Volley Academy, esordio con vittoria

Prima assoluta per la Volley Academy Civitavecchia. Fine settimana intenso quello vissuto dalla neonata società. Sabato scorso presso i locali espositivi dell’entusiasta sponsor Sole Luna si è svolta la presentazione delle squadre Sole Luna Under 13 e Under 14 femminile.  
Domenica esordio vittorioso della Volley Academy nel campionato Under 13 femminile a Tarquinia.  
La gara è finita 3-0 (25-15, 25-12 e 25-8 i parziali) per le giallonere, sempre padrone del campo. Una buona prestazione che lascia ben sperare per il prosieguo del campionato.  
Così il tecnico de Gennaro sulla partita di esordio: «Si è trattato di un doppio esordio: esordiva la Volley Academy ed esordiva la nostra attività agonistica. Si è trattato quindi di una doppia emozione. Le ragazze hanno dimostrato di aver ben digerito le novità dei ruoli e del gioco ad una alzatrice che in genere si inserisce nell’under 14. Ancora qualche piccolo passaggio a vuoto ma il gioco espresso è stato soddisfacente considerando anche il fatto che tutte le ragazze a referto hanno contribuito in campo alla vittoria». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Big match Corneto, in palio c’è la vetta

Per la 10^ giornata del campionato di Promozione, il calendario mette di fronte la Cpc2005 al Montefiascone. La squadra viterbese, veleggia al quartultimo posto in classifica, mentre i tirrenici si stanno giocando la prima posizione con Tarquinia, Acquapendente e Monti Cimini. Per la gara di stamani, il tecnico Caputo ha convocato il 2001 Sacha Sansolini, aggregato da poco in prima squadra, per la formazione della rappresentativa regionale che parteciperà al Roma Caput Mundi. I portuali vengono dalla sconfitta patita in casa della Corneto Tarquinia, ma con il riscatto nei 16esimi di Coppa Italia di mercoledì con il Tolfa, che ha parzialmente attutito la delusione. Partenza dalla doppia faccia, spropositati con le piccole e in difficoltà con le cosiddette grandi. «Nelle passate stagioni facevamo grosse prestazioni con le cosiddette grandi – spiega il presidente Patrizio Presutti – per poi perdere punti importanti sui campi cosiddetti facili. Quest’anno è il contrario visto che di squadre quotate ne abbiamo incontrate solo due fino ad ora, vincendo ad Acquapendente e perdendo a Corneto. Quest’ultima sconfitta mi lascia amareggiato, però, allo stesso tempo, mi fa venire in mente la sconfitta a Montespaccato nell’anno della promozione in Eccellenza. Cosi come la sconfitta in casa della Csl mi fa tornare in mente la sconfitta di quell’anno in caso della Corneto. Quindi spero siano solo dei buoni segnali. E’ logico che si sia amareggiati dopo un quattro a zero, ma siamo abituati a guardare avanti e questo faremo». La Csl Soccer di Daniele Fracassa sfida al Felice Scoponi il Tolfa di Riccardo Sperduti, reduce dalla sconfitta rimediata in Coppa Italia al Galli contro il Città di Cerveteri per 4-2. I rossoblù vogliono continuare il positivo tragitto sconfiggendo anche i collinari, dopo la vittoria di domenica scorsa al Gagliardini contro l’Atletico Ladispoli per 3-2 e la rimonta realizzata sempre al Dlf mercoledì scorso in Coppa Italia col Cerveteri, da 0-2 a 2-2. I leoni rivedono dopo quasi due mesi Emanuele Siani, ma dovranno fare a meno di Gaeta, infortunato, e Della Camera, fuori per diffida. Una sfida, dunque, che si prospetta molto interessante e avvincente in quanto i civitavecchiesi vogliono a tutti i costi il terzo posto come i tolfetani che, stando a -2 lunghezze dalla Csl Soccer, ambiscono allo stesso obiettivo. Ma il big match di questa giornata è senza dubbio quello tra Vigor Acquapendente e Corneto Tarquinia.  Un inedito se consideriamo che esistono solo quattro precedenti in assoluto tra le due squadre che non sono mai riuscite ad incrociarsi. Di quella squadra, mister Fatone ripresenterà anche Nuccioni ed Avola mentre Colonnelli e Viviani saranno assenti causa infortunio. «Sono in grande salute – dice Fatone – e noi dobbiamo fare i conti con un’emergenza difficile da gestire considerando che al momento la mia rosa al completo è di 16 giocatori compresi i due portieri. Dovrò chiedere un sacrificio incredibile a quelli rimasti abili, sperando che facciano la partita perfetta e che ci assista un po’ di buona sorte che finora ci è mancata». Condizioni diverse e buon umore in casa Tarquinia che viaggia a gonfie dopo i due grandi risultati ottenuti negli ultimi cinque giorni. Il tecnico Stefano Del Canuto sa che, a prescindere dalle assenze, la Vigor è un osso durissimo. «Non si può negare che stiamo vivendo un buon momento – afferma Del Canuto – stiamo concentrati perché sappiamo che siamo solo alla nona giornata. I risultati di domenica e mercoledì coi quattro alla Cpc ed Aranova ci hanno dato maggiori certezze e consapevolezza di essere all’altezza delle grandi del campionato. Andiamo ad Acquapendente col morale alto ma con tanta attenzione perché sfidiamo una delle squadre più forti del campionato guidate da un grande allenatore come Fatone col quale sono anche molto amico». Turno casalingo per l’Atletico Ladispoli che stamane ospita il fanalino di coda Academy Aurelio. Una opportunità per conquistare tre importanti punti che gli consentirebbero di uscire dal penultimo posto in classifica. Derby importante anche quello che vede di fronte il Santa Marinella al Città di Cerveteri. Oggi pomeriggio alle 14,30 al Tamagnini, gli uomini di Morelli se la vedranno contro gli etruschi allenati dall’ex Michele Zeoli, reduci da un buon pareggio in Coppa Italia. I padroni di casa, dopo il taglio di ben quattro giocatori, si vedranno costretti a presentare un organico corto e dunque l’impossibilità da parte del mister di contare su una panchina lunga. Sul fronte opposto invece con i suoi 13 punti, i verdazzurri sono ancorati al nono posto in classifica. La speranza per Sanfilippo e compagni è quella che, dopo aver disputato un’ottima gara contro i Monti Cimini, possa arrivare un’altra bella prestazione.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Alla Carducci il Pyrgi S. Severa cede 58-62 al New Basket Time

