Casaleggio: �Bisogna investire per crescere altrimenti si viene spazzati via�

Il presidente di Rousseau: �Reddito di cittadinanza urgente e non � assistenzialismo�. �Abbiamo disegnato la mappa dei diritti digitali, che si arricchir� nel tempo�

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli pronto per l’SFF Atletico

È già iniziata la marcia sul Paglialunga di Fregene per i ragazzi di mister Bosco. Il Ladispoli, dopo l’1-4 incassato nella prima giornata dall’Avellino, si è ritrovato in settimana all’Angelo Sale per preparare la difficile gara contro l’SFF Atletico di domani alle 15 a Fregene al Paglialunga. Dopo il ko nella prima giornata il Ladispoli deve provare a strappare un risultato positivo per iniziare a muovere la classifica, anche perché in questo avvio il calendario non fa sconti. Bosco è ripartito dal 4-2-3-1 della scorsa stagione. Nell’undici iniziale de match contro l’Avellino le uniche novità sono state Gabriele Turco, che ha sostituito in difesa lo squalificato Salvato, e Francesco Cannizzo nel ruolo che fu di capitan Marvelli. Al di là delle due facce nuove, il Ladispoli disegnato da Bosco non è stato molto diverso da quella vista appena tre mesi fa. Ad attendere i rossoblu di certo ci sarà un team da sottovalutare: l’SFF Atletico presieduto in panchina da mister Raffaele Scudieri viene invece da un’importante vittoria ai danni del Latina, ottenuta nella ripresa grazie alla rete di D’Andrea, poi successivamente espulso. L’arbitro scelto per questa importante sfida viene dalla sezione di Casarano, si tratta di Andrea Rizzello e sarà assistito da Andrea Cravotta di Città di Castello ed Elia Tini Brunozzi di Foligno. Fischio d’inizio, per la seconda giornata di campionato, previsto domani per le ore 15.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli pronto per l’SFF Atletico

È già iniziata la marcia sul Paglialunga di Fregene per i ragazzi di mister Bosco. Il Ladispoli, dopo l’1-4 incassato nella prima giornata dall’Avellino, si è ritrovato in settimana all’Angelo Sale per preparare la difficile gara contro l’SFF Atletico di domani alle 15 a Fregene al Paglialunga. Dopo il ko nella prima giornata il Ladispoli deve provare a strappare un risultato positivo per iniziare a muovere la classifica, anche perché in questo avvio il calendario non fa sconti. Bosco è ripartito dal 4-2-3-1 della scorsa stagione. Nell’undici iniziale de match contro l’Avellino le uniche novità sono state Gabriele Turco, che ha sostituito in difesa lo squalificato Salvato, e Francesco Cannizzo nel ruolo che fu di capitan Marvelli. Al di là delle due facce nuove, il Ladispoli disegnato da Bosco non è stato molto diverso da quella vista appena tre mesi fa. Ad attendere i rossoblu di certo ci sarà un team da sottovalutare: l’SFF Atletico presieduto in panchina da mister Raffaele Scudieri viene invece da un’importante vittoria ai danni del Latina, ottenuta nella ripresa grazie alla rete di D’Andrea, poi successivamente espulso. L’arbitro scelto per questa importante sfida viene dalla sezione di Casarano, si tratta di Andrea Rizzello e sarà assistito da Andrea Cravotta di Città di Castello ed Elia Tini Brunozzi di Foligno. Fischio d’inizio, per la seconda giornata di campionato, previsto domani per le ore 15.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Conto alla rovescia per ‘‘Io pittore per caso’’ e la ‘‘Notte bianca dello Sport’’

