Snipers: doppia vittoria all’esordio

Doppia vittoria all’esordio per la formazione femminile degli Snipers Civitavecchia. Le ragazze, guidate da coach Gavazzi, hanno battuto per 1-0 i Draghi Torino (rete di capitan Veronica Novelli) e per 2-1 dopo i tiri di rigore le padrone di casa del Verona Mastiff (reti di Mara Faravelli e Veronica Novelli). Dopo il primo concentramento di campionato le civitavecchiesi sono in testa con 5 punti in classifica. Decisivo l’innesto in formazione della portiera Eugenia Pompanin, ex Asiago Bee Pink, quest’anno in formazione anche come secondo portiere della squadra maschile. «Sono state due partite molto combattute – afferma la Pompanin – con il Torino abbiamo iniziato molto bene subito in avanti facendo molti tiri sopratutto nel primo tempo; poi siamo calate un po’ ma siamo riuscite lo stesso a resistere fino alla fine. Contro le veronesi invece abbiamo faticato molto di più perché comunque era la seconda partita ed erano tutte molto stanche. Però nonostante ciò il gruppo è rimasto unito ed ha giocato molto di squadra e questo ci ha premiate. Tutto sommato è stata una bellissima prima giornata di campionato,  abbiamo fatto molta esperienza e soprattutto ci siamo divertite tutte assieme».
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Fiumicino solo in vetta, la Cpc tallona le prime