Nella seconda giornata di serie D, girone A, il Pyrgi Basket s’arrende 58-62 al New basket Time. Stecca l’esordio tra le mura amiche la formazione tirrenica. Il match se lo aggiudicano alla sirena del quarto tempo gli ospiti. Prevale per gli uomini di Catinari la scarsa vena sotto canestro, tanti i rimbalzi lasciati in fase difensiva e poca l’ incisività sotto il tabellone, cosi come gli infiniti errori dal tiro libero, predominanti nella seconda parte del quarto tempo dove, gli ospiti, arrivano col fiato corto e costretti al fallo sistematico. Dall’altra parte si tira molto meno  ma con percentuali realizzative di gran lunga più alte, e forse la differenza per il quintetto di  Paone la fa quell’esser più cinici nei momenti clou. Nota positiva il rientro di Cimò, per lui alla fine saranno 9 i punti realizzati, con Mangiola, Galli e Antista che finiscono in doppia cifra. Parte discretamente  il quintetto di Catinari, interpreta  nella maniera giusta il match concludendo il primo tempo avanti di cinque, seppur si veda la scarsa vena e si accenda un campanello d’allarme, quanto al quinto il NBT mette  avanti la testa di una lunghezza. Il Pyrgi nella seconda frazione perde il vantaggio accumulato e alla sirena di mezza gara il punteggio è di parità, 31-31. Il Pyrgi al ritorno in campo sembra un’altra squadra, macina gioco ma sbaglia troppo a causa del pressing alto degli avversari, arriva fino ad essere sotto di sei con i suoi primi due punti che arrivano dopo 4 minuti. Si lotta e dopo essere stati sotto di sei i ragazzi di Catinari chiudono il terzo tempo sotto di una sola lunghezza, Antista e Galli suonano la carica e si chiude sul 45-46. Quarto tempo punto a punto fino a 4’ e 9” al termine, che vede le due squadre in perfetta parità. 55-55. La squadra ospite si carica di falli e il primo a farne le spese è Setric, autore tra l’altro di una buona gara. Ma il Pyrgi dal tiro libero non c’è, commette troppi errori e viene punito quasi sistematicamente nelle ripartenze  da Cimino e Ratkovic. Il NBT va avanti e non si fa più riprendere. Finisce 62 a 58, domenica c’è il Basket Cavese93 e ci si può già rifarsi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Invernale Riva di Traiano:  boom di adesioni