TARQUINIA – Un pomeriggio ed una nottata ricchi di eventi e stimoli di vario tipo: questo sarà la Notte Bianca dello Sport che, assieme a Io Pittore per Caso, riempirà le piazze e le vie del centro storico di Tarquinia il prossimo sabato primo settembre.
Un programma vario, che coinvolgerà grandi e piccolini dalle 17 sino a tarda serata tra divertimento, sport, musica, creatività e colore.
Ai bambini, in particolare, saranno dedicati alcuni spazi ed alcune iniziative che possano stimolarli a cimentarsi con i vari aspetti dell’evento, senza mancare di divertirli. Sin dal pomeriggio, infatti, lungo corso Vittorio Emanuele potranno ricevere fogli bianchi e pennarelli e partecipare a Io Pittore per Caso #sportedition, disegnando il loro sport cartoon preferito. Sono tanti, infatti, i personaggi dei cartoni animati che – per personaggio, provenienza o vocazione – rappresentano ciascuno una differente disciplina sportiva: da Holly e Benji a Mila e Shiro, passando per Beep Beep, Robin Hood e tanti altri. In contemporanea, a piazza Cavour, gli adulti – da 14 anni in su – potranno cimentarsi con tele e pennelli nel tradizionale concorso di pittura estemporanea.Dopo aver disegnato, poi, per i bambini anche la possibilità di cimentarsi nei vari sport che saranno in piazza per la Notte Bianca. E chi girerà per Tarquinia cimentandosi nelle tante discipline proposte riceverà una scheda: girando nelle varie aree dell’evento e praticando le differenti discipline, potrà avere un timbro a testimonianza del suo livello di “supersportività”! Chi ne collezionerà almeno sei, riceverà l’attestato che certifica la sua qualifica di Supersportivo! Per riposarsi, infine, tutti sui gonfiabili, che saranno dislocati in vare aree della città e che, al solito, saranno fonte di risate e colore, oltre che imperdibile attrattiva per i bambini.Io Pittore per Caso #sportedition e la Notte Bianca dello Sport sono organizzati dall’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Tarquinia, Manuel Catini, dal delegato allo Sport, Stefano Zacchini, dall’Assessore alla Cultura e Spettacolo, Martina Tosoni, dal delegato al Commercio, Stefania Ziccardi, dal CONI – Comitato Regionale Lazio, dal Centro di Aggregazione Giovanile e dalla cooperativa Alicenova.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc: domani l'Ottavia per l'ultima amichevole precampionato

Ultima del girone agostano per la CPC2005, in quelle gare che non portano punti utili per la classifica ma che hanno, allo stesso tempo, disegnato l’assetto tecnico-tattico della fuoriserie affidata a Mister Caputo. Di fronte domani al Tamagnini, orario d’inizio alle ore 10, l’Ottavia. Duello che si ripete a distanza di poco, con i romani che hanno centrato alla fine della scorsa stagione  il traguardo dell’Eccellenza, e i portuali, con una campionato altalenante e senza lode, a dover rincorrere ancora il traguardo per un posto nel calcio che gli compete. L’uscita di ieri con il S. Marinella1947, seppur in campo ci fosse la Juniores, ha lasciato pochi enigmi e l’amaro in bocca per come si è consumata. Si poteva fare di più ma d’agosto va preso di mira soprattutto l’aspetto fisico, e quei novanta minuti, comunque sia andata, hanno lasciato nelle gambe dei partecipanti benzina utile per questo prossimo avvio di stagione. La vera CPC2005 si vedrà intorno alla quarta o quinta di campionato, assimilare lo stile di gioco, complice quell’intensità necessaria per attuarla, richiede tempo e freschezza mentale. Saranno da valutare le condizioni di alcuni giocatori e il relativo impiego, in fondo è un’amichevole e tra otto giorni si corre per vincere. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Moscherini: ''San Giorgio, avanti con la legge 28/80'' 

