''Gli alberi vanno monitorati''

SANTA MARINELLA – «A piazza Trieste durante la gestione commissariale è stato abbattuto un pino, lasciando al suo posto uno sgabello di dubbio gusto ricavato dal troncone». 
Così inizia la requisitoria della lista il ‘‘Paese che Vorrei’’ che protesta per le modalità utilizzate per abbattere un pino pericoloso. «Non vorremmo fosse l’inizio di una nuova era di interventi che, senza motivazioni di effettiva necessità, ci vedrebbero privati del bellissimo ombrello d’ombra che costituisce una delle attrattive che caratterizzano l’area – continuano i responsabili del gruppo politico – gli esemplari di pino domestico di piazza Trieste, non versano in condizioni ottimali e probabilmente, come riscontrato da un sopralluogo da noi effettuato il 28 luglio con l’assistenza di un tecnico qualificato, per uno di loro l’abbattimento sarebbe necessario poiché presenta radici strozzanti e rialzamento della zolla. Altri due esemplari sarebbero da tenere sotto controllo in quanto presentano alcune criticità. Finora, poco è stato fatto per mantenerli in buona salute. Anche questa è un’amara eredità degli ultimi due governi Bacheca e dei precedenti che non hanno curato con perizia le potature, non hanno monitorato lo stato di salute di ogni esemplare, né hanno preteso il rispetto delle piante stesse. Queste sono state usate da chi occupa il suolo pubblico, come pali di sostegno di fili elettrici, interruttori e quant’altro, pratica vietata dal regolamento sul verde». Il ‘‘Paese che Vorrei’’ manifesta la sua preoccupazione e chiede alla nuova Giunta un cambiamento radicale sull’approccio al verde urbano. «A nostro avviso – spiegano dal Paese che Vorrei – le alberature presenti in tutto il Comune vanno monitorate con i moderni strumenti a disposizione e gli abbattimenti, tranne quando sono realmente urgenti per imminente pericolosità, vanno autorizzati solo dopo una progettazione di riqualifica dell’area su cui insistono. Inoltre, gli interventi sul patrimonio pubblico del verde non dovrebbero mai essere motivati da esigenze di interesse privato o speculativo, come purtroppo è frequentemente successo in passato. Riqualificare, per noi, significa implementare il verde e non ridurlo in virtù dei numerosi effetti benefici degli alberi». Gli alberi hanno una sorprendente capacità di raffreddamento, alcune ricerche sostengono che un singolo albero sia paragonabile a dieci climatizzatori in funzione per oltre venti ore al giorno e senza effetti collaterali. «Anche in caso di interventi necessari – sottolineano gli aderenti alla lista Casella – la sostituzione di un’alberatura con un’altra, non può prescindere da uno studio che ben identifichi la destinazione d’uso dell’area che si intende rinverdire. Prendersi cura del verde pubblico, inoltre, significa anche dissuadere quanti sono poco rispettosi dal danneggiare le alberature e le aiuole”. “Per fortuna non partiamo da zero – conclude la lista civica – dal 2005, questo Comune è dotato di un buon regolamento del verde, che descrive le corrette pratiche di gestione sia del verde pubblico sia del verde privato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tarquinia aderisce al progetto ‘‘Capitani coraggiosi’’