A pochi giorni dall’inizio dell’Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli, programmato per domenica 4 novembre 2018, le iscrizioni stanno per raggiungere quota 50, con tanti equipaggi che attendono con ansia l’ora della prima regata, alcuni anche regatando alla Middle Sea Race.  
Sono pronti a difendere il loro titolo i vincitori della scorsa stagione: Tevere Remo Mon Ile, First 40 di Gianrocco Catalano (Regata), Libertine, Comet 45 S di Marco Paolucci, (X2 ORC), Malandrina, First 36.7 di Roberto Padua (Crociera), First Wave, First 405 di Guido Mancini (Gran Crociera). Ad attenderli tanti sfidanti agguerriti, con una flotta di Grand Soleil numerosissima (Athyris&C, Canopo, Javal 2, Luduan 2.0, Rosmarine 2, Vag 2, Gygas in Regata e Nau Blu II e Reset in Crociera) seconda solo a quella degli agguerritissimi First, che annoverano tra le loro file in Regata il campione uscente Tevere Remo Mon Ile oltre a Lancillotto, Sayann, Tany & Tasky e Vulcano 2. In Crociera schierano Bonarda, Corvina, Malandrina (campione uscente) Vahiné e in Gran Crociera il campione uscente  First Wave. 
Nelle tre classi in equipaggio, quindi, i titoli sono tutti dei First e la sfida con gli altri cantieri è dichiarata. 
«C’è stato un cambiamento quasi strutturale nelle iscrizioni – spiega il presidente del CNRT Alessandro Farassino – con un ritorno forte della classe Regata che aveva perso un po’ di appeal in favore della vela in doppio. Ad oggi abbiamo 24 iscritti in questa categoria, con equipaggi di altissimo livello che tornano a regatare a Riva. Per questo raggruppamento abbiamo pensato ad una diversificazione, con altre due classifiche oltre alla consueta «overall», ovvero la divisione in due gruppi, “Regata 1” e “Regata 2”, in funzione del rating, con classifiche separate. Un po’ di pepe in più per tutte le barche in regata».
Confermata la possibilità delle due regate nella stessa giornata fino ad un massimo di dodici prove nel corso dell’intero campionato. E questo, insieme alla doppia classifica per la classe Regata, consentirà regate più brevi e, probabilmente, più cattive, con la possibilità per gli equipaggi di prendersi immediatamente le loro rivincite, anche nell’ambito della stessa giornata. 
Al sabato saranno posizionate delle boe per consentire sessioni di allenamento agli equipaggi iscritti. In presenza di particolari condizioni meteo, la Direzione di Corsa potrà optare per un percorso costiero.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Poker e secondo posto in classifica per il Tarquinia calcio

Il Tarquinia Calcio si conferma corsaro e, dopo la vittoria in trasferta al debutto, torna a casa con i tre punti anche alla terza di campionato, andando a vincere 4 a 1 sul campo del Julianellum. Dopo qualche rimpianto per il pari interno contro l’Ischia di Castro arriva netta la reazione dei rossoblù a Vignanello.
Ad indirizzare la partita, poco prima della metà del primo tempo è di nuovo Moreno Rapaccioni, al suo terzo sigillo in tre partite , che al 18’ concretizza la superiorità ospite con la rete del vantaggio. Stavolta, però, i ragazzi di mister Parmigiani non si accontentano e, complice il nervosismo dei padroni di casa in dieci già dalla mezz’ora, nella ripresa cercano e trovano la porta a più riprese. Prima è Fattori al 12’ del secondo tempo a raddoppiare, quindi Luca Forieri ritrova la via della rete per ben due volte, al 24’ e 32’, a cavallo del momentaneo 1 a 3 del Tarquinia Calcio. La ripresa, iniziata in doppia superiorità numerica, ha visto i tarquiniesi sempre più padroni del campo chiudere il match con il poker per il definitivo 1-4.
«Abbiamo condotto la partita dall’inizio alla fine – commenta soddisfatto mister Parmigiani – senza che gli avversari siano riusciti a crearci mai veri pericoli. Abbiamo iniziato bene con il fraseggio sino al gol dell’1 a 0 poi, come sempre, ci ha rallentato un po’ di paura: la loro espulsione ci ha aiutato molto. Sulla carta – conlcude il tecnico – era una trasferta difficile, perché loro sono una squadra che non molla mai e che ha temperamento, su questo campo non sarà facile giocare per nessuno. Noi ne usciamo con tre punti, avendo mantenuto la calma e senza provvedimenti disciplinari: ci dispiace solo per l’infortunio di Ivan Giamundo dopo una manciata di minuti e speriamo non sia nulla di grave».
Sette punti, dunque, in tre partite e due vittorie esterne. L’inizio rossoblu è ampiamente positivo e ora non resta che provare a far sorridere il pubblico di casa con una vittoria, magari domenica quando al Bonelli arriverà il Barco Murialdina, reduce dalla sconfitta di misura subita dalla capolista Virtus Marta a +2 dal Tarquinia Calcio, secondo in graduatoria.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sosta selvaggia davanti la Melone, il preside bacchetta i genitori