Finisce in goleada la decima giornata del campionato di serie C2 maschile tra Cpc2005 e Futsal Ronciglione, sette a zero il risultato alla fine dell’ora di gioco per i portuali al centro sportivo di San Liborio. 
Cerrotta e compagni conducono la gara dal primo all’ultimo minuto. Ronciglione, non pervenuto. 
Vittoria che mantiene gli uomini di mister Branchesi nei piani altissimi della classifica, ieri il recupero con l’Eur Massimo.
Inizio tambureggiante dei rosso portuali, prima Agozzino e poi Leone portano la Cpc2005 avanti di due reti nel giro di sette minuti. La formazione di Civitavecchia amministra gioco, possesso e rende nulle le occasioni ospiti, solo Loi nel finale impensierisce Cacace. 
Si va a riposo sullo striminzito due a zero, ma nella seconda frazione sarà altra cosa. Cerrotta in otto minuti ne segna due, Panunzi al 9’ fa cinquina,  la Cpc2005 affonda gli artigli e il sinistro di Agozzino ancora per due volte brucia l’estremo difensore ospite. Finisce sette a zero, di più non si poteva chiedere.
Cpc2005: Cacace, Agozzino, Cerrotta, Caselli, Frusciante, Leone, Pagliari, Persi, Petretto, Panunzi, Ranzoni, Trappolini. Allenatore: M. Pieri (in sostituzione di Branchesi squalificato).
Futsal Ronciglione: Ferretti, Sconocchia, Desio, Mariani, Zucci, Chiricozzi, Loi, Balonelli, Altavilla, Leonardi, Ercoli.
Doppia sconfitta per le due squadre di Santa Marinella. 
La Td di mister Vincenzo Di Gabriele sono stati battuti in trasferta dal Laurentino Fonte Ostiense 80 per 3 a 2, mentre il Santa Severa Futsal ha lasciato i tre punti in casa alla Virtus Monterosi. 
Nonostante i gol di Trovaglini e Maggi, i tirrenici non sono riusciti a superare una formazione che viaggia al secondo posto in classifica. 
«Noi ce l’abbiamo messa tutta – dice mister Di Gabriele – ma abbiamo incontrato una squadra molte ben preparata. Avremmo potuto fare il colpaccio, ma quando si ha a che fare con tanti giovani, bisogna anche considerare il fattore esperienza. Comunque sono soddisfatto di come hanno giocato i ragazzi, meno del risultato». 
Sconfitta anche per la Futsal Santa Severa che in casa, nel posticipo del lunedì, ha perso per 3 a 1 con la Virtus Monterosi. 
I ragazzi del neo allenatore Luchetti ce l’hanno messa tutta pur di vincere il primo incontro casalingo ma nonostante gli sforzi hanno ceduto ad una avversaria che è apparsa più attenta in fase difensiva.
Ottimo risultato per la Futsal Academy a Roma contro La Pisana squadra ostica e accreditata per salire di categoria. 
Finisce in parità 1 a 1 che alla fine sa di beffa per i tirrenici. I postumi del derby della scorsa settimana si fanno ancora sentire visto che devono rinunciare per infortunio a Bertini (distorsione alla caviglia fuori 2 mesi), Guzzone e  Rocchi, Rosalba e Rossi per problemi di lavoro, Saraudi squalificato potendo contare solo su sette giocatori e due portieri.
Nunzi da decano del calcio a 5 mette bene la squadra in campo schierando Lancia in porta, Notarnicola, Fattori, Pinna e Cibelli (migliore in campo) difendendo con ordine e ripartendo in velocità soprattutto con Cibelli che al 15’ va vicino al gol ma il palo gli nega il vantaggio.
Passano pochi minuti e al 18’ lo stesso Cibelli imbeccato da un assist di Ferraccioli, bravo a trovare un corridoio, porta in vantaggio la Futsal Academy con un diagonale basso davanti al portiere in disperata uscita. 
La squadra difende il vantaggio rinculando gli attacchi romani ma allo scadere del primo tempo trovano il pareggio con Cuce bravo a girarsi in aerea e trafiggere Lancia. Finisce il primo tempo  1 a 1. 
La ripresa è la fotocopia del primo tempo con La Pisana a fare gioco e la Futsal Academy a difendere a denti stretti il pareggio.
Le uniche emozioni arrivano da un altro palo clamoroso di Cibelli e due tiri liberi per gli avversari dove Lancia si supera per ben due volte respingendo i tiri avversari in angolo.
A dieci secondi dalla fine la clamorosa palla gol per la Futsal Academy capita a Ferracioli che arriva in ritardo sul secondo palo mettendo la palla fuori di un nonnulla.
Grande iniezione di fiducia per i ragazzi Civitavecchiesi che sabato affronteranno la trasferta di Ronciglione ultimo in classifica.
Il Real Fiumicino/Futsal Isola fa tre su tre negli scontri diretti della prima metà di stagione e guadagna la vetta solitaria del girone D: il roster di Consalvo s’impone 5-1 nel fortino dell’Eur Massimo e fa scivolare il team di Gimelli dal trono ai piedi del podio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snc, inizia il tour ligure