TARQUINIA – Entro il 10 agosto il passaggio in commissione urbanistica, convocata ad hoc, che acquisirà la legge regionale 28/80 e che permetterà di stoppare, subito, le demolizioni. Comprese le procedure già avviate. Poi,  nei tempi possibili, l’acquisizione del documento  in consiglio comunale. Perché la risoluzione del caos urbanistico di San Giorgio si ottiene “salvando tutti”,  e soprattutto attraverso il percorso delineato dalla legge 28/80 che riporta tutto in mano all’amministrazione comunale. 
Parola del consigliere comunale Gianni Moscherini che ieri mattina ha indetto una conferenza stampa per illustrare, anche alla presenza di alcuni consorziati,  che “stavolta si volta pagina”, dopo 50 anni di immobilismo incapacità.
Moscherini ha annunciato, dalle sale del ‘’Cantiere della nuova politica”, di essere in linea con il percorso che ha deciso di intraprendere l’amministrazione comunale per riportare ordine in una delle zone più belle del territorio di Tarquinia. L’iter procedurale su come affrontare il caso San Giorgio Moscherini lo ha infatti già discusso con il sindaco Pietro Mencarini e il segretario generale.
«Mi ero preoccupato molto in questi giorni –  ha detto – per le notizie diffuse circa il fatto che gli uffici comunali stanno mandando ai consorziati le lettere di acquisizioni e di demolizione; anche a coloro che hanno pagato il condono. Il sindaco però mi ha confortato, condividendo un’azione amministrativa che sarà risolutiva nel riportare tutto alla legalità, nell’ambito di un progetto urbanistico che risponderà a tutte le esigenze: turistiche, abitative, dei servizi». 
«Anche Mencarini – ha aggiunto il consigliere –  insieme al segretario generale, condivide con me  il fatto di dover procedere utilizzando la legge regionale 28/80 uni vero percorso per riportare tutto sul binario giusto. Anche perché la legge ci consente immediatamente di stoppare gli ordini di demolizione, e rimettere in mano tutta la vicenda  urbanistica al Comune. Perché il Comune ha il dovere di risolvere i problemi che ci sono nell’area e  che risalgono al 1964. La legge in questione stabilisce anche quali sono i benefici che i Comuni, applicando la norma, possono utilizzare  in via straordinaria per i cittadini». 
Moscherini non ha dubbi: «In quella legge è disegnato il percorso. Quindi, con il sindaco  e il segretario generale siamo perfettamente d’accordo; al punto che mi hanno comunicato che prima del 10 agosto si terrà una commissione urbanistica ad hoc, in Comune, dove si stabilirà questo percorso dell’utilizzo della legge 28/80.  La commissione voterà, cioè,  un documento di linea di indirizzo che sarà portato in consiglio comunale per essere votato, ci auguriamo, all’unanimità. Nel documento chiederò espressamente di raccomandare agli uffici comunali di stoppare immediatamente  le demolizioni, senza neanche aspettare il voto del consiglio comunale, che, comunque,  certificherà in maniera inequivocabile l’applicazione della legge». Per uscire dal caos per Moscherini serve anche procedere con un altro tassello: «Un altro passaggio fondamentale – ha detto il consigliere – è quello di chiudere i consorzi, che hanno contribuito a generare il caos. Qui bisogna ridisegnare quella che io in campagna elettorale ho definito come ‘’città giardino’’. Il Comune, riprendendo in mano tutta l a vicenda urbanistica, dovrà far fare un nuovo progetto, dove verranno tutelati i diritti di tutti, nessuno escluso. Tutti i problemi devono essere risolti: urbanisticamente, in tema di servizi e altro. Ringrazio il sindaco e il segretario generale per questa decisione che cambierà il volto di un’area importante di Tarquinia. I consorzi si mettano da una parte, non si occupino più di materie che attengono al Comune e ai professionisti ai quali l’amministrazione si affiderà per portare a termine l’obiettivo». «La legge 28/80 – ha voluto rimarcare Moscherini –  rimette in mano tutto al Comune, e i Consorzi non si infilino sulla questione urbanistica. I consorziati si devono allineare perché con l’applicazione della legge 28 si sana il diritto. Trovo questa novità da parte dell’amministrazione molto bella, che ridà una luce di speranza, anche ad  altri progetti». «In commissione – ha più volte rimarcato Moscherini –  farò inserire esplicitamente la dicitura che invita la commissione a sospendere qualunque procedura già avviata ai fini della demolizione. Da questo momento, pertanto, si apre un capitolo nuovo. Io sono favorevole  a questo iter e chiederò agli altri colleghi della minoranza  di sostenere questo percorso. Sarebbe importante che uscisse con un voto in commissione, e poi in consiglio, all’unanimità».
A margine della conferenza, gli interventi di alcuni consorziati che hanno sconfessato il presidente Lugni il quale, a loro dire, avrebbe assunto la decisione di ricorrere al Tar (senza tuttavia chiedere la sospensiva) contro la delibera di giunta, n13, che adotta la legge 28/80,  senza preventivamente  consultarsi con il consorzio che rappresenta. «Non trovo giusto che un presidente possa fare iniziative di questo tipo senza aver riunito preventivamente i consorziati in assemblea. Siamo esausti.  Io, come tutti, chiedo, in linea con l’amministrazione comunale e il consigliere Moscherini che venga immediatamente applicata la 28/80». 
 