TARQUINIA –  L’assessore ai Servizi sociali del Comune di Tarquinia, Manuel Catini, annuncia l’adesione al progetto “Capitani coraggiosi”, promosso dalla Confederazione Autonoma Europea dei Lavoratori diversamente abili. 
L’iniziativa si svolgerà martedì 28 agosto, sul lungolago “Argenti” di Bracciano all’interno degli spazi del Consorzio di Navigazione, al termine del campionato mondiale di vela juniores classe 470, che si terrà dal 17 al 26 agosto 2018. 
La manifestazione durerà un’intera giornata e ha l’obiettivo di dare impulso e visibilità alle attività sportive che coinvolgono i diversamente abili, con una dimostrazione di regata con imbarcazioni appositamente attrezzate e l’assistenza di personale esperto. 
Nell’ambito della giornata saranno presentati tre prototipi progettuali realizzati dagli studenti dell’Istituto Nautico “Calamatta” di Civitavecchia, fruibili dai diversamente abili. 
Il primo è l’Electricsave, un pattino di salvataggio spinto da motori elettrici, che può muoversi sia in acqua che sulla battigia. Il secondo si chiama Glays, un occhiale intelligente, dotato di quattro sensori, due frontali e due laterali, che rilevano gli ostacoli e mandano segnali acustici e di vibrazione. Il terzo è il Safe One, un salvagente che si gonfia automaticamente all’impatto con l’acqua. Il programma della manifestazione prevede una tavola rotonda dove ci si potrà confrontare sul tema della disabilità. 
«Ho candidato Tarquinia a ospitare l’edizione del prossimo anno di questa manifestazione – dichiara l’assessore ai Servizi sociali, Manuel Catini – sport e disabilità possono conciliarsi. La presentazione dei tre prototipi sarà un evento particolarmente interessante. Un momento importante sarà il confronto nella tavola rotonda, dove esporrò una relazione sulla situazione tarquiniese e le attività svolte durante l’anno dalle associazioni in coordinamento con il settore servizi sociali del Comune». «È indispensabile fare rete con gli altri comuni – conclude Manuel Catini – effettuare scambi di informazioni, condividere esperienze e progetti.  Il nostro Comune è da sempre attento ai problemi dei cittadini diversamente abili e per questo dobbiamo operare affinché i diversamente abili abbiano la possibilità di praticare sport assieme ai loro coetanei». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Icpl, Attig (Ugl): ''Fm Logistic ignorata. Cozzolino chieda la sospensione della gara''

CIVITAVECCHIA – «L’Ugl è fortemente preoccupata per quanto sta accadendo intorno alla vicenda Icpl». Lo dichiara il responsabile confederale Ugl Civitavecchia, sede Utl di Roma, Fabiana Attig. Che spiega come il sindacato abbia seguito l’intera vicenda, a partire dalla manifestazione di interesse presentata dalla Fm Logistic a febbraio. Attig punta il dito: «L’attuale azienda, che ha gestito negli ultimi anni la struttura, ha totalmente mancato l’obiettivo di adeguamento alle esigenze del mercato, tra l’altro facendone un uso improprio che ne ha compromesso di fatto l’appetibilità di mercato e dove il Comune, titolare della concessione, si è ben guardato dall’intervenire in autotutela. Ha acconsentito – prosegue Attig – che un impianto deputato alla Logistica, dotato di oltre 35mila metri quadri di magazzini, venisse utilizzato principalmente per stoccare automobili, attraverso la stipula di contratti sottoscritti dalla Icpl Srl in liquidazione in regime di proroga. Attività questa che rende diseconomiche le operazioni di carico-scarico, e operando senza le certificazioni e il rispetto delle norme di sicurezza previste di legge per le persone e per le merci. È stato occupato il 60% della capienza dei magazzini da merce a lenta rotazione senza un regolare contratto di servizio in grado di portare utili alla struttura. Questi alcuni motivi e non tutti per cui la Fm forse non parteciperà all’asta non avendo riscontrato alcuna volontà negoziale sulla concessione da parte del sindaco Cozzolino”.

Una concessione che oltretutto, secondo Attig “allo stato attuale risulta poco chiara nelle condizioni, in quanto non permette una corretta valutazione rischi – opportunità per un eventuale concessionario. Il canone poi, risulta fuori mercato, a scapito sia della struttura stessa ma anche – sottolinea – del diretto beneficiario, il Comune, perdendo sistematicamente rilevanti importi utili nel tempo ai necessari adeguamenti di sito”.