di MARCO GRANDE

La serie A2 di pallanuoto si appresta a tornare in acqua nella giornata di domani  per il terzo turno del campionato; la Snc di Marco Pagliarini cerca il riscatto dopo la deludente sconfitta casalinga subita sabato scorso dal Como Nuoto, che di fatto annulla le note positive viste nel corso del primo match di  Ancona, in cui i rossocelesti avevano espugnato, a detta di molti esperti, uno dei campi più ostici del girone.
Tutto da rifare, dunque, per la società di Viale Lazio, attesa lle 14 nella piscina di Bogliasco dalla formazione della Sportiva Sturla, reduce dal convincente successo per 9 a 7 in casa del fanalino di coda Brescia Waterpolo.La compagine civitavecchiese con quella genovese, però, vantano gli stessi punti in classifica, ma registrano allo stesso tempo un diverso inizio di campionato, con i laziali vincenti all’esordio e con lo Sportivo Surla che ha subito la debacle interna contro il Torino proprio due settimane fa. Mister Pagliarini potrà contare sull’esperienza, ma soprattutto sulla vena realizzativa del suo pupillo nonché dell’ elemento più rappresentativo del gruppo, ovvero capitan Romiti. Il 35enne, mattatore indiiscusso nel match di Ancona e autore di una delle sette marcature dei suoi nella gara di sabato scorso, non ha di certo intenzione di fermarsi e vuole trascinare il team di patron D’Ottavio verso una vittoria che gli darebbe morale e fiducia nei propri mezzi. Dall’ altro lato, però, la formazione civitavecchiese dovrà cercare di marcare il più possibile Dainese, uno dei giocatori di maggior rilevanza, che ha già segnato per quattro volte. Chi ha contribuito per la causa rossoceleste nella partita contro la squadra lombarda è stato senza ombra di dubbio Marco Minisini (nella foto in alto): il 24enne ha espresso il suo parere circa questo inizio di campionato dalla doppia faccia della medaglia dei suoi compagni, i quali hanno conosciuto sia la gioia per la vittoria che il gusto amaro della sconfitta.
«Il match interno contro il Como è stato preso sotto gamba – esordisce l’attaccante –  e quest’anno non possiamo permetterci il lusso di affrontare le partite in questo modo, visto che concorriamo dopo tempo nel raggruppamento del Nord. Abbiamo affrontato il terzo quarto di gara da squadra spenta e quasi priva di motivazioni; solamente nel quarto parziale di gioco ci siamo svegliati, recuperando e portando il match sul 7 a 7».
Circa il goal  che lo ha sbloccato dal punto di vista realizzativo, invece, si dichiara contento ma specifica allo stesso tempo di non voler scendere in acqua tanto per la marcatura, quanto per l’obiettivo di mettere in condizione gli altri compagni di apparire più frequentemente sul tabellino dei marcatori. Poi passa a parlare della leadership della sua guida tecnica, esaltata e considerata un punto di riferimento per tutto il gruppo: «Lo stadio del nuoto può essere gremito di persone e registrare il tutto esaurito – afferma il 24enne- ma l’unica voce che ascolto insieme ai miei compagni è proprio quella del mister,l’unica in grado di farci estraniare da tutto il resto». Infine rivogle un pensiero agli immediati avversari da affrontare: «Non conosciamo lo Sturla – conclude – che, come tutte le squadre della Liguria, sarà agguerrita e tosta ma indipendentemente da questo ce la possiamo giocare contro qualsiasi avversario. Nessuno può mettere i piedi in testa a un gruppo come il nostro che ha tanta voglia di spaccare».
Parole chiare e concise, quelle di Minisini, che portano verso un unico denominatore comune: il riscatto. Solo il campo determinerà il verdetto di una partita il cui esito appare tutt’altro che scontato.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Viabilità e sosta selvaggia, FdI: ''Situazione critica''

CIVITAVECCHIA – Il circolo Giorgio Almirante di Fratelli d’Italia lancia l’ennesimo allarme per la viabilità cittadina. Tra sosta selvaggia, traffico, strade dissestate e voragini la quotidiana circolazione dei civitavecchiesi si fa sempre più complessa. È questo, sostanzialmente, quello che viene evidenziato da Luminita Craciun e Mirko Giannino della commissione viabilità del circolo con tanto di documentazione fotografica. Una decisione presa dopo le numerose segnalazioni inviate e ricevute.

“Nonostante fosse una giornata tranquilla – spiegano da FdI –  nella quale non erano presenti navi da crociera, che contribuiscono notevolmente alla congestione delle arterie principali di Civitavecchia (a causa delle decine di bus da turismo che congestionano il centro città in barba a qualsiasi ordinanza emanata dall’amministrazione comunale), la situazione è e  rimane sempre molto critica: fermate dei bus usate normalmente come parcheggi, attraversamenti pedonali ignorati e occupati da veicoli in sosta vietata, furgoni ed auto in doppia fila quasi ovunque, aree di carico e scarico fantasma. Se a tutto questo si aggiungono decine di bus turistici che non rispettano l'ordinanza vigente, le centinaia di ncc (più o meno legali) che con le crociere prendono d'assalto le nostre strade, ecco chiarite le ragioni per le quali Civitavecchia è una città congestionata dal traffico – tuonano Craciun e Giannino – con le vie del centro città praticamente impercorribili, soprattutto per chi guida un bus o un furgone”.

