Rotelli: ''Si approvi subito l’emendamento salva balneari'' 

TARQUINIA – Appello lanciato da Mauro Rotelli, deputato di Fratelli d’Italia, intervenuto alla manifestazione del Sib-Confcommercio a piazza Montecitorio accompagnato da una folta delegazione di deputati di FdI a difesa del prolungamento delle concessioni. «La maggioranza approvi il nostro emendamento alla legge di bilancio per dare certezze e futuro alle imprese balneari.  Fratelli d’Italia è stato l’unico partito a portare fino in fondo gli emendamenti alla Camera e a ripresentarli in Senato».  Esortazioni quindi da parte del deputato viterbese per tutelare le imprese balneari.
«Sono modifiche – spiega Rotelli – che vanno nella direzione che il governo ha più volte annunciato, quella di una lunga estensione delle concessioni in essere e di evidenze pubbliche per eventuali nuove aree da concedere. Lo strumento c’è ed è a disposizione di tutto il Parlamento ma il tempo sta per scadere.  Si approvi subito l’emendamento salva-balneari».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Banche, un ladro in casa" domani al Traiano

CIVITAVECCHIA – È stato presentato martedì a Montecitorio, presso la Camera dei Deputati, e andrà in scena domani sera alle 21 al teatro Traiano lo spettacolo “Banche – Un ladro in casa”, promosso dall'associazione Donne in Movimentoche ha voluto ringraziare il deputato Alessandro Battilocchio per l'ospitalità. 
“È importante – fferma il Deputato – dare spazio a iniziative di questo tipo, soprattutto alle associazioni e alle strutture di un territorio così importante e pieno di talento. Donne in Movimento è un’associazione che si è distinta nel tempo per iniziative di qualità a anzi la ringrazio per ciò che fa a livello sociale e di volontariato. Quest’ultima azione, non meno importante, tiene accesa la luce sulla vicenda che ha coinvolto ultimamente le banche e, nel caso di Civitavecchia in particolare, Banca Etruria. La speranza è che il Governo attuale porti avanti quanto promesso a tutela di queste persone, non rimanendo una promessa elettorale da diventando un fatto concreto su cui lavorare nel futuro"

“Vogliamo ringraziare l’onorevole Battilocchio – ha aggiunto Simona Galizia, Vicepresidente di Donne in Movimento – per l’opportunità che ci ha concesso e per la continua presenza sul territorio, che da sempre si fa sentire senza mai abbandonarlo, dote rara di questi tempi per un deputato. Voglio inoltre ringraziare la nostra associata Maria Luisa Russo, nella quale abbiamo avuto modo di scoprire un’importante risorsa che è stata in grado di organizzare da sola un evento di questa portata. Ringrazio inoltra anche chi ha reso possibile questo, come Cristina Belletti della Talent Company e Simonetta Travagliati della Obelix Academy, che apriranno e chiuderanno l’evento con balletti delle loro scuole di danza, nonché gli attori Fabrizio Coniglio, Stefano Masciarelli e Bebo Storti. Vorrei infine ringraziare anche una persona che si è battuta da sempre su questo problema, lottando sia sotto il profilo informativo e comunicativo sia sotto l’aspetto istituzionale e sarà presente come invitata all’evento: Letizia Giorgianni Come Associazione siamo su ogni singola battaglia e a disposizione del territorio e di chi ne ha bisogno e continueremo senz’altro a farlo anche nei prossimi eventi che organizzeremo". 

Un'associazione. come ricordato dal presidente Paola Simonetti, è formata da “piccole grandi donne” che lavorano per aiutare chi è in difficoltà. "Il lavoro e la progettualità dell’Associazione è stata riconosciuta anche dalla Regione Lazio, che ha finanziato con bandi pubblici due progetti sulla sensibilizzazione alla violenza di genere e sulla lotta a bullismo e cyberbullismo – ha sottolineato – entrambi realizzati all’interno delle scuole di Civitavecchia. Non possiamo che essere soddisfatti del lavoro svolto in quest’ultimo anno”. 