LADISPOLI – Lo aveva promesso a inizio anno scolastico e ha già mantenuto la promessa. Il dirigente scolastico della Corrado Melone, Riccardo Agresti, torna a rimproverare i genitori indisciplinati e ancora una volta (come promesso proprio all'apertura dell'anno scolastico, appunto) lo ha fatto postando la foto degli insciplinati, o meglio delle loro auto, sui social. "In foto la dimostrazione che ci sono genitori che non rispettano i propri figli o comunque se ne infischiano della sicurezza dei figli altrui. Non è la prima volta che degli ignoranti (ignorano le regole del codice della strada) mettono a rischio la sicurezza dei ragazzi i quali, invece di scendere in tranquillità dai pullman al rientro da una qualche uscita didattica, sono costretti a scendere sulla strada perché lo spazio riservato ai bus è occupato da incapaci (incapai a percorrere un tratto di strada dal parcheggio dedicato alle auto a Scuola). La maleducazione (sono stati educatiomale dai loro genitori e male educheranno i propri figli) di queste persone – prosegue Agresti – è assolutamente stigmatizzabile e rende conto della fatica che fanno i docenti ad insegnare il rispetto delle regole della civile convivenza! Il Sindaco aveva detto che sarebbero fioccate le multe, ma vediamo ancora solo estrema mancanza di rispetto del prossimo". 

Scena, quella immortalata dal dirigente della Melone, che si ripete davanti a quasi tutti gli istituti scolastici ladispolani. Auto in doppia, se non in tripla fila con i genitori, con al seguito bambini, che fanno la gimkana tra le auto, incuranti del pericolo per loro stessi, e per gli altri automobilisti che magari, proprio in quel momento si ritrovano a dover attraversare quel tratto stradale col rischio di incorrere in qualche incidente. Situazione, peraltro, denunciata anche da un genitore, come riporta lo stesso preside Agresti che, dopo la 'ramanzina' ha voluto condividere con gli internauti anche il commento di un genitore della Melone: "Buongiorno – si legge nella nota inviata al dirigente scolastico – sono un genitore disabile che se potesse avere l'uso pieno delle gambe,sarebbe molto volentieri ben disposto a parcheggiare la propria auto,munita di opportuno tagliando e comandi appunto adatti alla mia patologia,sarebbe,dicevo molto ben disposto a parcheggiare nelle piazze o nelle vie adiacenti alla scuola e fare quattro benedetti passi sulle proprie gambe.Purtroppo devo avvicinarmi molto in prossimità dell' Istituto Melone ,ma sempre attento a non invadere lo spazio e la libertà altrui. Guardi invece cosa siamo capaci di fare, il grado di menefreghismo e inciviltà raggiunti. Considerando che al peggio non ci sono limiti, con questa immagine (nella foto inviata al dirigente scolastico si vedono auto in doppia fila che invadono anche le strisce pedonali, ndr) voglio mettere in evidenza, il "coraggio" di alcune figure che senza pudore e con il massimo dell'egoismo e della arroganza e aggiungo assoluta stupidità, riescono a mettere regolarmente le loro auto nelle posizioni più idonee a mettere in pericolo gli stessi scolari,contravvenendo alle più elementari regole e impedendo anche il transito degli ausili per disabili e procurando disagio e difficoltà di cui i suddetti imbecilli sembrano non rendersene conto.Eppure secondo me,sono pienamente coscienti del loro deplorevole comportamento.Ma il livello di degrado raggiunto,li ha assuefatti alla malaeducazione e al sopruso.Un rimedio potrebbe essere il raggiungimento della consapevolezza degli utenti più ligi alle norme,che costoro possono venire redarguiti e invitati al rispetto verso tutti.
Caro signor preside, la saluto molto cordialmente, con l'amara certezza che anche non arrendendosi,purtroppo non saremo in grado di cambiare le cose".