Ma per i due rappresentanti del circolo ‘’Almirante’’ c’è un’altra nota negativa: la presenza nel centro città di mezzi pesanti sopra a 7 t che percorrono quotidianamente la mediana e viale G Baccelli. Una situazione che va a creare difficoltà e problemi “malgrado la segnaletica stradale e le ordinanze comunali teoricamente vietino il transito dei mezzi pesanti – sottolineano – evidentemente, lo ribadiamo, l’amministrazione comunale non ha né la voglia né la capacità di far rispettare le sue stesse ordinanze. Anche le condizioni in cui versa il manto stradale di gran parte delle strade cittadine sono a dir poco raccapriccianti”.

Strade dissestate e voragini che rendono “la nostra povera città simile a Beirut o Sarajevo dopo la guerra: i pochi tratti decenti sono frutto dei lavori di altri e della manutenzione stradale promessa dall’amministrazione comunale non vi è traccia. Ogni giorno si aprono pericolosissime buche e voragini – concludono Craciun e Giannino – attorno alle quali si moltiplicano, mestamente, le transenne, vero emblema del fallimento della giunta pentastellata”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tasse sugli immobili, così la Lega vuole riunificare l’Imu e la Tasi

Tra gli emendamenti alla legge di Bilancio c’è anche il «testo unico dell’Imu» che prevede la semplificazione della tassazione sulla casa, per evitare una doppia tassa, con doppi adempimenti per lo stesso immobile. Ipotesi auspicata anche dall’Anci

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Bis per il Cerveteri Film Festival

CERVETERI – «Dopo il consenso dello scorso anno, nella sua edizione pilota, per qualità, per scelta delle pellicole, per l’organizzazione e per i suoi contenuti, è emozionante poter proporre una seconda edizione del Cerveteri Film Festival, la rassegna dedicata al Cinema in pellicola. Lo scorso anno la realizzammo all’interno di una cornice unica al mondo come quella della Necropoli della Banditaccia, quest’anno invece sarà in una location originale, che si trasformerà in una meravigliosa sala cinematografica vecchio stile, come quella dell’Aula Consiliare del Granarone. Come lo scorso anno ci alterneremo con il Cinema Moderno, con una programmazione eterogenea, con grandi ospiti e grandi film. Per la seconda edizione del Cerveteri Film Festival, tutto è pronto». Con queste parole, Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri, annuncia il ritorno dal 22 al 25 novembre del Cerveteri Film Festival, organizzato con l’Assessora alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri Federica Battafarano e con la Direzione Artistica di Boris Sollazzo. L’esordio “bis” del Cerveteri Film Festival è in programma per domani, giovedì 22 novembre nell’Aula Consiliare del Granarone a partire dalle ore 20.00. La rassegna si aprirà con un momento toccante, ovvero con l’omaggio a Giuliano Gemma, figura simbolo del western italiano venuto a mancare il 1° ottobre 2013 che per molti anni ha vissuto a Cerveteri. Per l’occasione, verrà proiettato uno dei capolavori con Gemma protagonista, ‘Il Prefetto di Ferro’, film del 1977 dirett o da Pasquale Squitieri. Presente alla serata,la giornalista Baba Richerme, seconda moglie dell’attore, alla quale verrà conferita una importante onorificenza legata alla carriera dell’indimenticabile Giuliano Gemma Nella giornata di avvio della seconda edizione del Film Festival, anche un’altra novità: parte infatti il Concorso Internazionale Cortometraggi, alla presenza dell’attrice Selene Caramazza, giovane attrice che già può vantare numerosi premi come Miglior Attrice con il film del 2017 ‘Cuori puri’. Saranno proiettati, alla presenza di registi e attori, quattro cortometraggi: “Il Primo Cinema della Storia: ‘obiettivo sul paleolitico. Fuoco. Movimento. Colore”, con il regista Igor Imhoff; “M.M.M. Movies Make Money”, con Andrea Ferrari e l’attore Fabrizio Romagnoli; “Posto unico”, con Andrea Borgia e Mauro Piacentini e“Corto in corto”, con il regista Gianni Ippoliti e l’attrice Fabiana Latini. L’omaggio a Giuliano Gemma prosegue anche nei giorni seguenti, in particolar modo nella giornata di sabato 24 novembre con una doppia proiezione all’interno dell’Aula del Granarone: alle 18.30 sarà proiettato ‘Un uomo in ginocchio’, per la regia di Damiano Damiani, mentre alle 20.30 ‘Il Deserto dei Tartari’, per la regia di Valerio Zurlini. Tra gli ospiti del Cerveteri Film Festival, il regista Giuliano Montaldo nella serata di venerdì, il regista Filippo Bologna con l’attoreAlessandro Haber nella serata di sabato, durante la quale presente ranno il film “Che fai a Capodanno?” e l’attore Guglielmo Poggi, che verrà insignito del Premio Luca Svizzeretto.L’ingresso alle proiezioni del Cerveteri Film Festival,  sia nell’Aula Consiliare del  Granarone che al Cinema Moderno, è libero e gratuito per tutti. Il Cerveteri Film Festival è sostenuto dal MIBAC, Regione Lazio e Comu ne di Cerveteri, con la collaborazione del Centro Sperimentale di Cinematografia, la Cineteca di Bologna, la Direzione Generale Cinema e Artemide Guide.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Raccolta funghi, la Civita off limits ai disabili