Protagonisti dello spettacolo Stefano Masciarelli e Fabrizio Coniglio. “Non nascondiamo – afferma Coniglio – che è stato difficile portare l’evento nei teatri, nato da una lunga ricerca in tutta Italia in cui sono stati intervistati personalmente le vittime truffate dalle banche. Non a caso il titolo nasce proprio da una definizione che è stata data ad una di queste vittime proprio da un dipendente della banca, a significare che i colsi, una volta persi, non possono essere più ripresi. In questi casi, purtroppo, si sente sempre parlare di grandi sistemi, come le banche o il sistema bancario, ma mai delle persone coinvolte. È il sistema che si prende i soldi e i sogni delle persone, il loro futuro e il sacrificio della loro vita passata. Le pressioni commerciali non fanno sconti neanche ai venditori stessi dei titoli bancari, spesso soggetti a veri e propri ricatti lavorativi. In tutto questo chi perde è il territorio e il popolo che con fatica arriva a fine mese, e lo dimostriamo sul palco proprio grazie ai panni che andiamo a vestire, che sia un fazzoletto, un cappello o una sciarpa”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Civitavecchia-Orte: grande partecipazione all'incontro di FdI

CIVITAVECCHIA – Una grande partecipazione ed un'attenzione particolare, a conferma dell'importanza della tematica e della necessità, oggi più che mai, di trovare una soluzione che sblocchi definitivamente un'opera giudicata strategica per tutto il territorio. 

Si è parlato infatti del completamento della superstrada Civitavecchia-Orte, ieri pomeriggio, presso la sede della Svolta, nel corso dell'incontro organizzato dal circolo territoriale “Giorgio Almirante” di Fratelli d’Italia. Ad intervenire il capogruppo in Regione Lazio di Fratelli d’Italia Fabrizio Ghera e il deputato del collegio di Viterbo, componente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, Mauro Rotelli, membro dell’esecutivo nazionale di Fratelli d’Italia. Gli interventi sono stati preceduti dall’introduzione di Paolo Iarlori, dirigente nazionale di Fratelli d’Italia e presidente del Circolo “Giorgio Almirante”, e di Massimiliano Grasso, capogruppo in consiglio comunale della Svolta. 

"Fratelli d’Italia – ha spiegato Iarlori – ha ribadito con forza la propria posizione di partito politico in prima linea per lo sviluppo ed il futuro dell’Italia, il cui rilancio passa necessariamente anche attraverso una politica di bilancio incentrata sugli investimenti e sulla realizzazione di importanti infrastrutture: dalla Tav alla rete viaria, dalla Tap al completamento della Civitavecchia – Orte, che riveste una grande importanza per Civitavecchia ed il suo porto ma anche per l’Etruria, Viterbo e la provincia di Terni. Un’opera pubblica il cui completamento è da tanti, troppi anni, atteso, ma che dista ormai solo 18 km dall’agognato traguardo finale".

Presente, oltre al coordinatore comunale di Fratelli d’Italia Raffaele Cacciapuoti, anche esponenti del circolo di Fratelli d’Italia della vicina Tarquinia e di Ladispoli, tra i quali il consigliere comunale Renzo Marchetti, "a confermare – hanno sottolineato dal circolo locale – il forte legame tra le comunità militanti del litorale a nord di Roma; tra i presenti anche il dirigente di Fratelli d’Italia Giuseppe Edoardo Flacchi ed autorevoli esponenti di alcune categorie produttive, come Stefano De Paolis della Coldiretti e Patrizio Loffarelli degli Autotrasportatori".

Mauro Rotelli ha illustrato con grande efficacia e competenza lo stato dell’arte della Civitavecchia-Orte e le prospettive di completamento dell’opera, che passano necessariamente dalla sentenza del Tar attesa per il 19 dicembre prossimo. "Fabrizio Ghera, con l’occasione, ha ripercorso le tappe della mozione di sfiducia promossa dal centrodestra contro il presidente del Lazio Nicola Zingaretti, discussa dal consiglio regionale sabato scorso – hanno aggiunto – la mozione, purtroppo, è stata respinta a causa delle assenze, addirittura, del voto contrario di quattro consiglieri regionali eletti in Forza Italia (Cartaginese ha votato incredibilmente contro e Ciacciarelli assente), nella Lega (Cavallaro) e di Pirozzi, già determinante per la vittoria del centrosinistra ed oggi clamorosamente stampella di Nicola Zingaretti.  Ancora una volta si è confermata la coerenza e la lealtà del gruppo consiliare di Fratelli d’Italia, che con Ghera, Righini e Colosimo ha proposto, sottoscritto e votato compattamente la mozione, confermandosi l’unica vera forza di opposizione al Pd ed al centrosinistra in Regione Lazio. Un sentito ringraziamento a tutti i relatori e, in particolare, a Fabrizio Ghera e Mauro Rotelli, ed all’amico Massimiliano Grasso per l’ospitalità nella sede de La Svolta, oltre che ai numerosi militanti, simpatizzanti e cittadini che hanno partecipato, con il consueto entusiasmo, a questa nostra nuova iniziativa. Nel corso della manifestazione sono state raccolte nuove firme alla petizione di Fratelli d’Italia contro il Global Compact ONU, sottoscritta nell’occasione anche dal consigliere comunale Massimiliano Grasso".