VIDEO

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Buon viaggio Leo»

di GIULIANA OLZAI

CERVETERI – «Ora sappiamo che ogni volta basterà guardare il cielo, quel cielo che ci ha visti alzare tanti calici di festa per trovare te, pronto a brindare con noi e sostenerci. Quando cercheremo un senso a tutto questo anche se tutto questo un senso non ce l’ha, sappiamo che domani ci sarà lo stesso. Quel domani per te iniziato fra le braccia di Dio. Ciao caro Cocciò. Vogliamo ricordarti così. I tuoi amici per sempre». 
Con queste parole lette da una sua amica con la voce strozzata dal pianto è stato salutato dai suoi amici il ventenne Leonardo Ricci, per tutti Cocciò, sul sagrato della chiesa. Con l’anima che li teneva e si pensa li terrà sempre uniti. Il dolore in quel sagrato gremito e tra le navate della cattedrale, Santa Maria Maggiore, era palpabile tra la gente di ogni età, ma era come alleviato dalla volontà di quei ragazzi che lo sentivano fra di loro, che continuavano a sentirlo uno di loro e che hanno dato un senso a quel distacco. Un senso come lo si cerca in quella bellissima canzone di Vasco, che forse a lui piaceva tanto e che lo ha accompagnato all’uscita mentre i suoi amici, come a dire che non volevano lasciarlo, lo portavano a spalla e a spalla lo hanno portato fino alla sua nuova dimora, quella eterna, dove si rincontreranno per continuare a vivere lo stesso sogno, come era scritto in uno degli striscioni che avevano dislocato sulle mura antiche del sagrato. 
Centinaia di palloncini bianchi sono stati lanciati, quasi a scandire e a lasciare intatta la sua purezza che non muterà in questo viaggio, e si trova riscontro nei pensieri che gli hanno dedicato attraverso gli striscioni che hanno disegnato in forma spontanea la scenografia della sua vita: «Cocciò inarrestabile sei», «Coccio sei vivo», «Siamo solo noi», «Ogni volta che vien giorno, ogni volta che ritorno, ogni volta che cammino e… mi sembra di averti vicino», «Siamo solo noi»,  «Cocciò sei sempre con noi», «Sei per sempre». 
Di tanto calore e affetto sono stati avvolti i familiari, papà Amedeo, mamma Elsie e il fratello Ludovico. Un prato di fiori tra cui spiccavano le rose bianche è come se gli hanno segnato il futuro cammino. Una folla immensa, migliaia e migliaia di persone, tantissimi giovani in un pomeriggio assolato a dare l’ultimo saluto a Leo. La Santa Messa solenne è stata officiata dal parroco di Santa Maria Maggiore Don Gianni e l’omelia da Don Domenico, parroco di San Francesco d’Assisi di Cerenova. Presenti Don Valerio da Maccarese e Padre Giovanni, carmelitano, da Roma e Don Giorgio Rossi cerveterano arrivato da Rona. Presente in forma ufficiale il comune col confalone portato da due agenti della Polizia locale. Alla funzione funebre, molti i politici. Una folla immensa, silenziosa, commossa ha seguito in corteo quel feretro con sopra la maglia da calciatore, una delle grandi passioni di Leo che esercitava giocando nel Ladispoli, fino al cimitero nuovo dove verrà sepolto. Un addio iniziato alle 12 nella  camera ardente allestita al Policlinico Gemelli dove in tanti sono andati a vegliarlo, ma non certo finito con la cerimonia funebre di Cerveteri dove la partecipazione, la commozione dell’intera città farà in modo che Cocciò rimarrà vivo nel cuore di chi lo ha conosciuto e gli ha voluto bene per sempre e lo ha salutato con un «Buon viaggio Leo», tra gli applausi. 
Esemplare la compostezza dei genitori che hanno visto stringersi intorno a loro un’intera comunità. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Granfondo Mare e Monti incorona Di Marco e Petruccioli