Si tratta di valutazioni che il Comune “ha rifiutato – tuona Attig – di considerare pur sapendole necessarie per l’unico vero investitore affacciatosi sul panorama civitavecchiese. La Fm Logistic, le cui credenziali non sono certo da porre a paragone con gli attuali gestori o pseudo tali che operano e agiscono pensando di risorgere dalla proprie ceneri come “La Fenice”. La strada che abbiamo rappresentato in tutti questi mesi era per invertire la tendenza e cogliere le vere opportunità di mercato, cercando di affidare la struttura ad operatori validi e verificati, di nota competenza e non improvvisati o governati da interessi particolari, da conflitti di interessi. Sicuramente non collegati con chi di mestiere fa altro dal logistico. Pensare come qualcuno già va dicendo – prosegue la sindacalista – convinto forse del garantito successo, che per salvaguardare i livelli occupazionali basta creare una Cooperativa ad hoc. Sbaglia di grosso, l’Ugl di certo non è tra coloro che ovvierà a questo sciagurato progetto che porterà solo che altra disoccupazione e nessuno sviluppo. Quello che più ci rammarica è il comportamento negligente e ostativo del Sindaco che avrebbe potuto e dovuto creare le condizioni perché tali operatori, non certo piovuti dal celo, potessero valutare positivamente di investire nel nostro territorio per rendere pienamente operativa la struttura. Lunedi 23 scade la gara Cozzolino è ancora in tempo per porre rimedio chieda al Giudice fallimentare un sospensione di 15 giorni utili a definire un atto di indirizzo di modifiche all’attuale concessione e utili soprattutto ad emettere una ordinanza di sgombero del sito da tutto il materiale stoccato non pertinente e dichiarare la nullità dei contratti stipulati da Icpl in regime di proroga. Soltanto liberando il sito della piattaforma logistica – conclude dura Attig – da ogni incombenza fugherà ogni dubbio sul suo neutrale operato. Se ciò non accadrà lunedì 23 assisteremo tutti al settimo déjà-vu: la Fenice che tenta di risorge dalla proprie ceneri”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Doppio colpo Vecchia: Zagarella e Moneti

di MATTEO CECCACCI

La Vecchia continua a giocare la sua partita e lo fa sempre in modo più sorprendente. È notizia di oggi, infatti, la presentazione di due nuovi innesti presso il Vittorio Tamagnini, dove il club nerazzurro del presidente Ivano Iacomelli e del direttore sportivo Primo Petronilli ha calato una coppia che va ad unirsi al poker del 7 luglio composto da Vittorini, Nuti, Boriello e Tomarelli, e ai due acquisti della settimana scorsa Simmi e Mannozzi. Trattasi di Lorenzo Zagarella e Alessio Moneti: il primo, centravanti classe  ‘92, ha giocato con la Viterbese Castrense con trascorsi  a Todi e Spoleto vantando tra l’altro molte presenze in serie D; il secondo, classe ‘91,  è reduce dalla stagione giocata con il Perugia ed è un ottimo trequartista dotato di un’eccellente visione di gioco e fiuto del gol. Una mossa, dunque, si spera vincente per il team tirrenico che, nonostante le continue difficoltà, sta riuscendo nell’impresa di portare avanti un mercato dignitoso grazie all’immensa dedizione degli addetti ai lavori, partendo dal patron Iacomelli, passando per il diesse Petronilli e finendo con il mister Andrea Rocchetti. Attualmente sono ben otto i colpi di mercato messi a segno.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Lazio pesca nel vivaio del Dlf