La raccolta firme proseguirà nei prossimi giorni nella sede di Fratelli d’Italia in via Carducci 30, aperta tutti i giorni, dal lunedì al venerdi, dalle 17.30 alle 19.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

M5S, caso dissidenti senza fine: la legittima difesa è il nuovo fronte di protesta

Una quindicina i deputati «inquieti». E non c’è solo l’ala ortodossa, fedele a Fico. Il leader Di Maio al lavoro per ricucire: un altro strappo lo indebolirebbe ulteriormente

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Passaggio ad Acea, per ora abbiamo schivato l'iceberg»

LADISPOLI – La gestione in house del servizio idrico è salvo. Almeno per ora. La Regione non procederà al commissariamento trascorso il 3 dicembre. Questo quanto emerso dall'incontro di ieri in Regione tra una delegazione dei Comuni che ad oggi non hanno ancora ceduto il servizio idrico all'Ato di pertinenza e l'assessore ai Lavori Pubblici della Pisana, Mauro Alessandri. «La Regione Lazio, che ha ricevuto a sua volta una richiesta da parte del Ministero dell'Ambiente di relazionare entro il 15 dicembre sullo stato di attuazione del servizio idrico nell'intera Regione, per ora si ''limiterà'' a recepire le osservazioni dei Comuni che non intendono aderire e ad inoltrarle al Ministero nell'ambito della rendicontazione richiesta». Annuncio che però non fa cessare il ''pericolo'' ma lo rimanda, almeno fino al prossimo anno. Tanto che da palazzo Falcone non si esclude ora la possibilità di andare a sensibilizzare sull'argomento direttamente il Ministero competente. Se è infatti vero che, al momento la nuova legge sull'acqua pubblica prevede delle ''eccezioni'' per la gestione in house, come ad esempio i comuni montani sotto i 5mila abitanti, e Ladispoli non è certamente una di queste realtà; è anche vero che proprio in questi giorni alla Commissione VIII della Camera dei Deputati si stanno svolgendo delle audizioni informali con i vari rappresentanti istituzionali a più livelli delle varie realtà italiane. E tra queste, pochi giorni fa, c'era anche Ladispoli, che ha spiegato ai membri della Commissione, con una relazione molto dettagliata, i motivi per i quali la città non intende cedere il servizio idrico cittadino all'Ato di pertinenza, chiedendo dunque che realtà come la sua, possano essere tenute in considerazione all'atto del perfezionamento della legge stessa. Mentre dunque da palazzo Falcone, nelle prossime settimane si continuerà a lavorare per cercare di sensibilizzare anche il Ministero su questa vicenda, auspicando che non si proceda, una volta recepite le osservazioni inviate dalla Regione, al Commissariamento dei Comuni che ancora gestiscono in house il servizio, almeno fino all'approvazione della nuova legge; il sindaco Grando ha voluto ringraziare tutti gli esponenti politici locali e non che in questi mesi si sono rimboccati le maniche su questa vicenda: «Lega, Partito democratico, Movimento 5 Stelle, Fratelli d'Italia. A Ladispoli tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione, tranne rare eccezioni, si sono dati da fare per trovare una soluzione. A loro va il mio personale ringraziamento e quello di tutta la città, nonché il plauso per aver messo da parte l'appartenenza politica per risolvere un problema comune. Un ringraziamento particolare lo rivolgo inoltre alla Consigliera regionale Roberta Angelilli, da sempre schierata al nostro fianco in questa battaglia, al Consigliere regionale Emiliano Minnucci che si è speso in prima persona per trovare una soluzione e all’Assessore Mauro Alessandri che si è dimostrato una persona seria e responsabile. Continueremo a seguire con molta attenzione l’iter della nuova legge sull’acqua pubblica allo studio dell’VIII Commissione della Camera dei Deputati, alla quale abbiamo chiesto di prevedere nel nuovo testo la salvaguardia delle gestioni virtuose del servizio idrico integrato come quella di Ladispoli».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«L'acqua pubblica non si difende stando alla finestra»