TARQUINIA – Civita off limits ai disabili che non possono dedicarsi alla raccolta dei funghi con i famigliari. 
La denuncia arriva dal gruppo politico di Idea Sviluppo ormai in rotta di collisione con il presidente Sergio Borzacchi e i suoi fedelissimi, su tutto. «Siamo costretti ad intervenire ancora una volta sull’attività amministrativa dell’Università  Agraria di Tarquinia,- tuonano gli esponenti del gruppo che fa capo a Pietro Serafini –   non per alimentare una ulteriore polemica sui criteri gestionali poco trasparenti od in qualche modo insofferenti all’obbligo del confronto politico, che pure abbiamo dovuto constatare nell’ultimo periodo (vedi la questione bilancio, accesso  e trasparenza degli atti), ma per evidenziare un fatto di particolare gravità, censurabile non solo sotto il profilo amministrativo, ma soprattutto sotto l’aspetto umano e sociale».
Gli esponenti del gruppo Idea Sviluppo chiedono «se risponde a verità quanto affermato da alcuni utenti tarquiniesi». «Sembra – spiegano – che ai soggetti disabili sia di fatto impedito l’accesso per la raccolta di funghi ferlenghi sul Pianoro della Civita. Veniamo informati quotidianamente sui giornali delle varie iniziative del consigliere Alessandro Sacripanti, ormai noto in città per essere stato attivista di  quattro partiti in cinque mesi e del vicepresidente Alberto Tosoni, mai dimissionario ed ancora titolare della doppia carica di consigliere e vicepresidente, impedendo ad alcuni membri del suo stesso gruppo politico di poter fare una propria esperienza amministrativa. Niente di nuovo, comunque, visto che  in passato dei corsi di micologia non gratuiti, per la raccolta funghi ce ne sono sempre stati in abbondanza.  Ma la vera novità  di questa amministrazione, ed in particolare dei due amministratori, è l’intensificazione dei controlli.  Fin qui nulla di strano, anzi,  se non si determinasse la spiacevole conseguenza che i tarquiniesi  diversamente abili o con difficoltà motorie, dotati di permesso con invalidità al 100%, non possono entrare con la macchina al pianoro per recarsi alla raccolta funghi.  Viene in tal modo impedito il verificarsi di un momento  di  grande soddisfazione per i nostri ragazzi che aspettano per un anno intero, sperando ogni volta di emozionarsi, integrarsi, scaricarsi, vivere la nostra bellissima campagna con i famigliari». 
«Molte famiglie si sono recate presso l’ente  – aggiungono da Idea Sviluppo  – chiedendo spiegazioni in merito e protocollando richieste scritte ma niente, nessuna risposta e atteggiamenti evasivi da parte di alcuni responsabili, tentando di  scaricare le responsabilità l’uno con l’altro. Cari amministratori, siamo nel 2019 e l’abbattimento delle barriere per la disabilità è la vera sfida per il futuro, ragionare in termini diversi significa tornare indietro nel tempo.  Le risposte devono essere celeri e rispettose per le famiglie.  La stagione dei funghi sta terminando, mentre i selfie aumentano dimenticando le priorità che un’amministratore deve avere».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Raccolta funghi, la Civita off limits ai disabili

