino alla fermata di via Torino. Ed è qui che nasce il problema. Il genitore "pedinatore" perde le tracce del figlio a causa della calca di alunni e docenti che si stavano avviando all'interno dell'istituto. Non riuscendo più a individuare il bambino tra la folla, trascorso inoltre diverso tempo, si avvia verso la sua classe e qui l'amara scoperta: suo figlio non c'è. Nessuno lo aveva visto: dagli agenti di Polizia municipale fuori dal plesso che allertati hanno subito chiamato il comando per verificare se fosse stato portato un bambino in stazione, fino all'autista della linea scuolabus del bambino che ha ribadito come tutti fossero scesi in via Torino. Solo una volta giunta alla segreteria della Corrado Melone è arrivato il sospetto che il bambino fosse sì entrato a scuola, ma in una classe diversa dalla sua. Ed infatti era proprio così. Il figlio era sì nella classe indicata anche sui suoi quaderni di scuola, ma della Ladispoli 1. "Ho recuperato mio figlio che era naturalmente confuso e non capiva perché si era ritrovato improvvisamente in un'altra classe, con altri compagni e altri insegnanti, che a quanto pare (e qui la vicenda tocca l'apice dell'assurdo) non si sono chiesti chi fosse questo nuovo bambino". Della vicenda sono stati informati sia il dirigente scolastico della Melone che "con una circolare ha comunicato l'incarico del personale interno per accogliere i bambini da piazzale Anceschi"; e agli uffici competenti del Comune dove è stata ammessa "la gravità dell'accaduto". Della vicenda si è anche interessata l'assessora alla Pubblica istruzione Lucia Cordeschi che ha assicurato ai genitori del bambino il suo impegno personale per richiamare formalmente il personale incaricato. Per fortuna, tutto bene quel che finisce bene. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Venezia, ragazzino muore schiacciato da un muletto. Era entrato in un cantiere chiuso con un amico

Sulla vicenda indagano i carabinieri e la Capitaneria di Porto

Leggi articolo completo

@code_here@

Lorenzo Barlattani è il nuovo segretario  di Art 1 Mdp al posto di  Ceccarelli  entrato in consiglio con la lista civica Abc

ALLUMIERE – Il gruppo politico di Allumiere Art.1-MDP dallo scorso 10 dicembre ha un nuovo segretario: al posto di Simone Ceccarelli c’è ora il giovane attivista Lorenzo Barlattani. L’ormai ex segretario della sezione di Art.1-Mdp, Simone Ceccarelli, ha rassegnato le dimissioni in seguito al suo accesso in consiglio comunale come consigliere della lista civica ABC al posto di Stefania Cammilletti. «Ricoprire il ruolo di segretario è per me – spiega il neo segretario, Lorenzo Barlattani – un onore e una grande responsabilità che accetto con volontà e determinazione. Ringrazio l’ex segretario Ceccarelli e tutto il direttivo per l’eccellente lavoro svolto finora. La mia segreteria seguirà il prezioso lavoro svolta da quella precedente». 
Ceccarelli ha sostenuto con entusiasmo il nome di Barlattani che ha incontrato il consenso totale degli iscritti. «Dato il carattere civico della lista ABC – ha evidenziato Simone Ceccarelli – ho ritenuto inopportuno mantenere contemporaneamente la carica di consigliere comunale e di segretario del partito. Sarò vicino al nuovo segretario con tutta la passione e l’impegno che ho profuso in questa organizzazione fin dalla sua nascita e gli porgo gli auguri di buon lavoro. Sono convinto che sarà all’altezza del ruolo che va a ricoprire. Colgo l’occasione per manifestare la mia stima e il mio ringraziamento a Stefania Cammilletti, che ha lasciato il seggio in consiglio permettendomi di entrare, in quanto primo dei non eletti. Un gesto che va nel senso del rinnovamento e che dimostra ancora una volta il suo senso civico e quello di tutto il gruppo di cui facciamo parte».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###