Nel solco della tradizione, la Granfondo Mare e Monti è stata un’altra grandissima festa per tutti i partecipanti: più di 1000 sono stati i corridori che hanno preso parte alla gara organizzata dal Team Bike Race Mountain Civitavecchia, con 4 percorsi a disposizione degli atleti che hanno gareggiato. Una giornata molto calda ha fatto da sfondo alla bellissima cornice dell’Aquafelix, uno dei parchi acquatici più importanti d’Italia, che per il secondo anno consecutivo è stato sede di partenza e arrivo della Granfondo Mare e Monti, manifestazione valevole come tappa del circuito Prestigio di Mtb Magazine, del Circuito Mtb della Maremma Tosco Laziale e dell’Mtb Tour Toscana. 
La gara regina, la Marathon di 75 km per 2300 metri di dislivello, è stata dominata da Davide Di Marco (Race Mountain Folcarelli Team); il corridore ha iniziato la gara nel migliore dei modi, imponendo il proprio ritmo fin dalle prime pedalate. Solo Marco Zamparella (Sovac-Natura4ever) è riuscito a rimanere alla sua ruota. Il lungo duello si è risolto negli ultimi chilometri di gara, quando Di Marco è riuscito a staccare Zamparella in salita; il finale è stato un apoteosi per il corridore del Race Mountain Folcarelli Team, che si presenta tutto solo al traguardo con più di 6 minuti di vantaggio sul proprio diretto avversario. Il podio è completato da Alessio Gianni (Tutto Bike Team Roma), che ha ottenuto il terzo posto.  
Molto commovente, come al solito, è stata la cerimonia protocollare del podio che ha coinvolto i primi tre corridori assoluti; Davide Di Marco, che scrive il proprio nome per la quarta volta nell’albo d’oro della Granfondo Mare e Monti, è stato premiato dalla famiglia Casadio, presente al gran completo per commemorare l’amico del Team Bike Civitavecchia scomparso prematuramente sei anni fa. La gara, come di consueto, è stata infatti valevole come “Memorial Paolo Casadio”, in quanto ogni anno il Team vuole ricordare l’amico con una grande festa di ciclismo, proprio come piaceva a lui. Presenti alla cerimonia anche il sindaco di Tolfa Luigi Landi, il sindaco di Allumiere Antonio Pasquini, il vicesindaco di Civitavecchia Daniela Lucernoni e i titolari del parco acquatico Aquafelix. 
Tra le ragazze, il successo nella Marathon è andato a Monica Petruccioli (Gs Poppi) che ha superato Cristiana Lippi (Ciclissimo Team Bike) e Fabia Costantini (Team Bike Palombara).
Anche il percorso Granfondo, come quello Marathon, è stato apprezzato dai tanti corridori che hanno potuto pedalare tra il mare e i monti di Civitavecchia, Allumiere, Tolfa e Santa Marinella. Sul tracciato di 50 km c’è stata la doppietta della Ciclissimo Bike Team, con Andrea D’Oria che ha superato di oltre 10 minuti il compagno di squadra Giulio Orestano. Sul terzo gradino del podio sale Renzo Vestri (Mbm Le Querce). 
Francesca Buonfiglio (Bike Garage) si è invece imposta nella classifica femminile; il successo è arrivato per pochi secondi di vantaggio davanti a Beatrice Mistretta (New Bike 2008) e ad Eleonora Paggetti (Gs Pioppi). 
Molto apprezzato è stato il percorso Classic, proposto per la prima volta alla Granfondo Mare e Monti; Ludovico Cristini (team Bike Race Mountain Civitavecchia) si è imposto su questo tracciato davanti a Massimo Baldi (Vettoribike) e a Simone Ranfagni (Ciclissimo Bike). Tra le ragazze, vittoria per Fanny Malatesti (Grip Castelfiorentino) davanti a Nadia Bedendi (Gs Pioppi) e a Francesca Friscia (Grip Castelfiorentino). 
Tantissimi sono stati anche i corridori appartenenti alle categorie giovanili che si sono dati battaglia sul percorso di 18 km disegnato per loro. Nella categoria Esordienti si è imposto Federico Tonarelli (Giovo Team Torpado) davanti a Samuel Chiandussi (Doni 2004) e a Mirko Teloni (Team Tirreno Bike), mentre tra le ragazze Aurora Pallagrosi (Team Bike Race Mountain Civitavecchia) supera Valentina Gentili (Tuscia Bike). Tra gli Allievi, il migliore al traguardo è stato Manuel Moretti (Pratovecchio-Errepi) davanti ad Andrea Andreini (Mtb Castrum) e a Mattia Pietroni (Team Bike Race Mountain Civitavecchia); tra le ragazze vittoria per Anastasia Soavi (Giovo Team Torpado). Nella categoria ID2 si è imposto Daniele Peschi (Team Bike Race Mountain Civitavecchia). 
Come di consueto, la Granfondo Mare e Monti è stata anticipata, nella giornata di sabato, dalla gara per bambini per Giovanissimi da G1 a G6, oltre che dalla gara promozionale per bambini non ancora tesserati. La Granfondo Mare e Monti è stata quindi una due giorni di grande festa, nella quale hanno potuto pedalare grandi e piccini. Il Team Bike Race Mountain Civitavecchia intende ringraziare tutti i volontari, gli sponsor e i partner che hanno sostenuto la manifestazione. Seguirà nei prossimi giorni un comunicato stampa di ringraziamento per tutti i partner e per tutti coloro che hanno collaborato per la perfetta riuscita dell’evento.  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Una festa animata da oltre 150 bambini