LADISPOLI – «La stalla è stata chiusa dopo la fuga dei buoi». Inizia così la nota del Movimento civico Ladispoli Città sul tema acqua pubblica. Già in precedenza, all'arrivo dell'ultimatum da parte dell'assessore Alessandri di cedere il servizio idrico ad Acea Ato2 entro e non oltre il 3 dicembre, i consiglieri Trani e Palermo, rappresentanti del Movimento Civico Ladispoli Città erano intervenuti sull'argomento bacchettando l'amministrazione di «inerzia» (con il consigliere Trani peraltro presente all'incontro del 20 ottobre scorso in Regione all'audizione congiunta delle Commissioni Tutela del Territorio e Agricoltura e Ambiente). E ora, all'indomani dell'audizione alla Commissione VIII della Camera dei Deputati dove il sindaco Grando e il delegato al servizio idrico Filippo Moretti hanno illustrato la gestione in house del servizio idrico della città, tornano alla carica contro l'amministrazione. «C'è da scommetterci: ''ne sentiremo delle belle'', in questo rimbalzo di responsabilità tra Regione Lazio ed enti locali, uno scaricabarile che porterà solo al risultato di avere, in un comune come Ladispoli, un'acqua più cara, una manutenzione scarsa, livelli occupazionali messi in discussione e, su tutto, la messa in crisi della tenuta della partecipata Flavia Servizi». Per i due consiglieri di minoranza che di fatto, mentre c'è chi ancora lotta contro il passaggio al servizio idrico in tutte le sedi competenti in materia (dalla Camera dei Deputati ieri, alla Regione Lazio lunedì con tanto di invito da parte degli amministratori alla città di protestare sotto la Pisana per far sentire la propria voce mentre negli uffici regionali si discuterà ancora dell'argomento) il servizio idrico è già consegnato ad Acea. Ma a ricordare ai consiglieri di minoranza che la guerra non è ancora finita è il consigliere delegato al servizio idrico Filippo Moretti: «Di solito, quanto più grande è l’incapacità ad agire tanto più grande è l’abilità di parlare a sproposito.  E’ questo il caso dei consigliere Trani che, dimenticato da tutti per le sue impalpabili capacità di assessore nell’ultimo quinquennio della gestione Paliotta, non perde occasione per dispensare consigli su problemi che lui non ha affrontato, né risolto quando era chiamato a farlo.  La cosa più preoccupante però è che, dopo il suo nullo apporto a livello regionale sulla questione acqua pubblica, ora cerca di speculare sulle possibili responsabilità dell’ipotetico passaggio del nostro servizio idrico ad Acea. Un comportamento sconsiderato, proprio nel momento in cui è massima la mobilitazione di tutte forze politiche per convincere consiglio e giunta regionale che Ladispoli è una realtà virtuosa e non va toccata. Ognuno di noi sta facendo il massimo, senza distinzione di colore, adoperandosi a tutti i livelli affinchè venga riconosciuta a Ladispoli la propria autonomia gestionale. E’ di ieri un’audizione parlamentare nella quale insieme al sindaco Grando abbiamo presentato alla commissione VIII Ambiente le nostre proposte di modifica alla nuova legge sull’acqua pubblica che dovrà essere approvata a breve. Abbiamo ricevuto grande consenso per il lavoro svolto e comprensione per la nostra situazione, esattamente il contrario di quanto sta avvenendo a livello regionale dove, è bene ricordarlo, governano proprio quelli che il consigliere Trani considera suoi referenti politici. Dunque per chiarire bene la situazione a chi non lo avesse capito ora il quadro è questo: mentre l’amministrazione di Ladispoli, capofila di circa 20 comuni del Lazio, si sta adoperando in tutte le sedi per scongiurare il passaggio del nostro servizio idrico sotto Acea, in regione una guerra tra bande, tutta interna al centrosinistra, mette a repentaglio la nostra autonomia gestionale. In questo panorama  due consiglieri di Ladispoli, Trani (la mente) e Palermo, che fino ad ora non hanno fatto nulla perché politicamente sono di scarso peso, commentano lo spettacolo stando affacciati alla finestra come le comari di paese». 
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Acqua, dalla Pisana incontro posticipato: pronti alla mobilitazione