TARQUINIA – Civita off limits ai disabili che non possono dedicarsi alla raccolta dei funghi con i famigliari. 
La denuncia arriva dal gruppo politico di Idea Sviluppo ormai in rotta di collisione con il presidente Sergio Borzacchi e i suoi fedelissimi, su tutto. «Siamo costretti ad intervenire ancora una volta sull’attività amministrativa dell’Università  Agraria di Tarquinia,- tuonano gli esponenti del gruppo che fa capo a Pietro Serafini –   non per alimentare una ulteriore polemica sui criteri gestionali poco trasparenti od in qualche modo insofferenti all’obbligo del confronto politico, che pure abbiamo dovuto constatare nell’ultimo periodo (vedi la questione bilancio, accesso  e trasparenza degli atti), ma per evidenziare un fatto di particolare gravità, censurabile non solo sotto il profilo amministrativo, ma soprattutto sotto l’aspetto umano e sociale».
Gli esponenti del gruppo Idea Sviluppo chiedono «se risponde a verità quanto affermato da alcuni utenti tarquiniesi». «Sembra – spiegano – che ai soggetti disabili sia di fatto impedito l’accesso per la raccolta di funghi ferlenghi sul Pianoro della Civita. Veniamo informati quotidianamente sui giornali delle varie iniziative del consigliere Alessandro Sacripanti, ormai noto in città per essere stato attivista di  quattro partiti in cinque mesi e del vicepresidente Alberto Tosoni, mai dimissionario ed ancora titolare della doppia carica di consigliere e vicepresidente, impedendo ad alcuni membri del suo stesso gruppo politico di poter fare una propria esperienza amministrativa. Niente di nuovo, comunque, visto che  in passato dei corsi di micologia non gratuiti, per la raccolta funghi ce ne sono sempre stati in abbondanza.  Ma la vera novità  di questa amministrazione, ed in particolare dei due amministratori, è l’intensificazione dei controlli.  Fin qui nulla di strano, anzi,  se non si determinasse la spiacevole conseguenza che i tarquiniesi  diversamente abili o con difficoltà motorie, dotati di permesso con invalidità al 100%, non possono entrare con la macchina al pianoro per recarsi alla raccolta funghi.  Viene in tal modo impedito il verificarsi di un momento  di  grande soddisfazione per i nostri ragazzi che aspettano per un anno intero, sperando ogni volta di emozionarsi, integrarsi, scaricarsi, vivere la nostra bellissima campagna con i famigliari». 
«Molte famiglie si sono recate presso l’ente  – aggiungono da Idea Sviluppo  – chiedendo spiegazioni in merito e protocollando richieste scritte ma niente, nessuna risposta e atteggiamenti evasivi da parte di alcuni responsabili, tentando di  scaricare le responsabilità l’uno con l’altro. Cari amministratori, siamo nel 2019 e l’abbattimento delle barriere per la disabilità è la vera sfida per il futuro, ragionare in termini diversi significa tornare indietro nel tempo.  Le risposte devono essere celeri e rispettose per le famiglie.  La stagione dei funghi sta terminando, mentre i selfie aumentano dimenticando le priorità che un’amministratore deve avere».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Invernale, buona la seconda