Importante prospettiva per un giovane di indiscusso talento che ha gravitato quest’ultima stagione tra le file del Dlf Civitavecchia.
Federico Serra, classe 2006, ariete innato, rifinitore all’occasione, destro naturale, dotato di un grande passo e di eccelse qualità tecniche, è stato oggetto di contesa tra le due società professionistiche della capitale. Durante i numerosi impegni in importanti manifestazioni di prestigio, si è fatto notare dagli osservatori di molti club. 
Dopo un periodo di prova tra Trigoria e Formello, la scelta del giocatore e della famiglia si è orientata in direzione S.S. Lazio, che ha prospettato per lui un futuro progetto, reale e tangibile, che lo avrebbe coinvolto. Federico è solo l’ultimo, in ordine di tempo, di una lunga serie di giovani promesse che si sono messe in mostra calcando il green del Dopolavoro e che sono sorvegliati speciali del calcio d’elite.  In questo frangente è stato fondamentale il lavoro dello staff dielleffino che si occupa di scouting  e che, ogni anno, prepara i giocatori che attirano l’interesse  delle più prestigiose realtà romane. Il Dlf da parecchi anni a questa parte si dimostra il trampolino di lancio di molti calciatori che hanno avuto la lungimiranza di passare da Viale Baccelli, grazie soprattutto  alla sempre più stretta collaborazione con le società professionistiche della capitale e in particolare dallo scorso anno con la società biancoazzurra. «Tutto questo – ripete il direttore sportivo Daniele Bencini, vero artefice della trattativa con il club romano – al fine di aiutare i possibili campioni di domani. Perché monitorare, mettendo in evidenza i migliori talenti del comprensorio, seguire le performance e la crescita dei propri ragazzi è uno degli obiettivi principali di ogni gruppo che si rispetti». 
La società al completo augura al giovane ‘‘laziale’’ di trarre il massimo beneficio da tale esperienza e auspica che questo sia solo l’inizio della sua brillante carriera.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Anagrafe: chiesto un potenziamento

CIVITAVECCHIA – Si va verso lo stato di agitazione. Questa la decisione presa ieri, al termine dell’assemblea dei dipendenti dell’ufficio Anagrafe, con Cgil, Cisl, Uil ed Usb intenzionati a chiedere un incontro urgente al sindaco Cozzolino. La prima richiesta è quella di un incremento del personale, che da 22 unità è passato in pochi anni a 14; un numero oggi insufficiente per garantire i tanti servizi, tra l’altro aumentati nell’ultimo periodo. Basti pensare alla pratica per le nuove carte di identità elettroniche: servono 10/12 minuti a documento. L’ufficio è dotato di due macchinette, quando in realtà ne servirebbe una ogni 10mila abitanti, quindi Civitavecchia ne dovrebbe avere almeno cinque. «L’amministrazione comunale è cosciente che la situazione all’anagrafe vada migliorata  – ha garantito l’assessore Alessandra Lecis – e sta lavorando già da tempo in tal senso. Diverse sono le criticità riscontrate che si intendono risolvere in maniera strutturale». A quanto pare il Pincio avrebbe già avviato le procedure burocratiche necessarie per dotare l’ufficio di un sistema di prenotazione elettronico e, in seguito, si pensa anche ad una App per prenotarsi da smartphone. «Per quanto riguarda il personale, il dirigente apposito sta valutando la possibilità di dotare, almeno temporaneamente, l’ufficio di una unità in più – ha aggiunto – un altro imprevisto, che purtroppo avviene frequentemente d’estate, che si sta risolvendo è quello delle carte di identità ‘‘in urgenza’’. Infine, per quanto riguarda la terza postazione idonea ad emettere la carta d’identità, formale richiesta è già stata inoltrata al competente Ministero».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Vecchia esagera: altro tris di acquisti

di MATTEO CECCACCI

La Vecchia ingrana la quinta. Dopo aver iniziato la partita con un poker vincente, il club nerazzurro del  presidente Ivano Iacomelli è vicinissimo a calare un altro tris: sembrano infatti prossimi a vestire la maglia nerazzurra ben tre calciatori che l’Eccellenza la conoscono molto bene. Il primo a mettere la firma nel pomeriggio sarà il già annunciato Lorenzo Zagarella, il ventiseinne ex Viterbese Castrense con trascorsi  a Todi e Spoleto vanta molte presenze in serie D e durante la stagione andrà ad affianchere il titolarissimo Samuele Cerroni. Altro ingaggio è il classe ‘91 Alessio Moneti, il ventisettenne reduce dalla stagione giocata con il Perugia è un ottimo trequartista dotato di un’eccellente visione e fiuto del gol. Dulcis in fundo spicca l’innesto dell’ex capitano dell’Atletico Ladispoli Edoardo Mannozzi, centrocampista di spessore con molti gol all’attivo nella precedente stagione di Promozione. Una campagna acquisti, dunque, molto positiva per la Vecchia che fa ben sperare tutti i tifosi nerazzurri.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###