LADISPOLI – Mentre il Parlmento continua a incontrare le varie realtà italiane per mettere a punto la nuova legge sull'acqua pubblica, alla Regione si procede di rinvio a rinvio. Tanto che ora si rischia di vanificare il duro lavoro effettuato dalle varie amministrazioni comunali che ad oggi non hanno ancora ceduto il servizio idrico all'Ato di competenza. L'incontro di oggi in Commissione Tutela del Territorio e Agricoltura e Ambiente non ci sarà. Incontro voluto proprio dalle due Commissioni che già la settimana scorsa si sarebbero potute pronunciare sul documento messo a punto dalle amministrazioni comunali, con Ladispoli capofila di questa battaglia. In quell'occasione alcuni rappresentanti della Commissione hanno infatti chiesto un rinvio della seduta per apportare qualche modifica al documento, senza andarne ad intaccare il cuore (come la richiesta della moratoria e l'istituzione di un tavolo tecnico regionale tra amministrazioni comunali e Pisana) del documento stesso. E l'appuntamento era stato rinviato proprio a questo pomeriggio. Ma nel giro di poche ore ai Comuni interessati sono giunte ben due nuove date. Nella prima, la Regione aveva posticipato tutto a domani. A stretta posta di giro un'altra comunicazione: tutto rinviato a lunedì mattina. Il 3 dicembre per l'apppunto. Giorno in cui l'ultimatum inviato dall'assessore ai Lavori Pubblici della Pisana, Mauro Alessandri, scadrà. L'Assessore nella lettera inviata alle amministrazioni comunali ad ottobre scorso aveva esplicitamente affermato che o i Comuni procedevano da soli a entrare nell'Ato di pertinenza oppure sarebbero stati commissariati. Il tutto entro il 3 dicembre prossimo. Una vera e propria corsa contro il tempo con le amministrazioni comunali e vari schieramenti politici pronti alla battaglia e alla mobilitazione per contrastare questa decisione. Tra questi anche diversi esponenti del Partito democratico non solo locale (che aveva subito bacchettato l'assessore Alessandri per la comunicazione inviata al sindaco Grando) ma anche, come Minnucci e Tidei (come ricordato durante lo scorso consiglio comunale dal primo cittadino ladispolano) avevano chiaramente espresso la loro vicinanza alle amministrazioni comunali che ad oggi si stanno ancora battendo per non cedere il servizio idrico all'Ato. Battaglia, quelle delle amministrazioni comunali che peraltro erano state condivise anche dalle Commissioni regionali che lo scorso 20 ottobre all'unanimità avevano espresso parere favorevole alla presentazione di un documento con la richiesta di moratoria alla Giunta comunale che i consiglieri avrebbero dovuto approvare già lo scorso 20 novembre, avendo avuto svariate settimane di tempo per leggerlo e confrontarsi con gli enti comunali per qualche eventuale modifica. Un rinvio dietro l'altro che ora rischiano di mettere a rischio il lavoro svolto dagli amministratori locali con un appuntamento posticipato ancora al 3 dicembre  (peraltro dopo le elezioni del segretario regionale del Pd). Situazione che ora l'amministrazione ladispolana non intende accettare: "E' inammissibile – ha tuonato il consigliere delegato al servizio idrico Filippo Moretti – Una risoluzione che dai comuni per il tramite della Commissione deve arrivare sul tavolo della Giunta regionale non può essere posticipata fino al giorno della scadenza. Questo vuol dire non tenere conto delle esigenze del territorio". E per lunedì ora l'amministrazione punta alla mobilitazione collettiva: "Invitiamo tutti i cittadini a presentarsi sotto la Regione per far sentire la loro voce". Un vero e proprio "schiaffo" che arriva all'indomani, peraltro, dell'audizione informale alla Commissione VIII della Camera dei Deputati, dove il sindaco Grando ha illustrato un'analisi dettagliata della situazione relativa al servizio idrico toccando punto dopo punto ogni singolo aspetto della nuova legge che il Governo si appresta ad approvare. Analisi all'interno della quale sono stati illustrati passo dopo passo tutti i benefici e punti di forza del ''sistema in house''. E ad apprezzare l'illustrazione sono stati tutti i componenti della Commissione che hanno elogiato il lavoro svolto dall'amministrazione comunale ladispolana: "Ladispoli – hanno detto – ha dimostrato di voler proseguire la sua gestione in house". Situazione di cui sicuramente si terrà conto nel testo legislativo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###