Grande successo per la Mini Granfondo Mare e Monti, la gara valevole per il circuito Baby Cross Amici per la Bici del Comitato Regionale del Lazio della Federazione Ciclistica Italiana. La prova per bambini, che si è svolta nella mattinata del 2 giugno, ha fatto da preludio alla sesta edizione della Granfondo Mare e Monti – Memorial Paolo Casadio, la gara di mountain bike che vedrà al via più di 1000 partecipanti provenienti da tutta Italia. 
Sono stati oltre 150 i bambini che hanno animato la Mini Granfondo Mare e Monti, successo che è arrivato non solo dal punto di vista dei numeri ma anche dall’importanza che la gara rappresenta a Civitavecchia: “La nostra scuola per bambini ha iniziato la propria attività nel 2012 – spiega Vanessa Casati, presidentessa del Team Bike Race Mountain Civitavecchia – quindi per noi è sempre importante permettere ai bambini di gareggiare su un circuito da noi disegnato. Siamo molto felici che ci sia stata una risposta così importante e che sia stata una grandissima festa per tutti”. 
La gara per Giovanissimi da G1 a G6, anticipata da una gara promozionale aperta ai bambini non tesserati, si è svolta all’interno dell’Aquafelix di Civitavecchia, quartier generale della Granfondo Mare e Monti. Al termine della gara, è stato offerto a tutti il pranzo e si sono svolte le premiazioni che hanno coinvolto tutti i partecipanti. A ogni bambino è stata consegnata una busta contenente dei prodotti messi a disposizione dal negozio NaturaSì di Civitavecchia. Alla fine della cerimonia, tutti i bambini hanno potuto fare il bagno in una delle piscine dell’Aquafelix, il parco acquatico più grande del Centro Italia che aprirà la sua stagione balneare domenica prossima. 
La due giorni di festa proseguirà domani con la Granfondo Mare e Monti – Memorial Paolo Casadio: partenza alle ore 9:30 dall’Aquafelix e 4 percorsi a disposizione dei partecipanti.  
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Granondo Mare e Monti incorona Di Marco e Petruccioli