Non è mancata la risposta del dirigente scolastico: "A questo genitore rispondo che credo nella funzione di crescita culturale ed educativa della Scuola e sono certo, guardando i nostri "meloncini", che il futuro sarà migliore della realtà attuale. Noi lavoratori della conoscenza non ci arrenderemo mai!".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tarquinia Calcio ancora corsaro: vittoria 4 a 1 sul campo del Julianellum

TARQUINIA – Il Tarquinia Calcio si conferma corsaro e, dopo la vittoria in trasferta al debutto, torna a casa con i tre punti anche alla terza di campionato, andando a vincere 4 a 1 sul campo del Julianellum: dopo qualche rimpianto per il pari interno contro l’Ischia di Castro, arriva netta la reazione dei rossoblù a Vignanello.

Ad indirizzare la partita, poco prima della metà del primo tempo, è di nuovo Moreno Rapaccioni – terzo gol in tre partite – che al 18’ concretizza la superiorità ospite con la rete del vantaggio. Stavolta, però, i ragazzi di Mister Parmigiani non si accontentano e – complice il nervosismo dei padroni di casa, in dieci già dalla mezzora – nella ripresa cercano e trovano la porta a più riprese. Prima è Fattori, al 12’ del secondo tempo, a raddoppiare, quindi Luca Forieri ritrova la via della rete per ben due volte, al 24’ e 32’, a cavallo del momentaneo 1 a 3 del Julianellum.

“Abbiamo condotto la partita dall’inizio alla fine – le parole, soddisfatte, di Mister Parmigiani – senza che gli avversari siano riusciti a crearci mai veri pericoli. Abbiamo iniziato bene con il fraseggio sino al gol dell’1 a 0 poi, come sempre, ci ha rallentato un po’ di paura: l’espulsione loro, a quel punto, ci ha aiutato. La ripresa, iniziata in doppia superiorità numerica, ci ha visto mantenere la partita in mano, sino a che, su nostra leggerezza, loro non hanno accorciato sugli sviluppi di una punizione. Lì siamo stati bravi a ristabilire subito le distanza, ed a finire la partita gestendo il possesso palla”.

“Sulla carta era una trasferta difficile: – conclude Parmigiani –  loro sono una squadra che non molla e che ha temperamento, su questo campo non sarà facile giocare per nessuni. Noi ne usciamo con tre punti, avendo mantenuto la calma e senza provvedimenti disciplinari: ci dispiace solo per l’infortunio di Ivan Giamundo dopo una manciata di minuti e speriamo non sia nulla di grave”.

Sette punti in tre partite e due vittorie esterne: l’inizio rossoblù è ampiamente positivo. E ora non resta che provare a far sorridere il pubblico di casa con una vittoria, magari domenica prossima quando al Bonelli arriverà il Barco Murialdina.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Giampiero Granatelli: ''Siamo una squadra di carattere''

A pochi giorni dallo start della nuova stagione in serie B, il Civitavecchia Rugby Centumcellae scalda i motori in vista del debutto col Cus Siena, in programma domenica 14. La società biancorossa ha lanciato la rubrica “A tu x tu con il Crc”. Il primo personaggio della settimana intervistato è l’allenatore della prima squadra. 
Granatelli, partiamo dal passato per raggiungere il presente e poi proiettarci nel futuro. Cosa ha trovato di nuovo nel Crc?
«Innanzitutto tanti amici, l’ex presidente Domenico Nastasi, una persona a cui sono legato, molto appassionata. Ho avuto modo di rivedere vecchi dirigenti come Mauro Tronca, oltre a conoscere il nuovo presidente Andrea D’Angelo, una persona eccezionale sotto profilo organizzativo e che fa funzionare il club come una azienda. E lui in questo senso direi che ne sa abbastanza».  
Quali sono i punti di forza tecnici per la nuova stagione?
«Il Crc è un grosso mix di competenze, tradizione, giocatori che hanno uno specifico Dna. Ci sono tanti ragazzi di Civitavecchia, un blocco fondamentale. Poi sono arrivati degli innesti che possono dare un valore aggiunto. E’ una squadra fisicamente strutturata, più competitiva rispetto agli anni passati, ed è anche più bilanciata». 
Ci siamo, il campionato si aprirà con la prima in casa. Cosa si aspetta?
«Vorrei leggere nel viso dei ragazzi lo stesso spirito di tre stagioni fa, quello della doppia sfida con Badia, quando ci siamo lasciati con una grande voglia di fare bene. Mi piacerebbe rivedere lo stesso desiderio di sfida. E’ la prima cosa che chiederò».
Nel Crc adesso ci sono dei nuovi giovani, il vivaio come lo ha trovato?
«Siamo aumentati nel numero, ma anche e soprattutto nella formazione della juniores, mi riferiscono agli under 18, 16 e 14, categorie che erano deficitarie nel passato. Gli under 18 lavorando in maniera importante possono raggiungere i compagni più grandi molto presto. Ci sarà un bel ricambio».
Un pronostico sulla stagione che sta per partire, che tipo di squadra si aspetta ai nastri di partenza?
«Faremo un gioco di livello, un rugby alla portata di tutti i giocatori. Il nostro Dna è quello di una squadra di carattere. Del pragmatismo ne facciamo tesoro, non dobbiamo regalare nulla agli avversari. In difesa dobbiamo garantire certezze assolute, poi vedremo anche il valore degli avversari. Alla fine il risultato è determinato dal livello dei rivali diretti, a cominciare da domenica. Occhio alle neo promosse, solitamente hanno una motivazione in più. Quando si sale dalla serie C si ha un’energia extra. Ricominciamo dal Siena con grande entusiasmo, dobbiamo partire in maniera decisa».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Luca Riccioni primo al concorso internazionale Global Physics Photowalk