Un bel vento da terra di 12 nodi, un mare teso e liscio come una tavola, un bel sole inaspettatamente caldo. Questi i tre ingredienti che domenica hanno concorso ad una bellissima giornata di vela a Riva di Traiano, in occasione della tanto attesa ‘‘prima’’ dell’Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli. Dopo la delusione di 15 giorni fa, con le regate annullate per l’allerta meteo, questa volta la giornata è andata nel verso giusto, con due splendide prove disputate e la piena soddisfazione di tutti gli equipaggi. Nel briefing mattutino, il Direttore di Corsa Fabio Barrasso, aveva parlato di una giornata sperimentale nella quale fare il primo test per l’eventuale doppia regata, ma le condizioni meteo sono state tali che, una volta in acqua, si è proceduto ad effettuare senza indugi anche la seconda prova. 
«Il vento da NE ci ha regalato un mare piatto – ha commentato Fabio Barrasso – ma ci ha fatto allontanare da riva, per evitare problemi con la boa di bolina. Il vento mediamente è stato sui 12 nodi, con punte di 15, ma anche con piccoli cedimenti fino a 9 nodi. La direzione non è stata sempre regolarissima, e ci ha fatto lavorare un bel po’ in acqua».
Da questa prima giornata emerge senza dubbio lo Swan 45 Ulika di  Stefano Masi, che, dopo due prove, si posiziona in testa alla classifica generale Regata sia in IRC sia in ORC.
In IRC è seguito da Athyris & C, Grand Soleil 43B di Piergiorgio Nardis (vincitore della 1a prova) e dal  First 40 Sayann di Paolo Cavarocchi (vincitore della seconda prova).
In ORC Ulika ha vinto entrambe le prove, ed in classifica generale è seguito da Milù III, Mylius 14E55 di Andrea Pietrolucci (2-2) e dal già citato Athyris & C. (4-4).
In classe Crociera, inizia benissimo l’X362 Sport Soul Seeker, di Federico Galdi (2-1), seguito dal campione uscente Malandrina, First 36.7 di Roberto Padua (1-3) e dal Dufour 40 Fly Away 2 di Magliacani/Di Grazia (3-2).
In Gran Crociera due sole barche in acqua, con First Wave, First 405 di Guido Mancini, che si è aggiudicato entrambe le prove davanti al Sun Odyssey 37 Maia di Fausto Bolognese.
«Sono ancora molte le assenze dovute ai danni riportati per il maltempo delle scorse settimane –  commenta il presidente del CNRT Alessandro Farassino – a cominciare dai due reduci dalla Middle Sea Race, Libertine, Comet 45s di Marco Paolucci, e SirBiss, Sydney 39 di Giuliano Perego, per finire al mitico “giallone” Duende, Vismara 46 di Raffaele Giannetti, sempre tra i protagonisti vincenti dell’Invernale e non solo, seriamente danneggiato in porto dalla mareggiata del 30 ottobre scorso». 
Proprio a causa di queste defezioni, nei ‘‘per2’’ è sceso in acqua il solo Comfortina 42 Fair Lady Blue di Oscar Campagnola. 
Da segnalare anche la classifica in Regata 2: in IRC guida Canopo, GS 39.2 di Adriano Majolino, seguito da White Pearl, Sun Odissey 44i di Roberto Bonafede e da Vag 2, GS 40B di Alessandro Canova.
In ORC  sempre Canopo al comando, ma seguito da Tsunami, Canard 41MK2 di Matteo Ranucci e Laura Orslini, e da Tes, M37 di Tommaso di Nitto. 
Appuntamento per domenica 2 dicembre con la seconda giornata.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Biagio Antonacci, quando facevo il geometra

«La mia prima partita Iva? Era doppia, da professionista e da cantante. Al secondo disco andavo ancora in cantiere, al terzo mi davano più libertà negli orari, ma poi quell’estate mi licenziai»

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###