Nel solco della tradizione, la Granfondo Mare e Monti è stata un’altra grandissima festa per tutti i partecipanti: più di 1000 sono stati i corridori che hanno preso parte alla gara organizzata dal Team Bike Race Mountain Civitavecchia, con 4 percorsi a disposizione degli atleti che hanno gareggiato. Una giornata molto calda ha fatto da sfondo alla bellissima cornice dell’Aquafelix, uno dei parchi acquatici più importanti d’Italia, che per il secondo anno consecutivo è stato sede di partenza e arrivo della Granfondo Mare e Monti, manifestazione valevole come tappa del circuito Prestigio di Mtb Magazine, del Circuito Mtb della Maremma Tosco Laziale e dell’Mtb Tour Toscana. 
La gara regina, la Marathon di 75 km per 2300 metri di dislivello, è stata dominata da Davide Di Marco (Race Mountain Folcarelli Team); il corridore ha iniziato la gara nel migliore dei modi, imponendo il proprio ritmo fin dalle prime pedalate. Solo Marco Zamparella (Sovac-Natura4ever) è riuscito a rimanere alla sua ruota. Il lungo duello si è risolto negli ultimi chilometri di gara, quando Di Marco è riuscito a staccare Zamparella in salita; il finale è stato un apoteosi per il corridore del Race Mountain Folcarelli Team, che si presenta tutto solo al traguardo con più di 6 minuti di vantaggio sul proprio diretto avversario. Il podio è completato da Alessio Gianni (Tutto Bike Team Roma), che ha ottenuto il terzo posto.  
Molto commovente, come al solito, è stata la cerimonia protocollare del podio che ha coinvolto i primi tre corridori assoluti; Davide Di Marco, che scrive il proprio nome per la quarta volta nell’albo d’oro della Granfondo Mare e Monti, è stato premiato dalla famiglia Casadio, presente al gran completo per commemorare l’amico del Team Bike Civitavecchia scomparso prematuramente sei anni fa. La gara, come di consueto, è stata infatti valevole come “Memorial Paolo Casadio”, in quanto ogni anno il Team vuole ricordare l’amico con una grande festa di ciclismo, proprio come piaceva a lui. Presenti alla cerimonia anche il sindaco di Tolfa Luigi Landi, il sindaco di Allumiere Antonio Pasquini, il vicesindaco di Civitavecchia Daniela Lucernoni e i titolari del parco acquatico Aquafelix. 
Tra le ragazze, il successo nella Marathon è andato a Monica Petruccioli (Gs Poppi) che ha superato Cristiana Lippi (Ciclissimo Team Bike) e Fabia Costantini (Team Bike Palombara).
Anche il percorso Granfondo, come quello Marathon, è stato apprezzato dai tanti corridori che hanno potuto pedalare tra il mare e i monti di Civitavecchia, Allumiere, Tolfa e Santa Marinella. Sul tracciato di 50 km c’è stata la doppietta della Ciclissimo Bike Team, con Andrea D’Oria che ha superato di oltre 10 minuti il compagno di squadra Giulio Orestano. Sul terzo gradino del podio sale Renzo Vestri (Mbm Le Querce). 
Francesca Buonfiglio (Bike Garage) si è invece imposta nella classifica femminile; il successo è arrivato per pochi secondi di vantaggio davanti a Beatrice Mistretta (New Bike 2008) e ad Eleonora Paggetti (Gs Pioppi). 
Molto apprezzato è stato il percorso Classic, proposto per la prima volta alla Granfondo Mare e Monti; Ludovico Cristini (team Bike Race Mountain Civitavecchia) si è imposto su questo tracciato davanti a Massimo Baldi (Vettoribike) e a Simone Ranfagni (Ciclissimo Bike). Tra le ragazze, vittoria per Fanny Malatesti (Grip Castelfiorentino) davanti a Nadia Bedendi (Gs Pioppi) e a Francesca Friscia (Grip Castelfiorentino). 
Tantissimi sono stati anche i corridori appartenenti alle categorie giovanili che si sono dati battaglia sul percorso di 18 km disegnato per loro. Nella categoria Esordienti si è imposto Federico Tonarelli (Giovo Team Torpado) davanti a Samuel Chiandussi (Doni 2004) e a Mirko Teloni (Team Tirreno Bike), mentre tra le ragazze Aurora Pallagrosi (Team Bike Race Mountain Civitavecchia) supera Valentina Gentili (Tuscia Bike). Tra gli Allievi, il migliore al traguardo è stato Manuel Moretti (Pratovecchio-Errepi) davanti ad Andrea Andreini (Mtb Castrum) e a Mattia Pietroni (Team Bike Race Mountain Civitavecchia); tra le ragazze vittoria per Anastasia Soavi (Giovo Team Torpado). Nella categoria ID2 si è imposto Daniele Peschi (Team Bike Race Mountain Civitavecchia). 
Come di consueto, la Granfondo Mare e Monti è stata anticipata, nella giornata di sabato, dalla gara per bambini per Giovanissimi da G1 a G6, oltre che dalla gara promozionale per bambini non ancora tesserati. La Granfondo Mare e Monti è stata quindi una due giorni di grande festa, nella quale hanno potuto pedalare grandi e piccini. Il Team Bike Race Mountain Civitavecchia intende ringraziare tutti i volontari, gli sponsor e i partner che hanno sostenuto la manifestazione. Seguirà nei prossimi giorni un comunicato stampa di ringraziamento per tutti i partner e per tutti coloro che hanno collaborato per la perfetta riuscita dell’evento.  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###