CIVITAVECCHIA – Il vincitore è Luca Riccioni. Il fotografo di Civitavecchia (che è anche dirigente territoriale della CNA) tra centinaia di partecipanti ha svettato al Global Physics Photowalk 2018, il concorso di livello mondiale che consente di esplorare i grandi laboratori in tutto il pianeta e di mostrare il campo della fisica. Lui ha puntato sul rivelatore Kloe2, immortalato nei laboratori dell’Infn (Istituto nazionale di fisica nucleare) di Frascati, dedicato allo studio dell’origine dell’asimmetria tra materia e antimateria nell’universo. Il primo posto gli è stato assegnato dalla giuria popolare: l’annuncio è arrivato durante la conferenza annuale dell’Associazione internazionale dei musei della scienza e tecnologia (ASTC) di Hartford, nel Connecticut (Stati Uniti).

Ma dietro al successo c’è una storia che merita di essere raccontata.

Riccioni è un professionista noto: ha lavorato come cameraman con importanti registi e direttori della fotografia e a Civitavecchia ha aperto lo studio Kinoki nel 1994. Al Global Physics Photowalk la sua foto è stata giudicata la migliore dal voto popolare. L’idea è nata quasi per caso. “I laboratori – dice – un giorno all’anno aprono al pubblico, la mia partecipazione è partita come una passeggiata, tanto che non mi ero portato neanche una macchina professionale”. È servito un permesso, lì non c’era mai stato. Eppure ha vinto prima a livello locale, poi è stato selezionato tra i migliori 12 per la successiva sfida in ambito nazionale, infine il successo mondiale.

“Mi ero quasi dimenticato – continua – invece sono stato il più votato dalla giuria popolare: l’ho saputo in questi giorni, mi hanno inviato una mail”. Il bianco e nero è stata una scelta precisa. “Dopo 40 anni – spiega Riccioni – Kloe2 stava andando in pensione: quel macchinario era un po’ nell’angolo, così ho voluto fotografarlo”. La scelta è stata vincente. E il successo ha un sapore particolare. “Per me è una rinascita, una vittoria doppia, anche psicologica”. Riccioni ha avuto un ictus e quella di Frascati, a giugno, è stata la sua prima uscita dopo quattro mesi in ospedale. Era ancora claudicante, ma andarci è stata una svolta anche per un altro motivo: “Mia figlia ha visto il papà ripartire”.

Commenta così Mirco Villa, portavoce nazionale dei fotografi CNA: “Riccioni, in questo suo importante riconoscimento, evidenzia quanto la fotografia professionale sia un patrimonio e un linguaggio di espressione contemporanea. Ha saputo evidenziare, con un solo scatto professionale, come la fotografia possa essere l’espressione di tante parole e di un grande racconto che, in questo caso, farà il giro del mondo.”

Un motivo di soddisfazione anche per Alessio Gismondi, presidente della CNA di Civitavecchia, dal quale arrivano i complimenti a Riccioni. “Siamo fieri di averlo con noi: è la dimostrazione che con la qualità del lavoro – sottolinea – si arriva a traguardi importanti. E che questa è fondamentale nella vita di ogni artigiano”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###